Archivio dell'autore: tachimio

”  A   TUTTI    E’   DOVUTO   IL   MATTINO,   AD   ALCUNI   LA   NOTTE.   A   SOLO   POCHI   ELETTI   LA   LUCE   DELL ”  AURORA  ”

EMILY   DICKINSON

 

 

foto   personale   Andrea   Romani

 

Ecco,   guardate.   Nell’ estrema   oscurità   dell’  inverno   islandese   sorge   improvvisa   l’ aurora.

 

Rossa   fiamma,   bagliore   di   fuoco.

foto   personale   Andrea   Romani

 

Foto   personale   Andrea   Romani

 

L’ intensità   dell’ aurora   purtroppo   non   era   elevata,   ecco   il   perché   della   persistenza   del   buio.   Ciononostante

uno   spettacolo   unico.   Ed   ora   guardate…

 

foto   personale   Andrea   Romani

Notare   le   stelle,   nitide   come   non   mai.    E   pensate   che   Andrea   ha   anche    visto   ben   tre   stelle   cadenti,  (  con   desideri espressi  )   mentre   noi   col   naso   all’insù   ad   agosto,   nemmeno   l’ ombra.

 

 

 

Qui   i   colori   del   cielo,  l’  azzurro   che   di   verde   si   tinge…

 

           

Foto   Andrea   Romani

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

 

Questa   sotto   è   una   foto    scattata  invece   da  un   amico  di   Andrea ,   Francesco   Calò , con   una   macchinetta   Canon   con   obiettivo   Fish . eye,

quella   sopra   di   Andrea   al   contrario   montava   un   obiettivo   18 – 105 mm   su   di   una   Nikon   zoomando   su   di   un   particolare   dell’  aurora   boreale   in   cielo.

 

 

Qui   sotto   sequenze   del   sorgere   dell’ aurora.   La    poca  nitidezza   dipende    dal   tipo   di   obiettivo   usato.

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   personale   Andrea   Romani

foto   personale   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

”  L’  AURORA   E’   IL   TENTATIVO ,   DEL   VOLTO   CELESTE,   DI   SIMULARE,   PER   NOI,   L’  INCONSAPEVOLEZZA

  DELLA   PERFEZIONE  ”

EMILY   DICKINSON

Quando   il   cielo   notturno   s’  imporpora,   quando   nel   nero   della   notte   galleggiano   luci   simili   a   torce   o   a   lampioni,   quando   quei   soli   notturni   rischiarano   il   buio   sino   a   dargli   le   sembianze   del   giorno,   allora   c’è   da   aspettarsi   avvenimenti   straordinari,   giacchè   le   aurore   boreali   sono   un   fenomeno   infrequente   alle   nostre   latitudini.   Si   spiega   così   il   fatto   che   sia   i   contadini   del   Beauce,   a   sud- ovest  di   Parigi,   che   quelli   della   Corsica,   ricordino   ancor   oggi   un’   aurora   boreale  prima   della   guerra   del   1870.   Per   certi   pescatori   che   navigano   alle   alte   latitudini,   le   aurore   boreali   sono   invece   formate   da   una   moltitudine   di   piccole   mosche   rosse.

Le   aurore   polari,   dette   più   comunemente   boreali,   possono   durare   pochi   minuti   o   un’ intera   notte.   Sono   formate   da   particelle   solari   elettrizzate   e   intrappolate   nell’  alta   atmosfera    dal   campo   magnetico   della   terra.   Il   nostro   pianeta   infatti,   agisce   come   una   calamita,   le   cui   estremità   sarebbero   ai   poli.   Ecco   perché   alle   nostre   latitudini   le   aurore   boreali   sono   estremamente   rare   :   sono   privilegio   degli   abitanti   del   grande   nord   o   del   profondo   sud.   A   noi   resta   il   sogno   di   poterne   vedere  una,   come   è   successo   ad   Andrea ,   facendo   i   turisti.

 

Ed   ora   una   poesia   di   Pablo   Neruda

 

E’    oggi:    tutto   l’ieri   andò   cadendo
entro   dita   di   luce   e   occhi  di   sogno
domani    arriverà   con   passi   verdi:
nessuno   arresta   il   fiume   dell’aurora.

