Archivi categoria: poesie

foto    Andrea   Romani    –    tramonto   francese

 

Se   sola
m’  attardo
incontro   là,
dove   si   perde
il   giorno,
subito
m’  accorgo
dei   battiti
accelerati
del   mio   cuore.
Suggestionata
da   ciò   che   vedo
all’orizzonte,
ne   ascolto
il   ritmo
incalzante.
E’   la   luce
del   tramonto,
quando
il   sole
piano,  
scompare,
a   lasciar
dentro   me
traccia   indelebile.
Stupore   e   meraviglia,
dolce   tremore.

 

Isabella   Scotti   febbraio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   da   ”   Il   sabato   del   villaggio  ”   di   Giacomo   Leopardi


Per il Battito d’Ali del mese di Novembre 2019 è stato scelto il brano:

È un attimo…

di

Tachimio

 

 

 

Mi   stringi.
Le   tue   labbra
mi   sfiorano
il   collo.
E’   un   attimo,
un   fremito,
un   battito   d’ali ,
e   a   te   mi   concedo.

 

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

 

E   chi   se   lo   aspettava ?

 

Un   bacione   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

Ehi   ragazzi,   dimenticavo…   ne   ho   scritti   altri.   Eccoli   qui   per   voi

 

Battito   d’  ali   nella   nebbia

 

Visualizza immagine di origine

Portfolio >  Adriano   Perani   –  Photoclub   Someanza

 

Fugge   via

   il   tempo  :

un   battito   d’ali

ed   è   già   domani

 

Isabella   Scotti   settembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile  1941   n°   633

” Questo   puro   presente   non   esiste   nel   tempo,   che   lo   annienta  in   ogni   attimo  :   esso   esiste   fuori   del   tempo   e   cioè   della   vita,   nella   rarefazione   del   ricordo,  o   dello   scrivere  ”   

Claudio   Magris

 

Portate   dal   vento

 

 

Come   un   lieve

battito   d’ali…

son   foglie   secche

al   termine

della   corsa.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   Simona

 

Poi   ditemi   quale   ”  battito ”    preferite.   Ciao

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Foto   Andrea   Romani

 

Strano
come   tutto
sia   cambiato
in   poco   tempo.
Sorridevi   sempre,
come   fai   anche   ora.
Ma   non   è
la   stessa   cosa.
Oggi
il   tuo   sorriso   è
misto   ad   un   lamento,
che   aumenta   d’ intensità
quando   i   tuoi   occhi
ci   guardano,
senza   più   nulla
riconoscere.
Forse   avverti   qualcosa
ancora,
chissà,
le   nostre   voci,
una   carezza   fatta
sul   tuo   volto
ancora   bello.
Ma   come
sei   persa
nel   tuo   mondo   ormai,
fatto   di   nebbia    sottile,
impenetrabile.
Come   vorrei
che   mi   parlassi
ancora,
dandomi   saggi   consigli.
Ma   più   non   sai
articolar   parole
che   sentir   si   possano
chiare.
Come   sei   lontana,
così    disperatamente
irraggiungibile.

 

 

Isabella  Scotti   2018

testo  :   copyright   legge   22  aprile   1941   n°   633

 

 

Dedicata   a   tutti   coloro   che   con   l’alzheimer   si   allontanano   per   sempre   dai  propri   cari   pur   rimanendo   presenti   fisicamente.   Un   volo   il  loro,   che   li   trasporta   su   altre   sponde,   sconosciute   a  chi  triste,   li   guarda   ”  volare  ”   senza   nulla   poter   fare.

 

 


pinterest.com

 

ORME

 

Le   tue   orme…

mai   onda   alcuna

potrà   cancellarle.

Saranno  

 il   mio   faro,

unico   punto   di   riferimento,

quando   verrò

a   cercarti.

E   vedrai,

non   mi   perderò,

anche   se

dovessi   lottare

contro

venti   sfavorevoli.

Testarda

non   ascolterò

chi   mi   vorrà

consigliare

di   lasciar   perdere.

Andrò   avanti

fino   a   quando

sarà   quiete.

Fino   a   quando

saprò

d’  esser   giunta

alla   mia   meta.

Tu   sarai   lì,

lo   so,

ad   attendermi.

Non   ci   saranno

più   impedimenti.

Ti   amerò

alla   follia,

totalmente,

incondizionatamente.

 

Isabella   Scotti  agosto   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Visualizza immagine di origine

tantipensieri.it

 

PIOVE   E   LACRIME   SCENDONO…

 

Com’ è  tardi

stasera.

