Archivi categoria: poesie

Si   torna   seri   amici…buon   mese   di   gennaio

Visualizza immagine di origine

fotoalbum.virgilio.it

 

”   Bello   cadere,   quando   nervi   e   carne,

pazzi   di   forza,   voglion   farsi   anima.  ”  

 

Antonia   Pozzi

 

Nel   momento   in   cui

tutto   è   consapevolezza,

quando   nulla

è   lasciato   al   caso,

ecco,

mi   riapproprio

della   vita.

E   rido,

gioisco   di   ciò

ch’essa   mi   offre.

Scalo   montagne,

mi   arrampico

per   giunger   sulla   vetta.

E   lì,

mentre

immobile   sto,

rapita   da   una   bellezza

incontaminata,

vago   altrove :

nervi   e   carne

si   son   fatti

anima.

 

Isabella   Scotti    gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Annunci

Foto   di   Andrea

Hai   mai   pensato
a   come   vivevamo
prima
che   i miei  occhi
si   specchiassero
nei   tuoi?
Hai   mai   pensato
a   come
le   nostre   anime
vagassero   perse ,
nel   vuoto
di   un   mondo
lontano   da   noi  ?
”  Se   non   avessimo   amato  ”,
se   non   avessimo   condiviso
istanti,
riconoscendo   al   sentimento
che   ora   ci   unisce ,
una   valenza   tale
da   ritrovare
se   stessi,
forse   ora
non   saremmo   qui,
cambiati
in   positivo
dall’ unica   forza
rigeneratrice
che   può   compiere
un   miracolo  :
l’   Amore.

 

 

Isabella   Scotti   maggio   2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

incipit   in   neretto  dalla   poesia   di   Oscar   Wilde   ”   Se   non   avessimo   amato ”


Ma   stavolta   si   tratta   di   un   saluto   all‘Albertone   che   tutti    avemo   ner   core :

 

ALBERTO   SORDI.    nel   giorno   in   cui   ricorre   l’anniversario   della   sua   morte.

Ecco   qua   una   sciocchezzuola  ,   perdonatemi,    ma   quanto    mi   piace   provare   a   scrivere   in   romanesco,   pur   non   avendolo   mai   fatto;   mi   diverte   molto .   Un   caro   saluto   a   tutti.   La   vostra   Isabella

 

 

Nun   me   metto

certo   qua

a’   decanta’

le   lodi

de   sto’   grande   attore.

Je   dico   solo

grazie,

p’ avemme  

fatto   ride

in   quantità,

sia   quanno

recitava,

che   quanno

parlava.

Grazie   Alberto’.

Ora   Roma   tua   bella,

nun   la

riconosceresti   proprio,

piena   de   buche

e   de   rifiuti   sparsi.

Me   sa

che   nun   te   piacerebbe

più   come

na’   vorta,

ridotta   comm’è.

Ma   che   t’ emporta,

in   fonno

mo’   stai   bbene

ndo’   stai ,   io

te    volevo

solo   salutà,

oggi   che   ricorre

l’anniversario   tuo.

Mbe’    Alberto’

 mo ‘   che   fai,

te   metti   a   ride

co’   quei   dentoni

in   primo   piano ?   Aho,

sì ‘   pproprio   incorreggibile.

 

Isabella   Scotti   febbraio   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Risultato immagine per foto alberto sordi

foto   da   ilblogdiclarissa.wordpress.com

 

 

 

 


Carissimi,   ho   deciso   di   regalarvi ,  visto   che   questo   è   il   mese   dove   tutti   all’apparenza   si   è   più   buoni,  e   io   voglio   essere   buona   con   voi,   perché   vi   voglio   bene ,   alcune   mie   poesie.   Non   sto   molto   in   forma   in   questo   periodo   e   scrivere   post   interessanti   mi   costa   ora   troppa   fatica   anche   per   i   tanti   impegni   che   ho.   Mi   dispiace   moltissimo   non   rispondere   ai   vostri   sempre   cari   e   gentili   commenti.   Ma   quando   posso   vi   leggo   lo   stesso.   Con   tutto   ciò   potevo   non   lasciarvi   i   miei   più   cari   auguri   per   la   festa   dell’  IMMACOLATA  ?   No   davvero   e   allora   ecco   qua   per   voi   la   Preghiera   alla   Vergine   di   FRANCESCO   PETRARCA .   E’  un   po’   lunghetta   ma   confido   nella   vostra   pazienza   di   lettura.   Spero   leggerete   tutto   quanto   vi   propongo.   Fate   i   bravi,   mi   raccomando   e   copritevi   bene   che   nel   week   end   farà   molto   freddo.   Io   ho   già   in   corso   qualche   cedimento   (   raffreddore  in   arrivoooo)   Auguri   a   tutti.   La   vostra   Isabella

