Andalusia – Siviglia

L’  Andalusia,   definita   nelle   guide   turistiche   del   XIX  sec. ”   l’  Oriente   d ‘  Europa”,   possiede   un   patrimonio   culturale   e   artistico   unico   al   mondo,   nato   dall’ incontro   di   culture   differenti.   Sin   dall’ antichità   fu   la   porta   immaginaria   attraverso   cui   i    conquistatori   di   tutto   il   mondo,   giunsero   in   Spagna.   Fenici,   Cartaginesi,   Greci,   Celti,   Romani,   Visigoti,   Berberi   e   Arabi,   s’insediarono   via   via   nel   paese,   si   mischiarono   alle   popolazioni   locali,    e   lasciarono   ovviamente  tracce   del   loro   passaggio.   Sotto   i   Romani   la   provincia,   che   all’epoca   era   chiamata   Baetica,   ebbe   per   la    prima   volta   un’unica   amministrazione,   mentre   l’ intero   territorio   godette   di   una   struttura   primaria   organizzata   e   civile   i   cui   effetti   sono   visibili   ancor   oggi.   Fu   introdotta   anche   una   lingua   burocratica   ufficiale,   il   latino.   Ai   Vandali   invece,   che   insieme   con   Alani   e   Suebi   saccheggiarono   e   distrussero   il   paese   nel   corso   dei   flussi   migratori,   l’ Andalusia   deve   il   proprio   nome   :   Al- (V ) Andaluz   (   la   terra   dei   vandali  ),   fu   infatti   l’ appellativo   che   le   diedero   gli   Arabi.

Fu   poi   con   i   Visigoti   che   il   Cristianesimo   divenne   religione   di   stato.   Ma   sicuramente   l’ influsso   più   marcato   fu   quello   degli   Arabi.   Il   loro   dominio   durò   circa   ottocento   anni,   durante   i   quali   l’ Andalusia   visse   il   suo   massimo   splendore   politico   e   culturale.   I   conquistatori   musulmani   eressero   nelle   città   numerose   moschee,   università,   biblioteche.   Agli   studiosi   arabi   si   deve   la   conservazione   e   diffusione   dell’antico   patrimonio   filosofico   e   letterario.   Qui   furono   poste   le   basi   per   alcune   discipline   moderne,   come   la   medicina,   la   fisica,   la   geografia   e   non   solo.   Musica   e   poesia   godettero   nelle   corti   principesche   di   una   posizione   di   grande   prestigio,   mentre   anche   l’artigianato   e   le   arti   furono   tenute   in   gran   conto.   E   ancora   gli   arabi   trovarono   in   questa   regione   le   condizioni   ideali   per   tramutare   la   propria   visione   del   giardino   come   paradiso   sulla   terra,   in   uno   spazio   vegetale   rigoglioso   ma   artisticamente   ordinato.   Insomma   questa   è   una   terra   affascinante,   ricca   di   monumenti   famosi,   di   terme   ,    di   moschee   dai  colori   dell’oro,   del   giallo   ocra.   Terra   di   toreri   e   di   gitani,   delle   fiestas   e  del   flamenco.      Una   meraviglia.

Andalusia
terra   affascinante   riccamente   decorata
tra   giardini   rigogliosi
mi   perdo
fantasticando

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Catedral   de   Santa   Maria  –  Siviglia       foto   di   Andrea

La   corrida

Ecco,
il  toro
entra  nell’arena.
Guardingo,
furtivo,
si  aggira
fiutando  nell’aria
qualcosa  di  strano.
Non  sa
di  preciso
cosa  sia
ma  è  nervoso,
infastidito.
Sbuffa
con  le  grosse  narici
aspettando…
Improvvisamente
i  cancelli
si  aprono
e  il  torero
fa  il  suo  ingresso
nell’arena.
Ora  sono  soli,
lui  e  l’uomo
in  quell’ampio  spazio
polveroso.
L’uno 
davanti
all’altro.
Il  toro
avverte
lo  sconosciuto,
tutto  bardato
in  un  costume
scintillante,
quasi   fosse
una   festa,
come  nemico,
e  lo  guarda   ormai
con  diffidenza.
Gli   gira  intorno,
lo  scruta,
lo  annusa.
Ora,
sa
cosa  lo  attende
e  come  deve  difendersi.
Non  ci  sono
alternative.
Ora
sa
che
o  lui
o  il  torero
non avrà  scampo,
rimarrà  lì,
steso
immobile
nella  polvere.

