Archivi categoria: News

Il   mio   sogno   è   sempre   stato   quello  di   fare   il   regista.   Fin   da   piccola    mi  organizzavo   con   un   piccolo   tavolo   dove   appoggiare   tutto   il   mio   materiale,    carte   e   ciak  compreso.   Poi  chiamavo  mio   fratello   per   dargli   una   parte   assieme   a   mio   cugino   e   mia   cugina,   per   un’  altra.   Tenevo   tutto   nella   mia   testa   e   davo   ordini   su   come     gli   ”   attori   ”   dovessero   muoversi,   e   interpretare   il   loro   ruolo.   Era   un   gioco,   ma   da   lì   è   nata   una   passione.   Ora   mi   so   muovere   molto   meglio   e   tutti   i   film  che   ho   diretto   sono   stati   fortunatamente   dei   successi.    Ora   ho   una   storia  nuova   in   mente,   ma   debbo   reclutare   gli    attori   che  reputo   più   idonei   alla   parte.     Mi   piacerebbe   una   commedia,   partendo   da   un   sogno   fatto   l’  altra   notte.   Raccontiamola   un   po’   a   grandi   linee   questa   storia..   Tre   coppie   si   frequentano   da   tempo,   nessun   figlio ,   ma   tutte   e   tre   hanno   un   cane,   ad   entrambi   i   loro   padroni,   molto   affezionato.    Alla   lunga   lo   stare    insieme,   ripetutamente,    determinerà   complicazioni.    Ci   saranno   equivoci,   chi   penserà   di   essere   stato   tradito,   chi   vorrà   tradire   davvero.   Perfino   i   cani     non   ci   capiranno   più   nulla,   poverini,   loro ,   dei   grandi   simpaticoni ,   insomma   un   caos.   Per   questa   mia   storia   che   di   nuovo,   sono   sicura ,  sbancherà   il   botteghino,   sceglierò   per   le   coppie,   vista   oramai   la   mia   notorietà,

Margherita   Bui   e   Sergio   Rubini

Paola   Cortellesi   e   Alessandro   Gassmann

Virginia Raffaele  e   Gianmarco   Tognazzi

Per   i   cani   sceglierò    un    bel   meticcio,   tra   il   barboncino   e   uno   spinone,   un   bel   labrador   e    un   bel   simpaticone   di   Cockapoo.   Vedrete,   vi   stupirò   con   questo   film.   Risate   assicurate.    Suvvia,   si   comincia,   al   lavoro.   Via   con   i   primi   contatti…

La   vostra   preferita   regista   Isabella   è   pronta… e   voi ?

Gli ultimi saranno ultimi: Cortellesi, Gassmann, Bentivoglio e Bruno presentano il film

GianMarco Tognazzi       Virginia Raffaele è sposata? Ex fidanzato, età, vita privata FOTO

        Risultato immagine per foto margherita buy

 

TITOLO   DEL   FILM

 

Stanotte   ho   pensato   al   titolo   da   dare   al   film.   Sarà  :   ”   Coppie   con   cane   in   crisi   ”.   Non   me   n’è   venuto   uno   migliore.   Ma   forse   mette   in   evidenza   bene   il   soggetto.   Ok,   ho   contattato   gli   attori   che   mi   hanno   dato   il   loro   benestare.   Così   è   tutto   pronto.  Comincerò   con   le   riprese   appena   possibile.   Intanto   tutti   hanno   già   il   copione   in   mano.   E   i   cani  ?   direte   voi.   Tranquilli   anche   loro   hanno   detto   di   sì   e   sono   già   sull’  attenti,   pronti   ad   essere   ammaestrati.   Quindi   via   con   la   trama.   A   breve   ve   la   illustrerò.   Fare   il   regista   è   un   bel   mestiere,   ma   che   fatica   ragazzi  !

Risultato immagine per foto spinone

pinterest.com

Risultato immagine per foto cockapoo

alamy.com

Visualizza immagine di origine

ideegreen.it

 

CIAK   SI   GIRA

 

Visualizza immagine di origine

lavocedellelotte.it

 

Tre   coppie   sposate  ,  sei   amici   inseparabili.   Luisa   e   Marco,   Giovanna   e   Luca,   Franco   e   Susanna   interpretati   da  :

Prima   coppia   :   Paola   Cortellesi   e   Alessandro   Gassmann   con   il   loro    bel   labrador     di   nome   Max

Seconda   coppia :   Gian   Marco   Tognazzi   e   Virginia   Raffaele   con   il   loro   simpatico   meticcio,   incrocio   tra   un   barboncino   ed   uno   spinone ,  Billy

Terza   coppia  :   Margherita   Bui   e   Sergio   Rubini   con   il   loro   cockapoo   Freddy

