A   febbraio,   quando   ancora  potevamo   improvvisarci  turisti   senza   problemi   di   coronavirus,  ho   passato   un   week   end   straordinario   a   Lucca.    C’ eravamo   stati   di   passaggio   molti   anni   prima ,   quindi   non   l’  avevamo  apprezzata   appieno,   come   è   stato   invece   in   quei   tre   giorni.   Un   incontro   direi   acquetante.   Dimenticate   la   fretta,   dimenticate   il   pensiero   fisso   di   dover   visitare   certi   punti   spettacolari   come   potrebbe   essere   il   Ponte   Vecchio   a   Firenze,   la   Torre   Pendente   a   Pisa.   No.   Lasciatevi   andare,   qui ,  al   piacere    di   una   bella   passeggiata,   a   proprio   piacimento,   dentro   una   città   sorprendente   e   variata.   Una   città,   unica   ad   essere   in   Italia   ed   Europa,   ancora   oggi   interamente   cintata.

Le   mura   la   circondano   in   un   cerchio   cosiddetto   ”   arborato”.   Costruite   fra   il   1500   e   il   1600,   queste   mura   non   sono   cupe,   alte,   turrite,   irte   di   merli  come   quelle   medioevali,   bensì   costituiscono  un   riposante   e   verde   bastione   a   scarpata,   che   si   estende   per   4   km,   per   un ‘  altezza   di   12   m,   qua   e   là   scandito   da   baluardi   a   forma   di   cuore ,   e   percorso,   sulla   cima,   da   una   bella   strada   ombreggiata   da   due   file   di   alberi.   Questa   gigantesca   opera   militare,   fatta   per   proteggere   Lucca,   fu   terminata   troppo   tardi  :  l’ unica   invasione   respinta   fu   quella   delle   acque   del   Serchio,   di   cui   arrestarono   l’avanzata,   salvando   la   città   da   una   disastrosa   alluvione.   Le   mura   però,   hanno   contribuito   a   tutelare   l’ integrità   architettonica   del   nucleo   urbano   più   antico.   Nell’ Ottocento,   sotto   il   dominio   di   Maria   Luisa   di   Borbone,   persero   l’originario   aspetto   militare   e   furono   trasformate   dall’ architetto   e   ingegnere   Lorenzo   Nottolini,   in   un   magnifico   parco   pubblico   adorno   di   piante   secolari,   dove   si   vive   appieno   quel   piacere   di   cui   sopra :   un   passeggiare   piacevolissimo,   o   un   correre  per   mantenersi   in   forma .

 

Due   solitari   a   braccetto

Scorcio

La   coppia   di   prima   in   posa   per   la   foto   ricordo

Immortalato   da   lontano   senza   sapere   chi   sia…

Breve   sosta

 

Già   dalla   sommità   delle   mura,   la   città   appare   raccolta   in   sé   come   dentro   la   cavità   di   una   mano.   Tetti   di   vecchi   coppi,   giardini   pensili,   cupole,   campanili   merlati,   voli   di   piccioni,   la   Torre   dei   Guinigi,   alta   45   mt .  Nessuna   profanazione   visibile,   il   sole   che   fa   fatica   a   raggiungere   con   i   suoi   raggi,   le   strettissime   vie  medioevali.

 

foto   di   Andrea   Romani

 

”   Era   nella   città   di   Lucca   uno   gentile   uomo   della   famiglia   de’   Guinigi,   chiamato   messer   Francesco…Costui   ritrovandosi   in   Lucca   e   ragunandosi   sera   e   mattina   con   gli   altri   cittadini   sotto   la   loggia   del   podestà,   la   quale   è   in   testa   della   Piazza   San   Michele,   che   è   la   prima   Piazza   di   Lucca,   vide   più   volte   Castruccio…”

scrive   Niccolò   Macchiavelli   nella  sua   Vita   di   Castruccio   Castracani   da   Lucca  ,  una    biografia   romanzata   del   famoso   condottiero    che   narra   avvenimenti   diventati   leggendari.

