Archivi categoria: News

 

foto   Andrea   Romani

 

Vorrei
con   te
ancor
parlar   d’  amore.
Con   te
ancor ,
poter   sognare…
Strano
il  tempo ,
che
non   è   stato
nostro   amico,
che
non   ci   ha
di   più   uniti ,
ma   allontanati.
Che   è   fuggito
in   avanti
e   noi   qui
fermi
senza   nulla
tra   le   mani,
neanche
le   briciole
del   nostro   essere
stati   insieme.
Ora
che   qui
all’  imbrunire,
m’   attardo
di   nuovo ,
pensando
a   te ,
vorrei   solo
inseguirlo
il   tempo,
per   riportarlo
indietro
e   fermarlo   là ,
nel   momento
più   dolce
del   nostro   amore.

 

 

 

Isabella   Scotti   giugno   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 


LUIS   de   CAMOES  (   1524  –  1580  )

Visualizza immagine di origine

 

 

SAPO  –   Camoes

 

Il   gigante   della   letteratura   portoghese,   che   occupa   un   posto   di   primissimo   piano   anche   nella   letteratura   mondiale,   è   proprio   lui.   Gentiluomo   povero   ma   nobilissimo,   studiò   alla   celebre  università   di   Coimbra,   frequentò   con   assiduità   la   corte   di   Lisbona,  scrivendo   poesie   per   gli   amici   e   partecipò   alle   guerre   in   Marocco,   recandosi   a   Goa   e   Macao,    dove   immaginò   e   scrisse   I   Lusiadi,   poema   epico   in   cui   si   cantano   i   viaggi   di   Vasco   da   Gama.   Tornato   in   patria,   ebbe   un   poco  di   gloria   spentasi   quando   il   Portogallo   cadde   in   mano   spagnola.   Morì   in   estrema   miseria,   tanto   che   si   dice    che   il   suo   schiavo   andasse   a   mendicare   per   lui   nelle   strade.

L’età   del   Camoes    fu   ricca   di   altre   opere   celebranti   i   fasti   dell’  impero   portoghese,   e   storiche   e   d’immaginazione.   Due   nomi   tra   gli   storici   del   ‘ 600   vanno   citati   e   furono   Francisco   Manuel   de   Melo   (  1608  –  1666)   e   Bernardo   de   Brito  (  1569  –  1615  )

Il ‘ 700   viene   reputato   periodo   di   decadenza,   durante   il   quale   penetrano   peraltro   in   Portogallo   fermenti   neoclassici   e   più   tardi   romantici,   questi   ultimi   con   Manuel   Barbosa   Du   Bocage.

Col   XX   secolo   il   Portogallo   si   avvicina   alle   letterature   europee   e   partecipa   ai   movimenti   rinnovatori   in   politica   come   in   arte.   Al   Garret  (  1799  –  1854  )   si   deve   una   vasta   produzione   di   drammi   e   romanzi   storici.

All’ Herculano  (  1810  –  1877  )   una   monumentale   storia   del   Portogallo   e   profonde   indagini   erudite.

Lo   scrittore   più   scapigliato   del   secolo   fu   Camilo   Castelo   Branco   (  1826  –  1890  )

Nel   Novecento   riecheggiano   in   Portogallo   i   temi   europei   contemporanei   che   agitano   le   avanguardie   letterarie   nel   resto   dell ‘  Europa,   intrecciandosi   ad   un   movimento   di   ”  rinascita   portoghese  ”,   con   Teixeira   de   Pascoaes  (  1878  –  1952  )

 

I   Lusiadi

Canto   primo

 

Canto   l’  arme   e   i   famosi   cavalieri

che   sciolsero   dal   Tago   armati   legni

e   soldati   magnanimi   e   nocchieri

solcaro   novi   mar,   fondaro   regni,

e   sott’  astri   d’  incogniti   emisferi,

ciò   che   non   era   ardir   d’ umani   ingegni

vinser   nembi   e   procelle,   e   vider   lieti

correre   l’  aureo   Gange,   in   seno   a   Teti.

