Archivi tag: volto

pinterest.com

 

ORME

 

Le   tue   orme…

mai   onda   alcuna

potrà   cancellarle.

Saranno  

 il   mio   faro,

unico   punto   di   riferimento,

quando   verrò

a   cercarti.

E   vedrai,

non   mi   perderò,

anche   se

dovessi   lottare

contro

venti   sfavorevoli.

Testarda

non   ascolterò

chi   mi   vorrà

consigliare

di   lasciar   perdere.

Andrò   avanti

fino   a   quando

sarà   quiete.

Fino   a   quando

saprò

d’  esser   giunta

alla   mia   meta.

Tu   sarai   lì,

lo   so,

ad   attendermi.

Non   ci   saranno

più   impedimenti.

Ti   amerò

alla   follia,

totalmente,

incondizionatamente.

 

Isabella   Scotti  agosto   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

Visualizza immagine di origine

tantipensieri.it

 

PIOVE   E   LACRIME   SCENDONO…

 

Com’ è  tardi

stasera.

Guardo   fuori,

il   buio

ha   ormai

inghiottito

ogni   cosa.

Anche   me.

Un   buio

che   annienta

ogni   forma,

dove   tutto

par  sciogliersi

come   neve

esposta   al   calore.

Lontano

i   tuoni

annunciano

temporale.

Quando  anche   qui

cadranno

le   prime   gocce,

le   mie   lacrime

si   mescoleranno

ad   esse,

scendendo   copiose

ad   inondare

il   mio   volto,

senza   freno   alcuno.

E’   la   tua   assenza,

sofferenza,

atroce   ferita

che   sanguina.

Voglio   illudermi

che   tornerai.

Lascio   la   porta

aperta

stasera.

Sono   qui,

ho   bisogno   di   te.

 

Isabella   Scotti   agosto   2019

testo   :   copyright   legge   22    aprile   1941   n°   633

 

ATTENTO…

 

Visualizza immagine di origine

pixnio.com

 

Khalil    Gibran   ”   Segui   l’ amore  ”

 

Posso   darti

un   consiglio  ?

”   Segui   l’amore  ”.

Segui   la   sua   scia,

non   confonderti,

non   sbagliare   strada,

come   tante   volte

hai   fatto.

Guarda  :

il   sentiero   giusto

è   davanti   a  te.

Non   è   difficile

iniziarlo :

non   è   scosceso,

non   è

pieno   di   sassi .

Al   contrario

è   piano,

senza   buche   improvvise,

diritto,

senza   ostacoli ,

solo   morbide   foglie

da   calpestare.

Percorrilo

fiducioso.

Segui   l’amore,

dammi   retta.

Quando   l’avrai   trovato,

avrai   trovato  me.

 

Isabella   Scotti   settembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

UN   PO’   QUI   UN   PO’   LA’

 

“Non sempre le nuvole offuscano il cielo: a volte lo illuminano”

Elsa Morante – La Storia

 

Visualizza immagine di origine

ilcorriere.net

 

Ci   sono

nuvole   e   nuvole.

Ci   sono   quelle

gonfie,   scure

nere   come   la   notte,

che   rattristano

il   cuore,

che   fanno   sì

che   l’anima   pianga

di   solitudine.

Poi   ci   sono   quelle

che   appaiono

in   un   cielo , 

talmente   blu,

che   più    limpido  

non   potrebbe   essere.

Così  lassù ,  

tutto   risplende

di   quel   bianco

luminoso   e

le   nuvole,

   ciuffi   d’ ovatta

dalle   forme   più   strane,

si   sparpagliano   allegre

un   po’   qui ,

un   po’   là ,

e   in   un   certo

qual   modo

sembran   pronte   ad

illuminare   il   cielo.

Ma   è   un   errore,

perché   non   sono   loro   

a   far   risplendere

la   volta   celeste

ma   un’  altra   luce,

intensa,   accecante…

La   luce

di   una   stella   particolare :

il   sole .

Ed   è   subito   meraviglia.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   della   Morante

 

 

Ed   ora   qualche   foto   alla   rinfusa   della   mia   estate,   in   attesa   di   qualcosa   di   più   strutturato.

