Una frase…

” Quando   assisto  alla   facilità   vertiginosa   con   cui   degli   adolescenti,   anzi   dei   bambini,   s’ impadroniscono   di   nuovi   gadget ,   della   maestria   con   cui   manovrano   i   tasti,   i   pulsanti,   deputati   alle   più   complesse   operazioni,   mi   chiedo   fino   a   che   punto   questa   immane   espansione   delle   conoscenze   segnaletiche   e    informative,   vada   a   scapito   dei   faticosi   sentieri   della   memoria,   e   di   quelli   –   un   tempo   beati   –   della   fantasia   creatrice.  ”

Gillo   Fortles

 

Come   non   essere   d’accordo ?   Meno   male   che   Arianna   non   sembra   presa,   anche   se   piccolina ,  da   certe   manie.   Non   mi   piace   vedere   bambini ,  che   aspettando   la   madre   in   fila   alla   posta   ad   esempio,   si   trastullano   con   un   tablet   e   il   cellulare,   invece   d’avere   in   mano   un   libro,   sia   di   favole   che   qualcos’altro.   Il   libro   è   unico,   sfogliarne   le   pagine   affascinante.   Premere   tasti   è   solo   un   cambiare   continuo,   come   fare   zapping   con   il   telecomando.   Non   c’è   molta   inventiva   nel   premere   un   tasto,   senza   neanche   ben   capire   cosa   si   sta   facendo.  Lasciamo   i   nostri   bimbi   liberi   di   dar   sfogo   alla   propria   immaginazione.   Evitiamo,   per   nostra   comodità ,  di  renderli  schiavi   di   quel   mondo   tecnologico   di   cui   noi   adulti   ci   serviamo.    Lasciamoli   liberi   di   creare,   liberi   di   fantasticare.   C’è   sempre   tempo   per   crescere.

Visualizza immagine di origine

 

viverediscrittura,it

Annunci

E’ lì , sola…

Visualizza immagine di origine

pinterest.com

Ho   trovato   questo   volto  così   tanto   intenso,   che  dopo   averlo   osservato   a   lungo   è   nata   questa  poesia.   Per   voi.    Un   abbraccio   a   tutti.   La   vostra   Isabella

 

La   mano   destra,

rugosa,

si   appoggia,

stanca,

allo   stipite

della   porta.

L’   altra,

tiene    stretta

una   vecchia   scopa

di   saggina.

I   suoi   occhi

sembrano   fissare

il   nulla.

Si   riposa   così,

dopo   la   fatica

di   un   ripulire

stanze   vuote,

dove   un   tempo

risuonavano   voci

oggi,  

ammutolite.

Gesti   ripetuti,

di   una   quotidianità

che   è   sempre   più

fine   a   se   stessa.

E’   sola,

non   c’ è   più   nessuno

dentro   la   sua  casa.

Talvolta 

scende   alla   spiaggia,

e   ferma   sulla   riva,

si   abbandona   

ai   ricordi.

Ma   quegli   occhi,

che   sempre  

fissano   il   nulla,

che   raccontano

della   sua   solitudine,

sono   spenti,

senza   luce.

Nemmeno   il   mare,

con   la   sua   nenia,

riesce   a   farle   compagnia :

troppo   triste

è   il   suo   cuore.

”  Che   fardello   pesante,

insostenibile,

è   talvolta   la   vita.  ”

 

.

Isabella   Scotti   settembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

 

S. Caterina di Lusiana

Visualizza immagine di origine

chessifa.altervista.org

La   mia   valle ,   i   miei   boschi   e   laggiù   S.   Caterina

 

