Anna Magnani

Fino   al   22   ottobre   a   Roma   c’è   una   mostra   che   vi   invito   a   non   perdere:   quella   su   Anna   Magnani.   Io   l’ho   vista,   piena   di   fotografie   bellissime   e   pensieri   e   annotazioni.   La   sua   forte   personalità,   la   sua   spontaneità   nel   recitare   ne   ha   fatto   per   me  un   idolo.   Metto   tardi  purtroppo   questo   post,   perché   anch’io   l’ho   visitata   quasi   alla   sua   fine.    Ma   vi   esorto,   per   chi   può ,     a   non   perdere   la   proiezione   di   alcune   interviste   fatte   a   chi,   registi   e   attori,   hanno   lavorato   con  lei.   Tra   i   primi   che   ricordo   Luchino   Visconti   e   Marcello   Mastroianni.   Proprio   Visconti   e   il   suo   film  ”Bellissima   ”   mi   hanno   stimolata   per   questa   poesia.   Vi   chiedo   scusa,   come   ho   fatto   con   lei,   per   un   dialetto   che   sicuramente   sarà   pieno   di   errori. Ma   è   comunque   il   mio   omaggio   ad   un’artista   che   adoro.

 

Nannarè,   ce   lo   sai ?

Me    torna   spesso   ‘n   mente

quer   gesto  tuo,

così   naturale,

davanti   a   lo   specchio

quanno   te   pettini,

e   te   guardi   là  drento

co’   quell’occhi   sempre  cerchiati,

che   sapeano  recità  ancora  prima

de    parlà.

In   quer   film   dar   titolo

”Bellissima”,   ‘ndo   facevi

a   parte  de   na’  madre

‘nnammorata,

in   senso   bbono,

da’   su   piccola   creatura.

Tu   si   stata   sempre

‘na   forza   da   natura.

Tu  si  stata,  de   Roma   bella,   regina.

‘Na    vera  popolana.

Sempre   co   li

capelli   arruffati,

co   li   grembiali

e   le   parannanze.

A   strillà

solo   tu   eri   bbona,

co’   a   voce   roca,

ma   squillante.

Er   fascino   tuo

era   tutto   là,

nell ‘ èsse   ‘na   donna

vera,   viva.

Me   te   ricordo

In   tutti   li   firm   tui,

troppo   belli   ereno,

tutti   nel   core   me   stanno.

Così   come   quanno   cantavi

”  ‘O   surdato  ‘nnammurato  ”

che  le   lacrime   all’occhi

me   veniveno.

Nannare’,

er   romanesco   mio

nun   è   certo

er   tuo.

Perdoname,

l’ho    fatto

tanto    pe’   sentimme   come   te,

‘n po’   rustica   de   core.

Me   sa   che   da   lassù   sorridi,

a   vede’  quello   che   t’ho   scritto.

Ma

vabbè,   daje,

 ho   voluto   solo   provacce…

Ciao   Nannarè

te   porto   ner   core.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2017

Testo  :    copyright    legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Queste    che   vi   lascio   sono   sue   parole   riprese   da    dov’erano   scritte   in   una   delle   sale   della   mostra  :

”     La   vita   e   il   cinema

 

Non   ho   mai   fatto   il   minimo   sforzo   per   sembrare   un ‘ altra.   Le   bestie   vivono   secondo   natura   e   non   sbagliano   quasi   mai.   Ho   trasportato   questa   teoria   nel   campo   degli   uomini.   Anche   questa   è   la   verità,   non   ho   mai   avuto   ambizioni   di   nessun   genere,   non   sono   mai   stata   invidiosa   né   del   successo,   né   delle   ricchezze   altrui.   Ho   sempre   camminato   nella   vita   per   sentire   in   me   la   gioia   di   una   continua   metamorfosi ,   di   un   continuo   studio   di   quello   che   era   il   mio   lavoro,   e,   oserei   dire,   di   un   continuo   perfezionamento   della   donna   che   era   in   me.   Ma   la   donna,   quella   che   nessuno,   dico   nessuno,   conosce,   non   è   mai   cambiata,   mai !   Piena   di   difetti,   tanti,   ma   piena   di   timori,   piena   di   smarrimenti,   gli   stessi   che   ho   oggi   dopo   una   dura,   durissima   vita,   li   avevo   a   dieci   anni.

