Andalusia  :   patria   del   flamenco.   E   ovunque,   in   effetti ,    lì    troverete,   dedicati   a   questa   forma   artistica,   tanti   locali,   i   cosiddetti   tablaos.   Le   bailadoras   ( ballerine  )   che   indossano   costumi   dai   colori   vivaci,   entusiasmano   il   pubblico   col   battito   delle   mani   e   dei   piedi,   mentre   il   corpo   continua   a   roteare.   Sono   coadiuvate   nella   danza   dai   partner,   che   danzano   battendo   con   forza   i   tacchi   alti   delle   calzature   sulle   assi   del   palcoscenico,   creando   un   rumore   molto   forte.   Il   loro   canto   urlato,   estatico,   si   fonde   col   suono   della   chitarra   che   scandisce   il   ritmo.   Simili   messe   in   scena   tuttavia,   hanno   poco   a   che   vedere   col   vero   flamenco,   una   delle   forme   più   antiche   della   musica   spagnola,   che   vive   di   ispirazione   spontanea   e   penetra   nella   sfera   dell’intimità.   Il   vero   flamenco   lo   si   può   assaporare   solo   in   una   ristretta   cerchia   di   appassionati,   quando,   come   per   caso,   uno   inizia   a   cantare   le   sue   coplas   ,   canzoni   tramandate   oppure   trattate   liberamente,   sostenuto   e   incitato   dai   presenti.   Il   flamenco   non   vuole   intrattenere,   ed   è   nella   sua   forma   originaria   un   lamento.   Quando   il   cantaor   ha   raccolto   le   proprie   forze   può   iniziare   il   quejido,   il   lamento   che   proviene  dal   fondo   dell’anima,   il   canto   roco,   intenso,   fioco   e   velato,   che   si   libera   poi   nell’urlo,   distinguendosi   per   sequenza   di   note   e   ritmo,   dal   resto   della   musica   europea.   In   questo  ” cante   jondo” (   canto   profondo ),   primitivo,   di   cui   anche   Federico   Garcia   Lorca   parlò   nel   suo   ”   Poema   de   cante   jondo   ”  , (1) vengono   urlati   i   propri   sentimenti  :   si   parla   del   dolore   di   un   amore   infelice,   della   mancanza   di   speranze,   del   sentirsi   abbandonato.   Il   flamenco   può   anche   proseguire   per   ore,   addirittura   per   giorni   interi.   Gli   ascoltatori   seguono   l’estasi   del   cantante,   lo   accompagnano,   lo   incitano,   scandiscono   il   ritmo.   Applaudono   ai   movimenti   di   braccia   e   corpo   più   espressivi,   (   brazadas  ),    con   le  mani  (   palmas  )   e   battendo   i   piedi  (  zapateado  ).   Altri   cantaores   si   avvicinano,   intonano   le   proprie   coplas,   raggiungono   una   propria   estasi   attraverso   il   canto   e   la   danza.   Ecco   perché   il   flamenco,   tra   le   altre   cose   è   anche   un’esperienza   in   comune,   nella   quale   musica   e   danza   recitano   il   lamento,   ma   al   contempo,   introducono   una   grande   felicità,   una   fiducia,   una   gioia   di   vivere.

 

