Archivio dell'autore: tachimio

BRIVIDI

Visualizza immagine di origine

La mia unica

paura

é perderti.

Girarmi nel letto

senza averti

più accanto.

Il tuo posto

vuoto,

ed io sola,

senza poter

più vegliare

sul tuo sonno.

Se ciò avvenisse

comincerei

a tremare,

mentre brividi

di freddo

attraverserebbero

il mio corpo.

Diventerei schiava

della paura

fino

a soffocare

Isabella Scotti ottobre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

MAI , LO GIURO

Visualizza immagine di origine

Cinque parole da cui partire : memoria, ricordi, tempo , scrittura, personalità

Senza memoria

mi sentirei

persa.

Senza ricordi

non potrei

vivere.

I miei

li ho chiusi

in una scatola

segreta

che ogni tanto

apro,

perchè amo

la loro compagnia.

Così mentre ricordo

posso parlare

con te papà,

E con tutti voi

che lontani

nel tempo ,

appartenete

al mio passato.

Parlatemi ancora,

e a voi

chiederò

di fare in modo

che la scrittura,

che da un pò

è entrata a far parte

di me,

racconti

della nostra storia,

perchè nulla

del nostro vissuto

vada perduto.

La mia personalità

è frutto

del mio passato.

Ricordare

è per me essenziale.

Mai

perderò memoria

di ciò che è stato.

Lo giuro.

Isabella Scotti ottobre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

ESSENZIALE PER ME

Visualizza immagine di origine

“La cosa principale è commuoversi, amare, sperare, tremare, vivere. (Auguste Rodin)

La cosa principale

è commuoversi.

Certamente lo è

quando si è sensibili .

La cosa principale

è amare.

Certamente se

si interpreta

l’ amore

come dono ,

dimenticando

se stessi.

La cosa principale

è sperare .

Certamente, sempre,

anche perchè

la speranza

e’ l’ ultima

a morire.

La cosa principale

è tremare.

Ma non di paura

bensì

per i palpiti del cuore.

La cosa principale

è vivere.

Accontentandosi

delle piccole cose,

le più semplici.

Ma per me

una cosa

è essenziale :

sorridere,

e regalare sorrisi

a chiunque sincontri.

Isabella Scotti ottobre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

ASCOLTA…

Potrebbe essere un'immagine raffigurante natura, corpo idrico e albero

Ti racconterò

delle mie notti

senza luna,

del mio vagare

sola

in stanze buie.

Ti racconterò

dei giorni

morti

della mia vita,

e della malinconia

che mi prende

nelle sere d’ inverno.

Ma poi

per non

annoiarti,

ti racconterò

del mio nuovo

sorriso,

del mio

equilibrio

raggiunto,

della serenità,

ritrovata

con te.

Isabella Scotti settembre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

Alla prossima vi regalerò per sorridere ancora qualche limerick, ( forma poetica irlandese ).

Per ora il mio abbraccio per tutti voi e buon week end

La vostra Isabella


Visualizza immagine di origine

Carla quella colorata mattina

decise all’ improvviso di far la ballerina

saltando su e giù con un cappello in testa

sopra una sedia vestita di cartapesta

Una strana ballerina quella Carla di mattina

Isabella Scotti ottobre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

Il limerick è un breve componimento poetico tipico irlandese di contenuto umoristico o anche apertamente nonsense, che ha generalmente il proposito di far ridere o quantomeno sorridere. I versi seguono lo schema AABBA . I primi quattro versi sono in rima. L’ ultimo riprende un pò il primo


Quando   Eleonora   Duse  lasciò   D’ Annunzio   aveva   45   anni.   Aveva    dato   tutta   se   stessa   per   quell’   amore   in   cui   credeva   profondamente,   uscendone   sfiorita,   fortemente   delusa.    Aveva   creduto   che   insieme,   lui   con   le   sue   opere,   lei   interpretandole   avrebbero dato   origine   ad   una   stagione   nuova   per   il   teatro.   Fu   vero   solo   in   parte.   Perchè   solo   lei  riuscì   nell’ intento.    Certo   le   opere  di   D’  Annunzio   trovarono   la   giusta   rappresentazione   in   teatro,   ma   fu   la   Duse   a   renderle   vive,   interessanti.     La   sua   grandezza   fu   nel   non   ”   recitare”   e   usare   il   silenzio   come   parola,   anche   usando   il   suo   corpo,   la   sua   postura   ad   interpretare   ciò   che   sentiva   del   personaggio.   Con   lei   nacque   il   teatro   moderno.     Era   solita   dire   che   ”   il   dramma   dell’   attore   è   che   deve   imitare   la   realtà   e   la   natura,   ma   non   la   possiede  ”.   Lei   provò   a   possedere   entrambe   divenendo   la   ”   Diva  ”.   La   Garbo   e   la   Dietrich   vennero   dopo.

