Archivi tag: amici

Eccomi   qua   carissimi.   Siete   curiosi   ?   Spero   di   si.   Sono   sicura   che   se   dite   di   sì,   non   ve   ne   pentirete.

Allora   seguitemi   in   un   itinerario   che   vi   conquisterà   per   scorci   pieni   di   fascino,   interessanti ,   merito   di   una   terra   che   amo   profondamente  :   il   Veneto.   Io   sono   nata   a   Roma   ma   ho   sempre   detto   che   le   mie   origini   sono   venete.   Precisamente   i   miei   genitori   sono   nati   entrambi   a   Nove,   in   provincia   di   Vicenza,   a   circa    4   chilometri   da   Bassano   del   Grappa  .   Per   lavoro   mio   padre  si   trasferì  da   giovane   a   Roma,   e   con   mia   madre   lì   rimase  fino   ai   miei   5   anni   e   ai   3   di   mio   fratello,     quando   tutta   la   famiglia   andò   a   finire   a   Frascati,     vivendoci   fino   ad   oggi.   Per   quanto   la   mia   vita   si   sia   svolta   tutta   qui,   sono   sempre   tornata   con   piacere   nei   luoghi   d’ infanzia  dei   miei   genitori,   in   una   terra   alla   quale   mi   legano   ricordi   e   legami   di   famiglia.  Così   anche  a   Pasqua.   Il   viaggio ,  secondo   l’ itinerario   progettato   da   mio   figlio,   ha   compreso   come   prima   tappa   Treviso,   il    Monte   Grappa   e   Bassano,   Castelfranco   Veneto,   Tezze   sul   Brenta,   dove   risiedono   gli   unici   cugini   rimasti   di   mio   padre,   Cittadella,   Marostica,   e   al   ritorno   verso   casa,   Arquà   e   Montagnana.

Vi   dico   subito   che   parlare   di   ogni   luogo   porterebbe   via   troppo   tempo.   Lascerò   quindi   parlare   le   foto   di   mio   figlio   con   ovviamente   qualche   doveroso   commento   e   probabilmente   questo   post   sarà   la  prima   parte   di   un   viaggio   che   è   stato   bellissimo   non   solo   per   le   ragioni   del   cuore,   ma   perché   è   stato   anche   l’ occasione  per  incontrare   degli   amici.   Il   primo,   di   Frascati,    amico   di   scuola   di   mio   marito ,  vive   a   Treviso   da   circa   tre   anni   con   la   moglie   e   un   figlio.   La   seconda,    che   vive   a   Castelfranco   Veneto,  è   un’  amica   conosciuta   con   la   madre,   in   treno , molti   anni   fa  ,   mentre   andavo   proprio   a   Bassano ,  anch’io   con   mia   madre.   Legammo   subito   tutte   e   quattro.   Ma   da   quel   fortuito   incontro,   non   c’è   stata   mai   più   occasione   per   rivederci.   Su   facebook   l’ho   ritrovata   mesi   fa,   e   scendendo   dal   Grappa   l’ho   chiamata   e   fortunatamente,   ci   siamo   potute   rivedere.   Vi   garantisco,   una   bella   emozione   per   tutte   e   tre ,   loro   due   e   me.   Mancava   infatti   solo   mia   madre.   Ma   non   voglio   tediarvi   ulteriormente  .   Quindi   ecco   a   voi   le   immagini   di   questo   viaggio   davvero   troppo   bello.   A   Treviso,   città   splendida,   abbiamo   alloggiato  in   un   agriturismo   in   campagna,   fuori   città.   Molto   tranquillo,   senza  troppe   pretese,   il   giusto   per   noi   di   passaggio.

Ecco   galline   in   loco

 

E   questo   l’  agriturismo

Treviso   è   una   città   ricca   di   storia   ,   di   verde,   di   scorci   caratteristici ,   di   architetture   notevoli,   civili   e   religiose   come   il   Duomo   dedicato   a   San   Pietro   Apostolo,   che   non   abbiamo   potuto   visitare   perché   quando   arrivati   era   chiuso,  e  di   tante   fontane.   All’interno   delle   mura   ce   ne   sono   ben  33.   Certamente   una   delle   più   particolari   è   la   fontana   delle   Tette.

scatto   di   Andrea

Già  nel   XIV   sec   il   poeta   fiorentino   Fazio   degli   Uberti,   nel   suo   ”   Dittamondo   ”   così    cantava

questa   iscrizione   l’ho   fotografata   io   medesima…

 

La   fontana   delle   Tette (fontana dee tete in veneto) è   una   antica   fontana  scolpita   di  Treviso  che   sotto   la dominazione   della   Repubblica   di   Venezia ,   spillava   vino   bianco   e   rosso   in   occasione   di   particolari festeggiamenti.

