Ricordo irlandese – Malin Head ( dedicata ad Alemarcotti )

Capo Malin

da  Wikipedia     Malin   Head

 

 

Ehi   ragazzi,   vi   piacciono   i   luoghi   selvaggi,   solitari  ?   Se   sì,   seguitemi,   non   ve   ne   pentirete.

Se   sognate   una   terra   fatta   di   montagne   spoglie,   di   stagni   scuri,   di   campi   pieni   di   sassi,   buoni   solo   per   il   pascolo   o   la   raccolta   della   torba.  Se   sognate   di   sentirne   il   profumo   mentre   brucia   nei   focolari   unito   al   profumo   del   mare,    se   vi   piace   il   rumore   del   vento   fortissimo,   il   silenzio   assordante,  o   ancora   pensare   che   qui   finisca   il   mondo,   questo   è   il   posto   che   fa   per   voi.  Copritevi   bene   e   partite   per   raggiungere   all’estremo   confine   del   Donegal   la   penisola   di   Inishowen   che   è  stata   un   cul   de  sac   fino   alla   riapertura   delle   frontiere   con   l’Irlanda   del   Nord.   Se   vi   spingete   a   nord,   nella   parte   più   settentrionale   dell’ Irlanda   continentale,   eccovi   arrivati   a   Malin   Head,   battuto   dai   venti   e   dai   flutti   dell’Atlantico,   quando   non   avvolto   in   nebbie   infide   per   i   pescherecci   e   traghetti.   Seguendo   il   percorso   arrivate   sull’altura   di   Bambas’   Crown   dove   sorgono   le   rovine   di   una   torre   costruita   dai   Lloyds   di   Londra   nel   1805   per   controllare   il   passaggio  di   navi   assicurate.   Ai   piedi   la   scritta   S . S . Eire   ovvero   Saor   Stat ,   voleva   ricordare   ai   naviganti,   ma   anche   ai   piloti   della   seconda   guerra   mondiale,    che   la   penisola   di   Inishowen,   apparteneva   allo   stato   libero   d’ Irlanda.   Intorno   si   vedono   fattorie   isolate,   a   volte   con   il   tetto   di   paglia,   circondate   da   magri   campi   di   patate   e   piccoli   pascoli   per   le   mucche.   Vivere   in   queste   lande   non   è   certo   facile,   ci   vuole   grande   passione   e   un   forte   attaccamento   alla   terra.   Consigliato   per   chi   sceglie   non   il   turismo   di   massa,   ma   la   libertà   e   gli   spazi   immensi.

Per   voi   ora   anche   una   poesia

 

Ricordo   irlandese

Scuro,
tenebroso   è   il   cielo.
Questo   il   momento
per   andare,
lungo   il   sentiero   che   sale,
allungando   i   passi,
prima
che   giunga   la   pioggia.
Arrivare
dove   la   roccia
si   tuffa
a   strapiombo
nel   mare,
e   osservare
l’acqua,
crescere
nel   suo   andare,
per   poi
tumultuosa,
giungere   ad
infrangersi
con   rabbia,
su   scogli
dalle   punte
affilate
come   lame.
E   ascoltare
il   fischio
del   vento
pungente,
mentre
la   burrasca
sale   piano.
Nella  notte   scura
il   cielo
s’intravede   appena,
così   come
la   natura
che   mi   circonda,
e   il   freddo
penetra
nelle   ossa
senza   tregua.
Eppure,
questa   notte,
non   mi   fa   paura,
perché   qui,
davanti   a   me,
ora,
s’  apre   l’  immenso.

 

Isabella   Scotti   agosto   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

Annunci

Genova e il ponte Morandi

Quante   volte   lo   abbiamo   attraversato,   l’  ultima   circa   venti   giorni   fa.   Impossibile   pensare   a   questa   tragedia.   Impossibile   pensare   a   questa   terribile   ferita   per   Genova.   Un   ponte   essenziale   per   una   città   dal   territorio   difficile,   colpito   e   rovinato   spesso   da   turbolenti   temporali.   Sono   vicina   a   tutti   coloro   che   piangono   i   loro   cari.   Ed   ora   via   alle   polemiche   che   saranno   violente   e   tante.   Problemi   strutturali   ai   quali   si   cercava   di   porre   rimedio ?   Forse.   Ma   quanto   traffico   lì   sopra.  Macchine   e   tir.   Tutto   vi   transitava.   Non   so   che   dire.   Ora   sono   a   casa,   potevo   non   esserci.