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Siviglia,   la   più   grande   città   andalusa,   vive   ancora   oggi   della   sua   fama   passata,   quando   il   Guadalquivir    la   tramutò   per   più   di   200   anni,   nella   porta   d’ingresso   al   Nuovo   Mondo   durante   l’ era   delle   grandi   scoperte,   facendo   della   città   un   fiorente   centro   commerciale.   A   Siviglia,   sono   legati   il   flamenco,   le   corride    più   prestigiose   dell’intera   Spagna,   che   si   svolgono   nella   grande   e   antica   Arena   di   Plaza   de   Toros   de   la   Real   Maestranza   de   Sevilla,   la   Carmen,   il    Don   Giovanni    e   il   celebre   barbiere  ,   ma   anche   lo   stridente   contrasto   di   passione   e   allegria   sfrenata,   esemplificato   da   un   lato   dalla   Semana   Santa,   la   Settimana   Santa,   e   dall’ altro   dalla   Feria   de   Abril   ben nota   anche   oltre   i   confini   dell’ Andalusia.   Il   capoluogo   andaluso    con   i   suoi   700.000   abitanti   è   attualmente   sede   del   Parlamento   e   della   Repubblica   autonoma.   Tristi   quartieri   periferici   di   recente   costruzione   contrastano   con   i   bei   barrios  (  quartieri  )    della   città   vecchia,   dove   ovunque   ci   sono   tracce   artistiche   del   passato.   Il   paesaggio   urbano  è   caratterizzato   da  innumerevoli   aranci   piantati   ai   lati   degli   ampi   viali,   che   in   primavera   diffondono piacevolmente   il   loro   profumo   contrastando   con   l’odore   di   autovetture   che   rendono   il   traffico   cittadino   caotico.   Su   una   delle   antiche   porte   della   città   è   riassunta   in   poche   parole   la   sua   storia :

”Ercole   mi   edificò,   Cesare   mi   cinse   di   mura   e  torri,   il   re   santo   mi   espugnò  ”.

Nel   45   a. C   durante   la   guerra   contro   Pompeo ,   Cesare   ordinò   che   Hispalis   fosse   cinta   da   mura   difensive,   elevandola   così   al   rango   di   Colonia   Iulia   Romana ;   il   suo  porto   assunse   un   ruolo   di   primaria   importanza   per   l’esportazione   di   merci   verso   Roma,   in   modo   particolare   per   l’olio  d’oliva   trasportato   in   anfore.   Nel   461   Siviglia   vide   il   fiorire   della   personalità   eccezionale   di   sant’ Isidoro   (   556- 636  )  .   Il   celebre   arcivescovo   che   aveva   acquisito   grande   notorietà   per  aver   scritto   un’ opera   enciclopedica   sulla   cultura,   la   religione   e   la   filosofia   antiche   e   cristiane,   divenne   il   rettore   della   scuola   di   Siviglia.   Il   periodo   comunque   della   maggior   fioritura   della   città,   corrispose   alla   scoperta   da   parte   di   Cristoforo   Colombo,   del   Nuovo   Mondo.   Essa   divenne   infatti   sede   della   Casa   de   Contrataction,   l’istituto   statale   dedito   al   commercio   e   alla   finanza,   e   conseguentemente   unico   luogo   di   scambi   commerciali   con   le   colonie   d’ oltremare.   Nel   1717,   dopo   aver   importato   ingenti   quantitativi   d’oro   ed   argento   trasportati   su   galeoni   e   dopo   la   terribile   epidemia   del   1649,  ci   fu   un   graduale   insabbiamento   del   Guadalquivir   che   costrinse   Siviglia   a   cedere   lo   scettro   a   Cadice   per   il   monopolio   commerciale   con   l’ America.   Piano,   piano   vi   fu   un   lento  ma   graduale   declino   che   però   vide   nel   XVII   un   rifiorire   di   vita   culturale   grazie   ai   numerosi   artisti   che   la   resero   nuovamente   famosa   a   cominciare   dal   grande  pittore   Diego   Velazquez    chiamato   anche   alla   corte   reale   di   Madrid    senza   dimenticare   anche   il   famoso   Don   Chisciotte,   scritto   da   Miguel   de   Cervantes,   mentre   era   imprigionato   nelle   carceri   della   città.

Parlare   di   Siviglia   non   è   semplice,   troppo   grande   la   storia   dei   suoi   palazzi   ad   esempio.   Per   cui   avrei   pensato   di   fermarmi   qui   con   la   città,   parlando   solo   due   minuti   de   la   Catredal   de   Santa   Maria.

L’8   luglio   1401,   il   capitolo (  collegio   di   canonici )   del   duomo   di   Siviglia   raggiunse   la   decisione   di   ”  costruire   una   chiesa   così   bella   che   nessun’ altra   le   si   possa   paragonare  ,   così   grande   e   di   dimensioni   tali   che   tutti   coloro   che   la   vedranno   dovranno   pensare   che   eravamo   matti  ”.