La   copia   della   scultura   originale   è   collocata   nel   cortile   di   Palazzo   Zignoli   a  Treviso,   accessibile   dalla   galleria   che   collega   il   Calmaggiore   alla   piazzetta   della   Torre   e   alla   calle   del   Podestà.   Il   manufatto   autentico,   seriamente   danneggiato,   è   stato   spostato   in   una   teca   sotto   il   portico   del   Palazzo   dei   Trecento

 

La    fontana   delle   Tette   fu   costruita   nel   1559   su   ordine   di  Alvise   da   Ponte ,   all’epoca   podestà   della Repubblica   di   Venezia   in   seguito   a   una   forte   siccità   che   colpì   la   città   di   Treviso   e   la   campagna circostante.   Originariamente   la   statua   era   posta   all’interno   del   palazzo   Pretorio,  in  via   Calmaggiore.   Da allora   fino   al  1797   anno   della   caduta   della   Serenissima   Repubblica   di   Venezia,   in   onore   di   ogni   nuovo Podestà   dalla   fontana   sgorgavano   vino   rosso   da   un   seno   e   vino   bianco   dall’altro   e   tutti   i   cittadini   potevano   bere   gratuitamente   per   tre   giorni.

wikipedia

La   Loggia   dei   Cavalieri   è   un   edificio   storico   situato   nel   centro   storico   della   città,   importante   testimonianza   del   potere   politico  dei   nobili   nel   periodo   in   cui   i   comuni   erano   fiorenti.    All’ interno   si   possono   notare   nella   parte   superiore   affreschi   sovrapposti   di   vari   periodi.   Ecco   qui   una   foto   per   immortalare   la  bellezza   del   romanico   trevigiano   seppur   influenzato   dall’  architettura   bizantina.

scatto di Andrea

Ora   vi   lascio  con   qualche   foto,   sempre   di   Andrea,   per   sognare   e   rilassarvi

Questo   è   il   fiume   Sile   che   attraversa   Treviso   regalando   pace   mentre   lo   si   costeggia   passeggiando

suggestioni

Questi   alcuni   scorci

 

 

Piazza   dei   Signori .  Sulla   destra,   con   le   bandiere   esposte,   la   Prefettura

 

Sculture   .   Il   titolo   all’opera   lo   dò   io  :   ”  Il   tuffo  ”

Però   ragazzi   è   una   vera   fatica   caricare   foto.   Non   so   se   riuscirò   a   mostrarvi     tutto   quello   che   ho   in   mente.   Se   sì,   ci   vorrà   parecchio   tempo.   Comunque   è   davvero   un   piacere   camminare   lontano   dal   traffico   caotico   delle   città.   Tutti   i   luoghi   dove   siamo   stati   avevano   tutti   le   stesse   caratteristiche  :   tanto   verde   e   tranquillità.   Anche   Castelfranco   Veneto   è   un   piccolo   gioiello.   Tornarci   a   distanza   di   anni   è   stato   molto   piacevole,   anche   per   aver   ritrovato   quell’  amica   di   cui   vi   ho   detto   all’  inizio   del  post.   Eccovi   qualche   foto

 

Queste   le   mura   che   la   circondano

l ‘ ora   del   tramonto   è   la   migliore   per   fare   foto,   soprattutto   se   non   piove

 

Eccolo   qui   trionfante.   Si   è   proprio   lui ,   il   Giorgione,   il   grande   pittore   italiano   nativo   proprio   di   Castelfranco,   cittadino   della   Repubblica   di   Venezia   e   illustre   rappresentante   della   pittura   veneta    del   XV   sec.  assieme   a   Tiziano   che   influenzò   soprattutto   all’inizio   della  sua   carriera,   diventandone   anche   socio   in   affari.  Veramente   splendido.

