Archivi tag: piazza dei signori

Eccomi   qua   carissimi.   Siete   curiosi   ?   Spero   di   si.   Sono   sicura   che   se   dite   di   sì,   non   ve   ne   pentirete.

Allora   seguitemi   in   un   itinerario   che   vi   conquisterà   per   scorci   pieni   di   fascino,   interessanti ,   merito   di   una   terra   che   amo   profondamente  :   il   Veneto.   Io   sono   nata   a   Roma   ma   ho   sempre   detto   che   le   mie   origini   sono   venete.   Precisamente   i   miei   genitori   sono   nati   entrambi   a   Nove,   in   provincia   di   Vicenza,   a   circa    4   chilometri   da   Bassano   del   Grappa  .   Per   lavoro   mio   padre  si   trasferì  da   giovane   a   Roma,   e   con   mia   madre   lì   rimase  fino   ai   miei   5   anni   e   ai   3   di   mio   fratello,     quando   tutta   la   famiglia   andò   a   finire   a   Frascati,     vivendoci   fino   ad   oggi.   Per   quanto   la   mia   vita   si   sia   svolta   tutta   qui,   sono   sempre   tornata   con   piacere   nei   luoghi   d’ infanzia  dei   miei   genitori,   in   una   terra   alla   quale   mi   legano   ricordi   e   legami   di   famiglia.  Così   anche  a   Pasqua.   Il   viaggio ,  secondo   l’ itinerario   progettato   da   mio   figlio,   ha   compreso   come   prima   tappa   Treviso,   il    Monte   Grappa   e   Bassano,   Castelfranco   Veneto,   Tezze   sul   Brenta,   dove   risiedono   gli   unici   cugini   rimasti   di   mio   padre,   Cittadella,   Marostica,   e   al   ritorno   verso   casa,   Arquà   e   Montagnana.

Vi   dico   subito   che   parlare   di   ogni   luogo   porterebbe   via   troppo   tempo.   Lascerò   quindi   parlare   le   foto   di   mio   figlio   con   ovviamente   qualche   doveroso   commento   e   probabilmente   questo   post   sarà   la  prima   parte   di   un   viaggio   che   è   stato   bellissimo   non   solo   per   le   ragioni   del   cuore,   ma   perché   è   stato   anche   l’ occasione  per  incontrare   degli   amici.   Il   primo,   di   Frascati,    amico   di   scuola   di   mio   marito ,  vive   a   Treviso   da   circa   tre   anni   con   la   moglie   e   un   figlio.   La   seconda,    che   vive   a   Castelfranco   Veneto,  è   un’  amica   conosciuta   con   la   madre,   in   treno , molti   anni   fa  ,   mentre   andavo   proprio   a   Bassano ,  anch’io   con   mia   madre.   Legammo   subito   tutte   e   quattro.   Ma   da   quel   fortuito   incontro,   non   c’è   stata   mai   più   occasione   per   rivederci.   Su   facebook   l’ho   ritrovata   mesi   fa,   e   scendendo   dal   Grappa   l’ho   chiamata   e   fortunatamente,   ci   siamo   potute   rivedere.   Vi   garantisco,   una   bella   emozione   per   tutte   e   tre ,   loro   due   e   me.   Mancava   infatti   solo   mia   madre.   Ma   non   voglio   tediarvi   ulteriormente  .   Quindi   ecco   a   voi   le   immagini   di   questo   viaggio   davvero   troppo   bello.   A   Treviso,   città   splendida,   abbiamo   alloggiato  in   un   agriturismo   in   campagna,   fuori   città.   Molto   tranquillo,   senza  troppe   pretese,   il   giusto   per   noi   di   passaggio.

Ecco   galline   in   loco

 

E   questo   l’  agriturismo

Treviso   è   una   città   ricca   di   storia   ,   di   verde,   di   scorci   caratteristici ,   di   architetture   notevoli,   civili   e   religiose   come   il   Duomo   dedicato   a   San   Pietro   Apostolo,   che   non   abbiamo   potuto   visitare   perché   quando   arrivati   era   chiuso,  e  di   tante   fontane.   All’interno   delle   mura   ce   ne   sono   ben  33.   Certamente   una   delle   più   particolari   è   la   fontana   delle   Tette.

scatto   di   Andrea

Già  nel   XIV   sec   il   poeta   fiorentino   Fazio   degli   Uberti,   nel   suo   ”   Dittamondo   ”   così    cantava

questa   iscrizione   l’ho   fotografata   io   medesima…

 

La   fontana   delle   Tette (fontana dee tete in veneto) è   una   antica   fontana  scolpita   di  Treviso  che   sotto   la dominazione   della   Repubblica   di   Venezia ,   spillava   vino   bianco   e   rosso   in   occasione   di   particolari festeggiamenti.

