Piccolo potpourri

Buongiorno   carissimi.   Oggi,   voglio   lasciarvi   in   compagnia   di   una   lettera   d’  amore,   una   poesia,   un   dipinto  e   accompagnarvi   per   mano,   facendovi   sognare ,  in   un   paese   che   sarebbe   forse   scomparso   per   l’ abbandono   di   tanti   suoi   giovani,    trasferitisi   per   lavoro   o   studio,   se   due   fratelli   col   loro   cugino   non   avessero   avuto   nel   2017   l’  idea   di   trasformarlo   ,   attraverso   murales   colorati,   nel   ”   paese   delle   fiabe   ”  :  Sant’ Angelo   di   Roccalvecce   in provincia   di   Viterbo,   poco   distante   dalla   famosa   Civita   di   Bagnoregio.  

Attraverso   foto   di   questo   paese,   rivivrete   l’  atmosfera   giusta   per   tornare   piccini.   Penso   che   oggi,   con   tutte   le   difficoltà   da   affrontare ,   possiamo   permetterci   di   dimenticarle   per   un   po’   sognando.   Non   siete   forse   d’   accordo   con   me   ?   Allora   si   comincia,   immergetevi   prima   nella   lettura   e   poi…

 

LETTERA   D’  AMORE

 

Visualizza immagine di origine

http://www.teoma.co.it

 

Come   sei   lontano   amore   mio.   Sei   partito   solo   da   pochi   giorni   e   già   mi   manchi,   terribilmente.  Vorrei   che   le   notti ,   senza   stelle,   non   mi   mettessero   troppa   paura.   E   invece   tremo   a   star   sola,   senza   te  .    Sarà   stata   la   pioggia   di   questi   giorni   a   mettermi   malinconia ,   ma   sapessi   che   vuoto   hai   lasciato.

Ogni   notte   chiudo   gli   occhi   per   vedere   te,   immaginandoti   qui   sdraiato ,  abbandonato   sul   cuscino,  io,   rannicchiata   tra   le   tue   braccia   a   cercare   le   uniche   labbra    che   voglio   e   so   baciare.   Mi   piace   la   nostra   intimità,    quello   stare   soli,   stretti,   anche   senza   parlare,   anche   senza   fare   all’ amore.   Mi   sento   sicura   con   te   al   mio   fianco,   e   più   posso   guardarti   mentre   piano   ti   addormenti,   confondendo   il   tuo   respiro   col   mio,   più   ti   amo,   con   dolcezza,   con   tenerezza.  

Anche   oggi   fuori   piove,   piccole   gocce   continue   imperlano   i   vetri.   Mette   una   tristezza    la   pioggia,   dovrei   uscire   ma   non   ne   ho   voglia.   Forse   più   tardi.   Preferisco   rimanere   qui   a   scriverti,  è   come   se   tu   mi   fossi   accanto ,   ti   sento   vicino.   Finirà   presto   questo   nostro   star   lontani ,   vedrai.

Aspetto   trepida   il   tuo   ritorno.   Stringerti   a   me   di   nuovo,   sarà   la   gioia   più   grande.   Ci   ameremo   fino   al   mattino.

Sono   qui,    caro,   torna

Sempre   tua   

Cristina

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   canzone   di   Giusy   Ferreri   ” Voglio   te ”

 

CHI   ERI   IN   REALTA’  ?

Visualizza immagine di origine

iltermopolio.com

 

Non   ho   risposta

e

non   mi   manca
quello   che   mostravi
di   essere,
mi   manca   quello
che   pensavo
tu   fossi.
Mi    sono   sbagliata,
ho   amato
un’  altra   persona ,
quella
che   non   eri   tu.
Che   delusione
per   me
comprendere
questo.
Quanto   voler  
apparire
in   te,
senza   in   realtà
essere.
E   io   stupida,
caduta
nel   tranello
di   una   sembianza
che   solo   
nella   mia   mente
esisteva.
A   ripensarci ,
avrebbe   potuto
essere  
un   grande   amore
il   nostro,
se   la   menzogna
non   avesse   avuto
il   sopravvento.
Ora
sono   qui
senza   te,
ho   aperto
gli   occhi,
rifuggo
ogni   meschinità,
ogni   falsità.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questo   quadro ,  dove   Arianna   osserva   intorno   a   lei   la   natura   durante   una   gita ,   è   del   nonno   pittore ,  che   lo   ha   dipinto ,  riprendendo   il   tutto   dalla   foto   da   lui   scattata   alla   nipotina   durante   una   gita,   questa   estate.