 

PS   Chiaramente   questo   è   semplicemente   come   inizia   il   canto   primo   che   va   ovviamente   avanti   e   che   non   potevo   certo   tutto   trascrivere.

fonte   –  L’  Europa   oggi  –  Lucio   Pugliese-   editore   Firenze

 

Visualizza immagine di origine

Famous   People   –   Vasco   da   Gama

 

 

Petit   onze  

 

   Camoes

cantore   dei   viaggi   di  

Vasco   da   Gama

esploratore   portoghese

navigatore

 

 

Isabella   Scotti   giugno   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633


Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

 

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani

ACROSTICO

C  ome   siete   romantiche

A   ppariscenti   e   delicate

M   i   piacete   anche   chiuse

            E     poi   quando   vi    schiudete

L   a    vostra   bellezza

I   ncanta

E    allora…

 

come   fossi   la ”  signora   delle   camelie,  ”  vi   colgo, 

raggruppandovi   in   mazzo,   stringendovi   al   petto


Dalla   nonnina

bimba   vorrebbe    fiaba

mentre   su   barca   sta

 

Soldati   fanno   guardia

alla   porta   di   casa

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo  :   legge   copyright   22   aprile   1941   n°   633

Dipinto   di   Edmund   Dulac

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è edmund-dulac-the-rubaiyat.-blowing-rose.jpg

 

 

Nel    giardino

delle   rose    selvatiche

è   tornata.

Pensierosa,

s’  attarda

con   in   mano

una   piccola

rosa   bianca  ,

che   prende

a   sfogliare  ,

come   fosse

margherita.

”   M’  ama

non   m’  ama,

mi   ricorda  ,

mi   pensa  ?  ”

Oh  ,

come   ancor

viva

è   la   nostalgia,

come   ancor

bussa  

alle   porte  

del   cuore  ,

quello

strano   sentire

chiamato

Amore  .

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dipinto   di   Edmund   Dulac

 

 

 

Non   dire  

nulla

di   ciò

che   hai   visto.

Ti   prego

non   fare

il   suo   nome.

Sono   tua   amica,

non   tradirmi.

Non   raccontare

a   nessuno

del   mio   

amore   segreto.

Io,

dal   canto  mio

non   svelerò

nulla

di   quella

pappagallina

che   di   nascosto

ti   viene

a   trovare.

Mi   raccomando

shhh,   shhh…

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dipinto   di   Edmund   Dulac

 

Carissimi   penso   sappiate   cosa   sia   un   tanka.   Per   rinfrescarvi   la   memoria   dirò   soltanto   che   è   una   composizione   giapponese  formata   da   cinque   versi   di   5   e   7   morae   così   distribuiti   5,  7  , 5 , 7,  7  .

In   fondo   i   primi   versi  compongono   un   haiku. 

Poesie   e   tanka   interpretative   di   un’  artista   molto   importante   Edmund   Dulac

 

Edmund Dulac, nato Edmond Dulac (Tolosa, 22 ottobre 1882Tolosa, 25 maggio 1953), è stato un disegnatore e illustratore francese naturalizzato inglese.

È stato fra i più importanti artisti del cosiddetto Periodo d’oro dell’illustrazione (a cavallo fra la fine del XIX ed il primo quarto del XX secolo), lavorando per moltissimi libri e lasciando un’impronta molto influente nel campo della grafica editoriale.

Nato a Tolosa, in Francia, iniziò la sua carriera studiando legge all’Università di Tolosa, seguendo contemporaneamente alcuni corsi alla Accademia di Belle Arti; essendosi stancato di studiare codici, si dedicò interamente all’arte, vincendo inoltre diversi premi all’Accademia. Dopo aver frequentato per un breve periodo l’Académie Julian a Parigi, si trasferì a Londra nel 1904.

A Londra, il ventiduenne francese fu aiutato da J.M. Dent e gli fu affidato l’incarico di illustrare l’intera opera delle Sorelle Brontë. Iniziò quindi una collaborazione con la Leicester Gallery e Hodder & Stoughton; la Leicester Gallery avrebbe commissionato a Dulac i quadri per vendere poi i diritti a Hodder & Stoughton, che avrebbe pubblicato i libri (un libro ogni anno per diversi anni) mentre la galleria avrebbe venduto i quadri. I libri stampati includono Stories from the Arabian Nights (1907), un’edizione de La Tempesta di Shakespeare (1908), The Rubaiyat of Omar Khayyam (1909), The Sleeping Beauty and Other Fairy Tales (1910), Stories from Hans Christian Andersen (1911), The Bells and Other Poems by Edgar Allan Poe (1912) and Princess Badoura (1913). Durante la Prima guerra mondiale contribuì a libri di rilievo come King Albert‘s Book, Princess Mary‘s Gift Book, e, insolitamente, il suo Edmund Dulac’s Picture Book for the French Red Cross (1915).

