Archivi tag: notte

Buongiorno   carissimi.   Oggi,   voglio   lasciarvi   in   compagnia   di   una   lettera   d’  amore,   una   poesia,   un   dipinto  e   accompagnarvi   per   mano,   facendovi   sognare ,  in   un   paese   che   sarebbe   forse   scomparso   per   l’ abbandono   di   tanti   suoi   giovani,    trasferitisi   per   lavoro   o   studio,   se   due   fratelli   col   loro   cugino   non   avessero   avuto   nel   2017   l’  idea   di   trasformarlo   ,   attraverso   murales   colorati,   nel   ”   paese   delle   fiabe   ”  :  Sant’ Angelo   di   Roccalvecce   in provincia   di   Viterbo,   poco   distante   dalla   famosa   Civita   di   Bagnoregio.  

Attraverso   foto   di   questo   paese,   rivivrete   l’  atmosfera   giusta   per   tornare   piccini.   Penso   che   oggi,   con   tutte   le   difficoltà   da   affrontare ,   possiamo   permetterci   di   dimenticarle   per   un   po’   sognando.   Non   siete   forse   d’   accordo   con   me   ?   Allora   si   comincia,   immergetevi   prima   nella   lettura   e   poi…

 

LETTERA   D’  AMORE

 

Visualizza immagine di origine

http://www.teoma.co.it

 

Come   sei   lontano   amore   mio.   Sei   partito   solo   da   pochi   giorni   e   già   mi   manchi,   terribilmente.  Vorrei   che   le   notti ,   senza   stelle,   non   mi   mettessero   troppa   paura.   E   invece   tremo   a   star   sola,   senza   te  .    Sarà   stata   la   pioggia   di   questi   giorni   a   mettermi   malinconia ,   ma   sapessi   che   vuoto   hai   lasciato.

Ogni   notte   chiudo   gli   occhi   per   vedere   te,   immaginandoti   qui   sdraiato ,  abbandonato   sul   cuscino,  io,   rannicchiata   tra   le   tue   braccia   a   cercare   le   uniche   labbra    che   voglio   e   so   baciare.   Mi   piace   la   nostra   intimità,    quello   stare   soli,   stretti,   anche   senza   parlare,   anche   senza   fare   all’ amore.   Mi   sento   sicura   con   te   al   mio   fianco,   e   più   posso   guardarti   mentre   piano   ti   addormenti,   confondendo   il   tuo   respiro   col   mio,   più   ti   amo,   con   dolcezza,   con   tenerezza.  

Anche   oggi   fuori   piove,   piccole   gocce   continue   imperlano   i   vetri.   Mette   una   tristezza    la   pioggia,   dovrei   uscire   ma   non   ne   ho   voglia.   Forse   più   tardi.   Preferisco   rimanere   qui   a   scriverti,  è   come   se   tu   mi   fossi   accanto ,   ti   sento   vicino.   Finirà   presto   questo   nostro   star   lontani ,   vedrai.

Aspetto   trepida   il   tuo   ritorno.   Stringerti   a   me   di   nuovo,   sarà   la   gioia   più   grande.   Ci   ameremo   fino   al   mattino.

Sono   qui,    caro,   torna

Sempre   tua   

Cristina

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   canzone   di   Giusy   Ferreri   ” Voglio   te ”

 

CHI   ERI   IN   REALTA’  ?