Risultato immagine per immacolata foto

ilgiudiziocattolico.com

PREGHIERA   ALLA   VERGINE

Vergine bella, che di sol vestita,
coronata di stelle, al sommo Sole
piacesti sí, che ’n te Sua luce ascose,
amor mi spinge a dir di te parole:
ma non so ’ncominciar senza tu’ aita,
et di Colui ch’amando in te si pose.
Invoco lei che ben sempre rispose,
chi la chiamò con fede:
Vergine, s’a mercede
miseria extrema de l’humane cose
già mai ti volse, al mio prego t’inchina,
soccorri a la mia guerra,
bench’i’ sia terra,   et tu del ciel regina.

Vergine saggia, et del bel numero una
de le beate vergini prudenti,
anzi la prima, et con piú chiara lampa;
o saldo scudo de l’afflicte genti
contra colpi di Morte et di Fortuna,
sotto ’l qual si trïumpha, non pur scampa;
o refrigerio al cieco ardor ch’avampa
qui fra i mortali sciocchi:
Vergine, que’ belli occhi
che vider tristi la spietata stampa
ne’ dolci membri del tuo caro figlio,
volgi al mio dubbio stato,
che sconsigliato   a te vèn per consiglio.

Vergine pura, d’ogni parte intera,
del tuo parto gentil figliola et madre,
ch’allumi questa vita, et l’altra adorni,
per te il tuo figlio, et quel del sommo Padre,
o fenestra del ciel lucente altera,
venne a salvarne in su li extremi giorni;
et fra tutt’i terreni altri soggiorni
sola tu fosti electa,
Vergine benedetta,
che ’l pianto d’Eva in allegrezza torni.
Fammi, ché puoi, de la Sua gratia degno,
senza fine o beata,
già coronata   nel superno regno.

Vergine santa d’ogni gratia piena,
che per vera et altissima humiltate
salisti al ciel onde miei preghi ascolti,
tu partoristi il fonte di pietate,
et di giustitia il sol, che rasserena
il secol pien d’errori oscuri et folti;
tre dolci et cari nomi ài in te raccolti,
madre, figliuola et sposa:
Vergina glorïosa,
donna del Re che nostri lacci à sciolti
et fatto ’l mondo libero et felice,
ne le cui sante piaghe
prego ch’appaghe   il cor, vera beatrice.

Vergine sola al mondo senza exempio,
che ’l ciel di tue bellezze innamorasti,
cui né prima fu simil né seconda,
santi penseri, atti pietosi et casti
al vero Dio sacrato et vivo tempio
fecero in tua verginità feconda.
Per te pò la mia vita esser ioconda,
s’a’ tuoi preghi, o Maria,
Vergine dolce et pia,
ove ’l fallo abondò, la gratia abonda.
Con le ginocchia de la mente inchine,
prego che sia mia scorta,
et la mia torta   via drizzi a buon fine.

Vergine chiara et stabile in eterno,
di questo tempestoso mare stella,
d’ogni fedel nocchier fidata guida,
pon’ mente in che terribile procella
i’ mi ritrovo sol, senza governo,
et ò già da vicin l’ultime strida.
Ma pur in te l’anima mia si fida,
peccatrice, i’ no ’l nego,
Vergine; ma ti prego
che ’l tuo nemico del mio mal non rida:
ricorditi che fece il peccar nostro,
prender Dio per scamparne,
humana carne   al tuo virginal chiostro.

Vergine, quante lagrime ò già sparte,
quante lusinghe et quanti preghi indarno,
pur per mia pena et per mio grave danno!
Da poi ch’i’ nacqui in su la riva d’Arno,
cercando or questa et or quel’altra parte,
non è stata mia vita altro ch’affanno.
Mortal bellezza, atti et parole m’ànno
tutta ingombrata l’alma.
Vergine sacra et alma,
non tardar, ch’i’ son forse a l’ultimo anno.
I dí miei piú correnti che saetta
fra miserie et peccati
sonsen’ andati,   et sol Morte n’aspetta.

