Ma guarda un pò…

…CHI   AVREBBE   MAI  DETTO   CHE   IL   MIO   STIMATISSIMO   POETA   CONTEMPORANEO   GIUSEPPE
CONTE,   AVESSE   UN   OMONIMO   NELLE   FILA   DEL   MOVIMENTO   CINQUE   STELLE.

 

 

GUARDA   UN   PO’   LE   STRANEZZE   DELLA   VITA.    CONOSCENDO   IL   PRIMO,    E   AMANDO   LA   POESIA,    LASCIATEMI   DIRE   CHE   LO   PREFERISCO   AL   SECONDO,    SUL   QUALE   DICO   LA   VERITA’,   IGNORANDO   CHI   FOSSE   FINO   A   POCHI   GIORNI   FA,   E   ORA   BALZATO   AGLI   ONORI   DELLA   CRONACA,   COME   POSSIBILE   PREMIER,  NON   POSSO   ESPRIMERE   GIUDIZI.

ECCOLI   QUI

 

Visualizza immagine di origine

il   poeta

 

l’  omonimo

 

 

Annunci

Oh, mare…

Risultato immagine per mare in tempesta

repubblica.it

 

”   Il   sole   in   te   si   specchia
e   niun   t’arresta  ”
Nelle   tue   acque
verdi   e   blu,
quando   immobile
te   ne   stai ,
indolente,
languido
nei   tuoi   sospiri,
il   sole ,
in   te   si   tuffa,
vanitoso,
specchiandosi
tra   rimandi  
di   lucenti   scie.
Quando   poi  ,
stufo
di   quel   letargo,
ti   svegli   minaccioso,
e   l’onde   alzi
e   spingi   con   forza,
verso   rive   ignare,
niun   t’arresta
nella   tua   folle   corsa.
Come   famelico
mostro  
il   tuo   ventre
riempi,
tutto   ingoi.
Per    poi   tornare,
quasi   ignaro
del   tuo   scempio,
alla   pacatezza
di   un   dolce   dormire.

Isabella  Scotti    giugno   2017

testo  :  copyright  legge   22   aprile   1941   n °    633

incipit   in   neretto   dalla   poesia   ”Cascata ”  di   Ada   Negri

A mia madre

Quasi dimenticavo di pubblicare anche qui, non solo sulla NC ( la nostra commedia jalesh 2 ) questa poesia dedicata a mia madre, ma estensibile in fondo a tutte le mamme. Sono ancora in tempo per fare gli auguri alle vostre , mentre invio un pensiero a tutte coloro che sono volate in cielo. Un abbraccio circolare a tutti. La vostra Isabella

Risultato immagine per foto di rose

portalrosas.com

Mamma,
a   maggio
fioriscono
le   rose.
Quale   dono
più   bello
posso   farti ,  oggi,
se   non
questo   fiore
che    di   dolcezza
è   pregno?
A   te,
che   sempre    dolce 
  sei   stata
con   noi   figli,
io   dono   una   rosa
perché   è   fiore
che   a   te   si   addice.
Mamma ,
tienila   da   conto,
anche   quando
secca
sarà   diventata.
Stringila
tra   due   fogli,
che   a   lungo
tu   la   possa   rimirare,
a   ricordo
del   mio   amore
per   te.

Isabella   Scotti   maggio   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

View original post

Per chi volesse…

Miei   cari   amici ,

vi   ricordate   un   mio   vecchio   post   in   cui   vi   parlavo   di   uno   spettacolo   su   Fabrizio   de   Andrè   ?    Ecco   il   link :

https://isabellascotti.wordpress.com/2016/04/27/una-sera-ad-ascoltare-musica//

Molti   di   voi   mi   chiesero   allora   se   lo   spettacolo  si   sarebbe  ripetuto  .   Sono   lieta   di   darvi   la   notizia   che   verrà   riproposto   prossimamente   ,   sempre   a   Roma.

