Archivi categoria: News

Andalusia  :   patria   del   flamenco.   E   ovunque,   in   effetti ,    lì    troverete,   dedicati   a   questa   forma   artistica,   tanti   locali,   i   cosiddetti   tablaos.   Le   bailadoras   ( ballerine  )   che   indossano   costumi   dai   colori   vivaci,   entusiasmano   il   pubblico   col   battito   delle   mani   e   dei   piedi,   mentre   il   corpo   continua   a   roteare.   Sono   coadiuvate   nella   danza   dai   partner,   che   danzano   battendo   con   forza   i   tacchi   alti   delle   calzature   sulle   assi   del   palcoscenico,   creando   un   rumore   molto   forte.   Il   loro   canto   urlato,   estatico,   si   fonde   col   suono   della   chitarra   che   scandisce   il   ritmo.   Simili   messe   in   scena   tuttavia,   hanno   poco   a   che   vedere   col   vero   flamenco,   una   delle   forme   più   antiche   della   musica   spagnola,   che   vive   di   ispirazione   spontanea   e   penetra   nella   sfera   dell’intimità.   Il   vero   flamenco   lo   si   può   assaporare   solo   in   una   ristretta   cerchia   di   appassionati,   quando,   come   per   caso,   uno   inizia   a   cantare   le   sue   coplas   ,   canzoni   tramandate   oppure   trattate   liberamente,   sostenuto   e   incitato   dai   presenti.   Il   flamenco   non   vuole   intrattenere,   ed   è   nella   sua   forma   originaria   un   lamento.   Quando   il   cantaor   ha   raccolto   le   proprie   forze   può   iniziare   il   quejido,   il   lamento   che   proviene  dal   fondo   dell’anima,   il   canto   roco,   intenso,   fioco   e   velato,   che   si   libera   poi   nell’urlo,   distinguendosi   per   sequenza   di   note   e   ritmo,   dal   resto   della   musica   europea.   In   questo  ” cante   jondo” (   canto   profondo ),   primitivo,   di   cui   anche   Federico   Garcia   Lorca   parlò   nel   suo   ”   Poema   de   cante   jondo   ”  , (1) vengono   urlati   i   propri   sentimenti  :   si   parla   del   dolore   di   un   amore   infelice,   della   mancanza   di   speranze,   del   sentirsi   abbandonato.   Il   flamenco   può   anche   proseguire   per   ore,   addirittura   per   giorni   interi.   Gli   ascoltatori   seguono   l’estasi   del   cantante,   lo   accompagnano,   lo   incitano,   scandiscono   il   ritmo.   Applaudono   ai   movimenti   di   braccia   e   corpo   più   espressivi,   (   brazadas  ),    con   le  mani  (   palmas  )   e   battendo   i   piedi  (  zapateado  ).   Altri   cantaores   si   avvicinano,   intonano   le   proprie   coplas,   raggiungono   una   propria   estasi   attraverso   il   canto   e   la   danza.   Ecco   perché   il   flamenco,   tra   le   altre   cose   è   anche   un’esperienza   in   comune,   nella   quale   musica   e   danza   recitano   il   lamento,   ma   al   contempo,   introducono   una   grande   felicità,   una   fiducia,   una   gioia   di   vivere.

 

