Evviva la danza

E’   proprio   vero   che   la   danza   è   poesia.   E   quando   a   raccontarcela   è   il   ”   poeta  ”    Roberto   Bolle,   tutto   si   trasforma,   tutto   diventa   magia.

 

Ieri   sera   è   stato   così.   Finalmente   sulla   Rai   un   programma  da   ricordare.

 

Una   serata –  evento   di   cui   l’artista   oltre   ad   essere   protagonista   è   stato   anche   autore   e   direttore   artistico.      Con   l’ aiuto   di   Michael   Cotten ,   per   la   messa   in   scena,   uno   dei   fondatori   della   rock  band    americana   The   Tubes,  e   non   solo,   uomo   dei   grandi   eventi   live   americani,   dal   Super   Bowl   alle   cerimonie   olimpiche,   Bolle   porta   col   suo   ”  Danza   con   me  ”   una   ventata   di   gioiosa   bellezza,  dove   la   danza   è   la   protagonista   in   uno   spettacolo   che   sa   immergerla   in  una   contemporaneità   data   dall’  azione   combinata   con   le   più   moderne   tecnologie   visual ,  tali   da   renderla   viva   come   non   mai.   Tra   duetti   con   ospiti    anche  improbabili,   come   un   Fabio   De   Luigi   ad   esempio,   simpaticissimo   o   un   Cesare   Cremonini,   per   me   sbalorditivo,   che   balla   con   lui    un   medley   tra  ”   Singing   in   The   Rain   ‘‘  ,   ”   Chorus   line  ”,   e   altri   famosi   musical  ,    Bolle    ci   regala   performance   indimenticabili,  come   quella   ad   esempio   con   la   Ferri    in   un   passo   a   due   inedito   dell’  inglese   Christopher   Wheeldon     o   ancor   più    quella   danza   sensuale   meravigliosa   con   l’ irlandese   Melissa   Hamilton    in   ”  Qualia  ”   di   Wayne   McGregor.   Senza   parlare   del   balletto   con   Nicoletta   Manni ,   prima   ballerina   della   Scala,  sulla   canzone   ”  Poetica  ”   di   Cremonini.   E   poi   cento   altri   duetti   con   Accorsi,  i   ” Tre   moschettieri  ”,   Papaleo,   Mastrandrea,   Favino,   Rubini  ,   e   tanti,   tanti   altri.

Chicca   stupenda   :    ”  Opus   100  ”  coreografia   sull’  amicizia   creata   da   John   Neumeier,   amico   del   grande   Maurice   Bejart,   a   lui  regalata   per   il   suo   settantesimo   compleanno.   Danzata   su   musiche   di   Simon  &   Garfunkel   col   Principal   dell’  Amburg   Ballet   Alexander   Riabko .   Uno   spettacolo   nello   spettacolo.

 

Grazie   Roberto,   con   te   ho   sognato,   con   te   ho   volato.

Visualizza immagine di origine

optimaitalia.com

 

-

Rai   Uno  –     Bolle   e   Cremonini   nella   loro   performance

 

La   danza,   un’ altra   dimensione

 

 Danza   ancora.

Vola   pure   leggera

come   una   farfalla.

Non   c’è

più   limite

che   ti   costringa.

Abbandonati,

ondeggia   nell’  aria.

Vibra   il   tuo   corpo

e   la   musica

è   ormai   

essenza   dell’  anima.

Sei   fiore

di   eterea   bellezza

mentre   sorridi,

libera,

senza   più   gravità.

Sembri   avere   ormai

ali   invisibili.

Guarda,

sei   vicina   al  cielo…

ora   nessuno

può    più   raggiungerti.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Dedicata   a   mia   figlia   Chiara

 

 

 

.

Annunci

Regali di Natale

 

 

 

 

 

 

Cari   amici ,  ricordate   quando   l’anno   scorso   vi   parlai   di   un   concorso    poetico ,  al   quale   avevo   partecipato ,  finendo   poi   in   antologia   con   la   poesia   dedicata   a   mio   padre   e   con   degli   haiku  ?   Anche   quest’anno   ho   voluto   partecipare   e   di   nuovo,   con   mia   somma   sorpresa,   sono   di   nuovo   in   Antologia.    Ecco   qui   gli   attestati   poggiati   tra   i   rami   dell’albero   di   Natale   e   questa   l’ antologia

LA COULEUR D'UN POEME 2018

Unica   pecca   in   tutta   questa   davvero   bellissima   sorpresa,   il   fatto   che   pur   figurando   in   antologia,   alla   pagina   dove   avrebbero   dovuto   essere   presenti   gli   haiku,   questi   ahimè   non   ci   sono.   Una   svista   che   vi   confido,   mi   è   dispiaciuta.   Ma   tant’è.   Per   ora   ecco   per   voi   la   poesia   scelta  e   messa   in   antologia.