Dopo la guerra, l’elegante edizione illustrata del suo libro divenne una rarità e la sua carriera in questo campo giunse a conclusione. I suoi ultimi libri di questo genere furono Edmund Dulac’s Fairy Book (1916), the Tanglewood Tales (1918) e lo squisito The Kingdom of the Pearl (1920). Tuttavia la sua carriera proseguì in altri ambiti, come caricature per quotidiani (soprattutto per The Outlook), ritratti, costumi per teatro e sceneggiature, ex libris, scatole di cioccolato, medaglie, e varie grafiche (soprattutto per The Mercury Theatre). Disegnò francobolli per la Gran Bretagna. Disegnò francobolli (serie Marianne de Londres) e banconote per la Francia libera durante la Seconda guerra mondiale. Produsse inoltre illustrazioni per The American Weekly, un supplemento domenicale del quotidiano Hearst stampato negli USA. Continuò a produrre libri per il resto della sua vita, molto più di ogni suo contemporaneo, sebbene furono meno frequenti e meno elaborati rispetto all’Età d’Oro.

Da   Wikipedia

Ora   permettetemi   di   postare   qualche   foto   del   piccolo   Marco   che   il   30   aprile   ha   compiuto   1   mese.

 

Ecco   a   voi   il   nostro   vichingo

 


L’   ECO   DEL   TUO   ADDIO

 

”  Tornai   a   disfare

l’ eco   del   tuo   addio  ”

come   una   Penelope

che   disfa

  la   tela,

non   volendo   più

ricordare

  quel   momento,

né   tantomeno

le   parole

allora   dette,

e   di   esse

dimenticare

persino   il   suono.

Ho   raccolto

a   fatica

quel   che   rimane

di   me.

E   pensa

che   adesso,

dopo   tanto   soffrire,

posso   anche

ascoltare

il   ”   valzer   dell’ addio ”

di   Chopin ,

senza   piangere

 

Isabella   Scotti    aprile   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Incipit   in   neretto   dalla   poesia   ”   La   più   bella   storia   d’ amore   ”   del   grande   Luis   Sepulveda   scomparso   appena   qualche   giorno   fa   per   colpa   del   maledetto   coronavirus.  Una   storia  d’   amore   con   la   sua   Carmen   iniziata   appena   ventenni   e  terminata   a   settant’  anni   senza   immaginare   come   purtroppo   sarebbe   finita.   Mi   è   dispiaciuto   tantissimo   sapere   della   sua   morte.   Un   onore   per   me   scrivere   qualcosa   partendo   da   dei   suoi   versi.

 

LA   MIA   PAZZIA

 

Volete

che   vi   parli

della   mia   pazzia ?

Quella   pazzia

strana,

irragionevole ,

euforica,

intensa,

a   tratti

stravagante  ?

non   è   forse

l’   amore

che   rende   pazzi  ?

E   che

 si   possa   diventar

poeti

per   amore ?

Ora   vi   dimostro

come

 la   pazzia   del   cuore

possa   giocare

a   favor   di   ciò…

due   versi   soltanto :

”   i   miei   pensieri

voglio   intrecciare

al   tuo   destino

finchè     diventi

il   mio ”.

Ditemi ,

trovate   che

la   mia   pazzia

possa   andar   bene

a   braccetto

con   la   poesia  ?

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°  633

 

Citazione   di   Pablo   Neruda :   ”La pazzia, una certa pazzia, va molte volte a braccetto con la poesia”

 

 

  ORA ,  SOLA

 

 

Visualizza immagine di origine

Dreamstime

 

”  E   ora   
nel   mio   letto
resto   sola  ”  ,

immobile

come   una   statua.

Rannicchiata ,

stringendo

al   petto

il   mio   dolore.

Ogni   notte ,

la   luna  ,

s’   intrufola

col   suo   chiarore

nella   nostra

stanza.

Illumina

il   tuo   posto

vuoto,

ed   io   lo   fisso

inebetita

per   ore.