Vergine, tale è terra, et posto à in doglia
lo mio cor, che vivendo in pianto il tenne
et de mille miei mali un non sapea:
et per saperlo, pur quel che n’avenne
fôra avenuto, ch’ogni altra sua voglia
era a me morte, et a lei fama rea.
Or tu donna del ciel, tu nostra dea
(se dir lice, e convensi),
Vergine d’alti sensi,
tu vedi il tutto; e quel che non potea
far altri, è nulla a la tua gran vertute,
por fine al mio dolore;
ch’a te honore,   et a me fia salute.

Vergine, in cui ò tutta mia speranza
che possi et vogli al gran bisogno aitarme,
non mi lasciare in su l’extremo passo.
Non guardar me, ma Chi degnò crearme;
no ’l mio valor, ma l’alta Sua sembianza,
ch’è in me, ti mova a curar d’uom sí basso.
Medusa et l’error mio m’àn fatto un sasso
d’umor vano stillante:
Vergine, tu di sante
lagrime et pïe adempi ’l meo cor lasso,
ch’almen l’ultimo pianto sia devoto,
senza terrestro limo,
come fu ’l primo   non d’insania vòto.

Vergine humana, et nemica d’orgoglio,
del comune principio amor t’induca:
miserere d’un cor contrito humile.
Che se poca mortal terra caduca
amar con sí mirabil fede soglio,
che devrò far di te, cosa gentile?
Se dal mio stato assai misero et vile
per le tue man’ resurgo,
Vergine, i’ sacro et purgo
al tuo nome et penseri e ’ngegno et stile,
la lingua e ’l cor, le lagrime e i sospiri.
Scorgimi al miglior guado,
et prendi in grado   i cangiati desiri.

Il dí s’appressa, et non pòte esser lunge,
sí corre il tempo et vola,
Vergine unica et sola,
e ’l cor or coscïentia or morte punge.
Raccomandami al tuo figliuol, verace
homo et verace Dio,
ch’accolga ’l mïo   spirto ultimo in pace.

 

ED   ORA   LE   MIE   POESIE…

 

 

DISSOLVENZA

 

 

Tremule foglie,
secche,
si son lasciate
andare.
Trascinate dall’acqua,
s’ammucchiano
in un punto,
fino a
diventar poltiglia.
Dissolvenza,
passaggio dal rosso,
al giallo, al grigio.
Fino al nero.
Ombra finale
che copre
ogni trasparenza.

Isabella  Scotti   dicembre   2017

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Grazie a Simona Scola

 

E’   TUTTO   COSI’   STRANO

 

 

GLI   AMANTI

 

Oltre   il   tempo.
Oltre   la   morte.
Non   serve
ch’io   osservi
il   tuo   volto,
né   tu   il   mio.
Siamo   un’unica   anima,
un   unico   corpo.
Eterno
è   il   nostro   amore
che   supera
i   confini
del   presente.
Durerà,
anche   dopo   di   noi,
per   sempre.

Isabella  Scotti   novembre   2017

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Magritte   ”   Gli   amanti ”

 

E   IL   GIARDINO   DELLA   MIA   ANIMA   FIORI’

 

Risultato immagine per foto giardino anima

screenweek.it

Fu   quel   giorno.
Tutto   sembrava   triste.
Mi   piovevano   addosso
da   un   pò
giorni   malinconici,
sempre   vuoti,
senza   un   senso
profondo
della   vita.
Poi   lo   conobbi.
Era   un   sacerdote   tedesco.
Sempre   con   il   sorriso
sulle   labbra,
profondamente   credente.
Parlava   d’amore,
quello   universale.
Si   chiamava   Antonio,
come   mio   padre.
Lo   incontrai
e   da   allora

”   il   giardino   della  mia   anima   fiorì  ”

 

Isabella  Scotti   novembre   2017

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

incipit   in   neretto   dalla   poesia   ”  Nostalgia   ”   di   Federico   Garcia   Lorca

Dedicata   a   Don    Antonio   Weber    che   mi   sposò   nel   1975

 

APATIA

 

