Abbazia di Thoronet

All’   alba   del   XII   secolo,   l’  ordine   monastico   cluniacense   raggiunge  il   suo   apogeo   e   vanta   potenza,   gloria,   ricchezza.   Un   monaco,   Robert   de   Molesme,   reagisce   a   tutto   ciò   e   decide   così   di   tornare   alla  rigida   Regola   di   San   Benedetto,   redatta   verso   il   534;   la   regola   raccomanda   l’  umiltà,   la   povertà   nonché   il   giusto   equilibrio   tra   lavoro   manuale   e   preghiera.

Nel   1098   il   21   marzo,   in   una   località   abbastanza   fangosa   ma   piena   di   cespugli   di   rose   selvatiche   sparse,   egli   fonda   il   monastero   di   Citeaux,  presso   Digione,  che   dà   il   suo   nome   al   nuovo   ordine .   Ma   Robert   de   Molesme   non  fu   l’ unico   ideatore   del   ”   sistema   cistercense  ”.   Con   lui   contribuirono   alla   gestazione   dell’  idea,   anche   due   altri   personaggi   importanti,   Alberico   (   in   francese   Aubry  ),   considerato   il   secondo   abate   di   Citeaux  (   la   madre   di   tutte   le   abbazie   cistercensi  )    dal   1099   al   1108 , e   Etienne    Harding   che   divenne   terzo   abate   dal   1109   al   1133.   Fu   proprio   quest’   ultimo   a   codificare   la   regola   cistercense.

Tra   il   1113   ed   il   1115,   da   Citeaux   si   passerà   alla   fondazione   delle   sue   prime   ”   quattro   figlie” ,    le    abbazie  di   La   Ferté  ,   Pontigny,   Morimond   e   Clairvaux.   Sotto   l’ abate   Bernardo   di   Chiaravalle,    che   ripristina   con   vigore   e   convinzione   la  Regola   di   San   Benedetto,    dal   1115   al   1153 ,  Clairvaux   diventa   il   centro    dell’  Ordine   Cistercense   che   si   diffonde   in   tutta   L’  Europa.

Bernardo   di   Chiaravalle,   attaccando   con   violenza   il   fasto   di   Cluny   indica   il   vero   cammino   come   quello   della   povertà   e   del   rigore.   Solo   il   lavoro   e   la   preghiera   devono   motivare   i   cistercensi ,   denominati   allora i  ”   monaci   bianchi  ”.    Nel   1153,   alla   morte   di   San   Bernardo,   Clairvaux   annovera   più   di   160   monaci,   mentre   la   nuova   famiglia   cistercense   è   composta   da   circa   350   abbazie.

 

Con   le   sue ”  sorelle  ” ,   Silvacane   e   Sénanque,   l’ abbazia    di   Thoronet,   è    una   delle   tre   abbazie   cistercensi   della   Provenza.   Nel   1136,   un   gruppo   di   monaci   lascia   l’  abbazia   di   Mazan   en   Ardèche    fondata   nel   XII   secolo,  per   fondare   un   monastero   che   costruiranno   15   anni   dopo   vicino   a   Lorgues,   in   un   luogo   boschivo   tra   il   gomito   di   un   piccolo   fiume   ed   una   sorgente.   La   costruzione   inizia   nel   1160   e   prosegue   fino   al   1230.   All’  inizio   del   XIII   secolo,   il   monastero   ospita   una   ventina   di   monaci   e   una   decina   di   conversi.   Questi   ultimi   erano   incaricati  dei   lavori   manuali   e   non   erano   ammessi   nella   sala   capitolare,   dove   tutte   le   mattine   i   monaci   si   riunivano   per   leggere   un   capitolo   della   regola   di   San   Benedetto   e   per   trattare   anche   questioni   della   vita   comunitaria,   e   dove   si   eleggeva   anche   il   padre   abate.   Non   intervenivano   quindi   nelle   decisioni   più   importanti.   Da   qui   l’  espressione   ”   non   avere   voce   in   capitolo  ”.