 

foto  Andrea  Romani

Poi   si   prende   a   camminare   ed   è   un   piacere   perdersi    su   queste   strade   dall’  aspetto   insolito.   Perché ,   a   differenza   di   altre   belle   città,   dove   l’  orientamento   delle   vie,   il   traffico,   conduce   verso   quei   punti   dove   la   bellezza    dà   spettacolo   di   sé,  (   la   Piazza   della   cattedrale   o   del  municipio  ),   qui   a   Lucca,   nessun   colore   stridente.  La   città   si   mantiene   strana ,   irregolare,   inattesa.   La   bellezza   è   sparsa   ovunque,   come   un   dono.

La   Chiesa   di   S.   Martino,   ad   esempio,   con   la   facciata   mossa,   rosata,   striata,   e   col   più   bel   sepolcro   del   Rinascimento,   scolpito   da   Jacopo   della   Quercia ,   dove   giace   supina   la   delicata   Ilaria   del   Carretto,   sposa   di   Paolo   Guinigi,   il   viso   addormentato   in   un   sonno   di   cera,   il   collo   celato   nella   corolla   del   bavero,  il   guanciale   guarnito   di   nappe   che   s’ affloscia   appena   sotto   il   peso   del   capo ,   il   cagnolino   ai   piedi   come   a   ricordarle   la   vita,   in   maniera   struggente.

 

 

 

foto  Andrea   Romani

 

foto   Andrea   Romani

 

O   S.   Frediano,   la   cui   facciata   romanica   appare   d’ improvviso   ornata   di   un   grande   mosaico   splendente.

Visualizza immagine di origine

Planetware

 

Foto   Andrea   Romani

Bella   anche   questa   piazza   foto   Andrea   Romani

E   ancora   la   chiesa   di   S.  Michele   fondata   nell’  VIII   sec.   che   sorge   al   centro   di   quello   che   un   tempo   era   il   foro ,   cuore   della   città   romana   famosa   per   aver   ospitato   il   primo   triumvirato,   l’ accordo   tra   Cesare,   Pompeo   e   Crasso,   che   avrebbe   cambiato   la   storia.  Durante   il   periodo   medioevale,   si   doveva   accedere   all’interno   della    chiesa    attraverso   un   ponte   di   legno,   detto   Ponte   al   Foro,   per   la   presenza   di   un   canale   che   attraversava   tutta   la   piazza,   la   Fossa   Natali.
L’aspetto    attuale   della   chiesa   mescola   lo   stile   romanico   con   elementi   di   gusto   gotico.   La   facciata   si   presenta   composta   da   quattro   ordini   di   logge   ed   è   sormontata   dalla    maestosa   statua   in   marmo   raffigurante   l’arcangelo   Michele   che   sconfigge   il   drago   con   una   lancia:   secondo   la   leggenda   popolare   nelle   giornate   più   luminose   si   può   scorgere   lo   scintillio   dello   smeraldo   incastonato   in   tempi   antichi   sulla   superficie   della   statua.

Ogni   loggetta   è   sorretta   da   una   colonnina   ora   liscia,   ora  intarsiata,   ora   inghirlandata,   ora   avvolta   nelle   spire   di   una   serpe.

 

foto   Andrea   Romani

 

Una   sorpresa   bellissima   è   capitare   nella   famosa   ”   Piazza   del   Mercato  ”,   di   forma   ellittica,   circondata   da   un   anello   ininterrotto   di   case,   che   rispecchia   fedelmente   la   planimetria   dell’  antico   anfiteatro   romano.   Uniche   vie   d’  accesso   sono   quattro   fornici    che   in   un  qualche   modo   hanno   contribuito   ad   isolarla,   non   solo   materialmente,   dal   resto   della   città.   Per   i   ”  piazzaioli  ”,   così   vengono   chiamati   coloro   che   abitano   nella   piazza,   è   antica   tradizione ,   nei   giorni   festivi,   giocare   a   tombola   all’  aperto.   Nel   caso   si   metta   a   piovere,   l’  ottima   acustica   della   piazza   permette   di   continuare   il   gioco   dalle   finestre   delle   case ,   chiamando   a   gran   voce   i   numeri   estratti.

