Archivio dell'autore: tachimio

Ieri   all’  improvviso   si   è   spento   Flavio   Bucci,   uno   dei   nostri   attori   di   teatro   più   istrionico,   poliedrico,   originale,   travolgente   che   avevamo.   Un   attore   dalla   vita   disordinata,   eccentrico,   sempre   esagerato   eppure   dotato   di   una   grande   verve,   di   un   estro   ,   di   una   capacità   espressiva   davvero   notevole.   Non   ho   mai   dimenticato   la   sua   grande   interpretazione   del   pittore   Ligabue.  Chi   meglio   di   lui   poteva   interpretarne   quello   spirito   libero,   stravagante ,   originale,   trasportato   tutto   nei   suoi   dipinti  ?

Permettetemi   di   rendergli   omaggio   con   dei   versi   qui   già   pubblicati   ma   che   ora   voglio   a   lui   dedicare.

 

  Magari   da   lassu’   li   leggerà,   chissà…

 

Risultati immagini per dipinti di Ligabue

autoritratto   di   Ligabue

Salve,   mi   presento :
sono     Ligabue,
”  il   matto   del   paese ”.
Così   mi   chiamano,
ma   io   
non   li   sto
mica   a   sentire.
Ho   altro
per   la   testa.
  Mi   piacciono
tanto   le   galline ,
le   tigri,
gli   animali   in   genere. 
Mi   piace  ascoltarne
i   versi
e   riprodurli.
Certi   ululati
sono   capace   di   fare…
e   per   quello
vengo   deriso.
Ma   ditemi  :
chi   è   matto ?
Io   o   loro,
che   non   capiscono
che   quello  è   tutto
il   mio   mondo ?
Guardatemi,
ho   forse   l’aria
di   uno    che   può   dar   fastidio  ?
O   al   contrario,
il   mio   volto,
non   parla   forse
di   serenità   acquisita   
in   mezzo   alla   natura ,
al   verde   della   campagna  ?
Lasciatemi   dipingere
in   santa   pace,
tutti   gli   animali
che   voglio.
Mi   sento   libero,
quando   su   tela
ricreo   i   colori   ,
che   vedo   intorno   a   me.
Sono   proprio   io   in   quel   momento :
il   vero   Ligabue,
il   pittore.

 

Isabella   Scotti   marzo   2018

testo   :   copyright   legge   22   aprile  1941   n°   633

 

A   Ligabue

 

Risultato immagine per foto dipinti ligabue

stilearte.it

Ho   chiuso   la   porta
e   ho   lasciato
fuori   il   mondo.
Il   mio   di   mondo
lo   avevo   dentro.
Fantasmi   lo   popolavano.
Di   loro   ero   schiavo.
Voci   che   non   conoscevo
mi   urlavano   in   testa
e   salivo   scale
e   le   riscendevo
senza   capirne   il   perché.
Brandelli   del   mio   essere
si   sparpagliavano
senza   essere   raccolti.
Era   vita?
No,   non   lo   era
ma   solo   quella
mi   era   stata   data.
Allora   cominciai
per   sentirmi   meno   solo
a  trasferire   su   tela
il   mio   immaginario
allucinato,
la   mia   giungla
fatta   di   tigri,
di   animali   rabbiosi,
dalle   cui   fauci   spalancate,
uscivano
le   mie   stesse   grida.
E   il   colore   acceso,
verde   smeraldo,   rosso   fuoco
che   usavo   nei   miei   quadri,
era   quello
che   vedevo   intorno,
era   il   mio   sentire:
una   volta   pace   immensa,
un’altra   tormento   senza   fine

 

Isabella  Scotti   agosto   2017

Testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Visualizza immagine di origine

ansa.it

Visualizza immagine di origine

 

Visualizza immagine di origine

 

Visualizza immagine di origine

cinematographe.it

 

Buon   viaggio   Flavio   e   grazie   per  avermi   dato   col   tuo   interpretare   tante   emozioni


 

Auguri   a   tutti   per   un   buon   San   Valentino

La   vostra   Isabella


foto    Andrea   Romani    –    tramonto   francese

 

Se   sola
m’  attardo
incontro   là,
dove   si   perde
il   giorno,
subito
m’  accorgo
dei   battiti
accelerati
del   mio   cuore.
Suggestionata
da   ciò   che   vedo
all’orizzonte,
ne   ascolto
il   ritmo
incalzante.
E’   la   luce
del   tramonto,
quando
il   sole
piano,  
scompare,
a   lasciar
dentro   me
traccia   indelebile.
Stupore   e   meraviglia,
dolce   tremore.

 

Isabella   Scotti   febbraio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   da   ”   Il   sabato   del   villaggio  ”   di   Giacomo   Leopardi


Terza serata.  Le   cover .