 

E   ora   abbandoniamoci   al   sogno…

 

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea  Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto  di Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

Penso    che    avrete   riconosciuto   ”  Pinocchio  ”,   ”  La   piccola   fiammiferaia”,   ”   Peter   Pan   ”.   Un   mondo   fatato   che   sembra   davvero   a   portata   di   mano.   Un ‘   immersione   che   vale   la   pena   fare.   Ed   ora   qualche   scorcio   anche   di   Civita   di   Bagnoregio

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

E   qualche   micetto   senza   mascherina

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

 

Un   saluto   dal   fotografo

 

Alla   prossima   miei   cari.   Passate   una   buona   giornata   di   sole.

 

Qui, davanti al mare

Visualizza immagine di origine

Il   viandante   sul   mare   di   nebbia   –   Caspar   David   Friedrich

 

Qui,

su   questi

scogli,

son   giunto

a   rimirar

del   mare

l’ immensità.

Spazia

oltre   l’orizzonte

il   guardo

mentre   dell’ onde

ascolto

il   canto.

Il   vento

forte   fischia.

Son   solo,

eppur

abbracciar   

mi   sento…

Una   strana   quiete

mi   prende…

”  così   tra   questa   

immensità   s’   annega

il   pensier   mio  ”

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Incipit   in   neretto   da   ”   L’ infinito  ”   di   Giacomo   Leopardi

 

 

 

 

Siamo in autunno

Visualizza immagine di origine

Siamo   in   autunno.
Ieri ,
per   caso ,
me   ne   sono
accorta.
Folate
di   vento
improvvise,
impetuose,
han   fatto
cadere ,
come   pioggia
a   raffica ,
ricci
di   castagne
matte,
grosse
ciascuna  ,
come
una   pallina
da   tenere ,
nel   dorso
di   una   mano.
Alcune
son   cadute
su   ignare
macchine
in   sosta
ammaccandole.
Altre ,
impattando
con   l’ asfalto,
o   finendo
sul   marciapiede,
si   sono   aperte
a   metà.
Castagne   matte,
figlie
di   verdi ,
grandi
ippocastani,
tutti    allineati
lungo
il   viale ,
in   compagnia
di   platani
e   tigli.
Come   volavano
le   foglie   rossicce,
verdi,   marroni,
e   io  ,
in   mezzo
al   loro
turbinio,
ho   riconosciuto
allora
l’  autunno.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

IL   BRUSIO   DELLA  VITA

 

 

Cos’è
questo   strano
rumore
che    sento…
E’   come
un   agitarsi
tra   le   fronde,
strani   bisbigli
incrociati.
Cammino ,
e   poco   distante,
avverto
il   ruscello
mormorare,
gli   uccelli
svolazzare
sopra   di   me,
lassù,
il   vento
che   piano,
come   una   carezza,
agita
le   foglie.
Laggiù
uno   scoiattolo
schiaccia
una   noce.
Sui   rami
più   alti
degli   alberi ,
cinguettano
in   coro
il   merlo ,
assieme
alla   ghiandaia
e   allo   scricciolo.
Più   in   là
un   picchio
prepara
la   sua   casa,
battendo   la   corteccia.
Mi   giro ,
e   ovunque
nel   bosco
ascolto
quel   rumore…
Sì,
ora   so   cos’è…
è   il   brusio   della   vita.