Non   si   sa   con   esattezza   quale   sia   l’origine   della   parola   ”  flamenco  ”   e   che   cosa   significhi   veramente :   alcuni   la   fanno   derivare   dall’arabo   fellah   e   mangu   (   canto   popolare  ).   Altri   la   collegano   alla   parola   spagnola   flame,   indicante   i   fiamminghi,   un   riferimento   al   seguito   arrogante   di   Carlo   V,   che   aveva   atteggiamenti   boriosi   e   supponenti.   In   ogni   caso   ,   la   patria   del   flamenco   corrisponde   al   triangolo   formato   da   Siviglia,   Cadice   e   Ronda.   Le   sue   origini   vanno   fatte   risalire   al   gruppo   dei   gitani,   gli   zingari   che   vivono   in   Andalusia.   Quando   questi   presumibilmente   partendo   dalle   Indie,   raggiunsero   l’Andalusia,   attraverso   l’  Europa   sud   orientale   alla   metà   del   XV   secolo,   i   canti   e   i    balli   della   loro   patria   indiana    si   fusero   con   le   tradizioni   delle   altre   culture   che   abitavano   la   Spagna   meridionale.   Il   flamenco   infatti   racchiude   elementi   della   musica   liturgica   vetero- indiana   e   bizantina,   canti   moreschi   e   mozarabici,   inni   cantati  nelle   sinanoghe   ebraiche,   tramandati   nei   secoli   dai   gitani.   Per   origini   e   caratteristiche   è   quindi   la   musica   di   un   popolo   sottomesso .   Soltanto   quando   la   situazione   dei   gitani   migliorò,   nel   XVIII   secolo,   e   la   Carmen   di   Bizet   fece   conoscere   il   flamenco,   questo   genere   musicale   cominciò   a   godere   di   un   tardivo   riconoscimento.   Nacquero   così   i   cafè   cantantes,   punti   d’incontro   degli   appassionati,   e   anche   i   pasos,   coloro   che   non   sono   zingari,   appresero   quest’  arte,   questa   fusione   di   cante,   (  canto  ),  toque  (  chitarra ) ,   e   baile  (  danza )   che   continua   ancora   oggi   con   la   sua   vivacità   e   forza   ad   affascinare

 

Petit   onze

Cantaor
inizia    il   suo   quejido    
urla   senza   più  
amore    solo
abbandonato

 

Isabella   Scotti   luglio   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941  n°   633

 

Notizie   da   Arte   e   architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen   Bohlen

 

 

Poema del cante jondo (Poema del profondo canto)

di  Federico  Garcia  Lorca  edito  da  Montecovello,  2015

Traduttore  :   Ceriello   B.

Collana  –   Libreria   internazionale

Data   di   pubblicazione   2015

 

Descrizione   del   libro

 

La    raccolta   poetica   “Poema del Cante Jondo”   è   una   originale   opera   di   Federico García Lorca   composta   da   una   serie   di   liriche   di   lunghezza   variabile.   Il   testo   si   organizza   in   varie   parti   e   prende   ispirazione   da elementi   della   terra   natia   del   poeta   stesso:   l’Andalusia.   I   temi   ricorrenti   sono   tipicamente   spagnoli   e   si   va   da   paesaggi   che   includono   monti,   mari   e   fiumi   a   personaggi   come   il   gitano,   le   donne,   i   cantanti. Non   possono   mancare   riferimenti   alla   vita   religiosa   popolare   spagnola   come   gli   elementi   della   passione del   Cristo   e   il   suono   delle   campane   delle   chiese   di   Granada   e   Cordova.   Altro   elemento   fondamentale,   da   cui   deriva   il   titolo   della   raccolta,   è   la   musica,   ma   non   quella   del   flamenco   tradizionale, ma   un   canto più   primitivo,   appunto   il   cante   jondo.   Questo   tipo   di   canto   è   appena   un   vagito,   è   un’emissione   più   alta   o   più   bassa   della   voce,   è   una   ondulazione   vocale   che   non   può   essere   trascritta   nel   pentagramma tradizionale.   È   simile   al   trillo   degli uccelli,   al   canto   del   gallo   e   alle   musiche   della   natura   tutta.   Il   cante jondo   porta   nelle   sue   note   la   nuda   e   struggente   emozione   delle   prime   razze   orientali,   quelle   autentiche, di   cui   il   gitano   diventa   il   diretto   erede

 

E   ora   ascoltate  questa   lettura   in   spagnolo.  Emozionante  ( anche  se   forse   un   po’   lunghetta   portate   pazienza  )

 

 

 

 

La   biografia   di   questa   splendida   interprete   del   flamenco ,   Carmen   Amaya , la   potete   trovare   su   Wikipedia.

Nata   a   Barcellona   il   2   novembre   del   1918,   morirà   a   Begur   il   19   novembre   del   1963   per   una   malattia

renale.   Lascio   qui   il   link   dove   potrete   leggere   di   più   su   di   lei.

https://it.wikipedia.org/wiki/Carmen_Amaya