Archivi tag: poesia

Buongiorno   carissimi.   Oggi,   voglio   lasciarvi   in   compagnia   di   una   lettera   d’  amore,   una   poesia,   un   dipinto  e   accompagnarvi   per   mano,   facendovi   sognare ,  in   un   paese   che   sarebbe   forse   scomparso   per   l’ abbandono   di   tanti   suoi   giovani,    trasferitisi   per   lavoro   o   studio,   se   due   fratelli   col   loro   cugino   non   avessero   avuto   nel   2017   l’  idea   di   trasformarlo   ,   attraverso   murales   colorati,   nel   ”   paese   delle   fiabe   ”  :  Sant’ Angelo   di   Roccalvecce   in provincia   di   Viterbo,   poco   distante   dalla   famosa   Civita   di   Bagnoregio.  

Attraverso   foto   di   questo   paese,   rivivrete   l’  atmosfera   giusta   per   tornare   piccini.   Penso   che   oggi,   con   tutte   le   difficoltà   da   affrontare ,   possiamo   permetterci   di   dimenticarle   per   un   po’   sognando.   Non   siete   forse   d’   accordo   con   me   ?   Allora   si   comincia,   immergetevi   prima   nella   lettura   e   poi…

 

LETTERA   D’  AMORE

 

Visualizza immagine di origine

http://www.teoma.co.it

 

Come   sei   lontano   amore   mio.   Sei   partito   solo   da   pochi   giorni   e   già   mi   manchi,   terribilmente.  Vorrei   che   le   notti ,   senza   stelle,   non   mi   mettessero   troppa   paura.   E   invece   tremo   a   star   sola,   senza   te  .    Sarà   stata   la   pioggia   di   questi   giorni   a   mettermi   malinconia ,   ma   sapessi   che   vuoto   hai   lasciato.

Ogni   notte   chiudo   gli   occhi   per   vedere   te,   immaginandoti   qui   sdraiato ,  abbandonato   sul   cuscino,  io,   rannicchiata   tra   le   tue   braccia   a   cercare   le   uniche   labbra    che   voglio   e   so   baciare.   Mi   piace   la   nostra   intimità,    quello   stare   soli,   stretti,   anche   senza   parlare,   anche   senza   fare   all’ amore.   Mi   sento   sicura   con   te   al   mio   fianco,   e   più   posso   guardarti   mentre   piano   ti   addormenti,   confondendo   il   tuo   respiro   col   mio,   più   ti   amo,   con   dolcezza,   con   tenerezza.  

Anche   oggi   fuori   piove,   piccole   gocce   continue   imperlano   i   vetri.   Mette   una   tristezza    la   pioggia,   dovrei   uscire   ma   non   ne   ho   voglia.   Forse   più   tardi.   Preferisco   rimanere   qui   a   scriverti,  è   come   se   tu   mi   fossi   accanto ,   ti   sento   vicino.   Finirà   presto   questo   nostro   star   lontani ,   vedrai.

Aspetto   trepida   il   tuo   ritorno.   Stringerti   a   me   di   nuovo,   sarà   la   gioia   più   grande.   Ci   ameremo   fino   al   mattino.

Sono   qui,    caro,   torna

Sempre   tua   

Cristina

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   canzone   di   Giusy   Ferreri   ” Voglio   te ”

 

CHI   ERI   IN   REALTA’  ?

Visualizza immagine di origine

iltermopolio.com

 

Non   ho   risposta

e

non   mi   manca
quello   che   mostravi
di   essere,
mi   manca   quello
che   pensavo
tu   fossi.
Mi    sono   sbagliata,
ho   amato
un’  altra   persona ,
quella
che   non   eri   tu.
Che   delusione
per   me
comprendere
questo.
Quanto   voler  
apparire
in   te,
senza   in   realtà
essere.
E   io   stupida,
caduta
nel   tranello
di   una   sembianza
che   solo   
nella   mia   mente
esisteva.
A   ripensarci ,
avrebbe   potuto
essere  
un   grande   amore
il   nostro,
se   la   menzogna
non   avesse   avuto
il   sopravvento.
Ora
sono   qui
senza   te,
ho   aperto
gli   occhi,
rifuggo
ogni   meschinità,
ogni   falsità.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questo   quadro ,  dove   Arianna   osserva   intorno   a   lei   la   natura   durante   una   gita ,   è   del   nonno   pittore ,  che   lo   ha   dipinto ,  riprendendo   il   tutto   dalla   foto   da   lui   scattata   alla   nipotina   durante   una   gita,   questa   estate.