 

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   63

Ispirandomi   a   questo   verso   ”   E’    un   brusio   la   vita  ”   di   Pier   Paolo   Pasolini   tratto   dalla   poesia   ”  Me   ne   vado,   ti   lascio   nella   sera  ”

 

Visto   che   piove   a   dirotto   ho   pensato   che   avreste   gradito   quest’ atmosfera,   rispetto   al   post   precedente ,   più   consona   al   momento.   Buona    giornata   a   tutti   comunque,   anche  sotto   la   pioggia

La   vostra   Isabella

Dedica ad una terra che amo

Anche   se   siamo   già   ad   ottobre   parliamo   ancora   d’  estate…

Visualizza immagine di origine

fotocommunity.it      campagna   pugliese

 

 

Visualizza immagine di origine

salento.it

 

 

Masseria   Narducci   –   foto   booking.com

 

Vorrei  

di   te

poter  

raccontare

il   colore  

d’estate

che  

ti   tramuta

in   perla   rara.

Vorrei  

di   te

parlare,

regalando  

l’immagine

perfetta

di   quello  

che   sei.

Terra  

di   Puglia,

che    con   le   mani

raccolgo,

quando  

in   campagna

tra   secolari   ulivi

m’ attardo.

Bisbiglii  

di   uccelli,

canti   che

si   perdono  

sommessi

tra     

rami  

d’alberi

di   antica  

memoria.

Il   vento  

viene

dal   mare,

smuove  

cespugli,

gli   oleandri  

in   fiore,

mentre  

i   muretti  

a   secco,

si   fan   bollenti,

quando  

il   sole 

di   mezzogiorno

raggiunge

il   punto  

più   alto.

Intanto

d’ intorno    

profumi  

deliziosi

si   perdono  

nell’ aria.

Fiori  

di   mandorlo,

frutta   odorosa,

fico  selvatico,

miele   d’  arancia.

E   com’ è   dolce

poter   godere

dell’  aria   salentina

al   riparo

del   bianco 

porticato

della   masseria,

mentre   un  cielo

pieno   di   stelle

illumina

la   mia   sera.

 

Isabella   Scotti   settembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Addio a Juliette Greco

Con   lei   posso   solo   dire   che   si   chiude   un   cerchio.   Che   con   lei   muore   l’ ultima   delle   regine   vere   della   musica   francese.   Che   la   sua   dolce   voce   sensuale,   che   la   sua   classe,   che   il   suo   stile,   che   i   suoi   abiti   lunghi   neri   che   fasciavano   la   sua   figura   di   ex   danzatrice,   resteranno   nella   memoria   di   chi   l’ ha   amata   come   me.   Una   grande   interprete,   una   donna   che   non   ha   mai   dato   scandalo.   Le   sue   canzoni,   di   autori   famosi   e   amici   personali   come   Queineau,   Sartre,   Prevèrt,   rimarranno   nel   cuore   di   chi   ha   vissuto   gli   anni   del   periodo   esistenzialista   francese,    ascoltando   con   lei   anche   tanti   altri   grandi   interpreti   come   Jacquel   Brel   ,  Yves   Montand  ,  Leo   Ferrè.   Si   è   spenta   a   Ramatuelle,   pensate   un   po’,   dove   sono   stata   nell’  estate   del   2019,   a   cui   ho   dedicato   un   post   che   se   volete,   potete   leggere   qui

https://isabellascotti.wordpress.com/2019/05/03/ramatuelle//

 

Chissà   se   verrà   sepolta   nel   cimitero   del   paese,   là   dove   già   dimora   Gerard   Philipe.   Se   si,   lì   tornando ,    pregherei   di   nuovo   per   Gerard   e   per   lei,   la   prima   volta.   Riposa   in   pace   Juliette .

 

 

 

 

 

 

 

Risultato immagine per paris canaille juliette greco

 

 

Ricordando l’ estate e salutando settembre

Foto   Andrea   Romani

Umbria-   foto   Andrea   Romani

 

L’afa   assale   la   terra   già   all’alba.