Non   si   sa   con   esattezza   quale   sia   l’origine   della   parola   ”  flamenco  ”   e   che   cosa   significhi   veramente :   alcuni   la   fanno   derivare   dall’arabo   fellah   e   mangu   (   canto   popolare  ).   Altri   la   collegano   alla   parola   spagnola   flame,   indicante   i   fiamminghi,   un   riferimento   al   seguito   arrogante   di   Carlo   V,   che   aveva   atteggiamenti   boriosi   e   supponenti.   In   ogni   caso   ,   la   patria   del   flamenco   corrisponde   al   triangolo   formato   da   Siviglia,   Cadice   e   Ronda.   Le   sue   origini   vanno   fatte   risalire   al   gruppo   dei   gitani,   gli   zingari   che   vivono   in   Andalusia.   Quando   questi   presumibilmente   partendo   dalle   Indie,   raggiunsero   l’Andalusia,   attraverso   l’  Europa   sud   orientale   alla   metà   del   XV   secolo,   i   canti   e   i    balli   della   loro   patria   indiana    si   fusero   con   le   tradizioni   delle   altre   culture   che   abitavano   la   Spagna   meridionale.   Il   flamenco   infatti   racchiude   elementi   della   musica   liturgica   vetero- indiana   e   bizantina,   canti   moreschi   e   mozarabici,   inni   cantati  nelle   sinanoghe   ebraiche,   tramandati   nei   secoli   dai   gitani.   Per   origini   e   caratteristiche   è   quindi   la   musica   di   un   popolo   sottomesso .   Soltanto   quando   la   situazione   dei   gitani   migliorò,   nel   XVIII   secolo,   e   la   Carmen   di   Bizet   fece   conoscere   il   flamenco,   questo   genere   musicale   cominciò   a   godere   di   un   tardivo   riconoscimento.   Nacquero   così   i   cafè   cantantes,   punti   d’incontro   degli   appassionati,   e   anche   i   pasos,   coloro   che   non   sono   zingari,   appresero   quest’  arte,   questa   fusione   di   cante,   (  canto  ),  toque  (  chitarra ) ,   e   baile  (  danza )   che   continua   ancora   oggi   con   la   sua   vivacità   e   forza   ad   affascinare

 

Petit   onze

Cantaor
inizia    il   suo   quejido    
urla   senza   più  
amore    solo
abbandonato

 

Isabella   Scotti   luglio   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941  n°   633

 

Notizie   da   Arte   e   architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen   Bohlen

 

 

Poema del cante jondo (Poema del profondo canto)

di  Federico  Garcia  Lorca  edito  da  Montecovello,  2015

Traduttore  :   Ceriello   B.

Collana  –   Libreria   internazionale

Data   di   pubblicazione   2015

 

Descrizione   del   libro

 

La    raccolta   poetica   “Poema del Cante Jondo”   è   una   originale   opera   di   Federico García Lorca   composta   da   una   serie   di   liriche   di   lunghezza   variabile.   Il   testo   si   organizza   in   varie   parti   e   prende   ispirazione   da elementi   della   terra   natia   del   poeta   stesso:   l’Andalusia.   I   temi   ricorrenti   sono   tipicamente   spagnoli   e   si   va   da   paesaggi   che   includono   monti,   mari   e   fiumi   a   personaggi   come   il   gitano,   le   donne,   i   cantanti. Non   possono   mancare   riferimenti   alla   vita   religiosa   popolare   spagnola   come   gli   elementi   della   passione del   Cristo   e   il   suono   delle   campane   delle   chiese   di   Granada   e   Cordova.   Altro   elemento   fondamentale,   da   cui   deriva   il   titolo   della   raccolta,   è   la   musica,   ma   non   quella   del   flamenco   tradizionale, ma   un   canto più   primitivo,   appunto   il   cante   jondo.   Questo   tipo   di   canto   è   appena   un   vagito,   è   un’emissione   più   alta   o   più   bassa   della   voce,   è   una   ondulazione   vocale   che   non   può   essere   trascritta   nel   pentagramma tradizionale.   È   simile   al   trillo   degli uccelli,   al   canto   del   gallo   e   alle   musiche   della   natura   tutta.   Il   cante jondo   porta   nelle   sue   note   la   nuda   e   struggente   emozione   delle   prime   razze   orientali,   quelle   autentiche, di   cui   il   gitano   diventa   il   diretto   erede

 

E   ora   ascoltate  questa   lettura   in   spagnolo.  Emozionante  ( anche  se   forse   un   po’   lunghetta   portate   pazienza  )

 

 

 

 

La   biografia   di   questa   splendida   interprete   del   flamenco ,   Carmen   Amaya , la   potete   trovare   su   Wikipedia.