Ecco   per   voi   le   coordinate.

 

FABRIZIO   DE   ANDRE’   –   il   poeta   degli   ultimi

COMPAGNIA   DEI   MUSICI

TEATRO   CYRANO   –  Via   Santa   Maria   Mediatrice   22   –   ROMA

Domenica   20   maggio   ore   21  –   ampio   parcheggio   libero

info   e   prenotazioni   n°   3476791345   –   3386800766

 

Ringraziando   in   anticipo   tutti   coloro   che   ci   saranno,   vi   auguro   un   buon   weekend.

Vi   abbraccia   la   vostra   Isabella

 

PS   Dimenticavo   di   dire   che   lo   spettacolo   è   stato   allargato   anche   ad   una, (  o   forse   di   più,   non   ricordo   bene ) ,   ballerina,   (   non   mia   figlia   ahimè   ), e   sarà   un   po’   diverso   da   quello   che   vidi   quella   sera.   Sono   curiosa ,   penso   quanto   voi,   di   vedere   di   cosa   si   tratta (   perché   io   ci   sarò   sia   chiaro  ) .  Grazie   ancora.

 

9 maggio 1978. Una data impressa nella memoria

L’ultima lettera di Aldo Moro alla moglie Eleonora

 

Mia dolcissima Noretta, dopo un momento di esilissimo ottimismo, dovuto forse ad un mio equivoco circa quel che mi si veniva dicendo, siamo ormai, credo, al momento conclusivo. Non mi pare il caso di discutere della cosa in sé e dell’incredibilità di una sanzione che cade sulla mia mitezza e la mia moderazione. Certo ho sbagliato, a fin di bene, nel definire l’indirizzo della mia vita. Ma ormai non si può cambiare. Resta solo di riconoscere che tu avevi ragione. Si può solo dire che forse saremmo stati in altro modo puniti, noi e i nostri piccoli. Vorrei restasse ben chiara la piena responsabilità della D.C. con il suo assurdo ed incredibile comportamento. Essa va detto con fermezza così come si deve rifiutare eventuale medaglia che si suole dare in questo caso. E’ poi vero che moltissimi amici (ma non ne so i nomi) o ingannati dall’idea che il parlare mi danneggiasse o preoccupati delle loro personali posizioni, non si sono mossi come avrebbero dovuto. Cento sole firme raccolte avrebbero costretto a trattare. E questo è tutto per il passato. Per il futuro c’è in questo momento una tenerezza infinita per voi, il ricordo di tutti e di ciascuno, un amore grande, grande carico di ricordi apparentemente insignificanti e in realtà preziosi. Uniti nel mio ricordo vivete insieme. Mi parrà di essere tra voi. Per carità, vivete in una unica casa, anche Emma se è possibile e fate ricorso ai buoni e cari amici, che ringrazierai tanto, per le vostre esigenze. Bacia e carezza per me tutti, volto per volto, occhi per occhi, capelli per capelli. A ciascuno una mia immensa tenerezza che passa per le tue mani. Sii forte, mia dolcissima, in questa prova assurda e incomprensibile. Sono le vie del Signore. Ricordami a tutti i parenti ed amici con immenso affetto ed a te e tutti un caldissimo abbraccio pegno di un amore eterno. Vorrei capire, con i miei piccoli occhi mortali, come ci si vedrà dopo. Se ci fosse luce, sarebbe bellissimo. Amore mio, sentimi sempre con te e tienimi stretto. Bacia e carezza Fida, Demi, Luca (tanto tanto Luca) Anna Mario il piccolo non nato Agnese Giovanni. Sono tanto grato per quello che hanno fatto. Tutto è inutile, quando non si vuole aprire la porta. Il Papa ha fatto pochino: forse ne avrà scrupolo.