Risultato immagine per foto distaccato vuoto

galleriaframmentidarte.com

Sono   giorni
che   ti   osservo.
Senza   luce 
sono
i   tuoi   occhi.
Più   non   dipingi.
Più   non   ascolti
Mozart   e   Chopin,
i   tuoi   preferiti.
Sai,
”  muore   lentamente
chi   evita   una   passione  ”.
Tu,
in   questo   momento,  

sembri   non   averne  
più   una,
quasi   ogni   sorta
d’interesse
fosse   sopito
o   peggio,  
dimenticato.
Chissà   perché.
Sembri   un   altro.
Non   ti   riconosco.
Ti   muovi
con   passo   lento,
sei   lontano.
Sembri   aver   perduto
quel   guizzo,
quel   tuo   mettere
tutto   te   stesso
nel   cercare
d’arrivare
dove   avevi   deciso.
Non   mi   piaci
così   apatico,
distaccato,
come   se   tutto
ti   scivolasse   addosso.
Non   ti   spegnere
come   tremula  
fiammella   di   candela.
Credi   ancora,
lotta,   vivi.
Guardami ,
io   sono   qui,
vicina   a   te,
sempre.

Isabella   Scotti   giugno   2017
testo  :   copyright   22   aprile   1941  n°   633
incipit   in   neretto   dalla   poesia   ”  Lentamente   muore  ”   di   M.  Medeiros

 

TRADIMENTO

 

Risultato immagine per immagini paracelso

biografieonline.it   Paracelso

È   la   dose
che   fa   il   veleno.
Io   di   dosi
ahimè
ne   ho   mandate   giù
troppe.
Inconsapevolmente,
ho   lasciato
che   tu
mi   avvelenassi
del   tuo   falso   amore.
E    ora
che   dolori   lancinanti
mi   prendono
alla   bocca    dello   stomaco,
mi   rendo   conto
che   ne   sto   pagando
le   conseguenze.
Ora
che   il   tuo   vile   tradimento
mi   ha   aperto   gli   occhi,
sento,
questo   mio   amore,
avvelenato,
morire   a   poco   a   poco.

Isabella  Scotti   novembre   2017

testo  :  copyright   22   ottobre   1941   n°   633

Incipit   in   neretto  di   Paracelso

 

VANNO   E   VENGONO…

 

Risultato immagine per foto dopo il temporale

panoramio.com

Guy de Maupassant

Il bacio colpisce come la folgore
l’amore passa come un temporale,
poi la vita torna a calmarsi come il cielo
e ricomincia come prima.
Si può ricordare una nuvola?

Dolce   è   l’amore
alle   sue   prime   battute.
Tenerezza
che   fa   tremare,
mani   che   si   sfiorano,
labbra   che   piano
si   poggiano
incerte   ancora
su   altre   labbra.
Inizia   così   l’amore…
Poi   il   bacio
come   folgore   lo
tramuta   in   passione.
In   alcuni   casi   l’amore
dura   una   vita,
in   altri   passa
come   passa   un   temporale,
scomparendo
come   le   nuvole,
mentre   torna   la   quiete,
il   cielo   si   rischiara,
tingendosi   dei   colori
dell’arcobaleno,
e   la   vita
riprende   il   suo   ritmo.
Qualcuno    ricorderà
ciò   che   ha   vissuto,
qualcun altro
lo   vorrà   cancellare.
Storie   d’amore
che,
come   le   nuvole,
vanno   e   vengono…

Isabella  Scotti   novembre   2017

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

COME   LE   ROSE

 

Languida,
con   fare   sensuale,
accarezzi   col   pettine
i   tuoi   capelli.
Ti   guardi
allo   specchio,
senza   vederti,
persa   come   sei
nei   tuoi   pensieri.
Bella,
indiscutibilmente
bella,
come   le   rose
profumate
che    ti   circondano.
Tu ,
che   sai   di   primavera,
con   arte   raffinata,
inviti   all’amore.

Isabella  Scotti   novembre   2017

testo  :   copyright    legge   22   ottobre   1941   n°   633

Opera   di   Dante   Gabriel   Rossetti   ”L’ amante ”

 

UN   PRIMA   E   UN   DOPO

 

Romeo   e   Giulietta  di   Sir   Frank    Dicksee

Prima di amare, io
non ho mai vissuto
pienamente.