La   nuova   costruzione   venne   motivata   dal   fatto   che la   vecchia   moschea,   fin   dai   tempi  della   Reconquista   di   Ferdinando   III   nel   1248,   iniziava   a   mostrare   segni   di   decadenza   e   non   avrebbe   certo   retto   ad   un   terremoto.   Molto   più   probabile   che   si   volesse   superare   in   splendore,   il   simbolo   della   Chiesa   Spagnola,   il   Duomo   di   Toledo.   A   differenza   delle   ampie   chiese   reali   francesi,   che   seguono   lo   schema   della   basilica   con   tre   o   cinque   navate,   e   un   deambulatorio   classico,  la   cattedrale   di   Siviglia   risponde   ad   una   tipologia   autonoma,   diffusasi   soltanto   in   Spagna:   è   infatti   concepita   come   una   basilica   simile   ad   un’ ampia   aula   inserita   in   un   perimetro   quadrato   che   probabilmente   si   rifà   ad   una   moschea   moresca.   Le   sue   cinque   navate   hanno   una   lunghezza   di   circa   126   metri   e   comprendendo   la   navata   centrale   e   quelle   laterali   e   le   cappelle   inserite   tra   i   contrafforti ,   raggiungono   una   larghezza   di   circa   82   m,   impossibile   da   trovare   in   altre   chiese.   Il   coro   e   la   Capilla   Mayor,   posizionati  nella   navata   centrale,   a   est   e   ovest   rispettivamente   del   quadrato,   contribuiscono  a   dare   l’impressione  di   un   corpo   estraneo,   chiuso   in   se   stesso,   che   assomiglia   ad   una   meravigliosa   stanza   del   tesoro.   Costruzioni   successive   si   vanno   ad   incastonare   nella   base   gotica  :   la   Capilla   Real    nell’abside   orientale,   su   di   una   cappella  più   antica,   mentre   nella   parte   meridionale   furono   erette   nel   XVI   secolo   la   Sacristia    Mayor   e   la   sala   del   capitolo,   nel   XVII   e   XVIII   secolo   fu   la   volta   del   complesso   barocco   destinato   all’amministrazione.

Notizie   riprese  dal   libro   Arte   e   Architettura   – ANDALUSIA  –   Brigitte   Hintzen-   Bohlen

Plaza   de   Espagna     Siviglia      –  foto   di   Andrea

Alla   prossima   con   Granada

Annunci

Cordoba

foto   di   Andrea   in   un   cortile   di   Cordoba

 

E’   silenziosa

questa   sera.

Mentre   noi

vaghiamo   soli,

perdendoci

in   vie   strette,

allungando   

il   passo,

e   ritrovandoci

tra   case

dalle   finestre   chiuse,

misteriosamente

mute.

Case,

che   illuminate   solo

dalla   luce   fioca

dei   lampioni,

assumono

un’aria  

quasi   sinistra,

tetra.

E’   di   giorno,

che   di   colpo,

i   colori   si   accendono

insieme

alla   luce   del   sole.

E   le   case,

prima   anonime,

come   per   magia

s’  illuminano   

di   bianco,    di   giallo,

si   tingono   del   verde

delle   foglie

che   fanno   ombra.

Cortili

ricchi   di   piante,

di   limoni   ed   arance,

acqua   fresca  

di   fontane,

palme

che   si   alzano   erette,

slanciate.

L’  antica   città

di   Cordoba

si   sveglia,

viva,   colorata,   affascinante.

 