 

 

Ricordo   benissimo   quei   giorni   di   quarant’anni   fa,   tra   un   misto   di   angoscia   e   di   gioia   per   la   nascita   di   mio   figlio   avvenuta   il   20   aprile.   Ho   deciso   di   postare   questa   ultima   lettera   di   colui   che   fu   per   ben   cinque   volte   presidente   del   consiglio   e   presidente   della   Democrazia   Cristiana ,   perché   emerge   da   questo   scritto   la   figura   non   tanto   dell’uomo   politico,   quanto   quella   umanissima   di   un   marito,   un   padre,   un   nonno   consapevole   della   sua   imminente,   straziante   e   senza   senso,   fine.

Ringrazio   Luca   Zingaretti   per   averla   ieri   sera   letta ,  nella   trasmissione   di   Rai   uno ,   quell’orazione   civile   da   lui   stesso   voluta   per   onorarne   la   memoria. Così   come   lo   ringrazio   di   averla   aperta   con   quel   ”  Io  so  ”   di   Pier   Paolo   Pasolini,    percorrendo   a   piedi   Via   Caetani.

Anche   se   debbo   dire   che   la   lettura   di   altri   pezzi,   assieme   anche   all’attrice   Alessia   Giuliani ,   almeno   per   le   mie   corde,    non   è   stato   il   massimo .   Avrei   preferito   qualcosa   di   più   misurato   e   meno   enfasi.   Mentre   un   elogio   particolare   va   per   me   a   Sergio   Castellitto,   e    alla   sua   interpretazione   magistrale   di   Moro   professore,   un   inedito   ritratto   dando   anche   voce   a   chi   fu   suo   allievo / a.

Ricordiamo   tutti,   penso,   quei   terribili   momenti.   Una   pagina   indelebile,   della   nostra   più   triste   storia   italiana.

 

” Futile ” vita ?

Les   amis   sont   comme   les   anges,

on   n’a   pas   besoin   de   les   voir

pour   sentir   leur   présence…

 

Gli   amici   sono   come   gli   angeli,   non   c’è   bisogno   di   vederli   per   avvertire   la   loro   presenza.

 

In   effetti   voi   siete   stati   con   me,   nel   mio   cuore   ed   io   nel   vostro,   non   è   così   forse  ?

Sono   tornata.    Datemi   qualche   giorno .    Per   domani ,   buona   domenica   a   tutti.   A   presto.

La   vostra   Isabella

 

 

 

 

Chissà   dov’eri,

in   che   nascosta   dimensione

ti   trovavi,

quando   immerso

in   quel   sonno

profondo,

eri   così   lontano

persino   dai   sussurri,

dalle   parole   dolci,

che   papà   e   mamma

ti   rivolgevano.

Chissà   dov’eri

dove   vagavi

col   tuo   pensiero,

quando   degli   stolti,

stupidi   idioti,

parlavano

della   tua

” futile ”   vita,

ignorando

un   concetto   basilare,

che   la   vita

di   ognuno

è   sacra,

ancor   più

lo   è

quella    del   proprio   bimbo

per   un   genitore.

Ancor   più  quando

una   malattia   rara

isola   quel   bimbo

relegandolo

in   un   angolo   nascosto,

irraggiungibile

da   padre   e   madre.

E   quando

hai   deciso

di   spiccare   il   volo,

hai   scelto,

tu,   piccolo   batuffolo,

un   batuffolo   più   grande,

un   giaciglio   morbido,

una   nuvola   bianca,

su   cui   stare   comodo,

e   ad   occhi   aperti

finalmente,

angelo   del   cielo,

curiosare   un   po’

di   quel   mondo

che   non   è   riuscito

a   trattenerti.

Caro   Alfie,

hai   lottato

come   un   leone

per   rimanere

attaccato

alla   vita,

quando   le   macchine

non   ti   aiutavano   più

ed   eri   solo

a   combattere

per    non   lasciarla

andare…

Il   tuo   esempio

di   forza

va   al   di   là

di   ogni   pensiero,

un   mistero   immenso

sono   quegli   attimi

in   cui   tu   hai   reagito

e   ”  respirato  ”   la   vita…

Fragilità   e   forza

non   antitesi

ma   unione,

questo

hai   dimostrato :

che   ogni   esistenza   umana

ha   la   sua   dignità,

fin   dal   concepimento,

in   qualunque   circostanza.