Le   loro   vite   si   erano   incrociate   un   giorno   al   parco,   mentre   portavano   a   spasso   non   dei   figli,   cosa   comune   per   un   marito   ed   una   moglie,   ma   bensì   tutti   e   sei,   dei   simpatici   amici   a   quattro   zampe.   Tra   uno   scambio   di   vedute   su   come passavano   il   tempo   con   i   loro   cani,   avevano   cominciato   a   frequentarsi   con   molta   assiduità.   Uscivano   a   cena   tutte   le   sere,   o   quasi,   e   chiacchieravano   fino   a   tardi   mentre   le   loro   bestioline   scorazzavano   nel   grande   giardino   di   Luisa   e   Marco.   A   poco   a   poco   tra   una   risata   e   l’altra,   tra   una   confidenza   e   l’altra,   il   loro   stare   insieme   cominciò   ad   allontanarsi   dalla   strada   battuta   dell ‘   amicizia,   per   intraprendere   quella   più   tortuosa   di   un   rapporto   più   complicato.   Sguardi   d’intesa   non   più   col   proprio   compagno   o   compagna,   mani   che   sul   tavolo,   la   sera   a   cena ,   sfioravano   non   quella   del   proprio   marito   o   della   propria   moglie.     Cominciava   così   ad   insinuarsi   tra   qualcuno   il   desiderio   di   cambiare   partner   mentre   in   qualcun   altro   si   affacciava   il   dubbio   di   essere   già   stato   tradito.   Così   successe   che   mentre   Franco   e   Susanna   cominciavano   a   guardarsi   male,   insofferenti   l’uno   verso   l’altro,   Giovanna   e   Luca   cominciarono   più   sfacciatamente   a   litigare   rinfacciandosi    il   tradimento   consumato   (   senza   prove    ahimè  )      mentre   Luisa   e   Marco   se   la   prendevano   con   tutti.   Nessuno   cominciò   più   ad   avere   certezze.   Così   mentre   Susanna   si   dimostrava   caratterialmente   molto   debole,    piangendo   di   continuo,   pur   non   essendo   certa   di   nulla,    Franco   per   cercare   di   tranquillizzarla   sulla   tenuta   del   loro   amore,   le   declamava   poesie.   Di   contro   Giovanna   e   Luca,   due   tipi   vivaci   e   irruenti,   non   facevano   altro   che    alzare   la   voce   rimpallandosi   responsabilità   mai   accertate.   In   tutto   questo   i   padroni   di   casa,   Luisa   e   Marco  strillavano  come   ossessi   certi di   essere   stati   traditi   vicendevolmente.   Una   confusione   da   matti.

Continua…

 

I   CANI…IL   FILM   CONTINUA   FINO   ALLA   CONCLUSIONE

Una   situazione   davvero   antipatica.   Eppure   i   nostri   sei   amici   sono   davvero   strani   e   continuano   le   sere   a   vedersi   e   cenare   ancora   insieme,   pur   litigando,   e   alzando   la   voce   ,   continuando   a   scambiarsi   accuse   reciproche.    Quel   guardarsi   di   soppiatto,   quel   supporre   senza    concretamente   avere  nulla   in   mano.   La   vita   in   fondo   è   sempre   un   rebus  così   come   gli   stati   d’  animo   di   chi   vive   certe   situazioni.    Ma ,   torniamo   a   noi  :    i    loro  cani   in   tutto   questo   caos   che   fanno,   come   vivono   questo   momento   fatto   di   dubbi   e   incertezze  ?   Premessa.   Nelle   sere   in   cui   i   sei   amici   si   vedevano   a   cena,   loro   non   davano   mai   fastidio.   In   fin   dei   conti  erano   bestioline   bisognose   di   coccole,   simpaticissimi.   Scorazzavano    nel   bel   giardino   di    Luisa   e   Marco  per   un   po’,   per   finire   stanchi   a   dormire   ai   piedi   dei   loro   padroni,   o   anche   accoccolati   talvolta   sul   divano.   Ovvio   che   in   mezzo   al   trambusto   creatosi,   loro   così   tranquilli   ma   anche   mooolto   giocherelloni,     non   capissero   il   perché   di   tutte   quelle   urla   da   parte   dei   loro   padroni.   Così   cominciarono   a   farsi   delle   domande.

”   Ehi,   Max,   –   disse   Billy  –   che   ne   pensi   di   tutti   questi   schiamazzi   ? ”

”   Penso   che   siano   diventati   matti,   tu   che   dici   Freddy  ?  ”

”   Penso   tu   abbia   ragione   Max  ,   mai   sentite   urla   più   forti  ”

”   Vogliamo   divertirci   un   po’   facendoli   diventare   ancora   più   matti  ?  ”

”   Sìììì  ”  gridarono   in   coro   Billy   e   Freddy.

Detto   fatto   cominciarono   a   rincorrersi   per   tutto   il   salone   dove   tutti   ormai   litigavano,   senza   badare   a   nulla,   prendendo   a   morsi   la   tovaglia,   tirandola   via   dal   tavolo   con   tutte   le   stoviglie   sopra   che   andarono   in   frantumi.   Cominciarono   a   leccare   i   piatti   rotti   cercando   di   gustare   gli   avanzi   della   cena,   mentre   attoniti   i   loro   padroni   li    chiamavano   a   più   riprese   ordinando   loro   di   fermarsi.   Niente,   ci   avevano   preso   gusto.   Ad   un   certo   punto   il   salone   fu   ridotto   ad   un   campo   di   battaglia.   Resti   ovunque   di   cibo,   cuscini   mangiucchiati   come   succulenta   cena,   tutto   strappato   e   rovinato.   Solo   allora,   osservando   quella   desolazione,   qualcuno   del   gruppo   fece   una   saggia   osservazione.   ”   Volete   vedere   che   siamo   stati   noi   con  le   nostre   stupide   urla   a   dare   il   via   a   questa   mattanza   ?

Tutti   furono   d’  accordo   a   darsi   dello   sciocco   o   sciocca.   Guardando   le   ”  bestioline ”  che   ormai,   con   la   lingua   di   fuori   per   il   fiatone,   si   erano   calmate,  decisero   che   anche   loro   avrebbero   dovuto   darsi   una   calmata.   Così   fecero ,  decidendo   di   riprendere   la   via   dell’  amicizia,   ignorando   pensieri   devianti   ringraziando  i   loro   amici   a   quattro   zampe   che   con   la   loro   bagarre ,   non   avevano   fatto   altro   che   aiutarli   a   rinsavire.   Avrebbero   tutti   insieme   ripulito   il   salone   di   Luisa   e   Marco   e   preparato   un ‘  ottima   cena.   Tutto   sarebbe   tornato   come   prima.   E   anche   Max,   Billy   e   Freddy   sarebbero   tornati   docili   amici   in   cerca   di   carezze.   Sempre   forti  i   cuccioloni,   come   vivere   senza   la   loro   compagnia  ?

