Haiku narrativi

Foto   Andrea   Romani

                                                                         Schiuma   sul   lago
                                                                         bianche   luci   riflesse-
                                                                         acqua   tremula

 

                                                                         Sasso   sporgente
                                                                         lunghi   teneri   steli-
                                                                        verde   fogliame

 

Isabella   Scotti   agosto   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Annunci

Saviano e Salvini

Buffo   avere   in   comune   quella   S   nel   loro   cognome.

Due   parole   soltanto,   dal   momento   che   non   mi   piace   qui,   parlare   di   politica.   E   dal   momento   che   non   voglio   prendere   nessuna   posizione     su   quello    che   sta   succedendo   in   questi   giorni   di   estate   esasperatamente,   troppo   esageratamente   bollente.   Preferisco   tenere   per   me   le   mie   opinioni   a   riguardo.

Solo   una   cosa   voglio   dire   e   mi   sento   di   doverla   dire.

Si   parla   tanto   di   odio   che   il   signor   Salvini   da   mesi   starebbe   fomentando.

Una   domanda  :   quando   il   signor   Saviano   apre   bocca,   chiamando  Salvini   ”  canaglia,   il   suo   destino   è   il   carcere…”   oppure   ”   ministro   della   Malavita  ”  o  ancora  ”  razzista,   ignorante”  fomenta   l’ odio,   come   dice   stia   facendo   l’ altro,   oppure   no?   Ci   sono   altre   parole   per   portare   avanti   le   proprie   convinzioni   che   non   siano   quelle   trite   e   ritrite   di   un   linguaggio   maleducato   e   per   nulla   signorile   ?   Uno   scrittore   vero   ,   che   dovrebbe   saperle   usare   le   parole,   può   permettersi   il   lusso   di   diventare   volgare   e   insopportabile   come   è   diventato   Saviano ?

Perché   mi   chiedo,   constatando   che   nessuno   apertamente   lo   dice,   Saviano   può   offendere   e   fomentare   odio ?   Siamo   in   democrazia,   d’ accordo.   Ma   mi   sembra   che   quando   lui   parla   si   tratti   di   Zarathustra  .   Non   ne   posso   più   della   gente   come   lui,   della   Littizzetto,   di   tutti   coloro   che   si   ergono   a   grandi   saputi,   solo   per   la   loro   posizione   nella   società.   Un   calderone   di   gente   tutta   uguale,   con   lo   stesso   dire,   senza  una   virgola   in   meno.   Francamente   mi   hanno   davvero   stufato.

L’ angolo della poesia

ETERNA   PRESENZA

 

Non   importa   che   non   ti   abbia,

non   importa   che   non   ti   veda.

Prima   ti   abbracciavo,

prima   ti   guardavo,

ti   cercavo,

ti   desideravo.

Oggi   non   chiedo   più

né   alle   mani,   né   agli   occhi,

le   ultime   prove.

Di   starmi   accanto

ti   chiedevo   prima,

sì,   vicino   a   me,   sì,

sì,   però   lì   fuori.

E   mi   accontentavo

di   sentire   che   le   tue   mani

mi   davano   le   tue   mani,

che   ai   miei   occhi

assicuravano   presenza.

Quello   che   ti   chiedo   adesso

è   di   più,   molto   di   più,

che   bacio   o   sguardo:

è   che   tu   stia   più   vicino

a   me,   dentro.

Come   il   vento   è   invisibile,   pur   dando

la   sua   vita   alla   candela.

Come   la   luce   è

quieta,   fissa,   immobile,

fungendo   da   centro

che   non   vacilla   mai

al   tremulo   corpo

di   fiamma   che   trema.

Come   è   la   stella,

presente   e   sicura,

senza   voce   e   senza   tatto,

nel   cuore   aperto,

sereno,   del   lago.

Quello   che   ti   chiedo

è   solo   che   tu   sia

anima   della   mia   anima,

sangue   del   mio   sangue

dentro   le   vene.

Che   tu   stia   in   me

come   il   cuore

mio   che   mai

vedrò,   toccherò

e   i   cui   battiti

non   si   stancano   mai

di   darmi   la   mia   vita

fino   a   quando   morirò.

Come   lo   scheletro,

il   segreto   profondo

del   mio   essere,   che   solo

mi   vedrà   la   terra,

però   che   in   vita

è   quello   che   si   incarica

di   sostenere   il   mio   peso,

di   carne   e   di   sogno,

di   gioia   e   di   dolore

misteriosamente

senza   che   ci   siano   occhi

che   mai   lo   vedano.