foto   personale   Andrea   Romani

Al   piano   superiore,   dove   porta   questa   scala   c’era   il   dormitorio.   Davanti   ad   ogni   finestra   dormiva   un   monaco.   L’   area   dei   pagliericci   è   delimitata   da   una   lastricatura   in   pietra.   Ecco   qui   sotto   il   dormitorio

 

foto   personale   Andrea   Romani

La   chiesa   si   impone,   con   la   sua   facciata   occidentale,   per  la   semplicità   accentuata   dalla   disposizione   delle   pietre.   Come   a   Sénanque,   il   portale   centrale   è   assente   perché   la   chiesa   non   era   aperta   ai   fedeli.   Soltanto   due   porte   laterali   danno   sulle   navate   laterali,   quella   dei   conversi   a   sinistra,   quella   dei   monaci   a   destra.

Foto   personale   Andrea   Romani

Entrata

 

foto   personale   Andrea   Romani

All’  interno   la   navata  con   volta   a   botte   spezzata,   comporta   tre   campate (  spazio   risultante   dall’ intersezione   degli   archi   longitudinali   con   quelli   trasversali   –   treccani  ).   Il   coro   termina   in   abside   a   volta   a   semicatino ,   formante   cioè   la   metà   di   una   cupola,   con   tre   finestre   a   tutto   sesto   (   a   semicerchio )   che   simboleggiano   la   Trinità.   L’  assenza   di   decorazioni   sottolinea   la   purezza   delle   forme.   Gli   uffici   cantati,   officiati   qui   per   l’  acustica   eccezionale,   ritmavano   la   vita   spirituale   dei   monaci.   Nell’ abside   della   chiesa   si   trova   il   cimitero   dei   monaci   che   venivano   qui   portati  passando   per   la   porta   dei   morti.   La   severa   regola   di   povertà   dell’ ordine,   imponeva   che   i   monaci   fossero   sepolti   in   un   sudario   bianco,   senza   bara   né   lapide.

foto   personale   Andrea   Romani

Qui   sotto   scavato   nel   muro   sud   della   chiesa,   è   visibile   uno   dei   rari  arcosoli

di   Provenza.  (   Dicesi   arcosolio   nicchia   allestita   nei   muri   delle   chiese   e   destinata   alle   sepolture  )

foto   personale   Andrea   Romani

Lo   spazio   esterno   come   può   si   vedere   è  ricco   di   vegetazione   e   la   pace   e   il   silenzio   sono   qui   sovrani

foto   personale   Andrea   Romani

un   luogo   dove   raccogliersi   lontano   dal   mondo   e   riflettere    riappropriandosi   di   se   stessi

 

foto   personale   Andrea   Romani

 

foto   personale   Andrea   Romani

Questo   è   l’  antico   edificio   dei   conversi

foto   personale   Andrea   Romani

E   questo   è   il   chiostro,   cuore   del   monastero,   che   collega   la   chiesa   agli   edifici   della   vita   comunitaria.   Lo   spessore   dei   muri   conferisce   all’ insieme   una   rara   austerità

foto   personale   Andrea   Romani

Qui   sotto   il   parlatorio,   passaggio   tra   il   chiostro   e   il   giardino   esterno,   unico   luogo   dove   i   monaci   potevano   parlare.   Qui   si   dividevano   i   compiti   prima   di   andare   a   lavorare   i   campi.

 

 

foto   personale   Andrea   Romani

foto  personale   Andrea   Romani

All’ interno   del   chiostro   questo   padiglione   esagonale   dove   si   trova   una   bella   fontana   o   lavabo   dove   i   monaci   si   lavavano

 

foto   personale   Andrea   Romani

Foto   personale  Andrea   Romani

Questo   sopra   uno   scorcio   della   dispensa,   dove   i   monaci   producevano   olio   d’ oliva   e   vino,   principali   risorse   dell’  abbazia.