 

E   ora   abbandoniamoci   al   sogno…

 

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea  Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto  di Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

Penso    che    avrete   riconosciuto   ”  Pinocchio  ”,   ”  La   piccola   fiammiferaia”,   ”   Peter   Pan   ”.   Un   mondo   fatato   che   sembra   davvero   a   portata   di   mano.   Un ‘   immersione   che   vale   la   pena   fare.   Ed   ora   qualche   scorcio   anche   di   Civita   di   Bagnoregio

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

E   qualche   micetto   senza   mascherina

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

 

Un   saluto   dal   fotografo

 

Alla   prossima   miei   cari.   Passate   una   buona   giornata   di   sole.

 


Avrei   preferito   dedicarti   dei   versi.   Ma   so   che   poi   rideresti   prendendomi   in   giro.   Come   facevi   sempre   quando   leggevi   una   mia   poesia.   Bastava   un   verso   per   cucirci   sopra   una   battuta,   una   spiritosaggine.   E   tutti   giù   a   ridere,   compresa   io   che   ero   magari   ”   partita  ”   tutta   seria.   Si,   mi   sarebbe   piaciuto   caro   Ricky   per   farti   ridere  ancora.   Ma  in   realtà   cosa   potrei   scrivere   oggi   se   non   che   farti   gli   auguri.

 

Oggi   i   tuoi   anni   sarebbero   35.   Nessuno   di   noi   potrà   più   festeggiarti   come   facevamo   sempre,   tutti   insieme   riuniti.   Aspettavamo   che   le   ferie   di   agosto   finissero   per   stare   tutti   insieme   davanti   ad   una   torta,  e   vederti   soffiare   sulle   candeline.   Ora   faremo   finta   che   tu   ci   sia   lo   stesso.   Come   davanti   a   quel   dolce   nel   giorno   dei   tuoi   34   anni.   Mai,   nessuno   di   noi,   avrebbe   potuto   immaginare   che   la   tua   vita   si   sarebbe   fermata   al   numero   di   quelle   candele.   Ricorda   che   comunque,   anche   se   la   tua   vita   qui   in   terra,   è   finita,   mai   finirà   nei   nostri   cuori.   Lì   vivrai   per   sempre .   Non   ti   dimenticheranno   mai   i   tuoi   genitori,   Paolo   e   Maria,   Valeria   tua   sorella,   i   tuoi   cugini   tutti,   la   tua   nonna   Loredana,   le   tue   zie   pugliesi,   tuo   zio   Luciano   ed   io   caro   nipote,   cucciolo   adorato.   Auguri,   caro   Ricky,   ovunque   tu   sia.   Sicuramente   vicino   a   nonno   Tonino ,   a   nonno   Salvatore,   a   nonna   Lucia  e   a   don   Vincenzo  .

 

Bello   come   il   sole

 

Aspetta,   non   ho   finito.   Ho   pensato   di   farti   un   regalo.   Sono   sicura   che   da   lassù   sorriderai   una   volta   in   più   vedendo   di   che   si   tratta.   Ecco…

Guarda   che   spettacolo   Ricky  .    Quante   volte   ti   sei   affacciato   dal   nostro   balcone.   Ti   piaceva,   con   Andrea   durante   le   feste ,  fumare   insieme   una   sigaretta   e   guardare   Roma   tutta   illuminata.    Bello   eh  ?   E   tu   sai   anche   cosa   nasconde   quel   camion,   cosa   c’è   dietro   di   lui…

Eccolo,   tutto   per   te

Il   tuo   campo   di   rugby   .   Buon   compleanno   caro   Ricky   !!!   Ti   voglio   bene

 

 


http://www.booksprintedizioni.it/libro/Poesia/ebook-miscellanea

 