Affacciata   alla  ” piccola ”   finestra   della   ”  grande  ”   mansarda,   tutte   le   mattine   mi   mettevo   a   guardare   se   in   strada,   ci   fosse   già   qualcuno   dei   miei   amici.   Sì,   perché   ogni   volta   dopo   colazione,   ci   si   riuniva   per   decidere   cosa   fare   della   nostra   giornata.   E   allora   aspettavo   che   qualcuno   mi   chiamasse…   E   puntualmente   il   mio   nome   risuonava   :  ” Isabellaaa,   Isabellaaa”.   Ero   in   vacanza,   una   ragazzina   allora,   e   mi   piaceva   tutto   del   luogo :   S.   Caterina   di   Lusiana.   Un   luogo  che   per   noi ,  da   Bassano   del   Grappa,   col   pullmann ,  era   l’ideale   per   soggiornarvi   d’  estate.   Ne   ero   innamorata.   Così   come   di   tutti   i   luoghi   vicini,   compreso,  se   pur   un   poco   più   distante,    l’altopiano   di   Asiago,   le   malghe   e   tutto   ciò che   odorava   di   montagna.    Fin   da   piccolina,   passavo   lì ,  con   i   nonni,   con   mia   madre,  (  mio   padre   restava   a   casa   ancora   a   lavorare,   per   raggiungerci   in   agosto  ),  le   vacanze.   Ho   perfino   iniziato   a   muovere   i   primi   passi   davanti   al   cimitero,   dove   c’era   un   piccolo   praticello.   Chissà  , se   è  da   allora ,  che   mi   porto   dietro   un   interesse   particolare,   per   i   cimiteri   di   ogni   paese   che   visito.     Un   piccolo   paese,   S.   Caterina,   con   una   chiesa   nella   piazza,   dove   il   parroco   non   dava   tregua   ai   miei   amici   maschietti,   ai   quali   sistematicamente   tagliava   il   pallone   che   rotolava   sempre,    guarda   un   pò,   fino   ai   suoi   piedi,   quando   giocavano   su   strada.   Mi   faceva  rabbia   quel  gesto,   per   me   allora,   assolutamente   incomprensibile.   Forse   oggi   sarei   portata   a   dire,   che   lo   faceva   perché   giocare   nei   pressi   di  un   luogo   di   culto   è   poco   rispettoso,   chissà.   Poco   più   in   là   della   chiesa,   c’era   la   sua   casa   dove   la   perpetua,   una   signorina   di   mezza   età,   con   gli   occhiali,   il   mento   un   po’   in   avanti,   coltivava   un   bel   giardino   con   annesso  orticello.   Comunque,   i   miei   amici,   dopo   il   fatto   del   pallone ,   ne   cercavano   un   altro   e   riprendevano,   il   giorno   dopo,   a   tirarselo   sui   piedi,   incuranti   del   fatto   che   il   parroco,   se   colti   sul   fatto,   lo   avrebbe   di    nuovo   fatto   a   pezzi.

La prima citazione di questo luogo sacro, sede della parrocchia del paese, è del 1399 quando fu permesso a un sacerdote di officiarvi , vista l’eccessiva distanza dalla pieve di  Marostica . Fino al 1502  i suoi rettori furono quasi tutti di origine tedesca, segno della predominanza dell’elemento  cimbro  tra la popolazione. Nel  1473 il   vescovo   di   Padova   Jacopo   Zen,  la dichiarò parrocchiale, divenendo luogo di culto di riferimento per tutte le contrade dei dintorni, compresa Conco.

Quando quest’ultima fu dotata di una propria chiesa, le venne trasferito il titolo di parrocchiale, tant’è che nei documenti relativi alla  visita   pastorale del  1617  Santa Caterina viene definita «chiesa campestre, un tempo parrocchiale». Parzialmente autonoma dal 1688  anno in cui le fu concesso un proprio curato, solo nel  1882  tornò ad essere parrocchiale.

L’edificio ha subito numerose riedificazioni, in particolare quella avvenuta attorno al  1754   e l’ultima, conclusa negli   anni  1960  Il campanile è stato completato nel  1950

Delle opere qui conservate, spicca la  pala dell’altare maggiore, dipinta nel  1534- 35  da   Jacopo  da   Bassano   raffigurante la Madonna in trono con Gesù Bambino tra santa Caterina d’Alessandria e il vescovo veronese Zeno. Degne di nota anche alcune sculture settecentesche realizzate da maestranze locali, tra cui un angelo reggicandelabro e un Cristo coronato di spine, entrambi in pietra calcarea policroma.