Vista   dall’ esterno

 

esterno   dell’ abbazia

due   turisti   fanno   una   breve   sosta   ammirando  il   luogo   e   l’  abbazia

 

 

giardino   del   chiostro   foto   personale   Andrea   Romani

 

Granaio  delle   decime   Foto  personale   Andrea   Romani

Foto   personale   Andrea   Romani

L’   abbazia   del   Thoronet   esprime   l’   essenza   stessa   dell’   arte   cistercense,   fatta   di   povertà   estrema,   purezza   delle   linee,   semplicità   dei   volumi,   essenzialmente   dettati   dall’  organizzazione   della   vita   comunitaria.   Per   questa   ragione   ha   ispirato   generazioni   di   architetti,   come   testimonia   Fernand   Pouillon

nel   romanzo   ”   Les   Pierres   sauvage  ”.   Con   l’iniziativa   ”   Les   lecon   du   Thoronet  ”,   ogni   anno,  un   grande   architetto   contemporaneo,   (   Eduardo   Souto   De   Moura ,   Patrick   Berger…)   è   invitato   a   compiere   una   riflessione   sugli   edifici   e   a   realizzare   un   intervento   reversibile.

 

Centre   Des   Monuments   Nationaux   –   Abbaye   du   Thoronet

 

 

Oh pardon…

Amici   ho   fatto   un   piccolo   aggiornamento   al   post   ”  Udite, udite …”

https://isabellascotti.wordpress.com/2019/12/02/udite-udite//

Potete,   se   volete,   rileggerlo.   Mancavano   altri   ”   battiti   ”   che   ho   aggiunto.

Abbracci,   abbracci

Udite, udite…

Per il Battito d’Ali del mese di Novembre 2019 è stato scelto il brano:

È un attimo…

di

Tachimio

 

 

 

Mi   stringi.
Le   tue   labbra
mi   sfiorano
il   collo.
E’   un   attimo,
un   fremito,
un   battito   d’ali ,
e   a   te   mi   concedo.

 

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

 

E   chi   se   lo   aspettava ?

 

Un   bacione   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

Ehi   ragazzi,   dimenticavo…   ne   ho   scritti   altri.   Eccoli   qui   per   voi

 

Battito   d’  ali   nella   nebbia

 

Visualizza immagine di origine

Portfolio >  Adriano   Perani   –  Photoclub   Someanza

 

Fugge   via

   il   tempo  :

un   battito   d’ali

ed   è   già   domani

 

Isabella   Scotti   settembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile  1941   n°   633

” Questo   puro   presente   non   esiste   nel   tempo,   che   lo   annienta  in   ogni   attimo  :   esso   esiste   fuori   del   tempo   e   cioè   della   vita,   nella   rarefazione   del   ricordo,  o   dello   scrivere  ”   

Claudio   Magris

 

Portate   dal   vento

 

 

Come   un   lieve

battito   d’ali…

son   foglie   secche

al   termine

della   corsa.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   Simona

 

Poi   ditemi   quale   ”  battito ”    preferite.   Ciao

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un pò di onde…

Onda   bianca   islandese

 

L’ acqua,  impetuosa,   con   fragore ,  si   versa   su   nera   roccia   di   lava.    E’  pura   energia ,   possente  vitalità,   urlo   tuonante

Cascata   Godafoss,   una   delle   più   famose   cascate   islandesi.  (  Foto   personale   Andrea   Romani  )

C’  è   una   leggenda   legata   al   nome   di   questa   cascata.   Un   oratore   della   legge,   tale   Lagosumatur   attorno   all’  anno   1000   d. C. ,   dopo   essere   divenuto   cristiano,   si   dice   sia   salito   al   culmine   della   cascata   e   abbia   buttato   tutti   gl’idoli   pagani   al   suo   interno.   Ma   essendo   tollerante   in   materia,   lasciò   liberi   di   seguirlo   nel   cristianesimo   o   rimanere   fedeli   ai   propri   idoli.   Ancora   oggi,   gli Asatruar,    gente   islandese   pagana,   fanno   l’  opposto   di   quell’oratore,   e   cioè   buttano   verso   l’alto   i   propri   idoli,   quasi   a   voler   loro   restituire  il   giusto   posto .   Ciò   avviene  durante   la   ”   festa   della   luce  ”   nel   solstizio   d’  estate

Foto   personale   Andrea   Romani

 

Onda   rossa   con   qualche   punta   di   blu

 

Foto   personale

 

Onda   gialla   portoghese

 

foto   personale   Andrea   Romani

 

Onda   arancione   in   notturna   (   sfumature,   gradazioni  )

 

foto   Andrea   Romani  

      Petit   onze

 

        Sfumature

    gradazioni   di   colori   giochi

di   un   tramonto

su   superficie

acqua

 

Onda   blu   islandese   con   qualche   variazione   in   nero   e   bianco

 

 Laguna   blu  –   area   geotermale   con   piscina

 

Nere   rocce

ti   fanno

da   cornice.

