Arianna

Questo   è   il   ritratto   di   Arianna,   la   mia   nipotina,   fatto   dal   nonno   paterno   pittore.   Garantisco   la   somiglianza.   Buona   giornata   cari   amici.

Annunci

Avvicinamento ( nuova versione )

Questo   il   pezzo   originale   cantato   dall’ autore,   e   qui   sotto   reinterpretato   da   Mango

 

 

C’è   silenzio   tra   noi,

lo   so.

Ma   tu

cercami   nelle   parole

che   non   ho   trovato

per   dirti

quanto   t’amo.

Magari   potrei   scriverti.

Potrei   trovarle   così

quelle   parole.

Ti   parlerei   dapprima

di   me,

di   ciò   in   cui   credo,

dei   miei   sogni,

col    finire    poi,

per   raccontarti

del   mio   amore,

quello   che   nutro

per   te.

  Potresti   così

sentir   parlare

attraverso  

la   mia   scrittura,

il   silenzio

sceso   tra   noi,

e   ascoltarlo

fino   in   fondo,

per   assimilarlo,

molto   più

di   tante   parole

dette   e   non   comprese.

Sarà   quello  

il   magico   momento  

in   cui   riuscirò

ad   avvicinare   il   tuo   cuore

e   trattenerlo   nel   mio.

 

Isabella   Scotti   novembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

incipit   in   neretto   di   Blaga   Dimitrova

 

Ditemi,   quale   preferite,   la   prima   versione   o   la   seconda ?

Eccovi   il   link   della   prima   versione

https://isabellascotti.wordpress.com/2014/07/17/avvicinamento/

 

 

Cento anni dalla fine della Grande Guerra. Voci che raccontano.

Carissimi, permettetemi di continuare con lo stesso argomento del mio precedente post . Oggi 4 novembre 2018 ricorrono cento anni dalla fine della terribile guerra del 1915 – 18. Per questo, anche se a fine giornata per motivi personali, vi ripresento questo mio vecchio post. Un abbraccio a tutti e buonanotte . La vostra Isabella

Isabella Scotti

Cento  anni  ci  separano  dalla  Prima  Guerra  Mondiale.  Una  guerra  dura,  difficile,  che   troppo  spesso  viene  messa  in  secondo  piano  rispetto  alla  Seconda  Guerra  Mondiale,   e  la  cui  drammaticità  traspare   tutta  leggendo  alcune  lettere  di  chi  vi  partecipò  in  prima  persona  e  che  qui  voglio  riproporre.  Un  pensiero  grato  va  a  chi  non  ha  potuto  seguitare   la  propria  vita,  ai  tanti  giovani  che  soli,  su  montagne  aspre,  sentirono   forte  la  mancanza  dei  propri  familiari  sbattuti  in  una  guerra  più  grande  di  loro,  ma  animati  tutti  da  un  convinto  amor  di   Patria. Vincendo  le  proprie  paure  trovarono  nella  scrittura,  anche   quei  tanti  che  non  conoscevano  bene  l’italiano,  un  conforto  alle  loro  terribili  prove.  Ho  ascoltato,  leggendo  queste  lettere,  la  loro  voce,  tremula,  ma  sempre affettuosa  e  in  tutte  vi  ho  registrato   la  convinzione  di  poter  tornare.   Per  troppi  di…

View original post 1.161 altre parole

Ti prego, torna da me

Carissimi   amici   spero   quanto   prima   di   passare   a   farvi   visita.   Ho   avuto   vari   problemini   ultimamente,   niente   di   che,   ma   che   mi   hanno   tolto   tempo   per   leggervi.   Rimedierò,   con   calma,   ma   rimedierò.

