Archivi tag: fiore

Foto   Andrea   Romani

Umbria-   foto   Andrea   Romani

 

L’afa   assale   la   terra   già   all’alba.

Sembra   che   nasca   anche   dal   suolo   e   bruci

l’aria   e   l’asfalto   delle   vie   che   si   scioglie

come   liquirizia,   e   manda   odore   d’arsura

dovunque   e   verso   il   cielo   non   più   azzurro.

Intorno,   a   perdita   d’occhio,   è   tutto   secco,

e   l’erba   sulle   scarpate   e   lungo   i   fossi

aspetta   solo   una   scintilla   dalla   pietra

ustoria   per   incendiare   la   pianura.

Anche   il   rivo   delle   lavandaie

che   d’inverno   straripa   e   allaga   gli   orti,

ora   è   asciutto   e   mostra   il   greto   nudo,

desolato   e   osceno   come   un   vecchio   sesso.

Così   la   canicola   consuma

il   cuore   invisibile   dei   giorni

e   il   paesaggio   fino   all’orizzonte,

dove   il   sole   accecante   crea   i   suoi   miraggi.

Nella   distesa   dei   campi   mietuti

resiste   soltanto   la   gentiana   verna, ( * )

il   piccolo   fiore   azzurro   delle   stoppie.

Morirà   nel  suo   mare   d’oro   con   l’estate

sola   con   se   stessa   come   visse,

sotto   il   cielo   nuovo   delle   piogge.

 

Antonio   Seccareccia    (da  ” La  Memoria   Ferita ” )

 

La genzianella di primavera o genziana primaticcia (Gentiana verna )   è   una   pianta   perenne   appartenente   alla   famiglia   delle   Gentianaceae   diffusa   in   Eurasia   e   Nordafrica  .   Il   nome   del   genere   Gentiana ,  deriva   da   Gentius,   re   dell’   Illiria,   a   cui   tale   pianta   è   dedicata,   essendo   stato   il   primo   ad   utilizzarla   a   scopo   medicinale.   L’   aggettivo   latino   verna,   significa   ”  primaverile  ”  

Wikipedia

 

Acrostico   –   Settembre

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani  –    Fonti   del   Clitunno   –  Umbria

 

S   on   ricordi  indelebili  e   tristi  quelli   che   restano   di   una

E   state  passata

T   ra   speranze  e

T   anta  angoscia

E    ora   che   nonostante   tutto ,  giunto   è   questo   nuovo

M   ese    ricco   di   date   per   me   importanti

B   ramo   che   un   po’   di   quiete

R    aggiunga   il   mio   cuore

E    ad   essa   mi   possa   abbandonare

 

Isabella   Scotti   settembre   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Foto   Andrea   Romani

Foto   Andrea   Romani


NON  C’E’  ALCUN  FIORE ,  IN  NESSUN  GIARDINO  DEL  MONDO,  BELLO  COME  UN  BAMBINO  SEDUTO  SULLE  GINOCCHIA  DELLA  MADRE.   NEL  CIELO CI  SONO  STELLE  SPLENDENTI, SUL  FONDO  DEI  MARI  PERLE  MERAVIGLIOSE,  MA  LA  BELLEZZA  DEL  MONDO  E’  NEL  SORRISO  DEI  BAMBINI.

ROMANO  BATTAGLIA

Oggi  la  vita  mi  ha  fatto  un  regalo.  Il  25  aprile  2015  è  stato  per  me  un  giorno  di  una  tristezza  infinita.  Perchè  quel  giorno   il  Nepal  è  stato  sconvolto  da  un  terremoto  .  Un  evento  naturale  che  fa  paura,  sempre,  che  non  è  prevedibile  e  che  lascia  dietro  sè    morte  e  distruzione. Così  è  il  terremoto:  terrificante.   Bè,  quel  giorno  ho  pianto  non  solo  per  tutti  coloro  che  rimasti  senza  niente,  disperati  per  aver  perso  tutto,   aggrappati  alla  speranza  di  poter  in  qualche  modo  ricominciare  e inventarsi  una  vita,  hanno  dovuto  farsi  forza,  e  superare  dolori  indicibili  sia  fisici  che  psicologici,   ma  perchè  ho  ricevuto  la  notizia  che  più  nulla  si  sapeva  della  mia  bambina  Sharmila.   L’associazione  che  si  occupa  delle  adozioni  a  distanza ha  cominciato  col  dire  che  avremmo  dovuto  aspettare  un  mese  e  più  per  avere  certezza  di  qualcosa.  Che  i  collegamenti  erano  giustificatamente  interrotti  e  che  ci  voleva  molta  pazienza.   Del  resto  Katmandù  era  rimasta  duramente  colpita.  E  Sharmila  era  proprio  lì.  Andava  a  scuola  lì.  Oggi  sono  felice.   Perchè  oggi  è  arrivata  la  splendida  notizia.  E’  salva  con  tutti  i  suoi  cari.   La  scuola  non  c’è  più  ma  lei  è  viva.  Nell’apprendere  ciò  ho  avuto  un  tuffo  al  cuore,  e  una  gioia  infinita si  è  impossessata  di  me.  Per  questo  voglio  dedicare  a  lei  e  a  tutti  i  bimbi  del  Nepal  questa  piccola  cosa  sperando  che  il  sorriso  torni  presto  sul  loro  visetto.