Alghe   azzurre

e   silice

ti   colorano

di   uno   splendido

blu   opaco.

Ribolle   calda

l’ acqua.

Tra   fumi

e   vapori

che   salgono

dal   profondo

della   terra,

immergersi

nella   laguna   blu

è   come   vivere

un   sogno.

 

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

foto   personale   Andrea   Romani    Reykyavik   di   sera

 

Andrea   alla   vostra   salute   dalla   laguna   blu   islandese   

Libera di vivere

Dicono   che
”  le   persone   non   cambiano,
si   rivelano.  ”
Quanta   verità
in   questa   affermazione.
Io   penso   infatti
che   dentro , 
tu,
uomo   marcio,
avessi   già
il   germe   del   male,
prima   di   farlo,
quella   volta,
a   me.
Solo
che   non   appariva,
sapevi  
ben   mascherarlo.
Poi,
un   giorno
ti   sei   rivelato
per   quello   che
effettivamente   sei :
una   canaglia.
Un   volgare
”   assassino  ”,
perché    allora,
anche   se   
per   mia   fortuna,
non   sono   morta,
hai   ucciso
il   figlio
che   portavo  
in   grembo.
Non   sono   morta
nel   corpo,
ma   nell’  anima   sì.
Quando   mi   hai   preso
a   martellate
e   mi   hai   accoltellata,
e   non   contento,
mi   hai   anche   dato   fuoco,
io   ho   avuto
nitida,
anche   attraverso
dolori  insopportabili,
la   consapevolezza
di   aver   conosciuto
una   bestia   inumana
rivelatasi
in   tutta   
la   sua   crudeltà.

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dedicata   a   Barbara   Bartolotti   che   ora,   dopo   16   anni,   da   quel   triste   e   terribile   episodio   vissuto,   dopo   diverse  operazioni   e   la   nascita   di   una   nuova   figlia,   a   Palermo   ha   dato   vita   ad   una   associazione   ”   Libera   di   vivere” ,   per   aiutare   chi   ha   bisogno   di   un   sostegno   concreto   in   caso   di   violenza.

 

E    questo   un   piccolo   racconto

 

Charme,   occhi,   ombrello,   passeggiata,   bacio

cinque   parole   da   cui   partire

Avanzava    col    suo   solito   charme,   quel   giorno,    mentre   faceva   una   tranquilla    passeggiata.  Il   cielo   era   grigio,   si   sentì   costretta   quindi   a   prendere   un   ombrello,   anche   se   mal   sopportava   l’ idea   che   dovesse   piovere.   Camminava   pensando   al   suo   lavoro   che   sì,   le   stava   dando   qualche   preoccupazione ,  ma   che   in   fin   dei   conti   l’ aveva   aiutata   ad   essere   indipendente   da   quell’   aguzzino   che   era   stato   in   casa,   Sergio ,   suo   marito.    Tutte   le   vessazioni   subite   per   troppo   tempo,   le   violenze   lasciate   per   cominciare   una   nuova   vita.    Ora   aveva   un   altro   uomo.   Quando   guardava   i   suoi   occhi   ci   vedeva   il   sole  e   finalmente   era   conscia   che   il   suo   bacio   non   era    come   quello   che   prima   subiva,   costretta  a   forza   ,   violentata   dal   bruto   col   quale   aveva   prima   vissuto,   credendo   fosse   il   vero   amore.    No,   questo   lo   era   e   lo   riconosceva   per   il   rispetto   e   la   tenerezza    che   Guido   le   dimostrava   ogni   giorno.   Era,   anche   se   iniziava   appena   a   piovere,   felice.   Non   si   era   accorta   di   come   qualcuno   la   stesse   seguendo,   assorta   com’ era   nei   suoi   pensieri.   Così   non   ebbe   il   tempo   di   accorgersi   di   nulla,   sentì   solo   la   lama   di   quel   coltello   conficcarsi   nella   schiena,   profondamente   a   lacerare   la   sua   carne.   Si   girò   istintivamente   per   capire,   mentre   il   sangue   fluiva   abbondante,   e   piano   si   accasciava   a   terra.   Il   tempo   per   riconoscere   Sergio   e   chiudere   gli   occhi   per   sempre.