 

E   questo   trauma   è   la   cosa   che   amo   di   più   in   me.   ”

 

 

 

Risultato immagine per foto anna magnani

listal.com     la   sua   forte   intensità   espressiva,   fiera   come   ”  La   lupa   ”   di   Zeffirelli   da   lei   interpretata

 

Risultato immagine per foto anna magnani

tentezionedonna.it

il   suo   splendido   sorriso   contagioso

Annunci

Amore e dolore in versi

Risultato immagine per amor cortese dipinti

commons.wikimedia,org

 

Or   solitaria
m’aggiro  nel   mondo.
Perchè
bussar   al   mio   cor
fu   solo   inganno.
Ed   io,
che   in   lui   vedea
beltà   e   amor,
dovetti   racchiuder   
me   stessa
in   un   dolor
talmente   grande,
da   coprir
tutta   la   terra
ed   i   suoi   bei   fior.
Eppur   rimembrando
ciò   che   fu,
di   sì   dolce   tristezza
il   cor   mi   bea.
Possa   ora   il   tempo
lenir   questo   dolor,
alfin   ch’io   dica
nuovamente   un   dì,
ad   altro
gentil   messere,
dolcemente,
soavemente,
il   verbo    ”  Amor  ”.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2017

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°  633

incipit   dal   sonetto   di   Vittorio   Alfieri   ”   Tacito   orror   di   solitaria   selva  ”

Povera Hollywood…quella vera

Quanta   ipocrisia   c’è   nel   mondo.   Soprattutto   in   un   certo   mondo.   E   quanto   schifo   dietro   quel   mondo   patinato,   a   cui   abbiamo   sempre   guardato,   pur   immaginando,    ammettiamolo  ,   che   nascondesse    qualcosa   di   non   buono,   come   a   qualcosa   che   aveva   e   per   certi   versi   ancora   ha,   fascino   da   vendere.   Io    voglio   illudermi   comunque   che   la   Hollywood   che   ho   nel   cuore,   quella   parliamoci   chiaro,   di   gente   come   Gregory   Peck,   Cary   Grant,    Bogart,  Robert   Taylor,   Grace   Kelly,   Olivia   de   Havilland,   Joan   Fontaine,   Teresa   Wright,   per   citare   solo   i   primi   che   mi   son   venuti   a   mente ,    possa   insegnare   quanto   a   garbo,   eleganza,   e   ricordare   a   tutti   che   in   fin   dei   conti   recitare,   fare   film   con   serietà   si   può   anche   oggi.   I   soldi   non   bastano   a   rendere   felici   se   non   si   è   onesti   e   retti ,   e   ciò   vale   sia   per   gli   uomini   che   per   le   donne .   Ora   vi   lascio   con   un   articolo   che   secondo   me   ha   l’ottica   giusta   sull’argomento.   Inutile   dire   che   condivido.

 

Taci, donna ipocrita!