 

Isabella  Scotti    maggio   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

Un articolo importante, da leggere

Maledetta sia la società che dimentica l’umanesimo

Da Petrarca a Whitman e oltre, scrittori e pensatori hanno messo l’uomo al centro del mondo. Noi, barbari, lo stiamo rimuovendo

Nei discorsi dei nostri uomini politici durante la campagna elettorale e nei giorni di questo convulso e incerto stallo di dopo le elezioni, non ho mai sentito pronunciare parole che avessero a che fare con la cultura, con l’ideale di un mondo da costruire, con un progetto di futuro che vada al di là delle contingenze e della stretta, spesso bieca contemporaneità.

Per esempio, non ho mai sentito parlare di «umanesimo». Molti tra le file degli eletti (e certo anche dei trombati) penseranno che è un termine vecchio, ammuffito, da topo di biblioteca. Sbagliano. Da Petrarca a Lorenzo Valla, da Marsilio Ficino a Pico della Mirandola, con un cammino lungo che arriva sino a Sartre e all’esistenzialismo, l’umanesimo esiste come pensiero guida dell’Occidente, su cui oggi vale la pena di ritornare perché minacciato e messo in forse senza che la politica ne abbia la minima coscienza.

La cultura umanistica oggi passa per inutile e improduttiva. La cosiddetta Buona Scuola di renziana memoria, che però pare piaccia anche ai 5 Stelle, ha ratificato il declino del sapere letterario e filosofico. Chi se ne frega di poeti, romanzieri, pensatori. L’alternanza scuola-lavoro la dice lunghissima: importante è la pratica, mica la grammatica (così molti giustificano il proprio eloquio, oltretutto) e gli studenti devono andare a rimboccarsi le maniche con impieghi provvisori, non pagati, dietro il banco di un bar, per esempio, che non so quanto educhi, forse persino meno del lavoro nelle campagne cui Mao Tse Tung costringeva gli intellettuali durante la Rivoluzione culturale. Quando ci penso, benedico di essere nato quando uno studente del Classico si rompeva la testa tra verbi greci e consecutio temporum, ma poi leggeva Omero e Virgilio, e quei pochissimi che proprio volevano fare i camerieri, lo facevano d’estate, nei dancing, e esclusivamente per rimorchiare.

Una polemica di qualche anno fa in Francia divise chi sosteneva che al centro della scuola c’è l’allievo da chi sosteneva che invece doveva esservi il sapere. In Italia non c’è dubbio che la prima scelta non è mai stata messa in discussione: al centro di una scuola burocratizzata al massimo (così e quasi disperatamente si lamentano con me tutti i miei amici che insegnano) c’è il ragazzino, coccolato da genitori che si indignano e arrivano a usare le mani se non li coccolano anche i professori. Il sapere vada a farsi fottere: come dire, tanto per riuscire nella vita contano di più l’astuzia, la faccia tosta, le raccomandazioni, la fortuna, gli imbrogli. Ecco, l’umanesimo insegnava e insegna tutto il contrario: al centro dell’apprendere c’è la formazione dell’uomo, non del lavoratore o del consumatore, ma dell’uomo con la U maiuscola. L’umanesimo, e lì il pensiero laico può fecondamente incontrarsi con quello cristiano, mette al centro del mondo la persona umana. Puoi diventare un buon cuoco, un buon idraulico, un buon commerciante, un buon medico, un buon ingegnere, un buon Ceo: ma prima di tutto sei un essere umano, nella sua complessità, uno che deve fare i conti con la conoscenza di sé e degli altri, con la volontà che spinge ad agire, con il destino, che spesso non è altro che una volontà al di fuori di noi. Sei uno che deve coltivare la ragione ma anche il sentimento e l’immaginazione, e infine una fede, che può essere religiosa ma anche soltanto un credere in quello che si fa, un sapersi dedicare a qualcosa sino a sacrificare qualcosa di sé. Tutto questo è l’eredità dell’umanesimo. Tutti parlano ormai quasi soltanto di dati economici, o se no di paure istintive. Che brutta espressione «un discorso di pancia»: dimentica che la pancia è anche la sede in cui si forma e transita la merda.