Eleonora   ed   Asolo

La   Duse   non   ebbe   mai   una   vera   casa   dove   stare,   sempre   in   giro   con   le   sue   tournée.   Ma   nel   1892    conobbe   Asolo   e   ne   rimase   folgorata.   Vi   giunse   ospite   dell’  americana   Katherine   de   Key   Bronson,    che aveva conosciuto a Venezia.    Soggiornò   quindi   nella   casa   asolana   dell’   amica,   detta   ”   La   Mura  ”   a   ricordo   delle   mura   medievali   che   cingono   la   città.   Il   soggiorno   non   fu   lungo,   ma   lascerà   in   lei   traccia   indelebile.   Lì   trovò   quella   pace   che   andava   cercando,   quella   quiete   dello   spirito   alla   quale   anelava.  Nel  1920,   dopo   essersi   ritirata   dalle scene   fa   ritorno   ad   Asolo   e   chiede   alla   figlia   dell’ormai   defunta   amica   di   poter affittare   la   stessa   casa   nella   quale   era   stata   ospite   anni   prima,   ed   ella acconsente.
Ma   la   Duse   si   trattiene   solo   fino   al   giugno   del   1920,   in   quanto   l’abitazione, abbandonata   da   anni,   non   è   abbastanza   confortevole.   Prima   di   lasciare   quel rifugio   ingaggia   un   giardiniere   perché   poti   e   sistemi   il   rosaio   morente   del balcone   a   forma   d   altana   rivolto   verso   la   vallata.

 Così   descriveva   il   panorama   che   si   poteva   godere   dalla   terrazza   della   casa  :

 “la vista più perfetta che si possa avere sulla pianura, dove […] vedere i colli Berici ed Euganei e contemplare i temporali che si formano sopra Bassano e che a volte si scatenano in cammino e altre volte giungono lenti fino alle colline di Asolo”.

E   così   scriveva   al   critico   teatrale   e   suo   amico   Marco   Praga  :

 “Asolo è bello e tranquillo, paesetto di merletti e poesia; non è lontano da Venezia che adoro, vi stanno dei buoni amici che amo [i coniugi Lucia e Piero Casale]; è tra il Grappa e il Montello…allorché al mattino apro le imposte della mia camera, nel vano della finestra si inquadra il Monte Grappa. Allora metto due vasi di fiori sul davanzale. Questa sarà l’asilo della mia ultima vecchiaia, e qui desidero di essere seppellita. Ricordatelo, e se mai, ditelo”.

Per   realizzare   il   suo   sogno   di   vivere   prendendo   casa   ad   Asolo,  si   affida all’ingegnere   Sebastiano   Cantoni,   il   quale   le   consiglia   di   affittare   una   casa   detta “Casa   dell’Arco”   perché   parte   dell’edificio   ingloba   l’antica   porta   medievale   di S.  Caterina.   La   Duse   ne   è   entusiasta. 

Facciata di Casa Duse

Facciata   di   casa   Duse

Targa a ricordo di Eleonora Duse

Targa  a  ricordo  della   Duse

 Quando   lasciò   D’ Annunzio   l’ attrice,   dopo   aver   sponsorizzato   i   lavori   teatrali   dell’ immaginifico,   garantendogli   i   diritti   d’  autore,    si   ritrovò   sola,   malata   e   povera,   alle   soglie   di   un   disfacimento   che   lui   descrive    con   impietoso,   pessimo   gusto,   tanto   da   chiudersi   in   un   totale   malinconico   silenzio  .   Tornerà   sulle   scene   circa   dieci   anni   dopo,   spinta   dal   bisogno   per   una   trionfale   tournée.   Nel   1916   girò   il suo   primo   e   unico   film   “Cenere”,   la   cui   autrice   del   soggetto   era   Grazia   Deledda.     Un’ esperienza  questa   che   non   la   gratificò,   anzi   ne   uscì   delusa .   Tanto  che   impegnò   il   suo   non   ingente   patrimonio   per   togliere   dal   mercato   le   copie   del   film.      In   America,   calca   le   scene   malata   di   polmonite,   stanca,   ormai   diventata   ombra   di   se   stessa,   sostenuta   solo   e   sempre   dalla   sua   straordinaria   arte   scenica.   Morirà   isolata, in   una   camera   d’ albergo   nel   1924,  nel  gelido   clima   di   Pittsburgh,   lontana   dalla   sua   Asolo  che  pare  nominò   prima   di   morire   .   Il   suo   funerale   attraversa   l’   America,   l’ oceano   in   nave   e   l’  Italia   sempre   accompagnata   da  una   grande   folla   a   testimonianza   di   quanto   fosse   amata.    Tornò   quindi   ad   Asolo   perchè   fosse   rispettata   la   sua   volontà   d’  essere   lì   sepolta.   Riposa   in   pace   sotto   una   lapide   bianca   che   guarda   verso   il   Grappa. 

ASOLO - TOMBA DI E. DUSE COL GRAPPA (TREVISO) 1954

Fonti     Vita,  costume,  e  storia  d’ Italia  tra  gli  anni  venti  e  quaranta   a   cura   di   Roberto   Gervaso    e   dal   sito   Asolo-  città   dai   cento   orizzonti

Eleonora

la Divina qui riposa

nel luogo a

lei più

caro

Isabella Scotti settembre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

Per chi non avesse letto la prima parte su Eleonora Duse lascio qui il link

https://isabellascotti.wordpress.com/2021/09/26/eleonora-duse/

Per chi fosse interessato alla storia d’ amore tra la Duse e D’ Annunzio consiglio due libri molto interessanti

Più che l’ amore – Annamaria Andreoli – Marsilio Nodi

Come il mare io ti parlo ( lettere 1894 – 1923 ) a cura di Franca Minnucci ( che per dieci anni ha studiato e analizzato il loro carteggio tenendo tra le mani con emozione le lettere della Duse )


Eleonora Duse
Eleonora Duse

Piccola, grandi occhi scuri , capelli ricciuti, frangetta sulla fronte alta, mani bellissime, estremamente autoritaria in scena, vera primadonna – capocomico, padrona dei personaggi drammatici. La ” divina ” Eleonora Duse nasce a Vigevano nel 1858 come figlia d’ arte da una di quelle famiglie girovaghe, che fanno delle tavole del palcoscenico la loro eterna dimora. Senz’ altro una delle donne più affascinanti dell’ 800 simbolo indiscusso del teatro italiano dell’ epoca e della Bella Epoque, che contribui non poco a trasformare in qualcosa di moderno. Armoniosa e femminile, recitava con la forza che le veniva dall’ amare il suo lavoro profondamente. Il teatro, fu veramente la sua vita .

