Archivio dell'autore: tachimio

Finalmente   Sarah  era  tornata  a   casa.

In   quella   villa  dove  tutti   i   suoi   parenti   ormai  ,  l’aspettavano  con   gioia.   E   con   gioia   anche   lei   era   tornata,   dopo   essere   stata   per   tanto   tempo   in   ospedale.   Quanti   giorni   erano   passati,   ora   sapeva   che   mai   più   avrebbe   potuto   vedere,   con   i   suoi   occhi,   che   si   nutrivano   di   bellezza,   la   sua   campagna   inglese.   Quella   campagna   dove   tanto   amava   cavalcare   e  dove ,   ahimè,   per   colpa   di   quell’ orribile   caduta,   aveva   perso   la   vista.    Aveva   ormai   superato   il   trauma,   ed   era   vogliosa   di   riprendere   le   sue   abitudini,  sorseggiare   un   buon   thè   alle   cinque   del   pomeriggio,  uscire   a   cavallo   per   una   passeggiata.    Era   diventata   cieca   per   sempre,   sì,   la   sua   vita  avrebbe   incontrato   difficoltà,   ma   aveva   ancora   tanta   voglia   di   continuare  a   fare   quello   che   faceva   prima   :   vivere.    Così   nonostante   tutto ,  per   dimostrare   a   se   stessa   che   ce   la   poteva   fare,   riprese   con   George,   il   suo   fidanzato,  ad   uscire,   e   frequentare   di   nuovo   gli   amici   che ,  durante   la   degenza   in   ospedale,    non   l’ avevano   mai   abbandonata.   Quel   giorno,   dopo   la   loro   rituale   uscita,   tornò   a   casa   serena   e   tranquilla,   come   sempre.    La   rilassava   fare   le   stesse   cose   di   prima,   e   chiacchierare   con   George.  Cercò  nella   borsa  le   chiavi   di   casa   e   aprì   la   porta   salutando   con   un   sorriso   il   suo   fidanzato,   che   si   allontanò   sicuro ,  dopo   averla   vista   entrare   e   richiudere   la   porta   dietro   di   lei.

 

Entrata,   cominciò   a   chiamare   i   suoi  genitori   per   rassicurarli   che   tutto   era   a   posto,   ma   non   ricevendo   risposta ,   credendo   fossero   usciti,   pensò   di   fare   un   bel   bagno.   Le   piaceva   immergersi    nella   vasca,     nell’acqua   calda   profumata   del   suo   bagnoschiuma   alla   lavanda.   Sapeva   perfettamente   dove   trovarlo.   Lo   lasciava   ogni   volta   sul   bordo , per   fare   in   modo   di   trovarlo   subito,   senza   cercarlo   nel   mobile   sopra   il   lavandino.  Anche   se   il   buio,   era   per   lei   ormai   totale,   non   voleva   fossero   gli   altri   a  doverla   aiutare,   voleva   essere   autonoma.   Per   cui   cominciò   a   salire,   tenendosi   ben   salda   al   corrimano,   la   lunga   scala   di   legno.   Il   grande   bagno   si   trovava   alla   sua   fine,   a  sinistra  della   scala,   accanto  alla  sua  camera   da   letto.   Dapprima   entrò   qui,   per  cercare   nel   cassetto   del   comò   un   bel   pigiama   da   casa,   comodo  per   godersi   la   serata,   ascoltando , allungata   sul   divano,  una   buona   musica.    Poi   si   trasferì   nel   bagno.   Arrivata   nei   pressi   della   vasca,  (   oramai   il   suo   senso   dell’  orientamento   era   straordinario  ) ,   si   chinò   per   prendere   il   bagnoschiuma .

 

Fu   in   quel   momento   che,  inavvertitamente,   toccò   qualcosa   che   la   fece   indietreggiare.  Rabbrividendo,   si   rese   conto   allora   di  essere   sola   e   che   mille   orribili   pensieri   la   stavano   paralizzando   dalla   paura.    Subito   chiamò  impaurita   i   suoi   cari.   Nessuno,   di   nuovo,   rispose.   Era   una   mano   ciò   che   aveva   lì   toccato,   inerme,   che   non   rispondeva   affatto   al   tatto.    Presa   da   un’ angoscia   profonda   che   cominciò   a   farla   tremare   tutta,   affondò   istintivamente   le   sue   mani   nell’  acqua ,  per   cercare   di   capire   ciò   che   le   sfuggiva,   che   non   arrivava   a   comprendere  :     là,   sul   pelo   dell’   acqua   galleggiava   una   seconda   mano.  Spaventata,   gridando ,  usci   dalla   stanza   correndo ,  senza   più   sapere   dove   andare,   finendo   per  inciampare  su   qualcosa .  Si  tirò   su   e   tremando ,   allungò  in   avanti   le   mani   per   toccare   quell’ ostacolo   che   l’ aveva   fatta   cadere  :  come   un   tronco   abbandonato,   una   gamba   stava   lì,   in   mezzo   al   corridoio.   Urlò   con   tutto   il   fiato   che   aveva   in   gola,   mentre   scappava   lasciandosi   dietro   morte   e   tanto   sangue.   Tornò   verso   la   scala,   ma   si   sentì   afferrare   e   buttare   per   terra.   Due   mani   la   trascinavano   chissà   dove.   Cercò   con   tutta   se   stessa   in   preda   al   panico,   di   divincolarsi   da   quella   stretta,   quando   il  buio,   in   cui   già   viveva,   la   prese   del   tutto   e   perse   i   sensi…

 

Quando   riaprì   gli   occhi    sentì   che    George   era   accanto   a   lei.    Era   arrivato   giusto   in   tempo.   Era   stata   la   cugina   di   Sarah   ad   avvertire   la   polizia,   sospettando   fosse   successo   qualcosa   nella   villa,   chiamando   al   telefono   i   suoi   parenti   e   non   ricevendo   alcuna   risposta.   Sapeva,   che   immancabilmente   alle   cinque ,  prendevano   il   loro   thè.   Peccato   che   mai   più   avrebbero   potuto   sorseggiarlo.   Per   fortuna   il  maniaco   non  riuscì   a   fare   a   pezzi   anche   la   povera ,  traumatizzata   Sarah .   Solo   il   tempo  potrà   aiutarla   a   cancellare   quei   brutti   momenti   e   l’ amore   di   George ,  che   mai   più   la   lascerà   sola.

