Un pò di passato pensando anche al futuro…

A   Cannes    nel   1987

A   Venezia   1986

 

”   Dolce,   irascibile,  capire,   indole,   tristezza  ”

cinque   parole   da   cui   partire

 

Guardatemi  :
capire
la   mia   indole
vi   pare   impossibile  ?
Ditemi  :
secondo   voi
sarei   forse  irascibile  ?
O   è   forse
la   tristezza
ad   albergare   in   me  ?
Non   appaio   forse
al   contrario
come   una   persona
dolce   e   gioiosa,
allegra ,
  dal   carattere
vivace ?
Vi   assicuro,
senza   presunzione,
lo   sono   ora   come   lo   ero   allora.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Val   di   Genova   –   Dolomiti   del   Brenta.    Con   la   mia   amica   Teresa  1992  

 

Eccolo   il   futuro…

 

Ogni   volta

che   guardo

questa   foto

mi   vien   da   dire   che

hai   dentro   gli   occhi  l’alba

di   un   nuovo   inizio.

La   tua   gioia,

il   tuo   sorriso

lo   testimoniano.

Inizio’

quel   giorno

il   tuo   cambiamento.

Da   semplice   innamorata

diventavi   sposa.

Oggi   sei   madre

felice

di   Arianna

e   tra   quattro   mesi

lo   sarai   di   nuovo.

Quel   giorno

i   tuoi   occhi

brilleranno   ancora

della   stessa   gioia.

 

 

Isabella   Scotti   dicembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dedicata   a   mia   figlia   Chiara

 

E   ora   qualche   pensiero   dedicato   a   chi   adora   i   propri   nipotini…i   nonni   e   gli   zii

 

”   I nonni sono coloro che vengono da lontano e vanno per primi, ad indagare oltre la vita; sono i vecchi da rispettare per essere rispettati da vecchi; sono il passato che vive nel presente e i bambini sono il presente che vedrà il futuro.   ”

Maria   Rita   Parsi

 

”   I nostri nipoti ci accettano come siamo, senza rimproverarci o costringerci a cambiare, come nessun altro ha mai fatto in tutta la nostra vita, non i nostri genitori, i nostri fratelli, coniugi, amici − e quasi mai i nostri figli adulti.   ”

Ruth   Goode

 

”   Nessun cowboy è stato mai più veloce di un nonno che tira fuori la fotografia del nipotino dal portafoglio.  ”

Anonimo

 

E   gli   zii  ?   Ecco   anche   per   loro   un   pensiero.   Questo   lo   dedico   io   a   loro

 

Sapete   lo   zio   chi   è   ?   Non   è   il   solito   zio   Paperone.   Niente   affatto.   E’   colui   che   diventa   per   il   nipote   confidente,   amico,   supereroe.   E’   colui  che   si   diverte   a   giocare,   a   raccontare,   a   spiegare.   Anche   i   nonni   lo   fanno,   ma   è   la   gioventù   che   gioca   un   ruolo   primario   in   tutto   questo.   Correre   per   i   nonni   è   un   po’   difficile,   vista   l’ età   a   volte   troppo   avanzata,    gli   zii   possono   farlo   con   più   disinvoltura.   E   correre   dietro   ad   una   palla  e   ai   propri   nipoti   è   solo   puro   divertimento.

 

”   Solo uno zio può regalare abbracci come un padre,   mantenere segreti come un fratello,   parlare d’amore come un amico.  ”

 

Anonimo

 

Un   abbraccio   a   tutti   voi   cari   amici   e   buona   domenica

La   vostra   Isabella

 

Haiku

Risultato immagine per foto acero rosso

giardinaggio .net

 

Son   foglie   rosse

seguo   momiji

acero   pianta

 

Isabella   Scotti   dicembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Nella tradizione latina l’acero è una pianta negativa in quanto legata al dio Fobos (dio della paura), questo perché le foglie diventano rosse durante l’autunno e quindi stanno a rappresentare il colore del sangue, della guerra, del terrore e delle ferite.

gheisha autumn

Quando si parla dei meravigliosi alberi del Giappone, spesso si è portati a pensare solo ai ciliegi in fiore, ma questo Paese può essere altrettanto orgoglioso anche dei suoi colori autunnali.  L’Autunno, infatti,  è una delle stagioni più suggestive del Giappone.  E’ proprio in questo periodo dell’anno che le foglie dell’acero giapponese (Momiji) raggiungono l’apice della loro bellezza, con una varietà di colori e sfumature che vanno dal verde al giallo, dall’arancio fino al rosso intenso . E i giapponesi, noti cultori del bello e amanti della Natura, non si lasciano sfuggire l’occasione di godere  degli splendidi scenari che questa stagione regala, così come in Primavera sono soliti recarsi nei parchi ad ammirare gli alberi di ciliegio in fiore.

