Oltre il tempo

Visualizza immagine di origine

zastavki.com

Ascolta

caro,

quello

che   ho

da   dire.

Vorrei

che   il   nostro

amore

lo   raccontasse

il   vento,

che   ogni   foglia

da   lui

trasportata ,

parlasse

di   noi

a   chiunque.

Perchè

un   amore

così   grande

non   può

essere   taciuto.

Tu,

che   mi   ami

follemente,  

totalmente

tanto

da   far   sì

ch’ io   diventi

immagine

di   ciò

che   è   impossibile

  dimenticare.

Simbolo

di    amore

eterno,

emblema

di   qualcosa

che   travalica

il   tempo.

Io,

che

con   ardore

ti   amo,

perchè

il   fuoco

della   passione

brucia   in   me,

so   che   ormai

  senza

di   te

non   potrei   

vivere.

Amiamoci

allora

senza   smettere

mai. 

Copriamoci

di   baci,

che   i   nostri

corpi    nudi,

avvinghiati ,

raccontino

di   un’ intimità

raggiunta

che   lega

le   nostre   anime.

Lasciamo

che   il   vento

parli   di   noi,

ovunque

e   per   sempre.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2021

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   poesia   di   Rabindranath   Tagore   ”   Amore   senza   fine  ”

 

Buona   giornata   cari   amici.   Oggi   vi   regalo   questa   poesia.   Poi   ne   arriveranno   delle   altre,   anche   non   mie.

Per  ora   accontentatevi   di   questa

La   vostra   Isabella

Befana, befanella

Visualizza immagine di origine

 

Befana,

befanella

sei  

per   caso

ancora

zitella?

O

il   vecchio   2020 ,

per   noi

catastrofico ,

ha   portato

invece

a   te

momenti

commoventi?

Amore

o   tormenti   ?

Forse,

vista

l’  età

non   ti   sei

posta

il   problema.

Forse   preferisci

star   sola,

ascoltar

l’  allodola

e   cucinarti

una   bella   braciola.

Tanto   fuori

nevica,

girar   poco

ti   conviene.

Giusto

il   tempo

per   lasciare

ai   bimbi   buoni ,

tanti   colorati

bellissimi   doni

 

Isabella   Scotti   gennaio   2021

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Amici   carissimi   passate   domani   una   bella   Epifania .    Ricordate   di   aggiungere   i   Re   Magi   al   vostro

presepe.     I   miei   sono   in   viaggio   da   qualche   giorno   ormai.   Arriveranno   stanotte   a   mezzanotte.

 

In   questo   presepe   i   Re   Magi   sono   già   arrivati…per   forza   si   tratta   di   un   presepe

dell’   Epifania   2019

 

L’  albero   speciale   che   dedico   a   tutti   gli   amici

 

 

Il   mio   centrotavola   fatto   da   me.

 

Auguri vivissimi

Visualizza immagine di origine

 

Amici    carissimi   scusate   i   miei   pochi   commenti  ,  perdonatemi    ,   commenterò   appena   possibile.   Ho   avuto   con   mio   marito   un   incidente   senza    coinvolgimenti   con   altri,   prendendo   un   marciapiedi ,   colpa   di   un   appannamento   improvviso del   finestrino   e   di   una   gomma   anteriore   scoppiata.   Fortunatamente   noi   bene   ma   macchina   da   rottamare.   Non   era   ancora   il   momento   per   la   nostra   libra,   pur   avendo   fatto   già   i   suoi    tanti   chilometri,   ma   dovevamo   pure   chiudere   in   bellezza   non   vi   pare  ?    Stiamo   bene   ma   per   me,  un   certo   contraccolpo   al   collo   c’è.   Perfino   gli   airbag   si   sono   aperti.   Comunque   ringraziamo   il   Signore   per  tutto.   Poteva   andare   molto   peggio.   Ultimo   giorno   del   2020   maledetto.  Speriamo   che   per   noi   il   periodo   no,   si   fermi   qui.