Nata   a   Barcellona   il   2   novembre   del   1918,   morirà   a   Begur   il   19   novembre   del   1963   per   una   malattia

renale.   Lascio   qui   il   link   dove   potrete   leggere   di   più   su   di   lei.

https://it.wikipedia.org/wiki/Carmen_Amaya


Carissimi ripubblico un mio vecchio post per i 250 anni dalla nascita del grande Beethoven. Ho intenzione, se riesco, di raccontarvi ancora qualcosa di questo grande musicista. Per ora rileggete se volete, questo articolo. Ora sono stanca, ho avuto giorni pesanti, scusatemi, ma vado a ninna. Buonanotte a tutti. La vostra Isabella

Isabella Scotti

Beethoven  ammirava  molto  il  poeta  Wolfang  Goethe  ancor  prima  di  conoscerlo  tanto  che  compose  l’ouverture  dell’Egmont,  ”solo  per  amore  delle  sue  poesie ,  che  mi  fanno  felice”,  e  addirittura ,  nel  periodo  1810 – 1812 ,   musicò  alcuni  lieder ( canzoni )  proprio  su  versi  del  poeta.  I  due  s’incontrarono  ,  nel  1812,  tramite  la  comune  amica  Bettina  Brentano,  a  Toplitz,  una  ridente  cittadina  termale  dove  Beethoven  era  solito  recarsi  per  le  cure  termali. I  loro  caratteri  erano  comunque  troppo  dissimili  perchè  da  quell’incontro  nascesse  una  profonda  amicizia:  libero,  impetuoso,  spregiudicato  Beethoven,  diplomatico  e  raffinato  Goethe.  Dagli  appunti  che  essi  lasciarono  nei  loro  diari  e  nelle  lettere  scritte  ad  amici  si  comprende  facilmente  che  i  loro  rapporti  furono  di  educata  tolleranza,  nulla  più.  Quando  si  conobbero  ,  Beethoven  aveva  42  anni  e  Goethe  62.  Durante  il  loro  breve  incontro  un  giorno, mentre  camminavano  lungo …

View original post 548 altre parole


 

L'immagine può contenere: una o più persone, oceano, cielo, natura e spazio all'aperto

 

 

Oggi   sono   già   quattro   mesi   che  ci   hai   lasciato   caro   nipote.   Siamo   qui   cercando   di   andare   avanti   con

coraggio,   ma   sapessi   com’  è   dura.

Ora   che   il   Natale   si   avvicina   è   anche   peggio,   è   già   tutto   così   triste  ,   non   so   come   lo   passeremo

senza   di   te,   quante   lacrime   verseremo.

Ho   scritto   due   nuove   poesie   sai  ?   Ora   te   le   faccio   leggere.

Magari   vienimi   in   sogno   stanotte,   per   dirmi   se   ti   sono   piaciute.   Non   deludermi,   ti   aspetto.

Tua   zia   Isabella

 

SPESSO,  TROPPE   VOLTE

 

Visualizza immagine di origine

”  Spesso,   
il   mal   di   vivere
ho   incontrato  ”.
Mi   chiudevo
come   in   una   gabbia,
col   mio   tormento
e   la   mia   angoscia.
Sapevo
che   al   di   là
delle   sbarre,
tutto  
andava   avanti,
mentre
sempre   più
mi   accartocciavo
in   me   stessa,
quasi
come   un   cartone
che  
mani   sconosciute
avesse   sgualcito.
Erano
strani   momenti
quelli.
Ma   per   fortuna
durarono   poco.
Mi   richiamò  
la   vita,
e   forzai
allora   le   sbarre
uscendo,
correndo   lontano
libera,
di   nuovo   pronta
a   ricominciare.
Ora   sono   qui,
respiro
senza   più   paure. 
Non   mi   accartoccio  
più   in   me   stessa.
Ho   trovato
la   soluzione.
Accetto
ciò   che   viene,
affrontando
le   curve
con   decisione
per   ritrovarmi  
presto
su   di   un  
rettilineo.
E   sorrido …
nulla   è   meglio
di   un   sorriso

anche   se   con

la   tristezza

nel   cuore

 

