Addio Luke

Tornare   qui   per   ricordarlo,   ora   che   non   c’è   più,   non   lo   avrei   mai   immaginato.  Perchè   la   vita   non   smette   mai   di   riservarci   delle   sorprese.   Questa   è   una   di   quelle   difficili   da   digerire.   Perché   Luke   Perry   aveva   dalla   sua   quel   magico   sorriso   di   una   persona   vera,   autentica   nonostante   appartenesse   ad  un   mondo   patinato,   che   dell’ apparenza,   dell’ esteriorità   si   nutre.   Luke   no,   non   era   così.   Schivo,   riservato,   bello ,  perché   bisogna   dirlo   era   bello   davvero,   e   giovane,   ancora   troppo   giovane   per   morire.    Ma   non   siamo   noi,   a   decidere   quando,   come   e   perché.    La   morte   arriva   senza   bussare,   stravolge   i   nostri   piani   e  a   noi   rimane   solo   l’  amarezza   della   perdita,   il   dolore   difficile   da   metabolizzare.   Questa   morte ,   che   arriva   per   me   aggiungendosi    alla   morte   di   un   nostro   carissimo   amico   mi   demoralizza   ancor   più   di   quanto   non   lo   sia   già,   consapevole   di   quanto   il   tempo   abbia   già   rubato   una   bella   fetta   della   mia   vita.

Erano   gli   anni   novanta,   eravamo   tutti   più   giovani   e   mia   figlia   non   perdeva   una   puntata   di   Beverly   Hills  .   Io   non   ero   una  patita   della   serie,   ma   non   mi   era   sfuggito   quel   ragazzo   bello,   tenebroso   che   mi   ricordava   tanto   James   Dean,   altra   icona   del   cinema   anche   lui   finito   giovane   e   tragicamente.   Quel   giovane ,  dal  giubbotto   più   elegante   di   Fonzie ,   amato   da   una   marea   di   ragazzine   che   riempivano   i   loro   diari  con   immagini   della   California   più   solare,   dove   Luke   a   bordo   di   belle   macchine   girava   proprio   come   un   novello   Dean.   Anche   Chiara   aveva   il   diario   con   le   sue   foto.   Io   ai   miei   tempi   avevo   il   mio   di   diario   con   i   ritagli   di   giornale   in   bianco   e   nero,   di   un’  altra   serie  :   ”  La   freccia   nera  ”   con   Aldo   Reggiani   e   Loretta   Goggi.   Scommetto   che   qualcuno   di   voi   se   li   ricorderà.   E   un   altro   mio   idolo   era   anche   Andrea   Giordana.   Abitando   dalle   mie   parti,   ricordo   che   con   le   mie   amiche   un   giorno   ci   recammo   nei   pressi   della   sua   villa   dove   viveva   con   Claudio   Gora   e   Marina   Berti,   suoi   genitori   e   il   fratelli   e   sorelle   Carlo ,   Marina,   Luca   e   Cristina.   Non   riuscimmo   per   nulla   ad   incontrarlo   per   l’  agognato   autografo.   In   compenso   anni   più   tardi,   complice   la   maestra   di   mia   figlia   che   amante  del   teatro,   conosceva   per   caso   Marina,   la   sorella   di   Andrea ,  che   alle   elementari   preparò   la   classe   di   mia   figlia   per   una   recita,   ebbi   il   piacere   finalmente   di   conoscerlo   e   stringergli   la   mano.   Ricordi   bellissimi   di   un   tempo   lontano   che   rimangono   impressi   nella   memoria.    Addio   caro   Luke,    mancherai   ai   tuoi   cari   a   tutti   i   tuoi   amici   e   a   tutti   coloro   che   hanno   amato   ”  Beverly   Hills”  simbolo   di   un’ era   ormai    finita   per   sempre.

 

Visualizza immagine di origine

pinterest.co.uk

 

Visualizza immagine di origine

chymfm.com

Annunci

Un pensiero per voi

Carissimi,   vorrei   scusarmi   con   voi   per    non   aver   ancora   pronto,   come   promesso,  l’articolo   sulla   sinfonia.   Purtroppo   questo   è   per   me   un   periodo   non   troppo   facile.   Ma   passerà,   ne   sono   sicura.   Già   ieri   qualche   nuvola   ha   lasciato   intravedere   il   sole.   Quindi   perdonatemi   anche   se ,  con   rammarico   debbo   dire,   non   passo   a   trovarvi.   Ma   vi   porto   sempre   nel   cuore.   Per   non   lasciarvi   del   tutto,   nell’ attesa,   vi   lascio   a   tenervi   compagnia,   alcune   mie   poesie.   Spero   che   gradirete   il   pensiero.   Vi   voglio   bene.   La   vostra   Isabella

 

LUCE

 

