Archivi tag: cuore

Foto   Andrea   Romani

Umbria-   foto   Andrea   Romani

 

L’afa   assale   la   terra   già   all’alba.

Sembra   che   nasca   anche   dal   suolo   e   bruci

l’aria   e   l’asfalto   delle   vie   che   si   scioglie

come   liquirizia,   e   manda   odore   d’arsura

dovunque   e   verso   il   cielo   non   più   azzurro.

Intorno,   a   perdita   d’occhio,   è   tutto   secco,

e   l’erba   sulle   scarpate   e   lungo   i   fossi

aspetta   solo   una   scintilla   dalla   pietra

ustoria   per   incendiare   la   pianura.

Anche   il   rivo   delle   lavandaie

che   d’inverno   straripa   e   allaga   gli   orti,

ora   è   asciutto   e   mostra   il   greto   nudo,

desolato   e   osceno   come   un   vecchio   sesso.

Così   la   canicola   consuma

il   cuore   invisibile   dei   giorni

e   il   paesaggio   fino   all’orizzonte,

dove   il   sole   accecante   crea   i   suoi   miraggi.

Nella   distesa   dei   campi   mietuti

resiste   soltanto   la   gentiana   verna, ( * )

il   piccolo   fiore   azzurro   delle   stoppie.

Morirà   nel  suo   mare   d’oro   con   l’estate

sola   con   se   stessa   come   visse,

sotto   il   cielo   nuovo   delle   piogge.

 

Antonio   Seccareccia    (da  ” La  Memoria   Ferita ” )

 

La genzianella di primavera o genziana primaticcia (Gentiana verna )   è   una   pianta   perenne   appartenente   alla   famiglia   delle   Gentianaceae   diffusa   in   Eurasia   e   Nordafrica  .   Il   nome   del   genere   Gentiana ,  deriva   da   Gentius,   re   dell’   Illiria,   a   cui   tale   pianta   è   dedicata,   essendo   stato   il   primo   ad   utilizzarla   a   scopo   medicinale.   L’   aggettivo   latino   verna,   significa   ”  primaverile  ”  

Wikipedia

 

Acrostico   –   Settembre

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani  –    Fonti   del   Clitunno   –  Umbria

 

S   on   ricordi  indelebili  e   tristi  quelli   che   restano   di   una

E   state  passata

T   ra   speranze  e

T   anta  angoscia

E    ora   che   nonostante   tutto ,  giunto   è   questo   nuovo

M   ese    ricco   di   date   per   me   importanti

B   ramo   che   un   po’   di   quiete

R    aggiunga   il   mio   cuore

E    ad   essa   mi   possa   abbandonare

 

Isabella   Scotti   settembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani


Dolomiti    –     foto   Andrea   Romani

 

Incerta,

a   fatica ,

 proseguo  

il    cammino ,

altro   non

posso   fare.

Lascio

che   il   vento

asciughi

le   mie   lacrime

una   ad   una,

ma   subito  

riscendono  

copiose ,

senza   freno ,

mentre

affondano

nel   mare

dell’  assurdo

tutti   i   miei   perché.

M‘ interrogo,

non   ho   risposte,

vorrei   capire

ma   non  c’ è   modo

di  trovare   spiegazione.

E   allora

ogni   giorno

diventa   uguale

all’  altro.

Fintanto

che   la   spada

che   trafigge  

il   mio   cuore,

non   cadrà,

circolerò

ombra

di   me   stessa,

facile   preda,

ancora   una   volta,

di   un   dolore

che   spezza

le   gambe.

 

 

Isabella   Scotti      11   settembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Caro   Ricky   è    già   passato   un   mese   senza   te.    Ci   hai   lasciato  così   in   fretta   che   ancora   ci   guardiamo   attorno   senza   capire.   Ma   in   fondo   nulla   c’è   da   comprendere,   solo   accettare.   Sei   in   noi   sempre   e   per   sempre,   sei   assenza   diventata   presenza   continua.   Oggi   ricordare   quel   giorno   d’  agosto   fa   male,   troppo   male.   Aspetto   che   il   tempo   ci   dia   una   mano,   che   ci   aiuti   a   sopportare   il   fatto   di   non   vederti   più,   di   non   poter   più  ridere   con   te .   Dicono   che   il   tempo   sia   galantuomo,   che   medica   ogni   cosa ,   che   in   fondo   bisogna   solo   attendere.   Voglio   crederlo,   anche   se   sono   sicura   che   lunga   sarà   l’  attesa.