Film   finalmente   concluso   con   un   bel   brindisi   da   parte   di   tutta   la  troupe,   per   una   commedia   davvero   simpatica.

Un   grazie   speciale   va   agli   attori   molto   noti,   che   gentilmente   si  sono   prestati   a   girare ,  sotto   la   mia   guida.   Un   azzardo   il   loro,   ben   ricompensato   dalle   risate   in   sala,   appena   messo   in   circolazione   il   film

Un   grazie   speciale   ai   tecnici,   a   tutti   i   miei   collaboratori.

Ma   un   grazie   speciale   va   a   chi,   con   zelo   e   amorevole   dedizione   ha   saputo   ammaestrare   i   simpaticissimi   Max,   Freddy   e   Billy.

Film   concluso,  girato   negli   studi   di   Cinecittà,   quasi   a   due   passi   da   casa

 

 

Isabella   Scotti   giugno   2019

testo   :   copyright  legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Risultato immagine per foto spinone   Billy

pinterest.com

Risultato immagine per foto cockapoo   Freddy

alamy.com

Visualizza immagine di origine   Max

ideegreen.it

 

Quasi   quasi   sarebbe   il   caso   di   presentare   davvero   a   Gianmarco  Tognazzi   che   abita   non   troppo   lontano,   il   soggetto…hai   visto   mai ?

Voi   che   ne   dite  ?

 

Annunci

”   Nell’estate   del   1944   ero   in   Italia   con   il   1   Battaglione   delle   Guardie   Scozzesi   .   Gli   Alleati   erano   sbarcati   in   Normandia   e   Roma   era   stata   liberata.   Noi   fummo   i   primi   ad   entrare   in   Firenze.   I   tedeschi,   dopo    aver   fatto   saltare   i   ponti   sull’  Arno,   ne   difendevano   la   riva   nord.   Due   giorni   dopo   era   il   giorno   del   mio   compleanno.   :   compivo   ventotto   anni  ;   un   battaglione   di   canadesi   prese   il   nostro   posto,   e   noi   ci   ritirammo   per   un   periodo   di   riposo   di   quindici   giorni    vicino   Siena,   dove   piantammo   le   nostre   tende   nel   parco   di   una   magnifica   villa.

Durante   questi   ”   riposi  ”   io   venivo   nominato   immancabilmente   ”   Incaricato   dei   Divertimenti   delle   Truppe   ”.   Organizzavo   per   i   soldati   feste   da   ballo,   spettacoli   cinematografici   e   teatrali   :   un   incarico   spesso   noiosissimo,   che   a   volte   mi   faceva   quasi   rimpiangere   di   non   essere   al   fronte.   Qualche   settimana   prima,   nel   corso   dei   combattimenti   sulle   colline   del   Chianti,   il   mio   reggimento   aveva   adottato   un   giovane   partigiano   italiano   che   era   sfuggito   ad   un   accerchiamento   tedesco.   Questo   ragazzo   parlava   abbastanza   bene   l’inglese   e   si   era   offerto   come   interprete.

Il   cortile   della   villa   nei   dintorni   di   Siena   era   circondato   da   bellissimi   archi   che   creavano   la   forma   del   chiostro.   Una   bella   mattina   mi   apprestavo   a   improvvisare   un   minimo   di   décor   per   uno   spettacolo   per   i   soldati.   Avevo   coperto   il   cortile   con   reti   mimetiche   sulle   quali   stavamo   buttando   foglie   e   fiori.   Il   ragazzo   italiano,   con   cui   non   avevo   mai   scambiato   ancora   una   parola,   mi   si   avvicinò   e   mi   chiese   :   ”   Posso   aiutarla,   capitano   Buckle   ?”   Era   abile   e   volenteroso   :   si   chiamava   Franco.

Diventammo   amici.   Gli   parlai   della   mia   passione   per   il   teatro   e   per   il   balletto,   e   lui   mi   confessò   che   la   sua   grande   speranza   era   di   poter   diventare   un   giorno   scenografo.

Andammo   insieme   con   la   mia   jeep   a   San   Gimignano   per   vedere   gli   affreschi   di   Benozzo   Gozzoli,   poi   ad   Arezzo,   Pisa   e   Lucca.   Più   tardi,   dopo   la   ritirata   dei   tedeschi   e   il   crollo   del   Fronte,   Franco   ci   lasciò   e   ritornò   a   Firenze,   che   era   la   sua   città.   Lo   rincontrai   un   giorno   appunto   lì,   per   strada.   Mi   invitò   a   prendere   il   tè   con   la   sua   famiglia,   e   mi   mostrò   i   suoi   primi   disegni   per   il   teatro.   Capii   subito   che   aveva   talento,   e   lo   esortai   a   perseverare.

La   marchesa   Iris   Origo   ,   cara   amica   e   celebre   scrittrice,   aveva   prestato   agli   ufficiali   del   mio   battaglione   la   storica   Villa   Medici   a   Fiesole,   e   Franco   veniva   spesso   a   pranzo   o   a   cena   da   noi.   Purtroppo   presto   dovetti   lasciare   questo   paradiso.

Quando   rividi   Franco ,   una   quindicina   d’  anni   più   tardi,   stava   lavorando   a   Londra,   al   Covent   Garden.