Nessuno    arresta   il   fiume   delle   tue   mani,
gli   occhi   dei   tuoi   sogni    beneamata,
sei   tremito   del   tempo   che   trascorre
tra   luce   verticale   e   sole   cupo,

e   il   cielo   chiude   su   te   le   sue   ali
portandoti,   traendoti   alle   mie   braccia
con   puntuale,   misteriosa   cortesia.

Per   questo   canto   il   giorno   e   la   luna,
il   mare,   il   tempo,   tutti   i   pianeti,
la   tua   voce   diurna   e   la   tua   pelle   notturna.

Pablo    Neruda

 

E   anche   una  ” mia ”  con   l’incipit  ”   domani   arriverà   con   passi   verdi”

Tutto   è   cambiato.
La   notte
s’è   tramutata
in   giorno.
Bagliori
di   un   nuovo   inizio
illuminano
il   cielo.
Domani
arriverà   con   
passi   verdi.
Ormai   ci   sei   tu,
la   mia   aurora.

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Tornando   in   albergo,   in   autobus   sotto   una   tempesta   di   neve,   tutti   a   pensare   che   mai    sarebbero    riusciti

a   vedere   l’ aurora.   Ma   la   guida   del   posto,  esperto   conoscitore   di   albe,   tramonti   e   aurore   islandesi,   ha

portato   Andrea   e   gli   altri   del   gruppo,   a   scoprirla   nascosta   dietro   una   nuvola.   Le   altre   miracolosamente

si   allontanano,   e   lasciano   intravedere   dietro   quella   nuvola,   una   luce   straordinaria.   Eccola…sta   sorgendo.   E’   l’  aurora.

Momento   indimenticabile   per   tutti.

 

bufera   di   neve   in   aerea   di   servizio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Scatto   in   notturna   della   Catedral      di   Andrea   Romani   

A   differenza   delle   ampie   chiese   reali   francesi,   che   seguono   lo   schema   della   basilica   con   tre   o   cinque   navate   e   un   deambulatorio   classico (   corridoio   semi –  circolare   tutt’attorno   al   presbiterio ),   la   cattedrale   di   Siviglia   risponde   a   una   tipologia   autonoma,   diffusasi   soltanto   in   Spagna :   è   infatti   concepita   come   una   basilica   simile   ad   un’  ampia   aula   inserita   in   un   perimetro   quadrato   che   si   rifà   probabilmente   alla   moschea   moresca.   Le   sue   Cinque   navate   hanno   una   lunghezza   di   circa   126   metri   e,   comprendendo   la   navata   centrale,   le  navate   laterali   e   le   cappelle   inserite   tra   i   contrafforti,   si   estendono   raggiungendo   una   larghezza   di   circa   82   metri,   impossibile   da   trovare   in   altre   chiese.

Il   coro   e   la   Capilla   Mayor,   posizionati   nella   navata   centrale   a   est   e   ad   ovest   rispettivamente   del   quadrato,   contribuiscono   a   dare   l’  impressione   di   un   corpo   estraneo,   chiuso  in   se   stesso,   che   assomiglia   ad   una   meravigliosa   stanza   del   tesoro.   Costruzioni   successive   si   vanno   ad   incastonare   nella   base   gotica :   la   Capilla   Real  fu   infatti   costruita  per   volere   di   Carlo   V   nell’ abside   orientale,   su   di   una   cappella   più   antica,   mentre   nella   parte   meridionale   furono   erette   nel   XVI   secolo   la   Sacristia   Mayor,   e   la   sala   del   capitolo,   mentre   nel   XVII    e   nel   XVIII   secolo   fu  la   volta   del   complesso   barocco   destinato   all’ amministrazione.   Per   la   realizzazione   della   Capilla   Mayor   furono   impiegati   all’ incirca   100   anni.   Opera   progettata   da   Pieter   Dancart,   scultore   fiammingo,   iniziata   nel   1482,   intagliata   in   legni   pregiati  (   noce,    castagno   e   larice  ),   ha   la   forma   di   un   trittico,   coronato   da   un   baldacchino   e   delimitato   da   una   traversa.

