Dicono   che
”  le   persone   non   cambiano,
si   rivelano.  ”
Quanta   verità
in   questa   affermazione.
Io   penso   infatti
che   dentro , 
tu,
uomo   marcio,
avessi   già
il   germe   del   male,
prima   di   farlo,
quella   volta,
a   me.
Solo
che   non   appariva,
sapevi  
ben   mascherarlo.
Poi,
un   giorno
ti   sei   rivelato
per   quello   che
effettivamente   sei :
una   canaglia.
Un   volgare
”   assassino  ”,
perché    allora,
anche   se   
per   mia   fortuna,
non   sono   morta,
hai   ucciso
il   figlio
che   portavo  
in   grembo.
Non   sono   morta
nel   corpo,
ma   nell’  anima   sì.
Quando   mi   hai   preso
a   martellate
e   mi   hai   accoltellata,
e   non   contento,
mi   hai   anche   dato   fuoco,
io   ho   avuto
nitida,
anche   attraverso
dolori  insopportabili,
la   consapevolezza
di   aver   conosciuto
una   bestia   inumana
rivelatasi
in   tutta   
la   sua   crudeltà.

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

Dedicata   a   Barbara   Bartolotti   che   ora,   dopo   16   anni,   da   quel   triste   e   terribile   episodio   vissuto,   dopo   diverse  operazioni   e   la   nascita   di   una   nuova   figlia,   a   Palermo   ha   dato   vita   ad   una   associazione   ”   Libera   di   vivere” ,   per   aiutare   chi   ha   bisogno   di   un   sostegno   concreto   in   caso   di   violenza.

 

E    questo   un   piccolo   racconto

 

Charme,   occhi,   ombrello,   passeggiata,   bacio

cinque   parole   da   cui   partire

Avanzava    col    suo   solito   charme,   quel   giorno,    mentre   faceva   una   tranquilla    passeggiata.  Il   cielo   era   grigio,   si   sentì   costretta   quindi   a   prendere   un   ombrello,   anche   se   mal   sopportava   l’ idea   che   dovesse   piovere.   Camminava   pensando   al   suo   lavoro   che   sì,   le   stava   dando   qualche   preoccupazione ,  ma   che   in   fin   dei   conti   l’ aveva   aiutata   ad   essere   indipendente   da   quell’   aguzzino   che   era   stato   in   casa,   Sergio ,   suo   marito.    Tutte   le   vessazioni   subite   per   troppo   tempo,   le   violenze   lasciate   per   cominciare   una   nuova   vita.    Ora   aveva   un   altro   uomo.   Quando   guardava   i   suoi   occhi   ci   vedeva   il   sole  e   finalmente   era   conscia   che   il   suo   bacio   non   era    come   quello   che   prima   subiva,   costretta  a   forza   ,   violentata   dal   bruto   col   quale   aveva   prima   vissuto,   credendo   fosse   il   vero   amore.    No,   questo   lo   era   e   lo   riconosceva   per   il   rispetto   e   la   tenerezza    che   Guido   le   dimostrava   ogni   giorno.   Era,   anche   se   iniziava   appena   a   piovere,   felice.   Non   si   era   accorta   di   come   qualcuno   la   stesse   seguendo,   assorta   com’ era   nei   suoi   pensieri.   Così   non   ebbe   il   tempo   di   accorgersi   di   nulla,   sentì   solo   la   lama   di   quel   coltello   conficcarsi   nella   schiena,   profondamente   a   lacerare   la   sua   carne.   Si   girò   istintivamente   per   capire,   mentre   il   sangue   fluiva   abbondante,   e   piano   si   accasciava   a   terra.   Il   tempo   per   riconoscere   Sergio   e   chiudere   gli   occhi   per   sempre.

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

25   novembre   Dedicata   a   tutte   le   donne   vittime   della   brutalità   di   uomini   bestie