Visualizza immagine di origine

venetouno.it

 

ODIO   E   AMO

 

MONOLOGO   PER   CONCORSO   TEATRALE   LIBERAMENTE   ISPIRATO   AI   VERSI   DI   CATULLO

 

Sai,   stanotte   invece   di   dormire,   mi   sono   messa   a   pensare.   Mi   chiedi   a   cosa  ?   A   chi   ?   In   realtà   ho   riflettuto   su   ciò   che   mi   hai   detto   quando   ci   siamo   visti   nel   pomeriggio,   soffermandomi   su   quelle   tue   parole   che   mi   hanno   molto   colpito :   ”   ODIO   e   AMO  –  Forse   tu   ti   chiedi   perché   io   lo   faccia.   Ma   sento   che   accade   e   ne   sono   tormentato  ”

Sono   parole  che   mi   sono   rimbalzate   in   testa   tutta   la   notte,   alle   quali   non   posso   non   rispondere.

Già.   ODIO   e   AMO.   Credi   mio   caro   d’ essere   l’  unico   ad   agitarsi   per   questo  ?   Di   amare   e   di   odiare   anch’   io   sono   capace.   Siamo   essere   umani   mio   caro,   e   odio   e   amore   facce   della   stessa   medaglia   da   che   mondo   è   mondo.   Tu   ti   chiedi   il   perché   di   questi   opposti   che   invadono   il   tuo   cuore ?

Mio   caro,   non   agitarti.   Entrambi   vivono   in   noi.   Una   volta   è   più   forte   l’  uno,   una   volta   l’  altro.   Basta   sapersi   ”  governare ”   e  ” governarli   ”. Fare   in   modo   che   l’ odio   non   vinca   sull’ amore.   Guarda   me   ad   esempio.

 

ODIO  ?   Sì,   con   tutto   il   mio   cuore   è   la   guerra   che   non   sopporto,   l’  ingiustizia   umana,   la   stupidità,   la   superficialità,    l’  ignoranza,   la   violenza   sia   fisica   che   verbale.

Ma   sapessi   quanto   di   più   io   sono  capace   d’ amare.

 

AMO   quando   stiamo   insieme

AMO   ascoltar   l’ usignolo   cantare

AMO   quando   un   refolo   di   vento   mi   scompiglia   i   capelli

AMO   lasciar   che   la   poesia   m’ inebri   il   cuore

 

AMO.   Non   posso   esimermi   dal   farlo.   Brucia   in   me   la   passione.   Forte   mi   consuma.

AMO   le   tue   mani   quando   mi   cercano,   quando   mi   accarezzano,   le   tue   labbra   che   voglio   unite   alle   mie.

 

MA   COME…

ODIO   quando   te   ne   vai   e   mi   lasci   sola

ODIO   la   pioggia   che   scende   improvvisa   e   cancella   le   tue   orme

ODIO   questo   nostro   stare   insieme   quando   tu   non   mi   desideri.

 

E   mi   tormenta   il   silenzio,   quando   non   ci   sei,   il   non   sentire   la   tua   voce,   il   non   averti   qui.

 

Vedi  ?   Ogni   giorno   combatto   mio   caro,   e   vinco.   Sapessi   come   son   felice,   quando   vedo   che   l’  odio   che

è   in   me   all ‘ improvviso   ha   un’ impennata,    e   si   placa.    Mi   sento   più   serena,    sorrido   di   più,   il   cuore   è

più   leggero.  Riacquisto   fiducia   in   me   stessa,   sono   più   ottimista   e   penso   a   te   con   tenerezza,   e   t’ amo

anche   quando   non   ci   sei.

Affiora   allora,   in   quel   momento,   netta,   in   me,   la   consapevolezza   che   tra   i   due   sentimenti   a   prevalere ,

ad   averla   vinta,   è   in   fondo   sempre   l’  amore.   Fai   come   me   e   ti   sentirai   bene ,  vedrai.

 

Basta   lasciarsi   andare…   ci   vuole   così   poco

AMARE,   SEMPLICEMENTE   AMARE

 

Isabella   Scotti   dicembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Questa  volta   non   ho   vinto,   ma   non   è   detto   che   non   ci   riprovi.

Passate   un   buon   week   end   amici.   Vi   abbraccia   forte

la   vostra   amica    Isabella