Unico fiore

“Fai di me un prato. Con tanta luce.
E poi aggiungici un cielo, come vuoi tu.
E’ lì che io ti aspetterò”

Fabrizio   Caramagna

Visualizza immagine di origine

pixnio.com

Illuminami
con   la  tua   luce
d’amore.
Sarò
l’ unico   fiore
splendente
tra   mille   altri
fiori   anonimi
sparsi   un   po’   ovunque
in   un   immenso
prato   verde.
Là   ti   aspetterò,
e
se   vorrai,
potrai   cogliermi
e    rubare
al   mondo,
regalandomi
un   pezzo   di   cielo
limpido,
totalmente   azzurro
scevro   di   nubi.

Isabella  Scotti   gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Annunci

Da dove viene la sinfonia ? dedicato all’ amico Claudio Capriolo- Cap’s blog

La   parola   sinfonia   ha   origine   antichissima,   per   quanto   le   si   desse   in   passato   un   significato   del   tutto   diverso   dall’  attuale.   I   greci,   progenitori   della   musica   dell’ occidente,   intendevano   per   ”  sinfonia  ”   ciò   che   noi   oggi   definiamo   ”  consonanza  ”  :   l’emissione    cioè   contemporanea   di   due   o   più   note   che   formino   tra   loro   un   accordo   gradevole   all’ udito .   Nel   Medioevo   troviamo   la   stessa   parola   in   un   trattato   di   Isidoro   di   Siviglia,   vissuto   tra   il   570   e   il   636   circa.   Isidoro   chiama   ”  sinfonia  ”   la   concordanza   di   diversi   suoni,   acuti   e   gravi,   vocali   e   strumentali ;   chiama   ”  sinfonie  ”   anche   i   brani   di   musica   fondati   su   tali   concordanze.

Visualizza immagine di origine

prolocosarnico.it

Allo   stesso   tempo   il   nome   serve   anche   per   indicare   degli   strumenti   :   nell’   antichità   un   tipo   di   tamburo ;   nel   XII   secolo   il   nome   era   usato   per   indicare   la   ghironda,   un   curioso   strumento   caratteristico   dei   musici   vaganti.   Anche   la   cornamusa   è   chiamata   ”  sinfonia   ”   in   molti   antichi   manoscritti.   Solo   in   tempi   più   recenti   il   vocabolo   acquistò   più   o   meno   il   significato   che   ha  oggi  ,   e    passò  ad   indicare   un   brano   musicale   scritto   per   soli   strumenti.   La   musica   strumentale   fiorì   soltanto   sul   finire   del   Medioevo,   un’ epoca   che   aveva   della   musica   una   concezione  del   tutto   diversa   dalla   nostra.   L’  idea   del   concerto   pubblico   era   del   tutto   ignota,   e   soltanto   le   cerimonie   ecclesiastiche   e   le   feste   popolari   lasciavano   campo   alla   musica.   Ma   per   secoli   gli   strumenti   non   poterono   essere   usati   durante   le   funzioni,   perché   la   Chiesa  –   protettrice   della  musica   come   di   tutte   le   arti  –   attribuiva   loro   un   carattere   peccaminoso.

 

The Blind Hurdy Gurdy Player, 1620 - 1630 - Georges de la Tour

The   Blind   Hurdy   Gurdy  Play     –    La   ghironda   in   un   dipinto   di   Georges   de   La   Tour

 

Solo   a   poco   a   poco   poterono   introdursi   nelle   cerimonie,   dapprima   in   posizione   subordinata,   a   sostegno   delle   voci,   e   talvolta   in   loro   sostituzione  ;   in   un   secondo   tempo   prese   piede   l’  uso   di   suonare   brevi   intermezzi   strumentali   per   permettere   ai   cantori   di   riposarsi.   Un   forte   impulso   ricevette   la   musica   strumentale,   nello   stesso   periodo,   dalla   danza.   In   questo   capo   ebbe   una   parte   di   primissimo   piano  e   poté   imporsi   sovrana,   evitando   la   concorrenza   della   sorella   maggiore,   assai   più   sviluppata,   e   cioè   della   musica   vocale.   Poi,   via   via   che   gli   strumenti   si   perfezionavano   e   i   suonatori   diventavano   più   abili,   nella   musica   profana   la   parte   strumentale   si   andò   rendendo   autonoma   dalla   danza,   così   come   nella   musica   di   chiesa   si   era   separata   dal   canto.   Si   aprì   così   per   la   musica   un   nuovo   campo   dagli   orizzonti   sconfinati.