Me   ne   accorgo
solo   ora
che   ti   ho   vicino.
Quanta   apatia
nel   mio   vivere   quotidiano,
prima   d’incontrarti.
Quanta   indifferenza
per  il   tempo
che   lento   fluiva :
non   m’importava
guardarmi   attorno,
mi   lasciavo   vivere.
Ora   c’è   in   me
un   tale   risveglio,
una   consapevolezza
del   mio   esistere,
e   non   solo,
che   sapendo   esserne   tu
la   causa,
posso   solo   dirti :
grazie   amore.

Isabella  Scotti   novembre   2017

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   Emily   Dickinson

 

IL   VIALE   DEI   RICORDI

 

Giungerò   a   te,
percorrendo
il   viale   dei   ricordi.
Perché   questo   sei,
ormai.
Solo,
semplicemente,
un   ricordo.
Null’altro,
mi   rimane  
di   te,
dei   nostri   momenti.
E    quando
giungerò   alla   fine
di   quel   viale,
e   tu   sarai   lì
ad   aspettarmi,
ti   sorriderò  
come   allora,
prima  
di   vederti   svanire,
dissolto   nell’aria
come   essenza
che   svapora.

Isabella  Scotti   novembre   2017

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Grazie   Susy

 

 


 

”Forse   la   vita   è   come   un   fiume   che   va   al   mare.   Non   è   andata   dove   intendeva   andare,

ma   è   finita   dove   aveva   bisogno   d’essere.

Fabrizio   Caramagna

 

”E   tanto   più   t’amo,   quanto   più   mi   fuggi…”

fugace,

troppo   breve,

vita.

Vorrei   poterti

inseguire,

correrti   dietro

e   trattenerti.

Ma   sa   il   cuore

quanto   poco

dureranno   ancora

i   suoi   battiti.

Sono   arrivato

dove

non   avrei   voluto,

così   giovane ,

arrivare.

Al   punto   di   non   ritorno.

Innocente   muoio,

per   colpa  

di   mano   assassina,

e   come   me

tanti   altri,

inutilmente  

colpiti.

Vorrei   correrti    dietro,

vita,

tenerti   stretta,

tu   che   fuggi   via,

lontana   da   me…

Ma   le   forze

più   non   ho ,

nemmeno   per   parlare.

E   ancora,

e   ancora,

mentre   il   fiato

m’abbandona,

tanto

io   t’amo…

 

Isabella  Scotti

 

Ai   poveri   ragazzi   di   Manchester,   ricordandoli

incipit  ”tanto   più  t’amo   quanto   più   mi   fuggi”   dalla   poesia  ” T’adoro ”   di   Charles   Baudelaire

 

 


Un po’ di storia e di poesia…Buona giornata amici. La vostra Isabella

Risultato immagine per foto pietro bembo

thisisitaly -panorama.com       Pietro   Bembo

Risultato immagine per foto lucrezia borgia

biografieonline.it      Lucrezia  Borgia

Lucrezia   Borgia:   un   nome   che   evoca   trame,   sesso,   peccati,   piaceri.

Fu   testimone   molto   presto   della   vita   sessuale   del   padre   Rodrigo,   divenuto   papa   col   nome   Alessandro VI   e   del   fratello   Cesare,   finendo   con   l’avere   con   loro   rapporti   incestuosi.   Peccati   i   suoi   di   fatuità,   leggerezza   e   sete   di   piacere   che   contrassegnarono   il   non   lunghissimo   cammino   sulla   terra.   Strumento   ambizioso   nelle   mani   dei   due,   dai   quali   mai   riuscì   a   staccarsi   del   tutto ,  ebbe   tre   mariti,   dimostrandosi   alla   fine   con   Alfonso   d’Este,   futuro   duca   di   Ferrara,   donna   intelligente   e   sensibile,   capace   di   circondarsi   di   uomini   letterati   e   d’ingegno   tra   i   quali   spiccò   Pietro   Bembo   col   quale   intrattenne   un   lungo   dialogo   epistolare   e   che   le   dedicò   ”Gli   Asolani ”,   dialoghi   d’amore   in   tre   libri,   sua   opera   più   importante.   Dopo   la   morte   del   padre   e   del   fratello,   sempre   più   spesso   cominciò    a   fare   lunghi   ritiri   in  …

View original post 116 altre parole