 

Visualizza immagine di origine

 

Liberamente   ispirato   al   film   ”  Terrore   cieco  ”   con   Mia   Farrow

 

 

Isabella   Scotti   ottobre  2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 


A   15   mesi   di   distanza   dal   rogo   di   Notre   Dame   a   Parigi   brucia   a   Nantes   in   Francia   la   cattedrale   gotica   di   Saint   Pierre   e   Saint   Paul.

Non   posso   credere   che   si   ripeta   una   cosa   simile.   Ancora   sbadataggine,   corto   circuito ?

Odio   questo   dannatissimo   2020

 

Visualizza immagine di origine

imolaoggi.it

 

Visualizza immagine di origine

giornalesm.com


Ennio    che    nun    sei   artro.
Che    artro    qui    nun    ce   serve…
Pe    dì    che    abbasti   ar    monno.
Che    tu    servi    alla    gente.
Je    smovi    l’interiora.
Je    scombussoli    er    core.
Li    fai    senti    importanti.
Je    scateni    l’amore…
Ennio    che    nun    s’arresta
Ch’è    ‘n    fiume    sempre    in    piena.
So    partiture    scritte
da    un’anima    assai    pura
Tu    fijo    de    na    Roma
che    soffre    ma    non    trema
Spavalda    e    compagnona
tra    un    vaffa    e    ‘na    preghiera.
Ennio    che    nun    te    pieghi
Che    non    te    fai    fregà
Perché    hai    avuto    in    dote
er    genio    e    la    sincerità!

 

RENATO   ZERO

 

Ho   voluto   postare   questa   poesia   di   Renato   Zero   dedicata   al   grande   Ennio,   perché   semplice   e   vera.   E   anch’io   voglio   salutarlo.   Dirgli   che   una   sua   musica   ha   accompagnato   un   momento   della   mia   vita   molto   bello   e   importante:   i   mei    25   anni   di   matrimonio,   quando   tutto   per   me   era   ancora   bello,   quando   ancora   era   lontano  il   dolore.   Il   dolore   di   questi   mesi,    che   è   stato   costante   per   tutto   il   calvario,   non   ancora   finito   di   mio   nipote.   Nulla   si   è   potuto   ancora   fare   per   il   tumore   perché   tutto   ha   remato   contro.   Problemi   a   non   finire,    non   ultimo,   senza   sapere   bene   a   cosa   attribuire   ciò,   la   perforazione   dell’  intestino   con   conseguente   peritonite.   Preso   per   i   capelli.   Si   è   svegliato   e   altre   due   volte   di   nuovo   sotto   i   ferri   per   travaso   di   bile   che   nella   seconda   volta   non   c’era   per   fortuna.   Tutto   ripulito,   ora   in   terapia   intensiva,   aspettiamo.   Altro   non   si   può   fare.   Pregare,   tanto.   E   piangere,   ogni   giorno,   per   tanta   sofferenza   inaspettata.   Comunque   non   voglio   rattristarvi.   Il   mio   dolore   non   ha   requie,   nonostante   ciò   son   voluta,   con   fatica ,  tornare   qui   per   ringraziare   Ennio   Morricone   e   Giuseppe   Tornatore   per   aver   reso   la   serata   di   quel   25   settembre   del   2000,   una   serata   speciale.   Ho   voluto   festeggiare   quel   nostro   giorno   organizzando   la   serata   in   un   luogo   particolare ,  fuori   del   consueto.   In   un   locale   che   aveva   annessa   una   sala   con   un   grande   schermo   dove   poter   proiettare   le   nostre   fotografie   e   in   finale   la   scena   conclusiva   di   ”  Nuovo   Cinema   Paradiso  ”,   quella   dei   ”  baci”   con   in   sottofondo   la   musica   straordinaria   di   Morricone.   Piccoli   tavolini   rotondi   con   fiori   per   gli   invitati    posizionati   lungo   il   perimetro   della   sala,  e   musica   a   gogò   curata   da  Andrea   con   lo   schermo   dove   scorrevano   come   in   un   film   i   nostri   ricordi   più   belli.   E   con   la   scena   conclusiva   di   ”  Nuovo   Cinema   Paradiso”   applausi   a   non   finire.

Morricone    non   è   stato   solo   un   grande   musicista,   sensibile,   di   grande   respiro,   capace   di   cogliere   di   ogni   scena   di   film   che   avrebbe   interpretato   l’ anima,   l’  essenza   di   quello   che   traspariva   dall’  interpretazione   degli   attori,    ma   anche   un   grande   uomo.   Un   uomo   grande,   vero,   perché   profondamente   umile,   buono   di   cuore,   mai   sfacciato,   educato,   sempre   con   un   passo   indietro   più   che   avanti.

Una   testimonianza   la   sua   che   resterà   di   esempio   per   tutti,   soprattutto   per   coloro   che   credono   di   valere   solo   per   aver   raggiunto   il   successo,   che   senza   solide   basi   mai   durerà   a   lungo.   Studio   continuo,   sacrifici,   umiltà   amando   ciò   che   si   fa   con   passione,   con   dedizione   queste   le   armi   vincenti   di   un   uomo   schivo,   mai   sopra   le   righe.   Capace   di   trovare   un   equilibrio   perfetto   tra   la   musica   classica   e   quella   leggera,   generi   tra   loro   molto   diversi.   Edoardo   Vianello,   Mina   e   Gino   Paoli    sono   gli   interpreti   di   canzoni   famose   da   lui   arrangiate   in   maniera   geniale,   assolutamente   innovativa,   che   ancora   oggi   ricordiamo   e   canticchiamo.   Se   telefonando   di   Mina,   Sapore   di   sale   di   Gino   Paoli   o   Guarda   come   dondolo   di   Vianello,   resteranno   nella  nostra   memoria   indelebili.

 

 

 

 

Per  non   parlare   delle   sue   colonne   sonore   davvero   straordinarie.

 

MISSION :  

un   film   che   per   fotografia   ,   contenuto,   interpretazione   e   musica   è   in   assoluto   tra   i   miei   preferiti.