img_trivia_04

Si tratta di un’ antica usanza che risale al periodo Heian (794-1185), quando in Autunno  i membri dell’aristocrazia solevano dedicarsi all’ammirazione delle foglie degli aceri, usanza che si è poi estesa anche al resto della popolazione durante il periodo Edo (1603-1868). Questo appuntamento ha assunto un’ importanza tale per i giapponesi, che, così come per le previsioni  meteo,  vengono trasmesse  in tv anche le previsioni sull’evoluzione del  colore delle foglie d’acero,  in base a cui si organizzano gite e scampagnate, in famiglia o con gli amici. Tale evoluzione del colore,  detta Kōyō , dura circa cinquanta giorni, e vede il suo inizio a Settembre  nell’ isola più a Nord del Giappone, l’ Hokkaidō, per poi estendersi  tra Ottobre e Novembre, fino a Sud, nell’isola del Kyūshū.

 

Se per la Primavera si usa il termine Hanami ( da Hana “fiore” e Mi(ru) “guardare”) per indicare l’usanza di ammirare i fiori di ciliegio, il corrispettivo  per l’Autunno è  Momijigari, letteralmente “andare a caccia di aceri” (da Momiji “acero” e -Kari “caccia”). A sua volta il termine Momiji deriva dall’antico termine Momizu, che significa “tingere di rosso“.  Pare che l’intensità dei colori delle foglie dipenda da fattori climatici, quali  sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte, umidità stagionale, insolazione massima giornaliera. Ma non solo: anche stress causato dalla siccità, o traumi alle radici, o carenza di concime possono portare ad una modifica del colore rispetto a quello dell’anno precedente.

Articolo  ” L ‘ autunno   in   Giappone  ”  di   Maria   Antonietta   D’  Errico   dal   sito   http://www.dondake.it

 

Visualizza immagine di origine

Ombra   languida

foglie   su   lungo   fiume

cielo   con   nubi

 

Isabella   Scotti   dicembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Mostra presepi con tanti auguri per voi

Carissimi   amici   per   concludere   queste   feste   che   l’ Epifania  ”  tutte   porta   via, ”,  ho   deciso   di   regalarvi   una   visione   d’ insieme   di   presepi   bellissimi,   visitati   a   Monteporzio   Catone  ,   qui   vicino   a   Frascati.   Una   mostra   che   un   gruppo   di   ”  Amici   del   presepe  ”   organizza   ogni   anno,   tutti   costruiti   con   materiali   tipo   gesso, polistirolo,    coloranti    naturali.   Vi   assicuro,   uno   spettacolo.    Guardate   qui   e   poi   ditemi…

 

Ecco   un   piccolo   borgo

 

 

Questa   donna   con   la   mano   destra   faceva   uscire   l’  acqua   dalla   fontanella   per   riempire   il   secchio

 

 

Questo  fabbro   si   girava   con   il  ferro   incandescente   in   mano   e   batteva   il   martello   sull’  incudine.   

 

Guardate   la   precisione   nei   dettagli

 

 

Buona   Epifania   a   tutti   cari   amici   anche   con   un   mio   acrostico

 

Visualizza immagine di origine

wallpaperstock.net

 

R    aggiungeranno   a   breve   il   Messia
E   ccoli,   si   vedono   in   lontananza

M   anca   poco
A   lla
G   rotta,   Lui   è   là
I   l    Salvatore ,    che    a   loro   e   agli   uomini   oggi,   6   gennaio,   si   manifesterà

 

 

Isabella   Scotti   gennaio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

A Calcata , qualche anno fa, anche se ormai il natale è alle nostre spalle…

foto   personale

foto   personale

foto   personale

due   pupazzi   dei   giorni   nostri  messi   lì   chissà   da   chi…

 

E   non   poteva   non   esserci   una   poesia.   Per   voi   tutti,   augurandovi   ogni   bene   e   buon   anno  2020

 

Lettera   1951

 

Natale   altro   non   è   che   quest’immenso
silenzio   che   dilaga   per   le   strade,
dove   platani   ciechi
ridono   con   la   neve,

altro   non   è   che   fondere   a   distanza
le   nostre   solitudini,
sopra   i   molli   sargassi
stendere   nella   notte   un   ponte   d’oro.