 

Visualizza immagine di origine

it.wikipedia.org

Amirat

Ogni   volta   che   arrivo   a   Cannes,   e   sono   ben   ventotto   anni   che   la   conosco,    mi  sembra   sempre   che   sia   la   prima   volta.   Chissà   perché   mi   fa   questo   strano   effetto   tornare.   Sarà   forse   il   sole,   il   colore   del   mare,   di   un   blu   intenso,   aprire   le   finestre   di   casa   chiuse   per   troppo   tempo.   Saranno   i   profumi   nell’aria,   saranno   le   palme   tutte   rigorosamente   in   fila   come   soldati   sull’ attenti,   saranno   i   fiori   che   la   ornano   ridenti.   Chissà   se   è   quel   sentore   di   libertà   che   avverto.   Camminare   sul   lungomare,   anche   senza   scendere   in   spiaggia,   guardare   verso   l’ Esterel,   verso   Saint- Tropez,   verso   les   Iles   des   Lérins.    Libera   di   guardare   lontano,   immaginando…

Eppure   Cannes   non   è   soltanto   mare,    situata   com’è   nel   dipartimento   delle   Alpi   marittime.   E   se   vi   sentite   oppressi   dall’umidità,   dal   caldo   asfissiante,   allora   lasciate   tutto   e   rifugiatevi   proprio  lì,   a   circa   cinquanta   chilometri   di    distanza    gia’   in   montagna.   Come   abbiamo   fatto   noi    con   i   nostri   soliti   amici,    quest’ anno ,   giungendo   ad   Amirat,    un   villaggio   di   poche   anime,   forse   al   massimo   una   sessantina,   situato   a   circa   860   metri   d’altitudine,   il   cui   nome    la   dice   tutta    sulla   sua   posizione   geografica .   Già   nel   1043   su   testi   antichi   figura   per   la   prima   volta   il   nome   latino   Amiratum        Nel   XII   secolo   apparteneva   ai   signori   Amirat   che   possedevano   legalmente   le   castellares   de   Thorenc,   antica   fortificazione   comprendente   un   villaggio,   con   castello   (  che    nel   1038  fu   sede   della   famiglia   d’ Andon.   Oggi   questo   è   il   nome   di   un   paese   turistico   situato   a   30   km   da   Castellane,   molto   frequentato   sia   d’estate   che   in   inverno )    e   cappella,   rudere   ancora   oggi   visibile   arroccato   su   di   uno   sperone   roccioso   a   1400   mt   d’altitudine.   Situato   sul   versante   sud   di   una   collina,   dalla   piazzetta   di   Amirat   si   gode   di   una   vista   spettacolare   sulla   vallata,   dove   in   lontananza   i   monti   segnano   il   confine   con   l’orizzonte.      Non   c’è   molto   da   vedere   qui,   tranne   una   chiesa,   dedicata   pare   a   Sant’ Anna   fine   XVI   sec.   ornata   da   una   doppia   ”genoise  ”.    Les”  genoises  ”   sono   decorazioni   fatte   con   tegole   rotonde   sovrapposte   che   formano   come   una   cornice   direttamente     sotto   il   bordo   del   tetto,   sulla   facciata   delle   case   provenzali.   Si   tratta   di   un   elemento   utile   ma   al   tempo   stesso   decorativo,   indicante   il   rango   sociale  e   la   ricchezza   del   proprietario   della   casa.   Se   quest’ultimo   è   uomo   semplice   la   ”  genoise   ”   sarà   una,   se   notabile   ne   avrà   due,   se   ricco   tre.   Lo   spettacolo   del   luogo   risiede   tutto   nella   bellezza   naturale   di   un   territorio   montuoso,   fatto   di   gole,   valli   attraversate   da   torrenti   dove   il   canyoning   è   di   casa.   Sentieri ,   dove   salire   è   pura   soddisfazione    e   pini,   querce.   Ma   noi   non   siamo   solo   partiti   in   cerca   di   refrigerio,   nossignori.   Ci   siamo   andati   con   l’intenzione   di   partecipare   alla   festa   di   Sant’  Anna,   che   un   po’   di   paesani   portavano   in   processione,   e   prenotati (   i   nostri   amici   conoscono   il   vicesindaco  del   paese  )   gustare   l’ aiolì,   piatto   tipico   della   cucina   provenzale.  In   Provenza   questo   è   un   piatto   non   solo   simbolo   gastronomico,   ma   anche   culturale   che   ben   rappresenta   questa   terra   dai   profumi   e   sapori   inconfondibili.   Il   poeta   francese   Frédéric   Mistral   era   un   tale   amatore   di   questa   ricetta,   che   nel   1891   fondò   un   giornale   dandogli   proprio   il   nome   di   Aiolì.

