Archivi tag: gambe

Dolomiti    –     foto   Andrea   Romani

 

Incerta,

a   fatica ,

 proseguo  

il    cammino ,

altro   non

posso   fare.

Lascio

che   il   vento

asciughi

le   mie   lacrime

una   ad   una,

ma   subito  

riscendono  

copiose ,

senza   freno ,

mentre

affondano

nel   mare

dell’  assurdo

tutti   i   miei   perché.

M‘ interrogo,

non   ho   risposte,

vorrei   capire

ma   non  c’ è   modo

di  trovare   spiegazione.

E   allora

ogni   giorno

diventa   uguale

all’  altro.

Fintanto

che   la   spada

che   trafigge  

il   mio   cuore,

non   cadrà,

circolerò

ombra

di   me   stessa,

facile   preda,

ancora   una   volta,

di   un   dolore

che   spezza

le   gambe.

 

 

Isabella   Scotti      11   settembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Caro   Ricky   è    già   passato   un   mese   senza   te.    Ci   hai   lasciato  così   in   fretta   che   ancora   ci   guardiamo   attorno   senza   capire.   Ma   in   fondo   nulla   c’è   da   comprendere,   solo   accettare.   Sei   in   noi   sempre   e   per   sempre,   sei   assenza   diventata   presenza   continua.   Oggi   ricordare   quel   giorno   d’  agosto   fa   male,   troppo   male.   Aspetto   che   il   tempo   ci   dia   una   mano,   che   ci   aiuti   a   sopportare   il   fatto   di   non   vederti   più,   di   non   poter   più  ridere   con   te .   Dicono   che   il   tempo   sia   galantuomo,   che   medica   ogni   cosa ,   che   in   fondo   bisogna   solo   attendere.   Voglio   crederlo,   anche   se   sono   sicura   che   lunga   sarà   l’  attesa.

 

 

 

Questa   canzone   ti   ha  accompagnato   mentre   i   tuoi   amici   ti   portavano   sulle   spalle   per   farti   fare   ”  meta  ”   un’ ultima   volta  .  Te   la   dedico   di   nuovo.   Con   tanto   amore

tua   zia   Isabella

 

Quando   Ricky   se   n’è  andato   ho   già   detto   di   quanta   gente   sia   venuta   al   suo   funerale.   Tanti ,   di   quella   gente,   erano   suoi   amici   rugbisti,   colleghi   sportivi ,   e   amici   di   sempre.   Mio   fratello   li   ha   voluti   ringraziare   con   queste   parole   che   voglio   farvi   conoscere.   Lo   faccio   ora  ,   a   distanza   di  un   mese,   perché   la   troppa   emozione,   il   troppo   dolore   non   mi   hanno   permesso   di   farlo   prima.   Ecco   le   sue   parole

 

Cari amici di Riccardo, cari amici del Rugby,  non so come potrete comunicarlo agli altri, qui siete voi gli specialisti, ma volevo trasmettere un mio ringraziamento proprio a tutti voi.
Grazie perché non vi siete fermati alle parole, ma avete prodotto fatti tangibili, manifestando al di fuori, quello che era nel vostro cuore.
Qualcosa che ho sempre voluto trasferire a Riccardo: impegnarsi per gli altri, credere nell’amicizia senza secondi fini, senza la ricerca di alcun tornaconto ma mettendo al primo posto la lealtà, l’onore, l’amicizia, il cuore, ma anche l’organizzazione, l’impegno e la tenacia nel conseguire e realizzare un progetto.
Grazie perché anche tutti voi avete fatto proprio questo: partire dalle cose più piccole anche semplici ma che poi messe insieme, diventano grandi come siete riusciti a fare voi.
Veramente un qualcosa di  GRANDE come è stata la commemorazione ed il saluto di oggi a Riccardo.
Concludo nel dirvi che visto che anche voi avete realizzato concretamente quei consigli e quelle indicazioni che ho cercato di trasferire a Riccardo considererei un pezzetto di voi come se foste miei figli e quindi dei veri fratelli di Riccardo.
Lo avete conosciuto tutti, pensate che a tre anni si è buttato dalla finestra per fare Superman, voleva imparare a volare.
Ora ci è riuscito, è volato in cielo.
GRAZIE A TUTTI VOI
SCOTTI SENIOR
Frascati 14/08/2020
ovviamente   la   finestra   non   era   altissima

Sandrone  era  un  personaggio.  Uno  di  quei  tipi  un  pò  strani  ma  in  definitiva  innocui , che  popolano  spesso  i  paesi, e  che  proprio  per  questo  sono  conosciuti  da  tutti.  Alto  sul  metro  e  ottanta  o  qualcosina  in  più (  non  sono  molto  brava  con  le  altezze ),  prestante,  col  fisico  di  un  atleta,  Sandrone  amava  fare  il  vigile.  Ma  non  lo  era  realmente,  e  neanche  lo  interpretava  vestendosi  in  maniera  adeguata   usando  una  divisa,  come  tutti  possono  immaginare  vestito  un  vigile,  come   Alberto  Sordi  nell’omonimo  film.  No,  la  sua  particolarità   risiedeva  nel  fatto  di  utilizzare  gli  abbigliamenti  più  stravaganti  assieme  alle  pose   che  lo  rendevano  unico.  Lo  si  poteva  incontrare,  all’improvviso,  in  mezzo  alla  strada  con  indosso  un  lungo  pastrano   dai  bottoni  dorati,  lungo  fino  ai  piedi.  A  gambe  larghe,  usando  le  mani  a  mò  di  paletta,  fermava  le  macchine    per  farne  passare  altre.  e  chi  non  lo  conosceva  poteva  anche  pensare  che  fosse  lì  appositamente.  A  volte,  si  vestiva  tutto  elegante,  camicia  bianca  e  vestito  scuro.  Oppure  solo  con  i  pantaloni  e  a  torso  nudo  quando  era  caldo  o  a  volte,  anche  sotto  la  pioggia.  Non  si  metteva  mai  allo  stesso  posto,  anzi  amava  spostarsi  continuamente  tanto  che  lo  si  poteva  incontrare  nei  luoghi  più  disparati   quando meno  te  lo  aspettavi.  Aveva  occhi  grandi  e  magnetici.  Non  l’ho  mai  visto  ridere,  sempre  serio  camminava  con  un’andatura  pesante,  forse  per  la  sua  stazza  chissà,   ma  sicuramente  per  quello  era  chiamato  Sandrone  e  non  con  il  suo  vero  nome  Alessandro.

Bè,   se  n’è  andato  all’improvviso,  pare  per  un’infezione,  a  soli  46  anni.  Mancherà  a  tutti,  ne  sono  sicura.  Quei  suoi  occhi,  i  capelli  lunghi,  un  pò  riccioluti,  la  sua  serietà.  Un  gigante  buono.

Ciao  Sandrone,  ci  rivedremo.