 

 

 

 

 

 

 

GLI   INTOCCABILI 

con   un   grande   Sean   Connery   e   Kevin   Kostner ,  Andy   Garcia   e  con   De   Niro   nei   panni   di   Al   Capone   (  ” solo   chiacchiere   e   distintivo  ”  ).   Indimenticabili   interpreti   e   la   musica…

 

 

 

PER   UN   PUGNO   DI   DOLLARI

   western   (   genere   che   adoro   )   con   il   grande   Clint   Eastwood   e   il   suo   intramontabile   poncho   e   il   nostro   Gian   Maria   Volontè

 

 

IL   BUONO   IL   BRUTTO   E   IL   CATTIVO

 

Sempre   con   Eastwood   il   buono,   Ely   Wallace   il   brutto,   e   Lee   Van   Cleef   il   cattivo.   Film   bellissimo

 

 

C’  ERA   UNA   VOLTA   IN   AMERICA

 

colonna   sonora   straordinaria   per   un   film   amaro,   a   tratti   malinconico ,   di   notevole   impatto.   Anche   qui   ancora   De   Niro   e   Elizabeth   Mc   Govern,   James   Woods.   Capolavoro   di   Sergio   Leone  

 

 

Si   potrebbe   continuare   all’  infinito,   ma   a   me   basta   qui   averlo   salutato   con   affetto,   ringraziandolo   per   avermi   accompagnata   al   cinema   godendo   della   bellezza   di   immagini   indimenticabili   rese   tali   dalla   sua   creatività   musicale.   Grazie   ENNIO,   direttore   d’orchestra   e   musicista   geniale

PS   Ho   dimenticato   di   dire   che   per   il   mio   anniversario,   l’invito   per   i   miei   ospiti   era   un   biglietto   a   colori   con   il   primo   piano   di   Rossella   O’ Hara    e   Rhett   Buttler    (   alias   Vivien   Leigh   e   Clark   Gable   )   come   apparivano   sul   manifesto   del   film   ”   Via   col   vento  ”   senza  il   titolo   del   film,   tagliato   da   Andrea,   solo   loro   due.

All’   interno   del   biglietto   avevo   riportato   una   frase   di   una   canzone   dei   ”   Cure  ”   di   cui   non   ricordo   più   il   titolo,   ma   il   cui   testo   era   questo   :

 

”   Non   c’è   nessun’ altra   in   tutto  

il   grande   mondo   che   mi   fa   sentire

in   questo   modo,   non   c’è

nessun   altro   in   tutto   

il   grande   mondo

che   mi   leva   il   respiro   ”

 

The   Cure

 


 

foto   Andrea   Romani

 

Vorrei
con   te
ancor
parlar   d’  amore.
Con   te
ancor ,
poter   sognare…
Strano
il  tempo ,
che
non   è   stato
nostro   amico,
che
non   ci   ha
di   più   uniti ,
ma   allontanati.
Che   è   fuggito
in   avanti
e   noi   qui
fermi
senza   nulla
tra   le   mani,
neanche
le   briciole
del   nostro   essere
stati   insieme.
Ora
che   qui
all’  imbrunire,
m’   attardo
di   nuovo ,
pensando
a   te ,
vorrei   solo
inseguirlo
il   tempo,
per   riportarlo
indietro
e   fermarlo   là ,
nel   momento
più   dolce
del   nostro   amore.

 

 

 

Isabella   Scotti   giugno   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 


LUIS   de   CAMOES  (   1524  –  1580  )

Visualizza immagine di origine

 

 

SAPO  –   Camoes

 

Il   gigante   della   letteratura   portoghese,   che   occupa   un   posto   di   primissimo   piano   anche   nella   letteratura   mondiale,   è   proprio   lui.   Gentiluomo   povero   ma   nobilissimo,   studiò   alla   celebre  università   di   Coimbra,   frequentò   con   assiduità   la   corte   di   Lisbona,  scrivendo   poesie   per   gli   amici   e   partecipò   alle   guerre   in   Marocco,   recandosi   a   Goa   e   Macao,    dove   immaginò   e   scrisse   I   Lusiadi,   poema   epico   in   cui   si   cantano   i   viaggi   di   Vasco   da   Gama.   Tornato   in   patria,   ebbe   un   poco  di   gloria   spentasi   quando   il   Portogallo   cadde   in   mano   spagnola.   Morì   in   estrema   miseria,   tanto   che   si   dice    che   il   suo   schiavo   andasse   a   mendicare   per   lui   nelle   strade.

L’età   del   Camoes    fu   ricca   di   altre   opere   celebranti   i   fasti   dell’  impero   portoghese,   e   storiche   e   d’immaginazione.   Due   nomi   tra   gli   storici   del   ‘ 600   vanno   citati   e   furono   Francisco   Manuel   de   Melo   (  1608  –  1666)   e   Bernardo   de   Brito  (  1569  –  1615  )

Il ‘ 700   viene   reputato   periodo   di   decadenza,   durante   il   quale   penetrano   peraltro   in   Portogallo   fermenti   neoclassici   e   più   tardi   romantici,   questi   ultimi   con   Manuel   Barbosa   Du   Bocage.

Col   XX   secolo   il   Portogallo   si   avvicina   alle   letterature   europee   e   partecipa   ai   movimenti   rinnovatori   in   politica   come   in   arte.   Al   Garret  (  1799  –  1854  )   si   deve   una   vasta   produzione   di   drammi   e   romanzi   storici.

All’ Herculano  (  1810  –  1877  )   una   monumentale   storia   del   Portogallo   e   profonde   indagini   erudite.

Lo   scrittore   più   scapigliato   del   secolo   fu   Camilo   Castelo   Branco   (  1826  –  1890  )

Nel   Novecento   riecheggiano   in   Portogallo   i   temi   europei   contemporanei   che   agitano   le   avanguardie   letterarie   nel   resto   dell ‘  Europa,   intrecciandosi   ad   un   movimento   di   ”  rinascita   portoghese  ”,   con   Teixeira   de   Pascoaes  (  1878  –  1952  )

 

I   Lusiadi

Canto   primo

 

Canto   l’  arme   e   i   famosi   cavalieri

che   sciolsero   dal   Tago   armati   legni

e   soldati   magnanimi   e   nocchieri

solcaro   novi   mar,   fondaro   regni,

e   sott’  astri   d’  incogniti   emisferi,

ciò   che   non   era   ardir   d’ umani   ingegni

vinser   nembi   e   procelle,   e   vider   lieti

correre   l’  aureo   Gange,   in   seno   a   Teti.