Si   tratta   di   una   salsa   tipo   maionese   fatta   con   l’aglio   provenzale   dal   gusto   molto   deciso   che   ci   è   stata   servita   a   parte   per   ricoprire   baccalà   lesso,   accompagnato   da   una   grossa  patata   lessa   con   la   buccia,   una   grossa   carota   bollita,   un   uovo   sodo   con   la   buccia   bollente    e   fagiolini   lessi   il   cui   sapore   era   inimitabile.    Ditemi   pure   esagerata,   ma   vi   garantisco   che   il   sapore   era   davvero   unico.   Tutti   prodotti   del   luogo.   E’   stato   un   piacere   trovarsi   al   tavolo   con   francesi   cordiali,   chiacchieroni,   addirittura   uno   di   loro,   ha   pure   recitato   dei   versi   di   Baudelaire   e   una   sua   poesia.   I   miei   amici   volevano   che   anch’io   mi   mettessi   a   declamare.   Immaginatemi   lì   in   mezzo   a   dire   una   mia   poesia.   Meno   male   che   mi   sono  rifiutata.   E   c’erano   anche   dei   simpatici   cantori   che   intonavano   canzoni   famose   e   non.   Divertimento   assicurato.   Dimenticavo,   prima   di   sedersi   ai   lunghi   tavoli   apparecchiati   è   stato   offerto   anche   un   ricco   aperitivo,   con   buonissimi   quadratini   di   pizza,   tra   i   quali    quelli   della   famosa   ”  pissaladière   ”   focaccia   con   un   letto   di   cipolle   e   guarnita   con   acciughe   e   olive   nere,   patatine   e   bevande   vari.   Ma   il   vero   clou   della   giornata   è   stato   poi   l’ essere   invitati   dal   vicesindaco   a   visitare   la   sua   casa   vicino   al   municipio.   Una   casetta   che   sembrava   in   miniatura,   con   le   travi   a   vista,   la   vecchia   cucina   a   legna,   tutto   in   pochi   metri   di   spazio ,  e   un   terrazzino   nascosto   al   riparo   di   un   verde   fogliame.   Al   piano   superiore   le   camere   da   letto   con   una   finestrella   che   dava   direttamente   verso   i   monti.   Ma   erano   gli   oggetti   d’arredo   a   renderla   ancor   più   particolare :   mobili   vecchi,   cassettoni   d’altri   tempi,   macchinine   da   collezione   del   figlio.   Insomma   ai   miei   occhi,   splendida.   E   poi   ultima   visita,   la   casa   dei   suoi   genitori,   chiusa   da   tre   anni,   oramai   disabitata   ma   a   breve   ritoccata   per   ridarle   vita.   Una   vista   stupenda   dalla   terrazza   e   dentro   un   gelo   da   congelatore.   Ma   sempre   quel   sapore   d’altri   tempi,   davvero   molto   particolare.   Poi   i   saluti   a   tutto   il   paese,   al   vicesindaco   e   il   nostro   rientro   a   Cannes.   Ecco,  è   in   questo   vivere   semplice,   in   questo   stare   in   compagnia   offrendo   disponibilità    e   tanta   cordialità   e   sorrisi,   che   risiede   il   segreto   per   un   vivere   sereno,   duraturo.   Ecco   questa   è   stata   davvero,   per   tali   motivi,   una    gita   indimenticabile.