 

Sorrisi  di  bimbi

 

I  bambini  piccoli

quando  ridono,

ridono  di  cuore.

Il  loro  riso

è  coinvolgente.

Possono  ridere

all’improvviso

per  una  sciocchezza

e  noi,

guardandoli,

non  facciamo  altro

che  ridere  con  loro.

Possono  essere  europei,

africani,  cinesi

il  loro  sorriso

conquista  sempre.

Perchè  sono  belli

quando  ridono.

Paffuti,  mingherlini

sono  sempre

spontanei.

Non  conoscono

le  maschere

che  spesso  noi  adulti

 indossiamo.

Se  si  potesse

tutti

rimanere  bambini

forse  il  mondo

avrebbe  altri  colori:

tinte  pastello

delicate,

rosa,  celeste,  verdino

dipinte  ad  ogni  angolo !

 

Isabella  Scotti

 

 

 

 


  Si  è  tanto  scritto  sugli  animali  cosiddetti  ”malati  d’uomo”:  il  gatto.  il  cane,  certi  volatili.  Ebbene  anche  i  fiori,  certi  fiori,  vivono  l’estasi  di  una  simile  amorosa  malattia.

Sembrano  spuntare  per  un  omaggio  di  sintonia  e  complicità  con  noi,  in  attesa  delle  punte  delle  dita  che  li  accarezzino,  di  un  gesto  che  li  doni.

I  fiori  ”  malati  d’uomo”  sono  piccole  divinità  della  religione  naturale. ”

Alberto  Bevilacqua

 

L’angolo  della  poesia

 

Fiore  di  montagna

 

Dopo  lunghe  salite

ti  vedo,

là  sulla  roccia,

aggrappato  alla  terra,

arida  e  dura.

Piccolo  fiore  rosa,

rododendro  vigoroso,

forte  e  resistente

sparso  qua  e  là

per  regalare  un  sorriso

a  chi  salendo,

con  fatica,

si  trova  dinanzi

uno  scenario

di  pietre  levigate,

dai  contorni  spigolosi,

appuntiti.

Dolce  rododendro,

fiore  di  montagna,

unico  tocco  delicato,

in  un  deserto  calcareo

roso  dall’acqua

e  inasprito  dal  vento.

Isabella  Scotti

dal  mio  libro  ”Miscellanea…”’

04rododendri_rocce_montonate8263.JPG (708×600)

foto :  tapazovaldoten altervista org- 708-600


Vergine  madre,  figlia  del  tuo  figlio,

umile  e  alta  più  che  creatura,

termine  fisso  d’eterno  consiglio;

Tu  se’  colei  che  l’umana  natura

nobilitasti  sì,  che’l  suo  fattore

non  disdegnò  di  farsi  sua  fattura.

Nel  ventre  tuo  si  raccese  l’amore

per  lo  cui  caldo  nell’etterna  pace

così  è  germinato  questo  fiore.

Qui  se’  a  noi  meridiana  face

di  caritate,  e  giuso,  intra  i  mortali,

se’  di  speranza  fontana  vivace.

      Donna,  se’  tanto  grande  e  tanto  vali,

che  qual  vuol  grazia  ed  a  te  non  ricorre,

sua  disianza  vuol  volar  sanz’ali.

La  tua  benignità  non  pur  soccorre

a  chi  domanda,  ma  molte  fiate

liberamente  al  dimandar  precorre.

In  te  misericordia,  in  te  pietate,

in  te  magnificenza,  in  te  s’aduna

quantunque  in  creatura  è  di  bontade.