Nella chiesa è conservata una   Sacra   Spina  oggetto di grande venerazione popolare.   (   Wikipedia  )

 

 

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

la   parrocchia

Comunque   noi   eravamo   una   bella   squadra ,  decisa   ogni   giorno ,  ad   andare   nei   boschi   circostanti   a   fare   ciclamini.   Era   la  mia   passione.   Lasciavamo   il   paese   alle   nostre   spalle   e   partivamo   per   andare,   arrampicandoci,   dentro   il   bosco   che   limitava   la   strada.   Ognuno   di   noi   si   dileguava   all’interno,   libero   di   vagare   tra   gli   alberi,   mentre   il   sole   inviava   i   suoi   raggi   tra   un   ramo   e   l’altro.    Mi   sentivo  intensamente  partecipe   di   qualcosa,   che   aveva   su   di   me,   un   grande   fascino.   Il   sottobosco   col   suo   silenzio   mi   ammaliava,   mentre   alla   ricerca   di   ciclamini   mi   spostavo   da   una   parte   all’altra.    Quando   il   mazzo   era   bello   grande,   tanto   da   stupire   i   miei   amici,   mi   fermavo   contenta   e   lo   accostavo   al   naso   per   sentirne   il   profumo.   Poi   uscivo  dal   bosco,   e   mi   riunivo   agli   altri,   aspettando   chi   tardava   a   venir   fuori.   Poi   si   tornava   al   paese,   e   ognuno   di   noi   rientrava   a   casa ,  soddisfatto   del   proprio   trofeo.   Nella   piazza,   dietro   il   campanile   c’era   un   albergo,   dove   le   cucine   guardavano   su   di   un   prato.   Spesso   dopo   pranzo,   con   un   libro   in   mano,   mi   piaceva   attraversare   il   ponte   che   portava   su   di   un   campo   di   bocce,   per   arrampicarmi   e   superando   un   muretto,   arrivare   su   quel   prato.    Lì,   sotto   un   grosso   albero,   mi   sedevo   comoda   e   leggevo.    Era   bellissimo,   un   momento   di   totale   relax   e   libertà   assoluta.   A   volte,   continuando   la   strada   che   saliva,   lasciando   alle   spalle   il   campo   di   bocce,   dove   con   mio   nonno,   un   appassionato,   facevo   tante   partite,    con   i   miei   amici ,  seguendo   un   sentiero ,  arrivavamo   sotto   degli   alberi   di  ciliegie.  Qui   si   faceva   a   gara   nel   raccoglierle,   laddove   i   rami   ce   lo   permettevano,   belle   tonde,   rosse   e   succose.   Una   meraviglia.

La   mansarda   dove   mi   trovavo   con   mia   madre   e   mio   fratello,   era   ubicata   in   uno   stabile   di   proprietà   di   una   zia,   la   zia   Marina,   sorella   della   mia   bisnonna.   Era   all’entrata   del   paese ,  dove   si   trova   tutt’ora ,   anche   se   non   più   di   famiglia.   Vicino   c’era   un   convento   di   suore   dove   molto   spesso   andavo   di   pomeriggio,   per   divertirmi   nel  loro   giardino,   dove   c’era   una   specie   d’ impalcatura   in   ferro,    avete   presente   gli   anelli   di   Yuri   Chechi  ?   Bè,   togliete   gli   anelli   e   pensate   a   me  ,   sulla   sbarra,   a   penzoloni,   mentre   dondolandomi   su   e   giù,    a   mò   d’ altalena   senza   sedile,   facevo   prove   di   resistenza :   mi   erano   venuti   certi   calli…   Poi   finite   le   ”  prove  ”,   lasciavo   il   giardino   mentre   le   suore   mi   davano   qualche   dolcetto.   Vicino   al   convento   c’era   la   macelleria   del   simpatico   Willer   dove   andava   sempre   mia   madre.   Con   lui   si   chiacchierava    volentieri   mentre   con   passione   affettava   la   carne,   sempre   col   grembiule   bianco,   talvolta   sporco   di   sangue.  Ogni   tanto   mi   piaceva   seguirlo,   anche   con   mio   fratello,   al   mattatoio.    Per   arrivarci   si   faceva   una   bella   passeggiata ,   e   poi   lì   dentro   assistevo   al   macabro   rito   dell’ uccisione   del   bue,  mentre  la   sua   carcassa    veniva   sull’ uncino   appesa   per   far   gocciolare   il   sangue.   Ero   coraggiosa   e   per   nulla   turbata,   anzi   al   contrario   molto   incuriosita.   Dal   mattatoio,   proseguendo   si   arrivava   alla   famosa   ”  pozza”,     laghetto   misero,   appunto   così   soprannominato.   Di   sera   si   passeggiava,   come   di   giorno   del   resto,   arrivando   anche   fino   a   Lusiana,    (  dove   durante   una   festa   paesana,   ricordo   di   aver   visto   i   fuochi   d’artificio   brillare   sopra   la   mia   testa  ),   in   assoluta   tranquillità,    con   gli   amici,   mentre   le   stelle   ci   facevano   compagnia,   tra   una   risata   e   l’altra.   Erano   giorni   sereni,   una   vita   libera,   senza   cellulari,   soltanto   la   voce   usata   per   chiamarsi ,   cercarsi.   Come   quando   chiamavo   Adriano,   il   figlio   dei   contadini,   che   per   venire   con   noi   a   ciclamini   doveva   avere   il   permesso   dai   suoi   genitori :   anche   lui   lavorava   nei   campi.   Era   bellissimo   stare   lì.   Mai   sentita   meglio   in   vita   mia.   Da   adulta   vi   ho   portato   anche   i   miei   figli,   per   far   vedere   loro   un   paese   che   poco,    quasi   per   nulla,  a   distanza   di   anni   è   cambiato,   dove   la   loro   madre,   ogni   volta   che   ne   tocca   il   suolo,   torna   sempre   adolescente.