Amirat

lontano   dal   traffico   cittadino

pace   e   silenzio

verde   natura

tranquillità

Isabella   Scotti   agosto   2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Buon   ferragosto   a   tutti,   cari   amici

Due   simpatici   cantori  (  durante   prove  ),   ma   il   gruppo  constava   di   altre   tre   voci  Noi  :   Isabella  e  Luciano

Aiolì

Panorama   dalla   piazzetta   di   Amirat

Due acrostici dedicati a Sarino e Marina Raccanelli

Eccomi    qua   cari   amici   per   due   nuovi   acrostici   dedicati.   Stavolta   ho   scelto   di   dedicarli   a  Sarino     (  https://latitudiniealtreparole.wordpress.com // )

e   Marina   Raccanelli  ( https://poesiedimarina.wordpress.com/author/marinaraccanelli  ).

Due   poeti   che   ho   voluto   accomunare   per   quel   loro    modo   intimista   di   poetare ,  che   personalmente   ammiro   molto.   Seguo   Sarino   fin   da   quando   lessi   forse   una   delle   sue   prime   poesie   del   blog   e   da   allora   non   ho   mai   smesso.   Mi   piace   la   sua   poesia,   che   ha   a   tratti  ,   e   gliel’ho   detto   varie   volte,   una   rappresentazione   un   po’   underground,   che   spesso   mi   riporta   alla   mente   certi   film   americani,  come   ”  Giungla   d’asfalto  ”   ad   esempio   di   John   Houston   con   Sterling   Haiden.   Le   sue   ambientazioni,   gli   asfalti   bagnati   di   pioggia,   i   lampioni   che   troviamo   quasi   sempre   interpreti   delle   sue   poesie,   affascinano   non   poco,   regalando   atmosfere   uniche   e   particolari.   E   poi   ci   sono   i   suoi   ricordi,   il   mare,   immagini   in   bianco   e   nero   a   supporto   dei   suoi   versi   e   la   musica,   sempre   scelta   con   molta   oculatezza.   Come   non   amare   la   sua   poesia   presentata   così  ?

Ecco   l’ultima   immagine   da   lui   postata

S   arino   è   un   poeta   dai   versi   particolari

A   mico   carissimo   sa

R   egalare   a   chi   lo   legge   forti   emozioni

I   ntimista,   struggente,   mi   piace

N   avigare   tra   i   suoi   ricordi   e   stati   d’animo

O   blio   di   ciò   che   è   stato   non   c’è,   tutto   in   lui   ritorna

 

Ed   ora   ecco   Marina.   Una   personalità   la   sua   che   trovo,   per   l’idea   che   di   lei   mi   son   fatta,   molto   schiva.   Una   donna  dove   mi   par   di   trovare,   nel   suo   poetare,   una   certa   lieve   malinconia.   La   consapevolezza   di   un   tempo   che   ormai   è   passato,   ricordi,   flash   che   tornano   illuminando   la   sua   poesia,   ammantandola   d’atmosfera.   E   poi   visioni,   scorci   di   una   natura   che   rigenera,   Venezia ,  dove   vive   dall’infanzia.   Una   meraviglia   immergersi   nel   suo   mondo   fatto   di  nebbia   sottile   che   a   volte   dirada   o   a   volte   persiste,   in   un’  altalena   di   momenti   dove   anche   la   solitudine   acquista   significato   come   aiuto   al   ritrovarsi.   Leggete   le   sue   poesie   piene   di   fascino.   Io   la   stimo   molto.

 

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

 

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

 

M   arina   è   poetessa   d’

A   nimo   sensibile   capace   di

R   accontare   di   sè   con   una

I   ntensità

N   on   indifferente   lasciando   sulla   carta   liriche   di   grande

A   tmosfera

 

Alla   prossima   cari   amici.  La   vostra   Isabella

 

 

 

 

Lettera di un soldato ( Prima guerra mondiale )

