L'immagine può contenere: una o più persone, oceano, cielo, natura e spazio all'aperto

 

 

Oggi   sono   già   quattro   mesi   che  ci   hai   lasciato   caro   nipote.   Siamo   qui   cercando   di   andare   avanti   con

coraggio,   ma   sapessi   com’  è   dura.

Ora   che   il   Natale   si   avvicina   è   anche   peggio,   è   già   tutto   così   triste  ,   non   so   come   lo   passeremo

senza   di   te,   quante   lacrime   verseremo.

Ho   scritto   due   nuove   poesie   sai  ?   Ora   te   le   faccio   leggere.

Magari   vienimi   in   sogno   stanotte,   per   dirmi   se   ti   sono   piaciute.   Non   deludermi,   ti   aspetto.

Tua   zia   Isabella

 

SPESSO,  TROPPE   VOLTE

 

Visualizza immagine di origine

”  Spesso,   
il   mal   di   vivere
ho   incontrato  ”.
Mi   chiudevo
come   in   una   gabbia,
col   mio   tormento
e   la   mia   angoscia.
Sapevo
che   al   di   là
delle   sbarre,
tutto  
andava   avanti,
mentre
sempre   più
mi   accartocciavo
in   me   stessa,
quasi
come   un   cartone
che  
mani   sconosciute
avesse   sgualcito.
Erano
strani   momenti
quelli.
Ma   per   fortuna
durarono   poco.
Mi   richiamò  
la   vita,
e   forzai
allora   le   sbarre
uscendo,
correndo   lontano
libera,
di   nuovo   pronta
a   ricominciare.
Ora   sono   qui,
respiro
senza   più   paure. 
Non   mi   accartoccio  
più   in   me   stessa.
Ho   trovato
la   soluzione.
Accetto
ciò   che   viene,
affrontando
le   curve
con   decisione
per   ritrovarmi  
presto
su   di   un  
rettilineo.
E   sorrido …
nulla   è   meglio
di   un   sorriso

anche   se   con

la   tristezza

nel   cuore

 

 

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit   in   neretto   dalla   poesia   di   Eugenio   Montale  ”  Spesso   il   mal   di   vivere   ho   incontrato  ”

 

SOLO    CON   SE   STESSO

 

Visualizza immagine di origine

edwardhopper.net

Ognuno
sta   solo
sul   cuore
della   terra…
solo  
con   se   stesso,
a   combattere
i   suoi   demoni,
le   sue   paure
le   sue   incertezze.
Quando   ognuno  
prova
  il   dolore   che
ti   prende
improvviso,
come   un   pugno
allo   stomaco,
  cerca
spiegazioni
che   non   trova .  
Piange
e   non   c’è   conforto
che   aiuti.
E’   solo
con   quel   dolore
che   lo  trafigge,
come   un   coltello
che   penetra
nella   carne,
sempre   più  
a    fondo. 
   Combatte
con   i   dubbi,
  si
arrovella
per   trovar
risposte.
E   intanto
fugge 
il   tempo,
per   un   attimo
sembra
quasi
di   aver   vinto
contro
quei   demoni,
di   aver   superato
quel   dolore,
la   solitudine.
Ma   no,
non   è   così  ,
essa   continua
ad   incrementar
quel   sentirsi
inutile,
fuori   posto.
Ma   ormai   
è   tardi  ,
improvvisamente ,
è   subito   sera  .

Isabella   Scotti   dicembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Incipit    dalla  poesia   ”   Ed   è   subito   sera  ”   di   Salvatore   Quasimodo