Com’è   grigio

il   tempo

che   passa.

Scivola   via,

istante   dopo   istante.

Vola   lontano,

come   le   foglie,

che   il   vento

stacca   dai   rami.

Talvolta    vorremmo

trattenerlo,

fermarlo,

magari   anche   solo

per   un   secondo,

come   fa

una   foglia,

delicata   carezza,

quando

si   ferma   improvvisa,

là   su   quel   ramo   spoglio,

per   riposare   forse,

chissà.

Per   poi

riprendere

il   suo   viaggio,

e   andare   lontano,

a   morire.

 

Isabella  Scotti   febbraio   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Grazie   a   Zivago42

 

Per   gli   haiku   farò   un   altro   post.   Grazie   a    tutti   coloro   che   ho   visto   sono   passati   a   lasciarmi   gli   auguri.   Risponderò   a   tutti   con   sincero   affetto,   non   dubitate.    Per   ora   auguri   di   buon   fine   anno   e   buon   inizio  La   vostra   Isabella   (   meglio   farli   prima   se per   caso   non   potessi   farli   lo   stesso   giorno   di   fine   2018,   vi   pare  ?   )

 

 

 

Auguri amici

Carissimi   amici ,  penso   siate   tutti   in   attesa ,  come   me ,  che   nasca   il   Bambinello.   Eppure   la   gioia   per   la   sua   nascita,   non   può   non   essere  accompagnata   da   tanta   tristezza   per   tutte   le   orribili   notizie   degli   ultimi   giorni.

Mi   sento   spaesata,  distrutta   dal   dolore  di   fronte   alla   tanta   violenza   che   dilaga.   Se   penso   all’orribile   fine  delle   due   ragazze   scandinave,   non   posso   non   rabbrividire   pensando   a   quello   che   hanno   dovuto   subire.    Chi   le   ha   uccise   non   può   non   rimanere   impunito,   me   lo   auguro   con   tutto   il   cuore.  Questo   2018   si   chiude   con   scene   che   non   mi   piacciono   vedere.   Strasburgo,   i   gilet   gialli   e   stasera   di   nuovo   in   Catalogna.   Violenza,   solo   il   piacere   di   distruggere,   di   fare   del   male,   di   alzare   le   mani.  Terrorismo,  sopraffazione,   rivendicazioni   che   si   fanno   portavoce   di   un   rancore   che   invece   d’essere   trattenuto   esplode   con   cattiveria,   Non   esiste   dialogo,   non   c’è   comportamento   civile.   Niente,   non   esiste   confronto,   dialettica.   Si   è   raggiunto   il   fondo.  Quanta   brutalità   in   giro.   E   non   vedo   vie   d’uscita,   questo   l’ assurdo.   Perdonate   il   mio   sfogo,   amici,   non   voglio   mica   rattristarvi    con   le   mie   parole.   Del   resto   è   quasi   Natale.   Le   luci   che   si   vedono   ovunque   ce   lo   ricordano,   e   allora   augurandovi,   nonostante   tutto,   di   passare   Buone   feste   e   un   Buon   Natale   vi   abbraccio   tutti   con   tanto   affetto.    Vi   lascio   con   poche   righe  :

 

Il   loro

dolce   volto,

il   loro   sorriso.

Vite

atrocemente

spezzate

quando   ancora

tutto   sembrava   possibile.

Amiche   curiose,

libere,

avventurose.

Cogliere   della   vita

l’aspetto   più   bello.

Un   fiore   profumato,

l’acqua   di   un   ruscello.

Gli   alberi

più   alti,

la   roccia   da   scalare.

E’   una   colpa

sentirsi   dentro

partecipi

della   natura ?

Vivere   il   mondo

cercando   di   scoprirlo?

Di   conoscerlo?

Amare   il   bello ?

Povere   ragazze,

imbattutesi

in   uomini   bestie,

selvaggi   senza   cuore   né   umanità.

Una   fine

la   vostra,

immeritata,   indegna.

Nessuna   pietà

per   chi   vi   ha

tolto

il   bene   più   grande  :

la   vita.

