… dalle pazze forme di protesta degli attivisti per l’ ambiente. Imbrattare capolavori d’ arte denotano una totale ignoranza, una totale imbecillità che va oltre ogni limite di sopportazione. Buttare, come su altre opere in altri musei, su ” I Girasoli ” di Van Gogh zuppa al pomodoro per attirare l’ attenzione sul problema dei cambiamenti climatici, è una cosa ridicola, stupida. Personalmente la mia attenzione non è assolutamente portata sul problema di cui questi ragazzi si fanno portavoce, quanto sullo sfregio fatto ad un’ opera d’ arte. Che ci fosse un vetro a proteggere l’ opera non è certo importante. Lo è ovviamente come protezione al dipinto, ma resta un gesto offensivo che deve essere punito , così come tutti gli altri gesti compiuti in altri musei. L’ arte , cari ragazzi , non si tocca. Manifestare in questo modo, non vi porterà lontano. Nessuno può arbitrariamente decidere su cose di cui s’ ignorano meccanismi e quant’ altro. Se volete cambiare qualcosa del mondo che gli adulti amministrano , prima di imbrattare opere d’ arte credendo di polarizzare l’ attenzione su ciò che vi interessa, e ” disturbare ” con azioni anche di blocco stradale ( vedi raccordo anulare di Roma ) chi va a lavorare, studiate, studiate, studiate. Se le vostre teste resteranno vuote nulla potrete fare per cambiare ciò che non vi piace di questo mondo. Facile protestare oggi con parole che si ripetono all’ infinito anche nei telegiornali ( ambiente, sostenibilità , cambiamenti climatici ) ben più difficile sarà quando toccherà a voi, occuparvi realmente di tutto ciò. Ricordatevi che senza cultura, senza conoscenza, senza rispetto nulla vale. Sarete soli con la vostra ignoranza. Ricordate che il bello che ci circonda è di tutta l’ umanità. L’ arte, in ogni sua alta espressione va tutelata sempre e non oltraggiata.

Pubblicità