Nel   1988   i   Queen   si   ritrovano   in   studio   per   preparare   un   nuovo   lavoro,   dopo   il   più   lungo   intervallo  tra   un   album   di   studio   e   il   successivo,   e   decidono   di   adottare   una   nuova   politica   nella   registrazione   del   materiale.

Fin   dagli   anni   ’70,   su   suggerimento   di   Freddie,   ogni   componente   della   band   è   solito   scrivere   e   proporre   un   brano   completo,   indicando   agli   altri   membri   esattamente   come   vuole   che   sia   suonato  ;   questo   crea   molti   problemi   e   notevoli   dissidi,   soprattutto   sulla   scelta   dei   singoli,   oltre   che   un   eccessivo   individualismo   nel   modo   di   lavorare.   A   partire   da   The   Miracle,   ogni   canzone   viene   accreditata   ai   Queen,   senza   indicare   di   chi   è   l’ idea   originale,   e   tutte   le   composizioni   vengono  discusse   e   realizzate   da   tutti   gli   elementi   del   gruppo.

The   Miracle   viene   pubblicato   nel   maggio   del   1989   e   va   direttamente   al   primo   posto   in   classifica.      I   Queen   ormai   dominano   completamente   il   mercato   discografico   mondiale   e   ogni   lavoro   è   accompagnato  da   una   massiccia   campagna   pubblicitaria   e   d’  immagine ,   curata   personalmente   dai   quattro.   La   copertina   dell’  album   è   una   particolare   realizzazione   grafica   in   cui   i   quattro   volti   elaborati   al   computer   sono   uniti   in   un’ unica   testa,   a   sottolineare   la   grande   coesione   del   gruppo :   anche   i   videoclip   sono   molto   originali,   soprattutto   quello  di   Breakthru    in   cui   i   Qeen   suonano   su   un   treno   lanciato   in   corsa.

The   Miracle    viene   accolto   in   modo   vario   da   stampa   e   pubblico  :   molti   giudicano   il   lavoro   inferiore   al   precedente   e   troppo   blando   dal   punto   di   vista   musicale   e   dei   testi,   che   rientrano   nello   stile   del   disimpegno   caratteristico   del   gruppo.   In   realtà   l’ album   è   una   carrellata   di   generi   diversi,   personalizzati   con   gli   elementi   del   tipico   sound   Queen.   Pur   tuttavia   l’ assenza   di   qualsiasi   progetto   per   un   tour   alimenta   voci   sullo   stato   di   salute   di   Freddie,   che   pure   pare   in   buona   forma   nel   video   di   The   Miracle.

L’ Aids    ha   già  iniziato   a   minare   la   salute   del   cantante   che,   volendo   mantenere   una   riservatezza   assoluta   e   conoscendo   i   metodi   della   stampa   scandalistica,   decide   di   non   rivelare   niente   per   non   allarmare   chi   gli   sta   intorno   e   si   concentra   sul   suo   lavoro.   In   realtà   i   Qeen   riempiono   ancora   le   pagine   dei   giornali   per   le   loro   sregolatezze,   come   il   grande   party   che   nel   1990   celebra   il   ventennale   della   carriera   o   la   festa   per   il   40°   compleanno   di   Roger   Taylor   che   con   uno   spettacolo   di   luci   laser   mette   in   allarme   tutti   i   centri   di   osservazione   degli   Ufo.   Il   gruppo   ritorna   in   studio   nel   1990,   mentre   lo   stato   di   salute   di   Freddie   finisce   sulle   prime   pagine   dei   giornali   in   seguito   ad   un’ apparizione   in   pubblico   –   per   la   consegna   di   un   premio   alla   carriera   del   complesso   da   parte   dell’  Industria   Fonografica   Britannica   –   in   cui   il   cantante   appare   piuttosto   provato   e   dimagrito.   Gli   altri   componenti   della   band   sottolineano   l’   unità   del   gruppo   sul   piano   personale   rifiutandosi   di   rilasciare   dichiarazioni   e   confermando   l’  uscita   dell’ album.   il   lavoro   di   registrazione   si   svolge   tra   Londra   e   Montreux   dove   Freddie   sfugge   spesso   alle   attenzioni   della   stampa.