Intanto   ho   il   cuore   a   pezzi   per   il   disastro   che   questo   tempo   malsano   ha   procurato   in   danni   terribili   alla   nostra   Italia.   Ho   pianto   in   primis   per   la   mia   terra   d’origine,   il   Veneto,   così   duramente   provata,   come   piango   per   il   Trentino,   per   Dimaro,   paese   vicino   Folgarida   coperto   dal   fango.   Luoghi   che   conosco   benissimo,   dove   tante   volte   sono   stata   d’estate.   Piango   per   la   Liguria,   per   Portofino,   per   Rapallo   per   tutti   coloro   che   sono   morti   e   per   tutti   coloro   che   hanno   perso   casa,   lavoro   e   affetti.   Speriamo   che   la   nostra   povera   Italia   risorga   da   questo   sfacelo   quanto   prima,   aiutata   da   province,   regioni,   e   stato.   Che   nessuno   si   tiri   indietro   e   che   nessuno   cominci   a   lucrare   sulla   pelle   di   chi   soffre.    Basta   con   appalti   truccati,   con   scaricabarili,   con   imbrogli   da   schifo.   Che   tutti   comprendano   che   nessuno,   mai   come   oggi,   dopo   questi   disastri,   potrà   avere   futuro   se   non   aiutato   seriamente.   Non   facciamo   che   ci   si   dica  ”   incapaci  ”.   Dimostriamo   il   nostro   valore   senza   inutili   parole ,  ma   credendo   in   noi   stessi   e   nelle   nostre   capacità   di   recupero.

Vi   lascio   con   questo   mio   scritto,   augurando   a   tutti   voi,   amici   cari,   una   dolce   sera.

La   vostra   Isabella

 

Visualizza immagine di origine

pontedipiave.com

 

Sono   le   dieci   e   trenta.    Messi   a   letto   i   suoi   figli,   Maria   prende   la   penna   e   comincia   a   scrivere:

” Mio   dolcissimo   amore,

quanto   mi   manchi.   E   come   manchi   anche   ai   tuoi   figli.     Chiedono   sempre   di   te   sai  ?  ”   Mamma ,  ma   dove   è   andato   papà  ?   Perché   non   torna?”   I   miei   occhi   si   colmano   di   lacrime,   ma   mi   faccio   forza   e   rispondo   loro,   ogni   volta,   che    papà   è   un   uomo   forte,   coraggioso,   che   dobbiamo   essere  tutti   fieri   di   lui,   che   sta   combattendo  per   noi   e   per   la   Patria.    Già,   la   Patria.    Chi    mai   avrebbe   detto   che   sarei   stata   gelosa   di   lei,   che   tu   hai   scelto,   ancor   prima   di   scegliere   me.    Sei   partito,   conscio   del   tuo   dovere,   lasciandomi   qui,   in   attesa,   sperando  nel   tuo   ritorno.   So   che   sono   egoista,   ma   non   m’importa,   ti   vorrei   accanto,   ascoltare   la   tua   voce,   accarezzarti,   guardarti   negli   occhi.    Ma   poi   mi   fermo   a   pensare,   e   allora   ti   vedo   là,   mescolato   ad   altri   soldati,   in   trincea,   sotto   la   pioggia,   o   la   neve,   al   freddo,   tutti   pronti   ad   attaccare   il   nemico   austriaco.   E   allora   mi   sale   una   tale   rabbia   dentro,   che   quasi   vorrei   anch’io   essere   con   voi   e   combattere.   Sì,   odio   i   nostri   nemici   e   questa   guerra   che   ti   tiene   lontano   da   me.   Ogni   sera   prego   il   Signore   che   tutto   finisca,   che   i   disagi   che   tutti   stiamo   vivendo,   abbiano   un   termine.  Se   penso   al   dolore   vissuto   da   tutti   coloro   che   hanno   perso   un   fratello,   un   marito   combattendo   per   la   libertà,   allora   mi   dico   che   bisogna   vincerla   questa   guerra,   essere   forti   e   sperare.    Ma   tremo   all’ idea   di   poterti   non   rivedere   più.   Sai,   non   ricevo   tue   lettere   da   un   po’,   non   sopporto   questo   silenzio,   potrei   morirne.   Ti   prego,   anche   se   il   tuo   dovere   di   soldato   t’impedisce   di   scrivermi,   tu   fallo   ugualmente,   per   me   e   ancor   più   per   i   tuoi   figli.    Altro   motivo   che   non   sia   questo,   non   voglio   nemmeno   minimamente   prenderlo   in   considerazione.   Dacci   tue   notizie.   Ti   amo,   ti   aspetto,   torna   da   me

la   tua   Maria

 

Isabella   Scotti   novembre   2018

testo  .   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

Tanka – Enigmatici ( foto di Waldprok )

Davanti   baita

sculture   dal   sorriso

enigmatico

 

sembrano   aspettare

che   qualcosa   succeda

 

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Scultura di natura

pollinopinoloricato (1)

Ha   scelto

la   sua   dimora

affondando   le   radici

nella   terra   aspra,

tra   ciuffi   d’erba

sparsi   qua   e   là,

e   dure   pietre.

