Ennio    che    nun    sei   artro.
Che    artro    qui    nun    ce   serve…
Pe    dì    che    abbasti   ar    monno.
Che    tu    servi    alla    gente.
Je    smovi    l’interiora.
Je    scombussoli    er    core.
Li    fai    senti    importanti.
Je    scateni    l’amore…
Ennio    che    nun    s’arresta
Ch’è    ‘n    fiume    sempre    in    piena.
So    partiture    scritte
da    un’anima    assai    pura
Tu    fijo    de    na    Roma
che    soffre    ma    non    trema
Spavalda    e    compagnona
tra    un    vaffa    e    ‘na    preghiera.
Ennio    che    nun    te    pieghi
Che    non    te    fai    fregà
Perché    hai    avuto    in    dote
er    genio    e    la    sincerità!

 

RENATO   ZERO

 

Ho   voluto   postare   questa   poesia   di   Renato   Zero   dedicata   al   grande   Ennio,   perché   semplice   e   vera.   E   anch’io   voglio   salutarlo.   Dirgli   che   una   sua   musica   ha   accompagnato   un   momento   della   mia   vita   molto   bello   e   importante:   i   mei    25   anni   di   matrimonio,   quando   tutto   per   me   era   ancora   bello,   quando   ancora   era   lontano  il   dolore.   Il   dolore   di   questi   mesi,    che   è   stato   costante   per   tutto   il   calvario,   non   ancora   finito   di   mio   nipote.   Nulla   si   è   potuto   ancora   fare   per   il   tumore   perché   tutto   ha   remato   contro.   Problemi   a   non   finire,    non   ultimo,   senza   sapere   bene   a   cosa   attribuire   ciò,   la   perforazione   dell’  intestino   con   conseguente   peritonite.   Preso   per   i   capelli.   Si   è   svegliato   e   altre   due   volte   di   nuovo   sotto   i   ferri   per   travaso   di   bile   che   nella   seconda   volta   non   c’era   per   fortuna.   Tutto   ripulito,   ora   in   terapia   intensiva,   aspettiamo.   Altro   non   si   può   fare.   Pregare,   tanto.   E   piangere,   ogni   giorno,   per   tanta   sofferenza   inaspettata.   Comunque   non   voglio   rattristarvi.   Il   mio   dolore   non   ha   requie,   nonostante   ciò   son   voluta,   con   fatica ,  tornare   qui   per   ringraziare   Ennio   Morricone   e   Giuseppe   Tornatore   per   aver   reso   la   serata   di   quel   25   settembre   del   2000,   una   serata   speciale.   Ho   voluto   festeggiare   quel   nostro   giorno   organizzando   la   serata   in   un   luogo   particolare ,  fuori   del   consueto.   In   un   locale   che   aveva   annessa   una   sala   con   un   grande   schermo   dove   poter   proiettare   le   nostre   fotografie   e   in   finale   la   scena   conclusiva   di   ”  Nuovo   Cinema   Paradiso  ”,   quella   dei   ”  baci”   con   in   sottofondo   la   musica   straordinaria   di   Morricone.   Piccoli   tavolini   rotondi   con   fiori   per   gli   invitati    posizionati   lungo   il   perimetro   della   sala,  e   musica   a   gogò   curata   da  Andrea   con   lo   schermo   dove   scorrevano   come   in   un   film   i   nostri   ricordi   più   belli.   E   con   la   scena   conclusiva   di   ”  Nuovo   Cinema   Paradiso”   applausi   a   non   finire.

Morricone    non   è   stato   solo   un   grande   musicista,   sensibile,   di   grande   respiro,   capace   di   cogliere   di   ogni   scena   di   film   che   avrebbe   interpretato   l’ anima,   l’  essenza   di   quello   che   traspariva   dall’  interpretazione   degli   attori,    ma   anche   un   grande   uomo.   Un   uomo   grande,   vero,   perché   profondamente   umile,   buono   di   cuore,   mai   sfacciato,   educato,   sempre   con   un   passo   indietro   più   che   avanti.