Mi  sbrigo   senza   troppo   dilungarmi.   Oggi   mi   dovete   scusare,   ma   vado   di   fretta.

Ho   adorato   Tosca   e   il   suo   duetto   con   la   spagnola   Silvia   Perez   Cruz.  

”   Piazza   grande  ”   di   Lucio   Dalla   resa   affascinante   dalle   due  interpreti.

Splendida   e   morbida   Simona   Molinari    in   ”   Se   domani”   di   Mina,  nel   duetto   con   note   jazz   assieme   a   Gualazzi .

Originale   Pelù   che   ho   ritrovato,   grintoso,   nella   sua   interpretazione   di   ”  Cuore   matto   ”.     Geniale   la   trovata   di   proiettare   il   video   di   Little  Tony   che   canta  un   pezzo   della   sua   canzone   più   famosa.

Mi   sono   piaciuti  anche   Fausto   Leali   e   Zarrillo   sulle   note   di   ”  Deborah”,   che   come   ai   suoi   tempi   ha  fatto   nascere   in   me,   di   nuovo   come   allora,   la   voglia   di   ballare   e   cantare

 

Marco   Masini   orribile ,  con   acuti   fuori   luogo,   per   la   splendida   ”  Vacanze   Romane  ”   dei   Matia   Bazar.   Meglio   Arisa   ma   ancor   meglio,  l’ indimenticabile   complesso   e   la   canzone   originale

 

Ornella   Vanoni   solita ,  unica   voce,   di   classe,   con   pur   piccolo   cedimento.  Alberto   Urso   troppo   urlato.

 

Ed   eccolo   arrivare  :

 Benigni   il   solito   di   tutti   i   Sanremo,   prolisso,   esageratamente   lungo.   Sembra   abbia  trovato   la   sua   vera   strada,   di   studioso,   a   tratti   filosofo.   Ripetitivo ,  anche   se   cambiano   i   testi  (   una   volta   è   ”La   divina   commedia ”,   una   volta   ”  Il   cantico   dei   cantici  ”  )   su   cui   riflettere.  Forse,   stringere   i   tempi   sarebbe   meglio   e   anche   rinnovarsi.

 

Visto   che   poi   ho   spento   ho   stamani   voluto   vedere   qualche   rapper   e   la   loro   cover.   Premesso   che,   voi   lo  sapete,   non   amo   il   genere,   mi   sono   un   po’   ricreduta   su   Anastasio.   La   sua   interpretazione   di   ”   Spalle   al   muro ”   di   Mariella   Nava   portata   al   successo   da   Renato   Zero,   accompagnato   dalla   grande   PFM,   mi   è   piaciuta.   Così   come   ho   gradito   Rancore,   nell’  interpretazione   di   ”  Luce   ”  di   Elisa   assieme   a   Rappresentante di Lista,   nome   molto   particolare   per   un   gruppo.   Su   Achille   Lauro   e   la   sua   performance   penso   che   senza   Annalisa,   avrebbe   contato   molto   più   il   suo   travestimento   alla   David   Bowie   piuttosto   che   la   sua   voce   dai   toni   mooolto   bassi.

Poi   ho   visto   :

Rita   Pavone   e   Minghi.   Lui   mi   è   sembrato   un   po’   spaesato,  peccato,   meglio   Rita   ma  ” 1950 ”  indimenticabile

canzone.   E   Nina   Zilli   e   Diodato   con   ”  24.000   baci”   di   Celentano   arrangiata   forse   ancora   un   pochino   più   rock.

Bè,   direi   niente   di   che ,  con    però   una   nota   sul   vestito,   assolutamente   ridicolo,   della   Zilli.   Altre   volte   a   Sanremo   si   è   vestita   stravagante   ma   ieri   sera   mi   pare   si   sia   superata.   Vabbè   contenta   lei.

 

Sicuramente   ci   sarebbe   da   continuare   ma   mi   fermo   qui.   Debbo   scappare.   Forse   torno   per   l’ ultima   sera.    Vi   abbraccio   tutti

La   vostra   Isabella

foto   Sanremo  news   Zilli   e   Diodato

 

Tosca vince la gara delle cover di Sanremo 2020 con Piazza Grande di Lucio Dalla

 

Tosca   e   Silvia   Perez   Cruz

Sanremo 2020, Raphael Gualazzi e Simona Molinari (Foto Ansa)

Foto  Ansa   Gualazzi   e   Simona   Molinari

 

Per  quanto   riguarda   i   caratteri   della   scrittura,   scusatemi   colpa   di   wordpress


Bè   miei   cari,   ieri   sera   ho   continuato   ad   essere   curiosa.    Forse ,  complice   il   fatto   che   non   ero   del   tutto   addormentata,   ma   piuttosto   arzilla,   ho   optato   in   tv   nuovamente   per   Sanremo.   Che   dire  ?   Un   po’   di   cosette   a   dire   il   vero.   E   allora   le   voglio   elencare.