Visualizza immagine di origine

iltermopolio.com

 

Non   ho   risposta

e

non   mi   manca
quello   che   mostravi
di   essere,
mi   manca   quello
che   pensavo
tu   fossi.
Mi    sono   sbagliata,
ho   amato
un’  altra   persona ,
quella
che   non   eri   tu.
Che   delusione
per   me
comprendere
questo.
Quanto   voler  
apparire
in   te,
senza   in   realtà
essere.
E   io   stupida,
caduta
nel   tranello
di   una   sembianza
che   solo   
nella   mia   mente
esisteva.
A   ripensarci ,
avrebbe   potuto
essere  
un   grande   amore
il   nostro,
se   la   menzogna
non   avesse   avuto
il   sopravvento.
Ora
sono   qui
senza   te,
ho   aperto
gli   occhi,
rifuggo
ogni   meschinità,
ogni   falsità.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questo   quadro ,  dove   Arianna   osserva   intorno   a   lei   la   natura   durante   una   gita ,   è   del   nonno   pittore ,  che   lo   ha   dipinto ,  riprendendo   il   tutto   dalla   foto   da   lui   scattata   alla   nipotina   durante   una   gita,   questa   estate.

 

E   ora   abbandoniamoci   al   sogno…

 

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea  Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto  di Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

Penso    che    avrete   riconosciuto   ”  Pinocchio  ”,   ”  La   piccola   fiammiferaia”,   ”   Peter   Pan   ”.   Un   mondo   fatato   che   sembra   davvero   a   portata   di   mano.   Un ‘   immersione   che   vale   la   pena   fare.   Ed   ora   qualche   scorcio   anche   di   Civita   di   Bagnoregio

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

E   qualche   micetto   senza   mascherina

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

 

Un   saluto   dal   fotografo

 

Alla   prossima   miei   cari.   Passate   una   buona   giornata   di   sole.

 


pinterest.com

 

ORME

 

Le   tue   orme…

mai   onda   alcuna

potrà   cancellarle.

Saranno  

 il   mio   faro,

unico   punto   di   riferimento,

quando   verrò

a   cercarti.

E   vedrai,

non   mi   perderò,

anche   se

dovessi   lottare

contro

venti   sfavorevoli.

Testarda

non   ascolterò

chi   mi   vorrà

consigliare

di   lasciar   perdere.

Andrò   avanti

fino   a   quando

sarà   quiete.

Fino   a   quando

saprò

d’  esser   giunta

alla   mia   meta.

Tu   sarai   lì,

lo   so,

ad   attendermi.

Non   ci   saranno

più   impedimenti.

Ti   amerò

alla   follia,

totalmente,

incondizionatamente.

 

Isabella   Scotti  agosto   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Visualizza immagine di origine

tantipensieri.it

 

PIOVE   E   LACRIME   SCENDONO…

 

Com’ è  tardi

stasera.

Guardo   fuori,

il   buio

ha   ormai

inghiottito

ogni   cosa.

Anche   me.

Un   buio

che   annienta

ogni   forma,

dove   tutto

par  sciogliersi

come   neve

esposta   al   calore.

Lontano

i   tuoni

annunciano

temporale.

Quando  anche   qui

cadranno

le   prime   gocce,

le   mie   lacrime

si   mescoleranno

ad   esse,

scendendo   copiose

ad   inondare

il   mio   volto,

senza   freno   alcuno.

E’   la   tua   assenza,

sofferenza,

atroce   ferita

che   sanguina.

Voglio   illudermi

che   tornerai.

Lascio   la   porta

aperta

stasera.

Sono   qui,

ho   bisogno   di   te.

 

Isabella   Scotti   agosto   2019

testo   :   copyright   legge   22    aprile   1941   n°   633

 

ATTENTO…

 

Visualizza immagine di origine

pixnio.com

 

Khalil    Gibran   ”   Segui   l’ amore  ”

 

Posso   darti

un   consiglio  ?

”   Segui   l’amore  ”.

Segui   la   sua   scia,

non   confonderti,

non   sbagliare   strada,

come   tante   volte

hai   fatto.

Guarda  :

il   sentiero   giusto

è   davanti   a  te.

Non   è   difficile

iniziarlo :

non   è   scosceso,

non   è

pieno   di   sassi .

Al   contrario

è   piano,

senza   buche   improvvise,

diritto,

senza   ostacoli ,

solo   morbide   foglie

da   calpestare.

Percorrilo

fiducioso.