 

Visualizza immagine di origine

tripadvisor.it

 

Se  osservo

la   tua   foto,

sempre   uguale

a   te   stesso,

paese

dalle   piccole   case,

sparpagliate

tra   il   verde

dei   boschi,

ti   rivedo

fermo

a   com’eri

tanti   anni   fa.

E   risento

le   nostre   voci

di   fanciulli,

e   mi   rivedo

libera

giocare   a   pallone,

nel   campo   grande,

di   terra,

vicino   alla   scuola.

Io,

strano   portiere,

gioiosa,

ma

sempre   molto   attenta

a   non   fare   entrare

in   rete,

quella   palla.

Mi   tornano

in   mente   spesso

i   nostri   giochi ,

amici   cari ,

le   nostre   passeggiate,

tutto

fermo   al   tempo

in   cui

ogni   cosa   ci   sorrideva.

Chissà   come

siete   cambiati,

come

cambiati   saranno

i   vostri   volti,

così   come   cambiato  

è   in   fondo   anche   il   mio.

Solchi   sparsi,

segni   che   non

riescono   a   cancellare

chi   siamo   stati

e   come   eravamo.

Ma   che   importa

se   di   allora

tutto   ritorna,

se   nulla   nel   cuore

è   mutato.

Vi   porto   con   me,

e   questo   conta,

memoria   indelebile

di   un   pezzo,

importante,

della   mia   storia,

non   ancora   finita.

 

 

Isabella  Scotti   settembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 

 

Due poesie per augurarvi …

…di   passare   un   buon   settembre,   amici   cari.  Con   sincero   affetto

la   vostra   Isabella

 

 

 

Anche   se   questa   c’ entra   poco   con   la   poesia,   mi   piace   troppo.    Forse   è   più   indicata   quest’altra

 

 

E’   settembre

 

Piano,
controvoglia,
ma   inesorabilmente
sparisce  
il   sole   d’ agosto.
Piano,
si   ritira,
si   nasconde,
mentre   nubi   nere,
apparse   in   cielo,
son   di   cattivo    auspicio.
Giunto   è   settembre,
il   nostro   mese.
Ricordi
dov’eravamo   oggi?
Sul   greto  
di   quel   fiume,
soli,
io   e   te.
Un   leggero   venticello
mi   aveva   scomposto
i   capelli.
E   tu,
con   la   tua   mano,
li   avevi
rimessi   in   ordine.
Forte 
il   rumore  dell’acqua,
che   scendeva   a   valle.
Forte   
quel   sentimento
che   ci   univa.
Era   settembre,
come   oggi,
che   siamo   insieme,
ancora   qui. 

Isabella   Scotti   settembre   2018

testo  :   copyright    legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Visualizza immagine di origine

aforismi.meglio.it

 

Cosa   ti   annuncia  ?

