Archivi tag: pioggia

Buongiorno   carissimi.   Oggi,   voglio   lasciarvi   in   compagnia   di   una   lettera   d’  amore,   una   poesia,   un   dipinto  e   accompagnarvi   per   mano,   facendovi   sognare ,  in   un   paese   che   sarebbe   forse   scomparso   per   l’ abbandono   di   tanti   suoi   giovani,    trasferitisi   per   lavoro   o   studio,   se   due   fratelli   col   loro   cugino   non   avessero   avuto   nel   2017   l’  idea   di   trasformarlo   ,   attraverso   murales   colorati,   nel   ”   paese   delle   fiabe   ”  :  Sant’ Angelo   di   Roccalvecce   in provincia   di   Viterbo,   poco   distante   dalla   famosa   Civita   di   Bagnoregio.  

Attraverso   foto   di   questo   paese,   rivivrete   l’  atmosfera   giusta   per   tornare   piccini.   Penso   che   oggi,   con   tutte   le   difficoltà   da   affrontare ,   possiamo   permetterci   di   dimenticarle   per   un   po’   sognando.   Non   siete   forse   d’   accordo   con   me   ?   Allora   si   comincia,   immergetevi   prima   nella   lettura   e   poi…

 

LETTERA   D’  AMORE

 

Visualizza immagine di origine

http://www.teoma.co.it

 

Come   sei   lontano   amore   mio.   Sei   partito   solo   da   pochi   giorni   e   già   mi   manchi,   terribilmente.  Vorrei   che   le   notti ,   senza   stelle,   non   mi   mettessero   troppa   paura.   E   invece   tremo   a   star   sola,   senza   te  .    Sarà   stata   la   pioggia   di   questi   giorni   a   mettermi   malinconia ,   ma   sapessi   che   vuoto   hai   lasciato.

Ogni   notte   chiudo   gli   occhi   per   vedere   te,   immaginandoti   qui   sdraiato ,  abbandonato   sul   cuscino,  io,   rannicchiata   tra   le   tue   braccia   a   cercare   le   uniche   labbra    che   voglio   e   so   baciare.   Mi   piace   la   nostra   intimità,    quello   stare   soli,   stretti,   anche   senza   parlare,   anche   senza   fare   all’ amore.   Mi   sento   sicura   con   te   al   mio   fianco,   e   più   posso   guardarti   mentre   piano   ti   addormenti,   confondendo   il   tuo   respiro   col   mio,   più   ti   amo,   con   dolcezza,   con   tenerezza.  

Anche   oggi   fuori   piove,   piccole   gocce   continue   imperlano   i   vetri.   Mette   una   tristezza    la   pioggia,   dovrei   uscire   ma   non   ne   ho   voglia.   Forse   più   tardi.   Preferisco   rimanere   qui   a   scriverti,  è   come   se   tu   mi   fossi   accanto ,   ti   sento   vicino.   Finirà   presto   questo   nostro   star   lontani ,   vedrai.

Aspetto   trepida   il   tuo   ritorno.   Stringerti   a   me   di   nuovo,   sarà   la   gioia   più   grande.   Ci   ameremo   fino   al   mattino.

Sono   qui,    caro,   torna

Sempre   tua   

Cristina

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   canzone   di   Giusy   Ferreri   ” Voglio   te ”

 

CHI   ERI   IN   REALTA’  ?

Visualizza immagine di origine

iltermopolio.com

 

Non   ho   risposta

e

non   mi   manca
quello   che   mostravi
di   essere,
mi   manca   quello
che   pensavo
tu   fossi.
Mi    sono   sbagliata,
ho   amato
un’  altra   persona ,
quella
che   non   eri   tu.
Che   delusione
per   me
comprendere
questo.
Quanto   voler  
apparire
in   te,
senza   in   realtà
essere.
E   io   stupida,
caduta
nel   tranello
di   una   sembianza
che   solo   
nella   mia   mente
esisteva.
A   ripensarci ,
avrebbe   potuto
essere  
un   grande   amore
il   nostro,
se   la   menzogna
non   avesse   avuto
il   sopravvento.
Ora
sono   qui
senza   te,
ho   aperto
gli   occhi,
rifuggo
ogni   meschinità,
ogni   falsità.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questo   quadro ,  dove   Arianna   osserva   intorno   a   lei   la   natura   durante   una   gita ,   è   del   nonno   pittore ,  che   lo   ha   dipinto ,  riprendendo   il   tutto   dalla   foto   da   lui   scattata   alla   nipotina   durante   una   gita,   questa   estate.