Guardo   fuori,

il   buio

ha   ormai

inghiottito

ogni   cosa.

Anche   me.

Un   buio

che   annienta

ogni   forma,

dove   tutto

par  sciogliersi

come   neve

esposta   al   calore.

Lontano

i   tuoni

annunciano

temporale.

Quando  anche   qui

cadranno

le   prime   gocce,

le   mie   lacrime

si   mescoleranno

ad   esse,

scendendo   copiose

ad   inondare

il   mio   volto,

senza   freno   alcuno.

E’   la   tua   assenza,

sofferenza,

atroce   ferita

che   sanguina.

Voglio   illudermi

che   tornerai.

Lascio   la   porta

aperta

stasera.

Sono   qui,

ho   bisogno   di   te.

 

Isabella   Scotti   agosto   2019

testo   :   copyright   legge   22    aprile   1941   n°   633

 

ATTENTO…

 

Visualizza immagine di origine

pixnio.com

 

Khalil    Gibran   ”   Segui   l’ amore  ”

 

Posso   darti

un   consiglio  ?

”   Segui   l’amore  ”.

Segui   la   sua   scia,

non   confonderti,

non   sbagliare   strada,

come   tante   volte

hai   fatto.

Guarda  :

il   sentiero   giusto

è   davanti   a  te.

Non   è   difficile

iniziarlo :

non   è   scosceso,

non   è

pieno   di   sassi .

Al   contrario

è   piano,

senza   buche   improvvise,

diritto,

senza   ostacoli ,

solo   morbide   foglie

da   calpestare.

Percorrilo

fiducioso.

Segui   l’amore,

dammi   retta.

Quando   l’avrai   trovato,

avrai   trovato  me.

 

Isabella   Scotti   settembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

UN   PO’   QUI   UN   PO’   LA’

 

“Non sempre le nuvole offuscano il cielo: a volte lo illuminano”

Elsa Morante – La Storia

 

Visualizza immagine di origine

ilcorriere.net

 

Ci   sono

nuvole   e   nuvole.

Ci   sono   quelle

gonfie,   scure

nere   come   la   notte,

che   rattristano

il   cuore,

che   fanno   sì

che   l’anima   pianga

di   solitudine.

Poi   ci   sono   quelle

che   appaiono

in   un   cielo , 

talmente   blu,

che   più    limpido  

non   potrebbe   essere.

Così  lassù ,  

tutto   risplende

di   quel   bianco

luminoso   e

le   nuvole,

   ciuffi   d’ ovatta

dalle   forme   più   strane,

si   sparpagliano   allegre

un   po’   qui ,

un   po’   là ,

e   in   un   certo

qual   modo

sembran   pronte   ad

illuminare   il   cielo.

Ma   è   un   errore,

perché   non   sono   loro   

a   far   risplendere

la   volta   celeste

ma   un’  altra   luce,

intensa,   accecante…

La   luce

di   una   stella   particolare :

il   sole .

Ed   è   subito   meraviglia.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   della   Morante

 

 

Ed   ora   qualche   foto   alla   rinfusa   della   mia   estate,   in   attesa   di   qualcosa   di   più   strutturato.

 

 

Giornata   con   un   sole   pazzesco.   Si   vede   no  ?   Questo   è   il   lago   di   Sainte –  Croix.   Un   lago   artificiale   dalle   acque,   limpide,   cristalline,   creato   negli   anni   70 ‘   a   seguito   della   costruzione   di   uno   sbarramento   del   fiume   Verdon,   in  Alta   Provenza.   Si   arriva   qui   dopo   aver   percorso   le   famose   gole   del   Verdon,   che   spaccando   la   terra   per   circa   25   metri,   provocando   il   sorgere   di   picchi   alti   circa   700   metri,   costituiscono   un   vero   e   proprio   Canyon   europeo .

 

Questa   foto  e   le   altre   qui   sotto   sono tutte   opera   mia

Suggestive   tutte   queste   barche   vero?   Molte   scendono   dalle   gole   e   s’  incontrano   con   quelle   che  stazionano   sul   lago.   Uno   spettacolo   unico.

 

Le   mie   Seychelles…   ma   no   è   sempre   il   lago

 

Qui   uno   scorcio   di   campagna   francese

Il  fiume   Verdon

 

 

Per   ora   mi   fermo   qui.   Un   caro   saluto   a   tutti   voi.   La   vostra   Isabella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Visualizza immagine di origine

videohive.net

 

Mio blu – dicevi –

mio   blu.