Auguro   a   tutti   voi   amici   e   amiche   carissime   una   buona   fine   e   un   buon   principio.   Che   il   nuovo   anno   porti   serenità   a   tutti.

Sorrisi   e   abbracci   a   non   finire.   Auguri   a   tutti.

La   vostra   Isabella

 

Al   2020

Vai   via.

Non   ti   sopporto

più.

Voglio

riprendere

quel   poco

di   serenità

che   avevo

prima

che   tu

scompaginassi

le   nostre   vite.

Vai   via,

in   fretta,

non   ti

rimpiangerò.

Ogni   lacrima

versata

si   possa   tramutare

in   nuovi   sorrisi.

Per   ricominciare,

per   tornare

a   vivere.

 

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo   copyright   legge   22   aprile  1941   n°   633

Il flamenco : danza di vita e di morte ( dedicata a Manuela https://ilpadiglionedoro.wordpress.com// )

Andalusia  :   patria   del   flamenco.   E   ovunque,   in   effetti ,    lì    troverete,   dedicati   a   questa   forma   artistica,   tanti   locali,   i   cosiddetti   tablaos.   Le   bailadoras   ( ballerine  )   che   indossano   costumi   dai   colori   vivaci,   entusiasmano   il   pubblico   col   battito   delle   mani   e   dei   piedi,   mentre   il   corpo   continua   a   roteare.   Sono   coadiuvate   nella   danza   dai   partner,   che   danzano   battendo   con   forza   i   tacchi   alti   delle   calzature   sulle   assi   del   palcoscenico,   creando   un   rumore   molto   forte.   Il   loro   canto   urlato,   estatico,   si   fonde   col   suono   della   chitarra   che   scandisce   il   ritmo.   Simili   messe   in   scena   tuttavia,   hanno   poco   a   che   vedere   col   vero   flamenco,   una   delle   forme   più   antiche   della   musica   spagnola,   che   vive   di   ispirazione   spontanea   e   penetra   nella   sfera   dell’intimità.   Il   vero   flamenco   lo   si   può   assaporare   solo   in   una   ristretta   cerchia   di   appassionati,   quando,   come   per   caso,   uno   inizia   a   cantare   le   sue   coplas   ,   canzoni   tramandate   oppure   trattate   liberamente,   sostenuto   e   incitato   dai   presenti.   Il   flamenco   non   vuole   intrattenere,   ed   è   nella   sua   forma   originaria   un   lamento.   Quando   il   cantaor   ha   raccolto   le   proprie   forze   può   iniziare   il   quejido,   il   lamento   che   proviene  dal   fondo   dell’anima,   il   canto   roco,   intenso,   fioco   e   velato,   che   si   libera   poi   nell’urlo,   distinguendosi   per   sequenza   di   note   e   ritmo,   dal   resto   della   musica   europea.   In   questo  ” cante   jondo” (   canto   profondo ),   primitivo,   di   cui   anche   Federico   Garcia   Lorca   parlò   nel   suo   ”   Poema   de   cante   jondo   ”  , (1) vengono   urlati   i   propri   sentimenti  :   si   parla   del   dolore   di   un   amore   infelice,   della   mancanza   di   speranze,   del   sentirsi   abbandonato.   Il   flamenco   può   anche   proseguire   per   ore,   addirittura   per   giorni   interi.   Gli   ascoltatori   seguono   l’estasi   del   cantante,   lo   accompagnano,   lo   incitano,   scandiscono   il   ritmo.   Applaudono   ai   movimenti   di   braccia   e   corpo   più   espressivi,   (   brazadas  ),    con   le  mani  (   palmas  )   e   battendo   i   piedi  (  zapateado  ).   Altri   cantaores   si   avvicinano,   intonano   le   proprie   coplas,   raggiungono   una   propria   estasi   attraverso   il   canto   e   la   danza.   Ecco   perché   il   flamenco,   tra   le   altre   cose   è   anche   un’esperienza   in   comune,   nella   quale   musica   e   danza   recitano   il   lamento,   ma   al   contempo,   introducono   una   grande   felicità,   una   fiducia,   una   gioia   di   vivere.