” Tutto   è   forza   e   maestà,   come   se   dal   mondo   reale   passassimo   in   una  grotta   gigantesca,   sistemata   da   un   gigante   affascinato   dalla   geometria,   dalla   simmetria,  dall’ordine ”     

Fernando   Chueca   Goitia (   architetto   e   saggista   spagnolo   1911  –  2004  )

All’interno   della   casa   di   Dio   l’  osservatore   percepisce   la   spinta,   tipica   delle   cattedrali   spagnole   di   una   spazialità   sempre   maggiore  :   nonostante   l’altezza   delle   volte   (   35, 50  metri   nella   navata   centrale   e   in   quelle   trasversali,   24   metri   nelle   due   doppie   navate   laterali  )   domina   l’ impressione   generale   di   una   vasta   aerea,   apparentemente   sconfinata.      Solamente   il   coro,   posto   al   centro,   può   pregiudicare   in   parte   questa   sensazione.    Coro   terminato   da   Nufro   Sanchez   nel   1478,   splendida   fusione   degli   stili   gotico,   mudéjar   e   plateresco,   opera   sicuramente   tra   le   più   belle   della   Spagna   meridionale.

                          Interno    Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Coro     –    Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Capilla   Mayor      Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Tomba    di   Cristoforo   Colombo       Foto   di   Andrea   Romani

Al   centro   del   transetto   meridionale  ecco   la   tomba   di   Colombo   ,   eretta   intorno   al   1900.   Colombo,   che   pare   volesse   essere   sepolto   a   Santo   Domingo,   venne   invece   sepolto   nel   1506   a   Valladolid   nel   monastero   certosino   di   Siviglia.   Su   richiesta   della   moglie   del   nipote,   però,   Carlo   V   decise   di   soddisfare   le   volontà   del   defunto,   anche   se   non   esistono   dati   certi   a   riguardo.Si   dice   che   una   commissione   su   insistenza   dei   principi   ecclesiastici,   giunse   nel   1795   a   Santo   Domingo,   prese   l’urna  e   la   trasportò   a   Cuba,   da   dove   nel   1892   partì   pare   alla   volta   di   Siviglia.   Ma   poiché   la   vera   urna   fu   scoperta   nel   1877   nella   cattedrale   di   Santo   Domingo,   non   sembra   probabile   che   i   quattro   araldi,   rappresentativi   dei   quattro   regni   spagnoli,   stiano   trasportando   i   resti   di   Colombo.   Anche   se   l’iscrizione   suggerisce   il   contrario :

”   Quando   l’isola   di   Cuba   si   divise   dalla   madrepatria   spagnola,   Siviglia   ricevette   i   resti  di   Colombo   e   i   maggiorenti   di   questa   città   fecero   costruire   questo   ricordo  ”

 

Foto   di   Andrea   Romani

 

Cattedrale

che   illuminata   nella   notte

sembra   maestosa    dominar

la   città

Siviglia

 

Isabella   Scotti   agosto   2018

testo :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Fonte   Arte   ed   architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hitzen  –  Bohlen


E’   oggi   per   Venezia   e   Matera.   Due   città,    due   perle   italiane   sommerse   dall’  acqua,   dal   fango.   Si   sa,   contro   la   forza   della   natura   poco   si   può   fare.   Ma   intervenire    prima   che   i   disastri   capitino,   quello   si   che   si   può.

Il   Mose.   Quanti   anni   sono   che   se   ne   parla?   Si    parte   col  primo   governo   Berlusconi   nel   1994   che   ne   avvia   l’iter   per   arrivare   dopo   16   (  notare   il   numero  )   anni   a   mettere   la   prima   pietra.   Per   trascinarsi   poi   tra   alti   e   bassi,   storie   di   malaffare,   investimenti   gestiti   male ,   magistratura   all’  opera,   governi   centrali   e   autorità   locali   nel   solito   palleggiamento   di   responsabilità   fatto   di   parole,   parole,   parole.   E   si   arriva   ai   giorni   nostri.   Io   mi   rendo   conto   che   sto   parlando   di   un   progetto   vasto,   che   comporta  scelte   ingegneristiche   impegnative,    verifiche   tecniche   continue,   ma   non   si   può   rimandare   di   continuo   la   messa   in   opera   di   un   progetto   di   cui   Venezia   ha   urgentemente   bisogno.   Oggi   dobbiamo   constatare   che   come   al   solito   in   Italia   conta   molto   di   più   parlare   che   agire   in   fretta.    E   soprattutto   dopo,   mai   prima.  Per   carità   controllare   che   tutto   sia   portato   a   funzionare   al   meglio   è   sacrosanto,   ma   finiamola   di   chiacchierare   inutilmente   portando   avanti   discorsi   interessati ,   come   sempre   succede   in   Italia.       Una   nostra   città   affonda   sempre   più,   a   rischio   gioielli   inestimabili ,   opere   d’arte   che   devono   essere   tutelate,   che   non   possono   scomparire   solo   per  rinvii    su   rinvii   di  un’  opera   che   attende   la   ” sua   messa   in   opera”  .    E’     Venezia   a   chiederlo,   sono   i   veneziani   che   ne   hanno   diritto.