Ho sentito parlare poco dell’avvento della robotica e della radicale trasformazione del lavoro grazie ad essa. Quando qualcuno ne accenna, lo fa con toni stupidamente trionfalistici, lo dà per scontato, come se l’uomo non fosse più l’artefice della storia e della società in cui vive, ma semplice pedina su una scacchiera dove pochissimi inafferrabili re e regine dell’economia, potenti e nascosti, giocano la loro partita vittoriosa. L’umanesimo è l’arma per negare tutto questo. I robot che già sostituiscono e sempre più sostituiranno i lavoratori in tanti campi, sollevano dalla fatica, va bene, ma anche dall’impiego: che faranno gli operai e i tecnici rimpiazzati dai robot? Non è che potremo avere una società di tutte rock star e gieffini. Per l’uomo il lavoro è sacro, è la realizzazione di se stesso, è il pane, è il futuro dei figli. Per un robot, che diavolo è? Allora ecco l’attualità della cultura umanistica, della lezione dell’umanesimo: Omero e Dante, Shakespeare e Goethe, Victor Hugo e Walt Whitman raffigurano l’uomo nella sua interezza, nella sua complessità, nella sua grandezza e dignità intoccabile. Per questo li leggiamo ancora. Platone, Spinoza, Voltaire, Vico ci mostrano il senso del nostro abitare il pianeta terra. Studiarli vale la pena. A meno che vi accontentiate di qualche canzonetta. Molti lo fanno già, e non è una buona scuola.

 

Ho   voluto   condividere   questo   articolo   del   poeta   contemporaneo   Giuseppe   Conte,   perché   mi   sembra   molto   importante   ribadire   certi   concetti,   proprio   oggi,   nel   momento   in   cui   sembra   sempre   più   prendere   piede   il   linguaggio   dei   social.   Un   mondo   che   sempre   più   si   fa   vuoto   di   ideali,   di   profondità   di   pensiero.   Manca   la   cultura,   quella   che   un   tempo   nella   scuola   si   viveva   come   momento   di   crescita.   Spero   che   anche   voi   condividiate   il   suo   punto   di   vista,   così   come   anch’io   nel   leggere   le   sue   parole,   mi   sono   ritrovata.   Un   abbraccio   a   tutti.   La   vostra   Isabella

 

Giuseppe   Conte  :   due   sue   poesie

 

Il   poeta

 

Non sapevo che cosa è un poeta

quando guidavo alla guerra i carri

e il cavallo Xanto mi parlava.

Ma è passata come una cometa

l’età ragazza di Ettore e di Achille:

non sono diventato altro che un uomo:

la mia anima si cerca ora nelle acque

e nel fuoco, nelle mille

famiglie dei fiori e degli alberi

negli eroi che io non sono

nei giardini dove tutta la pena

di nascere e morire è così leggera.

Forse il poeta è un uomo che ha in sé

la crudele pietà di ogni primavera.

 

Le   stagioni   della   terra

 

Ci pensi, non ho mai piantato un albero,

non ho mai avuto un figlio.

Tanto assomiglio al mare,

solitario, sterile.

Né un crespo cipresso, né un salice

umido e lento, né un’euforbia

diramata a delta, né un pesco

né un susino né un melo

ho mai fatto crescere, né un ramo

rosa o candido a marzo, né un piccolo

di uomo.