Carissimi   amici   sono   tornata.   Rinfrancata   dal   sole   e   dall’aria   marina   riprendo   la   vita   di   sempre   sorridendo   a   chi   mi   sta   accanto   e   al   mondo   che   sempre   mi   stupisce.   Questa   vacanza,   alla   quale   ha   partecipato   anche   mia   madre   con   quello   sprint   che   sempre   la   caratterizza   pur   alla   veneranda   età   degli   85   anni,   è   stata   come   sempre   molto   piacevole.   Vi   racconterò   qualcosa   più   in   là,   ma   ora   voglio   lasciarvi   con   queste   parole   che   un   giovane   soldato   della   prima   guerra   mondiale   ha   scritto,   ricordando   che   100   sono   gli   anni   passati   da   quello   che   drammaticamente   fu   un   periodo   per   tutti   coloro   che   lo   vissero,   decisamente   buio.   La   sua   lettura   coincise   per   me,   fatalità,   con   il   rientro   in   patria   di   quei   poveri   resti   di   cui   parlo   dopo.   Il   post   è   quindi   antecedente  alla   mia   partenza,   ma   non   l’ho   voluto   modificare.   A   voi   la   lettura   se   vi   va.   Auguro   buone   vacanze   a   chi   parte   ora.   Il   sedici   festeggerò   in   famiglia   il   mio   compleanno,   poi   tutto   piano   piano   riprenderà   il   suo   corso  (   si   spera ).  Un   abbraccio   a   tutti   e   disfatti   i   ” bauli”   (   scherzo   eh… )  tornerò   a   leggervi.   La   vostra   Isabella

 

 

”Caro padre, sono qui in trincea da più di un mese, credo. Ho perso la condizione del tempo. Non ricordo più nemmeno il giorno in cui vi ho lasciato. Siamo partiti in tanti e c’erano anche i miei amici. Sono giorni che non li vedo e credo che abbiamo cessato di combattere. Come sta vostra moglie? Mi manca tanto anche lei, la sua voce, il suo profumo, la sua cucina. Con molta fatica siamo riusciti a scavare la trincea e a circondarla di filo spinato. Fin dall’alba si sentono suoni acuti, rimbombanti, forti che sogno anche la notte. Delle volte mi è capitato che, mentre stavo dormendo, mi svegliavo di soprassalto, credendo che avessero sparato o lanciato qualcosa. Come vi ho già detto, padre, le condizioni di vita sono molto dure: spesso siamo costretti a camminare nelle trincee con l’acqua che arriva fin sopra la vita. Il clima è rigido, con qualche fiocco di neve, sono poche le volte che ho visto la luce del sole. Quanto vorrei poter essere adesso vicino a voi, come quando ero bambino. Ricordate? Quando la madre mi stringeva al petto dicendomi che sarei diventato forte e coraggioso. Quando giocavo insieme ai miei fratelli a nascondino con la gonna della nonna. Bei tempi! Non avrei mai pensato di poter finir qui, sul fronte, a combattere per la patria, per completare l’Italia e per sentir la soddisfazione di dire: SI sono italiano e ho combattuto per la mia nazione e proprio come direbbe Manzoni: Oh dolente per sempre colui che da lunge, dal labbro d’altrui, come un uomo straniero, le udrà! Che a’ suoi figli narrandole un giorno dovrà dir sospirando: io non c’era. Ma accanto a questo mio incoraggiamento positivo ce n’è uno negativo che mi fa sentire un codardo, un traditore, un topo in cerca di un nascondiglio per non essere trovato. Ho paura che la morte mi prenda e mi trascini con sé. Non voglio. Mi sento colpevole, ma non so di cosa. Non sto in pace con me stesso. Mi basterebbe vedere il vostro volto, padre, per trovare un po’ di forza e di fiducia. Tristemente devo lasciarvi, il generale Cadorna ci chiama. Un abbraccio.

Vostro figlio

 

Una   lettera   che   mi   commuove   sempre   leggere   quando   mi   capita   sottomano.  Come   mi   ha   commosso   il   rientro   qui   in   Italia   dei   resti   di   cento   nostri   soldati   morti   nella   campagna   di   Russia,  durante   la   seconda   guerra   mondiale.   Penso   ai   loro   familiari   e   alla   loro   gioia   per   averli   finalmente   riportati   a   casa.   E   mi   ha   colpito   il   fatto   che   uno   di   loro,   metterà   per   una   notte,  l’urna   con   i   resti   del   fratello ,  nella   camera   dove   dormiva   e   dove   è   morta,   la   loro   madre.   Bellissimo.   Ora   i   resti   di   questi   poveri   caduti ,  di   cui   solo  sei   sono   stati   riconosciuti,  riposeranno   per   sempre   nel   Tempio   di   Cargnacco,   in   Friuli.    A   loro   va   il   mio   pensiero   e   una   preghiera.

