Archivi tag: fratelli

Carissimi,   finite ,   sono   le   vacanze.   Visto   che   ho   un   mare   di   cose   da   fare,   per   non   farvi   rimanere   troppo   in   attesa   del   mio   resoconto   a   riguardo,   che   arriverà   appena   potrò   scrivere,   voglio   lasciarvi   lo   stesso   qualcosa.   Poesie   come   sempre ,   tanto   per   ricordarvi   di   me.   Vi   lascio   anche   però   un   grande   abbraccio   e   se   riuscirò   a   trovare   un   po’   di   tempo,   risponderò   a   chi   ha   lasciato   traccia   del   suo   passaggio   qui.   Auguro   a   tutti   una   buona   lettura   per   chi   vorrà   leggere   e   commentare.   Grazie.   La   vostra   Isabella

 

ORRORE   E   MORTE

 

Fumo   acre.
Puzzo   di   morte.
Sangue,
ancora   innocente
   bagna,
allargandosi
a   dismisura,
il   suolo   benedetto.  
Qualcuno
miracolosamente   salvo,
seppur   ferito,
cerca,
sconvolto,
tra   i   corpi
dilaniati
i   propri
  figli,
altri
le   mogli,
i   mariti,
i   fratelli,
gli   amici,
e   non   sa   darsi   pace.
C’è   
in   tutto   questo
orrore
un   ripetere
ossessioni,
una   follia   di   base
incomprensibile.
Sogni   infranti,
preghiere
messe   a   tacere
per   sempre.
Resta  
il   pianto   irrefrenabile
assieme
ad   una   sola   domanda :
perché  ?

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dedicato   alle   povere   vittime   cristiane   fatte   saltare   in   aria   nello   Sri   Lanka

 

AD   UN   TRATTO

 

Visualizza immagine di origine
hdwallpaper.nu

Mi   farò   analizzare
per   capire
il   perchè
di   questo   amore.
E’   arrivato
e   non   lo   aspettavo.
Come   uno   tzunami
ha   coperto
ogni   lembo
del   mio   cuore.
E   ora   per   me
è   una   tempesta
anche   la   tua   dolcezza .
Che   strano  
questo   sentimento…
è   arrivato
ed   io,
che   non   volevo   vivere
storia   alcuna,
mi   sono   vista
all’improvviso
cedere
alle   sue   voglie.
Oh   amore,
grande,
dolce,
irripetibile. 

Isabella  Scotti   aprile   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto  –   Eugenio   Montale   –   Ossi   di   seppia

 

 

Non sono geloso, sono solo”

 

Henry   Miller   a   Anais   Nin

 

Dove   sei  ?
Dove   sei   finita?
Mi   manchi
da   morire.
Tu   sai
che   senza   te
potrei   morire.
E’   assurdo
ma   è   così.
Ho   sperimentato
con   te
l’   inesprimibile.
E   la   tua   mancanza
è   ora  per   me
dannazione.
Mai   vorrei
pensarti  
con   un   altro.
Ma   bada,
non   sono   geloso,
sono   solo,
disperatamente
solo.

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Immaginando   Miller   solo   con   i   suoi   pensieri ,  rivolti   ad   Anais

 

Un   giorno,

quando   avrò

valicato

quella   sponda,

avrò   modo

di   sostare   un   po’,

finalmente ,

lassù,

su   quelle   vette,

dove   le   mie   gambe,

   in   vita,

non     sanno

arrivare.

So   che

sarà   bellissimo,

io

  confusa

con   l’infinito.

 

Isabella   Scotti   marzo  2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   a   Simona   Scola

 

 

Annunci

Il  nome  di  questo  mese  ha  un’origine  incerta.  Antichi  scrittori  hanno  supposto  che  derivasse  da  Maja,  la  madre  di  Mercurio,  a  cui  i  Romani  erano  soliti  sacrificare  nel  primo  giorno  del  mese.  ”May-  day”  è  il  nome  dato  in  Inghilterra  al  primo  giorno  del  mese,  quando  in  passato,  la  gente  usciva  per  le  strade,per  dare  il  benvenuto  alla  primavera.  Le  ”regine  di  maggio”  e  i  ”maio”,  o  pali  di  maggio,  ornati  di  fiori  erano  un  tempo  comuni  in  tutto  il  paese.  L’ultimo  maio  eretto  in  Londra,  venne  demolito  nel  1717.  Nel  calendario  romano  questo  mese  è  dedicato  a  Maria.

Enciclopedia  britannica

Detti  del  mese:

”  Chi  toglie  il  mantello  in  un  giorno  d’inverno,  lo  rimetterà  in  maggio  e ne  sarà  contento.”

 

”Che  la  sorte  sia  buona  o  che  sia  ria,  le  fave  fioriscono  prima  che  maggio  vada  via”

 

”Tosate  in  maggio  il  vostro  gregge  e  continuate  a  farlo  d’allora  in  poi”

 

L’angolo  della  poesia

Maggio

Poi  veniva  la  fata  di  maggio,  

la  più  leggiadra  fanciulla  in  terra,

adorna  d’ogni  eleganza,  

vanto  della  sua  stagione,

e  dal  grembo  spargendo  fiori,

la  portavano  a  spalla  due  fratelli,

i  gemelli  di  Leda :  uno  per  lato,

la  sorreggevano  al  par  di  regina.

Signore!  Come  risero  al  vederla  le  creature,

e  saltavano  e  danzavano  quasi  rapite  in  estasi!

E  Cupido  stesso,  tutto  in  verde,  le  svolazzava  attorno.

Spenser

 

Canzone  scozzese

”  A  me  di  gran  lunga  più  graditi,  i  fiori  di   ginestra

Che  sboccian  così  lucenti  sui  colli  di  Cowden

E  son  certo  che  mai  altrove  potrà  crescere

Un  fiore  così  bello,  un  fiore  così  dolce”

 

 

I  Gallesi  talvolta  chiamano  questa  pianta  ”  Melynog- y- waun”,  ”Cardellino  dei  prati”.  Detta  in  passato  ”  Planta  Genista”  è  stata  il  simbolo  di  una  lunga  stirpe  di  re  inglesi,  i  Plantageneti.

Se  cliccate su  google ” foto di ginestra  dei  carbonai”  troverete delle  immagini  splendide  tra le quali  una  foto  anche  della  nostra  amica  Marisa ( blog  laprofonline).