Oggi   cari   amici,   voglio   sfogliare   con   voi   l’  album   dei   miei   ricordi.   Penso   sia   colpa   di   questo   tempo   malinconico,   chissà.    Oggi   soprattutto,   che   mi   sono   svegliata   con   troppi   pensieri   ,  trovo   confortante   rivedere   alcune   foto.   Mi   tirano   su   il   morale.

Allora   comincio…

In   questa   foto   mio   padre   quando  era   fidanzato   con   mia   madre.

Peccato   quel   riflesso   ma    la   posa   non   ricorda   quella   di   un   pirata   ?

Mio   padre   amava   i   travestimenti.   Era   un   simpaticone,   con   un   grande   carisma.   Scriveva   poesie   e   filastrocche,   dipingeva,   costruiva   navi   in   legno,   modellini   di   aerei   in   plastica.   Adorava   il   fai   da   te.   Una   persona   eclettica,   un   artista.   E   si   divertiva   con   i   suoi   nipoti,   portandoli   a   funghi   nel   bosco,   raccontando   loro   storie.   Ci   ha   lasciati   troppo   presto,   a   soli   62   anni.   Lasciate   ch’io   vi   riproponga   quella   mia   poesia   a   lui   dedicata    che   qualcuno   di   voi   ricorderà,   andata   a   finire   in   una   antologia.  Magari   farà   piacere   anche   a   lui,   da   lassù,   rileggerla.

E’   LA’

…all’ombra   dei   rami
del   noce,
che   mi   attardo
quando   nel   meriggio
il   sole
già   splende   alto.
Null’altro   cerco
che   un   po’   di   riposo
da   donare
alle   mie   stanche   membra.
Mi   diletto
ad   ascoltare
ciò   che   intorno
dicono   tra   loro
i   rondinotti,
mentre   è   pace
quella   che   avverto.
Scemano   così
gli   uragani  
del   cuore,
mentre    affiorano
in   superficie
ad   uno   ad   uno
ricordi 
di   un   tempo   lontano
che   si   fa
nuovamente   vicino.
E   rivedo
il   suo   volto,
e   mi   par
di   sentire  
la   sua   voce,
il   suo   ridere
fragoroso.
Avverto
il   tocco   lieve
della   sua   mano
che   mi   accarezza,
e   ancor
mi   par
che   tutto   ricominci.
Ma   giunta
è   già   la   sera.
E   un   velo   improvviso     
cala   su
quel   volto
a   me,  
sì,
tanto   caro.
Come   vorrei
non   svanisse
nel   nulla
ancora   una   volta.
Come   vorrei
tornare   ai   giorni
lontani,
a   quel   giorno
in   cui 
gli   raccontai,
trepida   e   timida,
d’essermi   innamorata.
Ma   è   ora.
Il   buio   avanza
intorno,
così   nel   mio   cuore.

Qui   quando   ancora   andava   tutto   bene   ed   eravamo   felici,   un   carnevale   di   molti   anni   fa   con   i   miei   figli.

Ed   ecco  …

Mia   madre   in   montagna    negli   anni   in   cui   ancora  si  poteva uscire   e   vivere   una   vita   normale   e   spensierata

Qui   sul   traghetto   per  Saint   Tropez   nel   2001

Bei   tempi

Qui   nel   2020   prima   del   lockdown

Anche   a   lei   voglio   dedicare   una   poesia

SAI   MAMMA

E’   dentro   la   tua   grazia

che   nasce   la   mia   angoscia.

Una   grazia   la   tua

fatta   di   delicatezza

e     d’  amore .

Mi   chiedi

come   sia   possibile   allora

che   ciò   generi   angoscia  ? 

Oh   mamma,   possibile   tu   non

capisca ?   Ciò   che    mi   procura   ansia,

è   sapere,   che   ineluttabile,

giungerà  prima   o   poi

il   distacco.

Quello   definitivo,

del   lungo   sonno.

Mi   tormenta   l’idea

di   non   sapere   quando,   né   come

avverrà.

E   il   non   poter   far   nulla

per   trattenerti.

Per   anni   abbiam   vissuto

in   simbiosi,   condividendo   tutto.

Complici   il  tuo  sorriso

e   il   mio..

Mai   cedimenti,

presenza   costante,

amore  incondizionato,

generosa   sempre.

Ecco   la   tua   grazia,  

mamma.

Vorrei   i   nostri   cuori

vicini   sempre,

le   nostre   mani

una   nell’ altra   strette.

In   questo   tempo

che   ci   ha   viste   lontano

fisicamente,

che   nessun   abbraccio

c’è   più   stato,

la   tua   voce   mai   tremula,

mai   incrinata   dal   pianto,

è   stata   viva   presenza,

incoraggiante.

Come   sarà

il   mio   dopo,   

senza    te   accanto?

Roccia   mai   scalfita,

neppure   dal   dolore

più   grande,   più   profondo.

Quando   sarà,

la   tua   immagine   recherò   impressa

negli   occhi    come   marchio   di   fuoco.

Ricordo   indelebile

il   tuo   caro   volto,

dolce   memoria

a   conforto

dei   miei   affanni.

Isabella  Scotti   gennaio   2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   poesia   splendida   di   Pier   Paolo   Pasolini   ”   Supplica   a   mia   madre  ”

E   qui   ditemi,   a   chi   assomiglio  ?   A   mio   padre   o   a  mia   madre?

Per   concludere  ,  papà   non   c’è   più   da   trent’  anni   ormai ,  e   mia   madre   poverina   sta   tutta   sola   per   colpa   di   questo   antipatico   lockdown   da   circa   un   anno.   La   poesia   per   papà   la   conoscete   già ,  ma   mi   piace   riproporla   lo   stesso,   magari   per   chi   non   l’  avesse   letta.   Quella   per   mia   madre,   l’  ho   scritta   giorni   fa.   Auguro   a   tutti   voi   di   passare   un   buon   martedì

La   vostra   Isabella

PS   Scusatemi   per   la   mia   poca   presenza   sui   vostri   blog,   ma   ultimamente   accuso   una   certa   stanchezza   agli   occhi.   Stare   troppo   al   pc   non   posso.   Speriamo   in   tempi   migliori.   Anche   scrivere   è   un   po’   pesante.   Per   questo   ho   optato   per   le   foto.       Un   grande   abbraccio   a   tutti