Che   strano

non   vederti

coricato

accanto   a   me.

Ogni   notte ,

tremo

di   solitudine

e   mi   domando :

dov’è   finito

l’  amore

che   sognavo

eterno  ?

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   di   Saffo

 

Carissimi   amici   voglio   scusarmi   con   voi   per   la   mia   assenza   nei   commenti. Purtroppo   non   posso   più   utilizzare   il   pc   che   viene   in   casa   utilizzato   per   smart   warking.   Qualcuno   potrà   dirmi   usa   il   cellulare,   ma   io   non   sono   comoda,   ho   bisogno   di   uno   schermo   grande   per   i   miei   occhi   che   sono   in   questo   periodo   molto   affaticati   anche   per   tante   lacrime   versate.   Poi   quando   il   pc   la   sera   si   libera   reggo   poco,    e   sono   costretta   per   stanchezza   a   ritirarmi.  Capito   qui   quando   posso ,  e   scrivo   lo   stesso   ogni   tanto.   Speriamo   che   i   tempi   migliorino.   Mi   dispiace   non   poter   essere   con   voi   come   prima.   Anche   alle   mail   con   grande   dispiacere   non   riesco   a   rispondere.   Per   di   più   ho   passato   un   periodo   di   stress   notevole   per   vari   problemi   di   famiglia,   non   diretti   ma   a   noi   vicinissimi. Giusto   ieri   sera   l’  ultimo   evento   che   spero   abbia   concluso   l’ orrendo   periodo.   Vi   prego   quindi   di   perdonarmi   e   di   aspettarmi.    Un   grande   abbraccio   a   tutti   voi.

La   vostra   Isabella


Visualizza immagine di origine

Pinterest    –     Edward   Hopper   Automat  1927

 

 

Verrà   la  morte

e   avrà   i   tuoi   occhi.

Avanzerà   piano,

senza   annunci ,

non   sentirò

i  suoi   passi.

Quando   soffierà

su   di   me,

sentirò   freddo,

ma   non   avrò

paura

del   buio ,

perchè

saranno

i   tuoi   occhi

la   mia   luce.

Tu,

cara   solitudine,

sarai   l’  unica

a   tenermi   compagnia,

sarai   accanto   

a   me

come   in   vita.

Quando   sarà   

il   momento,

senza   poter  

rivedere

i   miei    cari,

mi   addormenterò

senza   tremori,

sicura

della   tua   presenza,

ti   stringerò  

la   mano ,

e   chiuderò

gli   occhi ,

passando   oltre ,

andando   dove ,

non   so.

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Incipit   in   neretto   della   poesia  di   Cesare   Pavese    tratta  dalla   raccolta   omonima   ”   Verrà   la   morte   e   avrà   i   tuoi   occhi  ”  dedicata   a   tutti   coloro   che   sono   morti,   lontani   dai   propri   cari,    a   causa  del   coronavirus.

Scusate   amici   ma   in   questi   giorni   sto   un   po’   giù.   Spero   torni   il   sereno,   ma   è   tutto   così   difficile…


Carissimi   amici   oggi,   giorno   della   Santa   Pasqua   di   Resurrezione   di   Nostro   Signore   Gesu’   Cristo,   voglio   augurare   a   tutti   voi   di   passare,   seppur   da  prigionieri ,  una   serena   giornata   con   i   vostri   cari,   quelli   con   i   quali   la   potete   condividere.   A   tutti   gli   altri   che   vi   sono   lontani   dico,   non   siate   tristi.   Pensate   che   la   vita   è   sempre   fatta   di   sacrifici,   grandi   o   piccoli,   non   importa.   Tutto   sta   nel   viverli   con   naturalezza   senza   farne   un   problema   ,che   influirebbe   notevolmente   a   livello   psicologico.   Portate   pazienza,   prima   o   poi   ce   la   faremo,   e   non   uscite   da   casa.   Tanto   c’è   molto   vento,   ancora   c’è   instabilità   nell’   aria.