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Ai   piedi   della   Sierra   Morena,   divisa   in   due   parti   dal   corso   del   Guadalquivir,   si   estende   la   provincia   di   Cordoba:   il   fiume   separa   la   zona   montuosa,   a   nord   dalla   Campina, (  in   spagnolo   con   accento   sarebbe   Campigna,   ma   io   non   lo   so   mettere,   perdonatemi ),   a   sud   da   una   zona   collinare   con   campi   fertili.   Fulcro   della   regione   è   il   suo   capoluogo,   un   tempo   celebre   come   residenza   del   califfato   e   mecca   delle   scienze,   vera   e   propria   metropoli   dell’  Islam   accanto   a   Baghdad.   La   poetessa   tedesca   Roswitha   von   Gandersheim   lodò   nel   X   secolo   come   ”   ornamento   del   mondo  ”    la   città   di   Cordoba,   il   cui   centro   era   all’epoca   formato   dalla   Medina   con   la   grande   moschea.   Ancor   oggi   passeggiando   per   le   vie   della   citta   moresca   se   ne   avverte   l’importanza,   anche   se   con   i   suoi   300.000   abitanti   potrebbe   sembrare  provinciale   vicino   alle   altre   due   celebri   città   andaluse   Siviglia   e   Granada.     Del   passato   glorioso   non   molto   è   stato   conservato,   ma   i   pochi   resti   ne   testimoniano   la   grandezza.   La   sua   storia   ha   inizio   con   i   Fenici,   sotto   il   cui   dominio   la   città   avrebbe   assunto   notevole   importanza   economica.   All’incirca   a   partire   dal   200   a. C   passò   sotto   il   dominio   romano,   e   con   Augusto   Corduba   venne   nominata  capoluogo   della   provincia   romana   della   Baetica,   fino   a   quando   fu   soppiantata   da   Hispalis  (   Siviglia  ),  nel   IV   secolo.   Qui   nacquero   celebri   poeti   e   filosofi   romani,   come   Seneca   e   Lucano.   Dopo   essere   stata   conquistata   dai   Visigoti,   nel   VI   secolo,   la   città   divenne   sede   vescovile,   ma   il   periodo   più   fiorente   fu   quello   di   quando   Abd   ar-   Rahman   la   tramutò   in   capitale   del   suo   emirato   nel   756.   Non   solo   vi   portò   melograni  e   palme   da   dattero,   ma   pose  anche   la   prima   pietra   per   lo   splendido   sviluppo   dell’  architettura   e   dell’arte   araba.   Con   lui   Cordoba   divenne   la   città   più   importante   del   mediterraneo,   con   più   di   300   moschee,   300   bagni   pubblici,   50   ospedali,   80   scuole,   e   20   biblioteche   pubbliche,   17   scuole   superiori.   Purtroppo   la   caduta   del   califfato   portò   con   sé   anche   il   crollo   della   metropoli.   Nel   1013   truppe   berbere   distrussero   la   sfarzosa   città   reale   di   Medina   az-   Zahara   e  nel   1031   Cordoba   divenne   la   sede   di   uno   dei   numerosi   regni   Taifa.   Nel   XII  secolo   visse   ancora  un   periodo   di   fioritura   spirituale   –   i   filosofi   Maimonide   e   Averroè   sono   sicuramente   i   più   celebri   dell’epoca,   fino   a   quando   nel   1236   con   Ferdinando   III,   in   città   entrò   un   reggente   cristiano.   Con   la   riconquista   della   citta’,   ci   fu   una   massiccia   immigrazione   dal   Nord   castigliano,   e   Cordoba   divenne   un   importante  centro   per   il   commercio  di   sete   e   tessuti   di   cotone.   La   cacciata   però   delle   popolazioni   more   ed   ebree,   la   crisi   economica   del   XVI   secolo,   l’ epidemia   di   peste   e   le   rivolte   del   XVII   secolo  contribuirono   ben   presto    ad   offuscare  l’ antico   splendore   di   Cordoba   .   Ma   anche   ciò   che   oggi   si   può   osservare,  resti compresi,  è  di   notevole   bellezza.   Come   per   la   Medina   az-   Zahar   ad   8   km   circa   da   Cordoba.   Per   quasi   quarant’anni   artisti   e   artigiani   vi   lavorarono   per   edificare,   a   partire   dal   936,   la   città   palazzo   su   un’ area   di   750   x   1500   m   .   Per   la   costruzione   furono   impiegate   ingenti   somme   di   denaro,   si   parla   forse   di   1,8   milioni   di   monete   d’oro.   Il   califfo   Abd  ar-   Rahmam   III   volle   che   fossero   costruite   4313   colonne,   di   cui   140   provenienti   da   Costantinopoli   e   12   sculture   d’oro   incrostate   di   perle   per   la   camera   da   letto.   Il   figlio   al-Hakam   fu   incaricato   della   sorveglianza   dei   lavori;   alla   morte   del   padre   ampliò   il   nuovo   centro   residenziale   ed   amministrativo.   Quattro   anni   dopo   la   consacrazione   della   moschea,   avvenuta   nel   941,   l’intera   corte   con   tutti   gli   uffici,   si   trasferì   nella   nuova   città- palazzo,   ma   già   agli   inizi   dell’ XI   secolo,   le   truppe   berbere   insorte   ridussero  Medina   az-   Zahar   ad   un   ammasso   di   rovine,   dopodiché   esse   furono   tramutate   in   una   cava   di   pietre   e   ulteriormente   spogliate.   Tanto   per   gradire.

dal   libro   Arte    e   architettura   –   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen-   Bohlen

foto   di   Andrea

La  poesia   che   ho   scritto   su   questa   città   l’ho   scritta   nel   2011   quando,   tornato   da   questo   viaggio ,  Andrea   ce   ne   parlò.   Non   l’ ho   mai   visitata.

Quando Ungaretti soggiornò a Marino…

Visualizza immagine di origine

skuola.net

 

 

A    causa   delle   precarie   condizioni   economiche,   Giuseppe   Ungaretti   (   Alessandria   d’Egitto   8   febbraio   1888 – Milano,   2   giugno   1970  ),   si   trasferì   da   Roma   a   Marino   nell’estate   del   1926,    come   testimonia   una   lettera   da   qui   indirizzata   a   Corrado   Pavolini  (   scrittore ,   regista   e   critico   letterario  ).  In   seguito   ufficializzò   all’anagrafe   la   sua   nuova   residenza   il   21   luglio   1927,   prima   in   un   appartamento   sito   al   numero   civico   n. 68   di   corso   Vittoria   Colonna,   poi   dall’8   settembre   1931   in   un   villino   di   viale   Mazzini   n.   7 ,   detto   il   Ghibellino  ,   dove   soggiornò    fino   al   27   settembre   1934   con   la   moglie   Jeanne   Dupoix   e   la   figlia   Anna   Maria ,  chiamata   Ninon.