Segui   l’amore,

dammi   retta.

Quando   l’avrai   trovato,

avrai   trovato  me.

 

Isabella   Scotti   settembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

UN   PO’   QUI   UN   PO’   LA’

 

“Non sempre le nuvole offuscano il cielo: a volte lo illuminano”

Elsa Morante – La Storia

 

Visualizza immagine di origine

ilcorriere.net

 

Ci   sono

nuvole   e   nuvole.

Ci   sono   quelle

gonfie,   scure

nere   come   la   notte,

che   rattristano

il   cuore,

che   fanno   sì

che   l’anima   pianga

di   solitudine.

Poi   ci   sono   quelle

che   appaiono

in   un   cielo , 

talmente   blu,

che   più    limpido  

non   potrebbe   essere.

Così  lassù ,  

tutto   risplende

di   quel   bianco

luminoso   e

le   nuvole,

   ciuffi   d’ ovatta

dalle   forme   più   strane,

si   sparpagliano   allegre

un   po’   qui ,

un   po’   là ,

e   in   un   certo

qual   modo

sembran   pronte   ad

illuminare   il   cielo.

Ma   è   un   errore,

perché   non   sono   loro   

a   far   risplendere

la   volta   celeste

ma   un’  altra   luce,

intensa,   accecante…

La   luce

di   una   stella   particolare :

il   sole .

Ed   è   subito   meraviglia.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   della   Morante

 

 

Ed   ora   qualche   foto   alla   rinfusa   della   mia   estate,   in   attesa   di   qualcosa   di   più   strutturato.

 

 

Giornata   con   un   sole   pazzesco.   Si   vede   no  ?   Questo   è   il   lago   di   Sainte –  Croix.   Un   lago   artificiale   dalle   acque,   limpide,   cristalline,   creato   negli   anni   70 ‘   a   seguito   della   costruzione   di   uno   sbarramento   del   fiume   Verdon,   in  Alta   Provenza.   Si   arriva   qui   dopo   aver   percorso   le   famose   gole   del   Verdon,   che   spaccando   la   terra   per   circa   25   metri,   provocando   il   sorgere   di   picchi   alti   circa   700   metri,   costituiscono   un   vero   e   proprio   Canyon   europeo .

 

Questa   foto  e   le   altre   qui   sotto   sono tutte   opera   mia

Suggestive   tutte   queste   barche   vero?   Molte   scendono   dalle   gole   e   s’  incontrano   con   quelle   che  stazionano   sul   lago.   Uno   spettacolo   unico.

 

Le   mie   Seychelles…   ma   no   è   sempre   il   lago

 

Qui   uno   scorcio   di   campagna   francese

Il  fiume   Verdon

 

 

Per   ora   mi   fermo   qui.   Un   caro   saluto   a   tutti   voi.   La   vostra   Isabella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Cari   amici   oggi   vi   voglio   fare   un   regalo.   Si   tratta   di   un   video   che   a   sua   volta   è   stato   un   regalo   fatto   a   me,   dalla   cara   amica   Marzia   che   molti   di   voi   conoscono,   e   il   cui   sito   è   questo  :   marzia.wordpress.com

Un   video   costruito   su   di   un   mio   piccolo   racconto   che   spero   gradirete   leggere   e  ” guardare ”. Ringrazio   con   tutto   il   cuore   Marzia   per   questo   cadeau   bellissimo.   Le   mando   un   grande   abbraccio   ed   un   sorriso.