 

Ora,   siamo   arrivati   alla   fine   del   post.   Miei   cari   chiudo   e   vado   a   ninna.  Vi   lascio   però   con   una   foto   dell’  autore   di   queste   sopra   e   vi   aspetto   per   il   prossimo   tour.

Qui   il   fotografo   Andrea   con   la   madre   e   i   famosi   cugini   di   mio   padre.   Notare   come   anche   il   cugino   Antonio   porti   al   collo,   la   sua   bella   macchina   fotografica.   Sarà   mica   un   vizio   di   famiglia  ?

 

 

Annunci

Carissimi,   finite ,   sono   le   vacanze.   Visto   che   ho   un   mare   di   cose   da   fare,   per   non   farvi   rimanere   troppo   in   attesa   del   mio   resoconto   a   riguardo,   che   arriverà   appena   potrò   scrivere,   voglio   lasciarvi   lo   stesso   qualcosa.   Poesie   come   sempre ,   tanto   per   ricordarvi   di   me.   Vi   lascio   anche   però   un   grande   abbraccio   e   se   riuscirò   a   trovare   un   po’   di   tempo,   risponderò   a   chi   ha   lasciato   traccia   del   suo   passaggio   qui.   Auguro   a   tutti   una   buona   lettura   per   chi   vorrà   leggere   e   commentare.   Grazie.   La   vostra   Isabella

 

ORRORE   E   MORTE

 

Fumo   acre.
Puzzo   di   morte.
Sangue,
ancora   innocente
   bagna,
allargandosi
a   dismisura,
il   suolo   benedetto.  
Qualcuno
miracolosamente   salvo,
seppur   ferito,
cerca,
sconvolto,
tra   i   corpi
dilaniati
i   propri
  figli,
altri
le   mogli,
i   mariti,
i   fratelli,
gli   amici,
e   non   sa   darsi   pace.
C’è   
in   tutto   questo
orrore
un   ripetere
ossessioni,
una   follia   di   base
incomprensibile.
Sogni   infranti,
preghiere
messe   a   tacere
per   sempre.
Resta  
il   pianto   irrefrenabile
assieme
ad   una   sola   domanda :
perché  ?

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dedicato   alle   povere   vittime   cristiane   fatte   saltare   in   aria   nello   Sri   Lanka

 

AD   UN   TRATTO

 

Visualizza immagine di origine
hdwallpaper.nu

Mi   farò   analizzare
per   capire
il   perchè
di   questo   amore.
E’   arrivato
e   non   lo   aspettavo.
Come   uno   tzunami
ha   coperto
ogni   lembo
del   mio   cuore.
E   ora   per   me
è   una   tempesta
anche   la   tua   dolcezza .
Che   strano  
questo   sentimento…
è   arrivato
ed   io,
che   non   volevo   vivere
storia   alcuna,
mi   sono   vista
all’improvviso
cedere
alle   sue   voglie.
Oh   amore,
grande,
dolce,
irripetibile. 

Isabella  Scotti   aprile   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto  –   Eugenio   Montale   –   Ossi   di   seppia

 

 

Non sono geloso, sono solo”

 

Henry   Miller   a   Anais   Nin

 

Dove   sei  ?
Dove   sei   finita?
Mi   manchi
da   morire.
Tu   sai
che   senza   te
potrei   morire.
E’   assurdo
ma   è   così.
Ho   sperimentato
con   te
l’   inesprimibile.
E   la   tua   mancanza
è   ora  per   me
dannazione.
Mai   vorrei
pensarti  
con   un   altro.
Ma   bada,
non   sono   geloso,
sono   solo,
disperatamente
solo.

Isabella   Scotti   aprile   2019

testo  :  copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Immaginando   Miller   solo   con   i   suoi   pensieri ,  rivolti   ad   Anais

 

Un   giorno,

quando   avrò

valicato

quella   sponda,

avrò   modo

di   sostare   un   po’,

finalmente ,

lassù,

su   quelle   vette,

dove   le   mie   gambe,

   in   vita,

non     sanno

arrivare.

So   che

sarà   bellissimo,

io

  confusa

con   l’infinito.