 

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   poesia   di   Eugenio   Montale  ”  Spesso   il   mal   di   vivere   ho   incontrato  ”

 

SOLO    CON   SE   STESSO

 

Visualizza immagine di origine

edwardhopper.net

Ognuno
sta   solo
sul   cuore
della   terra…
solo  
con   se   stesso,
a   combattere
i   suoi   demoni,
le   sue   paure
le   sue   incertezze.
Quando   ognuno  
prova
  il   dolore   che
ti   prende
improvviso,
come   un   pugno
allo   stomaco,
  cerca
spiegazioni
che   non   trova .  
Piange
e   non   c’è   conforto
che   aiuti.
E’   solo
con   quel   dolore
che   lo  trafigge,
come   un   coltello
che   penetra
nella   carne,
sempre   più  
a    fondo. 
   Combatte
con   i   dubbi,
  si
arrovella
per   trovar
risposte.
E   intanto
fugge 
il   tempo,
per   un   attimo
sembra
quasi
di   aver   vinto
contro
quei   demoni,
di   aver   superato
quel   dolore,
la   solitudine.
Ma   no,
non   è   così  ,
essa   continua
ad   incrementar
quel   sentirsi
inutile,
fuori   posto.
Ma   ormai   
è   tardi  ,
improvvisamente ,
è   subito   sera  .

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit    dalla  poesia   ”   Ed   è   subito   sera  ”   di   Salvatore   Quasimodo

 

 


Certo   che   questo   maledetto   2020,   anno   bisestile,   continua   fino   alla   fine   a   tormentarci.

Io   direi   basta,   non   se   ne   può   più.

Ecco   stamani    alle   sei ,   su   ski , la  nuova   bella   notizia  :   Paolo   Rossi   non   c’è   più  .

Ascolto   impietrita,   non   ci   posso   credere  :   64   anni   soltanto.

Impossibile   da   pensare.   Lui,   si   proprio   lui,   quello   dal   volto   di   eterno   ragazzo,   quello   dal   sorriso

contagioso,   quello   dei   mondiali   di   calcio   rimasti   nella   storia.

1982   :   l’ Italia   che   vince   i   mondiali 

L’   Italia   senza   il   coronavirus,   senza   Conte,   senza   Di   Maio.   L’  Italia   di   Pertini,   della   gioia   irrefrenabile,

del   calcio   giocato   e   da   tutti   amato   perché   ancora   il   calcio   era   seguire   il   pallone,   correre,   fare   tripletta

al   Brasile   e   vincere.   Ricordo   quel   giorno.   Le   urla   di   gioia   davanti   al   televisore,   i   salti   di   buona   e

giusta   euforia,  (   mio   marito   riuscì   a   dare   una   testata   al   lampadario   per   un   salto   un   pochino   da   atleta

di   ”   pallacanestro  ” ,   niente   di   grave   per   fortuna  )  quel   sentirsi   italiani   fino   in   fondo.

Ecco   con   Paolo   Rossi   se   ne   va   un   pezzo   di   noi,   un   pezzo   d’  Italia ,  quella   più   genuina,   quella   del

calcio   vero,   quando   ancora   ci   si   riuniva   per   vedere   giocare   la   partita   del   cuore   in   tv.  Almeno   noi.