1  )    Ieri   ho   detto   che   per   quanto   mi   possa   piacere   Fiorello,   lo   trovo   troppo   invadente.    Confermo.    E’   il   ”  suo  ”   festival  ?   Se   sì,   perché   non   dirlo ?   La   sua   presenza   ieri   è   stata   costante,   Amadeus   la   sua   spalla.    Ciò   mi   fa   pensare   che   diriga   lui   il   gioco.   Per   me   così   è   sopra   le  righe,   esagerato.   Qualche   intervento   va   bene,  fa   ridere   con   le   sue   battute,   diverte,   ma   il   troppo   storpia.

 

2 )   I   giovani.    Tutti   uguali.   Tutti   rapper.   Possibile   non   esista   altro   genere   all’ infuori   del   rap,   che   interessi   i   nostri   ragazzi?   Dov’è   la   musica,   la   melodia?   Forse   tra   i   tanti   salverei   Fasma.   Ma   per   carità   viva  il   Gualazzi    della   prima   sera  e   il   suo   ritmo   trascinante,   la   sua   preparazione   musicale,   la   sua   canzone   che   ti   fa   battere   le   mani   e   il   suo   pianoforte.

 

3 )    La   gara.   Ma   esiste ?   Io   ieri   sera   ho   visto   ben   pochi   cantanti   salire   sul   palco.   Vabbè,   molto,   troppo   lunga   la   serata,   continuamente   interrotta   da   Fiorello   e  le   sue   gag.   Unica   grande   interprete  a   cui   do   10   TOSCA.     Un ‘  interpretazione   la   sua   da   oscar.   Testo   bellissimo   e   anche   qui   viva   il   pianoforte.

 

4)    Lo   spettacolo   bello,    piacevolissimo   tutto   da   godere,   mi   dispiace   dirlo   per   i   giovani,   è   stato   offerto   dagli   ospiti   tra   i   quali    i    RICCHI   E   POVERI   ,   che   cari   ragazzi,   rappresentano   il   passato.   Come   a   dire   che   senza   melodia,   musica   e   testo,   tutto   insieme,   nella   stessa   canzone,   non   si   va   da   nessuna   parte.   Dopo   più   di   quarant’anni   eccoli   ancora   sul   palco   di   Sanremo   a   regalarci   emozioni   e   musica   da   ri – cantare ,   mai   dimenticata.   E   non   finisce   certo   qui,   Massimo   Ranieri   con   Tiziano   Ferro   in   ”   Perdere   l ‘  amore  ”   canzone   indimenticabile   di   Ranieri ,  duetto   godibile,   e   poi   dulcis   in   fundo   il  ” leone  ”,   la   sua   voce   grintosa,  il   suo   blues,   l’ impareggiabile   Zucchero.   Ecco ,  lo   spettacolo   nello   spettacolo.   Direi   il   meglio   di   Sanremo,   gli   ospiti.

 

5)   Ultima   cosa:   Piero   Pelù.   Una   canzone   la   sua   che   mi   ha   un   po’   delusa.   Per   essere   la   sua   voce,   con   la   sua   sonorità,   da   ”  gigante   ”,   questa   non   gli   ha   reso   merito.  Per   essere   la   sua   prima   volta   sanremese   avrei   osato   di   più.    Peccato,   occasione   mancata

 

Il   resto   della   gara,   impossibile   da   vedere.   Troppo   lungo   il   tutto.

Un   abbraccio   a   tutti.   A   risentirci.

La   vostra   Isabella

 

 

 

Sanremo 2020, Zucchero canta Solo una sana e consapevole libidine VIDEO

foto   Ansa

 

Visualizza immagine di origine

ilsecoloxix.it


Eccoci   così   arrivati   cari   amici   ad   un   nuovo   Sanremo.   Con   tutte   le   polemiche   che   ci   sono   state,   ancor   prima   che   iniziasse,   mi   ero   proposta   di   non   vedere   quest’   anno   il   festival.   Ma   qualunque   canale   ne   parla,   e   allora,   poiché   ”   curiosità   è   donna  ”,   mi   sono   ieri   sera   sintonizzata   su   Rai   uno   per   sbirciare   un   poco.