Lo   sono.

E   anche   più  del   cielo.

Ovunque   tu   sia

io   ti   circondo.

 

Ghiannis   Ritsos   da   Erotica   1981   trad.   Nicola   Crocetti

 

 

I  morti

Li   trovammo   di   nuovo   sotto   la   roccia,   dentro   la  roccia.  il

loro   silenzio

non   era   collera   perché   li   abbiamo   dimenticati ;   no,   nien –

t’  affatto

collera   perché   anche   loro   ci   hanno   dimenticato.   Il   loro   si  –

lenzio   ora

è   la   loro   voce ;   –   non   hanno   nulla   da   annunciare ;

una   muta   intesa   con   i   fichidindia   tra   i   ruderi,

muti   incontri   di   fronte   al   mare   o   dentro   la   luna  –

non   hanno   più   bisogno   di   nascondere   o   scoprire   le   loro

carte

nell’  infinita   trasparenza   del   nessun   luogo   o   del   nulla,   qui

dove   si   distinguono   nudi   gli   alberi,   i   monti,   gli   inconfuta  –

bili    confini

di   tutte   le   separazioni   e   dei   secoli,   qui   dove   si   annullano  

assieme   agli   uccelli,   ai   tenaci   melograni   e   alle   pietre,

i   confini   delle   epoche   nel   limpido   per   sempre. 

 

Monovasià, 12.VII.75

Monovasià   è   una   raccolta   segnata   dalla   presenza   costante   del   dialogo   tra   gli   opposti :   tra   passato  e   presente,   tra   storia   e   biografia,   tra   natura   e   arte;   un   dialogo   fatto   di   complicità   e   di   sottintesi,   ai  quali   il   poeta   dà   voce,   trasformando   spesso   gli   oggetti   in   correlativi   oggettivi,   portatori   ciascuno   di   un   frammento   di   messaggio   che   si   completa   nella   polifonia   dell’immagine   lirica.   Immagini   di   morte  :   ”  C’  erano   le   privazioni,   i   rovi,   le   pietre,   il   pozzo./  l’ acqua   era   salata  –   dove   dissetarti  ?  ”   (  ”  Tra   la   ruggine  ”)

Immagini   di   vita   :   ”  Più   tardi   si   accesero   le   luci.   Nel   vecchio   ristorante   di   Matula/   il   profumo   della   zuppa   di   pesce   rese   di  nuovo   glorioso   lo   stretto   paesaggio   lastricato”   (  ”  Scoperte  illusorie  ”  )

Immagini   in   cui   la   biografia   si   fonde   con   il   luogo   e   con   le   sue   memorie  :  ”   Qui   abbiamo   le   radici.   Da   questo   balcone   guardasti   per   la   prima   volta   il   mare  /   tra   due   soli   mattutini  _  uno   rosa,   l’altro   nero  ;  –  /  in   tasca   tenevi   un   piccolo   specchio,   un   pettine,   un   fazzoletto,  /   alle   tue   spalle   la   rupe   a   picco   dispiegava   la   calda   misura   dell’  altezza  ”   ( ”  Le   radici  ”  )

Ma   vi   è   anche   un   dialogo   sommesso   tra   gli   elementi :   la   roccia,   e   il   mare,   l’acqua   e   la   pietra.   Il   paesaggio   visto   nelle   sue   componenti   essenziali   diventa   così   non   solo   ”  paesaggio  ”   ma   simbolo   di   una   realtà   ambivalente  :  l’ immobile  silenzio   verticale   della   roccia   si   contrappone   alla   rumorosa   orizzontalità   del   mare  ;   l’  ocra   e   il   purpureo   della   pietra   penetrano   nell’azzurro   cupo   delle   onde  ;   la   morte   e   la   vita   convivono   in   una   infinita   ciclicità.   Non   solo   :   la   pietra   e   il   mare   sono   gli   elementi   che   costituiscono   l’  essenza   del   poeta,   che   disegnano   la   sua   profonda   identità  :  ”  e   tu  con   la   schiena   appoggiata   alla   roccia,   con   il   petto  /  aperto   verso   il   mare,  –  per   metà   fuoco   e   per   metà   frescura,  /   tagliato   trasversalmente,   doppio,   in   lotta   solo  /   per   unire   l’  acqua   con   la   pietra  ”  (  ”  Origini   geografiche  ”  )

 

Massimo   Cazzulo

  (   docente   di   greco   a   Milano   e   nel   direttivo   lombardo   della   Società   filellenica   italiana  )   traduttore   di   poesie   greche  e   autore  di   un’   antologia   ”   Amore   in   greco   si   dice   Eros   ”   dove  sono   raccolte   le   più   belle   poesie   d’  amore   greche   del   Novecento.