La   permanenza   a   Marino   rappresentò   per   Ungaretti   un   momento   importante   e   significativo  della   sua   vita   di   uomo   e   di   poeta,   fino   ad   allora   errabonda:   lì   trascorse   gli   ”anni   felici  ”   al   culmine   del   periodo   romano  –   laziale   (   1922  –  34  ),   che   coincise   con   la   conversione   alla   fede   e   la   nascita   del   figlio   Antonietto (  1930  ),   con   la   scoperta   del   paesaggio   dei   Castelli   Romani   carico   di   suggestioni   mitopoietiche  (   vedi  ”  mitopoiesi ”),   e   con   la   stesura   finale   e   la   pubblicazione   della   raccolta   ”   Sentimento   del  tempo   ”.

La   dimora   marinese   per   Ungaretti   non   era   altro   che   un   prolungamento   di   Roma,   un’   appendice   romana,   il   cui   cordone   ombelicale   era   rappresentato   fisicamente   da   quel   ”trenino  ”,   poco   distante   da   casa   sua,   che   tutti   i   giorni   lo   collegava   alla   città   eterna   e   all’ultimo   fiume   significativo   della   sua   vita,   il   Tevere,   per   svolgere  un   piccolo   incarico   al   Ministero   degli   Esteri   alle   dipendenze   del   ministro   Sforza.   Da   qui   si   muoveva   per   raggiungere   il   Caffè   Aragno   e   il   Caffè   Greco,   dove   incontrare   artisti,   poeti   e   letterati   con   i   quali   discutere   e   a   volte   litigare,   e   poi   giornalisti,   critici,   politici,   editori,   cui   offrire   o   chiedere   lavoretti   di   traduzione   e   articoli   malpagati,   che   però   gli   consentivano   di   sbarcare   il   lunario.   Viceversa,   in   quella   dimora   trovavano   accoglienza   occasionale   amici   italiani   e   stranieri   qui   giunti   per   incontrarlo,   per   colloquiare   con   lui,   e   magari   chiedergli   consiglio   e   opinioni,   come   avvenne   col   già   famoso   Trilussa   o   con   Giovanni   Battista   Angioletti   nel   1932.   Soprattutto,   Marino   era   base   di   partenza   di   gite   volte   alla   scoperta   di   luoghi   ameni   della   provincia   romana,   come   Tivoli,   fatte   insieme   a   Jean   Paulhan (   scrittore   francese )   e   Franz   Hellens  ( scrittore   belga ).   Si   ricorda   in   particolare   quella   fatta   al   Sacro   Speco   di   Subiaco   nella   Pasqua   del  1928,   ospite   insieme   all’ amico   pittore   Fernando   Vignanelli,   del   fratello   di   quest’ultimo,   Arnaldo,   monaco   benedettino.   qui   il   poeta   e   l’artista,   entrambi   ” tiepidi”,   in   materia   di   fede,   fecero   gli   esercizi   spirituali   partecipando   alla   liturgia   pasquale.   Per   Ungaretti   fu   la   fine   della   crisi   spirituale   iniziata   nel   1925,   ma   forse   già   dalle   trincee   del   Carso,   che   così   ricorda   :   ”  Di   ritorno   a   Marino…d’ improvviso   seppi   che   la   parola   dell’anno   liturgico   mi   si   era   fatta   vicina   nell’anima  ”.   E   le   poesie   ”   La   Pietà  (  1928  )   e   ”La   Madre  ”  (  1930  )   testimoniano   il   ritorno   definitivo   alla   fede   religiosa.   Quando,   il   9   febbraio   1930,   nacque   il   secondogenito   maschio,   Ungaretti   invitò   a   fare  il  padrino   di   battesimo   del   piccolo   Antonio   l’ amico   della   conversione   Fernando.  Questi,   nell’ impossibilità   di   mettersi  in   viaggio,   inviò   a   rappresentarlo   suo   fratello,   il   musicista   Ferruccio   Vignanelli,   come   appare   nell’atto   di   battesimo   della   parrocchia   San   Barnaba   del   15   maggio   1930.

Marino   era   base   di   partenza   per   lunghe   passeggiate   in   direzione   di   Castel   Gandolfo,   intorno   alle   rive   del   lago   di   Albano,   nei    boschi   che   vanno   da   Rocca   di   Papa   ad   Ariccia,   dove   il   poeta   avvertiva   la   presenza   delle   ninfe,   sulle   morbide   alture   dei   Colli   Tuscolani   e   Albani,   fino   a   Nemi,   di   cui   Ungaretti   ricordava   ancora   commosso,   nel   corso   dell’  intervista   filmata   da   Elio   Fiore,    suo   allievo   e   poeta   anch’  egli,   il   profumo   delle   fragolette.    E’   questo   paragrafo   geografico,   sentimentale,   esistenziale,   dei   Castelli   Romani,   all’interno   del   più   articolato   ”  capitolo  ”   romano,   che   segna   la   produzione   poetica   di   Ungaretti   con   la   raccolta   ”   Sentimento   del   Tempo  ” ,   considerata    centrale    di   tutta   la   sua   opera.  In   un   intervento   del   1963,   Ungaretti    commenta    Ungaretti,   il   poeta,   parlandone   elenca   gli   elementi   che   insieme  la   strutturano   :

