Archivi tag: Luca Marenzio

A   Lipsia   esiste   un   manoscritto   del   XV   secolo   dove   si   legge   la   parola  ”  sinfonia  ”   sopra   un   brano   ”  per   tuba   ed   altri   strumenti   armonici  ”.   La   stessa   parola   dopo   questa   prima   volta,   si   ritrova   in   Luca   Marenzio,   uno   dei   più   famosi   compositori   della   sua   epoca,  definito   ”  il   dolcissimo   cigno   italiano  ”.

da   Wikipedia

Egli   chiama   ”  sinfonie  ”   alcuni   intermezzi   strumentali   inseriti   in   opere   vocali,   apparse   nel   1589.   Anche   altri   maestri   del   XVII   secolo   usarono   tale   parola   per   indicare   composizioni   musicali.   Ad   esempio   Salomone   Rossi    ,   che    si   autodefiniva   l’ ebreo ,   e   di   cui   nulla   sappiamo   se   non   del   periodo   in   cui   servì   come   violinista   alla   corte   di   Mantova   dal   1587   al   1628 ,   pubblicò   nel   1607   un   volume   di   composizioni   strumentali   che  chiamò   ”  Sinfonie   e   Gagliarde  ”.    Il   significato   di   questo   secondo   termine   è   chiaro  :   così   si   chiama   una   danza,   detta   anche   ”  gaillarde  ”,   per   lo   più   allegra   che   nella   suite   seguiva   una   danza   in   tono   molto   solenne  o   una   pavana   ( La   pavana   è   una   danza  di   corte   in   metro   binario   e   di   andamento   moderato,   che   sostituì   nel   primo   quarto   del   XVI   secolo   la  bassadanza   e   che   ebbe   il   suo   periodo   di   splendore   nel   XVI  e   XVII   secolo e   anche   nel   XVIII   secolo.   La   pavana   è    la    danza    aristocratica    per   eccellenza   e  trionfa   in   tutte   le   corti   italiane   ed   europee:   si   tratta   di   una  sorta   di   passeggiata   cerimoniale,   cui   è   affidata   l’apertura   di   ogni   ballo   di   corte   e   può   persino accompagnare   l’ingresso   della   sposa  in   chiesa.  WIKIPEDIA )

Comunque   il   concetto   di   ”   sinfonia  ”   si   identifica   ancora   con   quello   di   semplice   brano   strumentale.    Si   tratta   di   brani   che   vengono   catalogati   come   antenati   della  ” sonata  ” .   In   seguito   dal   punto   di   vista   formale   esse   avranno   molte   cose   in   comune   ma   già   dai   loro   albori   sono   quindi   strettamente   legate.

Contemporaneo   di   Rossi,   fu   Biagio   Marini.    –  ( Compositore   e   violinista, nato a Brescia prima del 1597, morto a Venezia nel 1665. Probabilmente allievo di C. Monteverdi, fu, dal 1615 al 1618, violinista della cappella di San Marco. Nel 1620 è a Brescia, alla chiesa di S. Eufemia, nel 1622 alla corte di Parma e dal 1623 al 1645 al servizio del conte Palatino di Neuburg e Düsseldorf, nel quale tempo gli vengono largite lettere di nobiltà e la dignità di consigliere di camera. Più tardi lo troviamo a Ferrara e a Milano. È il primo violinista che si sia fatto un nome anche quale compositore di musica strumentale da camera. Si deve a lui la più antica Sonata “a violino solo” (pubblicata nel 1617), nella quale il violino è trattato polifonicamente e non ha bisogno di uno strumento accompagnatore.   di Fausto Torrefranca – Enciclopedia Italiana (1934) )

Svolse   la   sua   attività   presso   corti   principesche   italiane   e   tedesche   e   può   forse   essere   designato   come   il   primo   virtuoso   di   violino   e   autore   di   musiche   per   tale   strumento.   Il   suo   ” opus  I  ”   del   1617,   include   una   ”   sinfonia   breve  ”   e   il   suo   secondo   lavoro   porta   il  titolo   di   ”  Madrigali   e   Sinfonie”  ,   il   che   vuol   dire   semplicemente   che   trattasi   di   brani   in   parte   vocali   e   in   parte   strumentali.   Nella   storia   degli   albori   della   sinfonia,   si   potrebbe   anche   includere   ”   le   Sinfonie   Ecclesiastiche  ”   del   celebre   Adriano   Banchieri   .

”   Il compositore teorico e letterato Adriano Banchieri nacque a Bologna nel 1568.