Grande natura morta con strumenti musicali, tappeti, dolciumi, fiori e una piccola scimmia -olio su tela cm. 314 x 217 – datato “1695” – Cremona, Pinacoteca Civica Ala Ponzone

”  Maestro di palazzo Araldi (attivo a Cremona nel 1695)  ”    Per   chi   volesse   ragguagli   su   questo   Maestro   segnalo   questo   link   :   http://www.academia.edu/19539302/Il_Maestro_di_Palazzo_Araldi_Text

 

Visualizza immagine di origine

gianlucabocchi.com

Nella   ”  musica   d’arte ”   musica   di   chiesa   e   di   corte,    cominciavano   a   prendere   vita   degli   ”   intermezzi  ”   strumentali,   durante   i   quali   alcuni   strumenti  –   pochi,   agli   inizi  –   eseguivano   brevi   pezzi   indipendenti.

Nella   ”   musica   popolare”   si   svilupparono   danze   la   cui   molteplicità   conferì   in   breve   molta  varietà   alla  musica   strumentale,   soprattutto   grazie   alle   esecuzioni   di   danze  che   avevano    luogo   nei   palazzi;   qui   si   avevano   maggiori   esigenze   di   raffinatezza   e   le   musiche   subivano   un   processo   di   stilizzazione.   Ben   presto   i   musici   di  palazzo    ricevettero   l’incarico   di   colmare   le   pause   tra   le  danze   con   la   musica,   e   come   era   logico,   cominciarono   a   suonare   suites   ricavate   dai   ritmi   delle   danze   stesse,   in   modo   che   gli   ospiti   rimanessero   nell’  atmosfera   leggera   e   piacevole   della   festa,   senza   affaticarsi   intellettualmente.

Ogni   pezzo   della   suite   era   breve,   con   un   unico   tema   musicale   che   veniva   ripetuto   varie   volte   senza   varianti.   Un   principio,   questo,   che   è   proprio   l’opposto  di   quello   della   sinfonia.   Per   giungere   a   ciò   che   s’  intende   oggi   come   sinfonia,   c’è   ancora   un   po’   di   strada   da   fare   ma   soprattutto   occorre   che   si   formi   l’  orchestra.   Nel   prossimo   post   parlerò   dei   precursori   della   sinfonia.

 

fonte   –      La   sinfonia   –   Kurt   Pahlen

 

 

 

Magia del Natale ( anche se passato )

Visualizza immagine di origine

 

thuncastelvetrano.com

 

Incanto   di   una   sera.

Già   passata.

Ma   se  ne   sentono

ancora   gli   echi.

La   gioia

dello   stare   insieme.

Prima   l’attesa,

i   preparativi,

le   tavole   imbandite,

e   poi   i   sorrisi,

gli   abbracci.

E   a   mezzanotte

tutti   davanti   al   presepe,

per   deporre   Gesù

nella   mangiatoia.

Ecco   è   nato,

Amore   si   diffonde.

Quand’ ecco    suonar

la   rossa   campanella…

”  Chi   è ?  ”

dice   una   voce.

”  Son   Babbo   Natale  ,

porto   i   doni

per   Arianna   ed   Elena,

le   due   bimbette

cuginette, 

che   ho   sentito

tanto   ridere.

Il   che   mi   fa   pensare

che   siano   brave   e   buone  ”.

”  Ohh,   ma   certo

venga   pure   avanti,

l’  aspettavano   lo   sa  ?

anche   se   ora   fanno   un   po’   le   timide  ”

”   In   realtà   non   posso   fermarmi,

vado   anche   da   altri   bimbi.

Lascio   qui   i   miei   regali

dalle   bimbette   richiesti.

Ci   vedremo   il   prossimo   anno  ”

”  Senz’altro,   a   presto   allora

e   buon   rientro   a   casa   sua,

dove   c’ è   tanta   neve,   grazie   d’ essere  venuto.  ”

Subito   le   piccole,  

curiose,

corrono  

a   scartare   i   doni,

tra   gridolini   di   stupore

e   risa   gioiose.

Ecco,

questo   è   stato

l’incanto   di   una   sera,

già   passata,

ma   ancora   nel   cuore.