 

 

 

Questa   canzone   ti   ha  accompagnato   mentre   i   tuoi   amici   ti   portavano   sulle   spalle   per   farti   fare   ”  meta  ”   un’ ultima   volta  .  Te   la   dedico   di   nuovo.   Con   tanto   amore

tua   zia   Isabella

 

Quando   Ricky   se   n’è  andato   ho   già   detto   di   quanta   gente   sia   venuta   al   suo   funerale.   Tanti ,   di   quella   gente,   erano   suoi   amici   rugbisti,   colleghi   sportivi ,   e   amici   di   sempre.   Mio   fratello   li   ha   voluti   ringraziare   con   queste   parole   che   voglio   farvi   conoscere.   Lo   faccio   ora  ,   a   distanza   di  un   mese,   perché   la   troppa   emozione,   il   troppo   dolore   non   mi   hanno   permesso   di   farlo   prima.   Ecco   le   sue   parole

 

Cari amici di Riccardo, cari amici del Rugby,  non so come potrete comunicarlo agli altri, qui siete voi gli specialisti, ma volevo trasmettere un mio ringraziamento proprio a tutti voi.
Grazie perché non vi siete fermati alle parole, ma avete prodotto fatti tangibili, manifestando al di fuori, quello che era nel vostro cuore.
Qualcosa che ho sempre voluto trasferire a Riccardo: impegnarsi per gli altri, credere nell’amicizia senza secondi fini, senza la ricerca di alcun tornaconto ma mettendo al primo posto la lealtà, l’onore, l’amicizia, il cuore, ma anche l’organizzazione, l’impegno e la tenacia nel conseguire e realizzare un progetto.
Grazie perché anche tutti voi avete fatto proprio questo: partire dalle cose più piccole anche semplici ma che poi messe insieme, diventano grandi come siete riusciti a fare voi.
Veramente un qualcosa di  GRANDE come è stata la commemorazione ed il saluto di oggi a Riccardo.
Concludo nel dirvi che visto che anche voi avete realizzato concretamente quei consigli e quelle indicazioni che ho cercato di trasferire a Riccardo considererei un pezzetto di voi come se foste miei figli e quindi dei veri fratelli di Riccardo.
Lo avete conosciuto tutti, pensate che a tre anni si è buttato dalla finestra per fare Superman, voleva imparare a volare.
Ora ci è riuscito, è volato in cielo.
GRAZIE A TUTTI VOI
SCOTTI SENIOR
Frascati 14/08/2020
ovviamente   la   finestra   non   era   altissima

Miei   cari ,  vi   ho   lasciato   con   la   promessa   del   mio   nuovo   post ,  sul   proseguimento   del   mio   viaggio   in   Veneto.   Giusto,   non   l’ho   dimenticato.   Ma   non   è   ancora   pronto.   Nell’  attesa   ho   perciò   pensato   di   proporvi   qualche   poesia   abbinata   a   delle   foto.   Spero   gradirete   il   pensiero.   Augurandovi   un   buon   week   end   eccovi   poesie   e   foto.   Baci   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

COME   UNA   CARTOLINA

 

 

Come   una   cartolina.
Di   prima   mattina
la   spiaggia
è   solo   per   pochi.
Si    può    sentire  
l’ odore   del   mare,
cercare   conchiglie
senza   fretta,
e   stendere
un   asciugamano
per   lasciarsi   accarezzare
dai   primi   raggi
del   sole.
Come   una   cartolina
è
il   mare,
senza   confusione.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   Jane

 

 

SOTTO   UN   CIELO   CUPO

 

Sotto   un   cielo
cupo
si   è   svegliato
arrabbiato
il   mare.
Sbuffa,
schiumeggia.
Potenza   dei   flutti
che   tutto   travolge.
Poi,
dopo   essersi   sfogato
rabbioso,
eccolo   giungere
e   lambire
la   riva.
Rami   abbandonati,
odore   di   salsedine,
e
ciuffi   d’alghe   che
coprono   ormai
l’umida   sabbia.
Piano ,
tornerà   il   sole,
e    sarà   
dolcemente, 
solo   quiete.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   Jane

 

LA   CANZONE   DEL   FIUME

 

Canta
la   sua   canzone
il   fiume.
Intonata,
unica,
passionale.
”  Fresche  ”   note  
   accompagnano
passi   incerti
alla   ricerca
di   stabilità.
Un   andare
soli,
con   i   propri   pensieri,
lasciando
a   casa
le   turbolenze
del   cuore.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   Jane

 

UNA   VERA   AMICIZIA

 

Folta   è   la   tua   criniera.