(   Fornici  : 

costruzione   arcuata,   atta   a   sorreggere   o   coprire   qualsiasi   ambiente   o  spazio:      significa   tanto   l’arco    quanto   la   vòlta   formata   di   parecchi   archi.   Gli   scrittori   latini   usano   fornix   per   tutti   gli   archi,   a   qualunque   uso   destinati:   archi   di   sostegno,   arcate   di   acquedotti,   archi   di   trionfo.   Il   significato   si   estese   quindi   all’  ambiente   coperto   dal   fornice,   indicando   così:   passaggi   coperti   a   vòlta   nelle   mura   o   nelle   torri   di   piazze   fortificate:   camere   a   vòlta   destinate   agli   schiavi   di   minor   conto;   locali   al   disotto   del   livello   stradale,   spesso   ritrovi   di   corruzione   (  da   qui   il   significato   di   fornicare). 

Enciclopedia   Treccani  )

 

La   Piazza   del   mercato   di   sera   foto   Andrea   Romani

Altra   angolazione   foto   Andrea   Romani

 

  Era   già   notte   quando   raggiunsi   la   città   di   Lucca.   Come   mi   era   parsa   diversa   ,   la   settimana   prima ,   quando   avevo   percorso   di   pieno   giorno   le   vie   deserte   e   piene   di   eco,   e   m’  era   parso   di   essere   piovuto   in   una   delle   città   incantate   di   cui   le   fiabe   della   mia   nutrice   narravano. La   città   era   silenziosa   come   una   tomba,   tutto   era    scolorito    e    morto,   la    luce   del   sole   giocava sui   tetti   con   lo   stesso   scintillio   delle   foglie   d’oro   delle   corone   messe   in   testa   ai   morti;   qua   e   là,   dalle   finestre   di   qualche   vecchia   casa   in   rovina,   pendevano   tralci   d’edera   come   lacrime   verdi   inaridite;   dappertutto   muffa   luminescente   e   morte   paurosamente   in   agguato;   la   città   sembrava   il   fantasma   di   una   città,   spettro   di   pietra   apparso   in   pieno   giorno…”.  

Il   grande   poeta   tedesco   Heinrich   Heine   (   1797  –  1856  )   dedicò   alla   città   toscana   addirittura   due   dei   suoi   Reiselbilder,   impressioni   o   quadri   di   viaggio :  I   bagni   di   Lucca   e   La   citta’   di   Lucca .  

Questo    scritto   è   tratto   proprio,   ovviamente,   da   ”  La   città   di   Lucca  ” 

 

Ditemi,   sapete   chi   nacque   in   questa   splendida   città  ?    Giacomo   Puccini,   che   abbiamo   avuto   l’  onore   di   incontrare,   comodamente   seduto,   quasi   ci   stesse  aspettando,   fumando   un   sigaro,     nella   Piazza   della   Cittadella .

 

