Tre poesie ed un grande abbraccio

L’   ECO   DEL   TUO   ADDIO

 

”  Tornai   a   disfare

l’ eco   del   tuo   addio  ”

come   una   Penelope

che   disfa

  la   tela,

non   volendo   più

ricordare

  quel   momento,

né   tantomeno

le   parole

allora   dette,

e   di   esse

dimenticare

persino   il   suono.

Ho   raccolto

a   fatica

quel   che   rimane

di   me.

E   pensa

che   adesso,

dopo   tanto   soffrire,

posso   anche

ascoltare

il   ”   valzer   dell’ addio ”

di   Chopin ,

senza   piangere

 

Isabella   Scotti    aprile   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Incipit   in   neretto   dalla   poesia   ”   La   più   bella   storia   d’ amore   ”   del   grande   Luis   Sepulveda   scomparso   appena   qualche   giorno   fa   per   colpa   del   maledetto   coronavirus.  Una   storia  d’   amore   con   la   sua   Carmen   iniziata   appena   ventenni   e  terminata   a   settant’  anni   senza   immaginare   come   purtroppo   sarebbe   finita.   Mi   è   dispiaciuto   tantissimo   sapere   della   sua   morte.   Un   onore   per   me   scrivere   qualcosa   partendo   da   dei   suoi   versi.

 

LA   MIA   PAZZIA

 

Volete

che   vi   parli

della   mia   pazzia ?

Quella   pazzia

strana,

irragionevole ,

euforica,

intensa,

a   tratti

stravagante  ?

non   è   forse

l’   amore

che   rende   pazzi  ?

E   che

 si   possa   diventar

poeti

per   amore ?

Ora   vi   dimostro

come

 la   pazzia   del   cuore

possa   giocare

a   favor   di   ciò…

due   versi   soltanto :

”   i   miei   pensieri

voglio   intrecciare

al   tuo   destino

finchè     diventi

il   mio ”.

Ditemi ,

trovate   che

la   mia   pazzia

possa   andar   bene

a   braccetto

con   la   poesia  ?

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°  633

 

Citazione   di   Pablo   Neruda :   ”La pazzia, una certa pazzia, va molte volte a braccetto con la poesia”

 

 

  ORA ,  SOLA

 

 

Visualizza immagine di origine

Dreamstime

 

”  E   ora   
nel   mio   letto
resto   sola  ”  ,

immobile

come   una   statua.

Rannicchiata ,

stringendo

al   petto

il   mio   dolore.

Ogni   notte ,

la   luna  ,

s’   intrufola

col   suo   chiarore

nella   nostra

stanza.

Illumina

il   tuo   posto

vuoto,

ed   io   lo   fisso

inebetita

per   ore.

Che   strano

non   vederti

coricato

accanto   a   me.

Ogni   notte ,

tremo

di   solitudine

e   mi   domando :

dov’è   finito

l’  amore

che   sognavo

eterno  ?

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   di   Saffo

 

Carissimi   amici   voglio   scusarmi   con   voi   per   la   mia   assenza   nei   commenti. Purtroppo   non   posso   più   utilizzare   il   pc   che   viene   in   casa   utilizzato   per   smart   warking.   Qualcuno   potrà   dirmi   usa   il   cellulare,   ma   io   non   sono   comoda,   ho   bisogno   di   uno   schermo   grande   per   i   miei   occhi   che   sono   in   questo   periodo   molto   affaticati   anche   per   tante   lacrime   versate.   Poi   quando   il   pc   la   sera   si   libera   reggo   poco,    e   sono   costretta   per   stanchezza   a   ritirarmi.  Capito   qui   quando   posso ,  e   scrivo   lo   stesso   ogni   tanto.   Speriamo   che   i   tempi   migliorino.   Mi   dispiace   non   poter   essere   con   voi   come   prima.   Anche   alle   mail   con   grande   dispiacere   non   riesco   a   rispondere.   Per   di   più   ho   passato   un   periodo   di   stress   notevole   per   vari   problemi   di   famiglia,   non   diretti   ma   a   noi   vicinissimi. Giusto   ieri   sera   l’  ultimo   evento   che   spero   abbia   concluso   l’ orrendo   periodo.   Vi   prego   quindi   di   perdonarmi   e   di   aspettarmi.    Un   grande   abbraccio   a   tutti   voi.