Era   diventato   Zeffirelli ,   uno   dei   grandi   uomini   di   teatro   del   nostro   tempo   ”

 

Richard   Buckle

 

 

Franco Zeffirelli: “Gli italiani, popolo di menefreghisti”

Franco Zeffirelli: "Gli italiani, popolo di menefreghisti"

Questa   sotto   è   un’ intervista   fatta   sei   anni   fa.   Un   articolo   che   mi   piace   proporvi   a   ricordo   di   un   uomo   grande,   eclettico,   un   vero   artista,   da   me   molto   amato.

Novant’anni il 12 febbraio, Franco Zeffirelli è una delle ultime icone del cinema e del teatro italiani.
Il suo ‘Romeo e Giulietta’, trasposizione shakespeariana del 1968, ricevette una nomination all’Oscar per il miglior regista. Ma forse ‘La bisbetica domata’ del 1967 con Elizabeth Taylor e Richard Burton resta il suo film più noto.

Zeffirelli ha anche diretto numerosi allestimenti di opere liriche in Europa e negli Stati Uniti. Amico di Maria Callas, ha lavorato con i migliori artisti del mondo.

Eri Garuti, euronews:

“Maestro Zeffirelli, se lei dovesse girare un film sull’Italia di oggi per spiegarla al resto del mondo, come la racconterebbe? Che tipo di film farebbe?”

Franco Zeffirelli, regista:

“Mah, la chiave per l’Italia è sempre la stessa: il carattere della società italiana, anche attraverso i secoli, anche in condizioni politiche diverse, alla fine emerge sempre quello che volgarmente si dice il menefreghismo o la superiorità (noi siamo meglio degli altri, possiamo permetterci tante cose che gli altri non possono, trovare i difetti degli altri e non i nostri). È un Paese in cui è passata tutta la cultura del mondo e non solo è passata ma è anche stata creata. Noi spesso trascuriamo questo nostro aspetto, questo merito di aver dato al mondo sempre delle straordinarie scoperte non solamente artistiche ma anche scientifiche, mediche, astronomiche”.

euronews:

“Ma l’Italia di oggi le piace?”

Franco Zeffirelli:

“Tutto sommato è una povera Italia, oggi. È travestita da potenza mondiale e noi siamo una potenza economica anche discreta. Però c‘è un casino di opinioni, ognuno vuol dire la sua. Finiamo per avere una corona di partiti proprio ridicola, francamente. Nei primi anni della democrazia avevamo due schieramenti ma allora anche il mondo era schierato. Anche il mondo era comunista o capitalista”.

 

euronews  :

“Ma lei ha avuto un’esperienza in politica, è stato in Parlamento, eletto con Forza Italia nel 1994. Lo rifarebbe e no? E che ricordo ha della sua esperienza in politica?”

Franco Zeffirelli:

“Non è che ho fatto una vita da politico. Però ho affermato, attraverso il mio lavoro, i meriti del popolo italiano, i vantaggi di una certa filosofia politica. Certo non fascista, assolutamente. Gli uomini politici poi non devono mai occuparsi di cultura perché fanno dei pasticci. Pasticci molto imbarazzanti. Quindi anche gli uomini di cultura non devono fare la politica perché, rovesciando il quadro, anche quel tipo di congiunzione non è applicabile, soprattutto in Italia”.

euronews:

“Se lei oggi fosse ministro della Cultura che suggerimenti, che provvedimenti farebbe?”

Franco Zeffirelli:

“Aprire delle scuole dovunque. Che i ragazzi non vengano affidati a improvvisati maestri che portano avanti una filosofia e una visione della società completamente sbagliata. Se poi pensa che da questa piccola penisola è fiorito tutto quello che ha fatto grande la razza umana…tutto. Non ci rendiamo conto della responsabilità che abbiamo. Abusiamo di questa posizione – una posizione di dominio – senza accorgercene. Ed è sempre stato così”.

euronews:

“È ancora legato a Silvio Berlusconi?”

 

Franco   Zeffirelli  :

“Sì, mi è simpatico, mi è sempre stato simpatico. Ha i suoi difetti. Ma mi piacciono i difetti. Il problema dei difetti è se ti piacciono o no. Tanta gente non ti piace affatto per i suoi difetti ma di alcuni, di molti sì. Puttaniere, pazienza. Affari suoi. Poi è un uomo che ha fatto tutto con le sue forze”.

euronews:

“Lei ha un progetto che riguarda un museo per Firenze?”

Franco Zeffirelli:

“Io ho in mente, anzi, sto facendo in questi giorni tutto il lavoro di preparazione, una fondazione a mio nome perché c‘è un problema che ho vissuto a lungo. Per fortuna ho ancora qualche giorno da stare qua. E voglio lasciare tutto questo a chi potrà servirsene. Faremo a Firenze una fondazione con una mostra permanente di tutto quello che io ho combinato”.

euronews:

“Lei è molto amato in tutto il mondo. Con quali personaggi, attori o altri, si è trovato più in sintonia?”

Franco Zeffirelli:

“L’attore è una razza anche quella molto importante, perché è l’opportunità che viene data all’essere umano di rompere la barriera della sua realtà e aprire il mondo alla fantasia. Il teatro è proprio quella valvola che permette ai sogni di fluire da uno all’altro. Il pubblico che va a vedere un grande attore rimane incantato perché il grande attore gli fa capire quello che è nascosto dentro di lui”.

euronews:

“C‘è un’opera lirica che rappresenta meglio di altre l’Italia nel mondo?”

