Archivio dell'autore: tachimio

 

pinterest.com

 

 

Era   quasi   mezzanotte ,  quando,   deciso,   si   avviò   alla   macchina.  Era   una   notte   di   pioggia,   molto   fitta.   Tirò   su   il   bavero   dell’ impermeabile   e   affrettò   il   passo,   perché   aveva   dimenticato   l’ ombrello.   Ma   le   gocce   d’acqua   che   bagnavano   il   suo   viso ,   non   gli   davano   affatto   fastidio,   anzi,   in   un   qualche   modo   sembravano   purificarlo,   allontanando   pensieri   spiacevoli,   che   stranamente   lo   assillavano   da   giorni.    Ma   ora,    finalmente,   si   sentiva   sollevato.   Aveva   finito   di   occuparsi   di   quei   due  .  Quella   coppia   che   voleva   separarsi    ad   ogni   costo (  almeno   così   sembrava   per   la   moglie,   ma   non   per   il   marito ),  e   che   lo   aveva   impegnato   sia   in   tempo   speso   a   parlare,   a   spiegare,   che   mentalmente.

Aveva   così   deciso   di   passare   il   caso   ad   un   suo   collega,   snervato   dal   comportamento   iroso   di   quell’ uomo.  E   aveva  deciso   di   mollare   tutto   per   una   meritata   vacanza   a   Filicudi,   che   amava   per   la   sua   tranquillità,   quella   di   cui   sentiva   tanto   il   bisogno.    Il   suo   lavoro   ultimamente    lo   prendeva   troppo,   ne   era   convinto.

”  Basta   con   gli   esaltati,   con   chi   non   è   in   grado   di   gestire   risentimenti,   di   controllare   i   propri   stati   emotivi.  ”  L’ uomo,   quel   marito   irascibile,   gli   era   subito   sembrato   a   pelle,   un   antipatico,   un   essere   di   cui   diffidare.   Ma   ora   se   ne   era   liberato   e   inutile   dirlo,   si   sentiva   leggero.    Era   giunto   ormai   alla   macchina,   quando   la   sua   attenzione   si   focalizzò   sul   cruscotto,   dove   c’era   un   foglietto   sotto   il   tergicristallo.   Lo   prese   in   mano   e   lesse   ”   Tu,   verme   incapace,   non   hai   saputo   fare   niente   per   me,  che   non   volevo   separarmi,   e   mi   hai   pure   ceduto   ad   un   altro  stupido   come   te.   Ma   io   so   cosa   fare:   ti   ucciderò.   Ti   toglierò   dalla   faccia   della   terra.    Incomincia   pure   a   tremare,   perché   non   sai   quando   ti   colpirò  ”.  

Rimase    impietrito,   incapace   di   muoversi,   con   la   paura   addosso.   Non   riusciva   a   pensare   e   nemmeno   ebbe   il   tempo   di   provare   a   farlo,   che    una   mano,   improvvisamente,   da   dietro,   gli   strinse   il   collo ,   immobilizzandolo,   mentre   l’altra   affondava   nella   carne,   il   coltello.   Il   sangue,   caldo   e   copioso   usciva   ora   dal   suo   fianco,   mentre   cadeva,   incredulo,    consapevole   di   star   per   morire,    sull’asfalto.   Ebbe   solo   il   tempo,    prima   di   chiudere   gli   occhi   per   sempre ,   di   rivedersi   sulla   sua   barca   al    mare.

Quel   mare   ormai   lontano,  mai   più   raggiungibile.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Annunci

Visualizza immagine di origine

amando.it

 

Sono   giorni

che   ti   osservo.

Senza   luce 

sono

i   tuoi   occhi.

Più   non   dipingi.

Più   non   ascolti

Mozart   e   Chopin,

i   tuoi   preferiti.

Sai,

”  muore   lentamente

chi   evita   una   passione  ”.

Tu,

in   questo   momento,  

sembri   non   averne

più   una,

quasi   ogni   sorta

d’interesse

fosse   sopito

o   peggio,  

dimenticato.

Chissà   perché.

Sembri   un   altro.

Non   ti   riconosco.

Ti   muovi

con   passo   lento,

sei   lontano.

 Sembri   aver   perduto

quel   guizzo,

quel   tuo   mettere

tutto   te   stesso

nel   cercare

d’arrivare

dove   avevi   deciso.

Non   mi   piaci

così   apatico,

distaccato,

come   se   tutto

ti   scivolasse   addosso.

Non   ti   spegnere

come   tremula  

fiammella   di   candela.

Credi   ancora,

lotta,   vivi.

Guardami ,

io   sono   qui,

vicina   a   te,

sempre.