 

PS   Chiaramente   questo   è   semplicemente   come   inizia   il   canto   primo   che   va   ovviamente   avanti   e   che   non   potevo   certo   tutto   trascrivere.

fonte   –  L’  Europa   oggi  –  Lucio   Pugliese-   editore   Firenze

 

Visualizza immagine di origine

Famous   People   –   Vasco   da   Gama

 

 

Petit   onze  

 

   Camoes

cantore   dei   viaggi   di  

Vasco   da   Gama

esploratore   portoghese

navigatore

 

 

Isabella   Scotti   giugno   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633


Carissimi   ,    sapete   bene   che   non   sono   più   serena   come   un   tempo   per   quello   che   stiamo   vivendo   in   famiglia.   Nonostante   tutto,   poiché   non   voglio   lasciarmi   sopraffare   dall’   angoscia,  scrivo   ancora,   ogni   tanto.   Qui   vedrete   scene    di   qualche   film   da   me   interpretate.   Spero    gradirete   leggere   ciò   che   ora   vi   lascio.   Mi   dispiace   non   essere   presente   qui   come   prima,   leggervi   e   commentare.   So   che   così   vivono   i   blog,   ma   ho   troppa   pena   nel   cuore   per   continuare   come   prima.   I   post   però   se   trovo   la   forza   e   soprattutto   la   voglia,   continuerò   a   regalarveli.   Almeno   spero.

Vi   lascio   comunque   un   grande   abbraccio   che   vuole   comprendervi   tutti ,  accanto   ad   un   sorriso   che   voglio   comunque   continuare   ad   avere.   Pregate   sempre   con   me   e   non   dimenticate   di   pensarmi.   Io   vi   penso   sempre.

 

CI   SEI,  TI   SENTO

 

Un   battito   d’ ali
e   ti   sento.
Viva   presenza,
soffio   d’ amore
eterno.
Appena   un   fruscio,
e   le   tue   labbra
sulle   mie,
ancora
e   ancora.
Nulla   di   noi
si   è   perso.
Ti   sento,
ci   sei ,
anche
se    più  
non   ti   tocco.
Sembrava
tu   fossi  
   andato
lontano
quel   giorno,
e   invece
sei   rimasto  
con   me.
Storia   d’ amore
la   nostra,
senza   tempo,
oltre   il   tempo.

Isabella   Scotti   maggio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Scena   dal   film   ”  Ghost  ”

 

MI   PAR   DI   VOLARE…

 

 

 

Ecco,
le   tue
braccia
ora
mi   cingono
i   fianchi.
Guarda,
chiudo
gli   occhi
e   apro   le   mie…
mi   par
di   volare,
sicura,
senza   paura
alcuna.
Con   te,
mi   sento
di   poter
sfidare
il   mondo
intero…

Isabella   Scotti   maggio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Scena   dal   film   ”  Titanic  ”

 

LA   MIA   VENDETTA

 

 

Giuro,

mi   vendicherò.

Farò

ciò   che

debbo   fare.

Sono   stato

colpito

negli   affetti

più   cari ,

ma

il   dolore

mi   ha   temprato,

ora   sono

forte

più   che   mai,

e   lo   dimostrerò.

Con   la   mia   spada

e   lo   scudo

affronterò

Commodo,

che   mai  

riconoscerò

come   mio

imperatore.

La   mia   vendetta

la   sua   uccisione.

Il   resto

non   ha   importanza

 

Isabella   Scotti   maggio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Scena   dal   film   ”   Il   gladiatore  ”

 

FERMA   DAVANTI   UNA   VETRINA

 

Tubino   nero,

eleganza   raffinata

ed   ecco  

la   splendida   Holly

fermarsi

davanti

una   vetrina

e   sognare.

Il   bicchiere

in   mano,

una   brioche

nell’ altra,

rimirando

all’ interno

di   Tiffany,

anelli   e   bracciali

che   brillano

di   un   luccicore

sfavillante.

Immaginare

per   un   attimo

di   poterli

indossare,

vero   Holly   ?

Sognare

per   un   attimo

un   mondo

dorato,

convinta

di   farne   parte.

Per   poi

subito

tornare

alla   propria   realtà,

alla   propria

fragilità,

alla   propria

insicurezza.

 

Isabella   Scotti   maggio   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n °   633

Colazione   da   Tiffany   con   Audrey   Hepburn   e     George   Peppard

 

DUE   AMICHE

 

 

Due   amiche,

un   sogno

di   libertà.

Anche   noi,

ricordi   Margherita  ?

Con   la   mia   micra   rossa

come   Thelma   e   Louise ,

insieme

verso   Cannes.

Un   viaggio

per   la   prima   volta

intrapreso,

alternandoci

nella   guida,

tra   una   risata

e   l’altra,

gustando   appieno

l’  emozione

di   un   viaggio

irripetibile.

Insieme,

divertendoci

da   matte.

 

Isabella   Scotti   maggio   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n °   633

Thelma   e   Louise   con   Susan   Sarandon   e   Geena   Davis

 

SCALTREZZA  _  PETIT   ONZE

 

 

Occhi

raccontano    la   paura   del

momento    che   con

scaltrezza    verrà

superata

 

Isabella   Scotti   maggio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Indiana   Jones   e   il   tempio   maledetto   con   Harrison   Ford

 

INDIMENTICABILE   JAMES

 

Oh   James…
Come   breve
è   stata
la  tua   vita.
Eppure
come
hai   saputo
di   te
lasciare   traccia.
Il   tuo   volto,
così   capace
di   rappresentare
mille   sfumature,
ha   saputo
interpretare
come   non   mai
la   solitudine,
l’ angoscia
di   un   figlio
che   il   padre
poco   apprezza,
i   turbamenti
amorosi.
Come   ho   amato
” La   valle   dell’  Eden ”,
i   tuoi   tormenti
di   figlio   incompreso,
il   tuo   bisogno
smisurato   d’  amore,
la   tua   ricerca
di   un   rapporto
vivifico
con  tuo   padre,
un   Raymond   Massey
perfetto   nel   ruolo.
Sei   stato   grande
James.
Anche
in
”  Gioventù   bruciata ”
hai   saputo
raccontare
il   disagio
di   un   giovane
ribelle
che   la   vita,
assieme
ai   suoi   amici,
metterà
a   dura   prova.
Indimenticabile   James.
E
ancora
come   non   ricordare
la   tua   ultima
fantastica   interpretazione
ne
” Il   gigante  ”  
con   Rock   Hudson
e   Liz   Taylor   ?
Peccato   che
la   morte
ti   abbia   voluto
ghermire
troppo   presto.
Chissà
quali   
altre   perle
ci   avresti   regalato.