Piango   anche   per   i   Sassi   di   Matera  invasi   dal   fango,    inondati   da   una   massa   d ‘acqua   impietosa,    che   tutto   ha   sommerso.   Terribile   come   la   nostra   povera   terra   sia   stata   sferzata   così   violentemente   da   vento,   pioggia.   Piango   impotente   di   fronte   a   tanti   disastri.   Non   solo   naturali.   E   qui   mi   riferisco   all’  Ilva ,   nota   dolente.   Una   situazione   ,   lasciatemelo   dire,   da   schifo.   Non   entro   nel   merito,   constato   solo   gli   errori,   le   incompetenze   del   caso.   Abbraccio   col   cuore   chi   in   prima   persona,   sulla   propria   pelle   vive   una   situazione   insostenibile.   Famiglie   che   non   sanno   che   futuro   le   aspetta.   Sono   vicina   a   chi   soffre   e   mi   auguro   che   per   tutti   ci   sia   soluzione.    Non   può   essere   altrimenti.   Deve   esserci.

Buona   giornata   a   tutti   e   scusate   lo   sfogo.   La   vostra   Isabella


foto   Andrea   Romani

 

Esemplare

splendido   dal   manto   liscio

come   il   velluto

colore  intenso

pavone

 

Isabella   Scotti   ottobre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

foto   Andrea   Romani

 

Occhio

vigile   collo   allungato   e

becco   ricurvo   ventaglio

sulla   testa

ciuffo

 

Isabella   Scotti   ottobre   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633


Qualcuno   ha   fermato   il   mio   viaggio,   senza   nessuna   carità   di   suono.   Ma   anche    distesa    per   terra    io    canto   ora   per   te   le   mie   canzoni   d’amore».

ALDA   MERINI

 

DIECI   ANNI   FA   MORIVA   LA   GRANDE   ALDA   MERINI.   LE   VORREI   RENDERE   OMAGGIO,   NEL   RICORDARLA,   CON   DUE  MIE   POESIE.   SPERO   CHE   DA   LASSU’   LEI   MI   SORRIDA.   CIAO   ALDA.

 

POI   VENNE   IL   SORRISO

 

“Ho   cominciato   a   piangere   per   gioco,
e   poi   ho   creduto   che   fosse   il   mio   destino”

Alda   Merini  

…perché   troppe   volte
la   sofferenza
mi   ha   tagliato
il   cuore   in   due.
Troppe   volte
mi   sono   sentita
sola ,
ad   affrontar
demoni
che   non   mi   lasciavano
in   pace.
Credevo   davvero
che   il   mio   destino
fosse   piangere,
soltanto   quello.
Poi   non   ricordo
come   fu ,
ma   presi
per   caso
una   penna   in   mano,
e   cominciai
a   scrivere…
Fu   quello
il   momento  
del   sorriso  :
non   avrei
mai   più   pianto.

 

Isabella  Scotti   aprile   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

A   TE

 

Alda Merini, “La poesia, una forza che nasce in me”

Alda  Merini  (  21  marzo  1931 –  1  novembre  2009 )

Oggi,
se  tu
fossi
ancora  qui,
chissà  cosa
scriveresti,
facendoti
da  sola
gli  auguri.
So
che  prenderesti
in  mano
la  penna,
per  parlare,
come  solo  tu
eri  in  grado
di  fare,
del  tempo
che  passa,
degli  anni
che  più
non  tornano.
Con  quella
malinconia
che  ti
era  propria,
mentre
portavi
alla  bocca
la  solita  sigaretta,
e  con
quel  filo
di  perle
che  immancabilmente
ornava  il  tuo  collo.
Ecco  così
ti  vedo  ancora,
e  così
ti   voglio
immaginare,
china
a  scrivere,
per  sorridere,
con  sottile  ironia,
delle  tue
”ottantacinque”
primavere.

