Due poesie: una di un pò di tempo fa, dal titolo che mi pare quanto mai appropriato oggi e una di qualche giorno fa…

Nulla   in   eterno   dura

Donna con il parasole rivolta verso sinistra di Claude Monet

 

it.wikipedia.org    Donna   col   parasole   –   Monet

 

Mi   venne  incontro

un   dì  

di    maggio.

Fu   subito

per   me,

palpito   d’  amor ,

e   più   da   lui

  io   non  distolsi

il    guardo.

Mi    piacquero

i   suoi  occhi  

ed   il   sorriso,

in   lui   vedea  

beltà   e   amor.

Ma   nulla   ahimè

in   eterno  dura.

E   qui  

son’ora

sola,

a   pianger

e   rimembrar,

così   come   ancor

aspettar  

da   lui ,

  sorrisi  

e  guardo.

Ed   a  sperar

che  avanzi,

incontro  a  me ,

in  un  nuovo  

dì   di   maggio.

 

Isabella   Scotti   2014

testo   :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

 

Nei   mesi   oscuri…  

 

Visualizza immagine di origine

Nei   mesi   oscuri

la   mia   vita

  scintillava

solo   quando

mi   aggrappavo

  ad   un   pensiero  :

poter   venire

a   trovarti

ancora

e   dire

 ”  ciao   mamma

dove  andiamo   oggi

a   far   danno  ? ”

Tutti   i   giorni

sentivo   parlar

di   morte,

e   non   c’era

 luce

in   fondo

al   tunnel.

Erano

  mesi   oscuri,

di   paura,

d ‘ insicurezza.

Eravamo   lontane

ma   vicine

col   cuore.

Poi   un   giorno

vidi

  dalla   finestra,

posarsi

sul   ramo

di   quell’ albero,

uno   strano

passerotto,

tutto   colorato.

Assomigliava

quasi

ad   un   arcobaleno.

Quella   visione

mi   aiutò

a   riconoscere

alla   fine

  del   tunnel

un   po’  

di   luce.

Sì  ,

dopo

   tanta   attesa

ci   saremmo  

riviste

e   abbracciate.

Finiti

i   mesi   oscuri

della   preoccupazione,

stavano

per   tornare

ne   ero   sicura,

quelli

della   serenità

e   della   gioia.

 

Isabella   Scotti   marzo  2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile  1941   n°   633

Citazione   in   neretto   dalla   poesia   ”  Sfere   di   fuoco  ”   di   Tomas   Transtromer

 

Carissimi   mi   piacerebbe   potervi   tutti   abbracciare   e   di   voi   aver   notizie.    Come   state?   Sappiate   che   vi   penso

tutti   spesso.   Questa   prigione   forzata   ci   aiutera’   a   sconfiggere   la   ”  bestia”,   siatene   certi.   Torneremo

gradualmente,   anche   se   non   a   breve,   a   sorridere.   Lo   dobbiamo   per   i   nostri   figli   e   per   i   nostri   nipoti.

Lasceremo   loro   un   mondo   migliore,   ne   sono   certa.   Il   pc   è   ormai   sequestrato   per   lavoro.   Saltuariamente,

se   potrò   la   sera,   qualche   volta,   verrò   a   trovarvi.   Sappiate   che   vi   ho   nel   cuore   tutti.

Un   caro   abbraccio   e   bacioni

La   vostra   Isabella

 

Primavera era giunta

cinque   parole   da   cui   partire

fanciulla,  effluvio,   ruscello,   ginestra,    passeggiata

Visualizza immagine di origine

foxlife.it

Un   vento   antipatico   sferzava   con   violenza   la   povera    ginestra,   mentre   la      fanciulla   cercava   di   tenere   fortemente   stretto   a   sè ,  quel   mazzo   di   fiori   campestri   appena   colti.   La   passeggiata   ch’era  solita   fare   ogni   mattina,   l’  aveva   portata   là,   dove   quei   due   arbusti   selvatici ,  pieni   di   fiori   gialli ,   avevano   attirato   la   sua   attenzione.   Man   mano   che   si   avvicinava,   sentiva  sempre   più   nell’aria   un   effluvio   intenso.

Quasi   stordita   da   tanto   profumo,   decise   di   portare   a   casa   un   po’   di   primavera ,  cogliendo   qualche   bel   ramo   fiorito.   Il   vento   però,   aveva   rotto   il   piacere   del   suo   solito   peregrinare.   E   così   si   vide   costretta   a   tornare.  Ma   quel   luogo   incantato,   dove   spesso   si   rifugiava,   l’  avrebbe   presto   rivista .