 

 

Giornata   con   un   sole   pazzesco.   Si   vede   no  ?   Questo   è   il   lago   di   Sainte –  Croix.   Un   lago   artificiale   dalle   acque,   limpide,   cristalline,   creato   negli   anni   70 ‘   a   seguito   della   costruzione   di   uno   sbarramento   del   fiume   Verdon,   in  Alta   Provenza.   Si   arriva   qui   dopo   aver   percorso   le   famose   gole   del   Verdon,   che   spaccando   la   terra   per   circa   25   metri,   provocando   il   sorgere   di   picchi   alti   circa   700   metri,   costituiscono   un   vero   e   proprio   Canyon   europeo .

 

Questa   foto  e   le   altre   qui   sotto   sono tutte   opera   mia

Suggestive   tutte   queste   barche   vero?   Molte   scendono   dalle   gole   e   s’  incontrano   con   quelle   che  stazionano   sul   lago.   Uno   spettacolo   unico.

 

Le   mie   Seychelles…   ma   no   è   sempre   il   lago

 

Qui   uno   scorcio   di   campagna   francese

Il  fiume   Verdon

 

 

Per   ora   mi   fermo   qui.   Un   caro   saluto   a   tutti   voi.   La   vostra   Isabella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


”  E’  resuscitato. –  Se  non  credete  a  me,  credete  al  sepolcro  vuoto.

Il  sepolcro  interrogato  potrebbe  dire:

Poteva  io  ritenere  a  lungo  Colui  ch’è  la  Vita?

Lo  accolsi  come  tesoro,

lo  custodii  nel  mio  grembo,

lo  accolsi  morto,

lo  resi  vivo.”

San  Girolamo

 

 

Andate  presto,  andate  a  dire.

Voi  che  l’avete  intuito  per  grazia.

Correte  su  tutte  le  piazze

A  svelare  il  grande  segreto  di  Dio.

 

Andate  a  dire  che  la  notte  è  passata

Andate  a  dire  che  per  tutto  c’è  un  senso.

Andate  a  dire  che  l’inverno  è  fecondo

Andate  a  dire  che  il  sangue  è  un  lavacro,

Andate  a  dire  che  il  pianto  è  rugiada,

Andate  a  dire  che  ogni  stilla  è  una  stella.

Andate  a  dire  che  le  piaghe  risanano.

Andate  a  dire  per  aspera  ad  astra

Andate  a  dire  per  crucem  ad  lucem.

Voi,  che  lo  avete  intuito  per  grazia,

Correte  di  porta  in  porta

A  svelare  il  grande  segreto  di  Dio.

 

Andate  a  dire  che  il  deserto  fiorisce,

Andate  a  dire  che  l’amore  ha  ormai  vinto

Andate  a  dire  che  la  gioia  non  è  sogno

Andate  a  dire  che  la  festa  è  già  pronta.

Andate  a  dire  che  il  bello  è  anche  vero.

Andate  a  dire   che  è  a  portata  di  mano.

Andate  a  dire  che  è  qui,  Pasqua  nostra.

Andate  a  dire  che  la  storia  ha  uno  sbocco.

Andate  a  dire  che  ogni  impegno  è  un  culto.

Andate  a  dire,  lottate.

Voi,  che  lo  avete  intuito  per  grazia,

Correte, correte  per  tutta  la  terra

A  svelare  il  grande  segreto  di  Dio.

 

Andate  a  dire  che  ogni  croce  è  un  trono.

Andate  a  dire   che  ogni  tomba  è  una  culla

Andate  a  dire  che  il  dolore  è  salvezza

Andate  a  dire  che  il  povero  è  in  testa

Andate  a  dire   che  il  mondo  ha  un  futuro

Andate  a  dire  che  il  cosmo  è  un  tempio

Andate  a  dire  che  ogni  bimbo  sorride

Andate  a  dire  che  è  possibile  l’uomo

Andate  a  dire,  voi,  tribolati

Andate  a  dire,  voi,  torturati

Andate  a  dire, voi,  ammalati

Andare  a  dire,  voi,  perseguitati

Andate  a  dire,  voi,  prostrati

Andate  a  dire,  voi,  disperati.

 

Andate  a  dire ,  voi,  comunque  sofferenti

Andate  a  dire,  voi,  offerenti- sorridenti

Andate  a  dire,  voi,  su  tutte  le  piazze

Andate  a  dire,  voi,  di  porta  in  porta

Andate  a  dire,  voi,  in  fondo  alle  strade

Andate  a  dire,  voi,  per  tutta  la  terra

Andate  a  dire,  voi,  gridandolo  agli  astri

Andate  a  dire , voi,  che  la  gioia  ha  un  volto.