Auguro   a   tutti   voi   di   passare   una   splendida   giornata.    A   presto

 

 

Ci   fu   un  tempo   in   cui   la   notte    pensò   a   quanto   sarebbe   stata   diversa   con   la   luna   accanto.   Non   avrebbe   fatto   più   paura,   il   buio   sarebbe   stato   illuminato   dal   suo   lieve   pallore  ,  sia   piena   che   mezza   non   avrebbe   fatto   differenza.   Anzi   il   suo   brillare   nel   cielo   infinito   tutte   le   sere,    avrebbe   resa   la   notte   romantica,   giusta   per   tutti   gli   innamorati.   La   notte,   piena   d’amore ,   decise   così   di   farsi   avanti   e   dichiararsi.   La   luna   l’ ascoltò   a   lungo   parlare,  e   fu   talmente   presa   da   quel   buio,   che   subito   decise   per   un   sì.   S’  incontrarono   tutte   le   sere   la   notte   e   la   luna.   E    quando   decisero   che   avrebbero   dovuto   unirsi   per   sempre,   la   luna   scelse   il   suo   abito   da   sposa,   splendente   di   stelle  .   Fu   un   matrimonio   perfetto.   Da   allora,   si   perpetua   un   incontro   d’amore   che   sa   di  mistero.   Ogni   volta   che   la   notte   avvolge   in   un   tenero   abbraccio   la   luna,   lei   felice   e   radiosa,   brilla   nel   cielo   infinito,   irradiando   di    bianca   luce   la   terra,   e   facendo   compagnia   a   tutti   gli   amanti,   regala   loro   atmosfere   di   dolce   languore.

 

Isabella  Scotti   agosto   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 


”  E’  resuscitato. –  Se  non  credete  a  me,  credete  al  sepolcro  vuoto.

Il  sepolcro  interrogato  potrebbe  dire:

Poteva  io  ritenere  a  lungo  Colui  ch’è  la  Vita?

Lo  accolsi  come  tesoro,

lo  custodii  nel  mio  grembo,

lo  accolsi  morto,

lo  resi  vivo.”

San  Girolamo

 

 

Andate  presto,  andate  a  dire.

Voi  che  l’avete  intuito  per  grazia.

Correte  su  tutte  le  piazze

A  svelare  il  grande  segreto  di  Dio.

 

Andate  a  dire  che  la  notte  è  passata

Andate  a  dire  che  per  tutto  c’è  un  senso.

Andate  a  dire  che  l’inverno  è  fecondo

Andate  a  dire  che  il  sangue  è  un  lavacro,

Andate  a  dire  che  il  pianto  è  rugiada,

Andate  a  dire  che  ogni  stilla  è  una  stella.

Andate  a  dire  che  le  piaghe  risanano.

Andate  a  dire  per  aspera  ad  astra

Andate  a  dire  per  crucem  ad  lucem.

Voi,  che  lo  avete  intuito  per  grazia,

Correte  di  porta  in  porta

A  svelare  il  grande  segreto  di  Dio.

 

Andate  a  dire  che  il  deserto  fiorisce,

Andate  a  dire  che  l’amore  ha  ormai  vinto

Andate  a  dire  che  la  gioia  non  è  sogno

Andate  a  dire  che  la  festa  è  già  pronta.

Andate  a  dire  che  il  bello  è  anche  vero.

Andate  a  dire   che  è  a  portata  di  mano.

Andate  a  dire  che  è  qui,  Pasqua  nostra.

Andate  a  dire  che  la  storia  ha  uno  sbocco.

Andate  a  dire  che  ogni  impegno  è  un  culto.

Andate  a  dire,  lottate.

Voi,  che  lo  avete  intuito  per  grazia,

Correte, correte  per  tutta  la  terra

A  svelare  il  grande  segreto  di  Dio.

 

Andate  a  dire  che  ogni  croce  è  un  trono.

Andate  a  dire   che  ogni  tomba  è  una  culla

Andate  a  dire  che  il  dolore  è  salvezza

Andate  a  dire  che  il  povero  è  in  testa

Andate  a  dire   che  il  mondo  ha  un  futuro

Andate  a  dire  che  il  cosmo  è  un  tempio

Andate  a  dire  che  ogni  bimbo  sorride

Andate  a  dire  che  è  possibile  l’uomo

Andate  a  dire,  voi,  tribolati

Andate  a  dire,  voi,  torturati

Andate  a  dire, voi,  ammalati

Andare  a  dire,  voi,  perseguitati

Andate  a  dire,  voi,  prostrati

Andate  a  dire,  voi,  disperati.

