Archivi tag: malinconia

Buongiorno   carissimi.   Oggi,   voglio   lasciarvi   in   compagnia   di   una   lettera   d’  amore,   una   poesia,   un   dipinto  e   accompagnarvi   per   mano,   facendovi   sognare ,  in   un   paese   che   sarebbe   forse   scomparso   per   l’ abbandono   di   tanti   suoi   giovani,    trasferitisi   per   lavoro   o   studio,   se   due   fratelli   col   loro   cugino   non   avessero   avuto   nel   2017   l’  idea   di   trasformarlo   ,   attraverso   murales   colorati,   nel   ”   paese   delle   fiabe   ”  :  Sant’ Angelo   di   Roccalvecce   in provincia   di   Viterbo,   poco   distante   dalla   famosa   Civita   di   Bagnoregio.  

Attraverso   foto   di   questo   paese,   rivivrete   l’  atmosfera   giusta   per   tornare   piccini.   Penso   che   oggi,   con   tutte   le   difficoltà   da   affrontare ,   possiamo   permetterci   di   dimenticarle   per   un   po’   sognando.   Non   siete   forse   d’   accordo   con   me   ?   Allora   si   comincia,   immergetevi   prima   nella   lettura   e   poi…

 

LETTERA   D’  AMORE

 

Visualizza immagine di origine

http://www.teoma.co.it

 

Come   sei   lontano   amore   mio.   Sei   partito   solo   da   pochi   giorni   e   già   mi   manchi,   terribilmente.  Vorrei   che   le   notti ,   senza   stelle,   non   mi   mettessero   troppa   paura.   E   invece   tremo   a   star   sola,   senza   te  .    Sarà   stata   la   pioggia   di   questi   giorni   a   mettermi   malinconia ,   ma   sapessi   che   vuoto   hai   lasciato.

Ogni   notte   chiudo   gli   occhi   per   vedere   te,   immaginandoti   qui   sdraiato ,  abbandonato   sul   cuscino,  io,   rannicchiata   tra   le   tue   braccia   a   cercare   le   uniche   labbra    che   voglio   e   so   baciare.   Mi   piace   la   nostra   intimità,    quello   stare   soli,   stretti,   anche   senza   parlare,   anche   senza   fare   all’ amore.   Mi   sento   sicura   con   te   al   mio   fianco,   e   più   posso   guardarti   mentre   piano   ti   addormenti,   confondendo   il   tuo   respiro   col   mio,   più   ti   amo,   con   dolcezza,   con   tenerezza.  

Anche   oggi   fuori   piove,   piccole   gocce   continue   imperlano   i   vetri.   Mette   una   tristezza    la   pioggia,   dovrei   uscire   ma   non   ne   ho   voglia.   Forse   più   tardi.   Preferisco   rimanere   qui   a   scriverti,  è   come   se   tu   mi   fossi   accanto ,   ti   sento   vicino.   Finirà   presto   questo   nostro   star   lontani ,   vedrai.

Aspetto   trepida   il   tuo   ritorno.   Stringerti   a   me   di   nuovo,   sarà   la   gioia   più   grande.   Ci   ameremo   fino   al   mattino.

Sono   qui,    caro,   torna

Sempre   tua   

Cristina

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   canzone   di   Giusy   Ferreri   ” Voglio   te ”

 

CHI   ERI   IN   REALTA’  ?

Visualizza immagine di origine

iltermopolio.com

 

Non   ho   risposta

e

non   mi   manca
quello   che   mostravi
di   essere,
mi   manca   quello
che   pensavo
tu   fossi.
Mi    sono   sbagliata,
ho   amato
un’  altra   persona ,
quella
che   non   eri   tu.
Che   delusione
per   me
comprendere
questo.
Quanto   voler  
apparire
in   te,
senza   in   realtà
essere.
E   io   stupida,
caduta
nel   tranello
di   una   sembianza
che   solo   
nella   mia   mente
esisteva.
A   ripensarci ,
avrebbe   potuto
essere  
un   grande   amore
il   nostro,
se   la   menzogna
non   avesse   avuto
il   sopravvento.
Ora
sono   qui
senza   te,
ho   aperto
gli   occhi,
rifuggo
ogni   meschinità,
ogni   falsità.

 

Isabella   Scotti   ottobre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questo   quadro ,  dove   Arianna   osserva   intorno   a   lei   la   natura   durante   una   gita ,   è   del   nonno   pittore ,  che   lo   ha   dipinto ,  riprendendo   il   tutto   dalla   foto   da   lui   scattata   alla   nipotina   durante   una   gita,   questa   estate.