Franco Zeffirelli:

“Tante. Io sono servo e schiavo de La Bohème. Sento La Bohème e mi fermo qualunque cosa faccia per entrare nel momento meraviglioso di questo Puccini che era un pazzo straordinario”.

euronews:

“Io la ringrazio, Maestro. Se vuole chiudere con un auspicio per il futuro dell’Italia…”

Franco Zeffirelli:

“Noi possiamo tutto. Se ci impegniamo col meglio di quello che ci ha offerto la sorte, con le nostre virtù e le capacità, le energie spirituali e creative, ogni uomo può crearsi un piccolo paradiso”.

 

 

Ho   voluto   omaggiarlo   così   il   mio   grande,   adorato   regista   e   non   solo.   Infatti   non   tutti   forse   sanno   che   fu   anche   un   grande,   abile   scenografo.   Se   avrete   pazienza   vi   farò   conoscere   ciò   che   disse   di   lui   a   tal   riguardo,   Masolino   d  ‘ Amico .  

Perdonate,   nel   frattempo   il   mio   lungo   ”   mutismo”.   Ma   una   brutta   bronchite   mi   ha   tolto   da   giorni,   forze   e   voce.   Appena   starò   meglio   mi   rifarò   viva.   Baci   a   tutti

La   vostra   Isabella


”   Sono   tre   volte   senza   patria   :   un   boemo   tra   gli   austriaci,   un   austriaco   tra   i   tedeschi   e   un   ebreo   tra   i   popoli   di   tutto   il   mondo   ”

Gustav   Mahler

 

Verso   la   fine   dell’ Ottocento   il   romanticismo   era   ormai   stato   esplorato   in   ogni   sua   forma   e   si   stava   evolvendo   in   qualcosa   di   più   variegato   e   moderno,   sebbene   qualcuno   avesse   ancora   molto   da   dare   a   questo   movimento   che   aveva   influenzato   arte,   letteratura   e   musica.   Il   tardoromantico,   come   venne   definito,   fu   rianimato   dalla   figura   di   un   compositore   e   direttore   d’ orchestra   austriaco   di   grandissimo   spessore,   Gustav   Mahler,   che  rivisitò   la  sinfonia   e   l’opera   senza   dimenticare   la   lezione  dei   grandi   del   passato   come   Beethoven   e   in   seguito   Brahms   e   Wagner.

Visualizza immagine di origine

biografieonline.it

 

Gustav   Mahler   proveniva   da   una   famiglia   di   origine   ebrea,   che   aveva   messo   radici   in   Boemia,   dove   ebbe   i   natali   nel   1860.   La   sua   infanzia   non   fu   particolarmente   felice   poiché   molti   dei   suoi   familiari   morirono   in   età   prematura.   Questi  eventi   nefasti   resero   il   suo   carattere   particolarmente   difficile,   ma   una   passione   lo   aiutò   a   superare   le   avversità  :   la   musica ,  che   il   padre   gli   aveva   fatto   conoscere   fin   da   quando   era   piccolo,   essendo   stato   egli   stesso   un   violinista   dilettante.   Le   nozioni   che   aveva   così   assimilato   gli   permisero   di   accedere   al   conservatorio   all’età   di   quindici   anni.   Si   trasferì   per   questo   a   Vienna,   una   delle   capitali   della   musica   classica   internazionale,   dove   prese   lezioni   per   qualche   anno.

Appartiene   a   quel   periodo   un   saggio   scolastico   di   cui   è   rimasta   parte   dello   spartito.   Si   evincono   le   sue   qualità   artistiche   che   lo   avevano   fatto   emergere   tra   gli   altri   studenti,  suscitando   anche   qualche   invidia   tra   i   giovani   colleghi   musicisti.   La   sua   carriera   iniziò   a   decollare   quando   aveva   appena   vent’anni,   prima   come   maestro   di   musica   al   teatro   di   Bad   Hall ,   dove   aveva   trovato   posto   come   sostituto,   poi   in   veste   di   direttore   d’orchestra,   ruolo   che   lo   condusse   a   dirigere   nei   più   grandi   teatri   d’ opera   dell’ epoca.   Furono   il   suo   vasto   repertorio,   e   le   sue   straordinarie   capacità   interpretative   a   renderlo   famoso.   Nel   1897   accettò   la   prestigiosissima   mansione   di   direttore   artistico   dell’ Opera   Imperiale   di   Vienna.   Tuttavia,   per   assumere   questo   ruolo   fu   costretto   a   convertirsi   al   cattolicesimo   poiché   l’impero   asburgico   vietava   ad   ebrei   o   agnostici,   incarichi   imperiali.

Nella   decade   successiva,   l’ impegno   di   Mahler   trasformò   Vienna   da   centro   propulsore   dell’  Europa   a   capitale   mondiale   della   musica   di   qualità.   In   quel   periodo   conobbe   e   frequentò   gli   intellettuali   più   rinomati   che   gravitavano   in   città,   come   Klimt   e   Schiele.

Visualizza immagine di origine

Gustav   Klimt       biografieonline.it

Su   Klimt   troverete  qualcosa   che   lo   riguarda, (  al   di   là   della   biografia   che   potrete   trovare   su   Wikipedia  ),     aprendo   questo   link

https://isabellascotti.wordpress.com/2015/08/25/vienna-il-palazzo-della-secessione//

 

Visualizza immagine di origine

Egon   Schiele   –   Picture   of   Leopold   Museum ,  Vienna   tripadvisor.com

Lascio   qui   questo   link   https://www.settemuse.it/pittori_scultori_europei/egon_schiele.htm

dove   potrete   scoprire   qualcosa   di   più   di   questo   artista.