 

Non   si   sa   con   esattezza   quale   sia   l’origine   della   parola   ”  flamenco  ”   e   che   cosa   significhi   veramente :   alcuni   la   fanno   derivare   dall’arabo   fellah   e   mangu   (   canto   popolare  ).   Altri   la   collegano   alla   parola   spagnola   flame,   indicante   i   fiamminghi,   un   riferimento   al   seguito   arrogante   di   Carlo   V,   che   aveva   atteggiamenti   boriosi   e   supponenti.   In   ogni   caso   ,   la   patria   del   flamenco   corrisponde   al   triangolo   formato   da   Siviglia,   Cadice   e   Ronda.   Le   sue   origini   vanno   fatte   risalire   al   gruppo   dei   gitani,   gli   zingari   che   vivono   in   Andalusia.   Quando   questi   presumibilmente   partendo   dalle   Indie,   raggiunsero   l’Andalusia,   attraverso   l’  Europa   sud   orientale   alla   metà   del   XV   secolo,   i   canti   e   i    balli   della   loro   patria   indiana    si   fusero   con   le   tradizioni   delle   altre   culture   che   abitavano   la   Spagna   meridionale.   Il   flamenco   infatti   racchiude   elementi   della   musica   liturgica   vetero- indiana   e   bizantina,   canti   moreschi   e   mozarabici,   inni   cantati  nelle   sinanoghe   ebraiche,   tramandati   nei   secoli   dai   gitani.   Per   origini   e   caratteristiche   è   quindi   la   musica   di   un   popolo   sottomesso .   Soltanto   quando   la   situazione   dei   gitani   migliorò,   nel   XVIII   secolo,   e   la   Carmen   di   Bizet   fece   conoscere   il   flamenco,   questo   genere   musicale   cominciò   a   godere   di   un   tardivo   riconoscimento.   Nacquero   così   i   cafè   cantantes,   punti   d’incontro   degli   appassionati,   e   anche   i   pasos,   coloro   che   non   sono   zingari,   appresero   quest’  arte,   questa   fusione   di   cante,   (  canto  ),  toque  (  chitarra ) ,   e   baile  (  danza )   che   continua   ancora   oggi   con   la   sua   vivacità   e   forza   ad   affascinare

 

Petit   onze

Cantaor
inizia    il   suo   quejido    
urla   senza   più  
amore    solo
abbandonato

 

Isabella   Scotti   luglio   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941  n°   633

 

Notizie   da   Arte   e   architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen   Bohlen

 

 

Poema del cante jondo (Poema del profondo canto)

di  Federico  Garcia  Lorca  edito  da  Montecovello,  2015

Traduttore  :   Ceriello   B.

Collana  –   Libreria   internazionale

Data   di   pubblicazione   2015

 

Descrizione   del   libro

 

La    raccolta   poetica   “Poema del Cante Jondo”   è   una   originale   opera   di   Federico García Lorca   composta   da   una   serie   di   liriche   di   lunghezza   variabile.   Il   testo   si   organizza   in   varie   parti   e   prende   ispirazione   da elementi   della   terra   natia   del   poeta   stesso:   l’Andalusia.   I   temi   ricorrenti   sono   tipicamente   spagnoli   e   si   va   da   paesaggi   che   includono   monti,   mari   e   fiumi   a   personaggi   come   il   gitano,   le   donne,   i   cantanti. Non   possono   mancare   riferimenti   alla   vita   religiosa   popolare   spagnola   come   gli   elementi   della   passione del   Cristo   e   il   suono   delle   campane   delle   chiese   di   Granada   e   Cordova.   Altro   elemento   fondamentale,   da   cui   deriva   il   titolo   della   raccolta,   è   la   musica,   ma   non   quella   del   flamenco   tradizionale, ma   un   canto più   primitivo,   appunto   il   cante   jondo.   Questo   tipo   di   canto   è   appena   un   vagito,   è   un’emissione   più   alta   o   più   bassa   della   voce,   è   una   ondulazione   vocale   che   non   può   essere   trascritta   nel   pentagramma tradizionale.   È   simile   al   trillo   degli uccelli,   al   canto   del   gallo   e   alle   musiche   della   natura   tutta.   Il   cante jondo   porta   nelle   sue   note   la   nuda   e   struggente   emozione   delle   prime   razze   orientali,   quelle   autentiche, di   cui   il   gitano   diventa   il   diretto   erede

