Il Giro d’Italia a Frascati

RAGAZZI   CHE   EMOZIONE   ASSISTERE   AL   GIRO   D’ ITALIA.

EUFORIA   TANTA   QUI   A   FRASCATI.

NEL   MOMENTO   DELLA   VOLATA   FINALE   AVEVO   DAVANTI   A   ME   APPOGGIATI   ALLE   TRANSENNE   QUATTRO   SPAGNOLI   CHE   NON   MI   FACEVANO   VEDERE   NULLA   E   DI   LATO   UNO   SPILUNGONE   CHE   OGNI   TANTO   SI   METTEVA   PURE   IN   PUNTA   DI   PIEDI.

ALLA   FINE   NON   CE   L’HO   FATTA   PIU’   ED   HO   ESCLAMATO  :   ”   MA   POSSIBILE   CHE   NESSUNO   POSSA   UN   MINIMO   FAR   VEDERE   QUALCOSA   ANCHE   A   ME?   ”

IN   MEN   CHE   NON   SI   DICA   LO   SPILUNGONE   SI   SCANSA   E   MI   FA   METTERE   DAVANTI   A   LUI   IN   UN   PEZZETTINO   DI   SPAZIO.   SCHIACCIATA   A   DESTRA   E   SINISTRA   HO   POTUTO   COSI’   VEDERE   LO   SPRINT   FINALE.   GENTILE   LO   SPILUNGONE,   ANCHE   SE   CONFESSO,   CHE   HO   PENSATO   PER   UN   ATTIMO   ALLA   MIA   FINE  , SOTTERRATA   DALLA   RESSA   PER   SCATTARE   FOTO   COL   CELLULARE.

MA   TUTTO   E’  ANDATO   BENONE.   TRANNE   I   PIEDI   INTORPIDITI ,  DOPO   DUE   ORE   DI   ATTESA   DEL   GRUPPO.   PECCATO   PER   LE   CADUTE   CHE   HANNO   ROVINATO   UN   PO’   L’  ESITO   FINALE.

COMUNQUE   VEDERE   UN   EVENTO   DEL   GENERE   COSI’   DA   VICINO,   CON   TUTTO   QUELLO   CHE   GIRA   INTORNO,   SPONSOR,   ORGANIZZAZIONE,   FORZE   DI   POLIZIA,   TELEVISIONE   E’   COSA   DI   NON   POCO    CONTO.

A   VOI   TUTTI   AUGURO   UNA   NOTTE   SERENA.

 

LA   VOSTRA   ISABELLA

 

da   Il   messaggero.it

PURE   LUI   E’   ARRIVATO  !!!   DON   MATTEO,  E   L’ HO   VISTO   BENE   QUANDO   SI   E’   GIRATO   VERSO   DI   NOI.   I   SUOI   OCCHI   SONO   BELLISSIMI   DAVVERO   E   SEMBRA   PIU’   GIOVANE   DI   QUEL   CHE   E’.

 

Vola 

il   ciclista  facendo   girare

nel   rush   finale  

vorticosamente   i 

pedali

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Annunci

Grazie mamma

Visualizza immagine di origine

fiorilandia.org

 

Mamma    mammina

ti   devi   fermare

e   con   molta   attenzione

mi   devi   ascoltare.

Un   grazie   gigante

ti   devo   donare

perché   sei   buona

e   sai   perdonare.

Sai   essere   paziente

e   hai   sempre   il   sorriso

e   riempi   di   baci

il   mio   piccolo   viso.

Grazie   per   tenermi

sempre   la   mano

e   per   insegnarmi

ad   andare   lontano.

Grazie   anche   quando

mi   dici   di   no,

mi   serve   per   crescere

questo   lo   so.

Grazie   mamma

 

La   tua   Arianna   ( la   mia   nipotina   alla   sua   mamma,  mia  figlia  )

 

 

AUGURI   A   TUTTE   LE   MAMME   E   BUONA   DOMENICA   A   TUTTI

 

 

 

 

 

 

 

Intermezzo in versi

Cari   amici   vi   regalo   nell’ attesa   di   volare   in   Veneto,   qualche   poesia.   Baci   a   tutti   e   buona   primavera.