Proprio  quello  sfigurato  dalla  morte

Proprio  quello  trasfigurato  nella  Pasqua

Oggi,  proprio  ora,  qui,  andate  a  dire

Andate  a  dire

Ed  è  subito  Pace

Perchè  è  subito  Pasqua !!!

 

San  Giovanni  Bosco

 

Cari  amici  oggi  è  un  giorno  speciale  per  noi  cristiani.  E  la  settimana  santa  che  si  conclude  con  gioia  nella  Pasqua  di  Resurrezione  non  può  non  aprire  i  cuori  alla  speranza. Oggi  voglio  qui a  tale  proposito  ricordare  un  film che  accanto  al  ”Gesù  di  Nazareth”  di  Zeffirelli ,  al  ”Vangelo  secondo  Matteo”  di  Pasolini  è  secondo  me,  pur  nella  crudezza  di  certe  scene,  un  film  da  vedere:  parlo  di  ”La Passione  di  Cristo”  di  Mel  Gibson.  Molti  sono  stati  nella  storia  del  cinema  i  film   che  hanno  narrato della  sua  vita .  Dai  più  lontani  negli  anni  ricordo  ad  esempio   :  ”La  più  grande  storia  mai  raccontata”  con  il  grande  Max  von  Sydow   nei  panni  di  Gesù   o  ”Il  Re  dei  Re”   con  Jeffrey  Hunter ,   o  ancora  per  avvicinarci   ai  nostri  tempi   anche  ”L’ultima  tentazione  di  Cristo”    con  Willem  Dafoe.  Quella  di  Gibson,  girata  tra  i  sassi  di  Matera,  in  aramaico  e   latino,  lingue del  tempo,  è  un’opera  che  è  riuscita  a  coinvolgermi  molto  profondamente.  Mi  sono  sentita  così  vicina  a  Gesù  come  quasi  fossi  lì  realmente.  Forse  ha  contribuito  quel  parlare  strano, l’aramaico,  che  non  avevo  mai  udito  prima. Ho  visto  tanti  film  sull’argomento  ma  condivido  l’angolazione  di  Gibson.La  violenza  di  alcune  scene  tanto   osteggiate  sono  invece  per  me  ciò  che  realmente  avrà  dovuto  subire  Gesù  una  volta  fatto  prigioniero.  Quindi  l’ho  trovato  incisivo  vero e  brutale  proprio  nel  momento  in  cui  Egli  viene  deriso,  torturato,  offeso, ma  poi  anche  ricco  di  tanta  poesia.  Faccio  riferimento  ad  esempio  agli  sguardi  pieni  d’amore  della madre  verso  il  figlio,  di  una  splendida  Maria,  ispirata , che  osserva  Gesù  salire  con  la  croce  sulle  spalle  verso  il  Golgota,  ricordandolo  piccolo  bambino,   tenerissima  immagine.  Ma  penso,  in  questo  giorno  di  Pasqua,  soprattutto  alla  Resurrezione.  All’immagine  nel  film  che  più  mi  ha  commosso.  Quella  del  momento  in  cui  Gesù,  nel  sepolcro  seduto  di  profilo,  improvvisamente  si  alza  per  ricongiungersi  al  Padre. Ecco,  questo  è  il  significato  al  quale  fare  riferimento  nella  Pasqua,  quel  risorgere  ad  una  nuova  vita,   piena, quella  che  vivremo  per  sempre  ricongiunti  al  Padre  e  a  tutti  i  nostri  cari.

Auguri  a  tutti  voi  cari  amici,  di  tutto  cuore.

Isabella

 

 


Piangevo,

quel  giorno.

Mai  lacrime

più  copiose

rigarono

il  mio  volto.

Poi,

fu  un  attimo.

Ti   vidi

arrivare  da  lontano.

Ti  riconobbi,

essere  amore,

in  mezzo  alla  folla.

Ed  in  quell’istante

mentre  ancora  piangevo,

come  per  incanto,

un  sorriso

si  aprì

sulle   mie   labbra.

Isabella  Scotti

Solo  l’amore  sa  cambiare  lo  stato  delle  cose.