La   vostra   Isabella

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi…

Visualizza immagine di origine

Pinterest    –     Edward   Hopper   Automat  1927

 

 

Verrà   la  morte

e   avrà   i   tuoi   occhi.

Avanzerà   piano,

senza   annunci ,

non   sentirò

i  suoi   passi.

Quando   soffierà

su   di   me,

sentirò   freddo,

ma   non   avrò

paura

del   buio ,

perchè

saranno

i   tuoi   occhi

la   mia   luce.

Tu,

cara   solitudine,

sarai   l’  unica

a   tenermi   compagnia,

sarai   accanto   

a   me

come   in   vita.

Quando   sarà   

il   momento,

senza   poter  

rivedere

i   miei    cari,

mi   addormenterò

senza   tremori,

sicura

della   tua   presenza,

ti   stringerò  

la   mano ,

e   chiuderò

gli   occhi ,

passando   oltre ,

andando   dove ,

non   so.

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Incipit   in   neretto   della   poesia  di   Cesare   Pavese    tratta  dalla   raccolta   omonima   ”   Verrà   la   morte   e   avrà   i   tuoi   occhi  ”  dedicata   a   tutti   coloro   che   sono   morti,   lontani   dai   propri   cari,    a   causa  del   coronavirus.

Scusate   amici   ma   in   questi   giorni   sto   un   po’   giù.   Spero   torni   il   sereno,   ma   è   tutto   così   difficile…

Un pensiero ed un augurio

Carissimi   amici   oggi,   giorno   della   Santa   Pasqua   di   Resurrezione   di   Nostro   Signore   Gesu’   Cristo,   voglio   augurare   a   tutti   voi   di   passare,   seppur   da  prigionieri ,  una   serena   giornata   con   i   vostri   cari,   quelli   con   i   quali   la   potete   condividere.   A   tutti   gli   altri   che   vi   sono   lontani   dico,   non   siate   tristi.   Pensate   che   la   vita   è   sempre   fatta   di   sacrifici,   grandi   o   piccoli,   non   importa.   Tutto   sta   nel   viverli   con   naturalezza   senza   farne   un   problema   ,che   influirebbe   notevolmente   a   livello   psicologico.   Portate   pazienza,   prima   o   poi   ce   la   faremo,   e   non   uscite   da   casa.   Tanto   c’è   molto   vento,   ancora   c’è   instabilità   nell’   aria.

Ora   vi   lascio   due   cosette.   Vi   auguro   ogni   bene.   Vi   abbraccio

La   vostra   amica   Isabella

 

Visualizza immagine di origine

gophiel.eu

 

Pasqua   di   Resurrezione   e   altre   Pasque

 

”   Sarà   il   cuore,   nell’   uomo,   non   gli   occhi,

a   vedere   i   segni   dei   tempi   nel   cielo,

inconfondibili,   ai   confini   del   giorno,

alla   partenza   e   all’   arrivo   dell’  angelo”  …

 

Antonio   Seccareccia   (   poeta,  nato  a   Galluccio   22 / 12 / 1920  –    morto   a   Frascati   il  20 / 05 / 1997  )

 

Le poesie di Antonio Seccareccia sono accessibili a tutti noi e per questo godono di universalità, al di là di ogni presunzione interpretativa.

I suoi sentimenti brillano di luce propria, avvolgendo il lettore nella nube di un messaggio discreto e intenso.

I temi raccolti nel testo poetico “Viaggio nel Sud”, partono dal binario dell’infanzia, per passare attraverso le stagioni della sua terra che egli stesso lavorava con passione estrema: “Così terra per terra diventai contadino/ e zappai per chi mi pagava di più/ Almeno il giorno mangiavo libero il pane e l’aringa…” E dopo dormivo/ steso per terra senza pensieri…”.

Ma il suo sguardo non si ferma a poche considerazioni, spazia addentrandosi nelle numerose immagini che godono della profondità d’animo d’un uomo che abbraccia la vita, in quella vita dove si infrangono e si riverberano pensieri esaustivi sulla caducità esistenziale.

La natura emerge dalle sue poesie prepotentemente e si pone in primo piano, dedita a raccontare la simbiotica e le sfumature cromatiche che lo legano e catturano l’animo del poeta, sfiorando e vivendo il contatto con la terra madre.