Ops ,   mi   sono   confusa,   è   ancora   inverno.

 

TRA  I   FIORI   DI   MAGGIO

 

Visualizza immagine di origine

lemiepiante.it

Nei   giardini
di   maggio
mi   perdo
tra   fiori,
che   si   svegliano
piano
al   sorriso
del   sole,
lasciandomi
dal   loro   profumo
inebriare.
E’  
nei   giardini
di   maggio,
che   vedo  
fiorire
le   rose.
Ma   come   mi   son   cari
i   fiori   di   ginestra
che   s’ aprono   lucenti
come   vena   d’oro,
quasi   gemme   di   luce.
Amo
sostare   pensierosa
nei   giardini
di   maggio,
perdermi
per   poi   ritrovarmi.

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

NON   MI   PIACE   LEGGERE   LETTERE

 

“Quasi non oso leggere le lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,
non resisto al dolore della lettura”

Franz  Kafka

 

Sì,
in   effetti
esse
sono   qualcosa
di   molto   strano.
Si   scrivono
parole
senza   poter
guardarsi
in   volto.
Siamo   lontani,
io   che   scrivo,
tu   che   ricevi
ciò   che   ti   invio.
Parole   che
scritte
possono  
anche   perdersi ,
non   solo
per   quanta   strada
a   volte  
si   trovano   a   fare,
per   giungere   a   destinazione.
Ma   anche
perdere   di   significato,
al   contrario
di   quelle   dette,
che   si   possono   spiegare,
a   lungo   discutere .
Ecco   perchè
“quasi   non   oso   leggere   le   lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,

non resisto al dolore della lettura”.
Ecco   perchè
preferisco   aspettare,
piuttosto   che   una   lettera
con   parole
che   mi   metterebbero
in   ansia,
ne   sono   sicura,
semplicemente
il   tuo   ritorno.
E   sperare   che
tu   mi   stia   pensando
con   la   stessa   intensità
con   la   quale
io   ti   penso.
Non   voglio   leggere
su   di   un   foglio
”   ti   amo ”
te   lo   voglio   sentir   dire.
   Solo   questo   conta
per   me.
Ti   aspetto.
Tutto   qui. 

Isabella  Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dall’incipit   in   neretto   di   Kafka

 

RICORDI   D’  ESTATE

 

Ricordi

quando   con   la   bici

si   andava

spensierati

su   strade   sterrate,

facendo   a   gara

per   arrivare   primi

al   fienile?

Erano   i   tempi

in   cui   noi,

tanti   cugini,

ci   si   rincontrava

d’estate.

Eravamo   sempre  

felici   quei   giorni,

ci   sentivamo

liberi.

Il   fienile

era   la   nostra

tappa   finale,

e   il   nostro   rifugio

dove   attendere

la   fine   della   pioggia.

Ancora   è   lì   sai  ?

L’ ho   rivisto   da   poco

e   mi   ha    fatto

commuovere.

Sì,   ho   versato  

una   lacrimuccia,

quando   guardandolo

ho   rivisto   noi  

tutti   insieme.

Come   fugge   via

il   tempo,

portandosi   via

anche   chi

sarebbe   bello,

fosse   ancora   qui.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie    Simona

 

INUTILMENTE

 

buttati come l’edera a nascondere un pozzo,
quando tutti sapevamo di che pozzo si trattava?”
Cesare   Pavese

Parole,
troppe,
inconcludenti.
Buttate   lì,
come   l’edera
a   coprire   un   pozzo.
Che   delusione
questo   vuoto
tra   noi.
Eppure,  
pur   sapendo,
abbiamo   cercato  
parole
che   riempissero  
quel   vuoto.
Dialoghi   ripetuti,
fino   alla   nausea
cercando   un   contatto.
Che   sciocchezza
crederci .
Quanta   ambiguità
nel   nostro   
nonrapporto .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   .   Copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   ai   versi   di   Pavese

 

 

TRISTEMENTE

 

scatto   di   Andrea

Tristemente
lascia   piano  
che   cadano
i   suoi   petali.
Si   è   accorto
con   rammarico ,
che   ancora  
non   soffia ,
col   suo   tiepido   alito,
   Primavera .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :    copyright     legge   22   aprile   1941    n°   633