Prima di lei gli attori recitavano in maniera enfatica, caricando gesti e battute. Anche il trucco del viso era esagerato : il volto diventava così una maschera che copriva ogni espressione. Tutto sembrava artefatto, costruito ad hoc. Lei al contrario, recitava d’ istinto , abbandonandosi ad una interpretazione senza trucco, lasciando che fosse il suo io a suggerirle ciò che voleva rappresentare. Viveva con spontaneità le parti talvolta persino improvvisando senza seguire fedelmente il copione e recitava sempre in italiano, anche all’estero.  Questo, però, non era un problema per il pubblico straniero, dal momento che la sua magistrale interpretazione aiutava gli spettatori a comprendere tutto quello che non capivano delle sue parole.

E poi la sua voce…

Com’era?  È quasi impossibile dire: eppure ben questo bisogna che noi lasciamo in eredità alla generazioni nuove che non l’hanno veduta e sentita, e che, ascoltando le narrazioni favolose delle sue magie, cercheranno spasimando di ricrearla intera e viva e tutta invasa dall’ispirazione, per possedere almeno un istante di sogno, la tormentante gioia ch’essa diede a noi che l’udimmo.

Ecco.

Con uno sforzo in cui costringo tutto l’essere, io faccio silenzio in me perché essa parli: e io trascrivo il suono della sua parola.

Modulazioni.

Il primo carattere è questo: una voce in nessun attimo mai uguale a sé stessa, immobile in un tono, irrigidita in una nota che si ripete.

Passaggi e passaggi senza numero e senza tregua per tutta una scala  lunghissima infinita di gradazioni, per via di sfumature così varie e così delicate, che non c’è tono vicino a tono, che non si distingua dal simile per innumerevoli altri toni decrescenti o crescenti: e passaggi morbidi, liquidi, facili, come quelli delle sillabe d’un verso del Paradiso, in cui il fluire della melodia smorza tutte le precisioni dell’armonia e fa della voce un labile tiepido gorgo.

Quando l’anima è piena di dolore, di abbandono, di malinconia, o quando è piena di aspirazioni, di sogni, d’incanto, questa voce delicata e potente si distende agile, rapida e continua su su fino alle più acute vette in cui ride senza rompere o incrinar la parola, o giù giù fino al profondo dove pare che pianga senza che la parola si veli o ristagni.

Ma appena l’ira morda al cuore o la passione artigli, o la gelosia, l’odio, il furore incalzino, la bella e unita corrente si rompe, s’arresta, rimbalza, gorgoglia, violenta gli ostacoli e li travolge, e sono parole spezzate seguite da paurosi silenzi in cui l’anima s’inabissa sbiancando, urti metallici di sillabe che vibrano sonore, scatti, sibili, rombe: e gridi!

Ah i suoi gridi, che tenevano d’improvviso una intera folla, con i capelli sensibili e il brivido freddo alle spalle, sospesa con lei su quella punta di voce spasimante lassù, sopra il vertiginoso baratro della folla e della morte.

Poi… la carezza.

Le sue mani sapevano accarezzare (chi sa come, chi sa come – come bocche che baciano, come avide carni che bevono, come occhi che lacrimano, come chiome notturne che si sciolgono -carezzare e consolare, carezzare e accendere); ma la sua voce carezzava anche più, anche più, perché giungeva per ignote vie a quel più sensibile volto che ha l’anima dentro di noi; e di quell’animo la sua voce toccava le palpebre che si chiudevano, suggellava la bocca che rimaneva immota e tremante, o levava – in quel volto misterioso – pallori e fiamme che poi rimanevano a lungo come un senso di gelo o d’ardore nel sangue.

Una parola d’amore, di bontà, di compassione, di benedizione detta da Lei, era un tale balsamo che chiudeva le più orrende e velenose ferite, o le lasciava aperte, ma dava la voluttà del soffrire perché la parola si ripetesse ancora.

Il cuore al suo parlare, pareva a volte che si aprisse, come un pomo granato maturo, ma piano, senza crepito e senza strappi, come s’aprono le palpebre di un bimbo che si desta.

La sua voce era sempre musica, e solo musica: e la dominavano la dolcezza e la malinconia. Certe sue cadenze interrogative, certi tremiti di stupore, certe avviluppanti e vellutate intonazioni di amore, si approfondivano così nella nostra vita che vi risuonavano a lungo, per giorni, e settimane, e mesi, come certi profumi nel cristallo delle loro fiale, – e di tanto in tanto, anche dopo lungo tempo, un caldo gorgo di beatitudine fluiva improvviso nel cuore, perché qualche suono aveva imitata e rievocata in noi quella voce.