Quello   che   ti   chiedo

è   che   la   corporea

passeggera   assenza,

non   sia   per   noi   dimenticanza,

né   fuga,   né   mancanza:

ma   che   sia   per   me

possessione   totale

dell’  anima   lontana,

eterna   presenza.

 

Pedro Salinas

 

Amici    carissimi   ho   pensato   di   farvi   gli   auguri   di   Buon   Ferragosto,   regalandovi   una   poesia   del   mio   amato   Pedro   Salinas   e   un  haiku   pensato   ad   hoc   per   questa   estate   rovente.   Divertitevi   al  mare   o   ai   monti,   mentre   io   mi   appresto   a   festeggiare   il   mio   compleanno   il   giorno   dopo.   Baci   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

Il   sole   brucia

cappello   sulla   testa

pelle   bollente

 

Isabella  Scotti   agosto   2019

testo  :   legge   copyright   22   aprile   1941   n°   633

Il mio adorato Monte Grappa

Il   Massiccio   del   Grappa

 

Il Grappa,   coi   suoi   aspri   versanti   e   le   sue   numerose   vette   ha   segnato   la   storia   della   Prima   Guerra

  Mondiale.   Fronte   cruciale   dopo   la   rotta   di   Caporetto   del   1917   divenne   teatro   della   svolta   delle   sorti

del   conflitto.   La   resistenza   dell’esercito   italiano   costrinse   l’Impero   Austro-Ungarico   a   rinforzare   qui   le   sue

truppe   indebolendo   così   le   posizioni   sul   Piave   che   cedettero   nel   1918   durante   la   Battaglia   di   Vittorio

Veneto.   Numerose   le   testimonianze   e   le   ferite   che   il   conflitto   ha   lasciato   alla   montagna,   importanti   da

preservare   per   salvaguardare   la   memoria   di   quei   tragici   fatti.   A   Cima   Grappa   il   Sacrario   Militare   ospita

le   spoglie   di   quasi   23.000   soldati   di   entrambi   gli   schieramenti.   Adiacenti   all’  Ossario   del   Grappa,

  troviamo   la   Galleria   Vittorio   Emanuele   III   (capolavoro   di   ingegneria   militare)   ed   il   Museo,   che

contiene   numerosi   cimeli,   armi,   testimonianze   dirette   dalle   trincee   dei   soldati   e   gli   incitamenti   di

  Cadorna  ai   suoi   uomini  ,  nonché   il   discorso   rivolto   agli   stessi   da   parte   di   Vittorio   Emanuele   III   .

 

Numerose le trincee restaurate per il centenario della Grande Guerra che si trovano in tutti i settori del Massiccio del

Grappa nonché i cimiteri ed i monumenti sparsi lungo tutta la pedemontana ed oltre.

Per   chi   volesse,  lascio   il   sito   da   consultare   da   dove   ho   ripreso   queste   notizie

https://www.vivereilgrappa.it/it/massiccio-del-grappa.htm

Un   po’   di   storia

Il Monte Pertica non è certo imponente. A malapena si scorge, alto 1500 metri a nord ovest di cima Grappa, e si raggiunge facilmente, con pochi minuti di auto dal Rifugio Bassano, e una breve camminata. Un tragitto che non riserva alcuna emozione particolare, se non una vista straordinaria che nei giorni più limpidi spazia dal versante orientale dell’Altopiano di Asiago, appena al di là della vallata del Brenta, ai Lagorai e alle Vette Feltrine. Eppure, questo rilievo dall’apparenza così anonima fu uno dei campi di battaglia più sanguinosi della prima guerra mondiale. Alla fine di novembre del 1917, subito dopo Caporetto, le truppe austriache lo occuparono improvvisamente. Come Monte Tomba, a est, o l’Asolone, a sud ovest, il Pertica divenne la chiave per decidere chi avrebbe vinto la battaglia per il Grappa: se gli austriaci fossero riusciti a occupare tutto il massiccio, sarebbero sbucati alle spalle di ciò che restava delle armate italiane battute sull’Isonzo e che stavano ora tenendo disperatamente la linea del Piave. Fu così che migliaia di uomini morirono per il possesso di quelle poche decine di metri quadrati. Gli alpini del Monte Rosa e gli Schützen del 3° reggimento di Graz persero e ripresero più volte il monte nel corso di una serie di mischie furibonde e spesso all’arma bianca: alla fine, il monte restò in mano austriaca, anche se metà degli uomini che l’avevano conquistato il primo giorno di combattimenti giaceva ora morto tutto intorno o (con un po’ di fortuna) ferito in qualche ospedale da campo. La pessima nomea del Pertica non si sarebbe smentita nei mesi seguenti: divenne ben presto un settore famigerato tra i combattenti di tutti e due gli eserciti, impegnati in una logorante battaglia di posizione tra postazioni spesso distanti solo poche decine di metri, il punto più avanzato di quella lunga trincea ininterrotta che correva attraverso tutto l’Altopiano dei Sette Comuni, scavalcava il canale del Brenta e arrivava al Grappa su cui si stava decidendo molto dei destini della guerra. Infine, quando la guerra fu vinta e la mitografia ufficiale cominciò a darsi da fare per celebrare gli eroi e i luoghi epici della grande prova nazionale, il monte divenne «sacro»: «Monte Grappa tu sei la mia patria», come cantava la canzone del tronfio generale De Bono.