Carissimi  amici  eccomi  a  voi  per  chiedervi  un  regalo  di  amicizia.  Avrete  letto  tempo  fa    il  post  scritto  da  una  mia  cara  amica,  http://MarisaCossu.wordpress.com//,  nel  quale    si  chiedeva  di  votare  il  suo  libro  ”La  vita  è  bella”   che  partecipa   ad  un  concorso  indetto  dalla  sua  casa  editrice.  Ora,  visto  che  con  Marisa  abbiamo  in  comune   lo  stesso  editore ,   e  che  quindi  anch’io , nel  mio  piccolo,  partecipo  a  questa  cosa,  con  non  poco  imbarazzo  vicino  a  lei  , persona  ben  più  meritevole  di  me,  vengo  a  voi  per  chiedere  di  votarmi.  Con  lei  nessuna rivalità , solo simpatia sincera.  Se  lo  farete  mi  dimostrerete  ancora  una  volta   di  più  la  vostra  amicizia  alla  quale,  se  pur  virtuale,  tengo  molto.  Grazie.   Non  aggiungo  altro  tranne  qualche  dato.  Un  bacione  a  tutti (  anche  a  chi  non  voterà,  non  abbiate  timore. )  La  vostra  affezionata  Isabella

Per  votare  potete  andare  direttamente  sul  sito  della  Booksprintedizioni  alla  mia  pagina :  Isabella  Scotti

o  cliccando  a  destra  sulla  copertina  del  mio  ebook

Titolo:   Miscellanea-Visioni  e  palpiti  del  cuore, pensieri  nascosti sotto  forma  di  parole 

Genere :  Poesia

Autrice :  Isabella  Scotti


Ho  incontrato

per  caso,

un  giorno,

”Poesia”.

Con  semplicità

e  umiltà

si  è  avvicinata  a  me,

senza  orpelli  e  fronzoli,

muta,

e  a  lei  allora,

che   così   ascoltava,

mi  son  rivolta.

Nuda,

spoglia  d’ogni  pudore,

ho  cominciato

a  offrirle

i  miei  pensieri,

anche  i  più  sciocchi,

i  più

puerili.

Ma  mai

ho  ricevuto

rimproveri,

perchè

Poesia”

è  discreta,

ascolta  in  silenzio

tutto  quello

che  dico

a  voce  alta

e  poi  scrivo.

Così

di  colpo,

ho  capito ,

dopo  tanto  tempo

che  la  cercavo,

di  averla,

finalmente

 trovata:

è  lei

quel ”tesoro”  d’amica

che  mi mancava.

Isabella Scotti   novembre   2014

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questa  la  mia  umile  voce,  e  ora  lascio  il  posto  alla  sua ,  a  quella   di  un  grande  senza  tempo…

Accadde  in  quell’età…La  poesia

venne  a  cercarmi.  Non  so  da  dove

sia  uscita,  da  inverno  o  fiume.

Non  so  come  nè  quando,

no,  non  erano  voci,  non  erano

parole  nè  silenzio,

ma  da  una  strada  mi  chiamava,

dai  rami  della  notte,

bruscamente  fra  gli  altri,

tra  violente  fiamme

o  ritornando  solo,

era  lì  senza  volto,

e mi  toccava.

Non  sapevo  che  dire,  la  mia  bocca

non  sapeva  nominare,

i  miei  occhi  erano  ciechi,

e  qualcosa  batteva  nel  mio  cuore,

febbre  o  ali  perdute,

e  mi  feci  da  solo,

decifrando

quella  bruciatura,

e  scrissi  la  prima  riga  incerta,

vaga,  senza  corpo,  pura

sciocchezza,

pura  saggezza,

di  chi  non  sa  nulla,

e  vidi  all’improvviso

il  cielo

sgranato

e  aperto,

pianeti,

piantagioni  palpitanti,

ombra  ferita,

crivellata  da  frecce,  fuoco  e  fiori,

la  notte  travolgente,

l’universo.

Ed  io,

minimo  essere,

ebbro  del  grande  vuoto

costellato,

a  somiglianza,

a  immagine  del mistero,

mi  sentii  parte  pura

dell’abisso,

ruotai  con  le  stelle,

il  mio  cuore  si  sparpagliò  nel  vento.