Sono   qui,   col   tuo   dono   che   m’illumina
di   dieci   stelle  –  lune,
trasognata   guidandomi   per   mano
dove   vibra   un   riverbero
di   fuochi   e   di   lanterne   (  verde   e   viola  ),
di   girandole   e   insegne   di   caffè.

Van   Gogh,   Parigi   azzurra…
Un   pino   a   destra
per   appendervi   quattro   nostalgie
e   la   mia   fede   in   te,   bianca   cometa
in   cima.

 

Maria   Luisa   Spaziani

Eccomi qua

foto   personale

Con   la   lanterna
in   mano
son   venuto
da   lontano.
Qui   mi
son   fermato
e   il   vestito
ho   cambiato.
In   fondo
”  anche   per   me
è   Natale  ”
ho   pensato.
E   così   dal   rosso
son   passato   
all’  oro.
Finalmente
dopo   tanto   lavoro
gusterò
un   bel   pandoro

 

Isabella   Scotti  dicembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°    633

 

Carissimi,   come   si   dice   giunti   al   31   dicembre ?   Buona   fine   e   buon   principio.   Ecco   a   voi   tutti,   indistintamente,   vanno   questi   auguri.    Brindate   al   nuovo   anno   sperando   si   possa   finalmente,   davvero,   dopo   tutte   le   volte   che   gli   anni   passati   ce   lo   siamo   augurati   senza   poi   vedere  nulla   di   diverso,   che   si   possa   cambiare   in   meglio.   Io   la   speranza   non   la   perdo   mai.   Ve   li   faccio   ora   perché   non   so   se   domani   troverei   il   tempo   per   stare   al   pc.   Presumo   meno   che   mai   il   primo   gennaio.

Vi   abbraccio   tutti   con   tanto   affetto.    La   vostra   Isabella

 

PS   Il   Babbo   Natale   qui   sopra   l’  ho   incontrato   sabato   a   Sulmona.   Cominciava   a   nevicare.

Questa   la   visione   delle   montagne   attorno ,  quando   il   velo   di   nebbia   che   le   ricopriva,   si   è   leggermente

dileguato.   Un   freddo..

E   questa  la   prima   neve   che   su   questa  volkswagen   verde   bene   risalta.

 

Bye, bye

La notte santa

Visualizza immagine di origine

Pixabay

 

LA NOTTE SANTA

di Guido Gozzano

– Consolati, Maria, del tuo pellegrinare!
Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei.
Presso quell’osteria potremo riposare,
ché troppo stanco sono e troppo stanca sei.

Il campanile scocca
lentamente le sei.

– Avete un po’ di posto, o voi del Caval Grigio?
Un po’ di posto per me e per Giuseppe?
– Signori, ce ne duole: è notte di prodigio;
son troppi i forestieri; le stanze ho piene zeppe

Il campanile scocca
lentamente le sette.

– Oste del Moro, avete un rifugio per noi?
Mia moglie più non regge ed io son così rotto!
– Tutto l’albergo ho pieno, soppalchi e ballatoi:
Tentate al Cervo Bianco, quell’osteria più sotto.

Il campanile scocca
lentamente le otto.

– O voi del Cervo Bianco, un sottoscala almeno
avete per dormire? Non ci mandate altrove!
– S’attende la cometa. Tutto l’albergo ho pieno
d’astronomi e di dotti, qui giunti d’ogni dove.

Il campanile scocca
lentamente le nove.

– Ostessa dei Tre Merli, pietà d’una sorella!
Pensate in quale stato e quanta strada feci!
– Ma fin sui tetti ho gente: attendono la stella.
Son negromanti, magi persiani, egizi, greci…

Il campanile scocca
lentamente le dieci.

– Oste di Cesarea… – Un vecchio falegname?
Albergarlo? Sua moglie? Albergarli per niente?
L’albergo è tutto pieno di cavalieri e dame
non amo la miscela dell’alta e bassa gente.

Il campanile scocca
le undici lentamente.

La neve! – ecco una stalla! – Avrà posto per due?
– Che freddo! – Siamo a sosta – Ma quanta neve, quanta!
Un po’ ci scalderanno quell’asino e quel bue…
Maria già trascolora, divinamente affranta…

Il campanile scocca
La Mezzanotte Santa.

È nato!
Alleluja! Alleluja!

