Nulla   in   eterno   dura

Donna con il parasole rivolta verso sinistra di Claude Monet

 

it.wikipedia.org    Donna   col   parasole   –   Monet

 

Mi   venne  incontro

un   dì  

di    maggio.

Fu   subito

per   me,

palpito   d’  amor ,

e   più   da   lui

  io   non  distolsi

il    guardo.

Mi    piacquero

i   suoi  occhi  

ed   il   sorriso,

in   lui   vedea  

beltà   e   amor.

Ma   nulla   ahimè

in   eterno  dura.

E   qui  

son’ora

sola,

a   pianger

e   rimembrar,

così   come   ancor

aspettar  

da   lui ,

  sorrisi  

e  guardo.

Ed   a  sperar

che  avanzi,

incontro  a  me ,

in  un  nuovo  

dì   di   maggio.

 

Isabella   Scotti   2014

testo   :   copyright   legge  22   aprile   1941   n°   633

 

Nei   mesi   oscuri…  

 

Visualizza immagine di origine

Nei   mesi   oscuri

la   mia   vita

  scintillava

solo   quando

mi   aggrappavo

  ad   un   pensiero  :

poter   venire

a   trovarti

ancora

e   dire

 ”  ciao   mamma

dove  andiamo   oggi

a   far   danno  ? ”

Tutti   i   giorni

sentivo   parlar

di   morte,

e   non   c’era

 luce

in   fondo

al   tunnel.

Erano

  mesi   oscuri,

di   paura,

d ‘ insicurezza.

Eravamo   lontane

ma   vicine

col   cuore.

Poi   un   giorno

vidi

  dalla   finestra,

posarsi

sul   ramo

di   quell’ albero,

uno   strano

passerotto,

tutto   colorato.

Assomigliava

quasi

ad   un   arcobaleno.

Quella   visione

mi   aiutò

a   riconoscere

alla   fine

  del   tunnel

un   po’  

di   luce.

Sì  ,

dopo

   tanta   attesa

ci   saremmo  

riviste

e   abbracciate.

Finiti

i   mesi   oscuri

della   preoccupazione,

stavano

per   tornare

ne   ero   sicura,

quelli

della   serenità

e   della   gioia.

 

Isabella   Scotti   marzo  2020

testo   :   copyright   legge   22   aprile  1941   n°   633

Citazione   in   neretto   dalla   poesia   ”  Sfere   di   fuoco  ”   di   Tomas   Transtromer

 

Carissimi   mi   piacerebbe   potervi   tutti   abbracciare   e   di   voi   aver   notizie.    Come   state?   Sappiate   che   vi   penso

tutti   spesso.   Questa   prigione   forzata   ci   aiutera’   a   sconfiggere   la   ”  bestia”,   siatene   certi.   Torneremo

gradualmente,   anche   se   non   a   breve,   a   sorridere.   Lo   dobbiamo   per   i   nostri   figli   e   per   i   nostri   nipoti.

Lasceremo   loro   un   mondo   migliore,   ne   sono   certa.   Il   pc   è   ormai   sequestrato   per   lavoro.   Saltuariamente,

se   potrò   la   sera,   qualche   volta,   verrò   a   trovarvi.   Sappiate   che   vi   ho   nel   cuore   tutti.

Un   caro   abbraccio   e   bacioni

La   vostra   Isabella