 

Isabella   Scotti   marzo  2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Grazie   a   Simona   Scola

 

 


foto mamma

Cari  amici  ci  sono  una  marea  di  tag  in  giro,  questo  sicuramente  il  più  gradevole,  ideato  dalla  cara  Carla ( https://ladimoradelpensiero.wordpress.com)  che  non  può  non  farmi  piacere  aver  ricevuto.  E  volete  sapere  chi  me  lo  ha  donato?  Due   amiche  che  per  la  loro   simpatia  porto  nel  cuore:

Franca, (https://lemieemozioniinimmagini.wordpress.com)  quella,  oramai famosa ,  del  caffè,  e  Rosa ( https://calogerobonura.wordpress.com// 

Ora le regole sono ,  come  in  questo  caso  sempre  le  stesse. Ricordare  chi  ha  ideato  il  tag.  Fatto

Ringraziare chi  mi  ha  taggata.  Fatto.

Inviare  un  pensiero  affettuoso  a  cinque  blogger  sperando  continuino  la  catena  e  avvisarli  di  averli  taggati  a  loro  volta.

Questo  il  mio  pensiero  che  offro  con affetto  oltre  che  ai  cinque  blogger  a  tutti  coloro  che  passeranno  di  qui :

”Siamo  amici.

Io  non  desidero  niente  da  te,

tu  non  vuoi  nulla  da  me.

Io  e  te  

dividiamo  la  vita.”

Citato  da  Barbara  Young, nel libro ” This  man  from  Lebanon ”

Ecco,  a  malincuore  perchè  la  scelta  è  sempre  limitativa,  i  nomi  dei  cinque  leggendari  (  per  forza  debbo  lasciare  fuori  tantissimi  di  voi,  ecco  perchè  non  gradisco  molto  queste  catene,  ma  dovendo  stare  in  ballo,  e  visto  che  mi  piace  ballare…)

Gian  Paolo   blog   newwhitebear.wordpress.com

Giorgio  blog   giomag59.wordpress.com

Antonio  blog  antoniotomarchio.wordpress.com

Primula  blog  primulablog.com  

Pif (  Rebecca)  blog  rebeccaantolini.wordpress.com

Tutti  gli  altri  non  si  sentano  esclusi.  Voglio  bene  anche  a  voi.  Isabella

PS  la  scelta  è  caduta  su  questi  amici  perchè  con  loro  c’è  da  tanto  tempo  un  profondo  rapporto  d’amicizia, chiacchieriamo  molto  insieme  e  trovo  che  ciò  sia   davvero  una  bella  cosa.


A       TUTTI    GLI    AMICI   CHE    SI    CHIAMANO     PAOLO     E   PAOLA   E   ANCHE     AGLI   AMICI   CHE   HANNO     NOMI     DOPPI     DOVE    RISULTI    IL  SUDDETTO    NOME,     O     MASCHIETTO     O    FEMMINUCCIA,     E    PER   CHI   SI    CHIAMA   PIETRO     IL   MIO   AUGURIO   PIU’    SINCERO    PER     IL     LORO    ONOMASTICO.     UN    ABBRACCIO

ISABELLA


Ringrazio  la  cara  amica  Franca  (  quella  del  caffè ) ,  del  blog  http://lemieemozioniinimmaginieparole.wordpress.com// per  avermi  taggata  ”musicalmente”  su  iniziativa  di  https://ghbmemories.wordpress.com//      -GHB  Memories-

REGOLE

Scegliere  almeno  5  tracce  musicali  che  rispecchino  alcune  emozioni  o  stati  d’animo  al  positivo

Taggare  almeno  5  blogger  avvisandoli  di  essere  stati  taggati

Citare  il  mio  blog  indicando  il  link  diretto  sottolineando  che  l’idea  è  nata  in  questo  spazio  htpps://ghbmemories.wordpress.com//

Motivare , se  si  ritiene  necessario  farlo,  le  scelte  musicali  .

Qui  mi  piace  nominare  (   visto  che  generalmente  non  nomino  nessuno  pago  pegno se  nomino  più  di  cinque  amici ?  Mi  auguro  di  no.)