È nato il Sovrano Bambino.
La notte, che già fu sì buia,
risplende d’un astro divino.
Orsù, cornamuse, più gaje
suonate; squillate, campane!
Venite, pastori e massaie,
o genti vicine e lontane!

Non sete, non molli tappeti,
ma, come nei libri hanno detto
da quattro mill’anni i Profeti,
un poco di paglia ha per letto.
Per quattro mill’anni s’attese
quest’ora su tutte le ore.
È nato! È nato il Signore!
È nato nel nostro paese!
Risplende d’un astro divino
La notte che già fu sì buia.
È nato il Sovrano Bambino.

È nato!
Alleluja! Alleluja!

 

NATALE

di Giuseppe Ungaretti

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare

Napoli, il 26 dicembre 1916

 

E’   IL   PASSATO   CHE   TORNA

 

Nevica   o   piove   ?

Ha   forse   importanza ?

Cosa   cambia   in   realtà ?

Nulla.

Tra   qualche   giorno

è   Natale.

E   io   sento   freddo,

sia   che   piova   o   nevichi.

E   ancor   più   in   strada,

in   mezzo   alla   gente.

Sono   distante,

da   tutti.

In   un   unico   luogo   solo ,

mi   ritrovo.

Davanti   al   focolare

col   mio   gatto,

rannicchiata   sotto   un   plaid,

penso.

E   torno   indietro,

al   Natale   che   vivevo   da   bambina.

Non   sono   più   sola,

è   il   passato   che   torna

e   mi   fa   compagnia.

 

Isabella   Scotti   dicembre   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ricordando ” Natale ”   di   Ungaretti

 

In   questa   giornata   di   festa   sentiamoci   uniti,   abbracciamoci   e   preghiamo   il   Signore   con   il   cuore   sgombro   dai   mille   pensieri   che   quotidianamente   ci   assillano.   Preghiamo   per   le   due   povere   ragazze   morte   su   Corso   Francia,   per   i   loro   genitori   sconvolti   ,   per   il   ragazzo  giovane   che   le   ha   investite ,  la   cui   vita   sarà   segnata   per   sempre,   così   come   quella   dei   suoi   cari.   Che   questo   tragico   fatto   faccia   tutti   riflettere.  Che   i   giovani   tutti   si   rendano   conto   che   la   vita   è   una   sola   e   non   va   sprecata.   Che   gli   azzardi   si   pagano   sempre,   talvolta   come   in   questo   caso   perfino   con   la   morte.    Bisogna   essere   più   consapevoli   di   questo,   e   noi   genitori   più   vicini   ai   nostri   figli   perché   non   si   perdano.   A   tutti   coloro   che   soffrono,   malati,   anziani,   che   passano   soli   il   loro   Natale   va   la   mia   vicinanza,  a   voi   tutti   cari   amici,   il   mio   abbraccio   di   sincera   amicizia   e   che   il   Signore   ci   benedica   tutti

la   vostra   amica   Isabella

 

 

 

 

Eccolo il mistero: amore e nascita

Ecco gli auguri per Natale miei cari. Vi abbraccio tutti con affetto. La vostra amica Isabella

Isabella Scotti

In   una  bellissima  poesia  di  Angelo  Barile,  un  grande  poeta  cristiano  dimenticato,  il  mistero  dell’amore  e  della  nascita  è  sfiorato  con  un  pudore  che  ha  il  tocco  della  grazia.

Eccoli,  gli  sposi,  nel  loro  ”acceso  eremo”.

Il  rumore  delle  onde,  che  il  mare  guida  sino  alla  loro  casa  come  a  una  carena,  si  insinua  fin  dentro  i  loro  sogni  e  fa  più  dolce  il  loro  amore.  Non  il  corpo  soltanto  ne  ha  gioia  ma  anche  l’anima,  che  mareggia  senza  più  rive.

Ora,  sul  far  dell’alba,  la  donna  spia  il  suo  grembo,  il  peso  che  cresce  e  che  l’ala  dell’angelo  rende  più  lieve.

L’uomo  è  già  in  cammino,  va  per  la  sua  strada  che  balugina,  strappa  qualche  filo  d’erba,  zufola  un’aria  allegra.  Guarda  il  giorno  che  nasce  alla  marina.

L’amore.  La  nascita.

La  più  notturna  delle  vostre  ore

                  ritremerà  nel  giglio  del  mattino.

Giovanni  Cristini

( poeta e giornalista italiano …

View original post 1.556 altre parole