 

 

Isabella   Scotti   giugno   2020

testo  :  copyright    legge   22   aprile   1941   n°   633

 

SONO   CAMBIATA

 

 

Ehi   gente…

guardate

come   sono  

cambiata.

Ora

che   ho   

sperimentato

la   felicità,

sono   un’ altra.

Non   sono

più

la   donna

di   ieri.

Oggi

comincia

la   mia   nuova

vita.

Tutto

mi   sorride…

ho   incontrato

l’ amore.

 

Isabella   Scotti   giugno  2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dal   film   con   Julia   Roberts  e   Richard   Gere   ”   Pretty   Woman  ”

 

MATRIX   –   serie   petit   onze

 

 

Mi

chiamo   Thomas   Anderson  e

faccio   il   programmatore

di   notte

hacker

 

Sono

protagonista   nel   film   Matrix

di   cui   qui

presento  una

scena

 

Isabella   Scotti   giugno   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dal   film   Matrix   con   Keanu   Reeves

 

 

 

 


 

Visualizza immagine di origine

foxbackdrop.com

 

Stanotte

mi   sono   alzata

un   attimo,

e  

ho   aperto

la   finestra.

Ho   dato

un’ occhiata   fuori,

volevo

salutare   la   luna,

  mi   piace 

la   sua   compagnia.

Ma   invece   

che   vederla   da   lontano,

me   la   sono   trovata

a   due   centimetri

dal   naso.

E   stranamente

guardando   intorno

ho   avuto   l’impressione

che   ogni   cosa  

stesse   morendo.

Curvi

gli   steli   dei   fiori

sul   balcone.

Spogli

i   rami

di   tutti   gli   alberi.

L’  erba   del   prato

s’era   fatta   secca.

I   cani

assetati

cercavano   da   bere

Tremante

ho   richiuso

la   finestra.

Ho   stropicciato

gli   occhi

e   l’ ho   riaperta,

non   potevo   credere

a   quello   che  avevo   visto,

che   fosse   vero.

E   infatti,

tutto   era

al   suo   posto,

così   come

doveva   essere.

I   fiori   sorridevano

al   cielo,

gli   alberi   tutti

avevano

le   loro   verdi   foglie,

e   i   cani

bevevano   acqua

in   vecchie  fontane.

Mi   sono   allora

tranquillizzata,

e   ragionando

mi   son   detta  :

”   Vuoi   vedere

che   in   tutto    questo

c’ entra   la   luna ? ” 

Sapete,

a   volte

la   signora   del   tempo

e   del   destino,

è   bizzarra,

fa   i   dispetti,

e   allora   scende   dal   cielo,

si   avvicina   sempre   più

alla   terra,

e   tutti   impazziscono.

Per   fortuna

non   lo   fa   spesso, 

dopo   poco

riprende

il   suo   posto   lassù,

tra   le   stelle.

Anche   in   questo   caso

ha   fatto  

la    burlona,

ma

ora   brilla

di   nuovo   lontana

dal   mio   naso. 

Ha   ripreso   

il   suo   posto,

mi   par   quasi  

che   sorrida…

meglio   lassù

che   troppo   vicino

alla   terra.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2020

testo  :   copyright  legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 


Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

 

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

ACROSTICO

C  ome   siete   romantiche

A   ppariscenti   e   delicate

M   i   piacete   anche   chiuse

            E     poi   quando   vi    schiudete

L   a    vostra   bellezza

I   ncanta

E    allora…

 

come   fossi   la ”  signora   delle   camelie,  ”  vi   colgo, 

raggruppandovi   in   mazzo,   stringendovi   al   petto


A   febbraio,   quando   ancora  potevamo   improvvisarci  turisti   senza   problemi   di   coronavirus,  ho   passato   un   week   end   straordinario   a   Lucca.    C’ eravamo   stati   di   passaggio   molti   anni   prima ,   quindi   non   l’  avevamo  apprezzata   appieno,   come   è   stato   invece   in   quei   tre   giorni.   Un   incontro   direi   acquetante.   Dimenticate   la   fretta,   dimenticate   il   pensiero   fisso   di   dover   visitare   certi   punti   spettacolari   come   potrebbe   essere   il   Ponte   Vecchio   a   Firenze,   la   Torre   Pendente   a   Pisa.   No.   Lasciatevi   andare,   qui ,  al   piacere    di   una   bella   passeggiata,   a   proprio   piacimento,   dentro   una   città   sorprendente   e   variata.   Una   città,   unica   ad   essere   in   Italia   ed   Europa,   ancora   oggi   interamente   cintata.

Le   mura   la   circondano   in   un   cerchio   cosiddetto   ”   arborato”.   Costruite   fra   il   1500   e   il   1600,   queste   mura   non   sono   cupe,   alte,   turrite,   irte   di   merli  come   quelle   medioevali,   bensì   costituiscono  un   riposante   e   verde   bastione   a   scarpata,   che   si   estende   per   4   km,   per   un ‘  altezza   di   12   m,   qua   e   là   scandito   da   baluardi   a   forma   di   cuore ,   e   percorso,   sulla   cima,   da   una   bella   strada   ombreggiata   da   due   file   di   alberi.   Questa   gigantesca   opera   militare,   fatta   per   proteggere   Lucca,   fu   terminata   troppo   tardi  :  l’ unica   invasione   respinta   fu   quella   delle   acque   del   Serchio,   di   cui   arrestarono   l’avanzata,   salvando   la   città   da   una   disastrosa   alluvione.   Le   mura   però,   hanno   contribuito   a   tutelare   l’ integrità   architettonica   del   nucleo   urbano   più   antico.   Nell’ Ottocento,   sotto   il   dominio   di   Maria   Luisa   di   Borbone,   persero   l’originario   aspetto   militare   e   furono   trasformate   dall’ architetto   e   ingegnere   Lorenzo   Nottolini,   in   un   magnifico   parco   pubblico   adorno   di   piante   secolari,   dove   si   vive   appieno   quel   piacere   di   cui   sopra :   un   passeggiare   piacevolissimo,   o   un   correre  per   mantenersi   in   forma .