 

E   ora   abbandoniamoci   al   sogno…

 

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

Foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea  Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto  di Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

Penso    che    avrete   riconosciuto   ”  Pinocchio  ”,   ”  La   piccola   fiammiferaia”,   ”   Peter   Pan   ”.   Un   mondo   fatato   che   sembra   davvero   a   portata   di   mano.   Un ‘   immersione   che   vale   la   pena   fare.   Ed   ora   qualche   scorcio   anche   di   Civita   di   Bagnoregio

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

E   qualche   micetto   senza   mascherina

foto   di   Andrea   Romani

foto   di   Andrea   Romani

 

Un   saluto   dal   fotografo

 

Alla   prossima   miei   cari.   Passate   una   buona   giornata   di   sole.

 


Cari   amici   vi   regalo   nell’ attesa   di   volare   in   Veneto,   qualche   poesia.   Baci   a   tutti   e   buona   primavera.

Ops ,   mi   sono   confusa,   è   ancora   inverno.

 

TRA  I   FIORI   DI   MAGGIO

 

Visualizza immagine di origine

lemiepiante.it

Nei   giardini
di   maggio
mi   perdo
tra   fiori,
che   si   svegliano
piano
al   sorriso
del   sole,
lasciandomi
dal   loro   profumo
inebriare.
E’  
nei   giardini
di   maggio,
che   vedo  
fiorire
le   rose.
Ma   come   mi   son   cari
i   fiori   di   ginestra
che   s’ aprono   lucenti
come   vena   d’oro,
quasi   gemme   di   luce.
Amo
sostare   pensierosa
nei   giardini
di   maggio,
perdermi
per   poi   ritrovarmi.

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

NON   MI   PIACE   LEGGERE   LETTERE

 

“Quasi non oso leggere le lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,
non resisto al dolore della lettura”

Franz  Kafka

 

Sì,
in   effetti
esse
sono   qualcosa
di   molto   strano.
Si   scrivono
parole
senza   poter
guardarsi
in   volto.
Siamo   lontani,
io   che   scrivo,
tu   che   ricevi
ciò   che   ti   invio.
Parole   che
scritte
possono  
anche   perdersi ,
non   solo
per   quanta   strada
a   volte  
si   trovano   a   fare,
per   giungere   a   destinazione.
Ma   anche
perdere   di   significato,
al   contrario
di   quelle   dette,
che   si   possono   spiegare,
a   lungo   discutere .
Ecco   perchè
“quasi   non   oso   leggere   le   lettere,
posso leggerle soltanto a intervalli,

non resisto al dolore della lettura”.
Ecco   perchè
preferisco   aspettare,
piuttosto   che   una   lettera
con   parole
che   mi   metterebbero
in   ansia,
ne   sono   sicura,
semplicemente
il   tuo   ritorno.
E   sperare   che
tu   mi   stia   pensando
con   la   stessa   intensità
con   la   quale
io   ti   penso.
Non   voglio   leggere
su   di   un   foglio
”   ti   amo ”
te   lo   voglio   sentir   dire.
   Solo   questo   conta
per   me.
Ti   aspetto.
Tutto   qui. 

Isabella  Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   dall’incipit   in   neretto   di   Kafka

 

RICORDI   D’  ESTATE

 

Ricordi

quando   con   la   bici

si   andava

spensierati

su   strade   sterrate,

facendo   a   gara

per   arrivare   primi

al   fienile?

Erano   i   tempi

in   cui   noi,

tanti   cugini,

ci   si   rincontrava

d’estate.

Eravamo   sempre  

felici   quei   giorni,

ci   sentivamo

liberi.

Il   fienile

era   la   nostra

tappa   finale,

e   il   nostro   rifugio

dove   attendere

la   fine   della   pioggia.

Ancora   è   lì   sai  ?

L’ ho   rivisto   da   poco

e   mi   ha    fatto

commuovere.

Sì,   ho   versato  

una   lacrimuccia,

quando   guardandolo

ho   rivisto   noi  

tutti   insieme.

Come   fugge   via

il   tempo,

portandosi   via

anche   chi

sarebbe   bello,

fosse   ancora   qui.