Ora   con   Maradona   giocheranno   lassù,   nei   campi   elisi   liberi,   senza   età,   felici

Un   altro  arrivederci,   un   altro   buon   viaggio

 

 

Paolo Rossi, dopo la squalifica per calcio scommesse mi disse: «È finita. Restiamo amici»

Corriere   della   sera  –  sport


Carissimi ,  piove   troppo   oggi,   per  uscire .   Farò   felice   Conte   se   non   metto   fuori   il   naso.   E   allora   da   qui,   postazione   pc,   vi   faccio   gli   auguri   per   una   Buona   Festa  dell’  Immacolata.   Che   la   Madre   Celeste   ci   protegga   tutti,   in   questi   giorni   così   difficili   che   stiamo   vivendo.

Un   saluto   e   un   pensiero   a   chi   sta   vivendo   lo   strazio   del   Covid   e   a   chi   è   rimasto   senza   casa   per   la   pioggia   terribile   che   ha   innalzato   i   fiumi,   e   a   chi   per   la   neve   abbondante   è   rimasto   isolato.   La   mia   preghiera   è   per   tutti   voi.

Speriamo   che   tutti   i   disagi   finiscano   presto,   e   che   il   coronavirus   maledetto   perda   ogni   virulenza.

Un   grande   abbraccio   a   tutti.

La   vostra   Isabella

 

Visualizza immagine di origine

 

Vergine   celeste

a   te

rivolgiamo

la   nostra   preghiera.

Non   lasciare

chi   sta   soffrendo

per   il   covid

ancora

più   solo

di   quanto

non   lo   sia   già.

Allunga

le   tue   mani

ad   accarezzare

la   sua   fronte,

dona   conforto

e   forza,

a   chi

è   debole

per   lottare.

E   non   abbandonare

Madre    Celeste,

chi   piegato

da   un   grande   dolore

continua

ad   andare   avanti,

percorrendo   ormai

il   viale

della   vita

senza   più

convinzione

e   interesse.

Prega   per   noi

a  te   

ci   affidiamo

con   Amore.

Amen

 

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 


Gigi Proietti, Globe Theatre, 2011 (LaPresse)

© Fornito da Rai News Gigi Proietti, Globe Theatre, 2011 (LaPresse)

 

”  Dalla   crisi   non   si   esce   con   l’ odio,    con   la   rabbia  :   quelle   sono   solo   le   conseguenze.

La   soluzione,   invece,   è   l’  amore,   e   il   far   tornare   di   moda   le   persone   per   bene.  ”

Gigi   Proietti

 

Il   2   dicembre   sarà   un   mese   che   ci   hai   lasciato.  Come   ci   manchi.   Manca   la   tua   voce,   la   tua   verve,   la   tua   simpatia.

Manchi   tu ,   che   eri   davvero   una   persona   per   bene.   Un   uomo   gioioso,   innamorato   del   proprio   lavoro,   capace   di   donarci   per   cinquant’ anni   un   sorriso   che   mai   dimenticheremo.   Il   tuo   buonumore   contagioso,   toglieva   dai   nostri   cuori   la   pesantezza   che   a   volte   la   vita   ci   regala.   Ti   ascoltavamo   e   ti   guardavamo   con   gioia, a   teatro,   il   tuo   mondo,   in   televisione.  Ci   hai   accompagnato   come   un   papà   che   vuole   regalare   ai   suoi   figli   momenti   da   ricordare.   E   noi   ricorderemo,   non   temere   Gigi.   Sarai   sempre   nei   nostri   cuori.

Ti   ricorderemo   così,  mentre  declami   ”  La   pioggia   nel   pineto  ”

 

 

o   a   Piazza   di   Spagna   con   Renato   Zero  per   i   suoi   60   anni   

 

 

 

Eri   un   grande,   certo,   ma   umile,   come   lo   è   in   fondo   anche   Renato.   Che   dire,   insieme   state   bene   davvero.   Un   duetto   questo   dove   affiora   tutta   la   vostra   romanità.   Grazie   per   questo   dono.

