Archivi tag: palpebre

Visualizza immagine di origine

artgeist.it

Brilla   la   luna   tra   il   vento   d’  autunno,

nel   cielo   risplendendo   come   pena   lungamente   sofferta.

Ma  non   sarà   il   poeta   a   rivelare

le   ragioni   segrete,   il   segno   indecifrabile

di   un   cielo   liquido   di   ardente   fuoco

che  annegherebbe   le   anime,

se   sapessero   il   loro   destino   sulla   terra.

La   luna   quasi   mano

divide   ingiustamente,   come   bellezza   usa,

i   suoi   doni   sul   mondo.

Guardo   pallidi   volti.

Guardo   fattezze   amate.

Non   sarò   io   a   baciare   il   dolore   che   nei   volti   si   mostra.

Solo   la   luna   può   chiudere,   baciando,

quelle   palpebre   dolci   che   la   vita   ha   stancate.

Quelle   labbra   lucenti,   labbra   di   luna   pallida,

labbra   sorelle   per   i   tristi   uomini,

sono   un   segno   d’  amore   nella   vita   deserta,

sono   il   concavo   spazio   dove   l’  uomo   respira

e   vola   sulla   terra   ciecamente   girando.

Il   segno   dell’  amore   nei   volti   amati   a   volte

è   solo   la   bianchezza   brillante,

la   dischiusa   bianchezza   di   quei   denti   che   ridono.

Allora   si   che   in   alto   la   luna   si   fa   pallida,

si   estinguono   le   stelle

e   c’è   un’  eco   remota,   uno   splendore   ad   oriente,

vago   suono   di   soli   che   anelano   ad   irrompere.

Quale   gioia,   che   giubilo   quando   il  riso   rifulge !

Quando   un   corpo   adorato,

eretto   nel   suo   nudo,   brilla   come   la   pietra,

come   la   dura   pietra   infiammata   dai   baci.

Guarda   la   bocca.   In   alto   diurno   un   lampeggiare

attraversa   un   bel   volto,   un   cielo   dove   gli   occhi

non   sono   ombra,   ciglia,   inganni   rumorosi,

ma   la   brezza   di   un’  aria   che   percorre   il   mio   corpo

come   un’  eco   di   giunchi   che   cantano   levati

contro   le   acque   vive,   fatte   azzurre   dai   baci.

Il   puro   cuore   amato,   la   verità,   la   vita,

la   certezza   di   un   amore   irraggiante,

la   sua   luce   sui   fiumi,   il   suo   nudo   stillante,

tutto   vive,   resiste   ,   sopravvive   ed   ascende

come   brace   lucente   di   desiderio   ai   cieli.

Ormai   è   soltanto   il   nudo.   Solo   il   riso   nei   denti.

La   luce,   la   sua   gemma   folgorante :   le   labbra.

E’   l’  acqua   che   piedi   adorati   bacia,

come   occulto   mistero   bacia   la   notte   vinta.

Ah   meraviglia   lucida   di   stringer   nelle   braccia

un   odoroso   nudo,   circondato   da   boschi !

Ah   mondo   solitario   che   sotto   i   piedi   gira,

ciecamente   cercando la   sua   sorte   di   baci !

Io   so   chi   ama   e   vive,   chi   muore   e   gira   e   vola.

So   che   lune   si   estinguono,   nascono,   vivon,   piangono.

So   che   due   corpi   amano,   due   anime   si   fondono.

trad.   di    M.   Vazquez    Lopez

Vicente   Aleixandre  

poeta spagnolo (Siviglia 1898-Madrid 1984). Come gli altri scrittori appartenenti alla “Generazione del ’27”, fu sensibile alle correnti estetiche di avanguardia e per molti aspetti la sua poesia può definirsi surrealista, sebbene l’entroterra culturale su cui si modella a sua esperienza sia la grande tradizione poetica di lingua spagnola, e in particolare Góngora e Rubén Darío. Nella sua ricerca Aleixandre tenta di trascendere il piano della coscienza per far emergere le possibilità espressive dell’inconscio, che si configura in una visione del mondo quasi panteistica, in cui la metafora accosta, attraverso immagini e contrasti, aspetti diversi della natura e dell’uomo: spesso le sue metafore alternano visioni fortemente pessimistiche ad analisi più tendenti alla fiducia nel progresso. Uno dei temi ricorrenti della sua poesia è il rifiuto ostile della città e la ricerca di un paradiso che è proiezione dell’infanzia. Fra le sue opere principali sono da ricordare: Ámbito (1928), Espadas como labios (1932; Spade come labbra), Pasión de la tierra (1935; Passione della terra), La destrucción o el amor (1935; La distruzione e l’amore), Sombra del Paraíso (1944; Ombra del Paradiso), Nacimiento último (1953), Historia del corazón (1954; Storia del cuore), En un vasto dominio (1962; In un vasto dominio), Poemas de la consumación (1968; Poemi della consunzione), Sonido de la guerra (1972), Poesía superrealista (1971), Diálogos del conocimiento (1974 e 1976; Dialoghi del conoscere), opera nella quale la poesia approda nell’ambito della riflessione filosofica intorno al tema della morte. Nel 1977 è stato insignito del premio Nobel per la letteratura. Pubblicazioni postume: Epistolario (1986), a cura di J. L. Cano e Nuevos poemas varios (1987; Nuove poesie).

