Amici   carissimi,   già  , sarà   che   ho   una   certa   età,   pur   non   essendo   ancora   decrepita,   che   ho   valori   profondi   radicati   in   me,   che   ho   una   certa   visione  del   mondo,   che   non   combacia   affatto   con   quella   che   oggi   vorrebbe   un   mondo   aperto   a   mille   contaminazioni,   sarà   che   per   me   la   musica   è   arte,   e   come   tale   andrebbe   venerata   e   non   maltrattata.

Sarà   per   questo   che   quello   che   ho   visto   a   Sanremo   poco   mi   piace.   Io   resto   quella   che   sono.   Da   una   canzone   mi   aspetto    quell’ emozione   che   arriva   al   cuore,   quella   melodia   che   mi   entra   dentro,   quel   ritornello   da   cantare.   Ditemi   pure   che   non   capisco   niente,   che   i   tempi   sono   cambiati,   che   non   si   ragiona   più   così…e   ancora   bla,   bla,   bla.    Ma   chi   può   impormi   musica   che   non   è   musica?   Solo   per   andare   incontro   ai   ragazzi   che   amano   il   rap?   O   anche   solo   per   portare   avanti ”  canzoni  ”  che   sono   lunghe   elucubrazioni   e   basta,    sguaiate    e   male   interpretate ?   Chiedo   perdono   a   chi,   tutto   questo   ama,   ma   vorrei   soltanto   fare   riferimento   anche   ai   nomi   improbabili   degli   ”  artisti  ”   cosiddetti  :

IRAMA,    LA   RAPPRESENTANTE   DI   LISTA,   GHEMON,   COMA COSE,   FASMA,    WILLIE   PEYOTE…

Ora   che   per   i   singoli   possano   questi   nomi   significare   qualcosa,   lo   spero   e   non   lo   metto   in   dubbio.   Ma   per   me   che   già   debbo   ricordare   una   canzone   complicata,   non   certo   melodica,  per   di   più  abbinata   a   chi   la   canta   che   ha   un   nome   assurdo,   allora   scusatemi   ma   ben   venga   una   che   sa   cantare   davvero,   ad   una   età   non   certo   verde,   col   microfono   in   mano,   senza   auto-tune.   Ovviamente   parlo   di   Orietta   Berti.  

Per   quanto   potrà   sembrare   banale,   è   almeno,   lasciatemelo   dire   la   sua,   una   ”   canzone  ”   vecchio   stile,   per   le   mie   orecchie   molto   più   dolce   da   ascoltare.   E   poi   la   sua   voce,   per   nulla   incrinata   dal   tempo   è   adorabile,   troppo   bella.  E   vogliamo   parlare   allora   del   rock   di   Loredana   Bertè  ?   Che  grinta   ragazzi.    E   che   gambe   per   l’ età,   come   quelle   della   Rettore.   E   che   dire   dell’  eleganza   di   Gigliola   Cinquetti ?   Di   ”   Mi   manchi  ”   di   Fausto   Leali,   di   ”  Montagne   verdi  ”   di   Marcella   Bella   e   dei   suoi   capelli   che   mi   son   sembrati   persino   più   voluminosi   del   solito…

Be’   credetemi   è   più   facile   ricordare   chi   sa   cantare   davvero,   chi   ha   nomi   che   rimangono   in   testa ,   normali,    chi    presenta   testi   che   rimangono   nel   cuore   perché   splendidi,  ” DIO   COME   TI   AMO ”   ad   esempio   di   Domenico   Modugno   interpretato   dalla   Cinquetti.

Insomma   esibizioni   sopra   le   righe,   travestimenti,   non   sono   perdonatemi   cose   che   rimarranno   nella   storia.   Racconteranno   di   un   Sanremo   diverso   per   carità   ,   ma   non   certo   di   una   musica   italiana,   di   vera   melodia.   Tutto   evolve,   cambiano   le   mode,   i   gusti   ma   io   rimango   quella   che   sono.

E   adoro   il   teatro   e   Monica   Guerritore.   Quando   c’ è   classe   ragazzi   c’ è   classe…

Il   monologo   su   Penelope    da   lei   recitato   a  Sanremo    non   sono   riuscita   a   trovarlo.   Mentre   ne   ho   trovato   un   altro   che   ha   fatto   a   La7   che   spero   possiate   vedere.   E’   eccezionale.

 

 

Il monologo di Monica Guerritore – la7.it