Mi   piacerebbe

spazzolarla  sai ?

Ma   per   ora

mi   basta   accarezzarti,

scivolare   con   la   mano,

sul   tuo   muso

di   velluto,

e   credere

che   insieme

potremo   fare

un   sacco   di   cose.

Sì,   ne   sono   certa:

la   nostra,

sarà   una   vera

amicizia,

di   quelle, 

che   si   ricorderanno

per   sempre.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   legge   22   aprile  1941   n°   633

Grazie   a   Zivago42

 

NEL   GIARDINO

 

C’ è   un   profumo

di   limoni

che   invade   tutto

il   giardino.

E’   odore

d’ estate  ,

è   il   giallo ,

che   richiama

alla   mente

il   colore   del   sole,

che   mi   fa   sentir   

viva,

che   mi   fa   gioire.

Colori   osservati

e   profumi   annusati

dopo   la   pausa

di   un   buon   caffè.

 

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   a   Zivago42

 

STO   CON   TE

 

fum2k0

Sto   con   te,

qui   passeggiando,

mano   nella   mano,

dimenticando   il   mondo ,

lasciando  , 

che   la   brezza   marina ,

ci   accarezzi

il   volto.

Che   strano,

pensavamo

che   quassù

non   passasse   nessuno,

e   invece,

quanti   innamorati 

prima   di   noi ,

hanno   voluto

lasciare   un   segno

del   loro   passaggio,

quanti   lucchetti

su   quella   catena.

Una   testimonianza

d’ amore

che   arriva   diretta

e   mi   colpisce   

il   cuore.

Ah   l’amore,

come   sa  

travalicare   confini

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   a   Zivago42

 

I   MIEI   OCCHI

 

Come   poggia

tenera

la   tua   mano

sul   mio   muso.

Ne   avverto

il   tocco   leggero,

la   delicatezza.

Ti   sento   vicina,

te   lo   confermano

i   miei   occhi ,

che   c’è   del   feeling

tra   noi.

 

Isabella   Scotti   maggio  (   si   fa   per   dire,   visto   il   tempo  )   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   a   Zivago42

 

 


Cari   amici   vi   regalo   nell’ attesa   di   volare   in   Veneto,   qualche   poesia.   Baci   a   tutti   e   buona   primavera.

Ops ,   mi   sono   confusa,   è   ancora   inverno.

 

TRA  I   FIORI   DI   MAGGIO

 

Visualizza immagine di origine

lemiepiante.it

Nei   giardini
di   maggio
mi   perdo
tra   fiori,
che   si   svegliano
piano
al   sorriso
del   sole,
lasciandomi
dal   loro   profumo
inebriare.
E’  
nei   giardini
di   maggio,
che   vedo  
fiorire
le   rose.
Ma   come   mi   son   cari
i   fiori   di   ginestra
che   s’ aprono   lucenti
come   vena   d’oro,
quasi   gemme   di   luce.
Amo
sostare   pensierosa
nei   giardini
di   maggio,
perdermi
per   poi   ritrovarmi.

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

NON   MI   PIACE   LEGGERE   LETTERE

 

“Quasi non oso leggere le lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,
non resisto al dolore della lettura”

Franz  Kafka

 

Sì,
in   effetti
esse
sono   qualcosa
di   molto   strano.
Si   scrivono
parole
senza   poter
guardarsi
in   volto.
Siamo   lontani,
io   che   scrivo,
tu   che   ricevi
ciò   che   ti   invio.
Parole   che
scritte
possono  
anche   perdersi ,
non   solo
per   quanta   strada
a   volte  
si   trovano   a   fare,
per   giungere   a   destinazione.
Ma   anche
perdere   di   significato,
al   contrario
di   quelle   dette,
che   si   possono   spiegare,
a   lungo   discutere .
Ecco   perchè
“quasi   non   oso   leggere   le   lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,

non resisto al dolore della lettura”.
Ecco   perchè
preferisco   aspettare,
piuttosto   che   una   lettera
con   parole
che   mi   metterebbero
in   ansia,
ne   sono   sicura,
semplicemente
il   tuo   ritorno.
E   sperare   che
tu   mi   stia   pensando
con   la   stessa   intensità
con   la   quale
io   ti   penso.
Non   voglio   leggere
su   di   un   foglio
”   ti   amo ”
te   lo   voglio   sentir   dire.
   Solo   questo   conta
per   me.
Ti   aspetto.
Tutto   qui. 