Ettore Cozzani, Milano, agosto 1926

Eleonora Duse

Dazed Gabriele D ‘ Annunzio

Visualizza immagine di origine

waytofamous.com

Nel 1894 l’ incontro col ” Vate ”, Gabriele D’ Annunzio, dopo un matrimonio finito male con Tebaldo Checchi e una figlia, Enrichetta. Poi varie relazioni con Marco Praga, Arrigo Boito, capo della scapigliatura lombarda. Per arrivare quindi a quello che fu forse per lei il vero amore . Trentasei anni lei, trentuno lui. Un incontro fortuito il loro che segna l’inizio di una storia lunga un decennio. Un breve tratto nell’arco di una vita, ma per entrambi capitale. Gabriele offrirà alla sua musa una serie di capolavori; Eleonora li metterà in scena. Nasce con questo giuramento il motto che contraddistingue la coppia : ” MORE THAN LOVE ” ( più che l’ amore ) Lui, infatti, è perentorio: esige «più che l’amore». Lei lo corrisponde a oltranza, recitando con trasporto

«Vorrei potermi disfare tutta! Tutto donare di me, e dissolvermi».

Lui le scrive parole d’ amore

Rimani! Riposati accanto a me.
Non andare.
Io ti veglierò.
Io ti proteggerò.
Ti pentirai di tutto fuorché d’essere venuta a me, liberamente, fieramente.
Ti amo.
Non ho nessun pensiero che non sia tuo; non ho nel sangue nessun desiderio che non sia per te.
Lo sai.
Non vedo nella mia vita altra compagna, non vedo altra gioia.
Rimani.
Riposati.
Non temere di nulla.
Dormi stanotte sul mio cuore

Gabriele D’Annunzio

Ma la sofferenza della Duse al fianco di D’Annunzio inizia presto. La loro vita è un’assurda routine: lei continua a recitare, a guadagnare e ad indebitarsi per poter portare in scena le opere teatrali dell’amato. Lui continua a scrivere e a spendere i soldi di Eleonora per potersi mantenere nel lusso più sfrenato. Per Eleonora egli scrive “Il sogno di un mattino di primavera”, stroncato dalla critica come “infantile, presuntuoso e di una noia insopportabile”. Secondo D’Annunzio la colpa dell’insuccesso è di Eleonora, alla quale preferisce la diva Sarah Bernhardt, più celebre e quindi più adatta alle sue divoranti ambizioni. E’ infatti alla Bernhardt che il poeta ha già deciso di affidare “La città morta”, opera che sta scrivendo per Eleonora e in cui lei ripone tutte le sue speranze di gloria comune.
Tradita come donna e come attrice, la Duse decide di troncare la relazione, ma continua contro ogni ragionevolezza ad amare il poeta. E il Vate continua implacabilmente a farle del male. Famoso è l’affronto di “Fuoco”, romanzo autobiografico dove il poeta mette a nudo la loro storia d’amore, pubblica la loro intimità, divulga con insolenza i segreti d’alcova. La risposta della Duse sarà coerente con il suo folle amore : ” La mia sofferenza, qualunque essa sia, non conta quando si tratta di dare un altro capolavoro alla letteratura italiana, E poi, ho 41 anni…e amo.” Ma l’offesa più imperdonabile rimane quella di togliere ad Eleonora il ruolo di protagonista nell’opera “La figlia di Iorio” , scritta su misura per lei, quando ormai l’attrice sta per portarla in scena, sa già la parte a memoria e ha persino già pronto il costume. D’Annunzio manderà un fattorino a ritirare il costume di scena, inviando alla Duse un biglietto: “Il teatro è un mostro che divora i suoi figli: devi lasciarti divorare.” Di fronte all’evidenza del tradimento, nel 1904 Eleonora gli scrive: ” Non ti difendere, figlio, perché io non ti accuso. Non parlarmi dell’impero della ragione, della tua vita carnale, della tua sete, di vita gioiosa. Sono sazia di queste parole! Da anni ti ascolto dirle…Parto di qui domani. A questa mia non c’è risposta.”
In effetti non vi fu mai risposta a quell’addio. Solamente molti anni più tardi D’Annunzio sembra volgersi indietro e restituire alla Duse una statura fondamentale nella propria esistenza.
“Io ti amo meglio di prima” le scrive nel ’23, e conclude: “Ti bacio le mani tanto che te le consumo.” La morte della Divina, a Pittsburgh il lunedì di Pasqua del 1924, suscita una commozione enorme. e il suo funerale attraversa l’ America, l’ Oceano e l’ Italia, accompagnato da pietà e rimpianti.
D’Annunzio si appella a Mussolini affinché lo Stato provveda a far tornare in patria, e subito, “la salma adorabile”. Devastato dal rimorso, dice per una volta la verità: ” E’ morta quella che non meritai.”
Al Vittoriale è tuttora presente nella stanza chiamata l’officina una statua raffigurante il volto di Eleonora Duse che il Vate soprannominò musa velata poiché abitualmente teneva la statua coperta da un velo per non provare dolore nel rivedere quell’immagine che la mostrava giovane e bella ancora.

da gabrieledannunzio.it

Al banco di prova, però, la verità sarà un’altra. Occorreranno anni prima che d’Annunzio prenda atto che l’attrice simula un consenso che si guarda bene dall’accordargli. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, dove appare chiaro che a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele, maestro nel creare leggende. La personalità carismatica di una donna ben lontana dai cliché dell’epoca e lo sfolgorio di una società europea in cui il teatro e la cultura italiana erano protagonisti sono i cardini di una vicenda che purtroppo non finirà bene. Dieci anni che vedranno la parola fine e che sarà la stessa Duse a terminare.