 

Isabella   Scotti   dicembre   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

A   Louisa   e   Maren

 

E   questo   per   ricordare   il   Natale.   Un   haiku  :

Visualizza immagine di origine

poesiadinatale.com

 

Splende   la   stella

intensamente   brilla

luce   per   bimbo

 

Isabella  Scotti   dicembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

 

 

 

Quel Natale

Visualizza immagine di origine

g1.globo.com

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare

Giuseppe   Ungaretti

Scende   la   neve.
Anche   quest’ anno,
puntuale,
scende   a   Natale.
Com’è   bella.
Osservo   i   candidi,
soffici   batuffoli
adagiarsi
sul   davanzale.
Verrebbe   voglia
di   stare   ancora  
sotto   le   coperte…
Ricordo   quei   giorni
degli   anni   passati,
la   gioia
nel   preparare   i   pacchetti
da   mettere
sotto   l’albero.
Ora, 
che   tristemente
polvere
sei   tornato   ad   essere,
scende   ancora   la   neve,
ed   io   ti   sento   ridere
come   se   fossi   qui,
come   quando  ci   tiravamo   addosso
le   bianche   palle   gelate.
Ma   ricordo   anche  
nitidamente,  
tra   i   tanti,
”  quel   Natale ”,
quando   il   dolore
della   tua   perdita,
era   ancora   vivo   in   noi.
Sai ,  questi
son   nuovamente   giorni   di   festa,
e   scende   come   allora
la   neve.
Il   camino   è   acceso.
Come   le   luci
dell’  albero   e   del   presepe.
Stessa   atmosfera.
Manchi   solo   tu.

A   mio   padre

Isabella  Scotti  dicembre  2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Rileggendo   la   famosa   poesia   di   Ungaretti,   imparata   a   memoria   alle   elementari

Quanto dolore…

Stasera   sono   molto   triste.   Morire   a   29   anni   di   una   morte   senza   senso,   o   forse   ce   l’ha   e   noi   non   ne   possiamo   essere   consapevoli,   è   comunque   assurdo.   Come   madre   comprendo   il   dolore   della   mamma   di   Antonio   Megalizzi   e   la   stringo   idealmente   in   un   abbraccio   come   stringo   tutti   i   suoi   familiari   e   la   fidanzata.    Stasera   siamo   tutti   in   lutto.   Preghiamo   per   lui,   tutti   insieme.  Il   suo   sorriso   è   quello   che   rimane,    il   suo   credere   in   un   mondo   certamente   migliore   di   questo.

Avvenire.it

Bohemian Rapsody

 

Ragazzi   avete   sentito ? Questa   è   la   canzone   del   ventesimo  secolooooo  più   ascoltata   in   streaming !!!   Dura   sei   minuti   e   l’ho   sempre   trovata   fantastica.

Un   evviva   per   il   grande   Freddie   Mercury   che   adoro.

Sentite   qua.

Il   1975   segna   l’inizio   di   un   grande   amore   tra   i   Qeen   ed   il   Giappone.   Al   suo   arrivo   all’aeroporto   di   Tokyo   in   occasione   della   prima   tournée   nella   terra   del   Sol   Levante   la   band   viene   accolta   da   una   folla   di   più   di   3.000   fans   in   delirio.   Il   ”  Japan   Tour   ”  75  ”   è   contrassegnato   dal   fenomeno   di   una   ”      Queenmania  ”   degna   dei   Beatles.   Freddie   resta   affascinato   dalla   cultura   orientale   e   ad   essa   ispirandosi,   imposta   un   nuovo   look   che   verrà   mantenuto  per   alcuni   anni,   fino   alla   svolta   ”  macho  ”   degli   anni   ”  70.

Nell’   estate   del   1975   il   gruppo   comincia   a   lavorare   ad   un   nuovo   album,   portando   sulle   spalle   il   peso   di   un   tour   molto   impegnativo,   parzialmente   annullato    per   problemi   alla   gola   di   Freddie,   e   di   controversie   per   la   risoluzione   del   contratto   con   la   Trident  .   I   Qeen   firmano   quindi   un   nuovo  contratto   con   la   Emi .   Felici   di   essersi   lasciati   alle   spalle   un   manager   come Jack   Nelson,   cui   dedicano   la   canzone   invettiva   ”   Death   On    Two   Legs  ”  ,   entrano   in   studio   molto   motivati,   convinti   di   avere   le   potenzialità   per   conquistare   il   mondo   del   rock.   Da   queste   premesse   si   sviluppa   e   prende   forma   ”   A   Night   At   The   Opera   ”,   album   complesso   e   tra   i   più   costosi   mai   realizzati   prima.   La   grande   energia   dei   quattro   e   la   voglia   di   Brian   di   sperimentare   nuovi   suoni   e   complesse   orchestrazioni,   danno   vita   a   pezzi   che   combinano   in   modo   equilibrato   ”  grandeur  ”   ed   epicità.