da   Sapere.it


Quando  il  mio  amico  avvocato , al  quale  consegno  sempre ,  per tutelarmi  e  stare  tranquilla,  i  miei  scritti,  ha  letto  questo  mio testo,  è  rimasto  piacevolmente  sorpreso  da  cio’  che  aveva  davanti , facendomi  emozionare.  Ho allora  pensato ”  Stai  a  vedere  che ho scritto una  cosa  carina…” Facendo  affidamento  su  questo  spero  di  incontrare  anche  il  vostro  gradimento.  Un  abbraccio.  Isabella

Dedicato  all’amico Piero  :   http//Fotogrammi e Pentagrammi.wordpress.com//

 

foto dal web

Quando  quel  giorno  si  svegliò,   successe  una  cosa  strana.  Era  conscio  del  fatto  che  fosse  mattina  perchè  era  passato  dal  sonno  profondo,  a  quel  rivoltarsi  nel  letto  in  attesa  di  aprire  gli  occhi  definitivamente.  Ma  ahimè,  era  ancor  più  conscio  del  fatto   di  non  riuscire  in  una  mossa  del  tutto  naturale,  che  era  quella  di  alzare  le  palpebre,  perchè  le  stesse  sembravano  incollate,  misteriosamente,  senza  capacità  alcuna  di  compiere  il  proprio  dovere,    che  sarebbe  poi  quello  di  lasciare  l’occhio  libero  di  vedere.

All’inizio  fu  preso  dal  panico,  pensò  di  essere  diventato  cieco  per  sempre,  ma  poi  tutto  sfumò  in  una  nuova  consapevolezza,  e  piano  piano,  cominciò  a  sorridere.

Non  era  mai  stato  un  coraggioso,  e  in  effetti  affrontare  la  vita  ogni  giorno,  con  tutte  le  sue  incognite,  gli  sembrava  ormai   sempre  più  difficile.  Per  di  più  era  convinto  di  non  valere  molto,  e  spesso  sentiva  quasi  di  non  esistere.  Avvertiva  un  forte  disagio  in  mezzo  agli  altri,  come  si  trovasse  sospeso  in  un’altra  dimensione.  Così,  si  disse,  forse  era  giunto  il  momento  di  dare  una  spallata  a  tutti  i  suoi  problemi  e,   approfittando  della  situazione ,  lasciarsi  andare,    senza  più  dover  vivere  l’ansia  quotidiana.  Decise  d’ignorare  lo  strano  fatto  capitatogli  scegliendo  quindi   di  tornare  a  sognare ,   seguitando  a  fare,  quello  che   aveva  fatto  per  tutta  la  notte.

Sdraiato  sul  letto,  rimase  lì,  immobile,   dando  inizio  all’inseguimento  di   tutti  i  sogni  che  aveva  lasciato  a  metà.  In  fondo  era  quello  che  desiderava  da  sempre,  ignorare  il  presente  e  vivere  una  realtà  virtuale.  Così,  si  tranquillizzò,  e,  sorridendo  iniziò  il  viaggio  a  lungo  bramato.

Non  so  come  andò  a  finire,  ma  senz’altro,  quello  fu ,  per  lui,  semplicemente,   il  suo  viaggio  più  bello.

Isabella  Scotti

Ho  scritto  questo  post  dopo  aver  letto  un  articolo  di  Piero col quale  mi  scuso  per  non  ricordarne  il  titolo.  So  solo  che  mi  aveva  conquistata;   del  resto  ogni  suo  articolo  va  letto  perchè  ne  vale  troppo  la  pena.  I  suoi  scritti  sono  sempre  emozionanti,  romantici,  trovo  sia  molto  capace  di  parlare  al  cuore  delle  donne.  Conosco  e  apprezzo  molti  amici  scrittori,  ognuno  di  loro  sa  scrivere  molto  bene  e  Piero  non  è  da  meno . Leggetelo  e  ve  ne  renderete  conto. Grazie Piero.