Le immagini offerte da Antonio Seccareccia sono trasparenti solo in apparenza; il suo senso della “bellezza” si equivale a quello della “realtà”, senza peraltro, trascurare i piccoli particolari di un disegno del tutto personale.

Questo percorso intrapreso si svolge come una matassa di filo di seta rivelando l’amore verso i genitori, amore vitale, radici uniche dalle quali mai si separa, e nel passaggio tra l’affetto adolescente e quello maturo, il poeta oltrepassa la soglia come nel più semplice e umano districarsi nel quadro al quale sa dare le giuste pennellate che profumano di razionali intenti.

“Ogni giorno che passa” poesia appartenente a questa silloge, sintetizza in soli tredici versi lo scorrere del tempo che, come Antonio Seccareccia afferma, “lascia un segno nel mio cuore. Ogni fiore che muore,/ ogni foglia che cade/ lasciano un rimpianto nel mio cuore…”

La spiccata sensibilità attraverso la quale il poeta si esprime, rappresenta la capacità nell’ avvertire e il saper far emergere i valori umani con estrema chiarezza avulsa da ogni senso del pudore.

È proprio questo velato senso del pudore, ponte tra “ ermetismo e neorealismo”, come afferma nella postfazione lo scrittore e poeta Andrea Di Consoli, affascina e consola come un padre in simbiosi con un figlio.

Il senso di profonda religiosità, si svela fra i versi di “Lettera a Lea”. Qui il poeta ha la chiave di accesso per rendere viva l’immagine di una “stanza nuda/ senza neanche il Crocefisso…” e nella poesia che dà il titolo all’opera, canta: “Dio quando spunterà il giorno…” così come in Vorrei passare “come Gesù sul lago di Cafarnao”, per terminare con Sinfonia bianca in cui “Sull’oceano bianco io sono solo con Dio.”

L’aspetto religioso invia un messaggio sul quale poter riflettere e rivolto a chiunque sappia coglierne il giusto e denso significato.

Il mosaico giunge alle sue ultime pennellate, la porta poetica si apre e si chiude in silenzio, passando nel suono pragmatico carico di orpelli come i rimpianti, la gioia, la “saudade” (malinconia), le partenze, i ritorni e i rimandi.

I versi di Antonio Seccareccia leggono la nostra stessa interiorità, dove il poeta penetra con delicatezza, quasi con passi lievi, ma che riflettono forza, affidandosi a “quell’io poetico” che sa cantare e muoversi con coraggio fra versi pieni di luce, anche quando fuori e dentro palpita l’oscurità.

Al di là di ogni conoscenza e di ogni profonda cultura vive nelle poesie dell’autore tenerezza e semplicità della scrittura, che è potenza anche se non attinge ai secoli passati, frugando fra le opere dei grandi, perché si tratta di poesia intima, solenne e umile nell’anima che canta per l’anima semplice e vera.

Grazie Antonio, le tue poesie hanno raggiunto l’eternità, come dichiarazione d’amore a chiunque abbia voluto e saputo leggerle.

 

da   http://www.patrialetteratura.com/antonio-seccareccia-poeta-porta-accanto

 

E   ora   un   regalo   che   ho   ricevuto   stamani   da   una   mia   amica.   E’   un   po’   lunghetto   ma   giuro,   vale   la   pena   sentirlo   tutto.    Non   potevo   non   condividere    tanta   bellezza.    Baci

 

A   presto   e   Buona   Pasqua   a   tutti

Oh, Padre…

 

Visualizza immagine di origine

ABC       Via   crucis   de   Sevilla   2019-   El   Cristo   de   la   Conversion

 

E’   giunta

ormai    l’ora.

Farò

la   mia   parte.

Ma   sapeste

Padre,

quanta   angoscia

ho  

nel   mio   cuore.

Ho   paura

Padre,

perché   non   so

quanto   dolore

dovrò   affrontare.

Una   cosa   sola

mi   sostiene.

Sapere   

che   tornerò

a   Voi ,

che   siete

Amore

incommensurabile.

Quando   tutto

sarà   finito,

la   paura

avrà   lasciato

il   posto

alla   pace

del   cuore.

Tornerò

a   Voi ,

sapendo

di   aver  onorato

la   vostra   volontà.