In   brani   come   ”  Good   Company  ”,   Seaside   Rendezvous ”,   e   ”   Lazing   On   A   Sunday  ”   ,   ispirati   anche   nei   testi   ad   atmosfere   anni  ”20   tipiche   dell”  art   rock ”  ,   particolarmente   gradite   a   Freddie,    Brian   May   sperimenta   suoni   particolarissimi ,   riuscendo   a   riprodurre   fiati,   archi   e   ottoni.   Particolare   evidenza   assume   l ‘ uso   sapiente   delle   armonie   vocali   costruite   con   numerose   sovraincisioni,   che   hanno   già   portato   il   gruppo   all’ attenzione   della   critica. ”  The   Prophet   song   ”,   una   canzone   di   Brian   ispirata   da  una   visione   avuta   in   sogno,   è   un   esempio   di   questa   tecnica   inventata  e   sviluppata   dai   Qeen.   Il   massimo   risultato   di   tutto   ciò   è   ”  Bohemian   Rhapsody  ”,   canzone   simbolo   del   progetto   musicale   e   artistico   cghiamato   Qeen.

Un   testo   enigmatico   si   sviluppa   in   una   successione   di   quattro   diversi   momenti   musicali   che   ruotano   intorno   alla   celebre   sezione   operistica   per   la   quale   occorse   una  settimana   di   lavoro.   Roy   Thomas   Baker   testimone   della   genesi   di   un   pezzo    che   è   un   classico   del   rock,   ricorda  :   ”E’   stato   un   lavoro   terribile,   una   settimana   intera   per   mettere   in   atto   le   idee   di   Freddie;   ogni   volta   che   credevo   tutto   fosse   finito   Freddie   esordiva   col   dire   ”Ho   pensato   di   aggiungere   ancora   un   po’   di   ”  Galileo  ”… ”

Il   brano   dura   sei   minuti   e   sembra   troppo   lungo   per   essere   trasmesso   alla   radio.   Un   dj   amico   di   Freddie,   innamorato   della   canzone,   Kenny   Everett,   nonostante   gli   fosse   stato   vietato,   lo   trasmette   per   14   volte  alla   radio   nella   stessa   giornata.   La  EMI   viene   inondata   da   una   tale   massa  di   richieste   da  essere   costretta  a   pubblicarlo.   In   due   settimane   Bohemian   Rhapsody   vende   150.000   copie   segnando   così   una   svolta   epocale   per  tutta   la   musica   rock.   Grazie   a   queste   premesse   ed   anche   alla   realizzazione   di   un   videoclip,     l’album   riscuote   un   successo   clamoroso,   raggiunge   il   primo   posto   nelle   classifiche   di   tutta   Europa   e   conquista   per   i   Qeen   il   primo   disco   di   platino.   Il   boom   di   A   Night   At   The   Opera    fa   anche   tornare   in   classifica   gli   album   precedenti ,   mentre   il   gruppo   parte   per   una   tournée   negli   Stati   Uniti ,  Giappone   e   Australia ,  che   terminerà   il   18   settembre   1976   con   un   concerto   gratuito   all ‘Hyde   Park   di   Londra.

 

Viva   i   Qeen.   

Per   chi   volesse   leggere   anche   un   altro   mio   post   lascio   questo   link

https://isabellascotti.wordpress.com/tag/freddy-mercury//

 

Articolo   ripreso   da   ”   Qeen   ”   a   cura   di   Max   Felsani,   Michele   Primi   e   Mauro   Saita

 

Acrostico Natale e acrostico Presepe

 

 

Foto   di   Andrea   passeggiando   di   sera   per   le   vie   di   Como

 

N    on   è

A   ncora   nato   ma   in

T   utti   c’è

A   ttesa

L   a   festa   è   alle   porte  e   luci   intermittenti   si   accendono

E   illuminano   la   notte… a   breve   suoneranno   le  campane

 

Isabella   Scotti   dicembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

P   reghiamo   affinché   Gesù

R   itorni   nel   cuore   degli   uomini   come

E   sempio   d’amore

S   incero

E   che   si   possa   riscoprire   la   gioia   di   fare   in   casa   il

P   resepe   muta   testimonianza   di   vita   semplice,    genuina

E    semplare   manifestazione   di   affettuosa   devozione   al   Salvatore

 

Isabella  Scotti   dicembre   2018

testo :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

E  invece   qui   davanti   al   lago   di   Lugano   di   mattina

Sempre   scatti   di   Andrea  Romani

 

Scivolano   lenti  sull’ acqua   candidi   cigni…

Uno,   curioso,   abbandona   gli   altri  e   se   ne   va   in   giro   solo   soletto.   L ‘ aria   è   mite,   e   piacevole   è   il   passeggiare,   non   solo   per   i   turisti.