Poco   lontano   scorreva,    levigando   sassi    di   varie   forme,      anche   un   ruscello   d’acqua   limpida ,  dove   la   fanciulla  amava   bagnare   le   caviglie,   rimanendo   a   lungo   pensierosa.  Stare   lì ,  era   per   lei   sempre   una   gioia   immensa.  La   mattina,   quando   arrivava,  gli   alberi   lasciavano   filtrare   tra   i   rami   la   luce   del   sole ,   creando   magici   arabeschi.   Erano   quelli   i   momenti   più   belli   delle   sue   giornate   solitarie,   quando   nel   silenzio   del   bosco   ritrovava   se   stessa.   Poteva   forse   non   tornare?

Il   vento,   lo   sapeva ,  avrebbe   presto    lasciato   spazio   al   tepore   del   sole ,  che   brillava   alto   nel   cielo   già   da   qualche   giorno.    Si   sentiva   felice   come   non   mai.

Primavera   era   ormai   giunta.

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°  633

 

Carissimi,   primavera   è   ormai   giunta.   E’   la   stagione   del   risveglio,    del   cambiamento.   Tutto   torna   a   fiorire.   Magari    sarà   così   anche   per   noi,   chissà.      Che   si   possa   presto   tornare   a   sorridere  .  Anche   se   i   numeri   raccontano   altro.   Anche   se   i   prossimi   giorni   parlano   di   neve   e   tanto   freddo…

Nonostante   tutto   speriamo,    dobbiamo   sperare.   Vi   lascio   per   ora   il   mio   di   sorriso.

La   vostra   Isabella

 

 

Non   sarà   forse   il   massimo   questa   esecuzione,   lo   so,   ma   mi   piaceva   il   video.   Mi   ha   fatto   sognare,   e   oggi   più   che   mai   ne   sento   il   bisogno

Consapevolezza

Come   va   cari   amici  ?   Questi    son   giorni,   oramai   è   chiaro,   davvero   difficili   per   tutti.   E’   proprio   però ,  in   virtù   di   questa   difficoltà,   che   chi   più ,  chi   meno,   sta   vivendo,   che   vorrei   dire   due   cose.   La   prima,   vorrei   gridarla   :

STATE   A   CASA  !!!

A   TUTTI   COLORO   CHE   NON   POSSONO   FARE   A   MENO   DELLA   CORSETTA  DICO  :   ABBIATE   UN   PO’  DI   BUON   SENSO   E   RISPETTO   DELLE   REGOLE ,  E   DI   TUTTI   COLORO   CHE   GIORNO   E   NOTTE   SI   IMPEGNANO   FINO   AL   CROLLO   FISICO   PER   AIUTARE   CHI   HA   BISOGNO,   CON   TOTALE   ABNEGAZIONE.

A   CHI   CORRE   ANCHE   PER   FARE   SPESA,   QUANDO   TANTI   NEGOZI   CONSEGNANO   A   DOMICILIO,  A   CHI   PRENDE   TRENI   E   METROPOLITANE   PER   SPOSTARSI   CREANDO   INEVITABILMENTE    ASSEMBRAMENTI

DICO   :   STATE   A   CASA !!!   NE   VA   DELLA   SALUTE   NON   SOLO   VOSTRA   MA   DI   TUTTI.

 

La   seconda,   la   grido    con   tutta   la   rabbia   che  mi   porto   dentro ,  dopo   aver   letto   di   quel   ragazzo   di   25   anni    che  a   Caserta   al   mercato,   togliendosi   la    mascherina   ha  SPUTATO   sulla   frutta,    pensando  bene   di   girare   un   video   mentre   faceva   lo   stupido   dandogli   anche   un   bel   titolo   ”   INFETTIAMO  ”.   Meno   male   che   i   carabinieri   lo   hanno   subito   preso   e   denunciato.     Be’   di   fronte   a   tanta   assurda   superficialità   rimango   esterrefatta.    E’   chiaro   che   non   si   possono   tollerare   atti   simili.   Tutti   debbono   essere   responsabili,   è   finita   l’era   dei   gradassi,   degli   sciocchi   che   credono   ancora   di   poter   giocare   con   questo   coronavirus   maledetto.