«  Ci   sono   tre   momenti   nel   Sentimento   del   tempo   del   mio   modo   di   sentire   successivamente   il   tempo.   Nel   primo mi   provavo   a   sentire   il   tempo   nel paesaggio   come  profondità   storica;   nel   secondo,   una   civiltà   minacciata   di morte   mi   induceva   a   meditare   sul  destino  dell ‘uomo   e   a   sentire   il   tempo,    l’effimero,   in   relazione   con   l’eterno;   l’ultima   parte   del   Sentimento   del   tempo   ha   per   titolo   L’amore,   e   in   essa   mi   vado   accorgendo   dell’invecchiamento   e   del   perire   nella   mia   carne   stessa».

Vivendo   nella   terra   di   Alba  Longa,   patria   degli   antichi   popoli   latini   e   culla   della   civiltà   romana   occidentale,   il   poeta   rimase   affascinato   dalle   aure   leggendarie,   dalla   mitologia   che   i   luoghi   gli   ispiravano.

”   Come   potevano   non   diventarmi   familiari   i   miti,   gli   antichi   miti ?   Li   incontravo   ovunque   e   continuamente,   e   accorrevano  a   rappresentare   i   miei   stati   d’  animo   con   naturalezza  ”,

dichiarò   il   poeta   in   un   commento   nell’edizione   mondadoriana   del   1969.

Miti   che   non   si   riducono   a   forme   retoriche   di   un   neoclassicismo   di   ritorno,   ma   sono   vitali   archetipi   dei   quali   il   poeta   si   appropria   per   forza   di   familiarità,   espressi   nel   capitolo   ”   La   fine   di   Crono  ”. (   Crono,   padre   di   Zeus,   è   il   simbolo   del   tempo ). 

Ed   è   in   questi   boschi,    nella   primordiale   selva   di   Marino,   tra   le   querce   ed   i   lecci,   o   nelle   brume   di   Monte   Cavo,   che   Ungaretti   rivive   le   presenze   divine   degli   avi,   che   avevano   ispirato   pittori   come   Poussin   ,   Delacroix,   Corot.

Importante   il   rapporto   umano   di   un   Ungaretti   ”   marinese  ”   con   una   comunità   locale   cui   non   è      e   non   si   sente   estraneo,   ma   anzi  ben   inserito,   come   emerge  dal   racconto   di   quegli   anni   difficili   ma   sereni,   precedenti   la   partenza   per   il   Brasile   e   la   tragica   fine   del   figlioletto   Antonio   per   una   appendicite   mal   curata,   fatto   davanti   ad   una   cinepresa,   sollecitato   dall’ allievo   e   poeta   Elio   Fiore   a   ritornare   nell’ agosto   del   1969   sui   luoghi   della   memoria.   Nel   filmato   diretto   da   Degli   Espinosa,   lo   si    vede    a    Piazza   Barnaba   tra   la   gente,   lo   si   sente   commentare   gli   orrori   della   guerra   davanti   alla   fontana   del   Tritone   e   alla   Torre,   colpite   dalle   bombe   aeree,   e   per   ultimo   lo   si   inquadra   dialogare   all’ombra   di   un   grande   olmo   di   fronte   al   ”   Ghibellino ”   con   il   vecchio   fabbro   Giuliano  De   Marchis,   che   gli   riparava   il   tetto   perché   ci   pioveva.   Un   periodo   difficoltoso   ma   rimpianto   dal   poeta,   perché,   come   recita   l’epigrafe   sul   palazzo   municipale,   ”qui   riprese   luce   la   sua   poesia,   dando   sentimento   al   tempo   e   valore   alla   vita.   A   Marino   gli   sorrise   per   la   prima   volta   il   felice   volto   del   figlio   Antonietto  ”

da  un  articolo   di   Ugo   Onorati

 