Sembra   che   nasca   anche   dal   suolo   e   bruci

l’aria   e   l’asfalto   delle   vie   che   si   scioglie

come   liquirizia,   e   manda   odore   d’arsura

dovunque   e   verso   il   cielo   non   più   azzurro.

Intorno,   a   perdita   d’occhio,   è   tutto   secco,

e   l’erba   sulle   scarpate   e   lungo   i   fossi

aspetta   solo   una   scintilla   dalla   pietra

ustoria   per   incendiare   la   pianura.

Anche   il   rivo   delle   lavandaie

che   d’inverno   straripa   e   allaga   gli   orti,

ora   è   asciutto   e   mostra   il   greto   nudo,

desolato   e   osceno   come   un   vecchio   sesso.

Così   la   canicola   consuma

il   cuore   invisibile   dei   giorni

e   il   paesaggio   fino   all’orizzonte,

dove   il   sole   accecante   crea   i   suoi   miraggi.

Nella   distesa   dei   campi   mietuti

resiste   soltanto   la   gentiana   verna, ( * )

il   piccolo   fiore   azzurro   delle   stoppie.

Morirà   nel  suo   mare   d’oro   con   l’estate

sola   con   se   stessa   come   visse,

sotto   il   cielo   nuovo   delle   piogge.

 

Antonio   Seccareccia    (da  ” La  Memoria   Ferita ” )

 

La genzianella di primavera o genziana primaticcia (Gentiana verna )   è   una   pianta   perenne   appartenente   alla   famiglia   delle   Gentianaceae   diffusa   in   Eurasia   e   Nordafrica  .   Il   nome   del   genere   Gentiana ,  deriva   da   Gentius,   re   dell’   Illiria,   a   cui   tale   pianta   è   dedicata,   essendo   stato   il   primo   ad   utilizzarla   a   scopo   medicinale.   L’   aggettivo   latino   verna,   significa   ”  primaverile  ”  

Wikipedia

 

Acrostico   –   Settembre

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani  –    Fonti   del   Clitunno   –  Umbria

 

S   on   ricordi  indelebili  e   tristi  quelli   che   restano   di   una

E   state  passata

T   ra   speranze  e

T   anta  angoscia

E    ora   che   nonostante   tutto ,  giunto   è   questo   nuovo

M   ese    ricco   di   date   per   me   importanti

B   ramo   che   un   po’   di   quiete

R    aggiunga   il   mio   cuore

E    ad   essa   mi   possa   abbandonare

 

Isabella   Scotti   settembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Il tempo è galantuomo… dicono

Dolomiti    –     foto   Andrea   Romani

 

Incerta,

a   fatica ,

 proseguo  

il    cammino ,

altro   non

posso   fare.

Lascio

che   il   vento

asciughi

le   mie   lacrime

una   ad   una,

ma   subito  

riscendono  

copiose ,

senza   freno ,

mentre

affondano

nel   mare

dell’  assurdo

tutti   i   miei   perché.

M‘ interrogo,

non   ho   risposte,

vorrei   capire

ma   non  c’ è   modo

di  trovare   spiegazione.

E   allora

ogni   giorno

diventa   uguale

all’  altro.

Fintanto

che   la   spada

che   trafigge  

il   mio   cuore,

non   cadrà,

circolerò

ombra

di   me   stessa,

facile   preda,

ancora   una   volta,

di   un   dolore

che   spezza

le   gambe.

 

 

Isabella   Scotti      11   settembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Caro   Ricky   è    già   passato   un   mese   senza   te.    Ci   hai   lasciato  così   in   fretta   che   ancora   ci   guardiamo   attorno   senza   capire.   Ma   in   fondo   nulla   c’è   da   comprendere,   solo   accettare.   Sei   in   noi   sempre   e   per   sempre,   sei   assenza   diventata   presenza   continua.   Oggi   ricordare   quel   giorno   d’  agosto   fa   male,   troppo   male.   Aspetto   che   il   tempo   ci   dia   una   mano,   che   ci   aiuti   a   sopportare   il   fatto   di   non   vederti   più,   di   non   poter   più  ridere   con   te .   Dicono   che   il   tempo   sia   galantuomo,   che   medica   ogni   cosa ,   che   in   fondo   bisogna   solo   attendere.   Voglio   crederlo,   anche   se   sono   sicura   che   lunga   sarà   l’  attesa.