Pablo  Neruda


DSC_0661

Foto dell’epoca

 

 

DSC_0665       Il   6  giugno  è  stato  l’anniversario  dello  sbarco  in   Normandia.   E  mi  si  sono  affacciati  allora  ricordi  di  un  viaggio ” on  the  road”   fatto  due  estati  fa  ( rigorosamente  in  macchina  e  non  in  moto  per  chi  magari  m’ immaginasse  super  sportiva ).  Un  viaggio  da  noi  effettuato  seguendo  un  itinerario  preciso, ” redatto”  con  cura  e  attenzione  ai  dettagli  da  mio  figlio  che  lo  aveva  già  sperimentato.  Un  viaggio  entusiasmante  di  cui  ho  tenuto  un  diario  giornaliero  per  fermare  attimi  particolari,  avventure  vissute  e  ricordare  luoghi  splendidi  e  ricchi  di  storia.  Ho  scritto  anche  due  poesie  dedicate  una  alla  Bretagna  e  l’altra  alla  Normandia  perchè  questo  è  stato  il  viaggio:  andare  alla  scoperta  di  queste  terre  del  nord  della  Francia.  Di  alcuni luoghi  toccati  ho  intenzione  di  parlarne  in  altri  post,  qui, invece, rifacendomi  all’inizio  di  questo,  voglio  raccontarvi  di  quando  siamo  stati  ad  Omaha  beach  facendo  riferimento  a  quello  da  me  scritto  sul  diario.

1024px-Naval_Bombardments_on_D-Day

 

