”  A   TUTTI    E’   DOVUTO   IL   MATTINO,   AD   ALCUNI   LA   NOTTE.   A   SOLO   POCHI   ELETTI   LA   LUCE   DELL ”  AURORA  ”

EMILY   DICKINSON

 

 

foto   personale   Andrea   Romani

 

Ecco,   guardate.   Nell’ estrema   oscurità   dell’  inverno   islandese   sorge   improvvisa   l’ aurora.

 

Rossa   fiamma,   bagliore   di   fuoco.

foto   personale   Andrea   Romani

 

Foto   personale   Andrea   Romani

 

L’ intensità   dell’ aurora   purtroppo   non   era   elevata,   ecco   il   perché   della   persistenza   del   buio.   Ciononostante

uno   spettacolo   unico.   Ed   ora   guardate…

 

foto   personale   Andrea   Romani

Notare   le   stelle,   nitide   come   non   mai.    E   pensate   che   Andrea   ha   anche    visto   ben   tre   stelle   cadenti,  (  con   desideri espressi  )   mentre   noi   col   naso   all’insù   ad   agosto,   nemmeno   l’ ombra.

 

 

 

Qui   i   colori   del   cielo,  l’  azzurro   che   di   verde   si   tinge…

 

           

Foto   Andrea   Romani

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

 

Questa   sotto   è   una   foto    scattata  invece   da  un   amico  di   Andrea ,   Francesco   Calò , con   una   macchinetta   Canon   con   obiettivo   Fish . eye,

quella   sopra   di   Andrea   al   contrario   montava   un   obiettivo   18 – 105 mm   su   di   una   Nikon   zoomando   su   di   un   particolare   dell’  aurora   boreale   in   cielo.

 

 

Qui   sotto   sequenze   del   sorgere   dell’ aurora.   La    poca  nitidezza   dipende    dal   tipo   di   obiettivo   usato.

 

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   personale   Andrea   Romani

foto   personale   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

foto   Andrea   Romani

”  L’  AURORA   E’   IL   TENTATIVO ,   DEL   VOLTO   CELESTE,   DI   SIMULARE,   PER   NOI,   L’  INCONSAPEVOLEZZA

  DELLA   PERFEZIONE  ”

EMILY   DICKINSON

Quando   il   cielo   notturno   s’  imporpora,   quando   nel   nero   della   notte   galleggiano   luci   simili   a   torce   o   a   lampioni,   quando   quei   soli   notturni   rischiarano   il   buio   sino   a   dargli   le   sembianze   del   giorno,   allora   c’è   da   aspettarsi   avvenimenti   straordinari,   giacchè   le   aurore   boreali   sono   un   fenomeno   infrequente   alle   nostre   latitudini.   Si   spiega   così   il   fatto   che   sia   i   contadini   del   Beauce,   a   sud- ovest  di   Parigi,   che   quelli   della   Corsica,   ricordino   ancor   oggi   un’   aurora   boreale  prima   della   guerra   del   1870.   Per   certi   pescatori   che   navigano   alle   alte   latitudini,   le   aurore   boreali   sono   invece   formate   da   una   moltitudine   di   piccole   mosche   rosse.

Le   aurore   polari,   dette   più   comunemente   boreali,   possono   durare   pochi   minuti   o   un’ intera   notte.   Sono   formate   da   particelle   solari   elettrizzate   e   intrappolate   nell’  alta   atmosfera    dal   campo   magnetico   della   terra.   Il   nostro   pianeta   infatti,   agisce   come   una   calamita,   le   cui   estremità   sarebbero   ai   poli.   Ecco   perché   alle   nostre   latitudini   le   aurore   boreali   sono   estremamente   rare   :   sono   privilegio   degli   abitanti   del   grande   nord   o   del   profondo   sud.   A   noi   resta   il   sogno   di   poterne   vedere  una,   come   è   successo   ad   Andrea ,   facendo   i   turisti.

 

Ed   ora   una   poesia   di   Pablo   Neruda

 

E’    oggi:    tutto   l’ieri   andò   cadendo
entro   dita   di   luce   e   occhi  di   sogno
domani    arriverà   con   passi   verdi:
nessuno   arresta   il   fiume   dell’aurora.

Nessuno    arresta   il   fiume   delle   tue   mani,
gli   occhi   dei   tuoi   sogni    beneamata,
sei   tremito   del   tempo   che   trascorre
tra   luce   verticale   e   sole   cupo,

e   il   cielo   chiude   su   te   le   sue   ali
portandoti,   traendoti   alle   mie   braccia
con   puntuale,   misteriosa   cortesia.

Per   questo   canto   il   giorno   e   la   luna,
il   mare,   il   tempo,   tutti   i   pianeti,
la   tua   voce   diurna   e   la   tua   pelle   notturna.

Pablo    Neruda

 

E   anche   una  ” mia ”  con   l’incipit  ”   domani   arriverà   con   passi   verdi”

Tutto   è   cambiato.
La   notte
s’è   tramutata
in   giorno.
Bagliori
di   un   nuovo   inizio
illuminano
il   cielo.
Domani
arriverà   con   
passi   verdi.
Ormai   ci   sei   tu,
la   mia   aurora.

Isabella   Scotti   novembre   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Tornando   in   albergo,   in   autobus   sotto   una   tempesta   di   neve,   tutti   a   pensare   che   mai    sarebbero    riusciti

a   vedere   l’ aurora.   Ma   la   guida   del   posto,  esperto   conoscitore   di   albe,   tramonti   e   aurore   islandesi,   ha

portato   Andrea   e   gli   altri   del   gruppo,   a   scoprirla   nascosta   dietro   una   nuvola.   Le   altre   miracolosamente

si   allontanano,   e   lasciano   intravedere   dietro   quella   nuvola,   una   luce   straordinaria.   Eccola…sta   sorgendo.   E’   l’  aurora.

Momento   indimenticabile   per   tutti.

 

bufera   di   neve   in   aerea   di   servizio