Si   sta  

per   chiudere

un   cerchio.

A   breve

si   aprirà

la   strada

per   l’ infinito.

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Entrata in Gerusalemme

 

Visualizza immagine di origine

Giotto   di   Bondone      Entrata  in    Gerusalemme

 

 

Giunta

è   la  domenica

delle   palme.

Entra  in   città

acclamato

come  un  vincitore.

Ma   l’ uomo,

come   sa   cambiare

idea.

Prima   osanna,

poi   nella   polvere

getta.

Povero   Gesù.

Portano

in   mano

rami   d’ulivo,

simbolo   di   pace.

Ora ,

suonano

le   campane

a   festa.

Ma

presto

la   terra

si   colorerà

del   suo   sangue..

E   tuonerà   il   cielo

e   sparirà

il   sole.

Ma   dopo

il   buio

verrà

la   Luce.

Risplenderà

il   suo   Volto.

Risorgerà.

 

Auguro   a   tutti   voi   cari   amici   una   buona   domenica   delle   Palme.   A   tutti   voi   il   mio   ramo   d’ ulivo,   benedetto,   simbolo   di   pace.   Virtuale   come   gli   abbracci   ma   offerto   con   amicizia,   sperando   in   tempi   migliori.   In   questi   giorni   non   sto   molto   bene   sia   per   la  perdita   per   infarto   di   un   caro   cugino,   quello   che   avete   conosciuto   nel   mio   post   dedicato   a   Treviso   l’  anno   scorso,   che   per   qualche   problemino   di   assestamento   di   Chiara  ,   che   mi   duole   non   poter   fisicamente   aiutare   .   Appena   starò   più   su   con   il   morale,   vi   ringrazierò   uno   ad   uno,   per   tutti   gli   auguri   ricevuti   per   Marco.   Per   ora   sto   con   voi   anche   se   non   mi   sentite   con   i   commenti.

Vi   penso   sempre

la   vostra   Isabella

 

Salve…sono Marco il vichingo

Eccomi   finalmente.

Sono   arrivato.

Ma

fatemi   sgranare

un   pò

gli   occhi,

e   lasciate

ch’io   inarchi

un   sopracciglio…

possibile

non   ci   sia   nessuno

ad   accogliermi?

Speravo

che   i   nonni  ,

che   la   mia   sorellina,

che   gli   zii

fossero   qui,

che   mi

facessero   festa.

Solo   la   mamma

a   farmi

tante   coccole…

Che   strano

non   sentire

voci   gioiose

attorno   a   me.

Le   uniche

che   ho   sentito,

son   state   quelle

delle   infermiere ,

che   mi   hanno

aiutato

a   venire

al   mondo.

Parlavano

di   una   cosa

strana,

incomprensibile   :

di   un   certo

”  coronavirus  ”.

Non   gli   ho   dato

peso,

ma   vuoi   vedere

che   è   colpa   sua

se   qui

non   c’è   nessuno

che   sorrida

nel   guardarmi  ?

Ok,

non   importa,

io   sono

un   guerriero,

un   vichingo.

Non   vedete

i   miei   capelli   ?

Sono   rossi,

lunghi ,

sono   indice

della   mia   forza.

Mi   riprenderò

la   scena,

e   quando   tutto

ricomincerà

io   ci   sarò.

Guardatemi

non   ho   forse

grinta  ?

 

Isabella   Scotti   30   marzo   2020

testo   :   legge   copyright   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Il   nostro   torello   Marco   :   3   kg   830   lungo   51   cm

Lo   possiamo   solo   vedere   così,   in   foto.   Ma   lui   ci   aspetta,   lo   avete   sentito   no   ?

Finirà   tutto   e   lo   terremo   stretto   tra   le   braccia.

Parola   dei   nonni   Isabella   e   Luciano

 

 

Due poesie: una di un pò di tempo fa, dal titolo che mi pare quanto mai appropriato oggi e una di qualche giorno fa…

Nulla   in   eterno   dura

Donna con il parasole rivolta verso sinistra di Claude Monet

 

it.wikipedia.org    Donna   col   parasole   –   Monet

 

Mi   venne  incontro

un   dì  

di    maggio.

Fu   subito

per   me,

palpito   d’  amor ,

e   più   da   lui

  io   non  distolsi

il    guardo.