Fattosi monaco olivetano, si dedicò assiduamente allo studio della teoria musicale e delle liriche, introducendo l’uso delle stanghette divisorie delle battute musicali nelle partiture di composizioni vocali e inventando, insieme con Orazio Vecchi, il cosiddetto “madrigale drammatico”, su soggetti comici.

Fu organista a Lucca e fondatore dell’Accademia dei Floridi. Fra i suoi trattati teorici vanno ricordate le Conclusioni, un’analisi degli strumenti, del tipo di musica e del ruolo dei musici nel suo tempo, e l’Organo suonarino, del 1605.

Tra i ‘madrigali drammatici’ risaltano invece Il festino della sera del giovedì grasso (1609), La pazzia senile (1598) e La saviezza giovanile (1607).

Per quanto riguarda la musica sacra da lui composta, sono giunti fino a noi i Concerti Ecclesiastici (1595) e una Messa solenne (1599) a 8 voci.

Da un punto di vista strettamente letterario di Banchieri è famoso il Cacasenno, in seguito aggiunto al Bertoldo e Bertoldino di Giulio Cesare Croce.

Morì a Bologna nel 1634.  ”

Note biografiche a cura di Maria Agostinelli.    (   http://www.liberliber.it   )

 

 

 

Ascoltando   le   ‘‘   Sinfonie   ecclesiastiche  ”,   constatiamo   come   nell’accezione   dell’epoca   il   significato   della   parola   ”   sinfonia  ”   fosse   più   o   meno   quello   di   ”   pezzo   per   strumenti  ”  ;   nello   stesso   senso   erano   usati   i   termini   ”  sonata  ”   e   ”  toccata  ”,   entrambi   di   identica   origine,   perché   sia   l’uno   che   l’altro   termine   stanno   a   significare   semplicemente   ”   brano   da   suonare  ”   e   quindi   musica   strumentale,   contrapposta   a   ”   cantata  ”,   cioè   musica   vocale.   A   tale   proposito   va   notato   che   i   compositori   italiani   d’ opera   del   XIX   secolo,   Rossini,   Donizetti,   Bellini   e   perfino   Verdi ,   chiamavano   sempre   e   comunque   sinfonie   i   brani   introduttivi   dei   loro   lavori   teatrali   (   che   altrove   da   lungo   tempo   erano   definiti   ouvertures   o   Vorspiele  )   e   ciò   in   un   periodo   in   cui   tale   parola   aveva   ormai   acquistato   nella   morfologia   musicale,   un   ben   preciso   significato.

La   sinfonia,   quale   oggi   la   intendiamo,   andò   prendendo   forma   solo   intorno  ala   metà   del   XVIII   secolo.   Coloro   che   per   primi   se   ne   servirono   sono   quasi   sconosciuti   al   grande   pubblico   e   di   essi   si   occupano   ormai   solo   gli   studiosi.   Ben   presto   però   si   formò   quella   che   si   potrebbe   definire   la   prima   ”  generazione   di   classici  ”,   i   primi   cioè   compiuti   creatori  :   Haydn   e   Mozart,   con   mezzi   incredibilmente   poveri,   costruirono   un   nuovo   edificio    sonoro.   In   poche   decine   d’anni   si   giunse   al   titano   che   mandò   in   frantumi   le   norme   da   poco   stabilite,   per   trasformare   in   musica   le   esperienze   del   proprio   cuore   :   Beethoven,   di   cui   racconto   qualcosina   in   altri   miei   post.  Poco   dopo   Schubert ,   un   giovane   del   tutto   inadatto   alla   vita,   solo   e   senza   appoggi,   saprà   trasfondere   nelle   sue   melodie   i   dolori   ineffabili   e   le   lacrime   non   piante.

 

 

 

A   questo    punto   la   sinfonia   diviene   specchio   del   periodo   romantico,   del   secolo   XIX,   col   quale   giungerà   a   termine   un   lungo   periodo   storico  :   sorgerà   una   nuova   era,   i   cui  principi,   la   cui   tecnica,   il   cui   spirito   di   collettivismo,   il   cui   materialismo   apriranno   orizzonti   assolutamente   nuovi   al   regno   dell’arte.

La   sinfonia,   riflette   gli   slanci   romantici,   i   dissidi   dell’anima,   la   profonda   fede   e   il   tacito   dolore;   canta   il   primitivo   contatto   con   la   natura   e   innalza   lo   spirito   verso   mistiche   altezze.   Essa   sviluppa   l’  antica   aspirazione   ad   una   forma   chiara,  quasi   classica,   in   se   stessa   valida,   introducendo   anche   parti   descrittive,   programmatiche,   pittoriche.

 

Fonte   –   Storia   della   musica    La    Sinfonia    –   Kurt   Pahlen