PRIMO  TEMPO

Arrivò

 quel  giorno

di  maggio,

e  ci  accompagnammo,

soli,

sulla  sponda  del  fiume.

Insieme

 al  dolce  fluire  del  tempo,

presero  a  navigare

pensieri

silenziosi  e  profondi.

Fu

il  canto  dell’usignolo

ad  inebriar  le  nostre  menti,

mentre  

un  dolce  zefiro

s’agitava

tra  le  fronde

e  la  fresca  acqua

scorrendo

fino  al  mare,

narrava

di  come  

”Amore”

fosse  nato

  improvviso.

Isabella Scotti

 

SECONDO  TEMPO

Di  te,

 ho  perso  le  tracce.

Ma  non  voglio  perdere

la  speranza

 di  ritrovarle.

E  ho  cominciato

 da  qui,

da  questa  sponda,

che  ci  conobbe

innamorati  e  felici.

Ricordi ?

 Da

dove  l’acqua  

del  fiume

scorre

più  veloce

per  arrivare

fino  al  mare.

Le  tue tracce

partono

da  questo

 punto,

e  sono  gli  attimi

di  soave  dolcezza

che  mi  regalasti.

Soffre

il  cuore

nel  poter

solo  desiderarti

e  null’altro.

Ti  stringerei  al  petto

se  fossi  qui,

come  allora,

fino  a  farti  male.

Ma  tra  le  mani

non  ho  le  tue,

nè   più  le  dolci  labbra

da  baciare.

Lontano  sei,

perduto  amore,

e  qui  mi  struggo,

e  qui  io  piango.

Isabella  Scotti

 

 

 

 

 

 

Annunci