Qui la guerra sembra aver costruito più di quanto abbia distrutto. La Strada Cadorna tra Romano d’Ezzelino e Cima Grappa ne è un buon esempio. Fu portata a termine nei primi giorni di ottobre del 1917, e nonostante i tempi rapidi (eccezionali, se si pensa che si dovette solcare il monte con una serie di tornanti e perforare pareti di roccia viva) venne realizzata così bene da costituire ancora oggi la principale via di accesso dalla pianura. Non passeranno nemmeno poche settimane dalla sua inaugurazione che sulla cima del Grappa (o, meglio, sotto la cima) verranno iniziati i cantieri di quel labirinto sotterraneo noto come «Galleria Vittorio Emanuele». Scavato in tutta fretta nell’autunno 1917 quando sembrava che l’esercito italiano fosse davvero un naufrago in procinto di annegare, il sistema fortificato del Grappa, con i suoi cinque chilometri interamente scavati dentro la montagna, era in grado di ospitare fino a 15mila uomini ed era protetto da decine di mitragliatrici e da un centinaio di pezzi di artiglieria. Un’intricata fortezza invisibile e temibile. E ancora oggi, per chi si avventuri nei suoi corridoi, un’esperienza fondamentale per comprendere la realtà di una guerra per la cui vittoria l’Italia deve ringraziare molto di più funzionari, tecnici e ingegneri che poeti, politici e generali.
Ma il segno della memoria per eccellenza è il Sacrario del Grappa, il cui mastodontico profilo, visibile a chilometri di distanza, ricopre (e per certi versi completa) l’immagine di un monte assorbito completamente dal suo ruolo simbolico. Quando venne inaugurato, il 22 settembre 1935, era un inno alla grandezza eroica della nuova Italia fascista, uscita più grande e più forte dalla lunga prova della guerra. I suoi cinque colossali gradoni a cerchi concentrici, in cui erano stati collocati i loculi con i resti dei caduti, avvolgevano la cima del monte ricordando nemmeno troppo vagamente una fortezza, e la Via Eroica, che conduce al sovrastante “Portale di Roma” correndo tra 14 cippi in pietra ognuno dedicato ad una delle battaglie combattute nei dintorni, era un itinerario mentale e simbolico che doveva trasmettere al moderno pellegrino l’orgoglio per le grandi vittorie. Seguendo il cammino obbligato dal basso verso l’alto, i visitatori venivano (e vengono) coinvolti in un’ideale ascensione dalle tombe (primi quattro livelli) al cielo aperto (ultimo livello e cima della montagna), dalla morte alla gloria. E per non lasciare adito a dubbi sul significato bellicoso e trionfale del monumento, il giorno dell’inaugurazione le autorità e la folla giunta dalla pianura vennero accolti da due statue ciclopiche: un fante di guardia, alto oltre tre metri, sovrastato e quasi vegliato da una gigantesca statua (dodici metri) che avrebbe dovuto rappresentare «l’Italia fascista». Le due statue scomparvero subito dopo l’inaugurazione e non vennero mai più ritrovate, un’ottima rappresentazione della disciplina e del furore guerriero degli italiani dell’epoca.

 Il corpo centrale del monumento, dove sono custoditi i resti mortali di 12615 Caduti, di cui 10332 ignoti, è costituito da cinque gironi concentrici, ciascuno alto quattro metri e circoscritto da un ripiano circolare largo dieci. Le spoglie dei Caduti identificati sono disposte in ordine alfabetico e custodite in loculi individuali, coperti da lastre di bronzo. Quelle dei 10332 ignoti sono raccolte in urne comuni più grandi, che si alternano alle tombe singole. Sulla sommità del monumento sorge un sacello, Santuario della Madonnina del Grappa.