 

Questo   invece   un   mio   piccolo   racconto :

La   bandiera

 

galatea.ch

Partì   in   un   giorno   lontano,   trovandosi   catapultato   in   una   guerra   che   mai   avrebbe   pensato   di   dover   sperimentare.    Era   giovane,   con   tanti   sogni   in   testa…

Lì,   al   fronte,   non   c’era   tempo   per   sognare.   Avevano   sin   da   subito,   lui   e   i   compagni,   dovuto   scavare    per   preparare   la   trincea ,   delimitandola   col   filo   spinato.    Pioveva   e   faceva   un   freddo   cane.    I   pastrani   che   indossavano ,  non   riparavano   molto   bene   dal   gelo    che   sentivano   penetrare   nelle   ossa   sempre   di   più,   mentre    cominciava   anche   a   nevicare .    Si   sentivano   in   lontananza    tuonare   i   cannoni,    rimbombi   assordanti   che   facevano   tremare.    Le   mani   erano   quasi   congelate   ma   dovevano   finire   il   lavoro,   e   ognuno   di   loro   non   si   risparmiava,   anzi   al   contrario   di   quello   che   si   potesse   credere,   tutti   davano   il   massimo.    Camminavano   con   l’acqua   che   arrivava   alla   vita,   con   fatica ,  per   fermarsi   solo,   per   fumare   una   sigaretta.   E   in   quel   momento   di   pausa,    succedeva,   stranamente,   che   il   ricordo   di   lei   si   facesse   più   vivo.   E   allora   si   metteva   a  pensare  :   ”   Al   diavolo   questa   guerra,   al   diavolo   il   tenente,   al   diavolo   tutti.     Voglio   tornare   a   casa,   riprenderla   tra   le   mie   braccia.   Perché   stare   qui   a   marcire,   al   freddo,   una   volta   sotto   la   pioggia  battente ,   un’altra   sotto   la   neve.   Perché  ,   per   chi,   per   che   cosa   combattere  ?  ”

Tirò   un   calcio   per   stizza,   andando   col   piede,   ad   urtare   qualcosa.    Si   fece   male.   Guardò   cosa   ci   fosse   lì,   e   trasalì.   Era   una   bandiera   italiana  .   La   guardò ,  e   una   lacrima   sentì   bagnare   la   sua   guancia.   Sentì   all’ improvviso     di   portare   un   grande   rispetto,   per   quel   simbolo   che   rappresentava   lui   e   tutti   i   suoi   compagni.   Fu   orgoglioso   di   sentirsi   italiano.   E   di   colpo,   tutte   le   sue   paure,   i   suoi   dubbi,   crollarono.   Era   pronto ,   per   amor   di   patria ,   a   combattere   fino   alla   fine.

Isabella  Scotti   marzo   2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Saluti e poesia

Amici   carissimi,   che   dire ?    Che   mi   sarebbe   piaciuto   continuare   il   mio   tour   andaluso   con   altre   notizie.   Ma   ora   sono   in   procinto   d’ intraprenderne   uno   vero.   E   quindi   poiché   adoro   viaggiare   voglio   lasciarvi   con   una   poesia   che   scrissi   qualche   anno   fa,   dopo   aver   visto   da   vicino   Brad   Pitt   e   il   suo   sorriso.   Forse   tornando,   riprenderò   il   tour   andaluso   proponendovi   un   post   che   ho   già   in   mente.   Per   ora   auguro   a   tutti   voi   un   po’   di   riposo   estivo   che   ritempra   sempre.   Vi   abbraccio   tutti   con   affetto.   La   vostra   Isabella   PS   Buona   lettura