Ma   non   avete   visto   a   Bergamo   la   colonna   dei   mezzi   dell’ esercito   trasportare   tutte   le   bare   dei   poveri   morti   che   nemmeno   avranno   un   funerale  ?   Qui   credetemi,   non   c’ è   l’ urgenza   di   cantare   tutti   insieme,   ma   di   PREGARE ,   anche  uniti,   tutti,   sì.

Stasera   alle   ventuno   su   TV2000   verrà   detto   il   rosario.   Preghiamo   per   una   volta   tutti   insieme,   anche   chi   non   crede.   Rimaniamo   per   un   po’   raccolti   a   pensare,   per  riprendere   coscienza   della   drammaticità   del   momento,   riflettiamo   su   tutto   questo   che   ci   è   capitato   e   cerchiamo   d’essere   più   consapevoli   della   nostra   fragilità.

Mi   piace   leggere   che   tutto   andrà   bene.   E’   un   pensiero   positivo,   ma   non   esageriamo   con   questo   ritrovarsi   ogni   sera   sui   balconi   a   cantare.   Che   non   diventi   tutto   un   gioco.   Qui   ci   sono   morti   che   non   canteranno   più.

 

Vi   lascio   dopo   questo   sfogo   una   poesia,    perché   nonostante   tutto   ogni   tanto,   anche   se   con   tristezza   ancora   voglio   scrivere.   Vi   abbraccio   virtualmente   tutti   con   tanto   affetto   mentre   auguro   a   tutti   i   papà   che   festeggiano   la   loro   festa   in   maniera   diversa   rispetto   a   tutti   gli   anni   precedenti,   di   viverla   lo   stesso   con   un   sorriso,   magari   addentando   un   pezzo   di   torta   preparato   dalla   propria   moglie   o   figlia   improvvisatasi   cuoca.   Per   tutti   i   papà   impegnati   in   ospedale   il   mio   abbraccio   riconoscente

La   vostra   Isabella

 

Cinque   parole   da   cui   partire

anelare,   foriero,   stuolo,   effimero,  vituperio 

 

CONSAPEVOLEZZA

 

So

qual’  è   il   motivo

di   questo   vituperio

che   uscir

dalle   tue   labbra

io   ascolto.

So

che   ho   errato.

Anelare

all’   effimero

quando   esso

e’   foriero

solo

di   uno   stuolo

di   vane   illusioni,

e’   certamente

uno   sbaglio  .

Molto   meglio

anelare

alla   perpetuità,

a   lasciare

qualcosa   di   noi

che   duri

nel   tempo.

Questo   avrebbe

più   senso.

Magari

il   ricordo

di   una   vita

vissuta   all’   insegna

della   consapevolezza  ,

dell’   onestà  ,

piena   d’  amore .

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Sempre di più…

Amo

sentire

il   tuo   respiro

quando   dormi

accanto   a   me.

Amo

contare

il   tempo

che   ci   separa

da   quando

esci   di   casa,

e   vi   fai

ritorno

la   sera.

Amo

di   te

la   sbadataggine,

ma   ancor   più

la   tua   sicurezza,

il   tuo   essere

deciso

nell’  affrontare

ogni   situazione.

Al   contrario   di   me.

E   amo   come   non   mai

le   tue   labbra,

quando    mi   chiamano

”   Amore   ”.

Sei   stato   bravo,

cercando 

nel   mio   cuore

   hai   trovato  

il   sentiero   giusto

per   giungere

a   me.

Ogni   rovo

hai   tagliato,

aprendoti

un   varco.

Ed   ora

che   di   me

hai   scoperto

l’ inconoscibile,

lascia

ch’io   assapori

per   intero

la   nostra   intimità,

concedimi

i   tuoi   attimi

più   naturali,

ch’io   possa

decifrare   di   te

ogni   sfumatura,

come   se  

di   un   tramonto

cogliessi

il   cambio

del   colore,

dal   rosso

più   intenso

al   rosso

tendente

all’ arancio.

Lascia   che   anch’io

penetri

il   tuo   animo,

scandagliando

le   sue   profondità.

Amami,

ora,

domani,

sempre.

Senza   lasciarmi

mai.

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941 n°   633

 

Spero   miei   cari   che   possiate   vedere   il   video   di   Minghi   ”  Io   non   ti   lascerò   mai”.   Ascoltandolo   ho   avuto   l’  ispirazione   per   questa   poesia.   Un   po’   d’ amore   ci   vuole   di   questi   tempi.   Un   grande   abbraccio   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

https://m.youtube.com/channel/UCp88DhyFOk1PvNrxAsyGv5w

 

 

 

Carissimi…

Carissimi   amici   non   avrei   mai   immaginato   di   vivere   momenti   così   complicati .