 

Cos’è   che   ti   annuncia,
o,   settembre?
È   forse
quel   vento
che   s’alza   improvviso?
È   forse
l’arrivo
di   quell’ insieme
di   nuvole?
È   forse
questa   malinconia
che   preme?
O   è   forse
il   triste   allungarsi
della   sera?
O,   settembre,
la   tua   aria   fresca
mi   penetra   tutta,
mi   toglie   di   dosso
quel   caldo   d’agosto
afoso   e   umido.
E   riscopro
felice
con   te,
la   prima   rugiada
mattutina.

Isabella   Scotti   settembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

Don Chisciotte – una parodia e molto di più

Questo   non   è   un   giro   all’interno   di   città   andaluse.   Ma   un   excursus   letterario.

Chi   non   conosce   la   coppia   grottesca   formata   dal   macilento   Don   Chisciotte   e   dal   grasso  Sancio   Panza,   che   racconta   le   numerosissime   avventure   accadute   nel   corso   di   tre   viaggi,   ambientate   in   un   territorio,   la   Mancia   (   dall’ arabo   senza   acqua   )   fatto   di   distese   pianeggianti   color   ocra ?   Quando,   nel   gennaio   1605,   venne   pubblicata   la   prima   parte   del   Don   Chisciotte  ,   il   libro   ottenne   subito   un   grande   successo.   L’   autore,   Miguel   de   Cervantes   Saavedra  (   1547 – 1616  ),   aveva   all’epoca   57   anni,   e   da   quasi   vent’anni   non   aveva   più   pubblicato   un   libro.   Aveva   condotto   una   vita   molto   avventurosa,   combattuto   come   soldato   contro   i   turchi   ed   era   stato   gravemente   ferito   durante   la   battaglia   di   Lepanto.   aveva   anche   trascorso   5   anni   nelle   prigioni   algerine,   ed   era   poi   divenuto   responsabile   del   vettovagliamento   dell’  Armada   ed   ancora   esattore   delle   imposte.   Si   ritrovò   poi   nelle   prigioni   di   Siviglia,   con   l’accusa   di   non   aver   versato   il   denaro   delle   tasse   secondo   gli   ordini.   Qui   iniziò   la   stesura   del   suo   romanzo,   che   l’avrebbe   tramutato   in   uno   degli   scrittori   più   celebri   di   tutta   la   Spagna  .   ”   L’  ingegnoso   nobile   don   Chisciotte   della   Mancia  ”

 

Visualizza immagine di origine

museoscienza.org

Il   tema  del   romanzo   è   conosciutissimo:   ”In   una  località   della   Mancia,   di   cui   non   mi   ricordo   il   nome…” vive   il   nobile   Alonso   Quijano,   impoveritosi  e   ancora   legato   al   suo   ideale   sognante   di   cavalleria,   alimentato   dalla   lettura   di   romanzi   cavallereschi   dell’epoca.   In   breve   tempo   perde   completamente   la   ragione   credendo   di   doversi   tramutare   in   cavaliere   errante,   in   difensore   dei   poveri,   delle   vedove   e   degli   orfanelli,   per   amore   di   Dio   e   dell’amata.   Armato   di   una   ciotola   da   barbiere   come   elmo   e   di   un   vecchio   ronzino   scheletrico   e   malandato,   Ronzinante,   parte   per   la   sua   prima   avventura,   autobattezzandosi   Don   Chisciotte   e   scegliendo   come   amata   angelicata   una   giovane   contadina,   ribattezzata   Dulcinea   del   Toboso,   eleggendola   dama   del   suo   cuore.   In   un’osteria   che   tramuta   nel   suo   castello,   si   fa   nominare   cavaliere   dall’ oste.   I   giorni   seguenti   compirà   delle   imprese   cavalleresche,   fino   a   quando,   dopo   essere   bastonato   da   un   mulattiere,   viene   ricondotto   a   casa   ferito.   Per   liberarlo   dalla   sua   pazzia,   i   parenti   decidono   di   bruciare   quasi   tutti   i   libri   e   murare   la   sua   biblioteca,   cosa   che   l’eroe,   fedele   alle   fantasie   cavalleresche   dei   suoi   libri,   considera   come   il   gesto   di   un  mago   nemico.   Dopo   14   giorni   se   ne   va   di   nuovo,   accompagnato   dal   contadino   Sancho   Panza,   dopo   averlo   convinto   a   diventare   il   suo   scudiero   illudendolo   con   una   carica   fittizia   di   governatore.   Altre   avventure   seguiranno,   tra   le   quali   la   celebre   battaglia   contro   i   mulini   a   vento,   che   immagina   come   acerrimi   nemici,   e   la   cacciata   di   un   corteo   funebre   notturno,   che   affibbiò   a   Don   Chisciotte,   il   titolo   di   ”  Cavaliere   dalla   figura   triste  ”.   Rinchiuso   in   una   gabbia   sarà   riportato   al   suo   villaggio.   Il   romanzo   di   Cervantes   aveva   come   fine   ultimo   quello   di   ridicolizzare   la   forma   letteraria   più   in   voga   al   suo   tempo,   e   cioè   il   romanzo   cavalleresco.   ”  Non   avevo   altro  desiderio   che   far   detestare   agli   uomini   le   storie   mendaci   e   insensate   del   romanzo   cavalleresco”.

