Son   Dolomiti

imbiancate   di   neve

magiche   vette –

 

vento   increspa   mare

laguna   soffre   freddo

 

Isabella   Scotti   novembre   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

”   Nessuna   città   è   sorta   dal   nulla;   ma   a   Venezia,   non   soltanto   le   piazze   e   le   strade   sono   stati,   come   dovunque,   costruiti   dalle   mani   dell’   uomo:   è   il   terreno   stesso,   su   cui   queste   forme   s’  innalzano,   che   è   stato   fatto   dall’  uomo .   Prima   di   costruirsi   le   strade   e   le   case,   i   veneziani   han   dovuto   fissare,   ancorare   il   suolo ;   consolidare   con   palafitte   il   fondo   sommerso   e   sfuggente   delle   isole ;   innalzare   e   rincalzare   le   rive   contro   le   maree ;   imporre   ai   canali   deflussi   non   rovinosi.   Infine :   costruire   la   base   stessa   necessaria   all’   affermazione   della   loro   volontà   di   sopravvivere  e   di   dare   alla   loro   vita   una   forma   e   un   destino.

Il   carattere   ”  artificiale  ”   di   Venezia   non   è   dunque   che   la   manifestazione   di   quel   che   è :   opera   dell’  uomo ; opera   d’  arte.   Ma,   sebbene   in   diversa   e   in   minor   misura,   anche   per   Venezia   esiste   uno   spazio   dato,   una   natura,   una   condizione   preartistica.   Soltanto   la   natura   veneziana   non   è   di   monti   o   masse   d’  alberi.   E’   di   acqua   e   di   aria  :   cioè   di   elementi   puri,   quasi   immateriali  :   non   plastici,   ma   di   colore.   L  ‘  immagine   della   città   sboccia   tra   l’  aria    e   l’  acqua  ;   s’  innesta   sulla   linea   di   collimazione   tra   aria   e   acqua,   illimitate   come   ”  dimensioni  ”  :   puri   valori   qualitativi,   che   evidentemente   non   possono   essere   dominati   e   composti   che   nell’  ordine   del   tempo.

Quel   che   mancava,   alla   forma   nascente   di   Venezia,   era   precisamente   il   limite   spaziale  :   il   punto   di   riferimento.   In   relazione   ad   una   morfologia   artistica,    tanto   la   distesa   del   mare,   quanto   la   distesa   del   cielo,   non   sono   che   superfici,   quasi    assolute,   di   colore  :   indeterminabili   con   formule   geometriche,   inesprimibili   con   la   sintassi   prospettica,   sottratte   alle   leggi   classiche   della   composizione.

Non   c’ è   dunque   da   meravigliarsi   dunque,   se   l’  arte   veneziana,   e   Venezia   stessa,   sono   fin   dalle   origini   orientate   verso   una   sintassi   antigeometrica,   antiprospettica   –   o,   a   dir   meglio,   verso   un   linguaggio   composto   a   grado   di   una   geometria   provvisoria   e   speciosa,   che   moltiplica,   intreccia,   decompone,   ricostruisce,   e   lascia   infine   allo   sguardo,   su   campi   d’  oro   e   d’  azzurro,   solo   le   macchie   mobili   e   felici   d’   un   canto   di   colore   senza   fine  .  ”

 

Da   ”  Introduzione   a   Venezia  ”   TCI  –  1963 ,  di   Sergio   Bettini

 

La   tua   foto   caro   Marco   è   bellissima.   Grazie   ,   mi   hai   fatto   tornare   alla   mente   luoghi   ai   quali   sono   molto   legata.