 

E   ora   abbandoniamoci   al   sogno…

 

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea  Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto  di Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

Penso    che    avrete   riconosciuto   ”  Pinocchio  ”,   ”  La   piccola   fiammiferaia”,   ”   Peter   Pan   ”.   Un   mondo   fatato   che   sembra   davvero   a   portata   di   mano.   Un ‘   immersione   che   vale   la   pena   fare.   Ed   ora   qualche   scorcio   anche   di   Civita   di   Bagnoregio

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

E   qualche   micetto   senza   mascherina

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

 

Un   saluto   dal   fotografo

 

Alla   prossima   miei   cari.   Passate   una   buona   giornata   di   sole.

 


Cari   amici   vi   regalo   nell’ attesa   di   volare   in   Veneto,   qualche   poesia.   Baci   a   tutti   e   buona   primavera.

Ops ,   mi   sono   confusa,   è   ancora   inverno.

 

TRA  I   FIORI   DI   MAGGIO

 

Visualizza immagine di origine

lemiepiante.it

Nei   giardini
di   maggio
mi   perdo
tra   fiori,
che   si   svegliano
piano
al   sorriso
del   sole,
lasciandomi
dal   loro   profumo
inebriare.
E’  
nei   giardini
di   maggio,
che   vedo  
fiorire
le   rose.
Ma   come   mi   son   cari
i   fiori   di   ginestra
che   s’ aprono   lucenti
come   vena   d’oro,
quasi   gemme   di   luce.
Amo
sostare   pensierosa
nei   giardini
di   maggio,
perdermi
per   poi   ritrovarmi.

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

NON   MI   PIACE   LEGGERE   LETTERE

 

“Quasi non oso leggere le lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,
non resisto al dolore della lettura”

Franz  Kafka

 

Sì,
in   effetti
esse
sono   qualcosa
di   molto   strano.
Si   scrivono
parole
senza   poter
guardarsi
in   volto.
Siamo   lontani,
io   che   scrivo,
tu   che   ricevi
ciò   che   ti   invio.
Parole   che
scritte
possono  
anche   perdersi ,
non   solo
per   quanta   strada
a   volte  
si   trovano   a   fare,
per   giungere   a   destinazione.
Ma   anche
perdere   di   significato,
al   contrario
di   quelle   dette,
che   si   possono   spiegare,
a   lungo   discutere .
Ecco   perchè
“quasi   non   oso   leggere   le   lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,

non resisto al dolore della lettura”.
Ecco   perchè
preferisco   aspettare,
piuttosto   che   una   lettera
con   parole
che   mi   metterebbero
in   ansia,
ne   sono   sicura,
semplicemente
il   tuo   ritorno.
E   sperare   che
tu   mi   stia   pensando
con   la   stessa   intensità
con   la   quale
io   ti   penso.
Non   voglio   leggere
su   di   un   foglio
”   ti   amo ”
te   lo   voglio   sentir   dire.
   Solo   questo   conta
per   me.
Ti   aspetto.
Tutto   qui. 

Isabella  Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dall’incipit   in   neretto   di   Kafka

 

RICORDI   D’  ESTATE

 

Ricordi

quando   con   la   bici

si   andava

spensierati

su   strade   sterrate,

facendo   a   gara

per   arrivare   primi

al   fienile?

Erano   i   tempi

in   cui   noi,

tanti   cugini,

ci   si   rincontrava

d’estate.

Eravamo   sempre  

felici   quei   giorni,

ci   sentivamo

liberi.

Il   fienile

era   la   nostra

tappa   finale,

e   il   nostro   rifugio

dove   attendere

la   fine   della   pioggia.

Ancora   è   lì   sai  ?

L’ ho   rivisto   da   poco

e   mi   ha    fatto

commuovere.

Sì,   ho   versato  

una   lacrimuccia,

quando   guardandolo

ho   rivisto   noi  

tutti   insieme.

Come   fugge   via

il   tempo,

portandosi   via

anche   chi

sarebbe   bello,

fosse   ancora   qui.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie    Simona

 

INUTILMENTE

 

buttati come l’edera a nascondere un pozzo,
quando tutti sapevamo di che pozzo si trattava?”
Cesare   Pavese

Parole,
troppe,
inconcludenti.
Buttate   lì,
come   l’edera
a   coprire   un   pozzo.
Che   delusione
questo   vuoto
tra   noi.
Eppure,  
pur   sapendo,
abbiamo   cercato  
parole
che   riempissero  
quel   vuoto.
Dialoghi   ripetuti,
fino   alla   nausea
cercando   un   contatto.
Che   sciocchezza
crederci .
Quanta   ambiguità
nel   nostro   
nonrapporto .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   .   Copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   ai   versi   di   Pavese

 

 

TRISTEMENTE

 

scatto   di   Andrea

Tristemente
lascia   piano  
che   cadano
i   suoi   petali.
Si   è   accorto
con   rammarico ,
che   ancora  
non   soffia ,
col   suo   tiepido   alito,
   Primavera .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :    copyright     legge   22   aprile   1941    n°   633