Mi    piacquero

i   suoi  occhi  

ed   il   sorriso,

in   lui   vedea  

beltà   e   amor.

Ma   nulla   ahimè

in   eterno  dura.

E   qui  

son’ora

sola,

a   pianger

e   rimembrar,

così   come   ancor

aspettar  

da   lui ,

  sorrisi  

e  guardo.

Ed   a  sperar

che  avanzi,

incontro  a  me ,

in  un  nuovo  

dì   di   maggio.

 

Isabella   Scotti   2014

testo   :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

 

Nei   mesi   oscuri…  

 

Visualizza immagine di origine

Nei   mesi   oscuri

la   mia   vita

  scintillava

solo   quando

mi   aggrappavo

  ad   un   pensiero  :

poter   venire

a   trovarti

ancora

e   dire

 ”  ciao   mamma

dove  andiamo   oggi

a   far   danno  ? ”

Tutti   i   giorni

sentivo   parlar

di   morte,

e   non   c’era

 luce

in   fondo

al   tunnel.

Erano

  mesi   oscuri,

di   paura,

d ‘ insicurezza.

Eravamo   lontane

ma   vicine

col   cuore.

Poi   un   giorno

vidi

  dalla   finestra,

posarsi

sul   ramo

di   quell’ albero,

uno   strano

passerotto,

tutto   colorato.

Assomigliava

quasi

ad   un   arcobaleno.

Quella   visione

mi   aiutò

a   riconoscere

alla   fine

  del   tunnel

un   po’  

di   luce.

Sì  ,

dopo

   tanta   attesa

ci   saremmo  

riviste

e   abbracciate.

Finiti

i   mesi   oscuri

della   preoccupazione,

stavano

per   tornare

ne   ero   sicura,

quelli

della   serenità

e   della   gioia.

 

Isabella   Scotti   marzo  2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile  1941   n°   633

Citazione   in   neretto   dalla   poesia   ”  Sfere   di   fuoco  ”   di   Tomas   Transtromer

 

Carissimi   mi   piacerebbe   potervi   tutti   abbracciare   e   di   voi   aver   notizie.    Come   state?   Sappiate   che   vi   penso

tutti   spesso.   Questa   prigione   forzata   ci   aiutera’   a   sconfiggere   la   ”  bestia”,   siatene   certi.   Torneremo

gradualmente,   anche   se   non   a   breve,   a   sorridere.   Lo   dobbiamo   per   i   nostri   figli   e   per   i   nostri   nipoti.

Lasceremo   loro   un   mondo   migliore,   ne   sono   certa.   Il   pc   è   ormai   sequestrato   per   lavoro.   Saltuariamente,

se   potrò   la   sera,   qualche   volta,   verrò   a   trovarvi.   Sappiate   che   vi   ho   nel   cuore   tutti.

Un   caro   abbraccio   e   bacioni

La   vostra   Isabella

 

Primavera era giunta

cinque   parole   da   cui   partire

fanciulla,  effluvio,   ruscello,   ginestra,    passeggiata

Visualizza immagine di origine

foxlife.it

Un   vento   antipatico   sferzava   con   violenza   la   povera    ginestra,   mentre   la      fanciulla   cercava   di   tenere   fortemente   stretto   a   sè ,  quel   mazzo   di   fiori   campestri   appena   colti.   La   passeggiata   ch’era  solita   fare   ogni   mattina,   l’  aveva   portata   là,   dove   quei   due   arbusti   selvatici ,  pieni   di   fiori   gialli ,   avevano   attirato   la   sua   attenzione.   Man   mano   che   si   avvicinava,   sentiva  sempre   più   nell’aria   un   effluvio   intenso.

Quasi   stordita   da   tanto   profumo,   decise   di   portare   a   casa   un   po’   di   primavera ,  cogliendo   qualche   bel   ramo   fiorito.   Il   vento   però,   aveva   rotto   il   piacere   del   suo   solito   peregrinare.   E   così   si   vide   costretta   a   tornare.  Ma   quel   luogo   incantato,   dove   spesso   si   rifugiava,   l’  avrebbe   presto   rivista .