 

Visualizza immagine di origine

imgkid.com

 

Ma   cos’erano   i   romanzi   cavallereschi   o   picareschi ?   Essi   sono   un   genere   letterario   a   sé   stante   che   prende   origine   nella   saga   carolingia   e   bretone   diffusasi   nel   medioevo,   rappresentando   una   prosecuzione   dell’epica   eroica   medievale.   Azioni   eroiche,   avventure,   relazioni   amorose   e   incantesimi,   la   presenza   costante   del   mondo   favolistico   e   misterioso   venivano   qui   rese   in   modo   esagerato.   Uno   dei   romanzi   spagnoli   più   famosi,   l’  Amadis   de   Gaula   (  1508  )   ne   aveva   imposto   gli   standard.   Il   romanzo   di   Cervantes,   è   più   che   una   parodia   del   romanzo   cavalleresco,   è   un’ epica   romanzata   ricca   e   coinvolgente.   Introducendo   le   avventure   nello   stile   del   romanzo   cavalleresco,   l’autore   si   contrappone   in   realtà   alla   moda   letteraria   del   periodo.   Così   se   da   un   lato   include   il   tema   dell’ amor   cortese,   uno   degli  argomenti   prediletti   del   romanzo   cavalleresco,   dall’altro   intercala   dibattiti   letterari.   Come   alla   fine   del  primo   libro,   dove   il   vescovo   di   Toledo   tiene   un   discorso   sui   vantaggi   e   svantaggi   dei   libri   cavallereschi,   esponendo   le   proprie   idee   sul   teatro   contemporaneo.   L’elemento   che   comunque   affascina   di   più   nel   ”   Don   Chisciotte   ”   è   il   teatro   dell’azione:   mentre   gli   eroi   delle   epiche   cavalleresche   vivono   le   proprie   avventure   e   storie   d’ amore   sempre   nel   Medioevo,   la   storia   di   Cervantes   descrive   la   Spagna   contemporanea,   del   Seicento,   quando   lo   splendore   della   potenza   mondiale   stava   iniziando   a   declinare.   Inghilterra   e   Francia   stavano   togliendo   alla   Spagna   il   suo   ruolo   di   potenza   egemone,   l’ oro   e   l’ argento   provenienti   dal   Nuovo   Mondo   avevano   provocato   l’aumento   dell’inflazione   e   rovinato   la   compagine   economica.   L’ allontanamento    dei   moriscos  (  musulmani   di   Spagna  ),   significò   anche   gravi   danni   per    l’ agricoltura   e   per   l’ artigianato,   situazione   peggiorata  da   epidemie   e   cattivi   raccolti.   Nel   romanzo   del   nostro   si   incontra   questa   terra   e   gli   uomini  che   la   abitano.   Cervantes   traccia   alla   perfezione   ritratti   di   ragazze   e   contadini,   preti   e   soldati,   cortigiani   e   nobili   con   uno   stile   che   fece   commentare   a   Ortega   y   Gasset     (   filosofo   e   saggista   spagnolo  )”  Ci   compaiono   proprio   davanti  agli   occhi  ”.   