 

Sera   della   vigilia   da   me  :  17   persone, comprese   Arianna   ed   Elena   che   avevano   già   mangiato  e   che   quindi,   senza   impedimenti,   nella   stanza   dei   giochi   da   me   allestita ,  si   sono   divertite   come   matte.   Menù   misto   tra   piatti   veneti   e   fritti   romani   da   me   preparati   con   amore   per   finire   con   un   ottimo   ”  mal   di   schiena   ”   ma   soddisfatta   e   felice.   Se   recupero   la   foto   fatta   alle   tavole   imbandite,   ve   la   farò   vedere.   Baci   a   tutti.   La   vostra   Isabella   PS   Il   prossimo   post,   tranquilli   non   parlerà   del   Natale

 

Isabella   Scotti   dicembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

La mia mamma – 27 dicembre 2018

omaggio   floreale   per   festeggiarla   ed   eccola   qui   con   il   suo   intramontabile   sorriso

e   noi   tornati   bambini,   sulla   slitta   di   Babbo   Natale.   Peccato   non   si   vedano   le   renne       PS   Notare   le   dimensioni   della   crostata ,   dopo   gli   stravizi   del   Natale

Anima

Si   torna   seri   amici…buon   mese   di   gennaio

Visualizza immagine di origine

fotoalbum.virgilio.it

 

”   Bello   cadere,   quando   nervi   e   carne,

pazzi   di   forza,   voglion   farsi   anima.  ”  

 

Antonia   Pozzi

 

Nel   momento   in   cui

tutto   è   consapevolezza,

quando   nulla

è   lasciato   al   caso,

ecco,

mi   riapproprio

della   vita.

E   rido,

gioisco   di   ciò

ch’essa   mi   offre.

Scalo   montagne,

mi   arrampico

per   giunger   sulla   vetta.

E   lì,

mentre

immobile   sto,

rapita   da   una   bellezza

incontaminata,

vago   altrove :

nervi   e   carne

si   son   fatti

anima.

 

Isabella   Scotti    gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Epifania – acrostico

sanpioxmdp.blogspot.com

 

E   ccoli   confusi   tra   i

P  astori

I   nsieme ,  a   portar   oro,   incenso   e   mirra

F   elici    d’aver   trovato   il   bimbo   perchè

A   iutati   dalla   stella

N   on   si   sono   persi   e   ora

I   nginocchiati   lo

A    dorano,   loro,   dei   regnanti  ,   chini,    davanti   al   Re   dei   Re

 

Isabella   Scotti   gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Ieri   uno   scritto   per   la   Befana.   Oggi   uno   scritto   dedicato   più   al   sacro   che   non   al   profano.   Buona   Epifania   a   tutti   i   miei   cari   amici   ai   quali   voglio   molto   bene.   Ultima   festa   ad   arrivare,  nella    quale   Gesù   si   manifesta   ai   Re   Magi   e   di   conseguenza   a   tutti   noi.    Adoriamolo   come   fanno   loro   e   a   voi   auguro   di   passare   una   buona   giornata   assieme   anche    a   chi   stanotte   ha   girato   al   freddo   per   portare   una   bella   calza   da   lasciare   sotto   l’albero.   Il   mio   sorriso   per   tutti   voi.   La   vostra   Isabella

Eccola, sta per arrivare

Visualizza immagine di origine

it.paperblog.com

 

La   Befana

è   una   vecchietta

che   quando   viaggia

nella   notte   scura

giammai   ha   paura.

Le   piace   la   notte

anche   se   gira

con   le   scarpe   rotte.

Ha   molto   sangue   freddo

difficilmente   si   emoziona

e   sempre   va   in   giro

come   una   stracciona.

Viaggia   sempre

con   un   sacco,

e   come   tutte   le   vecchiette

ha   qualche   acciacco.

Vorrebbe   ai   bimbi   buoni

dar   solo   caramelle,

ma   poi   ci   ripensa

e   ridendo   a   crepapelle

aggiunge   nel   sacco

anche   carbone  

poi   col   suo   bastone

riprende   a   viaggiare

nella   notte   più   scura

senza   nessuna   paura,

lasciando    la   sua   calza

piena   di   sorprese ,

anche   di   panini

con   maionese.

Così   ogni   bimbo

farà   festa

cercando   nella   cesta

quella   calza   colorata

dalla   Befana   donata.

 

Isabella  Scotti   gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Buon    viaggio   care   amiche  !!!