 

 

 

Questa   canzone   ti   ha  accompagnato   mentre   i   tuoi   amici   ti   portavano   sulle   spalle   per   farti   fare   ”  meta  ”   un’ ultima   volta  .  Te   la   dedico   di   nuovo.   Con   tanto   amore

tua   zia   Isabella

 

Quando   Ricky   se   n’è  andato   ho   già   detto   di   quanta   gente   sia   venuta   al   suo   funerale.   Tanti ,   di   quella   gente,   erano   suoi   amici   rugbisti,   colleghi   sportivi ,   e   amici   di   sempre.   Mio   fratello   li   ha   voluti   ringraziare   con   queste   parole   che   voglio   farvi   conoscere.   Lo   faccio   ora  ,   a   distanza   di  un   mese,   perché   la   troppa   emozione,   il   troppo   dolore   non   mi   hanno   permesso   di   farlo   prima.   Ecco   le   sue   parole

 

Cari amici di Riccardo, cari amici del Rugby,  non so come potrete comunicarlo agli altri, qui siete voi gli specialisti, ma volevo trasmettere un mio ringraziamento proprio a tutti voi.
Grazie perché non vi siete fermati alle parole, ma avete prodotto fatti tangibili, manifestando al di fuori, quello che era nel vostro cuore.
Qualcosa che ho sempre voluto trasferire a Riccardo: impegnarsi per gli altri, credere nell’amicizia senza secondi fini, senza la ricerca di alcun tornaconto ma mettendo al primo posto la lealtà, l’onore, l’amicizia, il cuore, ma anche l’organizzazione, l’impegno e la tenacia nel conseguire e realizzare un progetto.
Grazie perché anche tutti voi avete fatto proprio questo: partire dalle cose più piccole anche semplici ma che poi messe insieme, diventano grandi come siete riusciti a fare voi.
Veramente un qualcosa di  GRANDE come è stata la commemorazione ed il saluto di oggi a Riccardo.
Concludo nel dirvi che visto che anche voi avete realizzato concretamente quei consigli e quelle indicazioni che ho cercato di trasferire a Riccardo considererei un pezzetto di voi come se foste miei figli e quindi dei veri fratelli di Riccardo.
Lo avete conosciuto tutti, pensate che a tre anni si è buttato dalla finestra per fare Superman, voleva imparare a volare.
Ora ci è riuscito, è volato in cielo.
GRAZIE A TUTTI VOI
SCOTTI SENIOR
Frascati 14/08/2020
ovviamente   la   finestra   non   era   altissima

Non c’è altro da dire

Ci sono momenti in cui bisognerebbe fermarsi un momento a riflettere, lasciare da parte la frenesia del chiacchiericcio mediatico e politico quotidiano, la necessità di intervenire su ogni argomento, di dire la propria ad ogni costo, avvallando le perverse dinamiche dei social network e avere rispetto.

È il caso dell’omicidio di Willy, una tragedia che colpisce per l’efferatezza, per l’inaudita e ingiustificata violenza che dovrebbe provocare un sentimento di unione, l’emergere di uno spirito di comunità – tipico delle peggiori disgrazie – per condannare senza giustificazioni un evento disumano. Purtroppo però, nemmeno di fronte alla morte, al venir meno di una vita umana, per giunta di un giovane innocente, c’è chi riesce a lasciare da parte la tentazione di fare propaganda strumentalizzando un fatto di cronaca nera in cui non c’entra nulla la politica ma che ha cause ben più profonde e radicate nella decadenza della nostra società.