 

Isabella   Scotti   giugno   2017
testo  :   copyright   22   aprile   1941  n°   633
incipit   in   neretto   ”  muore  lentamente  chi  evita  una  passione  ”   è  ripreso dalla   poesia   ”  Ode   alla   vita”   di   Martha   Medeiros  


Una   sorpresa   da   parte   del   mio   carissimo   amico   Luigi.   Un   sogno   ascoltare   la   sua   calda   voce   recitare   questi   miei   versi.   Un   GRAZIE   gigante   ad   una   persona   di   GRANDE   sensibilità.   Ciao   Luigi,   mi   hai   fatto   davvero   felice.   Se   penso   che   vivi   in   Cile,   dico,   mamma   mia   com’è   lontano,   eppure   sei   vicino   al   mio   cuore   caro   amico,   fin   da   quando   ho   cominciato   a   seguire   le   tue   letture.   Da   allora,   sempre   ho   ascoltato   la   tua   calda   voce   leggere   brani   di   Neruda,   Pessoa   e   ora   i   miei   miseri   versi.   Non   dimenticherò   mai   quanto   hai   saputo   emozionarmi.  Tanti   abbracci   caro   Luigi,   e   te   lo   dico   anche   in    spagnolo   :   Abrazos

A    presto


Visualizza immagine di origine

space.com

 

La   luna   bianca

è    splendore   notturno

nel   cupo   cielo

 

Isabella   Scotti   ottobre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Visualizza immagine di origine

centrometeoitaliano.it

 

La    luna   rossa

palla   di   fuoco   sembra

notte   bollente

 

Isabella   Scotti   ottobre   2018

testo :    copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

Visualizza immagine di origine

poldosoft.net

 

Luna   pallida

dolce   tremor  d’amore

tenere   labbra

 

Isabella  Scotti   ottobre  2018

testo : copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 


La   sua   musica,   la   sua   voce   per   sempre.

 


Visualizza immagine di origine

settemuse,it

Giunto   è   ormai
l’autunno.
Ne   assapori   l’ essenza
all’ alba,  
quando,
aprendo   la   finestra,
ti   accorgi  
che   umide   gocciole,
già   bagnano  
di   fresca   rugiada,
le   foglie  
dei   ciclamini   in   fiore.
Spento
è   ormai   il   canto
delle   cicale,
nemmeno   i   grilli
la   sera,
si   sentono   più.
Spento   è   anche   il   giardino.
Fiori , 
con   stanco   languore
  nell’aiuola,  
ormai   s’ accasciano.
Muoiono.
Ma   ecco
le   calde   tinte   dorate,
quelle   foglie,  
che   striate   d’ ambra,
spinte  
dal   primo    vento   fresco,
seguendo   strane   piroette,
s’  adagiano  
ora   sul   grigio   asfalto,
ora   sull’  umida   terra  
del   bosco,
confuse   una   sull’  altra  
a   diventar   poltiglia,
tra    ricci   di  castagne  
e   funghi   odorosi.
Silenzi,   lunghi,   interminabili.
Muore   così ,  
l’estate ,  
dolcemente,
chiudendo   gli   occhi,  
abbandonandosi  
al   lungo   sonno.

 

Isabella   Scotti   settembre  2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Le   stagioni   umane


Quattro    stagioni    fanno    intero    l’anno,
quattro    stagioni    ha   l’animo    dell’uomo.
Egli   ha   la   sua   robusta   Primavera
quando   coglie   l’ingenua   fantasia
ad   aprire   di   mano   ogni   bellezza;

ha   la   sua   Estate   quando   ruminare
il   boccone   di   miel   primaverile
del   giovine   pensiero   ama   perduto
di   voluttà,   e   così   fantasticando,
quanto   gli   è   dato   approssimarsi   al   cielo;

e   calmi   ormeggi   in  rada   ha   nel   suo   Autunno
quando   ripiega   strettamente   le   ali
pago   di   star   così   a   contemplare
oziando   le   nebbie,   di   lasciare
le   cose   belle   inavvertite   lungi
passare   come   sulla   siglia   un   rivo.

Anche   ha   il   suo   Inverno   di   sfiguramento
pallido,   sennò   forza   gli   sarebbe
rinunciare   alla   sua   mortal   natura.

 

John   Keats

 

Auguro   a   tutti   voi   cari   amici,   d’iniziare   bene   questo   mese  d’ottobre   che   amo   molto.   Un   caro   abbraccio   a   tutti.   La   vostra   Isabella


Visualizza immagine di origine

flickr.com

 

Cerco   una   stella.

Quella   che   brilla

di   più   voglio.

Che   mi   faccia

da   guida

in   questa   notte

che   vedo   nera.

Perché   il   buio

mi   fa   paura.

Ecco   perchè

ho   bisogno

di

luce.

Una   luce   che

mi   abbagli,

tanto   è

il   suo   riverbero.

Scorre   il   tempo.

E   ciò   che   era   acerbo

è   ora

già   maturo.

Scorre   il   tempo

e   fugge   via.

Un   giorno

ti   guardi   allo   specchio

e     non   sei   più   tu.

Ingobbito,

sotto   il   peso

degli   anni,

consapevole

del   lungo   percorso  

fatto 

e   

che   non   si   torna

indietro. 

Per   questo

mi   serve  

una   stella

che   brilli 

intensamente,

e   che   m’  illumini

la   via

ancora  

da   seguire. 

Perché   questa   notte

che   vedo   nera

mi   fa   paura

 

Isabella  Scotti  settembre  2018

testo :  copyright   legge  22   ottobre   1941  n°   633