 

NESSUN   ALTRO

 

”   La malinconia
culla con dolci canti
il mio cuore in oblìo  ”

Paul Verlaine

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

Il   mio   cuore   è   in   oblio.
Ti   ha   dimenticato.
Ha   dimenticato
molte   cose
del   nostro   amore.
Più   non   vuole
ricordare.
E’   rimasta
solo
una   dolce  
malinconia
ad   allietare
le   mie   sere.
E’   quasi   un   canto,
una   melodia
   sussurrata
dalla   quale
mi   faccio   cullare,
quando   fuori
le   fronde
son   sferzate  
dal   vento,
quando   le   gocce
di   pioggia
battono   i   vetri.
Quando   il   freddo
mi   fa   tremare.
Solo   lei
è   rimasta
a   farmi   compagnia.
Nessun   altro.

Isabella    Scotti    maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   di   Paul   Verlaine

Villa Thuret e non solo

Allora   miei   cari   continuiamo   a   viaggiare.   Eravamo,   nel   precedente  post   ancora   in   Francia.   E   sempre   lì   piacevolissima   è   stata   una   passeggiata   su   di   una   spiaggia   libera   che   guardava   verso   Saint   Tropez,  tra   pezzi   di   legno   portati   dal   mare,   che   spesso   i   francesi   raccolgono   per   farne   usi   particolari,   come   ad   esempio   delle   basi   rustiche   per   abat – jour,   e   una   notevole   quantità   di   alghe   che   presto   verranno   tolte   per   ripulire   lo   spazio   che   d’ estate ,  sarà   logicamente   molto  frequentato.   Dopo   aver   camminato   sulla   sabbia,   abbiamo   preso   un   sentiero    dal   quale ,  andando   sempre   più   avanti,   e   salendo,   non   abbiamo   più   potuto   vedere ,   alla   nostra   sinistra,   il   mare.   Volete   sapere   perché ?   Perché   eravamo   capitati   nel   bel   mezzo   di   tante   ville   lussuose,   che   ovviamente   recintate,   impedivano   la   visuale.   Eppure   qualche   temerario   aveva   in   certi   punti,   presumo   per   fotografare   come   ho   fatto   anch’io,   creato   dei   buchi   sulle   reti   di   recinzione.   Eccovi   qualche   foto.   La   qualità   non   è   certo   ottima   ma   è   dovuta   alla   scomodità,   secondo   me,   di   fotografare   attraverso   un   buco.

 

 

 

Comunque ,  come   potete   vedere ,  il   tempo   anche   se   non   proprio   caldo,   ci   ha   aiutato.   Altro   giretto,   altro   giorno,   e   arrivare   a   Cap   d ‘ Antibes.   Considerate   che    questi   posti,   sono ,  dopo   trent’  anni   che   qui   capitiamo   se   ci   va,    casa   nostra.   Eppure   mai   avevamo   visitato   Villa   Thuret ,    situata   al   numero   90   di   Chemin   Raymonde.    Qui   troverete   un   orto   botanico   molto   suggestivo,   fondato   a   metà   dell’ottocento   dal   botanico   Gustave-   Adolphe   Thuret.   Qui   ci   sono   piante   che   arrivano   da   tutto   il   mondo,   circa   3000   specie,   messe   qui   appositamente  per   farle   acclimatare   e   successivamente   per   essere   studiate   nel   loro   reagire   ad   un   nuovo   habitat.   Anche   se   non   pare   tenuto   forse   al   meglio,   è   pur   sempre   piacevole   passeggiare   al   suo   interno.   Considerate   che   qui   è   stato   piantato   il   primo   eucalipto   della   Costa   Azzurra.   Una   cosa   molto   interessante   è   capitare   nel   boschetto   dei   pini   marittimi.   Qui   dei   pini   altissimi,   pinus   pinea ,  hanno   una   particolarità.   Se   alzate   gli   occhi   al   cielo,   potrete   notare   come   sulle   cime   di   questi   pini   centenari,   i   rami   non   si   toccano,   disegnando   una   linea   di   vuoto   attorno   ad   ogni   albero,   chiamata  :   ”   linea   di   timidezza  ”.   Molto   suggestivo   vi   assicuro.   Ecco   qualche   foto   un   po’   sfocata  ahimè