Utilizzare l’uccisione del giovane Willy per attaccare la destra, Matteo Salvini, Giorgia Meloni, è un gesto che contribuisce a fomentare il clima di odio e di violenza verbale da parte dalle stesse persone che dicono di volerla combattere e condannare. Non siamo di fronte alla solita ossessione che porta a tirare in ballo in ogni situazione o contesto la destra italiana ma sfociamo nella mancanza di sensibilità e nella scarsa etica se addirittura si finisce per trascinare nell’agone politico un simile omicidio. Diciamoci la verità; la giustificazione politica, scaricando la colpa sulla destra che crea l’humus in cui proliferano figure come il branco che ha ucciso Willy, è la strada più facile da percorrere, molto più semplice dire che è colpa della destra piuttosto che andare a fondo delle questioni e interrogarsi su quali siano le reali motivazioni che portano a compiere gesti di questo genere. È più comodo instillare il dubbio, senza prove o evidenze, dicendo che sono stati “quattro militanti di destra”, che “tutto ciò ha due mandanti ben precisi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni”, che si trattava di “quattro estremisti, naturalmente di destra”.

Non sono commenti di sconosciuti sul web ma di giornalisti, influencer, opinionisti di cui evitiamo di ripetere i nomi per non regalare ulteriore visibilità a chi vuole a tutti i costi dare un colore a una tragedia che ha colpito nel profondo ognuno di noi. “Fomentare odio e razzismo nelle persone conduce a questo”, scrivono le Sardine nei loro canali social perdendo l’ennesima occasione di andare oltre a quel clima di contrapposizione che avvelena la nostra società, alla necessità di unirci tutti di fronte al dolore senza cercare strumentalizzazioni stucchevoli e fuori luogo. Di fronte all’omicidio di Willy non basterebbe nemmeno l’onestà intellettuale o la deontologia professionale, servirebbe un’etica che o la si ha oppure non la si può improvvisare. Superare il clima di odio significa riscoprire il rispetto necessario di fronte alla morte, chi ha ucciso Willy sono criminali, chiamiamoli con il loro nome e per una volta lasciamo da parte la politica per chiedere con più forza e con una sola voce giustizia.

Articolo   di   Francesco   Giubilei   tratto   da   ”  Il   giornale”

 

 

“Il premier Giuseppe Conte non ha il diritto di dirsi scioccato “. Beppe Severgnini è clamorosamente duro sul caso di Willy Monteiro, il 21enne massacrato e ucciso a forza di calci e pugni da 4 ragazzi a Colleferro. Conte ha telefonato ai genitori della vittima, poi si è chiesto: “Che messaggio stiamo dando ai nostri ragazzi? A mio figlio devo dire di non intervenire in una lite?”.

Severgnini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo, sbotta: “Ma non lo sa cosa succede la notte dalla Sicilia all’Alto Adige? Ne stiamo parlando perché è morto un ragazzo, ma quello che è successo l’altra sera è ordinaria amministrazione. Di notte, tra strade e discoteche, c’è gente piena di cocaina e si dovrebbe fare il test, non solo dell’alcol”. In caso di risse, ricorda l’editorialista del Corriere della Sera, “se la prognosi è inferiore a 20 giorni si deve procedere per querela di parte e molti genitori non denunciano, perché sanno che il picchiatore non rischia nulla. Un modo per fare andare avanti l’Italia? Prendere i violenti e fargli fare 6 mesi ai servizi sociali con gli anziani, a pulire letti e gabinetti”. 

 

Riportato   da   ”  Libero  quotidiano ”

 

Che   orrore   tutto   questo.   Vorrei   solo   che   in   ogni   situazione,   di   fronte   al   male   efferato,   senza   scuse,   si   usassero   sempre   le   giuste   parole,  come   in   questo   caso,   quelle   di   conforto   dovute   a   chi   ha   perso   un   figlio,   dolore   straziante,   atroce,   che   durerà   per   tutta   la   vita.

