Visualizza immagine di origine

foxbackdrop.com

 

Stanotte

mi   sono   alzata

un   attimo,

e  

ho   aperto

la   finestra.

Ho   dato

un’ occhiata   fuori,

volevo

salutare   la   luna,

  mi   piace 

la   sua   compagnia.

Ma   invece   

che   vederla   da   lontano,

me   la   sono   trovata

a   due   centimetri

dal   naso.

E   stranamente

guardando   intorno

ho   avuto   l’impressione

che   ogni   cosa  

stesse   morendo.

Curvi

gli   steli   dei   fiori

sul   balcone.

Spogli

i   rami

di   tutti   gli   alberi.

L’  erba   del   prato

s’era   fatta   secca.

I   cani

assetati

cercavano   da   bere

Tremante

ho   richiuso

la   finestra.

Ho   stropicciato

gli   occhi

e   l’ ho   riaperta,

non   potevo   credere

a   quello   che  avevo   visto,

che   fosse   vero.

E   infatti,

tutto   era

al   suo   posto,

così   come

doveva   essere.

I   fiori   sorridevano

al   cielo,

gli   alberi   tutti

avevano

le   loro   verdi   foglie,

e   i   cani

bevevano   acqua

in   vecchie  fontane.

Mi   sono   allora

tranquillizzata,

e   ragionando

mi   son   detta  :

”   Vuoi   vedere

che   in   tutto    questo

c’ entra   la   luna ? ” 

Sapete,

a   volte

la   signora   del   tempo

e   del   destino,

è   bizzarra,

fa   i   dispetti,

e   allora   scende   dal   cielo,

si   avvicina   sempre   più

alla   terra,

e   tutti   impazziscono.

Per   fortuna

non   lo   fa   spesso, 

dopo   poco

riprende

il   suo   posto   lassù,

tra   le   stelle.

Anche   in   questo   caso

ha   fatto  

la    burlona,

ma

ora   brilla

di   nuovo   lontana

dal   mio   naso. 

Ha   ripreso   

il   suo   posto,

mi   par   quasi  

che   sorrida…

meglio   lassù

che   troppo   vicino

alla   terra.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2020

testo  :   copyright  legge   22   aprile   1941   n°   633