 

La foto   forse   non   rende,    mettete   in   moto   la   vostra   immaginazione

 

Quello   che   qui   si   vede   sono   le   radici   di   un   tronco   che   hanno   bucato   il   muro,   attorno   alle   quali   è   stata   creata   come   una   cornice   per   metterle   in   evidenza.   Sembra   quasi   un   mostro   uscire   dal   terreno.

 

Questo   un   angolo   di   paradiso

 

Questi   i   nostri   giri   di   quest’anno,   il   resto   delle   ferie   passato   sempre   con   i    nostri   amici   a   gironzolare,   camminare   sul   lungomare    prendendo   un   tenue,   tenue,   tenue   sole.  A   tale   proposito   vi   lascio   qualche   altra   foto.    Comunque   tornati   a   casa ,  due   giorni   dopo   siamo   ripartiti   per   il   Veneto   che,  terra   dei   miei   genitori,   amo   moltissimo.   Vi   stupirò   con   foto   da   sogno.   Baci   a   tutti.

La   vostra   Isabella

 

Scusate   la   pubblicità   involontaria   con   quella  borsa   peraltro   comodissima

 

Gabbiano   a   passeggio

 

Lo   stesso   mentre   cerca   di   visitare   un   museo   ma   la   porta   è   chiusa…

 

Qui ,   deluso ,    il   suo   dietrofront

Tavolozza   di   colori  ;   sullo   sfondo   l’ Esterel

 

Alla   prossima   puntata   :   Pasqua   in   Veneto

 

 

 

 

 

 

Ramatuelle

Allora   miei   cari,   tutti   rientrati   o   qualche   pazzerellone   ha   allungato   le   ferie   fino   a   domenica ?   Le   mie   sono   finite   ormai   da   qualche   giorno   e   come  promesso   vi   racconto   dove   sono   stata.   Prima  in   Francia , (  lo   sapete   ormai   da   tempo   che   ci   vado   da  trent ‘  anni   e   più ),   e   poi   a   Pasqua   ,   dopo   essere   tornati   e   subito   ripartiti,   in   Veneto.   Il   tempo   a   Cannes   non   è   stato   dei   migliori   ma   tutto    sommato   eravamo   attrezzati   anche   con   piumini,   quindi   è   andata   bene  lo   stesso.   Sempre   nuvoloso   e   freddino,   con   poi   sole   nel   pomeriggio, (   non   sempre  ),   ma   mai   pioggia.   I   nostri   giretti   li   abbiamo   comunque  fatti.   Nel   mio   precedente   post   avete   visto   che   una   nostra   tappa   è   stata   visitare   il   borgo   provenzale   di   Ramatuelle,    luogo   tranquillo   e   caratteristico,   che   si   è   sviluppato   come   tutto   chiuso   in   se   stesso,  quasi   in   cerchi,   non   perfetti,   concentrici   immerso   nel   verde   e   posto   sulla   collinetta   di   Paillas   sopra   Saint   Tropez ,   di   cui   vi   lascio   qui   qualche   notizia    storica  ripresa   da   Wikipedia.

Sorta probabilmente come piccola borgata gallica, venne occupata nell’892 dai Saraceni, che si erano stanziati al Frassineto. I nuovi dominatori lasciarono numerosi ricordi del loro passaggio, come le antiche prigioni e la Porta Saracena.

Una via di Ramatuelle.

Nel 972 Guglielmo I di Provenza distrusse la roccaforte araba, Ramatuelle passò così sotto il controllo dei visconti di Marsiglia, che fortificarono e restaurarono il borgo. Durante le Guerre di Religione venne pressoché raso al suolo durante un assedio nel 1592. Solo dopo alcuni decenni si riprese, come sta ad indicare la data di costruzione della chiesa di Notre-Dame, data 1620. Durante la Seconda guerra mondiale fu occupato dagli Italiani e successivamente dai Tedeschi. Nella vicina spiaggia di Pampelonne nel 1944 venne effettuata una parte dello sbarco alleato in Provenza. A partire dagli anni’60, al crescere della fama della vicina Saint-Tropez, anche Ramatuelle è diventato un luogo di vacanza di alto livello, con alberghi di prima classe e ristoranti di lusso a Pampelonne. Sebbene sia molto frequentata, non ha perso quella sua caratteristica impronta di borgo provenzale.