Tra il 4° e il 5° girone, in posizione centrale, c’ è  la tomba del generale Giardino, che prima di morire aveva espresso la sua volontà di essere sepolto lassù tra i suoi soldati. La Madonnina del Grappa, benedetta dal cardinale Sarto, poi Papa Pio X. Ora è meta di devoto pellegrinaggio la prima domenica di Agosto. Il portale Roma che sorge al termine della via Eroica è stato progettato e costruito dall’architetto Alessandro Limongelli. Sopra al portale Roma è stato ricavato un osservatorio dal quale è possibile osservare l’ampio panorama circostante e i punti di maggiore interesse storico. Nel settore a nord-est del Portale Roma, sono state riunite le spoglie di 10295 caduti austro-ungarici.

tratto   da   vari   siti   sul  Monte Grappa

 

Ora   dopo   questa   introduzione   sul   massiccio  del   Monte   Grappa   che   invito   tutti   a   visitare,   vi   lascio   per    curiosare,   qualche   foto.   Inutile   dirvi   quante   volte   ho   percorso   la   strada   che   porta   fin   sulla   cima,   quante   volte   sono   entrata   nella   cappella   della   Madonnina   del   Grappa.   Il   Monte   Grappa   vive   e   vivrà   per   sempre   nei   miei   ricordi.    Un’ affezione   particolare   mi   lega   a   questo   luogo   di   memoria,   iniziata   quando   mio   padre   qui   ci   portò   la   prima   volta.   I   poveri   resti   di   migliaia   di   soldati   sono   lì   a   testimoniare   la   bruttura   di  tutte   le   guerre   e   ricordarne   il  sacrificio   per   amor   di   patria,   è   un   dovere   che   da  italiani   non   va   mai   dimenticato.   Ora   una   piccola   poesia   interpretando   lo   spirito   dei   nostri   di   allora,   combattenti,   ed   una   poesia  facendo   riferimento   a   quella   di   Ungaretti   ”   Soldati  ”

Noi   del   Grappa

Noi   siamo   i   soldati

del   Grappa.

Quelli   che  

bloccheranno  il   nemico.

Non   avanzerà.

Non   potrà   mai

occupare   

le   nostre   terre.

Fischia   forte

il   vento

quassù.

Il   freddo

è   pungente.

Ma   nulla

potrà,

contro   di   noi.

Resisteremo,

non   abbasseremo

la   nostra   testa.

Il   nemico

ancora   non   sa  

chi   ha   davanti.

Saremo   noi   tutti

a   fermarlo,

con   il   nostro   coraggio

e   amor   di   Patria.

Viva   l’  Italia,

la   nostra   terra,

sempre. 

 

Isabella   Scotti   giugno   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile  1941   n°  633

 

 I   soldati   sanno

Visualizza immagine di origine

lastampa.it

Si   sta   come
d’ autunno
sugli   alberi
le   foglie.

In   attesa,
senza   sapere   quando
né   come   sara’ ,
si   pensa   alla   morte,
fragili,
come   le   foglie,
che   aspettano
che   un   alito   di   vento,
le   porti   lontano.
I   soldati
tremano,
impettiti
non   indietreggiano ,  
e   sperano
che   non   tocchi  
a   loro   cadere.
Ma   sanno ,
con   tristezza,
che   potrà    bastare    
un   niente
per   finire…

Isabella   Scotti   novembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Poesia   in   neretto   ”  Soldati  ”   di   Ungaretti

 

Per   voi   la   canzone   del   Grappa

 

Monte   Grappa  tu sei la mia Patria,
sovra a te il nostro sole risplende,
a te mira chi spera ed attende
i fratelli che a guardia vi stan

Contro a te già s’infranse il nemico
Che all’Italia tendeva lo sguardo,
non passa un cotal baluardo
affidato ad italici cuor.

Monte Grappa tu sei la mia Patria,
sei la stella che addita il cammino,
sei la gloria, il volere, il destino,
che all’Italia ci fa ritornar!

Le tue cime fur sempre vietate
Per il pié dell’odiato straniero.
Dai tuoi fianchi egli ignora il sentiero
Che pugnando più volte tentò.

Qual candida neve che al vento
Ti ricopre di splendido ammanto
Tu sei puro ed invitto col vanto
Che il nemico non lasci passar.

Monte Grappa tu sei la mia Patria…

O montagna per noi tu sei sacra,
giù di lì scenderanno le schiere
che irrompenti a spiegate bandiere
l’invasore dovranno scacciar.

Ed i giorni del nostro servaggio
Che scontammo mordendo nel freno
In un forte avvenire sereno
Noi ben presto vedremmo mutar.