Preferirei morire in un cantone piuttosto che amare un’anima tale. D’Annunzio lo detesto ma lo adoro… Che fare?

Di lei Luigi Pirandello disse:

“Eleonora Duse è stata una grandissima attrice, e il fatto che ella non abbia trovato il poeta che sapesse sviluppare l’intera ricchezza e la profondità ultima della sua arte, resta un aspetto tragico della sua esistenza”.

Continua…


DSC_0890

foto Andrea Romani


«Asolo adunque, vago e piacevole castello posto ne gli estremi gioghi delle nostre alpi sopra il Trivigiano.»

Pietro Bembo

Quando si tornava d’ estate a salutare i nostri, come li chiamavamo, ” cugini di campagna ” che vivevano dove ancora vive lei, Liliana ( lui è morto un mese prima di Riccardo ), a pochi Km da Bassano, non potevamo fare a meno di tornare anche ad Asolo. Tutti noi abbiamo sempre amato questa incantevole località delle colline trevigiane, dove tenne corte Caterina Cornaro, regina di Cipro , che ne ebbe la signoria per aver ceduto l’ isola alla Serenissima. Un luogo di villeggiatura ricco di suggestioni medioevali, ma anche un luogo di pace , tranquillo dove il passeggiare, talvolta accompagnato da un silenzio rotto appena dal canto degli uccelli, diventa serenità interiore. A metà agosto Andrea è andato a salutare Liliana, tornando anche ad Asolo, dove per via del covid molti negozi erano chiusi , e alcuni ristoranti anche . Speriamo per loro che riprendano velocemente a lavorare . Le vecchie mura, dove si apre la Porta del Colmarion, cingono in parte il vecchio borgo. Vi spiccano la Rocca poligonale, più volte rimaneggiata, e il Castello della Regina,, di cui oggi restano la Torre dell ‘ Orologio e la sala delle udienze. Nella Loggia del Capitano, singolare costruzione quattrocentesca, ha sede il Museo Civico che contiene reperti archeologici e medioevali , opere di Canova ( 1757 – 1822 ) e del Bellotto ( 1627 – 1700 ) e ancora i ricordi di Caterina Cornaro, il testamento e lettere e costumi di Eleonora Duse e Gabriele D’ Annunzio. Qui il discorso cambia e mi porterà ad una seconda parte da scrivere. Il Duomo, rifatto nel 1747, conserva un protiro quattrocentesco e all’ interno notevoli dipinti di Lorenzo Lotto tra i quali Apparizione della Madonna del 1506 e di Jacopo da Bassano di cui ricordo Assunta del XVI sec. Dal centro si snoda l’ antica discesa al borgo Casella, il Foresto Vecchio , tra piante secolari e antiche dimore come Villa Rubini, Villa Zen, la trecentesca Chiesa di S. Angelo.

La Rocca simbolo della città, si trova sull’ alto del Monte Ricco ( 310 mt ) presentandosi come una solida fortificazione militare . Edificata verso la fine del XII secolo e l’inizio del XIII, ebbe funzioni di presidio per la città. Ricordo con piacere quanto ci piaceva salire sugli spalti per abbracciare con lo sguardo un panorama stupendo che va dalle Dolomiti a Venezia.

Le indagini archeologiche condotte negli anni ’90 del secolo scorso dall’Università di Padova hanno ricostruito la storia di questo manufatto che presenta diverse e successive fasi insediative.

Inizialmente il Monte Ricco, luogo su cui insiste la Rocca, era sede di un sacello altomedievale, databile tra VI-IX secolo d.C. e di cui rimane un lacerto di pavimento a mosaico, ora conservato presso il Museo civico, che presenta una decorazione con elementi che rinviano alla tradizione paleocristiana (un pesce e un motivo crociato tra fiori di giglio).

Fu successivamente occupata da una vasta area cimiteriale a inumazione databile tra il VI e la prima metà del XII secolo d. C.

Si sovrappose a questa necropoli un insediamento abitativo e forse anche produttivo databile tra X e XII secolo d.C. da collegare al loco Bragida ricordato dalle fonti storiche nel 1076.

La Rocca come la possiamo vedere oggi risale ad un periodo compreso tra XII e XIII secolo, inizialmente come struttura fortificata del tutto distinta da Asolo. La sua costruzione ha comportato la distruzione di una parte dell’insediamento abitativo produttivo precedente e di alcune sepolture della necropoli.

Le tracce delle prime fasi di frequentazione (XIII secolo) sono piuttosto labili anche se tale periodo dovette costituire un momento di notevole importanza militare per il manufatto, mentre più evidenti sono quelle legate alle epoche successive della dominazione del Comune di Treviso (1261-1339), poi veneziana (1339-1379), carrarese (1379-1388) e veneziana ancora (1388-1796).

Tra XIII e XIV secolo è databile la costruzione di una cisterna pozzo per la raccolta del’acqua piovana e la sistemazione dell’area dell’angolo sud-orientale con la costruzione di un forno da pane.
Risalgono al XV secolo alcuni resti di abitazioni addossate alla cinta meridionale con pavimenti in legno e focolari in laterizi che assieme ai documenti con notizie di spese eseguite per la sua manutenzione e per rifornirla costantemente di armi e viveri testimoniano l’importanza strategica della fortezza.

I materiali rinvenuti durante gli scavi archeologici sono costituiti da frammenti di ceramica da cucina, monete, punte di freccia di diversa tipologia, vari elementi mobili (bottoncini, ditali, fibbie), coltelli da cucina e da lavoro tutti esposti presso il Museo civico.