 

E   ora   ascoltate  questa   lettura   in   spagnolo.  Emozionante  ( anche  se   forse   un   po’   lunghetta   portate   pazienza  )

 

 

 

 

La   biografia   di   questa   splendida   interprete   del   flamenco ,   Carmen   Amaya , la   potete   trovare   su   Wikipedia.

Nata   a   Barcellona   il   2   novembre   del   1918,   morirà   a   Begur   il   19   novembre   del   1963   per   una   malattia

renale.   Lascio   qui   il   link   dove   potrete   leggere   di   più   su   di   lei.

https://it.wikipedia.org/wiki/Carmen_Amaya

Aria natalizia

Ops,   ma   questo   non   è   un   presepio !!!   Chi   sono   quei   due  ?   Ma   zio   Andrea   e   Arianna…

E   questi   allora   ?   Ma   certo,   sono   i   nonni   con   Arianna…   e   con   loro   il   famoso

Babbo   Natale

 

Eccolo   il   presepe.   Qualche   scena    per   dare   serenità.   Direttamente   dal   duomo   di   Monte   Porzio   Catone.

Natale   2019

 

 

 

 

e   questo   un   presepe   pugliese  ad   Alberobello

 

Tutti   gli   scatti   sono   ovviamente   personali,  miei   e   del   figliolo   Andrea

Carissimi   amici   anche   se   ancora   è   tutto   così   strano,   Natale   è   ormai   alle   porte.   Sebbene   questo   2020

sia   solo   da   buttare,   resta   il   fatto   che ,  anche   se   stranamente ,   è   giusto   tenere   presente   che   gli   auguri

vanno   sempre   fatti,   che   il   bello   del   Natale   sta   nella   magia   di   un   sorriso   e   di   un   abbraccio   in   più,

anche   se   da   lontano.   Cerchiamo   di   mantenere   nel   possibile   un   po’   di   serenità.   Che   in   ogni   famiglia

ci   sia   amore   da   donare   e   da   ricevere.   Che   la   gioia   di   quelle   famiglie   di   pescatori   di   Mazara   del  Vallo

sia   condivisa   da   tutti,   che   ogni   loro   sorriso   sia   anche   il   nostro,   che   indistintamente   si   possa   sempre

sperare   come   le   loro   mogli   e   madri   hanno   fatto.    La   speranza   non   deve   mai   spegnersi,   si   deve

credere   che   tutto   cambierà.   Lo   dobbiamo   per   dare   speranza   ai   nostri   figli   e   nipoti.    Che   il   Signore

con   la   sua   nascita   a   breve,   illumini   il   nostro   cammino,   donando   spiragli   di   luce   a   ciascuno.

Che   questo   Natale   così   difficile,   rafforzi   l’  amore   in   ogni   casa.   A   voi   tutti,   carissimi   amici,   il   mio   grande

circolare   abbraccio   a   365°   gradi   per   comprendervi   tutti

 

BUON   NATALE

 

La   vostra   Isabella

Quando Beethoven incontrò Goethe…

Carissimi ripubblico un mio vecchio post per i 250 anni dalla nascita del grande Beethoven. Ho intenzione, se riesco, di raccontarvi ancora qualcosa di questo grande musicista. Per ora rileggete se volete, questo articolo. Ora sono stanca, ho avuto giorni pesanti, scusatemi, ma vado a ninna. Buonanotte a tutti. La vostra Isabella