Non avessi visto il Sole
avrei sopportato l’oscurità
Ma la Luce un rinnovato Deserto
del mio Deserto ha fatto –

Emily Dickinson

 

 

Visualizza immagine di origine

istockphoto.com

Che   meraviglia   il   Sole.
Ho   camminato
così   tanto
nell’ oscurità
da   ritrovarmi
in   un   deserto
infinitamente
arido ,
dove   solo  
un   gigantesco
senso   di   smarrimento
mi   faceva   compagnia.
Poi   quella   luce,
quel   sole   accecante,
quel   deserto
fatto   di   dura   roccia
impossibile   a   spezzare,
tramutato   
in   prato   verde.
Che   meraviglia   il   sole,
quella  splendida   luce  :

Tu

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Leggendo   i   versi   di   Emily   Dickinson

 

 

LUNGHI   FILARI…ASPETTANO

 

Non provo invidia
per nessuno
quando mi fermo a guardare
il vento
sul pioppo.

Abbas Kiarostami

Visualizza immagine di origine

I  pioppi   di   Van   Gogh

Anzi.
Godo   del   piacere
d’ osservare   come
là,
sulla  strada  solitaria,
di   terra  e  sassi
s’inseguono
l’un    dietro  l’altro  ,
non   solo   uno,
ma   più   alberi.
Procedono
alteri,
i   pioppi,
  impettiti,
in   lunghe   file
come   sentinelle
attente,
quasi   tenendosi 
per    mano.
Guardano
chi   passa,
e   le   chiome,
muovendosi
secondo   il   ritmo
dato   loro   dal   vento,
recano   ombra   a   chi,
stanco,
si   acquieta,
cercando   riparo
a   tormenti   ed   affanni.
Il   dondolare   lieve
delle   fronde
culla   i   pensieri
del   viandante
e   li   accompagna
teneramente,
dolcemente,
come   una   ninna   nanna!

Isabella  Scotti   febbraio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Con    un   piccolo   ritocco   dal   mio   libro   ”Miscellanea –  Visioni  e  palpiti  del  cuore,  pensieri  nascosti  sotto  forma  di  parole”

 

LE   API

 

Visualizza immagine di origine

nimm3.de

Ballano  
le   api ,
ubriache  
d’inebrianti   profumi
scegliendo  
i   più   intensi,
vibrano   eccitate 

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

SAN VALENTINO

Oggi   è   la   festa   degli   innamorati   e   allora   ho   pensato   di   farvi   un   regalo   cari   amici.   Dopo   la   tristezza   di   questi   giorni,   vi   voglio   regalare   qualcosa   che   ha   ”   il   buon   sapore   ”   dell’  amore.   Un   caro   augurio   a   tutti   coloro   che   oggi   festeggiano   e   a   tutti   gli   altri   che   ancora   non   hanno   legami,   l’augurio   che   presto   incontrino   l’anima   gemella.   Il   prossimo   post   sarà   la   seconda   parte,   come   promesso,   del   discorso   dedicato   alla   sinfonia.   Baci   a   tutti.   La   vostra   Isabella

 

Visualizza immagine di origine

mnogolok.info

 

Mi nascondo nel mio fiore,
Cosicché appassendo nel tuo Vaso –
Tu – senza saperlo – senta per me –
Quasi – un che di nostalgia –

Emily Dickinson

 

 

Mi   va   di   giocare
con   te
a   nascondino.
Ho   già   in   mente
dove   mi   nasconderò.
Tu   dovrai   solo
cercarmi,
guidato
dal   mio   profumo,
essenza   d’ amore
che   t’inebrierà.
Butta   nel   frattempo
quel   fiore
appassito  
dentro   il   tuo   vaso,
e   stai   pronto,
perché   quando
mi   avrai   trovata
sbocceranno   d’incanto
mille   fiori   colorati,
profumatissimi
della   mia   essenza.
   Con   quelli
ornerai
il   tuo   cuore.

 

 

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Leggendo   Emily   Dickinson

 

 

L’aria è quella roba leggera che ti gira attorno alla testa

e diventa più chiara quando ridi.

Tonino Guerra

 

 

Visualizza immagine di origine

bazaart.it

Un   respiro
che   si   fa   lieve
e   si   vola…
Come
leggiadre   farfalle
si   diventa,
e   si   svolazza
di   qua   e   di   là,
mentre
l’ aria
è   talmente   leggera,
quasi   un   soffio
impercettibile.
Rido,
ed   eccomi…
sono    Bella,
   sorrido   a   Chagall,
il   mio   amato,   mentre   lui   sorride   a   me
e   volo   
senza   più   gravità,
persa   nell’ aria
che   mi   gira  
attorno
alla   testa.

 

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Con   un   po’   di   fantasia   mi   sono   lasciata   andare… perdonatemi

Sei vivo

Ho   ascoltato

la   tua   voce.