Ora   vi   lascio   due   cosette.   Vi   auguro   ogni   bene.   Vi   abbraccio

La   vostra   amica   Isabella

 

Visualizza immagine di origine

gophiel.eu

 

Pasqua   di   Resurrezione   e   altre   Pasque

 

”   Sarà   il   cuore,   nell’   uomo,   non   gli   occhi,

a   vedere   i   segni   dei   tempi   nel   cielo,

inconfondibili,   ai   confini   del   giorno,

alla   partenza   e   all’   arrivo   dell’  angelo”  …

 

Antonio   Seccareccia   (   poeta,  nato  a   Galluccio   22 / 12 / 1920  –    morto   a   Frascati   il  20 / 05 / 1997  )

 

Le poesie di Antonio Seccareccia sono accessibili a tutti noi e per questo godono di universalità, al di là di ogni presunzione interpretativa.

I suoi sentimenti brillano di luce propria, avvolgendo il lettore nella nube di un messaggio discreto e intenso.

I temi raccolti nel testo poetico “Viaggio nel Sud”, partono dal binario dell’infanzia, per passare attraverso le stagioni della sua terra che egli stesso lavorava con passione estrema: “Così terra per terra diventai contadino/ e zappai per chi mi pagava di più/ Almeno il giorno mangiavo libero il pane e l’aringa…” E dopo dormivo/ steso per terra senza pensieri…”.

Ma il suo sguardo non si ferma a poche considerazioni, spazia addentrandosi nelle numerose immagini che godono della profondità d’animo d’un uomo che abbraccia la vita, in quella vita dove si infrangono e si riverberano pensieri esaustivi sulla caducità esistenziale.

La natura emerge dalle sue poesie prepotentemente e si pone in primo piano, dedita a raccontare la simbiotica e le sfumature cromatiche che lo legano e catturano l’animo del poeta, sfiorando e vivendo il contatto con la terra madre.

Le immagini offerte da Antonio Seccareccia sono trasparenti solo in apparenza; il suo senso della “bellezza” si equivale a quello della “realtà”, senza peraltro, trascurare i piccoli particolari di un disegno del tutto personale.

Questo percorso intrapreso si svolge come una matassa di filo di seta rivelando l’amore verso i genitori, amore vitale, radici uniche dalle quali mai si separa, e nel passaggio tra l’affetto adolescente e quello maturo, il poeta oltrepassa la soglia come nel più semplice e umano districarsi nel quadro al quale sa dare le giuste pennellate che profumano di razionali intenti.

“Ogni giorno che passa” poesia appartenente a questa silloge, sintetizza in soli tredici versi lo scorrere del tempo che, come Antonio Seccareccia afferma, “lascia un segno nel mio cuore. Ogni fiore che muore,/ ogni foglia che cade/ lasciano un rimpianto nel mio cuore…”

La spiccata sensibilità attraverso la quale il poeta si esprime, rappresenta la capacità nell’ avvertire e il saper far emergere i valori umani con estrema chiarezza avulsa da ogni senso del pudore.

È proprio questo velato senso del pudore, ponte tra “ ermetismo e neorealismo”, come afferma nella postfazione lo scrittore e poeta Andrea Di Consoli, affascina e consola come un padre in simbiosi con un figlio.

Il senso di profonda religiosità, si svela fra i versi di “Lettera a Lea”. Qui il poeta ha la chiave di accesso per rendere viva l’immagine di una “stanza nuda/ senza neanche il Crocefisso…” e nella poesia che dà il titolo all’opera, canta: “Dio quando spunterà il giorno…” così come in Vorrei passare “come Gesù sul lago di Cafarnao”, per terminare con Sinfonia bianca in cui “Sull’oceano bianco io sono solo con Dio.”

L’aspetto religioso invia un messaggio sul quale poter riflettere e rivolto a chiunque sappia coglierne il giusto e denso significato.

Il mosaico giunge alle sue ultime pennellate, la porta poetica si apre e si chiude in silenzio, passando nel suono pragmatico carico di orpelli come i rimpianti, la gioia, la “saudade” (malinconia), le partenze, i ritorni e i rimandi.

I versi di Antonio Seccareccia leggono la nostra stessa interiorità, dove il poeta penetra con delicatezza, quasi con passi lievi, ma che riflettono forza, affidandosi a “quell’io poetico” che sa cantare e muoversi con coraggio fra versi pieni di luce, anche quando fuori e dentro palpita l’oscurità.

Al di là di ogni conoscenza e di ogni profonda cultura vive nelle poesie dell’autore tenerezza e semplicità della scrittura, che è potenza anche se non attinge ai secoli passati, frugando fra le opere dei grandi, perché si tratta di poesia intima, solenne e umile nell’anima che canta per l’anima semplice e vera.