Sull’ intervista   a   Severgnini   e   su   quello   che   ha   detto,   ospite   dalla   Gruber,    dico   che   la   penso   esattamente   come  lui ,  sebbene   sulla   punizione   finale   oserei   anche   di   più

Auguri, caro Ricky

Avrei   preferito   dedicarti   dei   versi.   Ma   so   che   poi   rideresti   prendendomi   in   giro.   Come   facevi   sempre   quando   leggevi   una   mia   poesia.   Bastava   un   verso   per   cucirci   sopra   una   battuta,   una   spiritosaggine.   E   tutti   giù   a   ridere,   compresa   io   che   ero   magari   ”   partita  ”   tutta   seria.   Si,   mi   sarebbe   piaciuto   caro   Ricky   per   farti   ridere  ancora.   Ma  in   realtà   cosa   potrei   scrivere   oggi   se   non   che   farti   gli   auguri.

 

Oggi   i   tuoi   anni   sarebbero   35.   Nessuno   di   noi   potrà   più   festeggiarti   come   facevamo   sempre,   tutti   insieme   riuniti.   Aspettavamo   che   le   ferie   di   agosto   finissero   per   stare   tutti   insieme   davanti   ad   una   torta,  e   vederti   soffiare   sulle   candeline.   Ora   faremo   finta   che   tu   ci   sia   lo   stesso.   Come   davanti   a   quel   dolce   nel   giorno   dei   tuoi   34   anni.   Mai,   nessuno   di   noi,   avrebbe   potuto   immaginare   che   la   tua   vita   si   sarebbe   fermata   al   numero   di   quelle   candele.   Ricorda   che   comunque,   anche   se   la   tua   vita   qui   in   terra,   è   finita,   mai   finirà   nei   nostri   cuori.   Lì   vivrai   per   sempre .   Non   ti   dimenticheranno   mai   i   tuoi   genitori,   Paolo   e   Maria,   Valeria   tua   sorella,   i   tuoi   cugini   tutti,   la   tua   nonna   Loredana,   le   tue   zie   pugliesi,   tuo   zio   Luciano   ed   io   caro   nipote,   cucciolo   adorato.   Auguri,   caro   Ricky,   ovunque   tu   sia.   Sicuramente   vicino   a   nonno   Tonino ,   a   nonno   Salvatore,   a   nonna   Lucia  e   a   don   Vincenzo  .

 

Bello   come   il   sole

 

Aspetta,   non   ho   finito.   Ho   pensato   di   farti   un   regalo.   Sono   sicura   che   da   lassù   sorriderai   una   volta   in   più   vedendo   di   che   si   tratta.   Ecco…

Guarda   che   spettacolo   Ricky  .    Quante   volte   ti   sei   affacciato   dal   nostro   balcone.   Ti   piaceva,   con   Andrea   durante   le   feste ,  fumare   insieme   una   sigaretta   e   guardare   Roma   tutta   illuminata.    Bello   eh  ?   E   tu   sai   anche   cosa   nasconde   quel   camion,   cosa   c’è   dietro   di   lui…

Eccolo,   tutto   per   te

Il   tuo   campo   di   rugby   .   Buon   compleanno   caro   Ricky   !!!   Ti   voglio   bene

 

 

Ora, tutto è compiuto

Risultato immagine per immagini dolore

pinterest.com

Il dolore è sordo, il dolore è muto.
Il dolore è sordomuto.
Sordo perché ascolta solo se stesso,
muto perché non ci sono parole
che possano parlarne.

(A. G. Pinketts)

 

 

Sordo e muto
è il dolore interiore.
Morde,
attanaglia,
come lama tagliente
infierisce,
sordo
alle urla
strazianti
del cuore,
muto
nel suo arrivare,
senza preavviso.
Come verga
che sferza,
come un pugno
violento,
sferrato
alla bocca dello stomaco,
il dolore sale,
prende alla gola,
soffoca,
pietrifica.
Poi passa,
perché
ha trovato
nel cuore
un nascondiglio.
E lì rimane,
cheto
per un po’.
Poi ecco,
che improvviso,
si fa
nuovamente
sentire.
Di colpo
nuovamente
spezza.