 

Isabella  Scotti   21   marzo   2016

testo  :   copyright   legge   22    aprile   1941   n°   633


Nulla   resiste   al   vento…

 

Foto   personale   Andrea   Romani

 

Onda   verde   irlandese  :    quando   il   vento   soffia   forte   anche   i   fili   d’erba   cedono   alla   sua   forza,   piegandosi

foto   personale   di   Andrea   Romani

 

Isabella   Scotti   ottobre   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Aria   pulita

 

Foto   personale   Andrea   Romani

Onda   verde   irlandese.    Sdraiarsi   sull’erba,   ascoltando   il   rumore  dell’  acqua   del   fiume   che   scorre,   soli,   respirando   aria   pulita.

 

Isabella  Scotti   ottobre   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Qui   m’  attardo

 

scatto   di    Andrea   Romani   fatto   durante   il   suo   viaggio   on   the   road   in   Portogallo

Vogliono   i   miei   occhi   godere   di   bellezza   intorno.   Ecco   perché   qui ,   nell’  onda   verde   del   bosco,   io   m’  attardo    e   di   profumi   m’  inebrio.

onda   verde   portoghese  

 

Isabella  Scotti   ottobre   2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

 

Onda   verde   fiorita

 

foto   personale


Cari   amici   vi   sarete   accorti   che   non   circolo   più   come   un   tempo  qui ,  che   raramente   passo    a   trovarvi   lasciando   commenti   ai   vostri   post.   Purtroppo   talvolta  indipendentemente   da   noi,    la   vita   si   complica,   e   molto   cambia.   Gli   impegni   aumentano,   il   tempo   da   dedicare   al   blog   diminuisce,   con   mio   rammarico.   Ma   non   dimentico   nessuno   di   voi,   nonostante   tutto.   Tanti   fatti   sopraggiunti   mi   tolgono   tempo   da   stare   seduta   al   pc.   Quando   potrò,  un   pensiero   ve   lo   lascerò,    scriverò   ancora   per   voi, (   ho   in   mente   già   un   post   )  convinta   che   mi   leggerete   ancora.    Mi   dispiace   ma   non   posso   fare,   per   il   momento,   altro.  Se   mi   capiterà ,  un   commento,   anche   solo   un   saluto   lo   farò   volentieri.   E   se   il   mio   saluto   sarà   ”   cumulativo  ”   e   non   personale,   non   abbiatevene   a   male.   Torneranno   tempi   migliori.   Ringrazio   tutti  coloro   che   mi   hanno   letto   sempre   con   assiduità   e   che   hanno   rallegrato   il   blog   con   i   loro   commenti.   E’   sempre   stato   piacevole   confrontarsi   con   voi,   persone   amabili   ed   educate.   Grazie   di   cuore,   davvero.   Voglio   bene   a   molti   amici   maschietti   e   molte   amiche   che   ho   qui   trovato,   e   che   per   me   sono   molto   importanti,   vi  tengo   stretti   tutti   al   cuore.   Di   una   cosa   vi   prego,   non   dimenticatevi   di   me.   Ho   passato   con   voi   molto   del   mio   tempo,   e   ciò   mi   ha   reso   felice.    Mi   dispiacerebbe   perdervi.  Con   calma   si   farà   quello   che  si   deve   fare,   sempre.   Le   mie   poesie   non   ve   le   farò   mancare,   promesso.   Sempre   seguendo   la   logica  del   possibile.   Ricordatevi,   non   è   un   addio,   solo   un   arrivederci

Un   abbraccio   circolare,   grandissimo   per   comprendervi   tutti   e   baci,   baci,   baci.    La   vostra   Isabella 

 

A   proposito ,   non   posso,   per   l’ amicizia   che   a   voi   mi   lega ,  non   darvi   una   bellissima   notizia.   Lo   abbiamo  saputo   nel   giorno  del   nostro   44°esimo   anniversario,   il   25   settembre.   Io   e   mio   marito   vi   diamo   il   lieto   annuncio…

 

DIVENTEREMO   NONNI   PER   LA   SECONDA   VOLTA.

 

CREDEVATE   FORSE   GENITORI  ?   AHAHAHAH

Arianna   è   felicissima…sembrerebbe   maschioooo   !!!

E   allora    vi   lascio  qualche   fuoco   d’  artificio   per   festeggiare   con   noi,   anche   se   mancherebbe   un   brindisi.

Ma   tranquilli,   rimedio,   subito  dopo   i   fuochi…

 

Visualizza immagine di originePronti   con   i   bicchieri   ?   Fatevi   sotto   e   brindate   con   noi.

 

Baci   a   tutti.   La   vostra   Isabella