 

artrev.com

Marc   Chagall  –   Lovers   in   blue

 

“Neanche   stanotte   luna   piena.
Ne   manca   una   parte.
Il   tuo   bacio”.

 

Ghiannis   Ritsos   (   Monemvasia   1   maggio   1909  –   Atene  ,   11   novembre   1990  )   è   stato   un   poeta      considerato   uno   dei   più   grandi   poeti   greci  del   ventesimo   secolo,     assieme   a   Konstantinos   Kavasis.   Kostis   Palamas,   Giorgos   Seferis,   Odisseas   Elitis.   Segnalato   per   il   Nobel   ben   nove   volte,   senza   successo,   vinse   invece   il   Premio   Lenin   per   la  pace   nel   1975 / 76   di   cui   andava    molto   fiero.

da   wikipedia


ETERNA   PRESENZA

 

Non   importa   che   non   ti   abbia,

non   importa   che   non   ti   veda.

Prima   ti   abbracciavo,

prima   ti   guardavo,

ti   cercavo,

ti   desideravo.

Oggi   non   chiedo   più

né   alle   mani,   né   agli   occhi,

le   ultime   prove.

Di   starmi   accanto

ti   chiedevo   prima,

sì,   vicino   a   me,   sì,

sì,   però   lì   fuori.

E   mi   accontentavo

di   sentire   che   le   tue   mani

mi   davano   le   tue   mani,

che   ai   miei   occhi

assicuravano   presenza.

Quello   che   ti   chiedo   adesso

è   di   più,   molto   di   più,

che   bacio   o   sguardo:

è   che   tu   stia   più   vicino

a   me,   dentro.

Come   il   vento   è   invisibile,   pur   dando

la   sua   vita   alla   candela.

Come   la   luce   è

quieta,   fissa,   immobile,

fungendo   da   centro

che   non   vacilla   mai

al   tremulo   corpo

di   fiamma   che   trema.

Come   è   la   stella,

presente   e   sicura,

senza   voce   e   senza   tatto,

nel   cuore   aperto,

sereno,   del   lago.

Quello   che   ti   chiedo

è   solo   che   tu   sia

anima   della   mia   anima,

sangue   del   mio   sangue

dentro   le   vene.

Che   tu   stia   in   me

come   il   cuore

mio   che   mai

vedrò,   toccherò

e   i   cui   battiti

non   si   stancano   mai

di   darmi   la   mia   vita

fino   a   quando   morirò.

Come   lo   scheletro,

il   segreto   profondo

del   mio   essere,   che   solo

mi   vedrà   la   terra,

però   che   in   vita

è   quello   che   si   incarica

di   sostenere   il   mio   peso,

di   carne   e   di   sogno,

di   gioia   e   di   dolore

misteriosamente

senza   che   ci   siano   occhi

che   mai   lo   vedano.

Quello   che   ti   chiedo

è   che   la   corporea

passeggera   assenza,

non   sia   per   noi   dimenticanza,

né   fuga,   né   mancanza:

ma   che   sia   per   me

possessione   totale

dell’  anima   lontana,

eterna   presenza.

 

Pedro Salinas

 

Amici    carissimi   ho   pensato   di   farvi   gli   auguri   di   Buon   Ferragosto,   regalandovi   una   poesia   del   mio   amato   Pedro   Salinas   e   un  haiku   pensato   ad   hoc   per   questa   estate   rovente.   Divertitevi   al  mare   o   ai   monti,   mentre   io   mi   appresto   a   festeggiare   il   mio   compleanno   il   giorno   dopo.   Baci   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

Il   sole   brucia

cappello   sulla   testa

pelle   bollente

 

Isabella  Scotti   agosto   2019

testo  :   legge   copyright   22   aprile   1941   n°   633


Miei   cari   le   vacanze   quest’  anno   dovrebbero   essere   lunghette,   se   tutto   va   bene.   Per   non   lasciarvi   soli,

ma   al   contrario   farvi   sentire  comunque   la   mia   vicinanza,   ho   pensato   di   regalarvi   qualche   altra   mia

poesia.    Mi   piace   ogni   tanto   raggrupparne   più   di   una,  e   trascriverle   per   voi.   Spero   gradirete   il   pensiero.