weinstein argento

Il corpo è tuo e ci fai quel che ti pare. Non ti giudico né se lo vendi né se lo regali, sono affari tuoi e non ti faccio la morale, ma fammi il favore di tacere e di non fare la morale agli altri, ipocrita che non sei altro.
La prostituzione è il mestiere più antico del mondo, ma almeno le meretrici hanno la dignità di non insegnare alle altre il buon costume e tanto meno si sognano di chiamare stupro un libero scambio tra soldi e prestazioni sessuali.
Se ti sei piegata, in senso letterale, ai voleri di un produttore cinematografico per ottenere in cambio la parte in un film, non chiamarlo stupro perché sempre di libero scambio si tratta.
Ed ora, dopo aver raggiunto fama e soldi grazie a quelle performance, magari non troppo artistiche, non ci venire a dire che ti hanno costretta per non rovinarti la carriera. Perché sei tu che hai rovinato la carriera a tante aspiranti attrici, magari più brave di te, ma che non hanno voluto sottomettersi al sistema.
Eh sì, io non nego che la Jolie o la Paltrow siano brave e bellissime, anzi sono meravigliose e probabilmente avrebbero ottenuto comunque il meritato successo, ma non sopporto l’ipocrisia di chi solo oggi finge di essersi svegliata dall’incubo e di aver finalmente trovato il coraggio di denunciare Weinstein, uno dei principali produttori di Hollywood. Guarda caso ora si scopre l’acqua calda, lo sapevano tutti, ma hanno taciuto perché troppo potente e troppo ingenti i suoi finanziamenti ai Clinton, che di molestie sessuali se ne intendono.
E che dire di Asia Argento che si sarebbe fatta stuprare per 5 anni per non rovinarsi la carriera? Mi dovrebbe far compassione, poverina?
È dalla notte dei tempi che le donne s’offrono, ma non soffrono. Suvvia! È da quando è nato il cinema che i produttori e i registi fanno i casting a letto. Per favore!
E ora improvvisamente mi fate le santarelline. E invece siete solo delle ipocrite, perché siete sempre in prima fila per i diritti delle donne, vi riempite la bocca di slogan contro il sessismo, sfilate per la parità di genere, accorrete in massa alle manifestazioni contro gli uomini politici che non vi aggradano, rilasciate interviste a nastro per tacciarli di sfruttamento del corpo femminile, quando le principali nemiche delle donne siete proprio voi.
Siete voi che alimentate il sistema sessista, siete voi che fate emarginare le donne che non accettano compromessi sessuali per far carriera, siete voi che non permettete la parità di genere, perché se voi non aveste ceduto, se nessuna di voi avesse acconsentito, avreste costretto il sistema a far far carriera solo alle donne meritevoli.
Quando in un’azienda avanza di grado la donna che avanza meglio nel letto del capo, la colpa non è solo del capo, ma di quella che scavalca le colleghe più brave di lei non per meriti professionali, ma per prostituzione pura e semplice.
Vi vantate di essere libere, emancipate e fate bene a fare del vostro corpo quel che vi pare e piace, ma abbiate almeno la compiacenza di risparmiarci la vostra ipocrita morale.
Tacete per tutte le donne che per colpa vostra non otterranno il successo che meritano.

 

Preso   da ”  Il   giornale  ”

 

 

 

Carlo e Franco

Questo   raccontino   che   vi   propongo   l’ho   scritto   per   gioco,   aderendo   ad   un   invito   del   caro   amico   Gian   Paolo   (   htpp://newwhitebear.wordpress.com//  ).   Si   trattava   di   un   esercizio   di   ”   Scrivere   creativo  ”  .   Inventare   una   storia   tra   le   10   e   le   200   parole,   avendo   a   disposizione  :

  • UN   DISOCCUPATO   APATICO
  • UN   FUMETTISTA   SORDO
  • UN   CUSCINO   PARTICOLARMENTE   SOFFICE
  • E   LA   FOTO   SEGUENTE

microphone-2130806_1920

Ecco   a   voi   ciò   che   mi   è   venuto   in   mente.   Un   abbraccione   a   tutti.   La  vostra   Isabella

 

 

 

Da quando era diventato disoccupato, perdendo il suo lavoro di operaio tessile, che seppur faticoso, amava tanto, Carlo era diventato sempre più apatico, insofferente verso tutto ciò che lo attorniava.

Unico hobby che non aveva tralasciato, il suonare la chitarra ,e con un microfono davanti , cantare. Era l’unica cosa che potesse tirarlo su. Gli dava conforto e lo rilassava allo stesso tempo, facendogli dimenticare tutte le preoccupazioni del momento. Non aveva molti amici, era sempre stato un solitario in fondo. Ma uno ce n’era, che stranamente era sempre presente quando lui si esibiva, tra le quattro mura di casa. Un coinquilino, bravo fumettista, ma per ora,  anche lui disoccupato,  Franco, che amava vederlo suonare e cantare, ma ahimè  non sentire perché sordo. Eppure,  sistemato sul divano, con un bel cuscino morbido dietro il capo, con tutta la sua menomazione, egli  era capace  di seguire la canzone  perdendosi  con l’immaginazione dietro  la musica, mentre leggeva il testo su di un foglio regalatogli da Carlo.  Si facevano compagnia così ,  lasciando che i giorni passassero  e portassero buone nuove per un lavoro che si faceva attendere.  Ogni tanto Carlo leggeva qualche annuncio ma non aveva spirito, non era un combattente nato. Al contrario di Franco che era, nonostante il suo handicap, molto più attivo. Tanto che un giorno riuscì a trovarlo un lavoro, disegnare fumetti per una importante  rivista  e , dovendosi trasferire, cambiò dimora.