Visualizza immagine di origine

timeout.com

ON   THE   ROAD

Brad,
ricordi
il   nostro   viaggio
”  on   the   road  ”  ?
Soli,
percorrendo
strade   sconosciute,
andavamo,
cercando
luoghi   e   persone
che   sapessero   accoglierci
cordialmente.
E   ricordi
il   sorriso
di   quelle   persone  ?
Oh,   Brad
che   sensazione   meravigliosa
scoprire
nuove   città
e   conoscere
nuove   usanze.
Ora,
che   siamo   tornati,
che   siamo   di   nuovo   qui,
tutto   riprende
con   ritmo   cadenzato,
i   giorni
si   susseguono
l’ un   l’ altro,
ripetitivi,
monotoni.
Brad,
come   vorrei   ripartire
verso   luoghi
sconosciuti,
destinazioni   ignote.
Sai,
è   un   desiderio
che   mi   tormenta
con   insistenza,
ho   come   un   sibilo
che   mi   fischia
nella   testa…
Mi   convinco   sempre   più
che   il   nostro
nuovo   viaggio
dovrà   iniziare  presto   :
sempre,   unicamente,
”  on   the   road  ”

 

 

Isabella   Scotti   luglio   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941    n°   633

La morte diventa spettacolo nazionale

”A   las   cinco   de   la   tarde   ”   diceva   Garcia   Lorca.

Ogni   domenica,   nel   tardo   pomeriggio,   ”   si   el   tiempo   lo   permite   ”,   inizia   in   Andalusia    un   rituale   immutato   nel   tempo,   che   si   svolge   nel   periodo   compreso   tra   Pasqua   e   la   fine   di   ottobre  :   la   popolazione   spagnola   o   straniera,   entra   nella   plaza   de   toros,   per   seguire   la   lotta   che   oppone   uomo   a   toro :   la   corrida.     Bisogna   risalire   ad   epoche   mitiche   per   scovare   le   origini   del   culto   del   toro.   Già   Zeus   ,   il   padre   degli   dei   dell’ Olimpo   greco,   si   tramutò   in   toro   per   sedurre   Europa,   generando   Minosse,   re   di   Creta.    i   tori   hanno   sempre   affasciato   l’  umanità   in   ogni   epoca.   Già   nel   poema   epico   più   antico   della   letteratura   mondiale,   il   sumero   Gilgamesh,   i   due   eroi   combattono   contro   il   toro   celeste.   Le   prime   raffigurazioni   si   trovano   su   pitture   rupestri   in   Spagna   risalenti   all’età   preistorica,   come   su   vasi   e   pitture   parietali   cretesi.   Nel   palazzo   di   Cnosso   fu   ritrovato   un   affresco   raffigurante  una   scena   di   danza   con   il   toro,   dove   una   giovinetta   è   ritratta   mentre   balza   sopra   il   toro   afferrandosi   alle   sue   corna,   per   poi   ricadere   all’indietro   eludendo   il   suo   attacco.   Qualche   secolo   dopo   si   diffuse   anche   in   Spagna   un   gioco   simile,   ma   pare   che   fosse   più   che   altro   ispirato   da   antichi   riti   matrimoniali  :   poiché   il   toro   è   simbolo   di   fertilità,   la   vigilia   delle   nozze   il   futuro   sposo   doveva   avvicinarsi   a   un   toro   prescelto   fino   a   toccarlo,   in   modo   che,   secondo   la   credenza   popolare,   acquisisse   da   questo   la   facoltà   procreativa   dimostrando   la   propria   virilità.   Dalla   finestra   la   futura   sposa   lanciava   piccoli   dardi   sulla   groppa   dell’  animale,   procurandogli   una   ferita   sanguinante.   Nelle   arene   romane   si   svolgevano   invece   dei   combattimenti   a   cavallo   contro   i   tori.   E   questa   tradizione   continuò   nella   penisola   iberica   anche   da   parte   dei   cristiani   e   dei   mori,   tanto   da   divenire   nel   tempo,   uno   sport   molto   amato   dalla   nobiltà,   oltre   ad   essere   un   ottimo   allenamento   bellico.