Monte Grappa tu sei la mia patria…

 

La   Galleria   Vittorio   Emanuele   III

È un’opera di fortificazione militare veramente grandiosa, realizzata in 10 mesi, a partire dal novembre 1917. Fu progettata dal Col. del Genio Nicola Gavotti per potenziare la difesa del massiccio del Grappa.

Ha uno sviluppo in galleria di circa 5 Km., consta di un braccio principale di m. 1.500, da cui si irradiano numerosi rami secondari, verso le postazioni dei pezzi di artiglieria e delle mitragliatrici, gli osservatori e gli sbocchi per sortite controffensive.

Per realizzare la galleria, ricavata al di sotto della Cima Grappa, alta m. 3 e larga da 1,80 a 2,50 m,. fu necessario asportare circa 40.000 m.c. di roccia impiegando 24 perforatrici meccaniche. Essa  venne armata e dotata di impianti tecnici e logistici tali da consentire ai reparti in caverna (circa 15.000 uomini con 72 cannoni e 70 mitragliatrici) la vita ed il combattimento per lungo tempo.

   dal   libretto   del   museo   vicino   l’ingresso della   galleria

 

Ingresso   della   Galleria   Vittorio   Emanuele

 

I   cannoni   posizionati  per   attaccare   il   nemico

 

 

 

Le   cime   imbiancate   viste   dall’ Ossario

A   Pasqua   ancora   la   neve

 

Lato   dove   sono   sepolti   gli   austro –   ungarici

il   fotografo   Andrea

il   vento   tirava   forte

I   cippi   per   ricordare   le   varie   battaglie

 

La   nostra   bandiera

 

Nella   cappella   la   statua   della   Madonnina   del   Grappa

 

 

In   solitaria

 

Mille   colori   in   cielo  :  tutti   col   parapendio

 

 

Ed   ora   uno   sguardo   ai   cimeli   che   il   museo   ben   custodisce.

 

foto   dell’ epoca

 

passatempi

 

 

 

un   po’   d’armi

oggetti   vari.   Tutte   le   foto   qui   presentate   sono   di   Andrea   Romani

mio   figlio,   il   fotografo   di   casa

Ed   ora   dulcis   in   fundo   due   foto   dall’  archivio   di   casa

Alle   pendici   del   Grappa,   il   capitano   Tullio   Scotti,   mio   nonno,   sdraiato   a   sinistra,   nel   centro   della   foto,

mentre   insegna   ai   suoi   soldati   come   si   conquista   una   posizione.

Qui   mio   nonno   il   primo   in   basso   a   destra ,   di   profilo,   sul   Ponte   di   Cismon   il   4  –   11  –   1918

 

 

 

 

 

La notte e la luna- storia di un amore

Cari   amici   oggi   vi   voglio   fare   un   regalo.   Si   tratta   di   un   video   che   a   sua   volta   è   stato   un   regalo   fatto   a   me,   dalla   cara   amica   Marzia   che   molti   di   voi   conoscono,   e   il   cui   sito   è   questo  :   marzia.wordpress.com

Un   video   costruito   su   di   un   mio   piccolo   racconto   che   spero   gradirete   leggere   e  ” guardare ”. Ringrazio   con   tutto   il   cuore   Marzia   per   questo   cadeau   bellissimo.   Le   mando   un   grande   abbraccio   ed   un   sorriso.

Auguro   a   tutti   voi   di   passare   una   splendida   giornata.    A   presto

 

 

Ci   fu   un  tempo   in   cui   la   notte    pensò   a   quanto   sarebbe   stata   diversa   con   la   luna   accanto.   Non   avrebbe   fatto   più   paura,   il   buio   sarebbe   stato   illuminato   dal   suo   lieve   pallore  ,  sia   piena   che   mezza   non   avrebbe   fatto   differenza.   Anzi   il   suo   brillare   nel   cielo   infinito   tutte   le   sere,    avrebbe   resa   la   notte   romantica,   giusta   per   tutti   gli   innamorati.   La   notte,   piena   d’amore ,   decise   così   di   farsi   avanti   e   dichiararsi.   La   luna   l’ ascoltò   a   lungo   parlare,  e   fu   talmente   presa   da   quel   buio,   che   subito   decise   per   un   sì.   S’  incontrarono   tutte   le   sere   la   notte   e   la   luna.   E    quando   decisero   che   avrebbero   dovuto   unirsi   per   sempre,   la   luna   scelse   il   suo   abito   da   sposa,   splendente   di   stelle  .   Fu   un   matrimonio   perfetto.   Da   allora,   si   perpetua   un   incontro   d’amore   che   sa   di  mistero.   Ogni   volta   che   la   notte   avvolge   in   un   tenero   abbraccio   la   luna,   lei   felice   e   radiosa,   brilla   nel   cielo   infinito,   irradiando   di    bianca   luce   la   terra,   e   facendo   compagnia   a   tutti   gli   amanti,   regala   loro   atmosfere   di   dolce   languore.