Una   testimonianza   la   sua   che   resterà   di   esempio   per   tutti,   soprattutto   per   coloro   che   credono   di   valere   solo   per   aver   raggiunto   il   successo,   che   senza   solide   basi   mai   durerà   a   lungo.   Studio   continuo,   sacrifici,   umiltà   amando   ciò   che   si   fa   con   passione,   con   dedizione   queste   le   armi   vincenti   di   un   uomo   schivo,   mai   sopra   le   righe.   Capace   di   trovare   un   equilibrio   perfetto   tra   la   musica   classica   e   quella   leggera,   generi   tra   loro   molto   diversi.   Edoardo   Vianello,   Mina   e   Gino   Paoli    sono   gli   interpreti   di   canzoni   famose   da   lui   arrangiate   in   maniera   geniale,   assolutamente   innovativa,   che   ancora   oggi   ricordiamo   e   canticchiamo.   Se   telefonando   di   Mina,   Sapore   di   sale   di   Gino   Paoli   o   Guarda   come   dondolo   di   Vianello,   resteranno   nella  nostra   memoria   indelebili.

 

 

 

 

Per  non   parlare   delle   sue   colonne   sonore   davvero   straordinarie.

 

MISSION :  

un   film   che   per   fotografia   ,   contenuto,   interpretazione   e   musica   è   in   assoluto   tra   i   miei   preferiti.

 

 

 

 

 

 

 

GLI   INTOCCABILI 

con   un   grande   Sean   Connery   e   Kevin   Kostner ,  Andy   Garcia   e  con   De   Niro   nei   panni   di   Al   Capone   (  ” solo   chiacchiere   e   distintivo  ”  ).   Indimenticabili   interpreti   e   la   musica…

 

 

 

PER   UN   PUGNO   DI   DOLLARI

   western   (   genere   che   adoro   )   con   il   grande   Clint   Eastwood   e   il   suo   intramontabile   poncho   e   il   nostro   Gian   Maria   Volontè

 

 

IL   BUONO   IL   BRUTTO   E   IL   CATTIVO

 

Sempre   con   Eastwood   il   buono,   Ely   Wallace   il   brutto,   e   Lee   Van   Cleef   il   cattivo.   Film   bellissimo

 

 

C’  ERA   UNA   VOLTA   IN   AMERICA

 

colonna   sonora   straordinaria   per   un   film   amaro,   a   tratti   malinconico ,   di   notevole   impatto.   Anche   qui   ancora   De   Niro   e   Elizabeth   Mc   Govern,   James   Woods.   Capolavoro   di   Sergio   Leone  

 

 

Si   potrebbe   continuare   all’  infinito,   ma   a   me   basta   qui   averlo   salutato   con   affetto,   ringraziandolo   per   avermi   accompagnata   al   cinema   godendo   della   bellezza   di   immagini   indimenticabili   rese   tali   dalla   sua   creatività   musicale.   Grazie   ENNIO,   direttore   d’orchestra   e   musicista   geniale

PS   Ho   dimenticato   di   dire   che   per   il   mio   anniversario,   l’invito   per   i   miei   ospiti   era   un   biglietto   a   colori   con   il   primo   piano   di   Rossella   O’ Hara    e   Rhett   Buttler    (   alias   Vivien   Leigh   e   Clark   Gable   )   come   apparivano   sul   manifesto   del   film   ”   Via   col   vento  ”   senza  il   titolo   del   film,   tagliato   da   Andrea,   solo   loro   due.

All’   interno   del   biglietto   avevo   riportato   una   frase   di   una   canzone   dei   ”   Cure  ”   di   cui   non   ricordo   più   il   titolo,   ma   il   cui   testo   era   questo   :

 

”   Non   c’è   nessun’ altra   in   tutto  

il   grande   mondo   che   mi   fa   sentire

in   questo   modo,   non   c’è

nessun   altro   in   tutto   

il   grande   mondo

che   mi   leva   il   respiro   ”

 

The   Cure