 

E   qui ,  quando   sempre   Renato   gli   rese   omaggio   nella   trasmissione  ”  Cavalli   di   battaglia”

E    qui   troppo   simpatico

 

Un   mio   personale   ricordo,    cari   amici,   per   un   artista   che   ho   nel   cuore.

Ciao   Gigi

 

Isabella   Scotti   novembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633


questa   è   la   piccola   Arianna    pronta   ad   arrampicarsi   lungo   la   corda

 

 

Per   il   compleanno   di   mio   marito,  ho   pensato   di   scrivergli   gli   auguri   sotto   forma   di   acrostico.   Volevo   che   fosse   un   biglietto   d’   auguri   originale e   così   ho   pensato   al   suo   nome    e   ho   scritto.    Eccolo

L   ‘   averti   accanto   è   bellissimo
U   n   magico   percorso   il   nostro
C   he   abbiamo   intrapreso   tanto   tempo   fa
I   l   tuo   compleanno   si
A   ggiunge   a   tanti   altri   passati
N   ell’   andare   avanti   insieme
O   ra   e   per   sempre   uniti   nell ‘  amore

 

Isabella  Scotti    9  novembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Ha   molto   gradito

 

 

Notare   i   capelli   dei   due   soggetti   il   cui   colore   si   confonde   con   quello   delle   foglie.

Mia   figlia   Chiara   e   il   vichingo   Marco


 

Visualizza immagine di origine

ilmessaggeroitaliano.it

 

Cinque   parole   da   cui   partire  :

immaginazione,   emozione,   stelle,   bagliore,   sogno

 

Con   l’immaginazione

si   può   volare.

L’  ho   sperimentato

stanotte.

Senza   aereo

ho   raggiunto

con   emozione

il   cielo,

e   intrusa,

mi   sono   nascosta

dietro   una   nuvola

a   rimirar

le   stelle .

Il   loro   bagliore

mi   ha   quasi

accecata.

Ma   che   meraviglia

poterle   contare

una   ad   una…

Peccato   solo

che   il   mio   sogno

sia   stato   interrotto

dal   suono

della   sveglia

drinnnn…drinnnn…drinnnn…

magari ,

avrei   incontrato

anche   la   luna.

 

Isabella   Scotti  febbraio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   2941   n°   633

 

 

Visualizza immagine di origine

 

Cinque   parole   da   cui   partire

attesa,  malinconia,   cellulare,   messaggio,   imprevisto

 

Cos’  è   un   imprevisto ?

Qualcosa

che   scombina

i   nostri   piani,

come   ad   esempio

un   messaggio

che   arriva

sul   cellulare.

Ecco,

lo   sapevo,

ero   in   attesa

di   andare

a   teatro   con   amici,

quando

vengo   avvertita

che   bisogna   rimandare.

A   quando   e   i   biglietti ?

Con   malinconia,

mi   siedo

sul   divano

e   accendo   la   tv.

Ehi,   ma   c’è   Sanremo,

anche   questo   in   fondo,

è   commedia…

 

Isabella   Scotti   gennaio   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Cinque   parole   da   cui   iniziare

ginestra,   ruscello,   effluvio,   fanciulla,   passeggiata   

Biografia di john william waterhouse

dipinto   di   John   William   Waterhouse

 

 

Rimembro

che   da   fanciulla

spesso,

facendo

la   mia   quotidiana

passeggiata,

io   m’  attardava

accanto

ad   un   ruscello.

Mi   piaceva

ascoltar

dell’ acqua

il   mormorio.

E   poi

camminar

nascosta

tra   gli   arbusti

di   ginestra

in   fiore.

Un   effluvio

di   primavera

che   i   sensi

rigenerava.

Era   un   dolce

peregrinar

tra   boccioli   e   profumi.

Complice

la   giovane   età  ,

io   sapea  veder

e   apprezzar

d’ intorno

quella   bellezza

di   natura

che   la   maturità,

piena   d’ affanni

oggi   m’ impedisce.