Ma   non   è

un   albero

come   tutti   gli   altri,

eretto,

teso   verso   il   cielo.

Il  vento,

di   una   potenza

inaudita,

ha   piegato

nel   tempo

i   suoi   rami,

che   imperterriti,

han   continuato  

a   crescere,

allungandosi  

sempre    più ,

come   a   cercar   riparo.

Mentre   il   tronco,

squarciato,

ferito,

come   colpito

da   un   fulmine

si   è   accartocciato

su   se   stesso,

divenendo   scultura

a   cielo   aperto.

Ora,

c’ è   nell’aria

un   senso

di   tragica   rassegnazione,

nel   dover   seguire

una   strada

che   non   è   la   propria,

in   quella   terra

dura   ed   aspra,

dove   il   vento

fischia   forte

sferzando.

 

Isabella   Scotti   settembre   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Dedicata   a   Pina   Chidichimo

 

 

 

 

Racconto noir

 

pinterest.com

 

 

Era   quasi   mezzanotte ,  quando,   deciso,   si   avviò   alla   macchina.  Era   una   notte   di   pioggia,   molto   fitta.   Tirò   su   il   bavero   dell’ impermeabile   e   affrettò   il   passo,   perché   aveva   dimenticato   l’ ombrello.   Ma   le   gocce   d’acqua   che   bagnavano   il   suo   viso ,   non   gli   davano   affatto   fastidio,   anzi,   in   un   qualche   modo   sembravano   purificarlo,   allontanando   pensieri   spiacevoli,   che   stranamente   lo   assillavano   da   giorni.    Ma   ora,    finalmente,   si   sentiva   sollevato.   Aveva   finito   di   occuparsi   di   quei   due  .  Quella   coppia   che   voleva   separarsi    ad   ogni   costo (  almeno   così   sembrava   per   la   moglie,   ma   non   per   il   marito ),  e   che   lo   aveva   impegnato   sia   in   tempo   speso   a   parlare,   a   spiegare,   che   mentalmente.

Aveva   così   deciso   di   passare   il   caso   ad   un   suo   collega,   snervato   dal   comportamento   iroso   di   quell’ uomo.  E   aveva  deciso   di   mollare   tutto   per   una   meritata   vacanza   a   Filicudi,   che   amava   per   la   sua   tranquillità,   quella   di   cui   sentiva   tanto   il   bisogno.    Il   suo   lavoro   ultimamente    lo   prendeva   troppo,   ne   era   convinto.

”  Basta   con   gli   esaltati,   con   chi   non   è   in   grado   di   gestire   risentimenti,   di   controllare   i   propri   stati   emotivi.  ”  L’ uomo,   quel   marito   irascibile,   gli   era   subito   sembrato   a   pelle,   un   antipatico,   un   essere   di   cui   diffidare.   Ma   ora   se   ne   era   liberato   e   inutile   dirlo,   si   sentiva   leggero.    Era   giunto   ormai   alla   macchina,   quando   la   sua   attenzione   si   focalizzò   sul   cruscotto,   dove   c’era   un   foglietto   sotto   il   tergicristallo.   Lo   prese   in   mano   e   lesse   ”   Tu,   verme   incapace,   non   hai   saputo   fare   niente   per   me,  che   non   volevo   separarmi,   e   mi   hai   pure   ceduto   ad   un   altro  stupido   come   te.   Ma   io   so   cosa   fare:   ti   ucciderò.   Ti   toglierò   dalla   faccia   della   terra.    Incomincia   pure   a   tremare,   perché   non   sai   quando   ti   colpirò  ”.  

Rimase    impietrito,   incapace   di   muoversi,   con   la   paura   addosso.   Non   riusciva   a   pensare   e   nemmeno   ebbe   il   tempo   di   provare   a   farlo,   che    una   mano,   improvvisamente,   da   dietro,   gli   strinse   il   collo ,   immobilizzandolo,   mentre   l’altra   affondava   nella   carne,   il   coltello.   Il   sangue,   caldo   e   copioso   usciva   ora   dal   suo   fianco,   mentre   cadeva,   incredulo,    consapevole   di   star   per   morire,    sull’asfalto.   Ebbe   solo   il   tempo,    prima   di   chiudere   gli   occhi   per   sempre ,   di   rivedersi   sulla   sua   barca   al    mare.

Quel   mare   ormai   lontano,  mai   più   raggiungibile.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633