 

Andate  a  dire ,  voi,  comunque  sofferenti

Andate  a  dire,  voi,  offerenti- sorridenti

Andate  a  dire,  voi,  su  tutte  le  piazze

Andate  a  dire,  voi,  di  porta  in  porta

Andate  a  dire,  voi,  in  fondo  alle  strade

Andate  a  dire,  voi,  per  tutta  la  terra

Andate  a  dire,  voi,  gridandolo  agli  astri

Andate  a  dire , voi,  che  la  gioia  ha  un  volto.

Proprio  quello  sfigurato  dalla  morte

Proprio  quello  trasfigurato  nella  Pasqua

Oggi,  proprio  ora,  qui,  andate  a  dire

Andate  a  dire

Ed  è  subito  Pace

Perchè  è  subito  Pasqua !!!

 

San  Giovanni  Bosco

 

Cari  amici  oggi  è  un  giorno  speciale  per  noi  cristiani.  E  la  settimana  santa  che  si  conclude  con  gioia  nella  Pasqua  di  Resurrezione  non  può  non  aprire  i  cuori  alla  speranza. Oggi  voglio  qui a  tale  proposito  ricordare  un  film che  accanto  al  ”Gesù  di  Nazareth”  di  Zeffirelli ,  al  ”Vangelo  secondo  Matteo”  di  Pasolini  è  secondo  me,  pur  nella  crudezza  di  certe  scene,  un  film  da  vedere:  parlo  di  ”La Passione  di  Cristo”  di  Mel  Gibson.  Molti  sono  stati  nella  storia  del  cinema  i  film   che  hanno  narrato della  sua  vita .  Dai  più  lontani  negli  anni  ricordo  ad  esempio   :  ”La  più  grande  storia  mai  raccontata”  con  il  grande  Max  von  Sydow   nei  panni  di  Gesù   o  ”Il  Re  dei  Re”   con  Jeffrey  Hunter ,   o  ancora  per  avvicinarci   ai  nostri  tempi   anche  ”L’ultima  tentazione  di  Cristo”    con  Willem  Dafoe.  Quella  di  Gibson,  girata  tra  i  sassi  di  Matera,  in  aramaico  e   latino,  lingue del  tempo,  è  un’opera  che  è  riuscita  a  coinvolgermi  molto  profondamente.  Mi  sono  sentita  così  vicina  a  Gesù  come  quasi  fossi  lì  realmente.  Forse  ha  contribuito  quel  parlare  strano, l’aramaico,  che  non  avevo  mai  udito  prima. Ho  visto  tanti  film  sull’argomento  ma  condivido  l’angolazione  di  Gibson.La  violenza  di  alcune  scene  tanto   osteggiate  sono  invece  per  me  ciò  che  realmente  avrà  dovuto  subire  Gesù  una  volta  fatto  prigioniero.  Quindi  l’ho  trovato  incisivo  vero e  brutale  proprio  nel  momento  in  cui  Egli  viene  deriso,  torturato,  offeso, ma  poi  anche  ricco  di  tanta  poesia.  Faccio  riferimento  ad  esempio  agli  sguardi  pieni  d’amore  della madre  verso  il  figlio,  di  una  splendida  Maria,  ispirata , che  osserva  Gesù  salire  con  la  croce  sulle  spalle  verso  il  Golgota,  ricordandolo  piccolo  bambino,   tenerissima  immagine.  Ma  penso,  in  questo  giorno  di  Pasqua,  soprattutto  alla  Resurrezione.  All’immagine  nel  film  che  più  mi  ha  commosso.  Quella  del  momento  in  cui  Gesù,  nel  sepolcro  seduto  di  profilo,  improvvisamente  si  alza  per  ricongiungersi  al  Padre. Ecco,  questo  è  il  significato  al  quale  fare  riferimento  nella  Pasqua,  quel  risorgere  ad  una  nuova  vita,   piena, quella  che  vivremo  per  sempre  ricongiunti  al  Padre  e  a  tutti  i  nostri  cari.