 

NESSUN   ALTRO

 

”   La malinconia
culla con dolci canti
il mio cuore in oblìo  ”

Paul Verlaine

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

Il   mio   cuore   è   in   oblio.
Ti   ha   dimenticato.
Ha   dimenticato
molte   cose
del   nostro   amore.
Più   non   vuole
ricordare.
E’   rimasta
solo
una   dolce  
malinconia
ad   allietare
le   mie   sere.
E’   quasi   un   canto,
una   melodia
   sussurrata
dalla   quale
mi   faccio   cullare,
quando   fuori
le   fronde
son   sferzate  
dal   vento,
quando   le   gocce
di   pioggia
battono   i   vetri.
Quando   il   freddo
mi   fa   tremare.
Solo   lei
è   rimasta
a   farmi   compagnia.
Nessun   altro.

Isabella    Scotti    maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   di   Paul   Verlaine


campidogliom[1]

Per  celebrare  i  cento  anni  di  vita  di  Roma  nel 1970  fu  chiesto  alla  nota  giornalista  Miriam   Mafai  (  giornalista,  scrittrice, tra  i  fondatori  del  giornale  ”La  Repubblica”)  di  fare  una  ricerca  che  testimoniasse  come  si  viveva   nel  1870  in  città.  Ne  venne  fuori  un  libro :”Roma  cento  anni  fa’.   Molto  piacevole  nella  lettura  ,  qui  alcune  descrizioni  davvero   interessanti.

Duecentoventimila  abitanti,  dei  quali  quasi  la  metà  senza  professione  ma  che  se  la  cavavano  vivendo  di  espedienti  e  di  beneficenza.  65  botteghe  di  fabbri  ferrai,  12  di  armi,  9  di  coltelli,  una  decina  di  manifatture  di  lana,  seta  e  cotone,  38  tipografie,  una  grande  manifattura  tabacchi,  20  piccole  fornaci,1500  orefici,  31  negozi  di  anticaglie  e   belle  arti,  323  chiese,  221  case  religiose,  340  opere  pie,  50  alberghi  e  locande,  30  trattorie  e  centinaie  di  osterie :  questa  era  Roma  nel  1870.

”In  via  dei  Delfini,  dietro  le  Botteghe  Oscure,  al  numero  36  si  affitta  tutto  un  primo  piano;  dieci  vani  di  cui  quattro  molto  ampi,  una  bella  cucina,  cantina,  soffitta,  acqua  da  lavare  e  da  bere,  illuminazione  a  gas  per  le  scale  e  guardiaportone.  La  cifra  richiesta  è  di  trenta  scudi  al  mese,  poco  più  di  centocinquanta  lire,  pari  allo  stipendio  di  un  professore  universitario.  E’  l’estate  del  1870. Le  osservazioni  meteorologiche,  fatte  dalla  specola  del  Collegio  Romano  e  quotidianamente  pubblicate  dal  Giornale  di  Roma,  avvertono  che  sono  stati  superati  i  34  gradi,  Roma  sa  di  cavoli  fradici  e  di  sterco  di  cavalli.  Dai  mucchi  di  monnezza  rovesciati  a  tutti  gli  angoli  di  strada  e  continuamente  rimossi  dai  bastoni  dei  mendicanti,  si  levano  nugoli  di  mosche.  Per  fortuna  le  giornate  di  calura  sono  interrotte  da  improvvisi  temporali  e  rinfrescate.  Allora  la  pioggia  lava  le  strade  e  dalle  grandi  ville,  fitte  di  cipressi  e  di  pini  che  arrivano  fino  al  centro  della  città,  si  leva  il  profumo  acuto  della  terra  bagnata  e  dell’erba orio fresca.   A  Castro  Pretorio,  —  è  l’estremo  limite,  da  quella  parte —-della  città, per  iniziativa  di  Monsignor  De Merode  sono  state  costruite  da  poco  le  caserme  degli  zuavi;  l’Esquilino  e  il  Viminale  sono  coperti  dai  boschi,  dai  palmeti  e  dalle  piante  esotiche  di  Villa  Massimo.  Sull’Aventino,  attorno  ai   Cavalieri   di  Malta,  si  stendono  giardini  ed  orti   di  conventi,  attorno  alla  collinetta  di  cocci,  ci  sono  terreni  incolti  e  grotte  dove  gli  osti  di  Roma  tengono  il  vino  in  fresco.  I  polli  razzolano  nei  cortili  di  Trastevere,  dai  muretti  che  recingono  gli  orti  spuntano  mucchi  di  letame.  Orti,  vigneti,  boscaglia  ricoprono  i  prati  a  Castel  S.  Angelo,  al  porto  di  Ripa  Grande  attraccano  i  barconi  pieni  di  legna  e  di  carbone.  Le  pecore  brulicano  al  Colosseo,  l’alba  viene  annunciata  dai  richiami  dei  galli.  Sul  Palatino  c’è  il  mercato  del  bestiame,  a  Campo  de’  Fiori  il  mercato  della  frutta  e  delle  anticaglie,  a  Piazza  Montanara  il  mercato  dei  braccianti.  …