Poco   lontano   scorreva,    levigando   sassi    di   varie   forme,      anche   un   ruscello   d’acqua   limpida ,  dove   la   fanciulla  amava   bagnare   le   caviglie,   rimanendo   a   lungo   pensierosa.  Stare   lì ,  era   per   lei   sempre   una   gioia   immensa.  La   mattina,   quando   arrivava,  gli   alberi   lasciavano   filtrare   tra   i   rami   la   luce   del   sole ,   creando   magici   arabeschi.   Erano   quelli   i   momenti   più   belli   delle   sue   giornate   solitarie,   quando   nel   silenzio   del   bosco   ritrovava   se   stessa.   Poteva   forse   non   tornare?

Il   vento,   lo   sapeva ,  avrebbe   presto    lasciato   spazio   al   tepore   del   sole ,  che   brillava   alto   nel   cielo   già   da   qualche   giorno.    Si   sentiva   felice   come   non   mai.

Primavera   era   ormai   giunta.

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°  633

 

Carissimi,   primavera   è   ormai   giunta.   E’   la   stagione   del   risveglio,    del   cambiamento.   Tutto   torna   a   fiorire.   Magari    sarà   così   anche   per   noi,   chissà.      Che   si   possa   presto   tornare   a   sorridere  .  Anche   se   i   numeri   raccontano   altro.   Anche   se   i   prossimi   giorni   parlano   di   neve   e   tanto   freddo…

Nonostante   tutto   speriamo,    dobbiamo   sperare.   Vi   lascio   per   ora   il   mio   di   sorriso.

La   vostra   Isabella

 

 

Non   sarà   forse   il   massimo   questa   esecuzione,   lo   so,   ma   mi   piaceva   il   video.   Mi   ha   fatto   sognare,   e   oggi   più   che   mai   ne   sento   il   bisogno

Consapevolezza

Come   va   cari   amici  ?   Questi    son   giorni,   oramai   è   chiaro,   davvero   difficili   per   tutti.   E’   proprio   però ,  in   virtù   di   questa   difficoltà,   che   chi   più ,  chi   meno,   sta   vivendo,   che   vorrei   dire   due   cose.   La   prima,   vorrei   gridarla   :

STATE   A   CASA  !!!

A   TUTTI   COLORO   CHE   NON   POSSONO   FARE   A   MENO   DELLA   CORSETTA  DICO  :   ABBIATE   UN   PO’  DI   BUON   SENSO   E   RISPETTO   DELLE   REGOLE ,  E   DI   TUTTI   COLORO   CHE   GIORNO   E   NOTTE   SI   IMPEGNANO   FINO   AL   CROLLO   FISICO   PER   AIUTARE   CHI   HA   BISOGNO,   CON   TOTALE   ABNEGAZIONE.

A   CHI   CORRE   ANCHE   PER   FARE   SPESA,   QUANDO   TANTI   NEGOZI   CONSEGNANO   A   DOMICILIO,  A   CHI   PRENDE   TRENI   E   METROPOLITANE   PER   SPOSTARSI   CREANDO   INEVITABILMENTE    ASSEMBRAMENTI

DICO   :   STATE   A   CASA !!!   NE   VA   DELLA   SALUTE   NON   SOLO   VOSTRA   MA   DI   TUTTI.

 

La   seconda,   la   grido    con   tutta   la   rabbia   che  mi   porto   dentro ,  dopo   aver   letto   di   quel   ragazzo   di   25   anni    che  a   Caserta   al   mercato,   togliendosi   la    mascherina   ha  SPUTATO   sulla   frutta,    pensando  bene   di   girare   un   video   mentre   faceva   lo   stupido   dandogli   anche   un   bel   titolo   ”   INFETTIAMO  ”.   Meno   male   che   i   carabinieri   lo   hanno   subito   preso   e   denunciato.     Be’   di   fronte   a   tanta   assurda   superficialità   rimango   esterrefatta.    E’   chiaro   che   non   si   possono   tollerare   atti   simili.   Tutti   debbono   essere   responsabili,   è   finita   l’era   dei   gradassi,   degli   sciocchi   che   credono   ancora   di   poter   giocare   con   questo   coronavirus   maledetto.

Ma   non   avete   visto   a   Bergamo   la   colonna   dei   mezzi   dell’ esercito   trasportare   tutte   le   bare   dei   poveri   morti   che   nemmeno   avranno   un   funerale  ?   Qui   credetemi,   non   c’ è   l’ urgenza   di   cantare   tutti   insieme,   ma   di   PREGARE ,   anche  uniti,   tutti,   sì.