Vi   dico   subito,   e   voi   sapete   che   sono   tradizionalista,   che   non   ho   ascoltato   né   Anastasio,   né   tantomeno   Achille   Lauro,   che   pure   sembrano   aver   preso  buoni   voti.   Mi   sono   invece   gustata   per   fortuna,  Romina   Power   e   Albano   osservando   anche   con   piacere   la   grazia   della   loro   figlia   Romina.   Il   loro   meedley   assolutamente   trascinante ,  con   le   canzoni   che   appartengono   alla   storia   del   festival,   mi   ha   fatto   cantare   assieme   a   loro.  Musica   ritmata,   piacevole,   dove   ancora   oggi   la   voce   di   Albano   lascia   il   segno.   La   bellezza   poi   di   Romina   è   indiscutibile.   E   che   dire   del   loro   nuovo   pezzo ?   ”   Raccogli   l’  attimo   ”   di   Malgioglio   mi   è   piaciuto   tantissimo.   Si   sentirà   ancora,   la   musica   è   troppo   orecchiabile.   Dei   cantanti   posso   dire   poco   perché  ho   visto   ben   poco.   Dirò   che   ho   amato   il   pezzo   di   le   Vibrazioni   ,   cantato   molto   bene  (   almeno   per   me  )   dove   ha   lasciato   il   segno   anche   Zana   Vanacore   che   ha   tradotto   nel   linguaggio   dei   segni   il   testo,   dando   alla prestazione   un  ‘  impronta   del   tutto   particolare.   Ho   trovato   Tecla,   seppure   andata   tra   i   giovani   in   semifinale,   un   po’   troppo   morbida,   forse   troppo   melenso   l’  arraggiamento   della   canzone.   Rita   Pavone  come   sempre   ottima,   anche  se   sinceramente   avrei   preferito   per   lei   un   testo   più   forte,   più   rock   viste   le   potenzialità   di   una   voce   che  è   ancora   notevole.    Ma   quello   che   in   realtà   mi   preme   dire,   è   che   ho   trovato   la   scenografia   davvero   colorata,   accurata,   splendida.   Delle   donne   Diletta   Leotta  e   Rula   non  posso   parlare   non   avendole   viste.

Di   Fiorello  sono   a   dire   il   vero   un   pochino,   per   quanto   simpatico,   stanca.   Mentre   è   Amadeus   per   me   il   vero   mattatore   di   questo   festival.   Un   vero   professionista,   elegante,   misurato,   ottimo   presentatore,   perfettamente   a   proprio   agio   nel   ruolo.   Molto   meglio  di   tutti   coloro   che   ultimamente   hanno   salito   il   palco   di   Sanremo.

Quini   bravo   Amadeus,   continua   così   senza   strafare   e   vedrai   che   la   sobrietà   vincerà   su   tutto.

Forse   stasera   guarderò   qualcosina   in   più   chissà.

Un   abbraccio   a   tutti.   La   vostra   Isabella

 

Gazzetta del Sud

 

 

 

 

 


foto   personale   Qui   si  fermavano  i   treni   a  Birkenau   con   i   deportati

foto   personale  Birkenau-   comignolo   di   un   forno

 

 

foto   personale  –     Baracche   ad   Auschwitz

 

 

foto   personale   lattine   per   il   cibo   scarso   distribuito

 

foto   personale   cumuli   di   scarpe

 

foto   personale   ciuffi   di   capelli

Tutte   le   foto   sono   di   mio   figlio    Andrea   Romani

 

 

C’è   un   silenzio

spettrale

ad   Auschwitz

e   Birkenau,

il   silenzio

della   morte.

Si   cammina

con   lei   accanto,

mentre   si   pensa   

ai   treni  

che  giunti   qui ,

si   fermavano

su   quel   binario, 

carichi   di   gente

ammassata,

senza   spazio

per   respirare.

Si   cammina

con   la   morte

accanto,

camminando

tra   le   baracche,

dove

stazionarono

migliaia  di   persone,

prima  di   essere   

mandate

a   morire

nei   forni   a   gas.

Non   ci   sono

parole

da   dire

né    commenti

da   fare.

Si   osserva

e   si   immagina

lo   strazio,

la   sofferenza,

il   dolore   acuto,

insopportabile,

vissuto   da   uomini,

donne   e   bambini.,

la   loro   dignità

di   persone  

violata.

Si   sentono

le   loro   urla

anche

in   questo   silenzio.

Quello   che   qui   è   accaduto,

non   può   essere   cancellato,

ma   si   può   impedire

che   accada   di   nuovo.

Si   deve   impedire.

  Mantenere   viva

la   memoria

di   ciò

che   accadde   qui ,

è   un   dovere,

perché   nessuno

possa   dimenticare.

Lo   si   deve

a   tutti   coloro

che   senza   motivo,

furono   strappati

alla   vita

in   modo   orribile,

senza   pietà   alcuna.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2020

testo  :   copyright     legge    22   aprile   1941   n°   633

Citazione   in   neretto   di   Anna   Frank