 

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie    Simona

 

INUTILMENTE

 

buttati come l’edera a nascondere un pozzo,
quando tutti sapevamo di che pozzo si trattava?”
Cesare   Pavese

Parole,
troppe,
inconcludenti.
Buttate   lì,
come   l’edera
a   coprire   un   pozzo.
Che   delusione
questo   vuoto
tra   noi.
Eppure,  
pur   sapendo,
abbiamo   cercato  
parole
che   riempissero  
quel   vuoto.
Dialoghi   ripetuti,
fino   alla   nausea
cercando   un   contatto.
Che   sciocchezza
crederci .
Quanta   ambiguità
nel   nostro   
nonrapporto .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   .   Copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Ispirata   ai   versi   di   Pavese

 

 

TRISTEMENTE

 

scatto   di   Andrea

Tristemente
lascia   piano  
che   cadano
i   suoi   petali.
Si   è   accorto
con   rammarico ,
che   ancora  
non   soffia ,
col   suo   tiepido   alito,
   Primavera .

Isabella   Scotti   maggio   2019

testo   :    copyright     legge   22   aprile   1941    n°   633

 

NESSUN   ALTRO

 

”   La malinconia
culla con dolci canti
il mio cuore in oblìo  ”

Paul Verlaine

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

Il   mio   cuore   è   in   oblio.
Ti   ha   dimenticato.
Ha   dimenticato
molte   cose
del   nostro   amore.
Più   non   vuole
ricordare.
E’   rimasta
solo
una   dolce  
malinconia
ad   allietare
le   mie   sere.
E’   quasi   un   canto,
una   melodia
   sussurrata
dalla   quale
mi   faccio   cullare,
quando   fuori
le   fronde
son   sferzate  
dal   vento,
quando   le   gocce
di   pioggia
battono   i   vetri.
Quando   il   freddo
mi   fa   tremare.
Solo   lei
è   rimasta
a   farmi   compagnia.
Nessun   altro.

Isabella    Scotti    maggio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Ispirata   dai   versi   di   Paul   Verlaine


Malinconia.

Quante   volte 

ti  ho  ascoltata

bussare  al  mio  cuore…

Quante  volte 

hai  cercato  di  possedermi…

Quante  volte

mi  sei  passata  vicina…

Eppure 

non  ho  aperto  a  te 

il  mio  cuore,

non  ho  ceduto 

alle  tue  voglie.

Ho  lasciato

che  passassi  oltre.

Ah,

che  sensazione

averla  vinta 

su   di  te

e  sorridere

di  nuovo,

risorgendo

alla  vita!

Isabella scotti

Dalla  mia  raccolta ”Riflessioni  e  ricordi  inattesi”

dedicata all’ amico poeta Massimo Botturi

Dopotutto  è  così  che  intendo  vivere ,  lontano  da  malinconie  anche  dopo tristezze  senza  fine, perchè  la  vita  ha  sempre da offrire  ed  io  voglio cogliere   ciò che  ci  dà  nel  bene  e  nel  male. Un  abbraccio  a  tutti.