 

Nel   1907   Mahler   si   trasferì   a   New   York   dove   venne   chiamato   a   dirigere   la   Metropolitan   Opera   House,

per   poi   passare  alla   New   York   Philharmonic.   Nel   poco   tempo   libero   che   gli   restava,   quando   i   suoi   impegni   lavorativi   si   allentavano,    poteva   dedicarsi   a   un’  altra   delle   sue   grandi   passioni  :   la   composizione.

Scrisse   nove   sinfonie   e    proprio   dalle   loro   caratteristiche   si   evincono   tutti   gli   influssi   delle   correnti   sviluppate   nel   XIX   secolo,   basate   sempre   su   una   trama   di   tipo   contrappuntistico, *  in   cui   però   l’orchestra   non   mescola   i   suoni,   ma   produce   melodie   chiare   e   ben   distinguibili,   dove   ogni   strumento   spicca   e   si   fonde   col   suo   particolare   timbro,   precorrendo   alcuni   sviluppi   che   caratterizzeranno   la   musica   del   XX   secolo.

* CONTRAPPUNTO  :   http://www.treccani.it/vocabolario/contrappunto

Sebbene   gli   spunti   innovativi   non   mancassero,   alcune   di   queste   sinfonie   si   distinguevano   per   la   durata,   che   andava   spesso   oltre   i   novanta   minuti   come   accade   per   la   Terza,   in   sei   movimenti.   Non   bisogna   infatti   dimenticare   che   aveva   sposato   la   corrente   romantica   e   per   alcuni   aspetti   restava   ancora   uno   strenuo   tradizionalista,   legato   ai   dettami    del   sinfonismo   di   matrice   austriaco  –   tedesco.

I   riflessi   del   passato   e   le   incertezze   del   futuro   si   riflettevano   quindi   in   sonorità   nostalgiche   che   si   alimentavano   nella   consapevolezza   di   vivere   in   un’ epoca   di   transizione,   dove   il   mondo   che   conosceva   stava   andando   a   rotoli,   e   le   novità   avrebbero   potuto   peggiorare   ancor   di   più   la   situazione.

Queste   contraddizioni   fra   lo   spirito   romantico   e   l’ acuto   pessimismo,   che   permeano   tutta   la   produzione   di   Mahler ,   furono   sviscerate   da   Sigmund   Freud,   presso   il   quale   il   compositore   austriaco  si   recò,    una   sola   volta,  dopo   aver   scoperto   il   tradimento   della   moglie.    Si   trattò   comunque   di   un   colloquio   durato   all’incirca   qualche   ora,   durante   il   quale   venne   ipotizzato   da   Freud   che   Mahler   soffrisse   del   complesso   della   Vergine   Maria,   visto    che   spesso   gli   capitava   di   chiamare   la   moglie   invece   che   Alma,   suo   vero   nome,   proprio   Maria.   Ciò   comunque   non   intaccò   la   fama   del   musicista   che   portò   il   tardoromanticismo   alla   sua   massima   espressione.

Per   orchestra   scrisse      ”   Canti   di   un   viandante  ”   del   1884,   per   piano   e   orchestra   compose      ”  Il   corno   magico   del   fanciullo  ”   del   1888   e   il   ciclo   ”  Canti   per   i   fanciulli   morti  ”   del   1904.

Aveva   invece   le   caratteristiche   del   Lied   mescolate   alla   sinfonia,   la   composizione   del   1908   ”  Il   canto  della   terra  ”.

Non   è   facile   definire   esattamente   cosa   sia   un   Lied.    Si   può   dire   che   già  nel   periodo   rinascimentale   ogni   persona   di   qualità   doveva   conoscere   quel   tanto   di   musica ,  da   poter   cantare   una   semplice   melodia   o   suonare   un’  arietta   su   qualche   strumento.   In   tanti   all’epoca   si   cimentavano   nell’  arte   musicale.   Lutero   suonava   il   liuto   e   compose,   o   adattò,   numerosi   canti.   Calvino   non   suonava   né   cantava,   ma   amava   comunque   la   musica.   L’ imperatore   Massimiliano I  ,  ” l’ultimo   dei   cavalieri  ”,   fu   secondo   la   leggenda,   l’ autore   di   una   delle   più  popolari   canzoni   del   suo   tempo   ”Innsbruck ,   debbo   lasciarti  ”

Comunque   il   Lied   non   comparve   prima   della   fine   del   settecento,   quando   un   certo   Adamo   Hiller,   autore   di   un   noto   Singspiel   tedesco,   e   Pietro   Schultz   cominciarono   ad   introdurre   canti   popolari   nelle   opere   in   miniatura,   che   incontravano   il   favore   del   pubblico    e   che   furono   talora   imitate   anche   da   Mozart.   Stavolta   fu   quindi   Berlino   e   non   Parigi   o   Vienna,   a   celebrare   questa   nuova   forma   d’arte.   Anche   Goethe,   pare   ammirasse   il   Lied,   seppure   non   ne   avesse   intuito   le   possibilità   musicali.   Certo   è   che   Haydn,   Mozart  e   lo   stesso   Beethoven   amavano   molto   il   Lied,   mentre   nella   prima   metà   dell’ottocento   fu   molto   apprezzato   da   Schumann   e   anche   da   Schubert.   La   sua   fortuna   dipese   molto   dalla   disponibilità   di   uno   strumento   adatto   ad   accompagnare   la   voce.   Il   liuto   era   troppo   difficile   da   suonare   e   il   suono   del   violino   troppo   acuto.   Quando   arrivò   il   pianoforte,   il   problema   fu   risolto.