Sono quindi queste mie , impressioni,  anche  riflessioni  che  ho  appuntato  visitando  luoghi  ricchi  di  storia  come  le  spiagge  dello  sbarco  del  6  giugno  1944.  Ecco  cosa  ho  scritto  allora:  ”… Il  20  settembre  del  2012  ci  spostiamo, lasciando  alle  nostre  spalle  la  bella  Bayeaux   avviandoci  verso le spiagge  dello  sbarco.  E’  una  mattina  strana  in  cui  il  sole  si  mescola  o  meglio  si  alterna  a  grosse  nuvole  per  fortuna  che  vanno  e  vengono.  Seguiamo  le  indicazioni  del  navigatore,  finora  validissimo  aiuto  in  terra  di  Francia,  e  percorriamo  strade  alberate,  verde  ovunque,  alte  siepi  e  case  sparpagliate  in  mezzo  a  questo  verde.  Ci  stiamo  avvicinando  a  poco  a  poco,  il  paesaggio  è  molto  suggestivo  quando  all’improvviso  cominciano  ad  apparire  cartelli  per  strade  laterali  con  le indicazioni   ed  i  nomi  delle  più  famose  spiagge  dello  sbarco:  Utha beachOmaha  beach,  Juno  beach,  .  Noi  ci  dirigiamo  verso  Omaha  beach.    Seguendo  il  cartello  arriviamo  in  una  grande  piazza  poco  lontano  dalla  spiaggia,  dove  un’enorme  monumento  ricorda  il  sacrificio  di  migliaia  di  vite  umane.  Direttamente  sulla  spiaggia  c’è  un’altra  opera  scultorea,  intitolata  ”Les  Braves’‘,  dove  risalta  una  poesia,  dedicata  a  tutti  i  ragazzi  che  hanno  preso  parte  a  questo  importante  passaggio  della  seconda  guerra  mondiale  per  fermare  i  tedeschi  nella  loro  avanzata  in  Europa.  Tira  un  pò  di  vento  e  farmi  qualche  fotografia  mi  crea  imbarazzo  se  penso  che  mi  trovo  dove  tanti  giovani  hanno  perso  la  vita,  e  mi  ritorna  in  mente  il  film  ”Il  soldato  Ryan”  con  Tom  Hanks  e  tutte  quelle  scene  terribili  dello  sbarco.   Comunque  ne  facciamo  qualcuna  per  lasciare  poi  la  spiaggia  e  dirigerci  verso  il  cimitero  americano.  Arrivati  attraversiamo  un  lungo  viale  pieno  di  vegetazione  ed  entriamo  in  un  grande  parcheggio.   Iniziamo  così  un  percorso  a  piedi  immersi  nel  verde,  tra  alberi  altissimi  e  una  veduta  mozzafiato  sulla  spiaggia  dello  sbarco.  In  questo  cimitero  riposano  novemilaottocento  americani,  le  cui  croci  di  un  bianco  accecante  improvvisamente  si  stagliano,  tutte  rigorosamente  in  fila  davanti  a  noi  creando  un  contrasto  netto  con  il  verde  luminoso  dell’erba.   Nomi  di  uomini,  prima  che  soldati,  che  leggere  così,  uno  di  seguito  all’altro,  dà  la  dimensione  esatta  della  vastità  di  quella  tragedia,  in  perdite  umane,  in  quel  fatidico  6  giugno  1944.  C’è  un  silenzio  fatto  di  commozione   e  di  preghiera   mentre  camminiamo  in  questo  triste  e  anche  bellissimo  posto.  Tanti  americani  sono  stati  riportati  a  casa,  per  essere  sepolti  nei  loro  luoghi  di  origine,  e  tanti  altri,  canadesi,  francesi,  tedeschi  (  mi  pare  circa  22.000 )  sono  sepolti  in  altrettanti  cimiteri  nelle  vicinanze.  Una  cosa  sbalorditiva,  che  al  pensiero,  mi  fa  quasi  piangere.  Ci   allontaniamo  piano,  in  silenzio  e  arriviamo  al  monumento  eretto  in  nome  della  libertà,  dove  tutti  si  raccolgono  a  leggere  su  di  una  grossa  lapide,  come  si  sviluppò  lo  sbarco  e  dove  erano  localizzate,  lungo  la  costa,  le  forze  alleate.  Proprio  leggendo  qui,  ci  si  rende  conto  dal  vivo  della  precisione,  dello  studio  approfondito  delle  posizioni  di  dislocamento  delle  varie  truppe  di  sbarco.  E  poi  in  cerchio,  su  altre  lapidi,  dietro  il  monumento,  altri  nomi,  altri  morti.  A  questo  punto  ci  avviamo  alla  macchina  senza  parlare,  senza  commenti.  Usciamo  quindi  dal  cimitero  e  ci  dirigiamo  verso  Arromanches,  un  tempo , all’epoca  della  Belle  Epoquè,  ridente  città  balneare,   oggi  luogo  di  rimembranze,  dove  si  viene  oramai  per  scoprire  i  resti  di  questo  che  fu  un  porto  artificiale  creato  per  rifornire  le  truppe  dello  sbarco  garantendo  loro  un’aiuto  importantissimo.  Scendendo  infatti  al  mare,  ci  sono  ancora  i  resti  dei  cassoni  di  cemento  e  acciaio  che  formavano  una  specie  di  diga  contro  le  maree  dell’oceano.   Una  visione  spettrale  che  mette  i  brividi.  Negozi  pieni  di  cimeli,  cartoline  dell’epoca  e  bandiere  francesi,  canadesi,  americane  che  sventolano  sotto  l’azione  di  un  vento  freddo  e  antipatico.  Decidiamo  allora  di   fermarci  a  mangiare  un  panino  per  poi  ripartire  e  proseguire  il  viaggio  con  negli  occhi  ancora  quelle  bianche  croci…”    Adesso  un  pò  di  foto  di  quel  viaggio :

41303_1518790403799_8086576_n

Arromanches  e  i  cassoni  che  emergono  dall’acqua

40254_1518792083841_5981629_n

 

44987_1523319277018_6894824_n  La  spiaggia  di  Omah  beach

 

DSC_0596

 

Vedute da più angolazioni

 

DSC_0601

 

DSC_0602

 

DSC_0605

 

DSC_0607

 

DSC_0610

Monumento ”Les  Braves”

 

DSC_0613

Due   gabbiani   stazionano   con   davanti   l’ immenso

 

DSC_0617     DSC_0616

”Les  Braves” particolare

 

DSC_0740

Cimitero   di    Omah  beach.   Le   foto   sono   più   di   una   per   testimoniare   quanti   giovani   qui   sono   sepolti.   Impressionante

DSC_0743

 

DSC_0742

 

DSC_0744

 

DSC_0752

DSC_0766

 

DSC_0769

 

DSC_0770

 