Isabella Scotti

Beethoven  ammirava  molto  il  poeta  Wolfang  Goethe  ancor  prima  di  conoscerlo  tanto  che  compose  l’ouverture  dell’Egmont,  ”solo  per  amore  delle  sue  poesie ,  che  mi  fanno  felice”,  e  addirittura ,  nel  periodo  1810 – 1812 ,   musicò  alcuni  lieder ( canzoni )  proprio  su  versi  del  poeta.  I  due  s’incontrarono  ,  nel  1812,  tramite  la  comune  amica  Bettina  Brentano,  a  Toplitz,  una  ridente  cittadina  termale  dove  Beethoven  era  solito  recarsi  per  le  cure  termali. I  loro  caratteri  erano  comunque  troppo  dissimili  perchè  da  quell’incontro  nascesse  una  profonda  amicizia:  libero,  impetuoso,  spregiudicato  Beethoven,  diplomatico  e  raffinato  Goethe.  Dagli  appunti  che  essi  lasciarono  nei  loro  diari  e  nelle  lettere  scritte  ad  amici  si  comprende  facilmente  che  i  loro  rapporti  furono  di  educata  tolleranza,  nulla  più.  Quando  si  conobbero  ,  Beethoven  aveva  42  anni  e  Goethe  62.  Durante  il  loro  breve  incontro  un  giorno, mentre  camminavano  lungo …

View original post 548 altre parole

Per te Ricky

 

L'immagine può contenere: una o più persone, oceano, cielo, natura e spazio all'aperto

 

 

Oggi   sono   già   quattro   mesi   che  ci   hai   lasciato   caro   nipote.   Siamo   qui   cercando   di   andare   avanti   con

coraggio,   ma   sapessi   com’  è   dura.

Ora   che   il   Natale   si   avvicina   è   anche   peggio,   è   già   tutto   così   triste  ,   non   so   come   lo   passeremo

senza   di   te,   quante   lacrime   verseremo.

Ho   scritto   due   nuove   poesie   sai  ?   Ora   te   le   faccio   leggere.

Magari   vienimi   in   sogno   stanotte,   per   dirmi   se   ti   sono   piaciute.   Non   deludermi,   ti   aspetto.

Tua   zia   Isabella

 

SPESSO,  TROPPE   VOLTE

 

Visualizza immagine di origine

”  Spesso,   
il   mal   di   vivere
ho   incontrato  ”.
Mi   chiudevo
come   in   una   gabbia,
col   mio   tormento
e   la   mia   angoscia.
Sapevo
che   al   di   là
delle   sbarre,
tutto  
andava   avanti,
mentre
sempre   più
mi   accartocciavo
in   me   stessa,
quasi
come   un   cartone
che  
mani   sconosciute
avesse   sgualcito.
Erano
strani   momenti
quelli.
Ma   per   fortuna
durarono   poco.
Mi   richiamò  
la   vita,
e   forzai
allora   le   sbarre
uscendo,
correndo   lontano
libera,
di   nuovo   pronta
a   ricominciare.
Ora   sono   qui,
respiro
senza   più   paure. 
Non   mi   accartoccio  
più   in   me   stessa.
Ho   trovato
la   soluzione.
Accetto
ciò   che   viene,
affrontando
le   curve
con   decisione
per   ritrovarmi  
presto
su   di   un  
rettilineo.
E   sorrido …
nulla   è   meglio
di   un   sorriso

anche   se   con

la   tristezza

nel   cuore

 

 

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   poesia   di   Eugenio   Montale  ”  Spesso   il   mal   di   vivere   ho   incontrato  ”

 

SOLO    CON   SE   STESSO

 

Visualizza immagine di origine

edwardhopper.net

Ognuno
sta   solo
sul   cuore
della   terra…
solo  
con   se   stesso,
a   combattere
i   suoi   demoni,
le   sue   paure
le   sue   incertezze.
Quando   ognuno  
prova
  il   dolore   che
ti   prende
improvviso,
come   un   pugno
allo   stomaco,
  cerca
spiegazioni
che   non   trova .  
Piange
e   non   c’è   conforto
che   aiuti.
E’   solo
con   quel   dolore
che   lo  trafigge,
come   un   coltello
che   penetra
nella   carne,
sempre   più  
a    fondo. 
   Combatte
con   i   dubbi,
  si
arrovella
per   trovar
risposte.
E   intanto
fugge 
il   tempo,
per   un   attimo
sembra
quasi
di   aver   vinto
contro
quei   demoni,
di   aver   superato
quel   dolore,
la   solitudine.
Ma   no,
non   è   così  ,
essa   continua
ad   incrementar
quel   sentirsi
inutile,
fuori   posto.
Ma   ormai   
è   tardi  ,
improvvisamente ,
è   subito   sera  .