Isabella  Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dall’incipit   in   neretto   di   Kafka

 

RICORDI   D’  ESTATE

 

Ricordi

quando   con   la   bici

si   andava

spensierati

su   strade   sterrate,

facendo   a   gara

per   arrivare   primi

al   fienile?

Erano   i   tempi

in   cui   noi,

tanti   cugini,

ci   si   rincontrava

d’estate.

Eravamo   sempre  

felici   quei   giorni,

ci   sentivamo

liberi.

Il   fienile

era   la   nostra

tappa   finale,

e   il   nostro   rifugio

dove   attendere

la   fine   della   pioggia.

Ancora   è   lì   sai  ?

L’ ho   rivisto   da   poco

e   mi   ha    fatto

commuovere.

Sì,   ho   versato  

una   lacrimuccia,

quando   guardandolo

ho   rivisto   noi  

tutti   insieme.

Come   fugge   via

il   tempo,

portandosi   via

anche   chi

sarebbe   bello,

fosse   ancora   qui.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie    Simona

 

INUTILMENTE

 

buttati come l’edera a nascondere un pozzo,
quando tutti sapevamo di che pozzo si trattava?”
Cesare   Pavese

Parole,
troppe,
inconcludenti.
Buttate   lì,
come   l’edera
a   coprire   un   pozzo.
Che   delusione
questo   vuoto
tra   noi.
Eppure,  
pur   sapendo,
abbiamo   cercato  
parole
che   riempissero  
quel   vuoto.
Dialoghi   ripetuti,
fino   alla   nausea
cercando   un   contatto.
Che   sciocchezza
crederci .
Quanta   ambiguità
nel   nostro   
nonrapporto .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   .   Copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   ai   versi   di   Pavese

 

 

TRISTEMENTE

 

scatto   di   Andrea

Tristemente
lascia   piano  
che   cadano
i   suoi   petali.
Si   è   accorto
con   rammarico ,
che   ancora  
non   soffia ,
col   suo   tiepido   alito,
   Primavera .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :    copyright     legge   22   aprile   1941    n°   633

 

NESSUN   ALTRO

 

”   La malinconia
culla con dolci canti
il mio cuore in oblìo  ”

Paul Verlaine

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

Il   mio   cuore   è   in   oblio.
Ti   ha   dimenticato.
Ha   dimenticato
molte   cose
del   nostro   amore.
Più   non   vuole
ricordare.
E’   rimasta
solo
una   dolce  
malinconia
ad   allietare
le   mie   sere.
E’   quasi   un   canto,
una   melodia
   sussurrata
dalla   quale
mi   faccio   cullare,
quando   fuori
le   fronde
son   sferzate  
dal   vento,
quando   le   gocce
di   pioggia
battono   i   vetri.
Quando   il   freddo
mi   fa   tremare.
Solo   lei
è   rimasta
a   farmi   compagnia.
Nessun   altro.

Isabella    Scotti    maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   di   Paul   Verlaine


margherita-e-prato.jpg (366×205)

Nuovo  TAG  amici.  Che  fare ?  Nulla  o  dire  qualcosa  a  riguardo?  Troppo  bello  questo  tag  ideato  da  Carla  (  https://ladimoradelpensiero.wordpress.com)  e  troppo  bello  essere  stata  taggata  dal  caro  amico  Piero ( fotogrammi e pentagrammi.wordpress.com )  per  rimanere  in  silenzio.

Le  regole  sono  sempre  le  stesse

1)  ringraziare  chi  l’ha  ideato :   grazie  Carla

2) ringraziare  chi  mi  ha  taggata  :  grazie  Piero

3)  nominare 10  blogger   (  voi  sapete  che  non  lo  farò )

4)  mettere  il  logo

5 )  esporre  il  proprio  ABC

Già  nel  titolo  mi  sono  un  pò  sbilanciata.