SAM_0911

Io

SAM_0916

Il   consorte   Luciano

 

SAM_0926

SAM_0929

Tutte   le   foto   sono   scattate   da   me


lovely-blog-award-2014Carissimi, voglio  con  sincero  affetto

ringraziare  per  questa  nomination , che  gradisco  in  modo  particolare,  la  cara amica  Franca ( http:// lemieemozioniinimmagini.wordpress.com// )

 la cara  amica  Lisa ( http://poesilandia.wordpress.com// )

il  caro  amico Arthur ( http://ilmondodiarthur.wordpress.com// )

la  cara  amica   Maria ( http://nonsoloparole.wordpress.com// )

la  cara  amica  Fulvialuna ( http://Tuttolandia.wordpress.com//

la  cara  amica  Gina  ( http://sonoqui.wordpress.com//.)  Ora non  ci  sono  condizioni  particolari  da  rispettare  se  non  quelle  di  nominare  altri  dieci  blog e  rispondere  a dieci domande. Poichè  ho  sempre  più  o  meno  risposto  a  tutte  le   domande  poste  man  mano che  mi  arrivava una  nomination,  questa  volta  decido di  non  rispondere  non  per  presunzione,  ma  per  dedicare  a  tutti  voi  una  poesia  che  ho  scritto tempo  fa  dopo  una  cena, e  che  penso  sia  molto  indicata  rispetto al  titolo  del  premio.  Posso  anche dire  qualcosa  in  più  per  farvi  contenti.   Con  mia  sorpresa  Lisa , Franca,  Arthur ,  Maria ,  Fulvialuna  e  Gina,  hanno  voluto  dedicarmi questa ”rosa  dell’amicizia”  . E’  una  cosa  che  mi  commuove . L’amicizia  è  per  me  molto  importante,  e  se  qualcuno  ha  pensato  a  me  come  amica,  è  perchè  forse,  ha  capito  da  ciò  che  scrivo,  che  mi  piace  essere  vicina  a  tutti  voi, senza  presunzione, con  semplicità  rispettando  la  peculiarità  di  ciascuno  senza  invadenza ( almeno  spero). Sono  una donna  non  più  giovanissima  per  età  ma  sicuramente  mi  sento  tale  per  spirito  e  vivacità,  che  ama  molto  l’educazione,  e  che  aspira  ad  una  vita  in  cui  l’uomo  sia  consapevole  che  la  prevaricazione  non  serve a  nulla  se  non  che  a  dividere  le  persone.  Così  come  penso  che  il  rispetto  sia  alla  base  di  qualunque  convivenza.  Sono  un  tipo molto  curioso, ecco  perchè  mi  piace  viaggiare,  conoscere  nuovi  costumi  e  usanze  e  soprattutto  mi  piace  conoscere  le  tradizioni  dei  posti  che  vado  a scoprire,  per  me  basilari  per  arrivare  a  comprenderne  le  abitudini  di  vita .  Mi  piace  molto  leggere,  quando  il  tempo  me  lo  concede,  e  l’arte   in  genere ( pittura,  danza,  scultura ) mi affascina   perchè   è   lì,  che  secondo  me , l’uomo  trova  la  sua  umanità.  Adoro  il  teatro  ma  anche  cinema (  prediligo film americani , genere noir , rigorosamente  in  bianco  e  nero)  e  tanta  musica  classica.   Qui  mi  fermo.  A  dire  il  vero  è  come  se  avessi  risposto  a  delle  domande,  pazienza.  Ora  però   vi  lascio  alla  mia  poesia. A  presto.  Isabella   Ps   Non  nomino  altri  blog,  perdonatemi,  ci  ho  provato  ma  ne  rimanevano,  fuori  dai  dieci, tanti  altri,  troppi . A  questo  punto  per  non  fare  torti  a  nessuno,  affido  al  vento  questa  ”rosa  dell’amicizia” perchè  arrivi a  tutti  voi  che,  indistintamente,  la  meritate. Vi  abbraccio.

 

 

AMICHE  DI  SCUOLA

Ritrovarsi  a  cena  dopo  anni.

Scoprire

che  tutto  il  tempo

passato,

in realtà,

non  ci  ha  piegate

più  di  tanto.