 

Due   solitari   a   braccetto

Scorcio

La   coppia   di   prima   in   posa   per   la   foto   ricordo

Immortalato   da   lontano   senza   sapere   chi   sia…

Breve   sosta

 

Già   dalla   sommità   delle   mura,   la   città   appare   raccolta   in   sé   come   dentro   la   cavità   di   una   mano.   Tetti   di   vecchi   coppi,   giardini   pensili,   cupole,   campanili   merlati,   voli   di   piccioni,   la   Torre   dei   Guinigi,   alta   45   mt .  Nessuna   profanazione   visibile,   il   sole   che   fa   fatica   a   raggiungere   con   i   suoi   raggi,   le   strettissime   vie  medioevali.

 

foto   di   Andrea   Romani

 

”   Era   nella   città   di   Lucca   uno   gentile   uomo   della   famiglia   de’   Guinigi,   chiamato   messer   Francesco…Costui   ritrovandosi   in   Lucca   e   ragunandosi   sera   e   mattina   con   gli   altri   cittadini   sotto   la   loggia   del   podestà,   la   quale   è   in   testa   della   Piazza   San   Michele,   che   è   la   prima   Piazza   di   Lucca,   vide   più   volte   Castruccio…”

scrive   Niccolò   Macchiavelli   nella  sua   Vita   di   Castruccio   Castracani   da   Lucca  ,  una    biografia   romanzata   del   famoso   condottiero    che   narra   avvenimenti   diventati   leggendari.

 

foto  Andrea  Romani

Poi   si   prende   a   camminare   ed   è   un   piacere   perdersi    su   queste   strade   dall’  aspetto   insolito.   Perché ,   a   differenza   di   altre   belle   città,   dove   l’  orientamento   delle   vie,   il   traffico,   conduce   verso   quei   punti   dove   la   bellezza    dà   spettacolo   di   sé,  (   la   Piazza   della   cattedrale   o   del  municipio  ),   qui   a   Lucca,   nessun   colore   stridente.  La   città   si   mantiene   strana ,   irregolare,   inattesa.   La   bellezza   è   sparsa   ovunque,   come   un   dono.

La   Chiesa   di   S.   Martino,   ad   esempio,   con   la   facciata   mossa,   rosata,   striata,   e   col   più   bel   sepolcro   del   Rinascimento,   scolpito   da   Jacopo   della   Quercia ,   dove   giace   supina   la   delicata   Ilaria   del   Carretto,   sposa   di   Paolo   Guinigi,   il   viso   addormentato   in   un   sonno   di   cera,   il   collo   celato   nella   corolla   del   bavero,  il   guanciale   guarnito   di   nappe   che   s’ affloscia   appena   sotto   il   peso   del   capo ,   il   cagnolino   ai   piedi   come   a   ricordarle   la   vita,   in   maniera   struggente.

 

 

 

foto  Andrea   Romani

 

foto   Andrea   Romani

 

O   S.   Frediano,   la   cui   facciata   romanica   appare   d’ improvviso   ornata   di   un   grande   mosaico   splendente.

Visualizza immagine di origine

Planetware

 

Foto   Andrea   Romani

Bella   anche   questa   piazza   foto   Andrea   Romani

E   ancora   la   chiesa   di   S.  Michele   fondata   nell’  VIII   sec.   che   sorge   al   centro   di   quello   che   un   tempo   era   il   foro ,   cuore   della   città   romana   famosa   per   aver   ospitato   il   primo   triumvirato,   l’ accordo   tra   Cesare,   Pompeo   e   Crasso,   che   avrebbe   cambiato   la   storia.  Durante   il   periodo   medioevale,   si   doveva   accedere   all’interno   della    chiesa    attraverso   un   ponte   di   legno,   detto   Ponte   al   Foro,   per   la   presenza   di   un   canale   che   attraversava   tutta   la   piazza,   la   Fossa   Natali.
L’aspetto    attuale   della   chiesa   mescola   lo   stile   romanico   con   elementi   di   gusto   gotico.   La   facciata   si   presenta   composta   da   quattro   ordini   di   logge   ed   è   sormontata   dalla    maestosa   statua   in   marmo   raffigurante   l’arcangelo   Michele   che   sconfigge   il   drago   con   una   lancia:   secondo   la   leggenda   popolare   nelle   giornate   più   luminose   si   può   scorgere   lo   scintillio   dello   smeraldo   incastonato   in   tempi   antichi   sulla   superficie   della   statua.

Ogni   loggetta   è   sorretta   da   una   colonnina   ora   liscia,   ora  intarsiata,   ora   inghirlandata,   ora   avvolta   nelle   spire   di   una   serpe.

 

foto   Andrea   Romani

 

Una   sorpresa   bellissima   è   capitare   nella   famosa   ”   Piazza   del   Mercato  ”,   di   forma   ellittica,   circondata   da   un   anello   ininterrotto   di   case,   che   rispecchia   fedelmente   la   planimetria   dell’  antico   anfiteatro   romano.   Uniche   vie   d’  accesso   sono   quattro   fornici    che   in   un  qualche   modo   hanno   contribuito   ad   isolarla,   non   solo   materialmente,   dal   resto   della   città.   Per   i   ”  piazzaioli  ”,   così   vengono   chiamati   coloro   che   abitano   nella   piazza,   è   antica   tradizione ,   nei   giorni   festivi,   giocare   a   tombola   all’  aperto.   Nel   caso   si   metta   a   piovere,   l’  ottima   acustica   della   piazza   permette   di   continuare   il   gioco   dalle   finestre   delle   case ,   chiamando   a   gran   voce   i   numeri   estratti.