Ormai   molto   debilitato   dalla   malattia,   Mercury   concentra   tutte   le   sue   energie   nella   registrazione   dell’  album,   in   cui   trova   uno   stimolo   per   continuare  la   propria   battaglia.   Il   frutto   di   questa   commovente   forza   di   volontà   è   INNUENDO,   capolavoro   assoluto   in   cui   la   voce   di   Freddie   e   tutto   il   gruppo   toccano   i   vertici  :   lo   stile   musicale   dei   primi   album,   recuperato   e   rinnovato,   si   fonde  con   le   nuove   sonorità   e   le   sperimentazioni    musicali   che   caratterizzano   la   maturità   della   band,   e   ne   emerge  una   sintesi   che   rappresenta   un   traguardo   per   tutta   la   musica   rock.

Il   singolo   INNUENDO   è   un   brano   maestoso   e   complesso   che   riassume   tutto   lo   stile   Qeen,   collegato   direttamente   al   manifesto   Bohemian   Rhapsody   con   cui   gareggia   in   lunghezza   ( più   di   sei   minuti  ).   Pubblicato   il   14  gennaio   1991,   vende   100.000   copie   nella   prima   settimana   entrando   in   classifica   al   numero   1,   seguito   dall’  album   omonimo,   pubblicato  il   4   febbraio,   che   raggiunge   la   prima   posizione   nelle   classifiche   di   tutta   Europa.   INNUENDO   è   un   lungo   e   contrastato   discorso   musicale   e   poetico   sui   temi   dell’  esistenza,   dell’  amore,   una   ricerca   dei   valori   più   veri   e   preziosi   che   possano   dare   serenità   e   pace.   Non   è   del   tutto   giustificato   cercare   in   ogni   brano   accenni   alla   malattia   di   Freddie,   perché   le   idee   originali   risalgono   in   certi   casi   ad   alcuni   anni   prima,   ma   certamente   l’ album   è   pervaso   da   una   malinconia   e   serietà   che   lo   rendono   emotivamente   molto   intenso.

The   Show   Must   Go   On   non   è   il   testamento   fi   Freddie,   perché   è   stato   scritto   da   Brian   May   in   onore   di   Mercury   stesso,   ma   riflette   la   drammatica   situazione   interiore   in   cui   si   sono   trovati   i   Qeen   durante   la   difficile   preparazione   dell’  album   che   Freddie   ha   fermamente   voluto   ,   mentre   assistevano   al   declino   inarrestabile   del   loro   grande   amico   e   cercavano   di  non   pensare   al   dolore   sofferto   per   esaudire  i   suoi   ultimi   desideri.   Anche   These   Are   The   Days   Of   Our   Lives ,   brano   composto   da   Roger   Taylor,   è   un   testo   triste   ma   sereno,   un   ripercorrere   con   la   memoria   i   momenti   felici   di   una   vita   trascorsa   insieme   all’  insegna   della   musica.   Nel   video   che   accompagna   il   singolo,   Freddie   appare   per   l’  ultima   volta,   mostrandosi   smagrito   ma   ancora   sorridente   per   salutare   i   suoi   fans  con  ”  I   still  love   you  ”

 

Il   23   novembre   1991   Freddie   Mercury   diffonde   un   comunicato   stampa   dove   dichiara   ufficialmente   di   essere   malato   di   AIDS   e   dichiara   di   voler   aiutare   la   ricerca   per   la   cura   del   terribile   male,   invitando   amici   e   fans   a   fare   altrettanto.   Il   24   novembre   1991,   alle   sette   di   sera,   l’  uomo   perde   la   sua   lunga   battaglia.   Muore   serenamente   nella   sua   casa   di   Kensington ,   stroncato   da   una   polmonite   causata   dal   visus   dell’   AIDS.   Il   mondo   precipita   nel   dolore,   centinaia   di   fans   si   radunano   in   lacrime   davanti   alla   sua   abitazione,   e   ovunque   la   notizia   riempie   le   pagine   dei   giornali.   Il   suo   corpo   viene   cremato   secondo   il   rito   zoroastriano,   la   religione   dei   genitori.   Freddie   Mercury   lascia   in   eredità   gran   parte   della   sua   fortuna   al   ”   Terence   Higgins   Trust  ”   e   istituisce   una   propria   fondazione,   il   ”  Mercury   Phoenix   Trust  ”   per   le   persone   malate   della   sua   stessa   malattia.   Brian,   Roger ,  e   John   rilasciano   la   seguente   dichiarazione   ufficiale  :