Assaporare  ancora

il  piacere

di  stare   insieme,

e  raccontare  ciascuna

le  proprie  esperienze  di  vita.

Ridere  di  cuore

come  da  ragazze,

e  vedere,

sui  nostri  volti  di  sempre,

solo  qualche  ruga  in  più.

E’  bello  incontrarsi

di  nuovo,

e  capire,

con  gioia,

che  l’amicizia

di  un  tempo,

quella  vera,

è  tra  noi,

viva,

ancora  come  allora!

Isabella Scotti

 

A  tutti  gli  amici  che  passeranno  di  qui.

Altro  PS    Scusate,  anche  se  forse  non  è  il  luogo  e  la  pagina  giusta,  ma  voglio  comunque  rivolgere  un  pensiero  a  tutti  quei  poveri  morti  in  miniera,  in  Turchia.  Fare  il  minatore  è  uno  di  quei  lavori  terribili e  temibili  dove  giornalmente  uomini  sconosciuti,  lontani  dal  vivere  una  vita serena,  rischiano  la  pelle,  fino  talvolta  a  lasciarla  come  in  questo  caso.  Mi  dispiace  immensamente.

 


Come  vi  avevo  promesso  in  un  altro  post,   ecco  la  frase,  che  ho  messo  sul  titolo,  ripresa  dalla  canzone  di  Vecchioni  ”Sogna,  ragazzo  sogna”.  Vi raccontavo  in quel  post,  che  ad  un  incontro  di  poesia  ci  avevano  suggerito  di  scrivere  qualcosa  lasciandosi  guidare  da  frasi,  parole,  di  poesie  o  canzoni,  come  in  questo  caso, che ci  avevano colpito  e ” ricamare”  intorno  a  quello  da  noi   scelto,  qualcosa.  Ecco,  cosa  a  me,  ha  suggerito  questa  frase.

Ti  ho  lasciato  un  foglio

sulla  scrivania.

Potrai  riempirlo  di  parole,

quelle  che  vorrai.

Sarai  libero  di  volare

e  il  tuo  pensiero

vivrà  per  sempre.

Sarà  una  sensazione  nuova

e  meravigliosa.

Vedrai  la  tua  mano

prendere  una  penna  

e  quasi  scivolare

su  quel  foglio.

Ogni  parola 

sarà  parte  di  te.

Prova a volare

lascia  un  segno,

che  anche  gli  altri

possano  ascoltare  la  tua  voce.

 

Isabella Scotti    marzo   2014

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Non  ci  sono  pretese  particolari  o  pensieri  costruiti,  solo d’impeto  ciò  che  è venuto  dal  cuore.


Cammino

in  questo  pomeriggio  umido

lungo  calli

immersi  nella  nebbia.

Rasento  i  muri

per   avere  la  percezione

di  toccare

qualcosa  di  reale

in  questo  rarefatto

passeggiare.

Ad  un  tratto,

quasi  uscita

  dal  nulla,

mi  appare.

E’  lì,

immobile,

silenziosa.

Nel  suo  ampio   vestito

di  velluto  rosso,

coperta  da  un  lungo

mantello  nero,

elegante,

con  la  sua  maschera 

bianca,

dall’ovale  perfetto,

e  a  coprirle  il  capo

uno  strano  cappuccio

di  velluto  anch’esso,

rosso  come  l’abito.

Null’altro  si  vede

se  non 

   due  occhi 

che

fissano  i  miei.

Mi  guarda

senza  parlare,

sventolando  con  arte

delicatamente,

un  ventaglio  di  pizzo.

Inclina  la  testa,

sembra  sorridere  appena,

e  poi,

come  è  arrivata,

così  svanisce

nel  nulla,

lasciando  dietro  sè

una  voglia  di  vivere

altri  tempi.

Venezia…

il  suo  carnevale

è  tutto  qui.

Attimi  magici,

improvvisi,

indimenticabili!