E   ho   guardato

i   tuoi   occhi.

Vi   ho   visto

tanta   tristezza,

tanto   dolore ,

ma   tanto

attaccamento

alla   vita.

Che   ti   ha   tradito,

Lorenzo.

Che   non      

ha   voluto   offrirti

quella  ” possibilità ”

in   cui   credevi.

Avevi   speranza ,

dicevi

”  non  è   mai   finita

finchè   non   è   finita,  non   voglio   morire”.

Lottare   sempre,

almeno   cadere   in   piedi.

Tu   ci   sei   riuscito   Lorenzo,

la   morte   ti   ha   ghermito

ma   tu   sei   caduto   in   piedi,

come   un   vero   combattente.

E’   questo   che   ricorderemo

di   te.

La   tua   forza,   il   tuo   coraggio

la   tua   voglia   di   vivere

ancora,   nonostante   tutto.

Ci   sei,   sei   qui,   sei   vivo.

 

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

A   Lorenzo   Farinelli

 

 

 

Foibe

Risultato immagine per foto foibe giorno della memoria

romagnanoi.it

 

Visualizza immagine di origine

galleriadelcembalo.it    foto   di   Sharon   Ritossa

 

 

Legati

ai   polsi

con   filo   spinato,

uno   accanto

all’  altro.

Trucidati   i   primi,

tutti    poi   a   seguire,

inghiottiti

dal   buio

delle   foibe.

 S’  alza    la   nebbia,

e   tutto   copre.

Lunghi   rami   ed

erba   incolta

crescono

a   ” chiudere  ”

le   voragini,

per   troppo   tempo

ignorate.

Ricordare   e   parlarne

è   far   rivivere

chi   non   c ‘ è   più ,

e   rifiutare

violenza   e   odio

inutile.

Mai   più   orrori ,

e   silenzio

a   coprire

le   urla,

di   chi   senza   colpa,

muore

trucidato. 

Quelle   urla

non   possono

essere   più   taciute,

  ignorate.

 

Isabella  Scotti   febbraio   2018

testo   ;   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Anche   se   a   letto   con   l’ influenza,   vi   lascio   un   saluto   con   questo   mio   scritto   di   un   anno   fa.   Per   non   dimenticare,   anche   se   la   febbre   mi   fa  ” vaneggiare.”   Tornerò   guarita   e   più   vispa   che   mai   appena   possibile.   Buon   week   end   cari   amici.   La   vostra   Isabella

 

 

 

 

 

Per augurarvi un buon pomeriggio domenicale con un sorriso

img-20181121-wa0001

Qualche   anno   fa ,   molti    in   verità ,   fanciulla   già   mamma   non   ancora   nonna.

Per   sorridere   al   tempo   che   inesorabile   passa,   e   a   tutti   voi   cari   amici.   Qui   sotto   invece   dal  blog   lanostracommediajalesh2,   il   click   interpretativo.

 

Bè?

Che   avete   da   guardare ?

Ho   perso  

un   orecchino,

e   allora?

A   voi   donne

non   è   mai   capitato?

Domani

lo   cercherò   tra   l’erba,

son   sicura   d’averlo   perso

mentre   brucavo.

Ora   però

rimango   cheta,   cheta

a   gustarmi  

il   meritato   riposo.

 

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie  Annamaria

 

 

 

E’   strana   sera  –

acceca   forte   luce

pini   guardano

 

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :  copyright    legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   Jane

 

 

 

 

Il   morbido   velluto

aderisce   bene

alla   bionda   chioma.

Un   abbozzo

di   sorriso

a   salutare

il   nuovo   giorno

ed   eccoti   pronta,

ad   affrontarlo

con   grinta.

 

Isabella   Scotti   febbraio   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   Jalesh

 

 

Di notte

Scrivi poesie
perché hai bisogno
di un posto
dove essere quello che non sei.

Alejandra Pizarnik

 

Visualizza immagine di origine

sognandoleggendo.net

 

Sola,
quando   la   notte
è   più   profonda,
quando   il   buio
è   padrone   dello   spazio,
quando   il   silenzio
rassicura
e   dà   quiete,
in   quel   preciso   momento,
ritrovo
l’  anima   mia,
tendo   l’orecchio
e   di   lei  ascolto
fremiti   e   sussulti.
Sono   sola,
finalmente
nel    posto   giusto,
all’ ora   giusta,
dove   essere   quella   che   non   sono.
Nella   pace   notturna
”  lei  ”
mi   parla,
ed   io   mentre   l’  ascolto
muta,
come   in   estasi   rapita,  
scrivo
su   bianchi   fogli
ciò   che   mi   detta.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Liberamente ispirata   ai   versi   di   Alejandra   Pizarnik