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit    dalla  poesia   ”   Ed   è   subito   sera  ”   di   Salvatore   Quasimodo

 

 

E un altro…

Certo   che   questo   maledetto   2020,   anno   bisestile,   continua   fino   alla   fine   a   tormentarci.

Io   direi   basta,   non   se   ne   può   più.

Ecco   stamani    alle   sei ,   su   ski , la  nuova   bella   notizia  :   Paolo   Rossi   non   c’è   più  .

Ascolto   impietrita,   non   ci   posso   credere  :   64   anni   soltanto.

Impossibile   da   pensare.   Lui,   si   proprio   lui,   quello   dal   volto   di   eterno   ragazzo,   quello   dal   sorriso

contagioso,   quello   dei   mondiali   di   calcio   rimasti   nella   storia.

1982   :   l’ Italia   che   vince   i   mondiali 

L’   Italia   senza   il   coronavirus,   senza   Conte,   senza   Di   Maio.   L’  Italia   di   Pertini,   della   gioia   irrefrenabile,

del   calcio   giocato   e   da   tutti   amato   perché   ancora   il   calcio   era   seguire   il   pallone,   correre,   fare   tripletta

al   Brasile   e   vincere.   Ricordo   quel   giorno.   Le   urla   di   gioia   davanti   al   televisore,   i   salti   di   buona   e

giusta   euforia,  (   mio   marito   riuscì   a   dare   una   testata   al   lampadario   per   un   salto   un   pochino   da   atleta

di   ”   pallacanestro  ” ,   niente   di   grave   per   fortuna  )  quel   sentirsi   italiani   fino   in   fondo.

Ecco   con   Paolo   Rossi   se   ne   va   un   pezzo   di   noi,   un   pezzo   d’  Italia ,  quella   più   genuina,   quella   del

calcio   vero,   quando   ancora   ci   si   riuniva   per   vedere   giocare   la   partita   del   cuore   in   tv.  Almeno   noi.

Ora   con   Maradona   giocheranno   lassù,   nei   campi   elisi   liberi,   senza   età,   felici

Un   altro  arrivederci,   un   altro   buon   viaggio

 

 

Paolo Rossi, dopo la squalifica per calcio scommesse mi disse: «È finita. Restiamo amici»

Corriere   della   sera  –  sport

Auguri sotto una pioggia battente

Carissimi ,  piove   troppo   oggi,   per  uscire .   Farò   felice   Conte   se   non   metto   fuori   il   naso.   E   allora   da   qui,   postazione   pc,   vi   faccio   gli   auguri   per   una   Buona   Festa  dell’  Immacolata.   Che   la   Madre   Celeste   ci   protegga   tutti,   in   questi   giorni   così   difficili   che   stiamo   vivendo.

Un   saluto   e   un   pensiero   a   chi   sta   vivendo   lo   strazio   del   Covid   e   a   chi   è   rimasto   senza   casa   per   la   pioggia   terribile   che   ha   innalzato   i   fiumi,   e   a   chi   per   la   neve   abbondante   è   rimasto   isolato.   La   mia   preghiera   è   per   tutti   voi.

Speriamo   che   tutti   i   disagi   finiscano   presto,   e   che   il   coronavirus   maledetto   perda   ogni   virulenza.

Un   grande   abbraccio   a   tutti.

La   vostra   Isabella

 

Visualizza immagine di origine

 

Vergine   celeste

a   te

rivolgiamo

la   nostra   preghiera.

Non   lasciare

chi   sta   soffrendo

per   il   covid

ancora

più   solo

di   quanto

non   lo   sia   già.