(   Fornici  : 

costruzione   arcuata,   atta   a   sorreggere   o   coprire   qualsiasi   ambiente   o  spazio:      significa   tanto   l’arco    quanto   la   vòlta   formata   di   parecchi   archi.   Gli   scrittori   latini   usano   fornix   per   tutti   gli   archi,   a   qualunque   uso   destinati:   archi   di   sostegno,   arcate   di   acquedotti,   archi   di   trionfo.   Il   significato   si   estese   quindi   all’  ambiente   coperto   dal   fornice,   indicando   così:   passaggi   coperti   a   vòlta   nelle   mura   o   nelle   torri   di   piazze   fortificate:   camere   a   vòlta   destinate   agli   schiavi   di   minor   conto;   locali   al   disotto   del   livello   stradale,   spesso   ritrovi   di   corruzione   (  da   qui   il   significato   di   fornicare). 

Enciclopedia   Treccani  )

 

La   Piazza   del   mercato   di   sera   foto   Andrea   Romani

Altra   angolazione   foto   Andrea   Romani

 

  Era   già   notte   quando   raggiunsi   la   città   di   Lucca.   Come   mi   era   parsa   diversa   ,   la   settimana   prima ,   quando   avevo   percorso   di   pieno   giorno   le   vie   deserte   e   piene   di   eco,   e   m’  era   parso   di   essere   piovuto   in   una   delle   città   incantate   di   cui   le   fiabe   della   mia   nutrice   narravano. La   città   era   silenziosa   come   una   tomba,   tutto   era    scolorito    e    morto,   la    luce   del   sole   giocava sui   tetti   con   lo   stesso   scintillio   delle   foglie   d’oro   delle   corone   messe   in   testa   ai   morti;   qua   e   là,   dalle   finestre   di   qualche   vecchia   casa   in   rovina,   pendevano   tralci   d’edera   come   lacrime   verdi   inaridite;   dappertutto   muffa   luminescente   e   morte   paurosamente   in   agguato;   la   città   sembrava   il   fantasma   di   una   città,   spettro   di   pietra   apparso   in   pieno   giorno…”.  

Il   grande   poeta   tedesco   Heinrich   Heine   (   1797  –  1856  )   dedicò   alla   città   toscana   addirittura   due   dei   suoi   Reiselbilder,   impressioni   o   quadri   di   viaggio :  I   bagni   di   Lucca   e   La   citta’   di   Lucca .  

Questo    scritto   è   tratto   proprio,   ovviamente,   da   ”  La   città   di   Lucca  ” 

 

Ditemi,   sapete   chi   nacque   in   questa   splendida   città  ?    Giacomo   Puccini,   che   abbiamo   avuto   l’  onore   di   incontrare,   comodamente   seduto,   quasi   ci   stesse  aspettando,   fumando   un   sigaro,     nella   Piazza   della   Cittadella .

 

Nelle   vicinanze    c’è   la   sua   casa   natale,   dove  nacque   il   22   dicembre   1858.   La   Piazza   è   un   suggestivo   ritrovo   di   osterie,   bar ,   ristoranti   con   menù   dedicati   al   famoso   compositore.   La   sua   dimora ,   oggi   è   un   piccolo    museo,   dove   ci   sono   oltre   al   pianoforte   personale   Stainway & Sons   (  acquistato   da   Puccini   nella   primavera   del   1901   su   cui   compose   la   sua   ultima   opera ) ,   che,   grazie   al   restauro   filologico   della   ditta   Roberto   Valli   di   Ancona,   ha   mantenuto   intatte   le   sue   caratteristiche   originali  ,   parecchi   costumi   di scena   indossati  nelle   opere   da   lui   musicate,    dalla   Turandot    alla   Tosca  e   via   dicendo.   La   casa   dopo   la   morte   della   madre   verrà   data   in   affitto,  poiché   sia   Giacomo   sia   il   fratello   risiedevano   a   Milano   e   le   sorelle   erano   tutte   sposate.   Quando   queste   rinunciarono   all’  eredità,   i   figli   maschi   divennero   gli   unici   proprietari.   Nel   settembre   del   1889   i   due   fratelli   vendono   la   casa   al   cognato   Raffaello   Franceschini,   con   nel   contratto   una   clausola   che   garantiva   loro   di   poterla   riacquistare.   Dopo   il   successo   di   Manon   Lescaut  (  1893  ) ,  Puccini   tornò   proprietario   della   casa   che   passò   poi   ai   suoi   eredi.   La  nuora   Rita   Dell’  Anna   nel   1974   dona   la   casa   alla   Fondazione   Puccini,   con   la   volontà   che   fosse   trasformata   in   museo.  E   così   fu.   Inutile   dire   che   visitarla   è   fonte   di   grande   emozione,   per   il   viaggio   che   all’interno   si   può   fare   della   vita   musicale   e   non   solo   del   grande   compositore.   Ci   sono   scritti,   partiture,   fotografie.   Un   percorso   che   arriva   fino   alla   sua   morte.  Le   immagini,   prima   nel   suo   letto   di   morte,   per   cancro   alla   laringe,   e   poi   del   suo   funerale,     alla   quale   partecipò   una   fiumana   di   gente,   sono   indubbiamente   molto   coinvolgenti.  Una   casa   molto   di   fascino,   dove   potrete   anche   vedere   la   camera   dove   nacque,   la   soffitta   ”   bohème  ”   adibita   a   studio   e   la   finestra   da   cui   si   può   godere   di   una   vista   particolare  :   i   tetti   di   Lucca   fino   a   notare   in   lontananza   la   torre   del   Guinigi  .   Nella   ”   Sala   Turandot  ”    rimarrete   incantati   davanti   al   ricco   costume   di   scena   per   il   II   atto   della   ”   Turandot  ” ,   donato   da   Maria   Jeritza,   a   ricordo   del   primo   allestimento    dell’  opera,   al   Metropolitan   Opera   House   di   New   York Non   dimenticate  di   visitarla

 

Sala   Turandot

 

O   ancora   davanti   ai   costumi   di   Tosca   e   Scarpia

 

 

 

cappotto   del   maestro

 

Madame   Butterfly

 