Ora  vi  dirò  qualcosa  in  più  con  un  acrostico  che  racchiude  il  mio  modo  d’interpretare  la  felicità.  Anche  se  debbo  puntualizzare  il  fatto  che  difficilmente  si  può  essere  felici  appieno,  quanto  più   raggiungere  uno  stato  sereno  di appagamento.  Questo  logicamente  è  come  la  vedo  io.

ARMONIA

Tutto  ciò  che   messo   insieme   mi  fa  star  bene.   L’armonia  del  creato  ad  esempio  procura  in  me  una  beatitudine  straordinaria.  Così  come  la  danza,  la  musica  classica  o  un’opera  d’arte  che racchiuda  in  sè  quel  mistero  irraggiungibile  che  la  rende  tale  ma  che  pur  tuttavia  raggiunge  il  cuore.

BERE  LA  VITA

Ecco,  qui  è  il  mio  punto  fermo.  Giorno  dopo  giorno,  fino  in  fondo,  vivere  apprezzando  sia  nel  bene  che  nel  male  ogni  pezzetto,  come  parte  di  un  puzzle,  della  vita.  Andare  avanti,  sempre , guardare  al  passato  teneramente,  sorridendogli  ma  proiettati  verso  il  futuro,  vivendo  il  presente  con  un  sorriso.  Quando  il  dolore  arriva,  perchè  arriva,  è  bene  non  soffermarsi  troppo  su  di  esso  perchè  superarlo  è  l’unico  modo  di  liberarsene. La  vita  va  avanti  imperterrita  e  noi  dobbiamo  accompagnarla  con  coraggio ,  dignità  e  forza.  Vivere  così  è  bere  la  vita  fino  all’ultimo  goccio.

CUORE

Come  fare  a   pensare  e  vivere  senza  usare  il  cuore.  Amare  con  tutto  il  cuore.  Fare  tutto  con  il  cuore.  Ascoltarne  i  battiti,  le  vibrazioni,  i  palpiti.  Il  nostro  cuore  ci  parla  e  ascoltarlo  è  l’unico  modo  per  trovare  quella  serenità  che  andiamo  tutti  cercando.

Questo  il  mio  ABC.  Ed  ora  l’acrostico.

F  elicità  è  bere  la  vita  fino  all’ultimo  goccio

E   realizzare  i  propri  sogni

L  iberi,  senza  costrizioni,  è

I  mmergersi  nella  natura

C  on  lo  sguardo  puro  di  un  bambino. E’

I  incontrare  la  persona  giusta  con  la  quale  condividere

T utto

A  mare  incondizionatamente,  sempre,  perchè  solo  l’amore  rende  liberi

Isabella  Scotti

Vi  voglio  bene.   Un  abbraccio  a  tutti  . Isabella


NON  C’E’  ALCUN  FIORE ,  IN  NESSUN  GIARDINO  DEL  MONDO,  BELLO  COME  UN  BAMBINO  SEDUTO  SULLE  GINOCCHIA  DELLA  MADRE.   NEL  CIELO CI  SONO  STELLE  SPLENDENTI, SUL  FONDO  DEI  MARI  PERLE  MERAVIGLIOSE,  MA  LA  BELLEZZA  DEL  MONDO  E’  NEL  SORRISO  DEI  BAMBINI.