Allunga

le   tue   mani

ad   accarezzare

la   sua   fronte,

dona   conforto

e   forza,

a   chi

è   debole

per   lottare.

E   non   abbandonare

Madre    Celeste,

chi   piegato

da   un   grande   dolore

continua

ad   andare   avanti,

percorrendo   ormai

il   viale

della   vita

senza   più

convinzione

e   interesse.

Prega   per   noi

a  te   

ci   affidiamo

con   Amore.

Amen

 

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Tanka dedicato al caro amico Marco di Voci dai borghi

Son   Dolomiti

imbiancate   di   neve

magiche   vette –

 

vento   increspa   mare

laguna   soffre   freddo

 

Isabella   Scotti   novembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

”   Nessuna   città   è   sorta   dal   nulla;   ma   a   Venezia,   non   soltanto   le   piazze   e   le   strade   sono   stati,   come   dovunque,   costruiti   dalle   mani   dell’   uomo:   è   il   terreno   stesso,   su   cui   queste   forme   s’  innalzano,   che   è   stato   fatto   dall’  uomo .   Prima   di   costruirsi   le   strade   e   le   case,   i   veneziani   han   dovuto   fissare,   ancorare   il   suolo ;   consolidare   con   palafitte   il   fondo   sommerso   e   sfuggente   delle   isole ;   innalzare   e   rincalzare   le   rive   contro   le   maree ;   imporre   ai   canali   deflussi   non   rovinosi.   Infine :   costruire   la   base   stessa   necessaria   all’   affermazione   della   loro   volontà   di   sopravvivere  e   di   dare   alla   loro   vita   una   forma   e   un   destino.

Il   carattere   ”  artificiale  ”   di   Venezia   non   è   dunque   che   la   manifestazione   di   quel   che   è :   opera   dell’  uomo ; opera   d’  arte.   Ma,   sebbene   in   diversa   e   in   minor   misura,   anche   per   Venezia   esiste   uno   spazio   dato,   una   natura,   una   condizione   preartistica.   Soltanto   la   natura   veneziana   non   è   di   monti   o   masse   d’  alberi.   E’   di   acqua   e   di   aria  :   cioè   di   elementi   puri,   quasi   immateriali  :   non   plastici,   ma   di   colore.   L  ‘  immagine   della   città   sboccia   tra   l’  aria    e   l’  acqua  ;   s’  innesta   sulla   linea   di   collimazione   tra   aria   e   acqua,   illimitate   come   ”  dimensioni  ”  :   puri   valori   qualitativi,   che   evidentemente   non   possono   essere   dominati   e   composti   che   nell’  ordine   del   tempo.

Quel   che   mancava,   alla   forma   nascente   di   Venezia,   era   precisamente   il   limite   spaziale  :   il   punto   di   riferimento.   In   relazione   ad   una   morfologia   artistica,    tanto   la   distesa   del   mare,   quanto   la   distesa   del   cielo,   non   sono   che   superfici,   quasi    assolute,   di   colore  :   indeterminabili   con   formule   geometriche,   inesprimibili   con   la   sintassi   prospettica,   sottratte   alle   leggi   classiche   della   composizione.

Non   c’ è   dunque   da   meravigliarsi   dunque,   se   l’  arte   veneziana,   e   Venezia   stessa,   sono   fin   dalle   origini   orientate   verso   una   sintassi   antigeometrica,   antiprospettica   –   o,   a   dir   meglio,   verso   un   linguaggio   composto   a   grado   di   una   geometria   provvisoria   e   speciosa,   che   moltiplica,   intreccia,   decompone,   ricostruisce,   e   lascia   infine   allo   sguardo,   su   campi   d’  oro   e   d’  azzurro,   solo   le   macchie   mobili   e   felici   d’   un   canto   di   colore   senza   fine  .  ”

 

Da   ”  Introduzione   a   Venezia  ”   TCI  –  1963 ,  di   Sergio   Bettini

 

La   tua   foto   caro   Marco   è   bellissima.   Grazie   ,   mi   hai   fatto   tornare   alla   mente   luoghi   ai   quali   sono   molto   legata.