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

25   novembre   Dedicata   a   tutte   le   donne   vittime   della   brutalità   di   uomini   bestie

 

 

Aurora boreale – Viaggio in Islanda

”  A   TUTTI    E’   DOVUTO   IL   MATTINO,   AD   ALCUNI   LA   NOTTE.   A   SOLO   POCHI   ELETTI   LA   LUCE   DELL ”  AURORA  ”

EMILY   DICKINSON

 

 

foto   personale   Andrea   Romani

 

Ecco,   guardate.   Nell’ estrema   oscurità   dell’  inverno   islandese   sorge   improvvisa   l’ aurora.

 

Rossa   fiamma,   bagliore   di   fuoco.

foto   personale   Andrea   Romani

 

Foto   personale   Andrea   Romani

 

L’ intensità   dell’ aurora   purtroppo   non   era   elevata,   ecco   il   perché   della   persistenza   del   buio.   Ciononostante

uno   spettacolo   unico.   Ed   ora   guardate…

 

foto   personale   Andrea   Romani

Notare   le   stelle,   nitide   come   non   mai.    E   pensate   che   Andrea   ha   anche    visto   ben   tre   stelle   cadenti,  (  con   desideri espressi  )   mentre   noi   col   naso   all’insù   ad   agosto,   nemmeno   l’ ombra.

 

 

 

Qui   i   colori   del   cielo,  l’  azzurro   che   di   verde   si   tinge…

 

           

Foto   Andrea   Romani

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

 

Questa   sotto   è   una   foto    scattata  invece   da  un   amico  di   Andrea ,   Francesco   Calò , con   una   macchinetta   Canon   con   obiettivo   Fish . eye,

quella   sopra   di   Andrea   al   contrario   montava   un   obiettivo   18 – 105 mm   su   di   una   Nikon   zoomando   su   di   un   particolare   dell’  aurora   boreale   in   cielo.

 

 

Qui   sotto   sequenze   del   sorgere   dell’ aurora.   La    poca  nitidezza   dipende    dal   tipo   di   obiettivo   usato.

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   personale   Andrea   Romani

foto   personale   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

”  L’  AURORA   E’   IL   TENTATIVO ,   DEL   VOLTO   CELESTE,   DI   SIMULARE,   PER   NOI,   L’  INCONSAPEVOLEZZA

  DELLA   PERFEZIONE  ”

EMILY   DICKINSON

Quando   il   cielo   notturno   s’  imporpora,   quando   nel   nero   della   notte   galleggiano   luci   simili   a   torce   o   a   lampioni,   quando   quei   soli   notturni   rischiarano   il   buio   sino   a   dargli   le   sembianze   del   giorno,   allora   c’è   da   aspettarsi   avvenimenti   straordinari,   giacchè   le   aurore   boreali   sono   un   fenomeno   infrequente   alle   nostre   latitudini.   Si   spiega   così   il   fatto   che   sia   i   contadini   del   Beauce,   a   sud- ovest  di   Parigi,   che   quelli   della   Corsica,   ricordino   ancor   oggi   un’   aurora   boreale  prima   della   guerra   del   1870.   Per   certi   pescatori   che   navigano   alle   alte   latitudini,   le   aurore   boreali   sono   invece   formate   da   una   moltitudine   di   piccole   mosche   rosse.