 

Isabella  Scotti   agosto   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

Di nuovo tra voi

Sono   tornata.   Rilassata   e   felice   anche   per   aver   avuto   accanto,   l’ultima   settimana,   la   mia   piccola   Arianna.   E’   stata   felicissima   di   prendere   per   la   prima   volta   l’ aereo   e   atterrare   alle   23, 30   a   Nizza   col   suo   piccolo   trolley   e   con   i   suoi   genitori.   Si   è   divertita   tantissimo   al   mare   la   mattina   e   in   piscina   il   pomeriggio.   Un ‘  esperienza   che   l’ha   lasciata   allegra   ancor   più   di   quanto   non   lo   sia   già.

 

Rilassata   e   felice   quanto   triste,   molto   triste   per   l’ amara   sorte   toccata   al   vicebrigadiere   Mario   Cerciello   Rega.   Ho   visto   poco   fa   in   tv    i   suoi   funerali   e   non   posso   non   dire   che   ho   pianto   commossa   al   ricordo   di   ciò   che   era   come   carabiniere   e   come   uomo.  E   ancor   di   più   ho   pianto   durante   l’omelia   dell’ arcivescovo   ordinario   militare   per   l’ Italia,   Santo   Marcianò.   Le   sue   parole   sono   state   toccanti   e   profonde,  e   molto   condivisibili,   almeno   dal   mio   punto   di   vista.   Voglio   ritrascrivere   qui ,  quanto   da   lui   detto,   rivolgendosi   ai   giovani  :

“Voi giovani, invece, siete ricchi di tanti doni e potenzialità, come Mario, un giovane meraviglioso che ha scoperto il sapore dell’esistenza non nello “sballo” ma nel dono di sé – ha ricordato l’arcivescovo – nel volontariato di barelliere all’Ordine di Malta, nell’essere uomo dei poveri e ultimi, dei senzatetto con i quali condivideva il suo tempo libero, i suoi averi, il suo sorriso. E il suo sorriso ha occupato in questi giorni le prime pagine dei giornali, testimonianza di una non comune capacità di donare amore, amicizia, gioia. Era la sua vita, perciò ha potuto servire la vita fino alla fine, offrendo una lezione indimenticabile che lascia senza parole e ha fermato l’Italia, con una partecipazione di popolo poche volte registrata”.

Si,   vorrei   che   i   giovani   tutti,   in   tutte   le   parti   del   mondo,   lasciassero   perdere   ciò   che   li   allontana   dalla   vera   vita,   droghe,   alcool ,  sesso   senza   amore.   Non   è   ricercando   lo   sballo   che   si   diventa   uomini.

Prendete   esempio   da   chi   uomo   è   stato   davvero,  dalla   sua   umanità   vera,   dal   suo   essere   carabiniere   fino   in   fondo,   al   servizio   di   tutti   e   soprattutto   dei   più   deboli.   Imparate   da   lui,   dalla   sua   testimonianza   di   vita,   cosa   vuol   dire   amare   gli   altri,   cosa   significa   il   rispetto,   l’ impegno,   l’ onestà,   la   dedizione.

Non   sprecate   la   vostra   vita,   che   una   volta   buttata   è   persa   per   sempre.

E   a   te   Maria   Rosa,   che   hai   letto   quella   preghiera   bellissima,   quel   dialogo   tra   l’angelo   e   Dio   sul   modello   di   donna,   moglie   di   un   carabiniere,   dotata   di   fierezza,   di   forza   come   quella   di   un   leone,   a   te   che   hai   rinnovato   la   tua   promessa   di   matrimonio   fatta   al   tuo   Mario,   va   tutto   il   mio   sincero   affetto   accompagnato   da   un   grande   abbraccio.   Per   te   la   mia   preghiera   e   la   mia   vicinanza.

Che   si   possano   riscoprire   i   veri   valori   per   i   quali   davvero   vale   la   pena   vivere.