E   di   salutarvi   così   dispiaciuta :   io   che   sempre   sorrido   sono   oggi   molto   triste   e   preoccupata.  Per   tutti   noi,   per   voi.

Ma   ciò   non   mi   ferma   nel   dire   una   cosa.

Mai   come    oggi   dobbiamo    dimostrare   a   ciascuno   la   nostra   serietà   nell’ affrontare   un   virus   che   ci   vuole sovrastare.

A   tutti   dico   ascoltate   le   direttive   e   non   uscite   di   casa.

 

A   tutti   i   giovani   che   credono   nell’ immortalità   e   che   sia   giusto   per   loro   continuare   a   frequentarsi,   ad   uscire   e   partecipare   alla   cosiddetta   ” movida”,   dico   ascoltate   chi   ha   voce   in   capitolo,   i   medici, i   virologi   ancor   più che   il   governo   se   in   quest’ultimo   non   credete.   Fidatevi   di   chi   lotta   quotidianamente   contro   il   virus   e   ne conosce   aspetti   e   virulenza.

 

Dimostriamo   come   italiani   la   nostra   forza,   la   nostra   coscienza,   la   nostra   serietà.   Non   chiudiamoci   nell’ egoismo, credendo   di   essere   superiori.   Abbasso   la   superficialità.
Lottiamo   per   vivere.    Forse   un   po’   di   regole   aiuteranno   anche   il   vivere   civile,   chissà…

 

Non   dimenticate   anche   e   soprattutto   di   pregare.
Vi   abbraccio   tutti   carissimi   amici,   vicini   e   lontani   sparsi   per   tutta   questa   nostra   Italia   che   amo.


La   vostra   Isabella

Per tutte le amiche del blog

 

Tra   ninfee

galleggianti

appare

con   le   mani

di   pietra

sui   fianchi,

donna

dalle   forme

prorompenti,

seni   turgidi,

ventre   fertile.

La   sua   posa

sembrerebbe

quella

di   una  signora

prossima   

al   parto.

Chissà

da   dove   viene,   

chi   lì

l’  ha   lasciata,

e   chi   l’ ha

così   modellata.

Statua

tra   il   verde

nascosta…

Strano   incontro,

per   chi,

le   acque 

del   fiume ,

naviga.

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Una   foto   questa   di   Andrea   che   mi   piace   molto.   Spero   anche   a   voi.   Buon   otto   marzo   cara   amiche.

PS   I   maschietti   mi   perdoneranno   se   per   una   volta   non   li   considero.

 

Visualizza immagine di origine

Tripadvisor

Penso   che   da   quest’ albero   potrete   cogliere   il   mazzetto   che   preferite.   Senza   litigare,   mi   raccomando   eh   ?

Io desidero e bramo

Visualizza immagine di origine

biografieonline.it        Saffo

 

 

Io   desidero

e   bramo.

E’   vero,

mai   come

ora,

io   desidero  

e   bramo

che   questo

senso   d’ impotenza

finisca.

Che   questo

annaspare

in   acque   torbide,

non   duri   all’infinito.

Io   desidero

e   bramo

solo   normalità,

vivere

la   vita   di   sempre.

Null’ altro

che   poter

stringere

una   mano,

che   salutare

una   vecchia   amica

con   un   abbraccio,

poter

dare   un   bacio

senza   paura

e   divieti.

Null’  altro .

Che   chiunque

possa   continuare

nel   proprio

quotidiano   lavoro,

che   i   ragazzi

possano   continuare

ad   andare

a   scuola.

Che   ogni   museo

possa   continuare

a   regalare   bellezza,

che  ogni  cinema

o   teatro

possa   tenere

aperte

le   porte.

Ecco

solo   questo

desidero   e   bramo,

solo   questo.

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Leggendo   Saffo   ” Io  desidero   e   bramo”

 

Scusatemi   cari   amici,   ma   dopo   aver   letto  le    nuove   raccomandazioni    del   Comitato   tecnico   scientifico ,  correlate   al   famigerato   coronavirus,   ho   avuto   un   leggero   sconforto.   Ora,   sperando   di   dormire,   vado   a   letto,   augurando   a   tutti   una   dolce   e   serena   notte

La   vostra   Isabella