”  Abbiamo   perso   il   più   grande   e   più   amato   della   nostra   famiglia.   Proviamo   un   dolore   indescrivibile   per   la   sua   morte,   una   tristezza   che   è   mitigata   dal   pensiero   della   sua   strordinaria   creatività   e   dell’  onore   e   del   coraggio   con   cui   ha   vissuto   e   con   cui   ha   affrontato   la   morte.   E’   stato   per   noi   un   privilegio   dividere   con   lui   momenti   così   magici.   Appena   sarà   possibile,   vorremmo   celebrare   la   sua   vita   nello  stile   in   cui   era   abituato  ”.  

Alcuni   mesi   dopo   Brian   May   scrive   ai   membri   del   Fan   Club  :  

”  Freddie   ha   combattuto   l’ Aids  per   molti   anni.   L’ arte   e   gli   amici   erano   per   lui   la   cosa   più   importante   e   si   è   dedicato   ad   ambedue   con   estremo   vigore.   Non   ha   voluto   che   nulla   rovinasse   la   nostra   musica,   e  affrontando   il   dolore   ha   deciso   di   continuare   fino   all’  ultimo   a   lavorare   ai   nuovi   dischi,   senza   ascoltare   le   nostre   preghiere   e   cantando   miracolosamente   sempre   più   forte.   Freddie   non   ha   mai   voluto   simpatia   ma   solo   ciò   che   i   fans   gli   hanno   sempre   dato,   fiducia,   sostegno   e   compagnia,   lungo   la   difficile   strada  che   noi,   Qeen,   abbiamo   cercato   di   percorrere.   Voi   gli   avete   dato   l’ aiuto   per   essere   lo   straordinario   spirito   libero   che   è   stato   e   tuttora   è.   Freddie,   la   sua   musica,   la   sua   brillante   energia   creativa,   queste   cose,   sono   per   sempre. ”

 

Il   20   aprile   1992   allo   stadio   di   Wembley   si   svolge   il   più   grande   concerto   degli   ultimi   anni,   il   ”  Freddie   Mercury   Tribute  ”.   Vincendo   la   disperazione,   Brian,   Roger   e   John   salgono   sullo   stesso   palco   per   l’  ultima   volta,   per   celebrare   la   vita   e   l’ arte   di   Freddie   Mercury   in   compagnia   dei   più   importanti   nomi   del   panorama   rock   mondiale.   Il   concerto   viene   aperto   dalle   esibizioni   di   Extreme,   Metallica,   Guns  N ‘  Roses,   Def   Leppard   e   Bob   Geldof.   Alle   sei   di   sera   è   il   turno   di   Brian,   Roger   e   John  :   una   schiera   di    straordinari   artisti   si   unisce   a   loro   per   cantare   le   canzoni   dei   Qeen   ed   esprimere   le   proprie   considerazioni   su   Freddie.   e   l’ Aids.   George   Michael,   Robert   Plant,   Roger   Daltrey,   Elton   John,   Mick   Ronson,   Ian   Hunter,   Annie   Lennox   e   molti   altri   danno   vita   ad   un   concerto   leggendario,   trasmesso   in   diretta   in   tutta   Europa.   David   Bowie   canta   Heroes,   e   al   termine   del   pezzo   si   inginocchia   recitando   una   preghiera   per   tutte   le   vittime   della   brutta   malattia   riducendo   al   silenzio   l’  intero   stadio.   La   serata   si   chiude   con   una   splendida   interpretazione   di   We   Are   The   Champions    da   parte   di   Liza   Minnelli   cui   si   uniscono   tutti   gli   artisti   presenti   per   un   grande   coro   finale.   Sull’ultima   nota   finale   Roger   Taylor,   vero   motore  dell’ evento,   prende   in   mano   il   microfono   gridando   verso   il   cielo   di   Londra  :

”   Buonanotte,   Freddie,   ti   amiamo  ”

 

INNUENDO

 

 

 

Un   abbraccio   a   tutti.   Viva   sempre   Freddie,   voce   fantastica

la    vostra   Isabella

 

Notizie  da   ”   Qeen   ”   a   cura   di   Max   Felsani,   Michele   Primi   e   Mauro   Saita