ROMANO  BATTAGLIA

Oggi  la  vita  mi  ha  fatto  un  regalo.  Il  25  aprile  2015  è  stato  per  me  un  giorno  di  una  tristezza  infinita.  Perchè  quel  giorno   il  Nepal  è  stato  sconvolto  da  un  terremoto  .  Un  evento  naturale  che  fa  paura,  sempre,  che  non  è  prevedibile  e  che  lascia  dietro  sè    morte  e  distruzione. Così  è  il  terremoto:  terrificante.   Bè,  quel  giorno  ho  pianto  non  solo  per  tutti  coloro  che  rimasti  senza  niente,  disperati  per  aver  perso  tutto,   aggrappati  alla  speranza  di  poter  in  qualche  modo  ricominciare  e inventarsi  una  vita,  hanno  dovuto  farsi  forza,  e  superare  dolori  indicibili  sia  fisici  che  psicologici,   ma  perchè  ho  ricevuto  la  notizia  che  più  nulla  si  sapeva  della  mia  bambina  Sharmila.   L’associazione  che  si  occupa  delle  adozioni  a  distanza ha  cominciato  col  dire  che  avremmo  dovuto  aspettare  un  mese  e  più  per  avere  certezza  di  qualcosa.  Che  i  collegamenti  erano  giustificatamente  interrotti  e  che  ci  voleva  molta  pazienza.   Del  resto  Katmandù  era  rimasta  duramente  colpita.  E  Sharmila  era  proprio  lì.  Andava  a  scuola  lì.  Oggi  sono  felice.   Perchè  oggi  è  arrivata  la  splendida  notizia.  E’  salva  con  tutti  i  suoi  cari.   La  scuola  non  c’è  più  ma  lei  è  viva.  Nell’apprendere  ciò  ho  avuto  un  tuffo  al  cuore,  e  una  gioia  infinita si  è  impossessata  di  me.  Per  questo  voglio  dedicare  a  lei  e  a  tutti  i  bimbi  del  Nepal  questa  piccola  cosa  sperando  che  il  sorriso  torni  presto  sul  loro  visetto.

 

Sorrisi  di  bimbi

 

I  bambini  piccoli

quando  ridono,

ridono  di  cuore.

Il  loro  riso

è  coinvolgente.

Possono  ridere

all’improvviso

per  una  sciocchezza

e  noi,

guardandoli,

non  facciamo  altro

che  ridere  con  loro.

Possono  essere  europei,

africani,  cinesi

il  loro  sorriso

conquista  sempre.

Perchè  sono  belli

quando  ridono.

Paffuti,  mingherlini

sono  sempre

spontanei.

Non  conoscono

le  maschere

che  spesso  noi  adulti

 indossiamo.

Se  si  potesse

tutti

rimanere  bambini

forse  il  mondo

avrebbe  altri  colori:

tinte  pastello

delicate,

rosa,  celeste,  verdino

dipinte  ad  ogni  angolo !

 

Isabella  Scotti

 

 

 

 


Sai,  inconsciamente

era  te

che  aspettavo.

Da  tempo  cercavo

qualcuno

che  volesse  con  me,

condividere  tutto.

Ora,

coscientemente,

so  che  sei  tu

quel  qualcuno.

Ricordo  ancora

il  nostro  

primo  incontro,

in  casa  d’amici,

e  ricordo ancora

quando 

i  miei  occhi

all’improvviso

hanno  visto

i  tuoi .

Incrociare  

il  tuo  sguardo

e  capire

in  un  attimo

che  il  mio  cercare

era  finito.

Sentire

un   tuffo  al  cuore,

avvertire

un   tremore, 

vivere

una   sensazione

di  totale  abbandono…   

Anche  ora,

 quando  ti  vedo

vivo

le   stesse  emozioni.

Sai,

dicono

che  tutto  ciò

si  chiami

”Amore”.

 

Isabella  Scotti

Romeo_and_Juliet_(1968_film)[1]  foto  da  wikipendia

Romeo e Giulietta  ( 1968)  regia  di  Franco  Zeffirelli

 


PRIMO  ACROSTICO

F   orse  è  amore.  Del

R   esto  ogni  volta  che  lo  vedo

E

M   i  sorride

I   o

T   remo

O   h,  sarà   lui  quello  che  cercavo?

SECONDO  ACROSTICO

P   rendimi  ora.

A   ccelera  il  battito,  il  cuore.

S   enza  di  te  son  nulla.

S   tringimi  forte  ch’

I   o  quasi  non  respiri  ma  che

O   gni  parte  di  me  vibri.

N   on  ricorderò  allora  più  chi  sono , perchè

E   stasi  pura,  vivrò.

TERZO  ACROSTICO

I   mpossibile

N   egare  quando

G   ià  tutto  è  

A   ssolutamente  chiaro.

N    on  sei  più  mio

N   on  ti  voglio  più

O   dio , il  solo  guardarti.

Isabella  Scotti

Ragazzi  ma  non  è  sempre  così,  almeno  nella  conclusione  che  potrebbe  invece  essere…

QUARTO  ACROSTICO  (  AGGIUNTA )

P   er   sincerità  debbo  dire  che

E’   amore.

R    isento  spesso  quel  fremito,  come  un  battito  d’ali  improvviso.

S   o  che  anche  lui  lo  avverte.