Le mie poesie per voi

Miei   cari   le   vacanze   quest’  anno   dovrebbero   essere   lunghette,   se   tutto   va   bene.   Per   non   lasciarvi   soli,

ma   al   contrario   farvi   sentire  comunque   la   mia   vicinanza,   ho   pensato   di   regalarvi   qualche   altra   mia

poesia.    Mi   piace   ogni   tanto   raggrupparne   più   di   una,  e   trascriverle   per   voi.   Spero   gradirete   il   pensiero.

Auguro   a   tutti   una   buona   estate     e   che   nessuno   finisca   arrostito,   mi   raccomando.   Vi   voglio   ritrovare,   al

mio   rientro,   tutti   in   gran   forma.   Per   ora   vi   abbraccio   con   grande   affetto   e   a   presto

 

La   vostra   Isabella

 

I   TUOI   OCCHI

 

La voce dei tuoi occhi è più profonda di tutte le rose.

Estlin   Cummings

 

La   voce
dei   tuoi   occhi
è   più   profonda
di   tutte   le   rose.
I   tuoi   occhi.
Come   mi   sanno   parlare.
E’   come   
se   guardandoli,
mi   parlasse
la   tua   anima.
E’  come
nel   linguaggio   dei   fiori  :
tu   sai ,
che   i   fiori   parlano,
non   è   vero  ?
Prendi   le   rose
ad   esempio   .
Ce   ne   sono   
di   tanti   colori,
e   ciascuno   di   essi
sa   parlare   al   cuore.
Regalami
una   rosa   rossa,
ed   io   saprò
che   bruci   d’amore
per   me.
Regalami  
una   rosa   gialla
e   saprò 
della   tua   gelosia.
Ma   era  tanto   per   dire
sai  ?
A   me   non   servono
le   rose   per   capire
chi   sei.
   Basta
che   i   miei   occhi
incontrino
i   tuoi,
per   scoprire
tutto   un   mondo   d’amore,
il   più   bello
in   assoluto   .
Quel   mondo   d’amore
che   è   mare   infinito,
dove   posso   tuffarmi
ogni   giorno,
e   tornare  
a   galla   rigenerata

 

Isabella   Scotti   giugno   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Leggendo   Cummings

 

 

SE   GUARDO   INDIETRO

 

Visualizza immagine di origine

thoughtcatalog.com

Ho   in   mente
mille   pensieri,
mentre   le   mie   mani
convulsamente
si   stringono
l’una   all’altra.
Nervosamente
mordo   le   labbra
e   rifletto.
E’   notte   fonda.
Sono   solo.
Ecco,  
questo   è    il    risultato
della   mia   vita :
la   solitudine.
E’   vero,
non   sono   stato   felice.
Se   guardo   indietro
capisco
quanto   io   abbia   peccato.
Non   sono   stato
capace
di   gettare   un   ponte
tra   me   e   gli   altri.
Non   mi   sono   mai
lasciato   andare,
mentre   sarebbe   bastato
così   poco
per   vivere   pienamente
e   sorridere   felice: 
una   gentilezza,
una   carezza,
un   bacio.
La   mia   aridità
ha   vinto   su   tutto.
Ora   che   specchiandomi 
vedo   il   tempo   passare,
so   che   quello   che   farò
d’ ora   in   avanti
sarà    un   vivere , 
solo
di   rimpianto.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright    legge   22   aprile   1941   n°   633

 

LA   MIA   TEMPESTA

 

Visualizza immagine di origine

wallhere.com

Attraverso
in   solitaria
il   mare   della   vita.
Talvolta
è   un’  acqua   cheta,
non   ribolle
di   tormenti.
Ma   quando
il   cielo   si   rabbuia,
ecco   arrivar
tempesta.
L’ anima
si   contorce
tra   spasmi
dolorosi,
onde   fragorose
la   sommergono.
A   fatica,
alla   ricerca
di   un   appiglio
per   non   naufragare,
aspetta   che   torni
il   sereno.
Sì,
” è   quel   mare   che    ho   dentro,
che   mi   crea   forti   tempeste.”
Come   vorrei   placarle,
ma   non   sono
un   mago,
sono   solo   un   uomo
alla   ricerca   di   se   stesso.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   ai   versi   di   Hugo

 

SAPEVO

 

Era una di quelle cose che sai,
ma che non puoi dire neanche a te medesimo:
tanto è terribile e vergognoso sbagliarsi”

( Lev Tolstòj, pag, 278, Anna Karenina)

 

Sapevo

che   stavo   commettendo

l’ errore

più   grande

della   mia   vita.

Ma   sono   stata

debole,

e   ho   peccato

di   presunzione.

Credevo

che   in   fondo

  meritassi

un   po’   d’ amore.

Quello   vero   intendo.