Stasera   alle   ventuno   su   TV2000   verrà   detto   il   rosario.   Preghiamo   per   una   volta   tutti   insieme,   anche   chi   non   crede.   Rimaniamo   per   un   po’   raccolti   a   pensare,   per  riprendere   coscienza   della   drammaticità   del   momento,   riflettiamo   su   tutto   questo   che   ci   è   capitato   e   cerchiamo   d’essere   più   consapevoli   della   nostra   fragilità.

Mi   piace   leggere   che   tutto   andrà   bene.   E’   un   pensiero   positivo,   ma   non   esageriamo   con   questo   ritrovarsi   ogni   sera   sui   balconi   a   cantare.   Che   non   diventi   tutto   un   gioco.   Qui   ci   sono   morti   che   non   canteranno   più.

 

Vi   lascio   dopo   questo   sfogo   una   poesia,    perché   nonostante   tutto   ogni   tanto,   anche   se   con   tristezza   ancora   voglio   scrivere.   Vi   abbraccio   virtualmente   tutti   con   tanto   affetto   mentre   auguro   a   tutti   i   papà   che   festeggiano   la   loro   festa   in   maniera   diversa   rispetto   a   tutti   gli   anni   precedenti,   di   viverla   lo   stesso   con   un   sorriso,   magari   addentando   un   pezzo   di   torta   preparato   dalla   propria   moglie   o   figlia   improvvisatasi   cuoca.   Per   tutti   i   papà   impegnati   in   ospedale   il   mio   abbraccio   riconoscente

La   vostra   Isabella

 

Cinque   parole   da   cui   partire

anelare,   foriero,   stuolo,   effimero,  vituperio 

 

CONSAPEVOLEZZA

 

So

qual’  è   il   motivo

di   questo   vituperio

che   uscir

dalle   tue   labbra

io   ascolto.

So

che   ho   errato.

Anelare

all’   effimero

quando   esso

e’   foriero

solo

di   uno   stuolo

di   vane   illusioni,

e’   certamente

uno   sbaglio  .

Molto   meglio

anelare

alla   perpetuità,

a   lasciare

qualcosa   di   noi

che   duri

nel   tempo.

Questo   avrebbe

più   senso.

Magari

il   ricordo

di   una   vita

vissuta   all’   insegna

della   consapevolezza  ,

dell’   onestà  ,

piena   d’  amore .

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Sempre di più…

Amo

sentire

il   tuo   respiro

quando   dormi

accanto   a   me.

Amo

contare

il   tempo

che   ci   separa

da   quando

esci   di   casa,

e   vi   fai

ritorno

la   sera.

Amo

di   te

la   sbadataggine,

ma   ancor   più

la   tua   sicurezza,

il   tuo   essere

deciso

nell’  affrontare

ogni   situazione.

Al   contrario   di   me.

E   amo   come   non   mai

le   tue   labbra,

quando    mi   chiamano

”   Amore   ”.

Sei   stato   bravo,

cercando 

nel   mio   cuore

   hai   trovato  

il   sentiero   giusto

per   giungere

a   me.

Ogni   rovo

hai   tagliato,

aprendoti

un   varco.

Ed   ora

che   di   me

hai   scoperto

l’ inconoscibile,

lascia

ch’io   assapori

per   intero

la   nostra   intimità,

concedimi

i   tuoi   attimi

più   naturali,

ch’io   possa

decifrare   di   te

ogni   sfumatura,

come   se  

di   un   tramonto

cogliessi

il   cambio

del   colore,

dal   rosso

più   intenso

al   rosso

tendente

all’ arancio.

Lascia   che   anch’io

penetri

il   tuo   animo,

scandagliando

le   sue   profondità.

Amami,

ora,

domani,

sempre.

Senza   lasciarmi

mai.

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941 n°   633

 

Spero   miei   cari   che   possiate   vedere   il   video   di   Minghi   ”  Io   non   ti   lascerò   mai”.   Ascoltandolo   ho   avuto   l’  ispirazione   per   questa   poesia.   Un   po’   d’ amore   ci   vuole   di   questi   tempi.   Un   grande   abbraccio   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

https://m.youtube.com/channel/UCp88DhyFOk1PvNrxAsyGv5w