Nelle   vicinanze    c’è   la   sua   casa   natale,   dove  nacque   il   22   dicembre   1858.   La   Piazza   è   un   suggestivo   ritrovo   di   osterie,   bar ,   ristoranti   con   menù   dedicati   al   famoso   compositore.   La   sua   dimora ,   oggi   è   un   piccolo    museo,   dove   ci   sono   oltre   al   pianoforte   personale   Stainway & Sons   (  acquistato   da   Puccini   nella   primavera   del   1901   su   cui   compose   la   sua   ultima   opera ) ,   che,   grazie   al   restauro   filologico   della   ditta   Roberto   Valli   di   Ancona,   ha   mantenuto   intatte   le   sue   caratteristiche   originali  ,   parecchi   costumi   di scena   indossati  nelle   opere   da   lui   musicate,    dalla   Turandot    alla   Tosca  e   via   dicendo.   La   casa   dopo   la   morte   della   madre   verrà   data   in   affitto,  poiché   sia   Giacomo   sia   il   fratello   risiedevano   a   Milano   e   le   sorelle   erano   tutte   sposate.   Quando   queste   rinunciarono   all’  eredità,   i   figli   maschi   divennero   gli   unici   proprietari.   Nel   settembre   del   1889   i   due   fratelli   vendono   la   casa   al   cognato   Raffaello   Franceschini,   con   nel   contratto   una   clausola   che   garantiva   loro   di   poterla   riacquistare.   Dopo   il   successo   di   Manon   Lescaut  (  1893  ) ,  Puccini   tornò   proprietario   della   casa   che   passò   poi   ai   suoi   eredi.   La  nuora   Rita   Dell’  Anna   nel   1974   dona   la   casa   alla   Fondazione   Puccini,   con   la   volontà   che   fosse   trasformata   in   museo.  E   così   fu.   Inutile   dire   che   visitarla   è   fonte   di   grande   emozione,   per   il   viaggio   che   all’interno   si   può   fare   della   vita   musicale   e   non   solo   del   grande   compositore.   Ci   sono   scritti,   partiture,   fotografie.   Un   percorso   che   arriva   fino   alla   sua   morte.  Le   immagini,   prima   nel   suo   letto   di   morte,   per   cancro   alla   laringe,   e   poi   del   suo   funerale,     alla   quale   partecipò   una   fiumana   di   gente,   sono   indubbiamente   molto   coinvolgenti.  Una   casa   molto   di   fascino,   dove   potrete   anche   vedere   la   camera   dove   nacque,   la   soffitta   ”   bohème  ”   adibita   a   studio   e   la   finestra   da   cui   si   può   godere   di   una   vista   particolare  :   i   tetti   di   Lucca   fino   a   notare   in   lontananza   la   torre   del   Guinigi  .   Nella   ”   Sala   Turandot  ”    rimarrete   incantati   davanti   al   ricco   costume   di   scena   per   il   II   atto   della   ”   Turandot  ” ,   donato   da   Maria   Jeritza,   a   ricordo   del   primo   allestimento    dell’  opera,   al   Metropolitan   Opera   House   di   New   York Non   dimenticate  di   visitarla

 

Sala   Turandot

 

O   ancora   davanti   ai   costumi   di   Tosca   e   Scarpia

 

 

 

cappotto   del   maestro

 

Madame   Butterfly

 

Non   aggiungo   altro.   Vi   dico   solo   di   visitare   Lucca,   ne   vale   la   pena

 

Notizie   da   un   articolo   di   Grazia   Livi   da   Le   splendide   città   d’ Italia   (   Selezione   dal   Reader’s   Digest  )

 

Carissimi,   approfitto   per   dirvi   che  il   periodo   buio   che   sto   attraversando   in   famiglia,    non   direttamente,   ma   che   sta   toccando   un   mio   nipote,   non   mi   lascia   la   mente   libera.   Verrò   a   salutarvi   quando   posso.   Perdonatemi   ma   ho   dentro   un   dolore   che   è   insopportabile.    Questo   è   un   post   che   ho   mandato   avanti   lentamente.   Spero   che   le   cose   migliorino.   Auguro   a   tutti   voi   una   buona   ripresa   dopo   il   maledetto   coronavirus   che   ha   complicato   di   molto   le   nostre   vite.   Spero   di   tornare   a   sorridere.   Pregate   per   mio   nipote. Ha   solo   35   anni.

Vi   abbraccio.   Vi   voglio   bene

La   vostra   Isabella