Come   il   clavicembalo,   suo   predecessore,   il   pianoforte   è   uno   strumento   a   tasti   e   corde,   ma   con   una   innovazione,   che   mentre   nei   vecchi   strumenti   le   corde   venivano  ” toccate ”   in   un   modo   analogo   a   quello   con   cui   si   pizzicano   le   corde   del   mandolino   o   della   chitarra,   nel   nuovo   venivano   percosse   da   martelletti   imbottiti,   permettendo   così   di   variare   il   volume   dei   suoni   prodotti.   Il   nuovo   strumento   poteva   venir   suonato   molto   piano   o   molto   forte,   come  diceva   appunto   il   cronista,   annunciando   nel   1709   che   il   fiorentino   Bartolomeo   Cristofori ,   aveva   inventato   un   gravicembalo   col   piano   e   forte.

 

Tornando   a   Mahler  possiamo   ricordare   che   nel   1902   conobbe   e   sposò   Alma   Schindler ,   che   le   diede   due   figlie  ,   una   morta   a   quattro   anni   di   difterite   e   l’altra   guarita   dalla   stessa   malattia,   che   divenne   invece   da   adulta   scultrice.

Nel   1908   per   tre   anni   consecutivi   si   stabilì   nel   Tirolo,   a   Dobbiaco,   dove   compose   la   sua   nona   sinfonia   Das   Lied   von   der   erde    e   dove   iniziò   la   decima.   Al   Metropolitan   Opera   House   di   New   York   debuttò   il   1°   gennaio   del   1908   dirigendo   Tristan   und   Isolde   con   Louise   Homer   ,   il   Don   Giovanni   con   Antonio   Scotti  *.   Nel   1909   Le   nozze   di   Figaro   e   La   sposa   venduta   e   infine   nel   1910   La   dama   di   picche   con   Alma   Gluck   dirigendo   complessivamente    cinquantaquattro   recite.   Dal   1909   al   1911   è   direttore   musicale   della   New   York   Philharmonic.

Malato   gravemente   di   cuore   dal   1907   fu   costretto   a   cure   delicate   per   una   endocardite   che   lo   costrinse   a   tornare   dall’America,   dove   per   un   anno   con   i   suoi   concerti   ebbe   un   successo  strepitoso.   Morì   nel   sanatorio   Low   di   Vienna   nel   1911.   La   sua   decima   sinfonia   rimase   incompiuta.

 

Qui   vi   lascio   cari   amici   con   La   perdizione   di   Ken   Russell .   Un   film    affrontato   dal   regista   alla   sua   maniera,   con   grande   capacità   filmica,   di   molta   suggestione.

Alla   prossima.   La   vostra   Isabella

 

notizie   da   un   articolo   di   Giuseppe   Rigoletti   e   dal   libro   ”   Le   arti”   di   Hendrik   Willem   Van   Loon

Una   chicca  :   non   sapevo   che   mio   padre   Antonio   Scotti   fosse   omonimo   del   baritono  Antonio   Scotti *.

Quanto   si   impara   facendo   ricerche…


Ragazza   alla   finestra   –   Salvator   Dalì

 

 

 

Visualizza immagine di origine

arezzometeo.com

 

Aprì   le   finestre   di   prima   mattina.   Guardò   fuori   e   respirò   profondamente.   Finalmente   la   pioggia   aveva   lasciato   spazio   ad   un   arcobaleno ,  così   vivido   nei   colori,   da   far   sperare   bene   nel   proseguimento   della   giornata.   Troppo   tempo   Margherita,   era   rimasta   chiusa   in   casa   per   il   maltempo.   Rovesci   continui,   acqua,   grandine.   Si   era   sentita   chiusa   come   in   una   prigione.   Non   metteva   il   naso   fuori,   da   troppi   giorni   ormai.      Ora ,  sentiva   urgente   il   bisogno   che   la   sua   pelle,   venisse   accarezzata   dall’  aria   fresca   e   pulita   di   un   giorno   sereno,   dal   cielo   senza   nuvole,   limpido.    Ora,   si   disse,   era   il   momento   giusto   per   fare   una   bella   passeggiata.   Infilò   la   prima   giacca   che   le   capitò   a   tiro ,   e   uscì   ,   senza   dimenticare   il   suo   amato   cellulare,   che   l’  accompagnava   ovunque.   Lo   reputava   un   caro   amico   col   quale   poteva   sentirsi   connessa   al   mondo   intero.   E   poi,   chattare   con   gli   amici…vuoi   mettere ?   Camminava,   tenendolo   in   mano,   con   gli   occhi   fissi   sul   display,   dimenticando   che   attorno   a   lei   la   natura   stava   offrendo   il   meglio   di   sé.   Dopo   i   temporali   dei   giorni   passati,   i   colori   delle   foglie   degli   alberi,   erano   di   un   verde   brillante,   mentre   i   grappoli   del   glicine,   nonostante   qualche   ammaccatura   dovuta   alle   secchiate   d’  acqua,   dall’  alto   ricevute,   ancora   resistevano   e   profumavano ,  deliziando   chi   passava   nei   dintorni.   Del   resto   era   pur   sempre   primavera.   Margherita   camminava   veloce,   senza   pensare   ad   altro ,  che   non   fosse   scrivere   i   soliti   messaggi   su   WhatsApp.    Aveva   molti   amici,   e   ad   ognuno   mandava   faccine   spiritose,   emoticon   con   la   linguaccia,   o  che   facevano   l’ occhiolino,   che   ridevano   o   erano   tristi.   Insomma   un   mondo   che   a   lei   sembrava   più   importante   di   tutto   il   resto.   Ogni   tanto   si   guardava   intorno,   perché   aveva   deciso   di   arrivare  al   solito   bivio,   dove   una   bella   e   grande   rotonda   permetteva   alle   macchine ,  di   girare   o   a   destra   o   a   sinistra   dando   la   giusta   precedenza   a   chi   di   dovere.   Peccato   che   subito   dopo ,   tornasse   ad   abbassare   la   testa   per   ricominciare   a   chattare.   Fu   allora    che   capitò.    Non   realizzò   che   stava   attraversando   la   strada   nel   momento   esatto   in   cui   arrivava   la   macchina.   Fu   un   attimo…venne   presa   in   pieno.   In   quei   lunghissimi   istanti   dove   tutto   andava   finendo,   volò   in   alto,    sembrava   un   fuscello   sbattuto   dal   vento,    poi   rovinosamente ,   cadde   a   terra   poco   lontano.   Accanto   a   lei,    incredibilmente   intatto,  il   cellulare.