Come l’onda percuote la riva

senza fecondarla, senza lasciarvi

altro che alghe e consunte radici

così –non lo dici?– io percuoto

la vita.

Eppure l’ho amata, la

terra, ti ho amata.

 

da   Le   stagioni,   BUR ,   1988

 

Poeti allo specchio: i versi di Conte, Cavalli, Theophilo, Toni, Viti Leggi

di Renato Minore

GIUSEPPE CONTE: NELLA LUCE DEI MITI

Giuseppe Conte ricorda come la luce sia vista da lui quale energia che lo sostiene e lo fa riconciliare con la vita e come gli Indù ringrazino ogni giorno per il dono dell’alba portatrice del prolungamento e del rinnovamento della vita in una ritualità che ci fa gustare l’armonia della natura.

Questo richiamo ai riti e ai simboli delle culture orientali non è occasionale né posticcio, per un poeta come Conte che si è proposto di restituire al mondo della tecnica e dell’estraniazione mediatica la linfa ancestrale dei simboli e dell’intreccio fra natura e mito.

Tutta la poesia di Conte nato in Liguria, terra di grandi poeti come Sbarbaro e Montale, è intessuta di richiami al mondo del mito, ambito di cui possiede una profonda conoscenza non libresca e teorica, ma intima e compenetrata, grazie al suo far rivivere la pregnanza dei contenuti arcaici del mito nella contemporaneità. Conte ha saputo fondere in un’unica voce la sublime evocatività dei miti antichi con la rigogliosa prosperità della natura, della terra, del cielo, del mare. Così egli può benedire insieme al fuoco, alla pioggia e ai capelli di una bambina, anche le parole della sua poesia, parole che sono benedette proprio quando errano tra la tenebra e la luce, ma “vanno” comunque “verso la luce”. E maturano grazie alla luce, e insieme alla luce, come fanno i frutti acerbi sopra gli alberi. Un’esperienza antropologica unica che assume il valore di una provocazione perché nell’intreccio tra simbolo e natura la dicotomia fra Occidente materialista e Oriente sacrale sembra totalmente superata. E assume una particolare forza di ammonimento proprio in questo periodo di scontri di civiltà e di diffusione del pregiudizio.

Conte ci riporta alla radice simbolica della vita, della natura e del mito. E facendoci vedere le semplici cose della natura con uno sguardo compenetrato, ci fa comprendere come la poesia sia essa stessa una forma di luce che mentre canta la luce, come radice del mondo, si fa essa stessa ancella della luce universale.

 

“Poesie” (Oscar Mondadori) propone, oltre a un nutrito gruppo di testi inediti, tutte le sue raccolte poetiche: L’Oceano e il Ragazzo (1983), Le stagioni (1988), Dialogo del poeta e del messaggero (1991), Canti d’Oriente e d’Occidente (1997), Ferite e rifioriture (2006, premio Viareggio). Il volume è curato dal critico e studioso di letteratura Giorgio Ficara.

 

Il   Messaggero  –   spettacolo   e   cultura 

 

Carissimi   amici   tra   qualche   giorno   parto   per   una   decina   di   giorni.   Ho   voluto   salutarvi   con   questo   articolo   del   poeta   Giuseppe   Conte   che   mi   piace   tantissimo.     So   che   sono   un   po’   latitante,   che   giro   poco   tra   i   blog,   ma   sono   sempre   molto   indaffarata.   La   vita   da   blogger   mi   pare   talvolta   un   po’   complicata   da   gestire.   Il   tempo   è   sempre   tiranno.   Comunque   sappiate   che   faccio   il   possibile.   Vi   penso   e   appena  sarò   libera   qualcuno   di   voi   troverà   un   mio   commento   tra   le   sue   pagine.   Tirerò   a   sorte.   A   parte   gli   scherzi   ho   ancora   qualche   oretta   da   dedicarvi.   Poi   ci   sentiremo   al   mio   ritorno.   La   vostra   Isabella