 

Un   luogo   caratteristico,   pieno   di   stretti   vicoli,    portici   e   scalinate   tutte   testimonianze   del   suo   antico   passato.      Una   di   queste   molto   importante   è   il   monumento   nazionale,   unico   in   Francia,   inaugurato   il   3   maggio   1959,   ad   opera   di   Courbier.

 

IL MEMORIALE ASSDN

 È dedicato ai membri dei servizi speciali morti per la Francia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Reca incisi nella pietra i nomi dei membri delle reti del servizio di informazioni e di controspionaggio che operavano dall’autunno 1940 nella clandestinità nella Francia occupata per preparare le operazioni che hanno portato alla liberazione del Paese. Questi eroi catturati dai servizi dell’esercito occupatore sono morti fucilati, decapitati, martirizzati o nei campi di concentramento.   Un   monumento   davvero   imponente,   appena   fuori   il   borgo,   vicino   ad   un   ampio   parcheggio.

 

  Ramatuelle   è   pieno   di   piccoli   ristorantini   con , a   sorpresa,   menù  italiani.   Ma   noi   da   bravi   turisti ,  abbiamo   optato    per   menù   francesi,   mangiando   splendidamente   in   un   localino  tipo   grotta,   dal   soffitto   del   quale   pendevano   per   la   Pasqua   in   arrivo,   tanti   ovetti   colorati  .   Molto   carino.   Comunque   tutte   le   costruzioni ,   i   bar,   i   negozietti   d’ artigianato  dalle   facciate   color   ocra,    le  persiane   dalle   tinte   pastello   e   i   gelsomini,   le   bougainville   sanno   attrarre   i   turisti   che   lontano   dalla   confusione   quasi   ”   festaiola”   di   Saint   Tropez,   qui   ritrovano   la   pace.    Il   verde   circostante   aiuta   molto   in   questo.   Ma   la   cosa   che   qui   attira   di   più   i   turisti   è   senz’altro   chi,   come   detto   nel   mio   precedente   post,   riposa   in   pace:   l ‘ attore   Gèrard   Philipe   molto   ricordato   in   Francia.

 

 

 

 

LA TOMBA DI GERARD PHILIPE

Gérard    Philipe   era   un  attore   francese (4 dicembre 1922 – 25 novembre 1959),   morto   come   potete   vedere   dalla   data,   prematuramente   per   un   tumore   al   fegato.   La   sua   tomba,  ricoperta   di   edera   e   ombreggiata   da   un alloro, è   assolutamente  in   uno   stile   scarno   e   lineare.   Mai   si   direbbe   di   una   personalità  conosciuta   e   amata   quale   lui   era

L’attore   veniva   a   Ramatuelle   nella   casa   della   sua   bella   famiglia   principalmente   durante   le   vacanze,   con   sua   moglie   Anne   e   i   suoi   due   bambini.

La   presenza   di   questo   attore   nel   comune   ha   prodotto   un   effetto   importante   sul   piano   turistico,   ma   anche   sul   piano   culturale (nel   1985   fu   inaugurato   il   Festival   Gérard   Philipe   sotto   la   direzione   di   Jean-Claude   Brialy,   ribattezzato   dal   1992   Festival   del   Teatro   e   Varietà   di   Ramatuelle.   L’attuale   direttore   artistico è   Michel   Boujenah).    Ed   ora   qualche   foto   per   rallegrare   gli   spiriti.