Introduce   scene   analiticamente   osservate,   come   quando   Don   Chisciotte   incontra   attori   girovaghi   e   burattinai,   oppure   quando   partecipa   ad   un   matrimonio   tra   contadini.   Ma   anche   i   problemi   politici   non   vengono   tralasciati.   quando   alla   fine   del   primo   libro   Sancio   Panza   e   il   pastore   sottolineano   di   avere   puro   sangue   cristiano,   Cervantes   allude   al   principio   della   ”  Limpieza   de   sangre ”   e   ai   Conversos  (   convertiti   ebrei   o   musulmani   al   cattolicesimo ).

Inoltre   molti   sono   anche   i   dati   autobiografici,   come   la   storia   dello   schiavo   moro   riscattato,   che   tratta   di   un   nobile   che   viene   rinchiuso   nelle   prigioni,   poi   liberato   da   una   cristiana   influente   e   tornato   finalmente   in   Spagna.   Questo   nobile   era   stato   allievo   ufficiale   ed   aveva   combattuto   nella   battaglia   di   Lepanto,   cercando   di   diventare   capitano,   ma   la   sua   carriera   era   stata   interrotta   dalla   lunga   prigionia   che   anzi   vi   aveva   posto   fine.   La   vicenda   ricorda   senza   ombra   di   dubbio   le   stesse   speranze   di   Cervantes,   finite   nella   battaglia   appunto   di   Lepanto   con   una   grave   ferita   e   una   lunga   permanenza   nelle   prigioni   algerine.   Cervantes   quindi   con   la   sua   opera   volle   così   creare   una   sorta   di   parodia   del   poema   cavalleresco,    segnandone   anche   la   fine    .    Pur   tuttavia   riuscì   a   portare   nell’ epoca   moderna   una   sorta   di   archivio   delle   rappresentazioni   medievali,   dopo   che   i   romanzi   cavallereschi   del   ”   Sigle   de   oro  ”  (   secolo   d’oro  )   erano   stati   in   parte   dimenticati,   e   in   parte   perduti

notizie  da   Arte   e   architettura   –   Andalusia   Brigitte  Hintzen   Bohlen

Il patio – un’oasi raccolta nel cuore della casa

Passeggiando   per   le   strette   stradine   tortuose   nei   quartieri   più   antichi   di   Cordoba,   Siviglia,   Granada,   e   di   molte    altre   città   e   cittadine   andaluse,   si   possono   ammirare   i   cortili   interni   ornati   da   una   profusione   di   fiori,   che   rappresentano   il   cuore   di   ogni   casa.   Le   cosiddette   ”   cancelas   ”,   belle   porte   in   ferro   battuto,   lasciano   infatti   ammirare   dalla   strada    il   patio   con   le   sue   pareti   intonacate   di   calce.   Da   secoli   è   proprio   qui   che   si   svolge   la   vita   familiare   e   sociale:   le   arcate   ombreggianti,   il   pavimento   acciottolato,   una   fontana   al   centro,   azulejos   dai   vivaci   colori,   alberi   di   aranci   e   limoni   e   un   mare   di   fiori  tramutano   il   patio  in   una   vera   oasi.

cuadro   patio   reducido   –   consorciotoledo.org

 

Siviglia   patio   Casa   de   Pilatos-   veduta   dall’  alto ,  scatto   di   Andrea

Anche   nei   palazzi   rinascimentali   e   barocchi   si   veniva   condotti   in   uno   o   più   cortili   interni.   Circondata   da  doppie   file   di   arcate,   con   le   pareti   decorate   ad   azulejos   e   con   stucchi   mudéjar,    (     Si   definisce   arte mudéjar   quell’espressione   artistica   elaborata   in   terra   iberica   nel   periodo   immediatamente successivo    alla   fine   del   dominio   musulmano   di   al  –  Andaluso.   Lo stile   mudéjar   costituisce   la   prosecuzione   dello   stile   cosiddetto  mozarabo   ed   è   rappresentato   esemplarmente   dall ‘  Alcazar   di   Siviglia    ricostruito   tra   il   1353   e   il   1364   da Pietro   il   crudele   (   re   di   Castiglia   e   Leon   -1334-1350-1369).   In   architettura   i   mudéjar   utilizzarono   tecniche   loro   proprie     (  archi   a   ferro   di   cavallo,   arcate   cieche,   campanili   a   forma   di   minareti  )   e   ornamenti   loro   propri   come   arabeschi,  soffitti   a   cassettoni,  (artesonados)   con   intarsi).    Applicati   agli   edifici   romanici,      ma    soprattutto   gotici,   e   anche  rinascimentali,   questi   elementi   crearono   uno   stile   ibrido   di   grande   interesse.   Le   sue   caratteristiche   principali   sono   l’arco   a    ferro   di   cavallo,   l’utilizzo   di   mattoni,   la   decorazione   a   stucco   cesellata   policroma   (yeserias)   e   in   ceramica   (azulejos).   Fu   l’utilizzo   delle   tecniche   apportate   dai   musulmani   per   edifici   costruiti   dai   cristiani.   –   Fonte     Wikipedia ) ,  ornata   da   antiche   statue   e   artistiche   fontane,   questa  forma   di   patio   era  comunemente  concepita   in   modo   insolitamente   sfarzoso.