Il  27  dicembre  mia  madre  ha  compiuto  80  anni.  E’  stata  una  bella  festa  organizzata  con  pranzo  ottimo  in  una  baita  suggestiva,  immersa  in  un  bosco,  poco  lontano  da  casa  mia,  dove  eravamo  tutti  riuniti,  io,  mio  fratello,  ciascuno  con  le  proprie  famiglie.  I  nipoti  le  hanno  fatto la  sorpresa  di  un  bel  backstage  di  foto  ripercorrendo  un  pò  della  sua  vita,  arrivando  fino  ai  nostri  giorni.  Tutto  bellissimo,  ma  in  me  è  tornata  un  pò  di  quella  malinconia,  che  da  tanto  mi  aveva  abbandonato,  osservando  proprio  quelle  foto.  Malinconia  che  mi  ha  turbato  nel  momento  in  cui  ho  rivisto  mio  padre.  E  in  un  attimo  ho  rivisto  un  altro  Natale,  e  mia  madre,  accostata  alla  finestra,  muta,  quasi  impietrita,  che  affogava  la  sua  solitudine  improvvisa,  in  un  pianto  sommesso.  Mio  padre  si  era  spento  il  26  settembre  a  62  anni,  lasciandoci  nel  buio  più  totale  e  facendoci  vivere  quel  lontano  Natale  con  una  grande  tristezza  nel  cuore. Mia  madre  aveva  all’epoca  55  anni  e  quella  morte,  non  calcolata,  ci  sconvolse.  Molte volte ho  dovuto  affrontare  problemi,  combattere  paure,  farmi  forza  davanti  a  delle  difficoltà  ma  la  malattia  e  la   morte  di  papà,  mi  colsero  impreparata  ad  affrontare un  dolore  che  era  il  più  grande  che  mi  ero  trovata a  dover  fronteggiare  nella  mia  vita  di  allora..  Ed  ecco  allora  che  l’unico  sbocco   di  salvezza  fu  per me ,  in  quel  momento,   la  preghiera.  Mio  marito  lavorava  in  quel  periodo  a  Napoli,  ed  io , con  i  miei  figli  che  avevano  cinque  e  nove  anni,  mi  dividevo  tra  il  portarli  a  scuola  la  mattina e  lo  stare  il  più  possibile   vicino  a  mia  madre  e  mio  padre  che  non  volevo  perdere ,   e  di  cui  non  accettavo  la  situazione.  Così   sbandata,  piena  di  paure,  sgomenta, ogni  sera  m’inginocchiavo  ai  piedi  del  letto  implorando  il  Signore  perchè  lo  salvasse.  Questo  dialogo  continuo  con  Lui,  fu  per  me  un’ancora  di  salvezza.  Perchè  mi  aiutò  a  gestire  meglio  il  dolore  che  provavo,  l’angoscia  che  cresceva.  In  realtà  avvertivo  sempre  una  specie  di  pugnalata ,  tutte  le  volte  in  cui i  medici  ci  dicevano che  la  malattia  proseguiva  senza  troppe  speranze. Non  volevo  e  non  credevo  di  poter  perdere  mio  padre,  al  quale  ero  molto  legata.  Non  potevo  perdere  la  sua  fantasia  creativa,  la  sua  pittura,  il  suo  saper  costruire  modelli di  navi  in  legno,  la  sua  risata  fragorosa  e  contagiosa. La  sua  forza  e  al  tempo  stesso  la  sua  fragilità,  quando  si  commuoveva  davanti  alle  cose  belle,  ad  un  film,  sentendo  musica  classica  o  giocando  con  i  suoi  nipoti. Tutti  noi  eravamo  distrutti.  Ed  io , solo  attraverso  la  preghiera,  riuscii  a  vincere  il  mio  dolore  e  quando  mio  padre  morì,  ebbi  la  certezza  che  si  fosse  salvato  come  avevo  chiesto. Se  ne  andò  infatti  non  in  maniera  traumatica  come  la  malattia  poteva  realizzare,  ma  perchè  il  suo  cuore  cedette improvvisamente.  In  quella  morte,  alla  quale  non  volli  assistere,  pur  correndo  in  ospedale  sperando  che  non  fosse  vero,  e  aspettando disperata   anche    mio  marito  che  tornava  da  Napoli  appositamente, ho  letto  la  risposta  del  Signore  al  mio  pianto e  lo  ringrazio  con  tutto  il  cuore  sapendo  che  anche  in  un’altra  terribile  circostanza  mi  è  stato  vicino.  So  che  qualcuno  dirà  che  così  doveva  essere,  che  quello  era  il  destino,  liberissimo.   Ma  io   credo  in  Lui  e  a  Lui  mi  affido.

Dal   Catechismo  della  Chiesa  Cattolica  –  Compendio

donato  alla  Chiesa Universale   da  Benedetto  XVI  ecco  un piccolo  dialogo  ideale  tra  maestro  e  discepolo,  forma   dialogica  che  riprende un  antico  genere   letterario  catechistico  fatto  di  domande  e  risposte  proprio  sulla  preghiera.

         ”  Perchè  è  efficace  la  nostra  preghiera?

La  nostra  preghiera  è  efficace,  perchè  è  unita  nella  fede  a  quella  di  Gesù. In  Lui  la  preghiera  cristiana  diventa  comunione  d’amore  con  il  Padre.  Possiamo  in  tal  caso  presentare  le  nostre  richieste  a  Dio  e  venire  esauditi:”  Chiedete  e  otterrete,  perchè  la  vostra  gioia  sia  piena”.   (  Gv  16,24)

” Vi  amo,  Signore,  e  la  sola  grazia  che  vi  chiedo  è  di  amarvi  eternamente.  Mio  Dio,  se  la  mia  lingua  non  può  ripetere,  ad  ogni  istante,  che  vi  amo,  che  il  mio  cuore  ve  lo  ripeta  tutte  le  volte  che  respiro”

san  Giovanni  Maria  Vianney