Lasciando  Carlo, solo , con la sua chitarra e il suo microfono.

 

Isabella Scotti ottobre 2017

testo: copyright legge 22 ottobre 1941 n° 633

Un   grazie   speciale   a   Gian   Paolo,   carissimo   amico.   Mi   raccomando,   leggete   anche   il   suo   di   racconto.

Già è l’ora…

Per voi amici. Buona giornata. La vostra Isabella

Risultato immagine per immagini malinconiche di vita che finisce

frasiaforismi.com      I   colori   della   vita,   un   giorno   assolati,   un   giorno   tenebrosi.   Un’altalena   dove   dondolarsi   senza   abbattimenti   nei   giorni   bui.   Tanto   poi   esce   sempre   il   sole,   vi   pare  ?   La   vostra   Isabella

Ancora vivo,
e il viaggio è finito!
Sera d’autunno.            

Matzuo   Basho

Avanza   inesorabile   il   tempo
nulla   può   fermarlo.
Non   c’è   malinconia   in   me.
Tutt’al   più   consapevolezza
che   a   breve
chiuderò   le   palpebre,
allontanandomi   da   te
per   sempre,
vita.
Ma   ti   lascerò
sereno,
felice   d’averti
pienamente   ”   vissuto”,
sperimentando   di   te
il   bello   e   il…

View original post 51 altre parole

Il re del bosco d’autunno

Risultato immagine per foto porcino

it.wikipedia.org

 

 

E’ nel bosco d’autunno

che ritrovo me stessa.

In  quel procedere lento

come lento lì  è il silenzioso,

andare del tempo.

Ritrovo   quella   pace

interiore

che   cercavo   da   tempo,

mentre fresca

l’aria del mattino

mi accarezza il volto.

Umida di rugiada

è la terra,

mentre i piedi affondano

in un mare di foglie facendo

scricchiolare

rami  spezzati.

Tra le folte chiome

raggi di sole

cercano una via.

Gli uccelli  parlano

tra loro cinguettando.

Cammino ascoltando

del bosco d’autunno

i rumori.

Mi guardo attorno,

ciclamini ovunque.

Ne aspiro il profumo

deliziata.

Quel colore lilla

lo adoro.

Ma ecco improvviso,

nascosto

vicino a quell’albero,

comparire.

Non ho dubbi,

con le mani sposto

le foglie bagnate…lo vedo !!!

E’ lui,

il   fungo   per   antonomasia,

il   porcino ,

il re

del bosco d’autunno.

 

Isabella   Scotti   settembre   2017

testo:  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 

A te

Buongiorno a tutti voi, miei cari amici. Oggi vi lascio una nuova poesia. Ancora la vena poetica m’insegue. Spero che anche voi inseguiate il mio scrivere. Baci. La vostra Isabella

myrome.org         Amore  e  Psiche   del  Canova

A   te,

che   sei   

il   mio   divenire.

A    te,

che   hai   saputo

di   me   cogliere

l’essenza,

la    natura   più   intima,

più   nascosta

del   mio   esistere.

A   te,

semplicemente

mio   tutto,

dedicherò   in   vita

ogni    cura,

ti   solleverò

dalle   pene ,

ti   donerò   ogni   giorno

un   sorriso.

Ti   aiuterò

e   ti   sosterrò

nelle   dure   prove.

Sarò  la   tua   forza,

sempre.

Sarò   la   tua   cura

in   ogni   istante,

quando   avrai   bisogno,

perché   con   me

guarirai   da   ogni   male.

Ti   rialzerai,

quando   cadrai,

aiutato   da   me,

perché   sempre

mi   avrai…

View original post 56 altre parole