La   ricca   tradizione   legata   all’ architettura   del   patio,   si   rifà   indubbiamente   alle   splendide   reminiscenze   moresche:   già   nelle   case   dei   mori,   infatti,   i   locali   destinati   ad   abitazioni   erano   disposti   intorno   a   un   cortile   interno   rettangolare,   che   faceva   entrare   luce   ed   aria    nella   casa,   proteggendola   al   contempo   con   una   fresca   ombreggiatura   nei   mesi   estivi.   All’epoca,   tuttavia,   i   passaggi   all’esterno   non   erano   aperti,   e   le   mura   grigie,   interrotte   solamente   da   poche   finestre   sempre   disposte   in   alto,   non   lasciavano   vedere   l’ interno   del   patio.   L’insolito   contrasto   tra   l’ esterno   semplice   e   sobrio   e   l’interno   sfarzoso   era   sostanzialmente   la   trasposizione   architettonica   delle   tipiche   forme   di   vita   moresche,   dove   l’esistenza   privata   si   consumava   tutta   all’ interno,   in   un’ aerea   protetta   e  considerata   sacra.   Una   posizione   di   particolare   importanza   la   rivestiva   la   fontana,   poiché   la   pulizia   corporea   ha   un   ruolo   fondamentale   nella   cultura   islamica.   Per   questo   motivo,   per   ogni   musulmano   è   essenziale  che   nella   propria   casa   vi   sia   acqua   in   abbondanza ,  sempre   disponibile   attraverso   rubinetti,   pozzi   o   cisterne.   Oggi   questa   antica   cultura   abitativa   è   fortemente   minacciata   di   estinzione,   poiché   i   condomini   moderni   vengono   costruiti   al   posto   delle   vecchie   case   eliminando   così   le   antiche   tradizioni,   un   vero   assurdo   peccato.   Per   la   conservazione   dei   patii ,   la   città   di   Cordoba   indice   ogni   anno,   per   fortuna,   a   maggio,   una   manifestazione   che   premia   quello   più   bello,   durante   la   quale   questi   giardini   segreti   sono   aperti   ai   visitatori.

fonte   –   Arte   e   Architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen   Bohlen

Patio,   passeggiando   a   Cordoba   –   scatto   di   Andrea

 

Patio

dove   verdi   piante   si

affiancano   a   fiori

profumati   ombra

offrendo

 

Isabella   Scotti   agosto   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Carrellata estiva – mare e monti

Un   po’   di   foto,   un   po’   di   villeggianti,   parenti   stretti,   amici…

 

 

Romantica   spiaggetta

E   vai   papà… dice Arianna

 

 

E   questa   chi   è ?   Ma   sì   che   lo   sapete…

Ma   mère   dopo    aver   passeggiato   sul   lungomare   di   Cannes

 

Io   e   Florence   a   Greolieres – Les -Neiges

Luciano   e   Peppino   pronti   a   partire   seguendo   il   sentiero

 

Le   mie   gioie

 

 

Vero   relax

Gruppo   di   famiglia   in   esterno

 

 

Scorcio ,  passeggiando…

 

Andrea   il   fotografo   in   navigazione…

 

Ed   ecco   dulcis   in   fundo

16   agosto   2018   il   mio   compleanno  (  notare  l’ assenza   di   candeline,   tutto   calcolato…)

 

non  crediate   mi   stia   ubriacando…

 

Un   sorriso   che   dedico   a   tutti   voi   ed   ora…

…con   la   mia   metà   e   la   presenza   immancabile   della   mammina…

 

Aurevoir   miei   cari