Auguro   a   tutti   una   buona   estate     e   che   nessuno   finisca   arrostito,   mi   raccomando.   Vi   voglio   ritrovare,   al

mio   rientro,   tutti   in   gran   forma.   Per   ora   vi   abbraccio   con   grande   affetto   e   a   presto

 

La   vostra   Isabella

 

I   TUOI   OCCHI

 

La voce dei tuoi occhi è più profonda di tutte le rose.

Estlin   Cummings

 

La   voce
dei   tuoi   occhi
è   più   profonda
di   tutte   le   rose.
I   tuoi   occhi.
Come   mi   sanno   parlare.
E’   come   
se   guardandoli,
mi   parlasse
la   tua   anima.
E’  come
nel   linguaggio   dei   fiori  :
tu   sai ,
che   i   fiori   parlano,
non   è   vero  ?
Prendi   le   rose
ad   esempio   .
Ce   ne   sono   
di   tanti   colori,
e   ciascuno   di   essi
sa   parlare   al   cuore.
Regalami
una   rosa   rossa,
ed   io   saprò
che   bruci   d’amore
per   me.
Regalami  
una   rosa   gialla
e   saprò 
della   tua   gelosia.
Ma   era  tanto   per   dire
sai  ?
A   me   non   servono
le   rose   per   capire
chi   sei.
   Basta
che   i   miei   occhi
incontrino
i   tuoi,
per   scoprire
tutto   un   mondo   d’amore,
il   più   bello
in   assoluto   .
Quel   mondo   d’amore
che   è   mare   infinito,
dove   posso   tuffarmi
ogni   giorno,
e   tornare  
a   galla   rigenerata

 

Isabella   Scotti   giugno   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Leggendo   Cummings

 

 

SE   GUARDO   INDIETRO

 

Visualizza immagine di origine

thoughtcatalog.com

Ho   in   mente
mille   pensieri,
mentre   le   mie   mani
convulsamente
si   stringono
l’una   all’altra.
Nervosamente
mordo   le   labbra
e   rifletto.
E’   notte   fonda.
Sono   solo.
Ecco,  
questo   è    il    risultato
della   mia   vita :
la   solitudine.
E’   vero,
non   sono   stato   felice.
Se   guardo   indietro
capisco
quanto   io   abbia   peccato.
Non   sono   stato
capace
di   gettare   un   ponte
tra   me   e   gli   altri.
Non   mi   sono   mai
lasciato   andare,
mentre   sarebbe   bastato
così   poco
per   vivere   pienamente
e   sorridere   felice: 
una   gentilezza,
una   carezza,
un   bacio.
La   mia   aridità
ha   vinto   su   tutto.
Ora   che   specchiandomi 
vedo   il   tempo   passare,
so   che   quello   che   farò
d’ ora   in   avanti
sarà    un   vivere , 
solo
di   rimpianto.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright    legge   22   aprile   1941   n°   633

 

LA   MIA   TEMPESTA

 

Visualizza immagine di origine

wallhere.com

Attraverso
in   solitaria
il   mare   della   vita.
Talvolta
è   un’  acqua   cheta,
non   ribolle
di   tormenti.
Ma   quando
il   cielo   si   rabbuia,
ecco   arrivar
tempesta.
L’ anima
si   contorce
tra   spasmi
dolorosi,
onde   fragorose
la   sommergono.
A   fatica,
alla   ricerca
di   un   appiglio
per   non   naufragare,
aspetta   che   torni
il   sereno.
Sì,
” è   quel   mare   che    ho   dentro,
che   mi   crea   forti   tempeste.”
Come   vorrei   placarle,
ma   non   sono
un   mago,
sono   solo   un   uomo
alla   ricerca   di   se   stesso.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   ai   versi   di   Hugo

 

SAPEVO

 

Era una di quelle cose che sai,
ma che non puoi dire neanche a te medesimo:
tanto è terribile e vergognoso sbagliarsi”

( Lev Tolstòj, pag, 278, Anna Karenina)

 

Sapevo

che   stavo   commettendo

l’ errore

più   grande

della   mia   vita.

Ma   sono   stata

debole,

e   ho   peccato

di   presunzione.

Credevo

che   in   fondo

  meritassi

un   po’   d’ amore.

Quello   vero   intendo.