Tra il 1379 e il 1393 per iniziativa carrarese prima e completate poi dai Veneziani furono costruite le mura che congiungono la Città con la Rocca. Estese per circa 1360 metri, pur modificate nei successivi sviluppi urbanistici il loro perimetro è tuttora individuabile; erano dotate di 24 torri e di quattro portelli in corrispondenza delle vie di accesso alla Città.

La costruzione delle Mura resero la Rocca punto di vedetta e presidio della Città e da questo momento seguì le sorti storiche del borgo.

Dalla fine del XV secolo l’importanza militare della Rocca, continuamente bisognosa di interventi di restauro, cala progressivamente, fino a rischiare di essere venduta a privati (1650) come cava di pietre di costruzione. Nel marzo del 1652 il doge Francesco Molino, accogliendo la richiesta degli Asolani, determinò di annullare la vendita dovendo in avvenire la Rocca rimanervi sempre com’era a sola publica dispositione et servitio.

Nel 1990 il manufatto subì un intervento di restauro finanziato con fondi gestiti dalla Regione Veneto finalizzato alla valorizzazione del sito; questo ha comportato lavori per la sua conservazione, il consolidamento della torre posta a sud est ed il restauro della porta di accesso e delle decorazioni parietali esistenti con i simboli della famiglia dei Carraresi; importante è stato il ripristino e la percorribilità del cammino di ronda a cui si può accedere tramite una scala per poter visionare il panorama circostante e il suo interno.

Notizie riprese da Asolo, città dei cento orizzonti

Asolo

un incontro con il

romanticismo , con la

storia e

letteratura

Protiro –  Il termine p. (dal gr. πϱόθυϱον) indica una struttura architettonica anteposta a un portale e dotata di vitalità funzionale autonoma nella copertura e nei sostegni. La forma più usuale del p. è quella costituita da una volta a botte sormontata da un tetto a due spioventi e addossata alla muratura soprastante una lunetta.

Enciclopedia dell’ arte medioevale

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto

foto Andrea Romani

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e monumento

foto Andrea Romani

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto

foto Andrea Romani

Continua…


Visualizza immagine di origine

Guardandoti ,

mi commuovo

all’ idea

che non ci sei più.

E

se tu potessi

rispondermi,

mi verrebbe

da chiederti :

quali erano

le tue colpe

per morire

così ?

Forse

eri troppo

intelligente,

troppo bella,

troppo solare ?

Ma queste

non sono

colpe.

Sono qualità

che distinguono

una persona

da un’ altra.

E per questo

dovevi morire?

Tu,

ragazza

per bene,

laureata,

non meritavi

di finire

i tuoi giorni

brutalizzata

con quello

straccio

imbevuto

di candeggina,

infilato

in bocca.

Non riesco

a capacitarmi

di come un giorno

qualunque

di ordinaria

quotidianità,

possa trasformarsi

in orrore.

Perchè

cosi è stata

la tua fine,

un ” orrore ” :

non ci sono

altre parole

per definirla.

E mi fa

ribrezzo

pensare

a chi ha

potuto tanto,

a chi ti ha tolto

ai tuoi cari,

e ancor più

vedere in tv

la sua faccia

che ride.

Vorrei ora

che subisse

la tua stessa

agonia,

che si dimenasse

con gli occhi

imploranti

pietà,

mentre soffoca

avvelenato

come te.

Vorrei ,

ma so già

che così

non sarà.

Maledetto

essere ripugnante,

marcio

come una mela guasta

da buttare

Isabella Scotti settembre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

Visualizza immagine di origine

Oggi un’ altra donna è stata uccisa. Sei donne uccise in una settimana.

Vorrei gridare basta ma chi mi ascolta ?

Finitela uomini di uccidere le vostre donne. Non se ne può più.


Troppo simpatico, troppo bravo, troppo JEAN PAUL BELMONDO.

UNICO.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona


Oggi è il tuo compleanno. Voglio dirlo al presente. Non dire ” avresti compiuto ” ma dire che oggi i tuoi anni sono 36. E ti festeggio a modo mio, dedicandoti delle poesie che da lassù forse hai già letto, chissà. Auguri caro Ricky, ti voglio bene .

Tua zia Isabella

Visualizza immagine di origine

Sospira

Il   vento.

E   porta

con   sé

folate

di   nostalgia

di   tempi   andati,

di   serate

in   riva

al   mare,

di   chitarre   stonate,

ma   suonate

con   allegria.

Sospira   il   vento.

E   quando

lo   fa

piano ,

muovendo   appena

le   fronde,

inonda

il   cuore

di   velata

malinconia.

Ed   ecco,

torno

a   piangere

e   ti   penso.

Ti   rivedo

com’ eri,

bello   e   sorridente.

E   poi

Improvvisamente

cupo,   triste

pensieroso

  a   chiederti   perchè

senza   avere  

alcuna    risposta.

Dimmi

dove   sei   ora ?

Solo   il   vento,

sai,

mi   parla   di   te.

Sommessamente

mi   porta

la   tua   voce,

che   subito   riconosco,

anche   sentendola   

lontana.

Quasi   fosse

un   sibilo

che   poi   si   perde,

irrimediabilmente,

nella   notte   scura.