Col   senno   di   poi

guardando

a   tutto   ciò

che   ormai

è   la   mia   vita,

posso   solo   dire

che   

”   era  una   di   quelle

cose   che   sai,

ma   che   non   puoi   dire

neanche   a   te   medesimo  :

tanto   è   terribile   e   vergognoso   sbagliarsi   ”.

 

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   da   Anna   Karenina   di   Lev   Tolstoi

 

NON   SONO   LA   TUA   META

 

Visualizza immagine di origine
it.dreamstime.com

Io   ti   amo
ma   non   sono   
la   tua   meta.
Non   voglio   essere
per   te   solo
un   punto   d’arrivo.
Voglio   essere
il   tuo   inizio.
Isola
da   scoprire,
tracce
sulla   sabbia
da   seguire.
Voglio   essere
roccia   da   scalare,
scrigno
difficile   da   aprire.
Voglio
misurarmi
col   tuo   amore
e   farlo   crescere
ogni   giorno   di   più.
Voglio   incuriosirti
ed   essere   da   te
”  sfogliata  ”
come   si   fa
con   i   petali
di   margherita.
Devi   amarmi
scoprendo
chi   sono
a   poco   a   poco,
come   tu   stessi
sorseggiando
un   succo   di   frutta.
Io   ti   amo   sai,
ed   è   proprio   per   questo,
per   questo   folle   amore
che   nutro   per   te,
che   non   posso   essere
solo   la   tua   meta.

 

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   di   Hermann   Hess

 

DOVE   SEI  ?

 

Non sono geloso, sono solo”

Henry   Miller   a   Anais   Nin

Dove   sei  ?
Dove   sei   finita?
Mi   manchi
da   morire.
Tu   sai
che   senza   te
potrei   morire.
E’   assurdo
ma   è   così.
Ho   sperimentato
con   te
l’   inesprimibile.
E   la   tua   mancanza
è   ora  per   me
dannazione.
Mai   vorrei
pensarti  
con   un   altro.
Ma   bada,
non   sono   geloso,
sono   solo,
disperatamente
solo.

 

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Immaginando   Miller   solo   con   i   suoi   pensieri ,  rivolti   ad   Anais

 

UN   UNICO   VERSO

 

Regalami libri che finiscano bene
in mancanza di romanzi anche poesie
in mancanza di poesie magari anche una strofa
in mancanza di una strofa
anche un unico verso.

Yvon   Le   Men

Non   mi   piacciono
libri
che   raccontano
storie
finite   male.
Preferisco   leggere
poesie,
mi   basterebbe
anche   una   strofa.
Tienilo   a   mente
quando   dovrai
farmi   un   regalo.
Anzi   ti   dirò
di   più  :
anche    un   unico   verso
basterebbe.
Mi   piacerebbe   solo
ci   fosse   scritto
”  ti   amo” .

 

Isabella    Scotti   marzo  2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941  n°   633

Leggendo   Yvon   Le   Men

 

HO   IL   TUO   NUMERO   MA…

 

Non riesco a dormire
il numero di telefono è nella tasca
ma non oso chiamare
Amici e amiche a sera sono usciti
fuori da vecchie foto, lettere, cassetti…

Natan    Zach

 

Ho   il   tuo   numero
di   telefono
in   tasca.
Pensa ,
me   lo   tengo
stretto
anche   quando  
vado   a   dormire.
Ma   non   oso
chiamarti.
Sono   troppo
orgogliosa.
Non   voglio   essere
io
la   prima
a   farlo,
ad   alzare   la   cornetta.
Sì,
preferisco
il   telefono   
di   casa
al   cellulare,
ho   la   fissazione
di   sentir
più   nitide
le   voci
all’  altro   capo
del   filo.
Che   strano…
Comunque
sai   che   faccio
quando   ti   penso
di   notte
e   non   ti   chiamo?
Sfoglio
l’ album   dei   ricordi,
dei   tempi   in   cui   ridevo
senza   freni,
con   gli   amici
più   veri,
quando   ancora
la   vita   ingenua
dei   verdi   anni
era   sincera.
Così
non   mi   sento
più   sola,
ora   che   tu  ,
sei
chissà   dove.

 

Isabella   Scotti   marzo   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Leggendo   Natan   Zach

 

PER   ORA   MI   FERMO   QUI  .   ALLA   PROSSIMA   PUNTATA   POETICA…SEMPRE   SPERANDO   NEL   VOSTRO

GRADIMENTO.   BACIONI   A   TUTTI   VOI.    DI   NUOVO   LA   VOSTRA   ISABELLA