Auguri  a  tutti  voi  cari  amici,  di  tutto  cuore.

Isabella

 

 


Si  è  fatto  buio.

Affacciati  in  cielo,

 luna.

Ma   non  voglio  di  te

vedere  solo  uno  spicchio.

Non  voglio  tu  sia 

timida,

mostrati intera,

così

come  sai  essere  unica

nella  tua  bellezza  sfolgorante.

Accecami

con la tua bianca luce d’argento.

Mirabile incanto sei,

dolce compagna silenziosa.

Questa  notte,

più  non  sarò  sola

se  tu  compiacente,

vorrai  guardarmi  da  lassù

assieme

alle  tue  sorelle  stelle .

Affacciati,

non farti  ancor  pregare.

Ecco,

col  naso  all’insù

nel  buio,

puntando  il  cielo,

aspetto…

Isabella  Scotti

 

La  luna,  astro  misterioso,  a  cui  spesso  poeti  e  semplici  mortali  hanno  rivolto  un  pensiero,  ha  sempre  affascinato  popoli  e  civiltà  diverse.  Fin  dall’antichità  parlando  di  mitologia,  la  Luna  era  associata  all’elemento  femminile  contrapposta  al  Sole,  il  dio  maschile.  Per  i  Lipan,  una  tribù  apache,  essa  è  ”la  donna  della  trasformazione”,  per  gli  esquimesi  ”colei  che  si  rifiuta  di  prendere  marito”,  e  si  dice  che  in  suo  onore  le  case  degli  Inuit  siano  di  forma  circolare.  I  saraceni  la  chiamano  ”la  grande”  e  hanno  fatto  della  mezzaluna  il  loro  simbolo.  In  Egitto  aveva  tanti  nomi :  THOT,  AAH,  KHONS,  e  i  Dori  si  chiamavano  così  perchè  nella  loro  lingua  la  luna  era  detta  ” Doris”.  I  greci  più  antichi  adoravano  Selene,  la  luna  piena.  Poi  aggiunsero  al  loro  culto  Afrodite,  la  luna  chiara,  e  Ecate,  la  luna  scura.  Le  tre  teste  della  dea  Artemide  rappresentavano  le  tre  fasi  della  luna,  e  quindi  le  tre  fasi  della  vita:  la  fanciullezza,  la  maternità,  la  vecchiaia.  Per  i  romani  era  associata  a  Diana ,  la  dea  della  fertilità  e  del  parto,  dei  boschi  e  della  caccia,  perchè  gli  animali  selvatici  vivono  secondo  la  luna,  e  i  cacciatori  hanno  bisogno  della  sua  luce  per  ritrovare  il  sentiero.  Per  i  cambogiani  è  ” la  signora”  di  quello  che  cresce  sulla  terra  e  protettrice  di  tutti  gli  esseri  viventi.  Secondo  l’astrologia  la  luna  governa  le  acque  e  tutto  ciò  che  è  umido.  Porta  la  rugiada  notturna,  determina  l’andamento  di  tifoni  e  uragani  e  la  crescita  delle  piante,  sovraintende  la  psiche,  gli  umori,  i  nostri  stati  d’animo,  influenza  perfino  il  liquido amniotico  e  quindi  la  maternità.  Forse  sarà  un  caso,  ma  la  luna  impiega  quasi  28  giorni  a  percorrere  tutti  e  12  i  segni  zodiacali,  un  periodo  di  tempo  che  corrisponde  alla  durata  media  del  ciclo  femminile. Credenze  antiche,  coincidenze,  chissà.  Un  dato  è  però  sicuro:  la   luna  svolge   un  ruolo  importante  per  quanto  riguarda  il  movimento delle  acque.  Il  periodico  alzarsi  e  abbassarsi  delle  masse  d’acqua  marina  dipende  certamente  dall’attrazione  gravitazionale  della  luna.