Oh,

come   amabile

sarebbe

ritrovar

quel   tempo… 

 

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

Ti   cerco.

Spesso

ti   vedo

anche

sai ?

All’ improvviso

mi   par

di  riconoscerti.

Cammino

e   poco   distante

lì,

seduto   al   bar

ti   vedo.

Capelli

biondi,

a   zazzera,

il   tuo

inconfondibile

sorriso .

Guardo   meglio,

ma   no,

non   sei   tu.

E’   solo

un ‘ impressione

la   mia.

Una   vaga   somiglianza,

null’ altro.

Ti   cerco   ancora.

Mi   guardo

intorno

ma   non   ci   sei.

E   allora

guardo   su

la   sera…

mi   fisso

ad   osservare

il   cielo…

Ecco,

stavolta   sì

che   sei   tu.

Brilli   come   non   mai…

sei   quella   stella,

la   più   bella,

la   più   lucente

tra   mille   stelle.

Si,

sei   tu,

finalmente

ti   ho   ritrovato.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo:   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Mio   fratello   e   mia   cognata   oggi   hanno   ricevuto   dall’ ospedale   di   Verona   una   lettera.

Diceva   che   gli   occhi   di   Ricky   sono   stati   trapiantati   con   successo.   Qualcun ‘altro   vedrà   grazie   ai   suoi   occhi,   pieni   di   luce,   pieni   di   gioia   di   vivere,   pieni   d’ amore.

 

 


Visualizza immagine di origine

Siamo   in   autunno.
Ieri ,
per   caso ,
me   ne   sono
accorta.
Folate
di   vento
improvvise,
impetuose,
han   fatto
cadere ,
come   pioggia
a   raffica ,
ricci
di   castagne
matte,
grosse
ciascuna  ,
come
una   pallina
da   tenere ,
nel   dorso
di   una   mano.
Alcune
son   cadute
su   ignare
macchine
in   sosta
ammaccandole.
Altre ,
impattando
con   l’ asfalto,
o   finendo
sul   marciapiede,
si   sono   aperte
a   metà.
Castagne   matte,
figlie
di   verdi ,
grandi
ippocastani,
tutti    allineati
lungo
il   viale ,
in   compagnia
di   platani
e   tigli.
Come   volavano
le   foglie   rossicce,
verdi,   marroni,
e   io  ,
in   mezzo
al   loro
turbinio,
ho   riconosciuto
allora
l’  autunno.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

IL   BRUSIO   DELLA  VITA

 

 

Cos’è
questo   strano
rumore
che    sento…
E’   come
un   agitarsi
tra   le   fronde,
strani   bisbigli
incrociati.
Cammino ,
e   poco   distante,
avverto
il   ruscello
mormorare,
gli   uccelli
svolazzare
sopra   di   me,
lassù,
il   vento
che   piano,
come   una   carezza,
agita
le   foglie.
Laggiù
uno   scoiattolo
schiaccia
una   noce.
Sui   rami
più   alti
degli   alberi ,
cinguettano
in   coro
il   merlo ,
assieme
alla   ghiandaia
e   allo   scricciolo.
Più   in   là
un   picchio
prepara
la   sua   casa,
battendo   la   corteccia.
Mi   giro ,
e   ovunque
nel   bosco
ascolto
quel   rumore…
Sì,
ora   so   cos’è…
è   il   brusio   della   vita.

 

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   63

Ispirandomi   a   questo   verso   ”   E’    un   brusio   la   vita  ”   di   Pier   Paolo   Pasolini   tratto   dalla   poesia   ”  Me   ne   vado,   ti   lascio   nella   sera  ”

 

Visto   che   piove   a   dirotto   ho   pensato   che   avreste   gradito   quest’ atmosfera,   rispetto   al   post   precedente ,   più   consona   al   momento.   Buona    giornata   a   tutti   comunque,   anche  sotto   la   pioggia

La   vostra   Isabella