Ho pensato, dopo tanto tempo di regalarvi qualche piccola poesia amici cari . Anche per farmi perdonare la lunga assenza qui. Purtroppo il momento che stiamo vivendo, di incertezza, di instabilità, si somma ahimè anche al pensiero che ormai si avvicina l’ 11 agosto, primo anno da quando il nostro Ricky, mio nipote, non c’ è più. Questo è il mese del suo peggior calvario. E’ per noi tutti un ricordo che annienta. Comunque credetemi, vi penso sempre . Quando potrò, visto che anche sul fronte ” nipotini ”, sono molto impegnata tornerò, spero, a frequentarvi. Mi mancateeee….

Baci a tutti .

La vostra Isabella

CINQUE PAROLE DA CUI PARTIRE :

Ginestra, effluvio, passeggiata, fanciulla, ruscello

Visualizza immagine di origine

LA NOSTRA STORIA

Ero   poco   più
che   fanciulla
quando
quel   giorno,

venisti   con   me
a   fare
una    passeggiata.

Nell’ aria
c’era   già
odore   di   primavera.

Quando   fummo
nei   pressi
di   un   ruscello,

c’ investì
un   effluvio
improvviso.

Il   profumo
intenso

di   una   gialla,
splendida
ginestra,

che   veniva
da   poco   lontano.
Ne   seguimmo
la   scia,
inebriati,
mentre

le   nostre   mani
piano,

scivolavano
l’una   nell’altra,

stringendosi
forte.

Cominciò   così
la   nostra   storia.
Romanticamente,

tenendoci
per   mano,
senza   parlare,
ascoltando   solo,
i   battiti
dei   nostri   cuori.

Isabella  Scotti   marzo   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Viaggio , Tentazione , Amicizia, Rapporto, Valore

Visualizza immagine di origine

SiViaggia

IL NOSTRO VIAGGIO

Fu   quello   il   viaggio
che   vide   nascere
la   nostra   amicizia.
Nella   carrozza
di   quel   treno
cementammo
inconsapevolmente
con   allegria
e   tra   un   sorriso
e   l’  altro,
il   nostro   rapporto,
dandogli   un   valore
così   importante,
da   cercarci
e   ritrovarci
a   distanza   di   tempo.
Ancora  
con   un   sorriso,
senza   che   
nessuna   tentazione
di   mandarlo   all’  aria
ci   abbia   mai   sfiorato.

Isabella   Scotti   febbraio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

LIBERTA’, SAGGEZZA, COSTUMI, GUERRE, CULTURA

Visualizza immagine di origine

Il volto della guerra SALVATOR DALI’

Non   esiste
più   libertà
con   le   guerre.
I   costumi
dei   popoli,
le   usanze
vanno   in   frantumi.
Orrore
e   distruzione.
Questo   rimane
quando
tacciono
le   armi.
Fintanto
che   la   saggezza
non   prenderà   
il  posto
della   follia
degli   uomini,
continuerà
lo   scempio.
E    con   esso 
la   cultura
della   prevaricazione,
del   dio   denaro,
del   dominio
sull’  altro.

Isabella   Scotti   febbraio   2020

testo :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Immaginazione , sogno , stelle, bagliore, emozione

Visualizza immagine di origine

IL MIO SOGNO

Con   l’immaginazione
si   può   volare.
L’  ho   sperimentato
stanotte.
Senza   aereo
ho   raggiunto
con   emozione
il   cielo,
e   intrusa,
mi   sono   nascosta
dietro   una   nuvola
a   rimirar
le   stelle .
Il   loro   bagliore
mi   ha   quasi
accecata.
Ma   che   meraviglia
poterle   contare
una   ad   una…
Peccato   solo
che   il   mio   sogno
sia   stato   interrotto
dal   suono
della   sveglia
drinnnn…drinnnn…drinnnn…
magari ,
con   un   pò
di   fortuna,
avrei   incontrato
anche   la   luna.

Isabella   Scotti  febbraio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   2941   n°   633

Tramonto , rabbia, amore, fulmine, fiore

PIANO, GLI ANNI PASSANO

Foto di Andrea Romani- Tramonto sul lago

Quando   a   lenti,
ma   inesorabili
passi,
il   nostro   tempo
piano,   
si   riduce,
può   capitare,
all’ improvviso,
quasi   come   fulmine
la   cui   luce
abbaglia,
che   quella   rabbia
che   ancora
teniamo   dentro,
si   tramuti
in   amore.
Son   gli   anni
che   fuggono
in   avanti,
a   farci
più   teneri .
Ci   si   commuove
davanti
ad   un   tramonto,
o
quando   odoriamo   
un   fiore,
ammirandone
la   bellezza,
mentre   della   vita
finalmente
si   coglie
il   senso.

Isabella   Scotti   febbraio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

QUI RIPETO LE CINQUE PAROLE

emozione , bagliore, immaginazione , sogno , stelle

UNA DOLCE NINNA NANNA

Visualizza immagine di origine

Vicenza Today

”     E mi piace la notte ascoltare le stelle…”    di    Antoine de Saint-Exupéry

”   E   mi   piace   
la   notte,
ascoltare   
le   stelle…”
Con   un   pò
d’  immaginazione,
tramutare
la   realtà
in   sogno.
Perché   si   sa
le   stelle
non    cantano   affatto.
Sono   solo   
un   bagliore   ,
improvviso,
che   illumina
il   cielo.
Che   emozione
vederle   lassù
brillare,
e   sognare
che   cantino
tutte    davvero,
ciascuna
nel   momento
in   cui   comincia 
a   risplendere,
nel   buio
della   notte.
Sì,
ora   le   sento,
nel   silenzio
più   profondo,
intonano
la   loro   canzone…
E’   la   ninna   nanna
più   bella…
Un   sogno   meraviglioso.

Isabella   Scotti   febbraio   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Auguro a tutti voi la buonanotte