Archivi tag: parole

Cari   amici   vi   regalo   nell’ attesa   di   volare   in   Veneto,   qualche   poesia.   Baci   a   tutti   e   buona   primavera.

Ops ,   mi   sono   confusa,   è   ancora   inverno.

 

TRA  I   FIORI   DI   MAGGIO

 

Visualizza immagine di origine

lemiepiante.it

Nei   giardini
di   maggio
mi   perdo
tra   fiori,
che   si   svegliano
piano
al   sorriso
del   sole,
lasciandomi
dal   loro   profumo
inebriare.
E’  
nei   giardini
di   maggio,
che   vedo  
fiorire
le   rose.
Ma   come   mi   son   cari
i   fiori   di   ginestra
che   s’ aprono   lucenti
come   vena   d’oro,
quasi   gemme   di   luce.
Amo
sostare   pensierosa
nei   giardini
di   maggio,
perdermi
per   poi   ritrovarmi.

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

NON   MI   PIACE   LEGGERE   LETTERE

 

“Quasi non oso leggere le lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,
non resisto al dolore della lettura”

Franz  Kafka

 

Sì,
in   effetti
esse
sono   qualcosa
di   molto   strano.
Si   scrivono
parole
senza   poter
guardarsi
in   volto.
Siamo   lontani,
io   che   scrivo,
tu   che   ricevi
ciò   che   ti   invio.
Parole   che
scritte
possono  
anche   perdersi ,
non   solo
per   quanta   strada
a   volte  
si   trovano   a   fare,
per   giungere   a   destinazione.
Ma   anche
perdere   di   significato,
al   contrario
di   quelle   dette,
che   si   possono   spiegare,
a   lungo   discutere .
Ecco   perchè
“quasi   non   oso   leggere   le   lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,

non resisto al dolore della lettura”.
Ecco   perchè
preferisco   aspettare,
piuttosto   che   una   lettera
con   parole
che   mi   metterebbero
in   ansia,
ne   sono   sicura,
semplicemente
il   tuo   ritorno.
E   sperare   che
tu   mi   stia   pensando
con   la   stessa   intensità
con   la   quale
io   ti   penso.
Non   voglio   leggere
su   di   un   foglio
”   ti   amo ”
te   lo   voglio   sentir   dire.
   Solo   questo   conta
per   me.
Ti   aspetto.
Tutto   qui. 

Isabella  Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dall’incipit   in   neretto   di   Kafka

 

RICORDI   D’  ESTATE

 

Ricordi

quando   con   la   bici

si   andava

spensierati

su   strade   sterrate,

facendo   a   gara

per   arrivare   primi

al   fienile?

Erano   i   tempi

in   cui   noi,

tanti   cugini,

ci   si   rincontrava

d’estate.

Eravamo   sempre  

felici   quei   giorni,

ci   sentivamo

liberi.

Il   fienile

era   la   nostra

tappa   finale,

e   il   nostro   rifugio

dove   attendere

la   fine   della   pioggia.

Ancora   è   lì   sai  ?

L’ ho   rivisto   da   poco

e   mi   ha    fatto

commuovere.

Sì,   ho   versato  

una   lacrimuccia,

quando   guardandolo

ho   rivisto   noi  

tutti   insieme.

Come   fugge   via

il   tempo,

portandosi   via

anche   chi

sarebbe   bello,

fosse   ancora   qui.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie    Simona

 

INUTILMENTE

 

buttati come l’edera a nascondere un pozzo,
quando tutti sapevamo di che pozzo si trattava?”
Cesare   Pavese

Parole,
troppe,
inconcludenti.
Buttate   lì,
come   l’edera
a   coprire   un   pozzo.
Che   delusione
questo   vuoto
tra   noi.
Eppure,  
pur   sapendo,
abbiamo   cercato  
parole
che   riempissero  
quel   vuoto.
Dialoghi   ripetuti,
fino   alla   nausea
cercando   un   contatto.
Che   sciocchezza
crederci .
Quanta   ambiguità
nel   nostro   
nonrapporto .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   .   Copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   ai   versi   di   Pavese