Isabella  Scotti            dalla   raccolta di  poesie   ”All’improvviso”

A  ricordo  di  un  incontro  in   quel  carnevale  del  2002


Prima delle feste natalizie ho partecipato ad un laboratorio poetico invitata da mia cognata.  Non avevo mai avuto l’opportunità di trovarmi a contatto con gente molto preparata sull’argomento e debbo dire che mi sono divertita.  L’insegnante che ci parlava di poesia,  ha letto alcune poesie e una canzone di Roberto Vecchioni, lasciandoci libere di fare nostre, alcune parole di quei testi ,per da lì partire e scrivere noi qualcosa, in base a ciò che più ci aveva colpito. Una parola ricorreva frequentemente ed era : perdono. Da questa sono allora partita e ho scritto quello che ora vi propongo, ( più in là vi proporrò un’altra cosa da me scritta partendo da una frase presa dalla canzone di Vecchioni che l’insegnante ci ha letto quel pomeriggio.) Forse oggi, giornata della pace, va anche bene.

Perdona   fratello

     i   torti  subiti

gli   oltraggi   ripetuti.

Perdona   fratello

chi   ti  ha  offeso

chi   ha   riso   di   te.

Oggi   non   fermare 

     il  tempo 

sul   ricordo   di   ciò  che   è  stato.

Vivi   e   guarda   oltre.

Questo   è   un  tempo   nuovo,

da   vivere   appieno.

Passeranno   i   giorni

e    nulla   sarà   più   come   prima.

        Vedrai,

la   stagione   del   perdono

ti   trasformerà   in   quell’uomo

che   volevi   diventare.


Il titolo che ho voluto dare a questo post è ciò che provo constatando con tristezza da quanto tempo ormai assistiamo a tragedie immani, allagamenti, frane, in questa nostra terra italiana. Tragedie annunciate ma sistematicamente ignorate. E una cosa che mi chiedo è questa : perchè i telegiornali non fanno altro che servizi chilometrici, intervistando quotidianamente chi ha perso tutto , case, affetti, dopo che succede un disastro  e non prima, per documentare situazioni drammatiche già in atto che appunto perchè documentate potrebbero essere evitate? Perchè non si va prima nelle zone a rischio, di cui senz’altro i giornalisti sono bene informati  invece di fare dopo sensazionalismo  sfruttando  e usando per il proprio tornaconto il dolore di famiglie sfortunate? Una volta esisteva il ”giornalismo d’inchiesta” al quale poter attingere e studiare situazioni  complicate. Non voglio qui occuparmi di chi debba farsi carico affinchè tali tragedie  (  vedi in  Sardegna, nelle Marche in Abruzzo, senza dimenticare  la tragedia poi di  Prato, città di cui si sapeva da quel dì che fosse piena di cinesi lavoranti in nero)  non succedano più, voglio solo dire che detesto questa ipocrisia italiana dove tutti si scandalizzano sempre dopo che succede il danno. A tale proposito voglio postare una lettura trovata in un testo ”scolastico” per la scuola elementare del 1968, testo in cui si parlava di educazione civica dal titolo ”Lavoriamo insieme”. Mi è molto piaciuta e dimostra che forse allora nella scuola si tentava di dare indicazioni per una vita responsabile e cosciente. Se poi l’uomo non ha saputo fare proprie certe istanze è solo colpa sua.

”Gli alberi, poesia della terra”

Essi sono più buoni degli animali e degli uomini. Essi non sanno che donare : il fiore e il frutto; l’ombra e il riparo, e il colore e il profumo. Essi non domandano che un poco di rispetto e di amore. Uniti in macchie e foreste, assumono la bellezza di un miracolo, la forza di un esercito, la saldezza di un baluardo. Con le radici trattengono i terreni in pendio e ne impediscono le frane; coi fusti oppongono schermo alle furie dei venti e barriere al crollare delle valanghe; coi balsami che sprigionano da foglie e da resine, essi risanano l’aria e sventano l’insidia del male. Così la voce della poesia li benedice, e ne esalta le docili trasformazioni nelle cose buone e utili dell’uomo : ” Siate voi benedette, o foreste, che date i legni odorosi alle cose più sante della vita : le arche delle massaie, i banchi della scuola, i balocchi per i nostri fanciulli, i cavi strumenti per il suono, le navi che solcano il mare, le culle, le bare, la croce a piè della quale, ogni alba e ogni sera, diamo un’ala e una voce all’anima, nella preghiera. ”

L. Orsini