 

 

 

Isabella   Scotti   giugno   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633


Carissimi,   visto   che   anche   oggi   diluvia,   cosa   c’è   di   meglio   che   ascoltare   seduti   sul   divano   di   casa  

  ”   LA   PIOGGIA   NEL   PINETO   ”   di   GABRIELE   D’  ANNUNZIO   ?   Ve   la   voglio   proporre   nell’

interpretazione   magistrale   di   tre   grandi,   udite,   udite    :

 

Giorgio   Albertazzi,   Roberto   Herlitzka   e   Vittorio   Gassmann.

 

Ogni   tanto   rilassarsi   con   qualcosa   di   bello   fa   bene   all’ anima.

 

A   voi   tutti   auguro   di   passare,   nonostante   la   pioggia   che   non   smette,   un   buon   week   end .   Baci   a   tutti

La   vostra   Isabella

 

 

 

 


RAGAZZI   CHE   EMOZIONE   ASSISTERE   AL   GIRO   D’ ITALIA.

EUFORIA   TANTA   QUI   A   FRASCATI.

NEL   MOMENTO   DELLA   VOLATA   FINALE   AVEVO   DAVANTI   A   ME   APPOGGIATI   ALLE   TRANSENNE   QUATTRO   SPAGNOLI   CHE   NON   MI   FACEVANO   VEDERE   NULLA   E   DI   LATO   UNO   SPILUNGONE   CHE   OGNI   TANTO   SI   METTEVA   PURE   IN   PUNTA   DI   PIEDI.

ALLA   FINE   NON   CE   L’HO   FATTA   PIU’   ED   HO   ESCLAMATO  :   ”   MA   POSSIBILE   CHE   NESSUNO   POSSA   UN   MINIMO   FAR   VEDERE   QUALCOSA   ANCHE   A   ME?   ”

IN   MEN   CHE   NON   SI   DICA   LO   SPILUNGONE   SI   SCANSA   E   MI   FA   METTERE   DAVANTI   A   LUI   IN   UN   PEZZETTINO   DI   SPAZIO.   SCHIACCIATA   A   DESTRA   E   SINISTRA   HO   POTUTO   COSI’   VEDERE   LO   SPRINT   FINALE.   GENTILE   LO   SPILUNGONE,   ANCHE   SE   CONFESSO,   CHE   HO   PENSATO   PER   UN   ATTIMO   ALLA   MIA   FINE  , SOTTERRATA   DALLA   RESSA   PER   SCATTARE   FOTO   COL   CELLULARE.

MA   TUTTO   E’  ANDATO   BENONE.   TRANNE   I   PIEDI   INTORPIDITI ,  DOPO   DUE   ORE   DI   ATTESA   DEL   GRUPPO.   PECCATO   PER   LE   CADUTE   CHE   HANNO   ROVINATO   UN   PO’   L’  ESITO   FINALE.

COMUNQUE   VEDERE   UN   EVENTO   DEL   GENERE   COSI’   DA   VICINO,   CON   TUTTO   QUELLO   CHE   GIRA   INTORNO,   SPONSOR,   ORGANIZZAZIONE,   FORZE   DI   POLIZIA,   TELEVISIONE   E’   COSA   DI   NON   POCO    CONTO.

A   VOI   TUTTI   AUGURO   UNA   NOTTE   SERENA.

 

LA   VOSTRA   ISABELLA

 

da   Il   messaggero.it

PURE   LUI   E’   ARRIVATO  !!!   DON   MATTEO,  E   L’ HO   VISTO   BENE   QUANDO   SI   E’   GIRATO   VERSO   DI   NOI.   I   SUOI   OCCHI   SONO   BELLISSIMI   DAVVERO   E   SEMBRA   PIU’   GIOVANE   DI   QUEL   CHE   E’.

 

Vola 

il   ciclista  facendo   girare

nel   rush   finale  

vorticosamente   i 

pedali

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633


Visualizza immagine di origine

fiorilandia.org

 

Mamma    mammina

ti   devi   fermare

e   con   molta   attenzione

mi   devi   ascoltare.

Un   grazie   gigante

ti   devo   donare

perché   sei   buona

e   sai   perdonare.

Sai   essere   paziente

e   hai   sempre   il   sorriso

e   riempi   di   baci

il   mio   piccolo   viso.

Grazie   per   tenermi

sempre   la   mano

e   per   insegnarmi

ad   andare   lontano.

Grazie   anche   quando

mi   dici   di   no,

mi   serve   per   crescere

questo   lo   so.

Grazie   mamma

 

La   tua   Arianna   ( la   mia   nipotina   alla   sua   mamma,  mia  figlia  )

 

 

AUGURI   A   TUTTE   LE   MAMME   E   BUONA   DOMENICA   A   TUTTI