Miei cari come vi sarete già accorti, ho diradato di molto, purtroppo , la mia presenza qui. Problemi familiari mi rubano tempo. Spero che tutto si superi, ma state tranquilli non si tratta di covid, seppure ci giri intorno. E’ la mia mamma che ha bisogno di me. Ma visto che stasera sono meno stanca di altre sere, sono tornata alla posizione ” pc ” per salutarvi lasciandovi nuovamente qualche poesia. Augurando a tutti voi un bel week end, convinta che mi perdonerete se non ce la faccio a venirvi a trovare, vi abbraccio tutti indistintamente in un abbraccio circolare

La vostra Isabella

IL NOSTRO SUSSURRO

Visualizza immagine di origine

juzaphoto.com

Fu il tuo sorriso

gioviale

a conquistarmi.

Dopo una  delusione

d’ amore,

trovai in te

l’ antidoto  giusto

alla depressione

che mi divorava.

Ho  condiviso

la mia vita

con la tua.

Non fosti mai

straniero

per me.

Ti conobbi

fin nell’ anima

dal primo istante,

ogni più piccola

particella

del tuo cuore

era entrata

a far parte

del mio.

Ci legò

per sempre

un  sussurro

che ancora adesso

è lo stesso:

” Amore ”

Isabella Scotti dicembre 2021

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

Qualche parola , in neretto, da cui partire ( parole suggerite da un gruppo di rinascimento poetico su facebook )

La foto l’ho trovata molto bella. Quasi un dialogo d’ amore sussurrato tra i due fiori

VORREI ENTRARE NELLA TUA MENTE

Visualizza immagine di origine

fotocommunity.it

Non so

se mai

ti ritroverò.

Vorrei

che la realtà

fosse meno amara.

Sei distante,

teneramente malato

di memorie infantili

resti assorto,

lontano,

sognando la nebbia

e l’ umido delle sere d’ aprile.

Sembri abitare

un’ eremo irraggiungibile.

Se ti porgo

quella stella alpina

che hai tenuto pressata

tra le pagine

di un libro,

nessun ricordo

torna

alla tua mente.

Quel salire ripido,

per coglierla,

nulla.

E quel diamante

dal fulgore infinito

che mi regalasti ,

è per te ormai,

senza significato

alcuno.

Il tramonto

della nostra favola

d’ amore,

mi fa soffrire

indicibilmente.

Sai,

stanotte ho sognato

un angelo.

Risplendeva

di una luce

particolare.

Si avvicinava a te

regalandoti

nuova memoria.

Peccato fosse solo

un sogno,

un atroce inganno

Isabella Scotti gennaio 2022

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

Stavolta oltre le parole suggerite sempre su facebook, vi ho aggiunto anche questi versi di Esenin suggeriti come incipit dalla cara Jalesh della NC

“Teneramente malato di memorie infantili
sogno la nebbia e l’umido delle sere d’aprile.”

Sergej Esenin

GUARDAMI

invisible.jpg (610×1000)

Lo so,

non sono bella.

Ma tu

non fermarti

all’ apparenza.

Guardami

fin dentro

l’ anima.

Sposta il velo

che mi copre

e sintonizzati

sulla mia lunghezza

d’ onda.

Scoprirai

che l’ essenziale

è invisibile agli occhi.

Isabella Scotti gennaio 2022

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

 Antoine de Saint-Exupéry, “Si vede bene solo con il cuore.
L’essenziale è invisibile agli occhi

AMORE , AMORE

Visualizza immagine di origine

Amore, amore…

quante volte

t’ ho chiamato.

Quante volte

dalle labbra

mi è uscita

questa parola.

Amore, amore…

t’ho cercato e chiamato

inutilmente,

mai una risposta,

tanto che ora

non so

se ricoprirti di fiori

o d’ insulti.

Ma forse,

non sei mai esistito ,

t’ ho solo sognato ,

t‘ ho solo desiderato

Isabella Scotti gennaio 2022

testo : copyright legge 22 aprile 1941 n° 633

“Amore, amore, come sempre,
vorrei coprirti di fiori e d’insulti.” Vincenzo Cardarelli

Buonanotte carissimi