Grazie Antonio, le tue poesie hanno raggiunto l’eternità, come dichiarazione d’amore a chiunque abbia voluto e saputo leggerle.

 

da   http://www.patrialetteratura.com/antonio-seccareccia-poeta-porta-accanto

 

E   ora   un   regalo   che   ho   ricevuto   stamani   da   una   mia   amica.   E’   un   po’   lunghetto   ma   giuro,   vale   la   pena   sentirlo   tutto.    Non   potevo   non   condividere    tanta   bellezza.    Baci

 

A   presto   e   Buona   Pasqua   a   tutti


 

Visualizza immagine di origine

ABC       Via   crucis   de   Sevilla   2019-   El   Cristo   de   la   Conversion

 

E’   giunta

ormai    l’ora.

Farò

la   mia   parte.

Ma   sapeste

Padre,

quanta   angoscia

ho  

nel   mio   cuore.

Ho   paura

Padre,

perché   non   so

quanto   dolore

dovrò   affrontare.

Una   cosa   sola

mi   sostiene.

Sapere   

che   tornerò

a   Voi ,

che   siete

Amore

incommensurabile.

Quando   tutto

sarà   finito,

la   paura

avrà   lasciato

il   posto

alla   pace

del   cuore.

Tornerò

a   Voi ,

sapendo

di   aver  onorato

la   vostra   volontà.

Si   sta  

per   chiudere

un   cerchio.

A   breve

si   aprirà

la   strada

per   l’ infinito.

 

Isabella   Scotti   aprile   2020

testo   :   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Visualizza immagine di origine

Giotto   di   Bondone      Entrata  in    Gerusalemme

 

 

Giunta

è   la  domenica

delle   palme.

Entra  in   città

acclamato

come  un  vincitore.

Ma   l’ uomo,

come   sa   cambiare

idea.

Prima   osanna,

poi   nella   polvere

getta.

Povero   Gesù.

Portano

in   mano

rami   d’ulivo,

simbolo   di   pace.

Ora ,

suonano

le   campane

a   festa.

Ma

presto

la   terra

si   colorerà

del   suo   sangue..

E   tuonerà   il   cielo

e   sparirà

il   sole.

Ma   dopo

il   buio

verrà

la   Luce.

Risplenderà

il   suo   Volto.

Risorgerà.

 

Auguro   a   tutti   voi   cari   amici   una   buona   domenica   delle   Palme.   A   tutti   voi   il   mio   ramo   d’ ulivo,   benedetto,   simbolo   di   pace.   Virtuale   come   gli   abbracci   ma   offerto   con   amicizia,   sperando   in   tempi   migliori.   In   questi   giorni   non   sto   molto   bene   sia   per   la  perdita   per   infarto   di   un   caro   cugino,   quello   che   avete   conosciuto   nel   mio   post   dedicato   a   Treviso   l’  anno   scorso,   che   per   qualche   problemino   di   assestamento   di   Chiara  ,   che   mi   duole   non   poter   fisicamente   aiutare   .   Appena   starò   più   su   con   il   morale,   vi   ringrazierò   uno   ad   uno,   per   tutti   gli   auguri   ricevuti   per   Marco.   Per   ora   sto   con   voi   anche   se   non   mi   sentite   con   i   commenti.

Vi   penso   sempre

la   vostra   Isabella

 


Come   va   cari   amici  ?   Questi    son   giorni,   oramai   è   chiaro,   davvero   difficili   per   tutti.   E’   proprio   però ,  in   virtù   di   questa   difficoltà,   che   chi   più ,  chi   meno,   sta   vivendo,   che   vorrei   dire   due   cose.   La   prima,   vorrei   gridarla   :

STATE   A   CASA  !!!

A   TUTTI   COLORO   CHE   NON   POSSONO   FARE   A   MENO   DELLA   CORSETTA  DICO  :   ABBIATE   UN   PO’  DI   BUON   SENSO   E   RISPETTO   DELLE   REGOLE ,  E   DI   TUTTI   COLORO   CHE   GIORNO   E   NOTTE   SI   IMPEGNANO   FINO   AL   CROLLO   FISICO   PER   AIUTARE   CHI   HA   BISOGNO,   CON   TOTALE   ABNEGAZIONE.