Dante  Alighieri

 

Vergine  Madre  è  ripresa  dalla  ”Divina  Commedia”  (  Paradiso   XXXIII, 1-21 ).  Si  tratta  della  prima  parte  della  preghiera  che  San  Bernardo  innalza  alla  Vergine  perchè  Ella  con  la  sua  intercessione  ottenga  a  Dante  la  visione  di  Dio  e  dei  supremi  misteri.  Il  brano  scelto  è  un’elevata  espressione  di  lode,  in  cui  Maria  viene  esaltata  come  la  più  alta  tra  le  creature,  destinata  ad  essere  madre  di  Gesù,  mediatrice  universale  di  grazia,  e  di  salvezza.  Composta  secondo  l’arte  retorica  di  cui  Bernardo  era  ritenuto  maestro,  in  un  linguaggio  denso  pur  senza  sfoggio  di  dottrina,  la  preghiera,  con  felice  gioco  di  antitesi,  raccoglie  motivi  e  formule  della  letteratura  mariana  di  tradizione  biblica  e  liturgica:   vergine- madre,  figlia- figlio,  umile- alta…L’edizione  italiana  della  Liturgia  delle  Ore (  1974)  ha  collocato  questo  brano  come  inno  nell’Ufficio  delle  Letture  del  Comune  della  Madonna .  Per  la  prima  volta  un  testo  poetico  di  Dante  entra  nella  preghiera  liturgica.

 

Buona festa dell’Immacolata a tutti cari amici.  Isabella

 


Il titolo che ho voluto dare a questo post è ciò che provo constatando con tristezza da quanto tempo ormai assistiamo a tragedie immani, allagamenti, frane, in questa nostra terra italiana. Tragedie annunciate ma sistematicamente ignorate. E una cosa che mi chiedo è questa : perchè i telegiornali non fanno altro che servizi chilometrici, intervistando quotidianamente chi ha perso tutto , case, affetti, dopo che succede un disastro  e non prima, per documentare situazioni drammatiche già in atto che appunto perchè documentate potrebbero essere evitate? Perchè non si va prima nelle zone a rischio, di cui senz’altro i giornalisti sono bene informati  invece di fare dopo sensazionalismo  sfruttando  e usando per il proprio tornaconto il dolore di famiglie sfortunate? Una volta esisteva il ”giornalismo d’inchiesta” al quale poter attingere e studiare situazioni  complicate. Non voglio qui occuparmi di chi debba farsi carico affinchè tali tragedie  (  vedi in  Sardegna, nelle Marche in Abruzzo, senza dimenticare  la tragedia poi di  Prato, città di cui si sapeva da quel dì che fosse piena di cinesi lavoranti in nero)  non succedano più, voglio solo dire che detesto questa ipocrisia italiana dove tutti si scandalizzano sempre dopo che succede il danno. A tale proposito voglio postare una lettura trovata in un testo ”scolastico” per la scuola elementare del 1968, testo in cui si parlava di educazione civica dal titolo ”Lavoriamo insieme”. Mi è molto piaciuta e dimostra che forse allora nella scuola si tentava di dare indicazioni per una vita responsabile e cosciente. Se poi l’uomo non ha saputo fare proprie certe istanze è solo colpa sua.

”Gli alberi, poesia della terra”

Essi sono più buoni degli animali e degli uomini. Essi non sanno che donare : il fiore e il frutto; l’ombra e il riparo, e il colore e il profumo. Essi non domandano che un poco di rispetto e di amore. Uniti in macchie e foreste, assumono la bellezza di un miracolo, la forza di un esercito, la saldezza di un baluardo. Con le radici trattengono i terreni in pendio e ne impediscono le frane; coi fusti oppongono schermo alle furie dei venti e barriere al crollare delle valanghe; coi balsami che sprigionano da foglie e da resine, essi risanano l’aria e sventano l’insidia del male. Così la voce della poesia li benedice, e ne esalta le docili trasformazioni nelle cose buone e utili dell’uomo : ” Siate voi benedette, o foreste, che date i legni odorosi alle cose più sante della vita : le arche delle massaie, i banchi della scuola, i balocchi per i nostri fanciulli, i cavi strumenti per il suono, le navi che solcano il mare, le culle, le bare, la croce a piè della quale, ogni alba e ogni sera, diamo un’ala e una voce all’anima, nella preghiera. ”

L. Orsini