Antonio  Tomarchio        http://AntonioTomarchio.wordpress.com//

Gian  Paolo       http:/newwhitebear’s blog.wordpress.com/

Wwayne            http://wwayne.wordpress.com//

Giorgio              http://giomag59.wordpress.com//

Tads                   http://angolodelpensierosparso.wordpress.com//

Rosarioboc          http://bocros.wordpress.com/author/rosarioboc/

Massimo               http://massimobotturi.wordpress.com/

Come  potete  vedere  tutti  simpatici  ”maschietti”.  Bè  una  volta  tanto  si  possono  coinvolgere  anche  loro   in questi  giochetti,  concedetemelo.  E  voglio  vedere  se  abboccheranno  o  si  tireranno  indietro  come spesso  faccio  io…Ed  ora

VIA  CON  LA  MUSICA…

Prima  traccia

…una  di  quelle  feste  da  ricordare,  quando  ci  si  riuniva  con  gli  amici  e  si  ballavano  i  lenti  di  turno.  Qui  ballavo  con  il  mio  fidanzato (  poi  futuro  marito)  una  canzone  che  adoravo.

Seconda  traccia

…ecco  qui   rivedo  i  miei  allora  bambini  di  cinque e  un  anno  che   a  Senigallia  cantano  e  ballano  questa  canzone.  Dolce  ricordo,  troppo  simpatico.  (  La  mamma  cantava  e  ballava  con  loro )

Terza  traccia

…qui  l’elettricità  di  una  musica  resa  straordinariamente  in  un  balletto  di  mia  figlia  che  per  il  coinvolgimento  pazzesco (  si  saltava  battendo  piedi  e  mani  sulla  poltrona  del  teatro )  non  potrò  mai  dimenticare

Quarta  traccia

…bè  qui  si  è  a  casa  di  un’amica  con  la  quale  purtroppo  ci  siamo  perse,  dai  capelli  rossi  anche  lei,  a  Civitavecchia   dove  aveva una  villa  sul  mare.  Con  due  suoi  cugini   chiacchieravamo  ascoltando,  come  potete  giudicare da  soli,    ottima  musica  guardando  dalla  terrazza  il  mare  illuminato  dalla  luna.

Quinta  traccia

…romanticamente  ancora  con  il  mio  fidanzato (  lo  stesso  di  prima  tanto  per  non  sbagliare )  in  campeggio  a  Sperlonga,  quando  si  prendeva  il  sole  (  non  diventavo  mica  rossa  come  un  peperone  credetemi…ero  di  un  bel  colore  ambrato  io,  ambè ).  Poi  passeggiando  lungo  la  spiaggia  si  arrivava  al  ”Gabbiano”  una  specie  di  palafitta  tutta  in  legno  dove  si  facevano  le  più  belle  partite  di  biliardino  che  io  ricordi   e  dove  c’era  un  jukebox  dove  ascoltare  le  più  belle  canzoni  del  momento.

Ascoltate  il  tutto  con  un  sorriso  mi  raccomando.  Vi  abbraccio  tutti.  Isabella


NONOSTANTE  LA MIA  ASSENZA  HANNO  COMUNQUE  COMMENTATO  L’ULTIMO  MIO  POST  UN

GRAZIEEEE

AFFETTUOSO  CON  BACI  PER  TUTTI.   MIO  MARITO  OPERATO  E’  TORNATO  A  CASA.  TUTTO  BENE.  SI  RIPRENDE  A  POCO  A  POCO  IL  SOLITO  TRAN  TRAN  CON  LA  PESTE  ARIANNA  CHE  ORAMAI  A  OTTO  MESI  E’  IRREFRENABILE.  A  BREVE  TORNERO’  A  SCRIVERE  PER  VOI.

VI  ABBRACCIO  TUTTI.  ISABELLA


Poichè   pare  abbiate  gradito  la  mia  precedente  creazione  legata  alle  parole  Magnolia,  Coppa,  Essenza,  Dolcezza, Intensità,    continuo,  sempre  su  suggerimento  di  Franca,  con  un  acrostico   :

I neguagliabile  magnolia.  Il  tuo

N obile  aspetto  di  pianta  rigogliosa

T rae  lo  sguardo.  E  la  tua

E ssenza  è  profumo  che  si  spande

N ell’aria.  C’è  tanta  intensità  in  esso  che

S arebbe  una  magia  poterlo  racchiudere  in  una  coppa.

I nspiegabilmente  è  per  me  dolcezza

T rovarmi

A lla   tua  ombra  e  sotto  te,  sostare.

 

ISABELLA  SCOTTI

Spero  vi  piaccia  quanto  la  mia  prima  composizione.  Un  abbraccio  a  tutti  gli  amici  che  passeranno  di  qui.   Buona  domenica.