Qui   sotto   note   biografiche

Nato il 15 marzo 1955 a Marino, dove abita con la propria famiglia, è impiegato presso un istituto bancario. Laureato con lode in Letteratura italiana all’Università degli studi di Roma “La Sapienza” con il professor A. Asor Rosa per una tesi poi pubblicata sulla rivista “Contributi” della Biblioteca “A. Panizzi” di Reggio Emilia. Ha insegnato materie letterarie nelle scuole superiori, per le quali ha ottenuto l’abilitazione. Ha realizzato con il Dipartimento di Italianistica dell’Università di Roma “La Sapienza” un programma di ricerca sui libri di famiglia. Ha studiato e organizzato mostre e conferenze su: la canzone, il teatro, il dialetto di Roma. Ha curato l’edizione postuma di tutte le poesie di Leone Ciprelli (1873-1953). Ha pubblicato articoli e saggi su: la “Strenna dei Romanisti”, “Lunario Romano”, “L’Urbe”, ”Castelli Romani”, “Lazio ieri e oggi”, “l’Apollo buongustaio”. Ha collaborato con associazioni culturali di Roma e provincia. Presso la Pro Loco di Marino ha fondato e diretto la biblioteca di interesse locale “Girolamo Torquati” dei Castelli Romani. Ha organizzato convegni e manifestazioni sulla storia, sui personaggi e sulle tradizioni di Roma, di Marino e dei Castelli Romani, fra le quali: la “Giornata di onoranze per Giuseppe Ungaretti”, con l’UNESCO, le celebrazioni per il quinto centenario della poetessa Vittoria Colonna e per il IV centenario del musicista Giacomo Carissimi. Conduce con altri studiosi una monumentale schedatura degli atti dei libri parrocchiali di Marino dal XVI secolo ad oggi. La ricerca è stata presentata al convegno internazionale di studi su “La città e la memoria” tenuto a Bologna e a San Marino, poi pubblicata negli Atti.
È membro del Gruppo dei Romanisti dal 1999.

 

 

 

 

 

Robert Kennedy – alcune sue considerazioni

”  Alcuni   uomini   vedono   le   cose   come   sono   e   dicono   :   ”   Perché  ?  ”

Io   sogno   le   cose   come   non   sono   mai   state   e   dico   :  ”  Perché  no ?  ”

 

”  La   gioventù   americana,   come   la   nazione   americana,   conosce   già   un   benessere   che   oltrepassa   di   gran   lunga   i   sogni  più   audaci   degli   altri   paesi.   Ciò   che   le   manca   è   di   sapere   a   che   cosa   serve   questo   benessere.  ”

 

”  Sono   abbastanza   sicuro   che   ci   sarà   un   attentato   alla   mia   vita   prima   o   poi.

Non   tanto   per   ragioni   politiche.   Semplice   follia,   è   tutto.   ”

 

Robert   Kennedy

 

 

”   Prima   dell’avvento   dell’educazione   di   massa   (   scuola   media   e   universitaria  ),   i   bambini   diventavano   adulti   quasi   senza   transizioni,   passando   dallo   stretto   controllo   dei   genitori,   alla   responsabilità   di   guadagnarsi   la   vita   e   di   allevare   i   propri   figli.   Nella   cerimonia   del   Bar   Mitzvah   il   ragazzo   ebreo   che  compie   i   tredici   anni   proclama  :  ”   Oggi   sono   un   uomo  ”.

Una   caratteristica   importante   di   questa   concezione   della   vita   era   che   ogni   generazione   trasmetteva   alla   successiva   i   propri   valori,   che   quindi   producevano   cambiamenti   nel   tempo   lenti   e   graduali.   Come   afferma   Erik   Erikson,   l’  archetipo   del   progresso   umano   è   contenuto   nella   storia   di   Mosè,   che   guidò   il   suo   popolo   fino   alle   soglie   della   terra   promessa   e   poi   morì,   lasciando   a   Giosuè,   il   comando   di   un’ impresa   i   cui   obiettivi   erano   pienamente   condivisi   da   entrambi.

Ma   il   ventesimo   secolo   ha   spezzato   questo   ritmo   secolare.   Una   nuova   fase,   l ‘adolescenza,   separa   oggi   l’infanzia   dalla   maturità.   L ‘ adolescenza   è,   per   definizione,   un   periodo   della   vita   umana   durante   il   quale   non   si   è   più   soggetti   allo   stretto   controllo   dei   genitori   e   non   si   conoscono   ancora   le   responsabilità   dell’ adulto  ;   è   una   fase,   ci   dicono ,   durante   la   quale   le   regole   e   i   modelli   più   importanti   sono   quelli   offerti   dai   coetanei.   C’ è   quindi   oggi   una   frattura   nella   catena   che  una   volta   trasmetteva   direttamente   i   valori   da   una   generazione   all’altra.   E’   nata   una  cultura   a   sé   stante,   libera   dai   vincoli   e   dalle   esigenze   che   condizionano   la   visione   della   vita   nel   resto   della   società.   E’   quasi   un   altro   mondo.  ”

 

da   Vogliamo   un   mondo  più   nuovo ,   Garzanti  1968,    pag   27

 

”  Ciascuna   generazione   ha   il   suo   problema   particolare   :   concludere   una   guerra,   estirpare   la   discriminazione   razziale,   migliorare  le   condizioni   dei   lavoratori.   Sembra   che   i   giovani   di   oggi   abbiano   scelto   come   loro   problema   particolare   la   dignità   dell’ uomo   quale   individuo.   Esigono   un   limite   allo   strapotere.   Esigono   un   sistema   politico   che   conservi   il   senso   della   comunità   tra   gli   uomini.   Esigono   un   governo   che   parli   direttamente   e   onestamente   ai   suoi   cittadini.   Possiamo   conquistare  il   loro   impegno   solo   dimostrando   che   è   possibile   raggiungere   questi   obiettivi    attraverso   uno   sforzo   personale.   Troppo   grandi   le   responsabilità,   troppo   alta   la   posta   per   accontentarci   di   lasciare   in   eredità   alla   prossima   generazione   soltanto   il   lamento   profetico   di   Tennyson :  