Le   aurore   polari,   dette   più   comunemente   boreali,   possono   durare   pochi   minuti   o   un’ intera   notte.   Sono   formate   da   particelle   solari   elettrizzate   e   intrappolate   nell’  alta   atmosfera    dal   campo   magnetico   della   terra.   Il   nostro   pianeta   infatti,   agisce   come   una   calamita,   le   cui   estremità   sarebbero   ai   poli.   Ecco   perché   alle   nostre   latitudini   le   aurore   boreali   sono   estremamente   rare   :   sono   privilegio   degli   abitanti   del   grande   nord   o   del   profondo   sud.   A   noi   resta   il   sogno   di   poterne   vedere  una,   come   è   successo   ad   Andrea ,   facendo   i   turisti.

 

Ed   ora   una   poesia   di   Pablo   Neruda

 

E’    oggi:    tutto   l’ieri   andò   cadendo
entro   dita   di   luce   e   occhi  di   sogno
domani    arriverà   con   passi   verdi:
nessuno   arresta   il   fiume   dell’aurora.

Nessuno    arresta   il   fiume   delle   tue   mani,
gli   occhi   dei   tuoi   sogni    beneamata,
sei   tremito   del   tempo   che   trascorre
tra   luce   verticale   e   sole   cupo,

e   il   cielo   chiude   su   te   le   sue   ali
portandoti,   traendoti   alle   mie   braccia
con   puntuale,   misteriosa   cortesia.

Per   questo   canto   il   giorno   e   la   luna,
il   mare,   il   tempo,   tutti   i   pianeti,
la   tua   voce   diurna   e   la   tua   pelle   notturna.

Pablo    Neruda

 

E   anche   una  ” mia ”  con   l’incipit  ”   domani   arriverà   con   passi   verdi”

Tutto   è   cambiato.
La   notte
s’è   tramutata
in   giorno.
Bagliori
di   un   nuovo   inizio
illuminano
il   cielo.
Domani
arriverà   con   
passi   verdi.
Ormai   ci   sei   tu,
la   mia   aurora.

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Tornando   in   albergo,   in   autobus   sotto   una   tempesta   di   neve,   tutti   a   pensare   che   mai    sarebbero    riusciti

a   vedere   l’ aurora.   Ma   la   guida   del   posto,  esperto   conoscitore   di   albe,   tramonti   e   aurore   islandesi,   ha

portato   Andrea   e   gli   altri   del   gruppo,   a   scoprirla   nascosta   dietro   una   nuvola.   Le   altre   miracolosamente

si   allontanano,   e   lasciano   intravedere   dietro   quella   nuvola,   una   luce   straordinaria.   Eccola…sta   sorgendo.   E’   l’  aurora.

Momento   indimenticabile   per   tutti.

 

bufera   di   neve   in   aerea   di   servizio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Siviglia – Catedral de Santa Maria

Scatto   in   notturna   della   Catedral      di   Andrea   Romani   

A   differenza   delle   ampie   chiese   reali   francesi,   che   seguono   lo   schema   della   basilica   con   tre   o   cinque   navate   e   un   deambulatorio   classico (   corridoio   semi –  circolare   tutt’attorno   al   presbiterio ),   la   cattedrale   di   Siviglia   risponde   a   una   tipologia   autonoma,   diffusasi   soltanto   in   Spagna :   è   infatti   concepita   come   una   basilica   simile   ad   un’  ampia   aula   inserita   in   un   perimetro   quadrato   che   si   rifà   probabilmente   alla   moschea   moresca.   Le   sue   Cinque   navate   hanno   una   lunghezza   di   circa   126   metri   e,   comprendendo   la   navata   centrale,   le  navate   laterali   e   le   cappelle   inserite   tra   i   contrafforti,   si   estendono   raggiungendo   una   larghezza   di   circa   82   metri,   impossibile   da   trovare   in   altre   chiese.