…Nonostante  il  caldo  i  romani,  nei  mesi  di  luglio  e  di  agosto,  restano  in  città,  nelle  case  che  le  tende  pesanti,  le  persiane  chiuse  e  la  stoppa  nei  campanelli  difendono  dal  caldo  e  dai  rumori.  Il  pomeriggio  si  dorme;  la  sera,  quando  scende  il  ponentino,  i  borghesi  arrivano  in  uno  dei  Caffè  del  Corso  a  mangiare  un  gelato,  le  signore  fanno  una  passeggiata  al  Pincio.  Nei  quartieri  popolari,  a  Monti,  a  Trastevere,  si  vive  per  strada,  ci  si  disseta  con  il  vino  all’osteria  o  con  la  limonata  al  chioschetto  decorato  di  frasche….

…La  città  era  raccolta  entro  le  mura  aureliane.  Le  antiche  porte,  Porta  Salara,  Porta  Maggiore,  Porta  S.  Giovanni,  Porta  S.  Paolo,  la  difendevano  dai  miasmi  della  malaria  che  sovrastava  l’agro,  una  campagna  piatta  e  desolata  dove  pascolavano  centinaia  di  migliaia  di  pecore  e  bufali  che  procuravano  ai  romani  abbacchio  a  buon  mercato  e  la  migliore  ricotta  e  provatura  d’Italia,  e  profitti  crescenti  ai  ”mercanti  di  campagna”,  affittuari  e  fattori  degli  immensi  latifondi,  proprietà  della  chiesa  e  di  alcune  famiglie  patrizie.  Dal  punto  di  vista  economico  e  sociale  la  città  era  in  arretrato  non  solo  nei  confronti  di  Parigi  e  Londra,  ma  anche  nei  confronti  di  Milano,  Napoli,  Torino.  Era  lenta,  pigra,  e  come  rassegnata  al  peso  schiacciante  della  propria  tradizione.  I  suoi  aristocratici  avevano  abitudini  di  vita  rozze,  erano  altezzosi  ed  ignoranti;  la  ricchezza  dei  suoi  borghesi  era  recente  e  di  troppo  fresca  origine  contadina;  la  sua  università  era  decaduta;  la  sua  amministrazione  inefficiente  e  corrotta;  la  sua  difesa  affidata  ad  un  esercito  mercenario.”

Fonte . Dal  libro  di  Miriam  Mafai       ”Roma  cento  anni  fa”

L’angolo  della  poesia

Roma

Il  Tevere  stasera  fa  quasi  paura.

E’  gonfio,

corre  veloce,

chissà  dove  vuole  andare…

Roma  è  stupenda  di  notte,

maestosa  con  i  suoi  palazzi

che  si  affacciano  sul  fiume,

i  ponti,  le  alte  statue

che  sembrano  guardare  il  cielo.

Tutta  illuminata

ha  un  fascino  unico,

speciale,  imponente.

E’  una  visione  magica

che  conquista

e  fa  sognare.

        E’  Roma…l’unica,  la  capitale.

Isabella  Scotti

Questa  poesia  è  una  delle  prime  che  ho  scritto,  quando  mi  trovavo  in  ospedale  sull’isola  Tiberina  al  Fatebenefratelli.  Di  sera,  era  agosto,  reparto  ortopedia, dalla  grande  terrazza  dove  si  poteva  stare  per  prendere  un  pò  d’aria (  per  fortuna )  lo  spettacolo  del  Tevere  m’ispirò  questi  pochi  versi.  Una  degenza  alleviata  proprio dall’opportunità  di  poter  uscire  su  questa  grande  terrazza  e  osservare  il  fiume  sotto  di  me,  illuminato  da  mille  luci  nelle  sere  estive  in  attesa  dell’intervento.  Una  meraviglia.

Ed  ora  quattro  canzoni  per  salutare  Roma.  Quattro  modi   e  stili  diversi  per dimostrare  quanto  amore  possa  generare  questa  città  in  chi  la  vive  e  sente  sua.

htpp://www.tesoridiroma.net/galleria/campidoglio/foto/

Vorrei  scusarmi  con  tutti  voi  amici  per  aver  nominato,  rispondendo  ad  un  commento  di  Sherazade 2011,   Mastroianni  come  interprete  di  Rugantino, cosa  non  vera.  Marcello  è  stato  un  grande  Rodolfo  Valentino  in  ”  Ciao  Rudy”  ma  mai  ha  interpretato  appunto  Rugantino.  Sorry  per  la  svista.