Isabella  Scotti

testo  :   copyright   legge   22  aprile   1941   n°   633

 

Tutto   è   compiuto.   Ricky   ci   ha   lasciato.   L’   11   agosto,   onomastico   di   Chiara,   sua   cugina,   mia   figlia.

Il    14   ci   sono   stati   i   suoi   funerali,   il   16   il   mio   compleanno.   Il   30   avrebbe   compiuto   35   anni.

Non   voglio   dire   troppe   parole,   ma   alcune   debbono   essere   dette.

I   suoi   funerali  sono   stati   e   rimarranno   una   delle   più   belle   pagine   di   Frascati.

Perché   mio   nipote   era   un   rugbista.   E   il   rugby   a   Frascati   ha   una   lunga   storia,   della   quale   mio   nipote

per   dieci   anni   ha   fatto   parte.   Oggi   il   suo   percorso   nel   rugby   è   finito.

 

Ma   mai   verrà   dimenticato.   Al   Frascati   Rugby   Club,   società   di   cui   era   socio   fondatore,   atleta,   tecnico

  e   direttore   sportivo,   rimarrà   il   ricordo   di   un   ragazzo   unico,   speciale,   dalla   grande   umanità,   leale,

  amico   sincero   di   tutti.    Grande   sportivo   in   campo,   e   poi   grande   allenatore   ed   educatore   di   piccoli

  rugbysti   in   erba.    Il   suo   sorriso   contagioso   metteva   allegria.

Ho   amato   molto   mio   nipote   e   lo   amo   tuttora.   I   suoi   funerali,   fatti   sul   suo   campo   di   rugby,   dove

tante   volte   aveva   giocato,   hanno   visto   la   partecipazione   di   migliaia   di   persone,   venute   da   tutta   Italia,

sportivi   e   non   che   hanno   avuto   modo   di   apprezzarne   le   doti   umane   e   sportive.   In   città   come   nell’

intero   panorama   rugbystico   regionale,   c’è   stato   lo   stesso,   intenso   sentimento   di   cordoglio   e   mestizia   per

la   sua   perdita.   Di   tutto   quello   che   è   stato   capace   di   seminare,   dell’  amore   che   è   cresciuto   intorno   a

lui,   della   sua   grandissima   simpatia,   io   vado   fiera.   Sono   orgogliosa   di   averlo   avuto   per   nipote.   Così

come    sono   fiera   di   mio   fratello,   della   sua   compostezza   elegante,   dimostrata   nel   momento   più   terribile

della   sua   vita :   quello   della   perdita   di   un   figlio .

 

Così   mi   disse   un   pomeriggio   al   telefono,   mentre   era   in   ospedale   con   Riccardo.   Lo   avevo   appena

cercato   di   consolare

 

  Grazie    Isabella,   ma   il   motto   degli   Scotti   è   ”   la   forza   è   nella   potenza.    Bisogna   essere   capaci   di   andare   avanti   senza   disperarsi   affrontando   ogni   ostacolo  ”

 

Questo   è   mio   fratello.   Questa   la   mia   famiglia   di   cui   sono   fiera.  

Il   dopo   che   verrà   lo   affronteremo   come   potremo   ma   uniti   nell’   amore.

 

 

Grazie   a   tutti   voi   che   mi   siete   stati   vicini   col   pensiero   e   le   preghiere.   Vi   voglio   bene

 

La   vostra   Isabella

 

Il   suo   sorriso

 

L'immagine può contenere: persone in piedi

 

La   sua   maglia

 

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, albero, cielo, nuvola, scarpe, campo da basket, spazio all'aperto e natura

Amore   di   zia

 

L'immagine può contenere: 4 persone, persone sedute e bambino

Dietro   al   nostro   cucciolo   biondino   Valeria   la   sorella,   e   a   lato   Chiara   e   Andrea,   i   miei   figli