 

fonte:  da  un  articolo  di  Luciana  Covini

 

PS   Parlerò  ancora  di  questa  signora  della  notte,  per  ora  accontentatevi  di  queste  notiziole.  Il  post  lo  dedico  come  promesso  alla  cara  amica  Primula (  http//Ma bohème. wordpress.com//)

Per  aderire all’iniziativa del blog  Nuvole sparse tra la dita  aggiungo una citazione del Leopardi  sulla poesia.

Una poesia ragionevole è come dire una bestia ragionevole

                                         


Mondo  sbagliato

è  codesto

ove  violenza

detiene  il  potere.

Sangue,

orrore,

 morte.

Lupi  solitari,

bestie   senza  anima

si  aggirano  furtive,

mescolandosi

tra  la  folla

che  non  sa.

E  di  colpo

è  per  molti,  troppi

la  notte  eterna.

Pura  follia

di  menti  sbagliate.

Intanto,

per  chi  rimane

solo,

è  il  pianto,

l’angoscia,

il  tormento.                            

 

Isabella  Scotti

 

 

 

 


Sono  stata  a  guardarlo  il  cielo.  E  nella  notte  magica  di  S.  Lorenzo,  col  naso  all’insù  ho  aspettato  che  succedesse.  Invece  niente.  Ho  visto  la  luna ,  folgorante nella  sua  bellezza  luminosa,  ma  ” quella”  magica  stella  non  l’ho  vista,  solo  lucine  di  aerei   che  passavano  veloci,  ad  intermittenza,  per  perdersi  dietro  una  nuvola  e  sparire  inghiottite  dal  buio.  E  allora  ho  dedicato  a  lei,  ipotetica  ”stella”  di  S. Lorenzo  questa  poesia.

 

Stella  cadente,

che  lasci

silenziosa,

improvvisa

il  tuo  cielo.

Dimmi

sei  proprio  tu

che  scendendo

dalla  volta  celeste

dove  risiedi,

puoi  esaudire

i  nostri  desideri,

puoi  dar  vita

ai  nostri  sogni?

O  non  è  forse

qualcuno

più  grande  di  te,

che  da  solo

volendo

può  illuminare

tutto  il  cielo

anche  quando

non  c’è 

la  chiara  luna

e  non  ci  sono

le  tue  sorelle  stelle?

Non  è  forse  

Lui

che  ascoltando

le  nostre  preghiere

esaudisce

i  nostri  desideri?

Stella  cadente,

ti  prego,

non  prenderci  in  giro!

 

Isabella Scotti

 

 

 

 


Si  perse  Amore,

E  più  non  ritrovò 

La  strada.

Vagò,

Disperato,

Alla  ricerca

Di  colei

Un  dì  tanto  amata.

E   lacrime  amare

Ricordandola,

Dolce  e  bella,

Scendean

Sulle gote

  Come  stille  di  rugiada

 Si  posano

Su  petali  di  rosa.

Pianse   Amore,

Angosciato,

Tutta  la  notte,

E  l’eco  del  suo  pianto

Risuonò  dovunque.

E   fu  allora,

Che  raggiunse  Morte

La  quale,

  Commossa,

Volle  prenderlo  con  sè.

Lo  circondò  allora

  Di  un  gelo

 Sottile

 Che   lo  intorpidì

Tutto

Rendendolo   freddo

Come  un pezzo

Di  ghiaccio.

Poi,

Muta,

Lo  prese

Tra  le  braccia,

Lo  strinse  a  sè,

E  lo  rapì,

Al  mondo,

Per  sempre.