Isabella Scotti agosto 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

QUANDO IL PIANTO

Visualizza immagine di origine

Quando 

 il   pianto

inonderà

il   mio   volto

teneramente

di   lacrime   salate,

sarà   perché   tu

non   sarai

svanito

come   nuvola

che   si   scansa

per   far   risplendere

il   sole,

ma   al   contrario,

perché   tu

rimani

e   rimarrai

sempre

davanti

ai   miei   occhi.

Immateriale   presenza,

ma   nitida   immagine.

Riflesso   costante

del   tuo   brillare

continuo,

unica   stella

nel   cielo

di   un   lucore

inafferrabile,

delicato ,

una   fiammella

persistente

ad   illuminare

nella   notte

quel   punto

fisso

del   cielo

dove   solo   io

so

di   poterti   lì

ritrovare.

Isabella Scotti agosto 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

OGGI   11    AGOSTO   2021

Eccole,

son   tornate

a   cantare.

Sembrava

una   giornata

destinata

al   silenzio,

iniziata

con   un   cielo

grigio,

coperto,

impregnato

d’ umidità.

E   invece

il  canto

delle   cicale

ha   alleggerito

quest’ atmosfera

pesante

che   intristiva

Il   cuore,

ancor   più

di   quanto   già

triste

non   fosse.

Così   sembrava.

Perché

la   natura

in   fondo

ha   questo   potere,

di   addolcire

ciò

che   risulta

amaro ,

e   trasformare

il   nostro   sentire

in   qualcosa

di   più   leggero.

Eppure  oggi,

che   manchi

già   da   un   anno ,

non   posso  

confermare   questo,

non   posso   dire  

che   le   cicale

mi   abbiano   fatto

tornare   serena.

Continuo

ad   essere   triste

ricordandoti

e   mandandoti  

un   bacio

ovunque   tu   sia.

Ciao   Ricky.   Ti   voglio   bene

Isabella Scotti agosto 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

PORTAMI   LONTANO

Visualizza immagine di origine

Portami   lontano

dove   io  

possa

porre   fine

a   tutto  

questo   dolore

che   non   mi  

dà   pace.

Aiutami.

Portami   lontano

dove   io   possa

dimenticare

e

svegliarmi

senza   più  

ricordare.

Esisterà   pure

un   luogo

dove   poter  

ricominciare

senza   che  

lame  

acuminate

  trafiggano  

ancora

il   cuore

Isabella Scotti agosto 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633


FRASCATI ; DOVE VIVO DA QUANDO AVEVO CINQUE ANNI

Frascati è una ridente cittadina agricolo- commerciale situata sui colli albani, nota per la produzione di un fresco vino secco, oltre che per le sue ville e una posizione invidiabile, distante da Roma all’ incirca una ventina o poco più chilometri. Nel 1191, il pontefice Clemente III , fa radere al suolo la città ribelle di Tusculum, abituale luogo di villeggiatura di Cicerone, Mecenate e Lucullo . Gli abitanti superstiti edificano a 5 chilometri, case con tetti ricoperti di frasche : da qui il nome di Frascati .

Tuscolo, questo sasso rupestre e cupo, ha condizionato per molti secoli la storia stessa di Roma.

Sorta intorno al X secolo a. c. Tusculum divenne in poco tempo una delle città più rinomate della lega Latina, Sconfitta dai romani nella battaglia del Lago Regillo del 496 a.C. , sotto il dominio di Roma insieme al territorio circostante essa divenne la residenza estiva prediletta di imperatori, senatori e letterati, dando il via alla costruzione di ville residenziali dai tempi antichi fino ai giorni nostri. Tra le ville più celebri, si ricordano quella di Silla, Lucullo, Tiberio, Matidia e Cicerone, che qui scrisse le sue  Tusculanae Disputationes.

In epoca medievale, con la potente dinastia dei Conti di Tuscolo che diede al pontificato numerosi Papi, la città dominò le cronache capitoline influenzandone fortemente la vicenda politica, fino a quando il Comune di Roma ne decise la distruzione definitiva nel 1191 d.C.

Tuscolo, tra i tanti grandi del passato che sono stati suoi frequentatori ha conservato ad esempio le memorie di Cicerone, il quale nell’ Orazione Pro Plancio dice a Marco Giuvenzio Laterense :

” Tu sei dell’ antichissimo municipio di Tuscolo donde provengono più famiglie consolari che da tutti gli altri municipi messi insieme ”

Su Tuscolo, poi Frascati, si sono scritti oltre ottocento volumi storici che trattano ogni aspetto della vita di queste due città. Immaginando di leggerli tutti, forse non basterebbe una vita. Frascati è sempre stata meta di artisti, letterati. tra i quali spiccano Richard Voss, scrittore tedesco che vi rimase con la moglie, abitando a Villa Falconieri per circa 25 anni, Charles Dickens , Guido Piovene senza dimenticare colui che amò questi luoghi tanto da scriverne elogiandone la bellezza nel suo ” Viaggio in Italia ” Johann Wolfgang Goethe.

Scritto dall’ artista in un lasso di tempo che va dal 3 settembre 1786 fino al 18 giugno 1788, giorno in cui fa ritorno a Weimer. Egli soggiornerà a Frascati dal 13 al 16 novembre del 1788, per poi di nuovo tornarvi dalla seconda metà di giugno del 1787, e ancora molti giorni a settembre e nello stesso anno dall’ 11 al 13 dicembre.

