Archivi tag: urlo

 

Visualizza immagine di origine

cultura.biografieonline.it

 

In   agonia

urla   il   silenzio.

Non   sta   zitto .

E   sale

il   mio   turbamento.

E’   follia

che   si   comporti

così.

Chiedo   pace,

solo   quiete.

Non   onde

violente   che

mi   sballottino

di   qua   e   di   là.

Pensavo

che   il   silenzio

mi   avrebbe

confortato.

Non   sapevo

che   il   suo   urlo

sarebbe   stato

come   quello

di   Munch.

Continua  ora

a   salire

in   me

un ‘ angoscia

senza   fine,

una   pena

straziante

che   mi   lacera

il   cuore

 

Isabella   Scotti   marzo   2021

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   silloge   di   Marco   Corsi   ”   E   ancora   leggera   la   brezza ”  

 

Un   libro   che   vi   consiglio   vivamente  .  Rimarrete   stupiti   dalla   sua   bravura .   Oltre   che   un   amico   a   cui   va   tutta   la   mia   stima,   è   una   persona    colta,   profondamente   preparato   e   competente.   Vive   e   lavora   a   Roma   dove   dopo   il   liceo   è   subito   entrato   in   servizio   in   qualità   di   Responsabile   della   comunicazione   presso   la   Biblioteca   Angelica   di   Roma.  Studia   presso   il   Master   Officina   della   Poesia   il   Teatro   e   le   Arti   del   Teatro   Quirino.   Le   sue   poesie   sono   intime,   spirituali,    molto   ricercate.

 

Carissimi   amici   perdonate   le   mie   non   visite   ai   vostri   blog,   ma   sto   attraversando   un   periodo   non   facile.

Mi   trovo  a   dover   affrontare   varie   cosette   che   mi   levano   molto   tempo.   Quando   a   sera   vengo   al   pc,   gli   occhi   mi   danno   fastidio   e   resisto   poco.   Scusatemi.   Spero   di   superare   il   tutto   con   leggerezza   e   coraggio   allo   stesso   tempo.   Farò   il   possibile   per   passare   da   voi.   Anche   uno   per   volta   ma   verrò   a   salutarvi.   Siete   tutti   nel   mio   cuore.   Vi   abbraccio

La   vostra   Isabella

 


Quell’urlo  lacerante

nella  notte

ancora   lo  sento…

Mi  martella  le  tempie,

non  mi  da  tregua.

Volevo  solo  rubare…

e  sono  diventato 

assassino.

Urlava,

continuava  ad  urlare.

Non  so  cosa  mi  ha  preso

dovevo  farla  tacere.

Poi  il  nulla…

Il  silenzio  nella  notte

ed  io  che  scappo…

Ora,

sono  qui,

solo,

in  questa  fredda  cella,

con  quell’urlo  lacerante

che  ho  in  testa

sempre,

mentre  vorrei

tornare  indietro  nel  tempo,

fermare  gli  attimi

di  quel  momento  atroce

e  la  mia  mano

che  sento  ormai

non  più  appartenermi.

Isabella   Scotti

 

Dalla  raccolta  ” Vuoto  dell’anima”