 

 

i   nostri   amici   e   mio   marito   davanti   al  cimitero    di   Ramatuelle

 

 

Uno   scorcio   ripreso  col   cellulare

 

Questo   un   antico   pozzo

 

E   qui   da   una   piazzetta   del   luogo   un   tocco   di   colore   tra   il   verde

 

Comunque   girare   tra   gli   stretti   vicoli   in   questo   borgo   dai   ritmi   calmi,   e   notare   in   lontananza   lo   splendido   mare   della   spiaggia   di   Pampelonne   è  davvero  emozionante.   A   proposito   di   tale   spiaggia,   qualche   notiziola   non   guasta.

Situata   nel   comune   di   Ramatuelle,   questa   area   di   27   ettari   è   all’origine   del   “mito tropeziano”.   La spiaggia   di   Pampelonne,   frequentata   dal   jet-set,   è   diventata   una   delle   più   famose   del   mondo.

Due   stabilimenti   sono   all’origine   di   questo   mito :   la   “Spiaggia   Tahiti”   attrezzata   nel   1946   utilizzando     l  l’arredamento   in   bambù   abbandonato   dagli   studios   della   Victorine   in   occasione   delle   riprese   nel   1935   del   film   “Chant   des   îles”   di   Georges   Manae,   e   il   “Club   55”   (creato   nel   1955)   che,   da   semplice   mensa   per   il   team   delle   riprese   del   mitico   film   con   Brigitte   Bardot   “E   Dio   creò   la   donna”,   è   diventato   un   ristorante   rinomato.

I   suoi   stabilimenti   balneari   vedono   sfilare   da   mezzo   secolo   tutte   le   celebrità   dello show-  biz:   Errol Flyn       verso   il   1950,   Brigitte   Bardot,   Roger   Vadim,   Jane   Fonda   negli   anni   ’60;   Michèle   Morgan   e   Gilbert   Becaud   intorno   al   1970,   Sylvester   Stallone,   Claudia   Schiffer,   Elton   John   e   Johnny   Hallyday   più   tardi,   e   ancora    tanti   altri… l’elenco è infinito.   Un   paradiso,   non   vi   pare?

Della   nostra   gita   all’orto   botanico   di   Antibes,   Villa Thuret     vi   dirò   due   parole   nel   prossimo   post   dove   racconterò   molto,   attraverso   le   foto   di   mio   figlio, della   nostra   gita   di   Pasqua   in   Veneto.   Per   ora,   un   grande   abbraccio   a   tutti.

La   vostra   Isabella

 

Le   notizie   di   cui   sopra   provengono   dall’  Ufficio   Turistico   di   Ramatuelle

 

 

 

 

Un anticipo delle nostre vacanze

Quando   siamo   capitati   in   gita   a   Ramatuelle   in   Francia,   mai   avrei   creduto   di   poter   dare   un   saluto   a   chi   aveva   interpretato   al   cinema   ”  Fanfan   la   Tulipe  ”,   un   film   che   visto   da   ragazzina   mi   è   rimasto   nel   cuore.   Un   attore ,  Gérard   Philipe ,   per   me  indimenticabile.   Qui    è   sepolta   anche   la   moglie.   E   lui,   sapendo   di   dover   morire,   chiese   di   essere   sepolto   in   costume,   quello   del   Cid   personaggio   da   lui   interpretato   a   teatro.   Eccolo   qui

 

 

 

A   Gérard

 

Avevo   sei   anni

quando

tu   morivi.

Ti   conobbi

molti   anni  dopo

guardando   alla   tv,

che   dedicava

alla   cinematografia   francese

una   rassegna,

i   tuoi   film.

Mi   piaceva

molto   di   te

quell’ aria

di   giovane

un   po’   ribelle

ma   forse

fragile,

come   apparivi

in   qualche   tuo  film.

”  Il   diavolo   in   corpo”

ti   consegnò   alla   storia.

Ma   uno

mi   è   rimasto   nel   cuore

per    la   tua   innegabile

simpatia :

”  Fanfan   la  Thulipe. ”

Un   film   divertente

con   una   Gina   Lollobrigida

vivace   come   sempre ,

dove   ahimè

m’ innamorai

senza   speranza   di   te.

Ero   più   giovane  

allora,

anzi   una   ragazzina

e   la   tua   energia   vitale

era   contagiosa.

Poi   sai ,

a   quella   mia   età

era   facile   innamorarsi.