Non   aggiungo   altro.   Vi   dico   solo   di   visitare   Lucca,   ne   vale   la   pena

 

Notizie   da   un   articolo   di   Grazia   Livi   da   Le   splendide   città   d’ Italia   (   Selezione   dal   Reader’s   Digest  )

 

Carissimi,   approfitto   per   dirvi   che  il   periodo   buio   che   sto   attraversando   in   famiglia,    non   direttamente,   ma   che   sta   toccando   un   mio   nipote,   non   mi   lascia   la   mente   libera.   Verrò   a   salutarvi   quando   posso.   Perdonatemi   ma   ho   dentro   un   dolore   che   è   insopportabile.    Questo   è   un   post   che   ho   mandato   avanti   lentamente.   Spero   che   le   cose   migliorino.   Auguro   a   tutti   voi   una   buona   ripresa   dopo   il   maledetto   coronavirus   che   ha   complicato   di   molto   le   nostre   vite.   Spero   di   tornare   a   sorridere.   Pregate   per   mio   nipote. Ha   solo   35   anni.

Vi   abbraccio.   Vi   voglio   bene

La   vostra   Isabella


Dalla   nonnina

bimba   vorrebbe    fiaba

mentre   su   barca   sta

 

Soldati   fanno   guardia

alla   porta   di   casa

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo  :   legge   copyright   22   aprile   1941   n°   633

Dipinto   di   Edmund   Dulac

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è edmund-dulac-the-rubaiyat.-blowing-rose.jpg

 

 

Nel    giardino

delle   rose    selvatiche

è   tornata.

Pensierosa,

s’  attarda

con   in   mano

una   piccola

rosa   bianca  ,

che   prende

a   sfogliare  ,

come   fosse

margherita.

”   M’  ama

non   m’  ama,

mi   ricorda  ,

mi   pensa  ?  ”

Oh  ,

come   ancor

viva

è   la   nostalgia,

come   ancor

bussa  

alle   porte  

del   cuore  ,

quello

strano   sentire

chiamato

Amore  .

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dipinto   di   Edmund   Dulac

 

 

 

Non   dire  

nulla

di   ciò

che   hai   visto.

Ti   prego

non   fare

il   suo   nome.

Sono   tua   amica,

non   tradirmi.

Non   raccontare

a   nessuno

del   mio   

amore   segreto.

Io,

dal   canto  mio

non   svelerò

nulla

di   quella

pappagallina

che   di   nascosto

ti   viene

a   trovare.

Mi   raccomando

shhh,   shhh…

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dipinto   di   Edmund   Dulac

 

Carissimi   penso   sappiate   cosa   sia   un   tanka.   Per   rinfrescarvi   la   memoria   dirò   soltanto   che   è   una   composizione   giapponese  formata   da   cinque   versi   di   5   e   7   morae   così   distribuiti   5,  7  , 5 , 7,  7  .

In   fondo   i   primi   versi  compongono   un   haiku. 

Poesie   e   tanka   interpretative   di   un’  artista   molto   importante   Edmund   Dulac

 

Edmund Dulac, nato Edmond Dulac (Tolosa, 22 ottobre 1882Tolosa, 25 maggio 1953), è stato un disegnatore e illustratore francese naturalizzato inglese.

È stato fra i più importanti artisti del cosiddetto Periodo d’oro dell’illustrazione (a cavallo fra la fine del XIX ed il primo quarto del XX secolo), lavorando per moltissimi libri e lasciando un’impronta molto influente nel campo della grafica editoriale.

Nato a Tolosa, in Francia, iniziò la sua carriera studiando legge all’Università di Tolosa, seguendo contemporaneamente alcuni corsi alla Accademia di Belle Arti; essendosi stancato di studiare codici, si dedicò interamente all’arte, vincendo inoltre diversi premi all’Accademia. Dopo aver frequentato per un breve periodo l’Académie Julian a Parigi, si trasferì a Londra nel 1904.

A Londra, il ventiduenne francese fu aiutato da J.M. Dent e gli fu affidato l’incarico di illustrare l’intera opera delle Sorelle Brontë. Iniziò quindi una collaborazione con la Leicester Gallery e Hodder & Stoughton; la Leicester Gallery avrebbe commissionato a Dulac i quadri per vendere poi i diritti a Hodder & Stoughton, che avrebbe pubblicato i libri (un libro ogni anno per diversi anni) mentre la galleria avrebbe venduto i quadri. I libri stampati includono Stories from the Arabian Nights (1907), un’edizione de La Tempesta di Shakespeare (1908), The Rubaiyat of Omar Khayyam (1909), The Sleeping Beauty and Other Fairy Tales (1910), Stories from Hans Christian Andersen (1911), The Bells and Other Poems by Edgar Allan Poe (1912) and Princess Badoura (1913). Durante la Prima guerra mondiale contribuì a libri di rilievo come King Albert‘s Book, Princess Mary‘s Gift Book, e, insolitamente, il suo Edmund Dulac’s Picture Book for the French Red Cross (1915).

Dopo la guerra, l’elegante edizione illustrata del suo libro divenne una rarità e la sua carriera in questo campo giunse a conclusione. I suoi ultimi libri di questo genere furono Edmund Dulac’s Fairy Book (1916), the Tanglewood Tales (1918) e lo squisito The Kingdom of the Pearl (1920). Tuttavia la sua carriera proseguì in altri ambiti, come caricature per quotidiani (soprattutto per The Outlook), ritratti, costumi per teatro e sceneggiature, ex libris, scatole di cioccolato, medaglie, e varie grafiche (soprattutto per The Mercury Theatre). Disegnò francobolli per la Gran Bretagna. Disegnò francobolli (serie Marianne de Londres) e banconote per la Francia libera durante la Seconda guerra mondiale. Produsse inoltre illustrazioni per The American Weekly, un supplemento domenicale del quotidiano Hearst stampato negli USA. Continuò a produrre libri per il resto della sua vita, molto più di ogni suo contemporaneo, sebbene furono meno frequenti e meno elaborati rispetto all’Età d’Oro.

Da   Wikipedia

Ora   permettetemi   di   postare   qualche   foto   del   piccolo   Marco   che   il   30   aprile   ha   compiuto   1   mese.

 

Ecco   a   voi   il   nostro   vichingo