La   copia   della   scultura   originale   è   collocata   nel   cortile   di   Palazzo   Zignoli   a  Treviso,   accessibile   dalla   galleria   che   collega   il   Calmaggiore   alla   piazzetta   della   Torre   e   alla   calle   del   Podestà.   Il   manufatto   autentico,   seriamente   danneggiato,   è   stato   spostato   in   una   teca   sotto   il   portico   del   Palazzo   dei   Trecento

 

La    fontana   delle   Tette   fu   costruita   nel   1559   su   ordine   di  Alvise   da   Ponte ,   all’epoca   podestà   della Repubblica   di   Venezia   in   seguito   a   una   forte   siccità   che   colpì   la   città   di   Treviso   e   la   campagna circostante.   Originariamente   la   statua   era   posta   all’interno   del   palazzo   Pretorio,  in  via   Calmaggiore.   Da allora   fino   al  1797   anno   della   caduta   della   Serenissima   Repubblica   di   Venezia,   in   onore   di   ogni   nuovo Podestà   dalla   fontana   sgorgavano   vino   rosso   da   un   seno   e   vino   bianco   dall’altro   e   tutti   i   cittadini   potevano   bere   gratuitamente   per   tre   giorni.

wikipedia

La   Loggia   dei   Cavalieri   è   un   edificio   storico   situato   nel   centro   storico   della   città,   importante   testimonianza   del   potere   politico  dei   nobili   nel   periodo   in   cui   i   comuni   erano   fiorenti.    All’ interno   si   possono   notare   nella   parte   superiore   affreschi   sovrapposti   di   vari   periodi.   Ecco   qui   una   foto   per   immortalare   la  bellezza   del   romanico   trevigiano   seppur   influenzato   dall’  architettura   bizantina.

scatto di Andrea

Ora   vi   lascio  con   qualche   foto,   sempre   di   Andrea,   per   sognare   e   rilassarvi

Questo   è   il   fiume   Sile   che   attraversa   Treviso   regalando   pace   mentre   lo   si   costeggia   passeggiando

suggestioni

Questi   alcuni   scorci

 

 

Piazza   dei   Signori .  Sulla   destra,   con   le   bandiere   esposte,   la   Prefettura

 

Sculture   .   Il   titolo   all’opera   lo   dò   io  :   ”  Il   tuffo  ”

Però   ragazzi   è   una   vera   fatica   caricare   foto.   Non   so   se   riuscirò   a   mostrarvi     tutto   quello   che   ho   in   mente.   Se   sì,   ci   vorrà   parecchio   tempo.   Comunque   è   davvero   un   piacere   camminare   lontano   dal   traffico   caotico   delle   città.   Tutti   i   luoghi   dove   siamo   stati   avevano   tutti   le   stesse   caratteristiche  :   tanto   verde   e   tranquillità.   Anche   Castelfranco   Veneto   è   un   piccolo   gioiello.   Tornarci   a   distanza   di   anni   è   stato   molto   piacevole,   anche   per   aver   ritrovato   quell’  amica   di   cui   vi   ho   detto   all’  inizio   del  post.   Eccovi   qualche   foto

 

Queste   le   mura   che   la   circondano

l ‘ ora   del   tramonto   è   la   migliore   per   fare   foto,   soprattutto   se   non   piove

 

Eccolo   qui   trionfante.   Si   è   proprio   lui ,   il   Giorgione,   il   grande   pittore   italiano   nativo   proprio   di   Castelfranco,   cittadino   della   Repubblica   di   Venezia   e   illustre   rappresentante   della   pittura   veneta    del   XV   sec.  assieme   a   Tiziano   che   influenzò   soprattutto   all’inizio   della  sua   carriera,   diventandone   anche   socio   in   affari.  Veramente   splendido.

 

Ora,   siamo   arrivati   alla   fine   del   post.   Miei   cari   chiudo   e   vado   a   ninna.  Vi   lascio   però   con   una   foto   dell’  autore   di   queste   sopra   e   vi   aspetto   per   il   prossimo   tour.

Qui   il   fotografo   Andrea   con   la   madre   e   i   famosi   cugini   di   mio   padre.   Notare   come   anche   il   cugino   Antonio   porti   al   collo,   la   sua   bella   macchina   fotografica.   Sarà   mica   un   vizio   di   famiglia  ?