E   così

M   entre  lo  guardo  ho  la  certezza  che

P   otremo

R   estare  per  tutta  la  vita  

E   ternamente  uniti,  serenamente  insieme.

 

Isabella  Scotti   2015

testo : copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Un caro saluto a chi passerà di qui.


…      l’Italia  entra  in  guerra.  Comincia   il  periodo  più  brutto  per tanti  giovani  che  ignari  dovranno  partire  per  affrontare  un  nemico  di  cui  non  conoscono  nulla.  Il  poeta  Giuseppe  Ungaretti  fervente  interventista,  parte  all’inizio  della  guerra  come  volontario.  Al  fronte  cambierà  parere,  rimanendo  invece  sconvolto  dalle  brutture  della  guerra,  dal  vivere  in  solitudine,  soffrendo  il  freddo  e  la  fame,  osservando  da  vicino  la  morte,  e  prenderà  allora  coscienza  dell’utilità  dello  scrittore  quale  testimone  di  un  conflitto  spietato  dove  l’uomo,  persa  ogni  dignità  affida  la  propria  vita  al  caso  sperando  comunque  di  poterne  uscire  indenne. Nascono  così,  quasi  come  un  intimo  diario ,  alcune  delle  sue  più  belle  liriche.

 

S.  Martino  del  Carso

Di  queste  case

non  è  rimasto

che  qualche

brandello  di  muro.

 

Di  tanti

che  mi  corrispondevano

non  è  rimasto

neppure  tanto.

 

Ma  nel  cuore

nessuna  croce  manca.

 

E’  il  mio  cuore

il  paese  più  straziato.

 

 

Cima  Quattro,  23  dicembre  1915  (  Primo  Natale  al  fronte  del  poeta )

Veglia

Un’intera  nottata

buttato  vicino

a  un  compagno

massacrato

con  la  sua  bocca

digrignata

volta  al  plenilunio

con  la  congestione

delle  sue  mani

penetrate

nel  mio  silenzio

ho  scritto

lettere  piene  d’amore

non  sono  mai  stato

tanto

attaccato  alla  vita.

 

 

 

Soldati

Si  sta  come

d’autunno

sugli  alberi

le  foglie.

 

Ed  ora  dopo  l’angolo  della  poesia  ecco  la  canzone

e  dopo  la  canzone  un’interpretazione  originale  della  stessa  in  un  film  moolto  particolare…


V’è  un  angelo  nella  famiglia  che  rende,  con  una  misteriosa  influenza  di  grazie,  di  dolcezze  e  d’amore,  il  compimento  dei  doveri  meno  amari.  Le  sole  gioie  pure  e  non  miste  di  tristezza,  che  sia  dato  all’uomo  di  godere  sulla  terra,  sono,  mercè  quell’angelo,  le  gioie  della  famiglia.

Chi  non  ha  potuto  per  fatalità  di  circostanze,  vivere  sotto  l’ali  di  tale  angelo  la  vita  serena  della  famiglia,  ha  un’ombra  di  mestizia  stesa  sull’anima,  un  vuoto  che  nulla  riempie  nel  cuore.

Benedite  Iddio  che  creava  quest’angelo,  o  voi  che  avete  le  gioie  e  la  consolazione  della  famiglia.  Non  tenete  in  poco  conto,  perchè  vi  sembri  di  poter  trovare  altrove  gioie  più  fervide  e  consolazioni  più  rapide  ai  vostri  dolori.  L’angelo  della  famiglia  è  la  donna,  la  madre.

GIUSEPPE  MAZZINI

L’angolo  della  poesia.

 

Tenerezza

Caldo  abbraccio  di  madre.

Il  bimbo,

dall’aria  innocente,

si  affida  a  lei.

La  stringe  affettuosamente

cingendole  il  collo

con  slancio,

e  di  rimando,

la  madre,

lo  abbraccia

 con  tenerezza.

Nessun’altra  scena

è  così  carica  d’amore

come  questa,

dolce,

dell’incontro

tra  madre  e  figlio,

nel  dipinto

che  osservo

qui,  ora

davanti  a  me.

Un  momento  intimo,

delicato

e  tenero,

volto

a  testimoniare

l’esistenza

di  un  legame 

unico,  profondo

indissolubile.

Isabella   Scotti

BUONA  FESTA  A  TUTTE  LE  MAMME  DEL  MONDO