Il   coro   e   la   Capilla   Mayor,   posizionati   nella   navata   centrale   a   est   e   ad   ovest   rispettivamente   del   quadrato,   contribuiscono   a   dare   l’  impressione   di   un   corpo   estraneo,   chiuso  in   se   stesso,   che   assomiglia   ad   una   meravigliosa   stanza   del   tesoro.   Costruzioni   successive   si   vanno   ad   incastonare   nella   base   gotica :   la   Capilla   Real  fu   infatti   costruita  per   volere   di   Carlo   V   nell’ abside   orientale,   su   di   una   cappella   più   antica,   mentre   nella   parte   meridionale   furono   erette   nel   XVI   secolo   la   Sacristia   Mayor,   e   la   sala   del   capitolo,   mentre   nel   XVII    e   nel   XVIII   secolo   fu  la   volta   del   complesso   barocco   destinato   all’ amministrazione.   Per   la   realizzazione   della   Capilla   Mayor   furono   impiegati   all’ incirca   100   anni.   Opera   progettata   da   Pieter   Dancart,   scultore   fiammingo,   iniziata   nel   1482,   intagliata   in   legni   pregiati  (   noce,    castagno   e   larice  ),   ha   la   forma   di   un   trittico,   coronato   da   un   baldacchino   e   delimitato   da   una   traversa.

” Tutto   è   forza   e   maestà,   come   se   dal   mondo   reale   passassimo   in   una  grotta   gigantesca,   sistemata   da   un   gigante   affascinato   dalla   geometria,   dalla   simmetria,  dall’ordine ”     

Fernando   Chueca   Goitia (   architetto   e   saggista   spagnolo   1911  –  2004  )

All’interno   della   casa   di   Dio   l’  osservatore   percepisce   la   spinta,   tipica   delle   cattedrali   spagnole   di   una   spazialità   sempre   maggiore  :   nonostante   l’altezza   delle   volte   (   35, 50  metri   nella   navata   centrale   e   in   quelle   trasversali,   24   metri   nelle   due   doppie   navate   laterali  )   domina   l’ impressione   generale   di   una   vasta   aerea,   apparentemente   sconfinata.      Solamente   il   coro,   posto   al   centro,   può   pregiudicare   in   parte   questa   sensazione.    Coro   terminato   da   Nufro   Sanchez   nel   1478,   splendida   fusione   degli   stili   gotico,   mudéjar   e   plateresco,   opera   sicuramente   tra   le   più   belle   della   Spagna   meridionale.

                          Interno    Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Coro     –    Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Capilla   Mayor      Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Tomba    di   Cristoforo   Colombo       Foto   di   Andrea   Romani

Al   centro   del   transetto   meridionale  ecco   la   tomba   di   Colombo   ,   eretta   intorno   al   1900.   Colombo,   che   pare   volesse   essere   sepolto   a   Santo   Domingo,   venne   invece   sepolto   nel   1506   a   Valladolid   nel   monastero   certosino   di   Siviglia.   Su   richiesta   della   moglie   del   nipote,   però,   Carlo   V   decise   di   soddisfare   le   volontà   del   defunto,   anche   se   non   esistono   dati   certi   a   riguardo.Si   dice   che   una   commissione   su   insistenza   dei   principi   ecclesiastici,   giunse   nel   1795   a   Santo   Domingo,   prese   l’urna  e   la   trasportò   a   Cuba,   da   dove   nel   1892   partì   pare   alla   volta   di   Siviglia.   Ma   poiché   la   vera   urna   fu   scoperta   nel   1877   nella   cattedrale   di   Santo   Domingo,   non   sembra   probabile   che   i   quattro   araldi,   rappresentativi   dei   quattro   regni   spagnoli,   stiano   trasportando   i   resti   di   Colombo.   Anche   se   l’iscrizione   suggerisce   il   contrario :

”   Quando   l’isola   di   Cuba   si   divise   dalla   madrepatria   spagnola,   Siviglia   ricevette   i   resti  di   Colombo   e   i   maggiorenti   di   questa   città   fecero   costruire   questo   ricordo  ”

 

Foto   di   Andrea   Romani

 

Cattedrale

che   illuminata   nella   notte

sembra   maestosa    dominar

la   città

Siviglia

 

Isabella   Scotti   agosto   2018

testo :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Fonte   Arte   ed   architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hitzen  –  Bohlen