Mi   dispiace

tu   sia

volato   via

troppo   presto.

So   che   ci   avresti

regalato  altre   emozioni

se   avessi   potuto.

Ora   sei   comunque

lassù,

col   tuo   costume,

lo   stesso   pronto  

ad   interpretare   anche   lì,

El   Cid,

quella   parte   che   qui

in   terra

è   stata   a   teatro

una   tua   grande   performance.

Grande   Gérard.

 

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Prossimamente   qualche   altra   foto   del   nostro   viaggio.   Baci   a   tutti

Dopo le vacanze…

Carissimi,   finite ,   sono   le   vacanze.   Visto   che   ho   un   mare   di   cose   da   fare,   per   non   farvi   rimanere   troppo   in   attesa   del   mio   resoconto   a   riguardo,   che   arriverà   appena   potrò   scrivere,   voglio   lasciarvi   lo   stesso   qualcosa.   Poesie   come   sempre ,   tanto   per   ricordarvi   di   me.   Vi   lascio   anche   però   un   grande   abbraccio   e   se   riuscirò   a   trovare   un   po’   di   tempo,   risponderò   a   chi   ha   lasciato   traccia   del   suo   passaggio   qui.   Auguro   a   tutti   una   buona   lettura   per   chi   vorrà   leggere   e   commentare.   Grazie.   La   vostra   Isabella

 

ORRORE   E   MORTE

 

Fumo   acre.
Puzzo   di   morte.
Sangue,
ancora   innocente
   bagna,
allargandosi
a   dismisura,
il   suolo   benedetto.  
Qualcuno
miracolosamente   salvo,
seppur   ferito,
cerca,
sconvolto,
tra   i   corpi
dilaniati
i   propri
  figli,
altri
le   mogli,
i   mariti,
i   fratelli,
gli   amici,
e   non   sa   darsi   pace.
C’è   
in   tutto   questo
orrore
un   ripetere
ossessioni,
una   follia   di   base
incomprensibile.
Sogni   infranti,
preghiere
messe   a   tacere
per   sempre.
Resta  
il   pianto   irrefrenabile
assieme
ad   una   sola   domanda :
perché  ?

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dedicato   alle   povere   vittime   cristiane   fatte   saltare   in   aria   nello   Sri   Lanka

 

AD   UN   TRATTO

 

Visualizza immagine di origine
hdwallpaper.nu

Mi   farò   analizzare
per   capire
il   perchè
di   questo   amore.
E’   arrivato
e   non   lo   aspettavo.
Come   uno   tzunami
ha   coperto
ogni   lembo
del   mio   cuore.
E   ora   per   me
è   una   tempesta
anche   la   tua   dolcezza .
Che   strano  
questo   sentimento…
è   arrivato
ed   io,
che   non   volevo   vivere
storia   alcuna,
mi   sono   vista
all’improvviso
cedere
alle   sue   voglie.
Oh   amore,
grande,
dolce,
irripetibile. 

Isabella  Scotti   aprile   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto  –   Eugenio   Montale   –   Ossi   di   seppia

 

 

Non sono geloso, sono solo”

 

Henry   Miller   a   Anais   Nin

 

Dove   sei  ?
Dove   sei   finita?
Mi   manchi
da   morire.
Tu   sai
che   senza   te
potrei   morire.
E’   assurdo
ma   è   così.
Ho   sperimentato
con   te
l’   inesprimibile.
E   la   tua   mancanza
è   ora  per   me
dannazione.
Mai   vorrei
pensarti  
con   un   altro.
Ma   bada,
non   sono   geloso,
sono   solo,
disperatamente
solo.

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Immaginando   Miller   solo   con   i   suoi   pensieri ,  rivolti   ad   Anais

 

Un   giorno,

quando   avrò

valicato

quella   sponda,

avrò   modo

di   sostare   un   po’,

finalmente ,

lassù,

su   quelle   vette,

dove   le   mie   gambe,

   in   vita,

non     sanno

arrivare.

So   che

sarà   bellissimo,

io

  confusa

con   l’infinito.

 

Isabella   Scotti   marzo  2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   a   Simona   Scola