A   CHI   CORRE   ANCHE   PER   FARE   SPESA,   QUANDO   TANTI   NEGOZI   CONSEGNANO   A   DOMICILIO,  A   CHI   PRENDE   TRENI   E   METROPOLITANE   PER   SPOSTARSI   CREANDO   INEVITABILMENTE    ASSEMBRAMENTI

DICO   :   STATE   A   CASA !!!   NE   VA   DELLA   SALUTE   NON   SOLO   VOSTRA   MA   DI   TUTTI.

 

La   seconda,   la   grido    con   tutta   la   rabbia   che  mi   porto   dentro ,  dopo   aver   letto   di   quel   ragazzo   di   25   anni    che  a   Caserta   al   mercato,   togliendosi   la    mascherina   ha  SPUTATO   sulla   frutta,    pensando  bene   di   girare   un   video   mentre   faceva   lo   stupido   dandogli   anche   un   bel   titolo   ”   INFETTIAMO  ”.   Meno   male   che   i   carabinieri   lo   hanno   subito   preso   e   denunciato.     Be’   di   fronte   a   tanta   assurda   superficialità   rimango   esterrefatta.    E’   chiaro   che   non   si   possono   tollerare   atti   simili.   Tutti   debbono   essere   responsabili,   è   finita   l’era   dei   gradassi,   degli   sciocchi   che   credono   ancora   di   poter   giocare   con   questo   coronavirus   maledetto.

Ma   non   avete   visto   a   Bergamo   la   colonna   dei   mezzi   dell’ esercito   trasportare   tutte   le   bare   dei   poveri   morti   che   nemmeno   avranno   un   funerale  ?   Qui   credetemi,   non   c’ è   l’ urgenza   di   cantare   tutti   insieme,   ma   di   PREGARE ,   anche  uniti,   tutti,   sì.

Stasera   alle   ventuno   su   TV2000   verrà   detto   il   rosario.   Preghiamo   per   una   volta   tutti   insieme,   anche   chi   non   crede.   Rimaniamo   per   un   po’   raccolti   a   pensare,   per  riprendere   coscienza   della   drammaticità   del   momento,   riflettiamo   su   tutto   questo   che   ci   è   capitato   e   cerchiamo   d’essere   più   consapevoli   della   nostra   fragilità.

Mi   piace   leggere   che   tutto   andrà   bene.   E’   un   pensiero   positivo,   ma   non   esageriamo   con   questo   ritrovarsi   ogni   sera   sui   balconi   a   cantare.   Che   non   diventi   tutto   un   gioco.   Qui   ci   sono   morti   che   non   canteranno   più.

 

Vi   lascio   dopo   questo   sfogo   una   poesia,    perché   nonostante   tutto   ogni   tanto,   anche   se   con   tristezza   ancora   voglio   scrivere.   Vi   abbraccio   virtualmente   tutti   con   tanto   affetto   mentre   auguro   a   tutti   i   papà   che   festeggiano   la   loro   festa   in   maniera   diversa   rispetto   a   tutti   gli   anni   precedenti,   di   viverla   lo   stesso   con   un   sorriso,   magari   addentando   un   pezzo   di   torta   preparato   dalla   propria   moglie   o   figlia   improvvisatasi   cuoca.   Per   tutti   i   papà   impegnati   in   ospedale   il   mio   abbraccio   riconoscente

La   vostra   Isabella

 

Cinque   parole   da   cui   partire

anelare,   foriero,   stuolo,   effimero,  vituperio 

 

CONSAPEVOLEZZA

 

So

qual’  è   il   motivo

di   questo   vituperio

che   uscir

dalle   tue   labbra

io   ascolto.

So

che   ho   errato.

Anelare

all’   effimero

quando   esso

e’   foriero

solo

di   uno   stuolo

di   vane   illusioni,

e’   certamente

uno   sbaglio  .

Molto   meglio

anelare

alla   perpetuità,

a   lasciare

qualcosa   di   noi

che   duri

nel   tempo.

Questo   avrebbe

più   senso.

Magari

il   ricordo

di   una   vita

vissuta   all’   insegna

della   consapevolezza  ,

dell’   onestà  ,

piena   d’  amore .

 

Isabella   Scotti   marzo   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633