Col   senno   di   poi

guardando

a   tutto   ciò

che   ormai

è   la   mia   vita,

posso   solo   dire

che   

”   era  una   di   quelle

cose   che   sai,

ma   che   non   puoi   dire

neanche   a   te   medesimo  :

tanto   è   terribile   e   vergognoso   sbagliarsi   ”.

 

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   da   Anna   Karenina   di   Lev   Tolstoi

 

NON   SONO   LA   TUA   META

 

Visualizza immagine di origine
it.dreamstime.com

Io   ti   amo
ma   non   sono   
la   tua   meta.
Non   voglio   essere
per   te   solo
un   punto   d’arrivo.
Voglio   essere
il   tuo   inizio.
Isola
da   scoprire,
tracce
sulla   sabbia
da   seguire.
Voglio   essere
roccia   da   scalare,
scrigno
difficile   da   aprire.
Voglio
misurarmi
col   tuo   amore
e   farlo   crescere
ogni   giorno   di   più.
Voglio   incuriosirti
ed   essere   da   te
”  sfogliata  ”
come   si   fa
con   i   petali
di   margherita.
Devi   amarmi
scoprendo
chi   sono
a   poco   a   poco,
come   tu   stessi
sorseggiando
un   succo   di   frutta.
Io   ti   amo   sai,
ed   è   proprio   per   questo,
per   questo   folle   amore
che   nutro   per   te,
che   non   posso   essere
solo   la   tua   meta.

 

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   di   Hermann   Hess

 

DOVE   SEI  ?

 

Non sono geloso, sono solo”

Henry   Miller   a   Anais   Nin

Dove   sei  ?
Dove   sei   finita?
Mi   manchi
da   morire.
Tu   sai
che   senza   te
potrei   morire.
E’   assurdo
ma   è   così.
Ho   sperimentato
con   te
l’   inesprimibile.
E   la   tua   mancanza
è   ora  per   me
dannazione.
Mai   vorrei
pensarti  
con   un   altro.
Ma   bada,
non   sono   geloso,
sono   solo,
disperatamente
solo.

 

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Immaginando   Miller   solo   con   i   suoi   pensieri ,  rivolti   ad   Anais

 

UN   UNICO   VERSO

 

Regalami libri che finiscano bene
in mancanza di romanzi anche poesie
in mancanza di poesie magari anche una strofa
in mancanza di una strofa
anche un unico verso.

Yvon   Le   Men

Non   mi   piacciono
libri
che   raccontano
storie
finite   male.
Preferisco   leggere
poesie,
mi   basterebbe
anche   una   strofa.
Tienilo   a   mente
quando   dovrai
farmi   un   regalo.
Anzi   ti   dirò
di   più  :
anche    un   unico   verso
basterebbe.
Mi   piacerebbe   solo
ci   fosse   scritto
”  ti   amo” .

 

Isabella    Scotti   marzo  2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941  n°   633

Leggendo   Yvon   Le   Men

 

HO   IL   TUO   NUMERO   MA…

 

Non riesco a dormire
il numero di telefono è nella tasca
ma non oso chiamare
Amici e amiche a sera sono usciti
fuori da vecchie foto, lettere, cassetti…

Natan    Zach

 

Ho   il   tuo   numero
di   telefono
in   tasca.
Pensa ,
me   lo   tengo
stretto
anche   quando  
vado   a   dormire.
Ma   non   oso
chiamarti.
Sono   troppo
orgogliosa.
Non   voglio   essere
io
la   prima
a   farlo,
ad   alzare   la   cornetta.
Sì,
preferisco
il   telefono   
di   casa
al   cellulare,
ho   la   fissazione
di   sentir
più   nitide
le   voci
all’  altro   capo
del   filo.
Che   strano…
Comunque
sai   che   faccio
quando   ti   penso
di   notte
e   non   ti   chiamo?
Sfoglio
l’ album   dei   ricordi,
dei   tempi   in   cui   ridevo
senza   freni,
con   gli   amici
più   veri,
quando   ancora
la   vita   ingenua
dei   verdi   anni
era   sincera.
Così
non   mi   sento
più   sola,
ora   che   tu  ,
sei
chissà   dove.

 

Isabella   Scotti   marzo   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Leggendo   Natan   Zach

 

PER   ORA   MI   FERMO   QUI  .   ALLA   PROSSIMA   PUNTATA   POETICA…SEMPRE   SPERANDO   NEL   VOSTRO

GRADIMENTO.   BACIONI   A   TUTTI   VOI.    DI   NUOVO   LA   VOSTRA   ISABELLA