”   Ah,   cosa   sarà   di   me   a   cinquant’ anni

posto   che   la   natura   mi   tenga   in   vita,

se   già   a   venticinque   anni

trovo   il   mondo   così   amaro   ?   ”

 

da   ”   Vogliamo   un   mondo   più   nuovo.  ”   Garzanti,   pag.   34

 

Tratto   da   ”   Il   sogno   spezzato  –   le   idee   di   Robert   Kennedy   ”   di   Walter   Veltroni

 

Robert   Kennedy   fu   ucciso   poco   dopo   la   mezzanotte   il   5   giugno   1968   a   Los   Angeles,    in   California,   durante   la   campagna  elettorale  per   le   elezioni   presidenziali   del   1968.

Le   sue   considerazioni   qui   riportate   sulle   nuove   generazioni,     le   trovo   particolarmente   attuali,   oggi   che   i   nostri   giovani   vivono   sbandamenti   improponibili,   senza   prospettive   per   un   futuro   tranquillo   e   sereno.   La   frase   in   particolare .   ”   esigono   un   governo   che   parli   onestamente   e   direttamente   ai   suoi   cittadini  ”,   mi   pare   rispecchi   oggi    la   nostra   situazione   politica.   Un   governo   proprio   oggi   ,   nuovo,   in   parlamento   per   la   fiducia.    Un   lungo   occhio   il   suo.   La   morte   dei   fratelli   John   e   Bob  Kennedy   è   stata   per   molti,   che   in   loro   credevano,   la   fine   del   sogno   americano.    Peccato   che   non   si   sia   potuto   vederli   più   all’opera.   Chissà   se   il   mondo   oggi   sarebbe   diverso.

 

Visualizza immagine di origine

jfkarchive.com

 

 

Che tristezza

Visualizza immagine di origine

it.dreamstime.com

Pensa   che   tristezza
”se   non   avessimo   amato”.
Se    su   questa   terra
non   lo   avessimo
riconosciuto
l’ Amore.
Se   l’erba   dei   prati
non  si   fosse
innamorata
   dei   fiori,
tanto   da
sembrare
un   dipinto   
di    Monet.
Se   le   rondini
non   amassero 
il   cielo,
avendolo   scelto
come   spazio   infinito
per   i   loro   voli.
Se   il   sole   
non   ci   amasse
e   non   ci   riscaldasse
più.
Se   la   luna
scomparisse
e   non   amasse   più
la   notte.
Oh   come   triste
sarebbe
la   terra,
senza   amore.

Isabella  Scotti   giugno   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   di   Oscar   Wilde

 

Vi   offro   una   nuova   interpretazione   della   stessa   frase   di   Oscar   Wilde.    Forse   sono   monotona   ma   a   breve   vi   lascerò   qualcosa   di   più   interessante   che   non   qualche   mia   poesia.   Promesso.   Auguro   a   tutti   voi   cari   amici,   di   passare   un   buon   weekend.   Baci.

La   vostra   Isabella

Ora tu ed io

Foto   di   Andrea

Hai   mai   pensato
a   come   vivevamo
prima
che   i miei  occhi
si   specchiassero
nei   tuoi?
Hai   mai   pensato
a   come
le   nostre   anime
vagassero   perse ,
nel   vuoto
di   un   mondo
lontano   da   noi  ?
”  Se   non   avessimo   amato  ”,
se   non   avessimo   condiviso
istanti,
riconoscendo   al   sentimento
che   ora   ci   unisce ,
una   valenza   tale
da   ritrovare
se   stessi,
forse   ora
non   saremmo   qui,
cambiati
in   positivo
dall’ unica   forza
rigeneratrice
che   può   compiere
un   miracolo  :
l’   Amore.

 

 

Isabella   Scotti   maggio   2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

incipit   in   neretto  dalla   poesia   di   Oscar   Wilde   ”   Se   non   avessimo   amato ”

Son rinata

Visualizza immagine di origine

incolors.club

Son   rinata
farfalla.
Leggera,
mi   aggiro
tra   i   fiori,
ne   aspiro
il   profumo,
mi   confondo,   
io   colorata,
tra   mille   colori,
e   vivo
un’ eterna   primavera.
Son   rinata
farfalla.
Leggiadra,
mi   alzo   in   volo  
spinta
dal   
vento.
Oh   caro,
senza   di   te
tutto   questo
non   sarebbe 
possibile.
Esploro
con   te
l’infinito,
ecco   perchè
ti   dico  :
”   se   sei   un   sogno   non   svegliarmi   ”.
Voglio   continuare   a   volare,
a   volare,
ancora,   ancora…

Isabella   Scotti   maggio   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941  n°   633

incipit    in   neretto   “..se sei un sogno non svegliarmi” dalla poesia -Ti manderò un bacio con il vento- di Pablo Neruda