 

 

TRISTEMENTE

 

scatto   di   Andrea

Tristemente
lascia   piano  
che   cadano
i   suoi   petali.
Si   è   accorto
con   rammarico ,
che   ancora  
non   soffia ,
col   suo   tiepido   alito,
   Primavera .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :    copyright     legge   22   aprile   1941    n°   633

 

NESSUN   ALTRO

 

”   La malinconia
culla con dolci canti
il mio cuore in oblìo  ”

Paul Verlaine

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

Il   mio   cuore   è   in   oblio.
Ti   ha   dimenticato.
Ha   dimenticato
molte   cose
del   nostro   amore.
Più   non   vuole
ricordare.
E’   rimasta
solo
una   dolce  
malinconia
ad   allietare
le   mie   sere.
E’   quasi   un   canto,
una   melodia
   sussurrata
dalla   quale
mi   faccio   cullare,
quando   fuori
le   fronde
son   sferzate  
dal   vento,
quando   le   gocce
di   pioggia
battono   i   vetri.
Quando   il   freddo
mi   fa   tremare.
Solo   lei
è   rimasta
a   farmi   compagnia.
Nessun   altro.

Isabella    Scotti    maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   di   Paul   Verlaine


Ho  incontrato

per  caso,

un  giorno,

”Poesia”.

Con  semplicità

e  umiltà

si  è  avvicinata  a  me,

senza  orpelli  e  fronzoli,

muta,

e  a  lei  allora,

che   così   ascoltava,

mi  son  rivolta.

Nuda,

spoglia  d’ogni  pudore,

ho  cominciato

a  offrirle

i  miei  pensieri,

anche  i  più  sciocchi,

i  più

puerili.

Ma  mai

ho  ricevuto

rimproveri,

perchè

Poesia”

è  discreta,

ascolta  in  silenzio

tutto  quello

che  dico

a  voce  alta

e  poi  scrivo.

Così

di  colpo,

ho  capito ,

dopo  tanto  tempo

che  la  cercavo,

di  averla,

finalmente

 trovata:

è  lei

quel ”tesoro”  d’amica

che  mi mancava.

Isabella Scotti   novembre   2014

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questa  la  mia  umile  voce,  e  ora  lascio  il  posto  alla  sua ,  a  quella   di  un  grande  senza  tempo…

Accadde  in  quell’età…La  poesia

venne  a  cercarmi.  Non  so  da  dove

sia  uscita,  da  inverno  o  fiume.

Non  so  come  nè  quando,

no,  non  erano  voci,  non  erano

parole  nè  silenzio,

ma  da  una  strada  mi  chiamava,

dai  rami  della  notte,

bruscamente  fra  gli  altri,

tra  violente  fiamme

o  ritornando  solo,

era  lì  senza  volto,

e mi  toccava.

Non  sapevo  che  dire,  la  mia  bocca

non  sapeva  nominare,

i  miei  occhi  erano  ciechi,

e  qualcosa  batteva  nel  mio  cuore,

febbre  o  ali  perdute,

e  mi  feci  da  solo,

decifrando

quella  bruciatura,

e  scrissi  la  prima  riga  incerta,

vaga,  senza  corpo,  pura

sciocchezza,

pura  saggezza,

di  chi  non  sa  nulla,

e  vidi  all’improvviso

il  cielo

sgranato

e  aperto,

pianeti,

piantagioni  palpitanti,

ombra  ferita,

crivellata  da  frecce,  fuoco  e  fiori,

la  notte  travolgente,

l’universo.

Ed  io,

minimo  essere,

ebbro  del  grande  vuoto

costellato,

a  somiglianza,

a  immagine  del mistero,

mi  sentii  parte  pura

dell’abisso,

ruotai  con  le  stelle,

il  mio  cuore  si  sparpagliò  nel  vento.

Pablo  Neruda