Isabella Scotti

 

Chiaramente  ”immaginazione’ ‘la  mia.  Anche  se  oggi  debbo  dire  che  ”Amore”  in  giro  se  ne  vede  ben  poco.  Un  mondo  impazzito  sembra  governato  da  tutt’altro. E  non  parlo  delle  solite  guerre,  all’ordine  del  giorno  ormai.  Mi  pare  che  ”Amore”  sia  scomparso  proprio  nel  quotidiano,  nel  guardarsi  intorno  e  meravigliarsi   di  quello  che  ci  circonda,  rispettandolo,  nell’ignorare  regole  comportamentali  anche  le  più  basilari.  Non  siamo  più  capaci  di   guardarci  senza  diffidare  del  prossimo.  E’  un  mondo  arido  quello  dove  oggi  ci  troviamo  a  vivere.  La  notizia  di  quella  bomba  d’acqua  caduta  improvvisa  nel  trevigiano  oltre  che  rattristarmi  per  la  notizia  di  altri  morti,  mi  ha  fatto  pensare  anche  ad  altre  cose.  Quel  torrente  che  già  aveva  tracimato  tempo  addietro  non  poteva  indurre  ad  un  pò  più  di  prudenza?  Non  voglio  ovviamente  colpevolizzare  nessuno  di  fronte  alla  tragedia  successa,  ma  quei  tendoni  potevano  essere  messi  più  in  sicurezza?  L’uomo  mi  sembra  talvolta  superficiale  non  solo  nella  cura  che  obbligatoriamente  deve  al  suo  territorio,  ma  anche  spesso  nel  non  valutare  con  cognizione  di  causa  la  probabilità   che  qualcosa  di  diverso  dalle  sue  aspettative  possa  accadere.  La  natura  oggi  ci  mette  ancora  di  più  di  altre  volte  in  condizioni  tali  da  affrontare  situazioni  drammatiche,  mi  auguro  che  l’uomo  ritrovi  ”Amore”  al  più  presto  in  tutto  quello  che  fa  per  il  bene  di  tutti.  Non  sprechiamo  la  nostra  vita  che  nessuno  potrà  mai  avere  una  seconda  volta.  Una  preghiera  per  quei  nuovi  morti  si  aggiunga  alle  altre  per  guerre  e  sofferenze.

 

 

 


Quell’urlo  lacerante

nella  notte

ancora   lo  sento…

Mi  martella  le  tempie,

non  mi  da  tregua.

Volevo  solo  rubare…

e  sono  diventato 

assassino.

Urlava,

continuava  ad  urlare.

Non  so  cosa  mi  ha  preso

dovevo  farla  tacere.

Poi  il  nulla…

Il  silenzio  nella  notte

ed  io  che  scappo…

Ora,

sono  qui,

solo,

in  questa  fredda  cella,

con  quell’urlo  lacerante

che  ho  in  testa

sempre,

mentre  vorrei

tornare  indietro  nel  tempo,

fermare  gli  attimi

di  quel  momento  atroce

e  la  mia  mano

che  sento  ormai

non  più  appartenermi.

Isabella   Scotti

 

Dalla  raccolta  ” Vuoto  dell’anima”

 

 

 


Scesa

      è  l’ombra

sulla  sera.

Ed  è 

già  notte.

Cupa,

      buia.

Neanche  la  luna

     timida,

si  affaccia  in  cielo.

Fischia  il  vento

    ulula  e  geme.

Ed  io,

     qui,

seduta   davanti

  al    camino

acceso,

      ho  tanto  freddo.

Raggomitolata

       nella  mia  solitudine

chiudo

       allora  gli  occhi,

  e

        improvvisa

 mi  sovvien

di  te

  la calda voce,

       unico,

  triste   ricordo

in  questa

      fredda  notte,

buia,

      senza  neanche

 la  luna   in  cielo.

Isabella  Scotti

Notte  e  solitudine  spesso  si  fanno  compagnia.