Un viaggio che Goethe intraprese per trovare nuovi stimoli alla sua vena poetica e poter apprezzare più da vicino l’ arte e la cultura italiana, in particolare quella classica. Del suo trattenersi qui vi racconterò però nella seconda puntata

Frascati

perla dei castelli romani

buono il suo

vino bianco

secco

Visualizza immagine di origine

ttnotes.com Villa Aldobrandini

Quando Goethe iniziò il suo viaggio in Italia, si recò dapprima a Verona, per poi passare a Vicenza, Venezia, Bologna, Perugia e Assisi, per poi giungere a Roma vivendo qui come lui stesso ci dice, uno dei periodi più belli della sua vita.

Immaginiamoci per un attimo Roma nel 1786/87. La pace che vi regnava, lo spettacolo di una città antica tutta da godere, la campagna solitaria dove di sera i tramonti avevano una luce particolare. A Goethe piaceva perdersi in tutto questo, perchè ciò gli dava la possibilità di capire meglio se stesso e quello che voleva fare di più nella vita, se il letterato o dedicarsi magari alle arti figurative. Ovviamente capì senza ombra di dubbio che la strada maestra da seguire era la prima.

Frascati è sempre stata amata da scrittori e poeti. Sicuramente per il suo fascino originale, per la piazza dove domina l’ imponente Villa Aldobrandini, costruita alla fine del ‘ 500 e circondata da un parco ricco di fontane e grotte. per le trattorie, per la cattedrale di San Pietro . Tra i tanti vorrei ricordare Antonio Seccareccia, che nel 1964 aprì in Frascati la prima libreria , genere d’ attività mai sperimentato prima nella cittadina. Fu un successo contro ogni aspettativa perchè stimolò l’ interesse di molti giovani che presero con assiduità a frequentarla. Si deve a lui a Giorgio Caproni e Ugo Reale l’ idea di istituire un premio per poesie inedite appunto ” Il premio Frascati ” consistente, visto che all’ epoca giravano pochi soldi, in una botte da mille litri del buon vino frascatano. Da allora in oltre 50 anni di vita il Premio Frascati vedrà tra i suoi vincitori, Alberto Bevilacqua, Alfonso Gatto, Rafael Alberti Diego Valeri e tanti altri.

Altro poeta, germanista di valore , poliglotta , saggista Italo Alighiero Chiusano. che risiedette a Frascati per oltre trent’ anni e dove morì nel febbraio del 1994. Ed ecco che con Chiusano torniamo a Goethe.

Perchè questo importante scrittore scrisse proprio ” Vita di Goethe ” nel 1981 ( editore Rusconi ) . Una monografia, appassionata e completa per cercare di analizzare e comprendere fino in fondo la figura del grande artista di Weimer .

Un libro che certamente chi voglia conoscere bene l’ uomo e l’ artista deve leggere. Chiusano ci parla quindi di Goethe raccontando di quanto egli amasse tutti i Castelli, tornando più volte proprio a Frascati che considerava un vero paradiso. Qui gli sarà indimenticabile un pranzo che gusterà con gli amici , ospite del principe, a Villa Aldobrandini, dalle cui finestre si godeva di uno spettacolo unico. E nella cittadina prese alloggio per qualche giorno in una locanda che si chiamò Campana. Ci sono i suoi disegni a testimoniarlo, assieme alle lettere datate da Frascati. Proprio in una di queste lettere Goethe parla dell’ accoglienza squisita del principe e dello scenario meraviglioso che dalla villa si poteva godere di colline e pianure.

In una delle sue lettere così si legge : ” Non posso descrivere la mia vita : sono troppo felice. E’ lo studio del paesaggio che occupa in maniera quasi completa il mio tempo che in questo paese e sotto questo cielo, mi alletta in modo straordinario… ”.

E ancora in un’ altra missiva : ” Il paesaggio ha tinte di straordinaria bellezza ; e poi la meraviglia di certe grandi forme nel buio della notte ! Ho goduto molto, e ti comunico questa gioia nella tua lontananza.”

Molti disegni sulle Ville Tuscolane sono a testimoniare il suo diletto nel vivere in queste zone, in particolare su Villa Aldobrandini

” Dalla terrazza, con il bel tempo, si vedono le navi veleggiare sul mare”.

Senza dubbio un periodo vissuto il suo , davvero invidiabile , tra allegre bevute di buon vino con gli amici e sapori deliziosi e gustosi. Quel suo ritratto che lo vede beato con un cappello a larghe falde, abbandonato ad osservar d’ intorno nel tramonto serale con dietro la campagna romana, ci regala l’ immagine di un poeta che sta davvero godendo di un piacevole relax.

Visualizza immagine di origine

Isabella Scotti giugno 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

Le interessanti notizie sono prese dal libro ” Istantanee Tuscolane ”  Raccolta di memorie su Frascati e dintorni – Volume Primo di Lucio De Felici

da ” l’ Italia da scoprire ” – Tutti i tesori dei borghi e delle città d’ arte – Editoriale Giorgio Mondadori

Carissimi mi sono presa una lunga vacanza. Tornata da Cannes per assistere alla cerimonia commemorativa di Riccardo nel primo anniversario della sua scomparsa e per riprendere un pò il solito ritmo. Spero di potermi dedicare a voi. In Francia ho spesso pensato a mio nipote. A lui , non riuscendo a dormire una notte ho dedicato 4 poesie. Magari vi renderò partecipi del mio sfogo. Per ora auguro a tutti voi di passare un’ ottima giornata, magari assaporando un’ aria più fresca.

Vi abbraccio

La vostra Isabella