Visualizza immagine di origine

commons.wikimedia.org     Goya   –   El   Cid   Campeador   lanceando   otro   toro

Quando   per   decreto   la   nobiltà   fu   costretta   a   cancellare   dai   propri   divertimenti   la   lotta   contro   i   tori,   questa   diventò   sempre   più   marcatamente   un   passatempo   per   il   popolo.   Durante   una   corrida,   un   chulo   (  aiutante  ),   di   nome   Francisco   Romero,   falegname   di   Ronda,   riuscì   a   distogliere   un   toro   che   aveva   gettato   nella   sabbia   cavaliere   e   cavallo,   e   stava   per   attaccarli   di   nuovo,   dalle   sue   vittime,   attirandolo   con   il   suo   cappello   a   tesa   larga.   Nacque   così   una   nuova   formula   di   combattimento.   Ronda,   dove   si   trova   la   più   antica   arena   di   tutta   la   Spagna,   edificata   nel   1755   in   legno,   è   quindi   il   luogo   di   nascita   della   moderna   tauromachia.  Qui,   Francisco,   insieme   al   figlio   Juan   e   un   nipote ,   Pedro,   fondò   una   leggendaria   dinastia   di   toreri,   imponendo   delle   regole   ancor   oggi   ritenute   valide.   Fu   così   il   primo   matador   a   entrare   nell’  arena   con   solamente   un   drappo   rosso,   la   famosa   muleta,   e   a   uccidere,   recibiendo,   cioè   attendendo   l ‘ attacco    dell’ animale.   Il   celebre   nipote   Pedro   Romero  (   1754  –  1839  ),   che   poteva   vantarsi   di   avere   ucciso   più   di   cinquemila   animali   e   continuò   a   scendere   nell’ arena   anche   quando   era   ormai   ottuagenario,   ha   reso   celebre   lo   stile   classico   e   sobrio   della   scuola   di   Ronda.   Sua   prima   rivale   è   la   seconda   scuola   andalusa   per   importanza,   quella   di   Siviglia,   che   predilige   un   combattimento   più   sfarzoso,   dove   i   toreri   non   mettono   in   evidenza   il   proprio   coraggio   ,   ma   danno   la   giusta   importanza   alla   spettacolarità.   Dai   tempi   di   Romero   l’ Andalusia   viene   considerata   la   patria   della   corrida   :   ed   in   effetti  ha   dato   i   natali   a   molti  toreri   divenuti   celebri   e   sui   suoi   pascoli   vengono   allevati   esemplari   eccezionali   di   tori.   All’ Andalusia   sono   legati   nomi   come   Joselito,  (  1895  –  1920  )   che   all’età   di   25   anni   morì   nell’arena,   Juan   Belmonte   (   1892  –  1962  ),   Manolete  (  1917  –  1947  )   e   ancora   El   Cordobés   (  1936  )   Comunque   anche   in   Spagna,   come   in   tante  altre   parti   ci   sono   coloro   che   pensano   alla   corrida   come    ad   un   eccidio   barbaro   ed   inutile.   Dall’altra   ci   sono   gli   aficionados ,   sostenitori   e   tifosi,   per   i   quali   la   corrida   rimane   invece   una   rappresentazione   complessa,   fatta   di   spettacolo,   culto   e   cerimoniale.   Ed   essa   in   realtà   segue   regole   ben   precise  :   abbigliamento,   cerimoniale   e   varie   fasi   del   combattimento,   per   non   parlare   della   postura     dei   toreri:   tutto   è   immutato   da   più   di   200   anni.   La   tauromachia   è   un   bene   culturale   spagnolo,   che   non   solo   suscita   nel   popolo   incredibili   emozioni   e   passioni,   ma   ha   affascinato   e   ispirato   grandi   artisti   come   Francisco   de   Goya   (   1746  –  1828  )   o   Pablo   Picasso   (   1881  –  1973  ) ,   tanto   per   citarne   due.    Ed   infine   per   concludere   questo   nostro   viaggetto  , non   si   può   non   ricordare   ciò   che   il   famoso   drammaturgo   Federico   Garcia  Lorca  (  1898  –  1936  )  disse   della   corrida    :

”   In   tutti   i   paesi   la   morte   conduce   alla   fine.   Quando   lei   entra,   cala   il   sipario.   In   Spagna   ,   no.   Questo   è   l’unico   paese   il   cui   spettacolo   nazionale   è   la   morte,   che   all’inizio   di   ogni   primavera   fa   risuonare   la   propria   tromba.”  

Sbuffa
il   toro   infastidito   mentre
il   toreador   gli  
gira   intorno
morte

Isabella   Scotti   luglio   2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Notizie   da   Arte   e   Architettura   Andalusia   Brigitte   Hintzen   Bohlen