Scatto   in   notturna   della   Catedral      di   Andrea   Romani   

A   differenza   delle   ampie   chiese   reali   francesi,   che   seguono   lo   schema   della   basilica   con   tre   o   cinque   navate   e   un   deambulatorio   classico (   corridoio   semi –  circolare   tutt’attorno   al   presbiterio ),   la   cattedrale   di   Siviglia   risponde   a   una   tipologia   autonoma,   diffusasi   soltanto   in   Spagna :   è   infatti   concepita   come   una   basilica   simile   ad   un’  ampia   aula   inserita   in   un   perimetro   quadrato   che   si   rifà   probabilmente   alla   moschea   moresca.   Le   sue   Cinque   navate   hanno   una   lunghezza   di   circa   126   metri   e,   comprendendo   la   navata   centrale,   le  navate   laterali   e   le   cappelle   inserite   tra   i   contrafforti,   si   estendono   raggiungendo   una   larghezza   di   circa   82   metri,   impossibile   da   trovare   in   altre   chiese.

Il   coro   e   la   Capilla   Mayor,   posizionati   nella   navata   centrale   a   est   e   ad   ovest   rispettivamente   del   quadrato,   contribuiscono   a   dare   l’  impressione   di   un   corpo   estraneo,   chiuso  in   se   stesso,   che   assomiglia   ad   una   meravigliosa   stanza   del   tesoro.   Costruzioni   successive   si   vanno   ad   incastonare   nella   base   gotica :   la   Capilla   Real  fu   infatti   costruita  per   volere   di   Carlo   V   nell’ abside   orientale,   su   di   una   cappella   più   antica,   mentre   nella   parte   meridionale   furono   erette   nel   XVI   secolo   la   Sacristia   Mayor,   e   la   sala   del   capitolo,   mentre   nel   XVII    e   nel   XVIII   secolo   fu  la   volta   del   complesso   barocco   destinato   all’ amministrazione.   Per   la   realizzazione   della   Capilla   Mayor   furono   impiegati   all’ incirca   100   anni.   Opera   progettata   da   Pieter   Dancart,   scultore   fiammingo,   iniziata   nel   1482,   intagliata   in   legni   pregiati  (   noce,    castagno   e   larice  ),   ha   la   forma   di   un   trittico,   coronato   da   un   baldacchino   e   delimitato   da   una   traversa.

” Tutto   è   forza   e   maestà,   come   se   dal   mondo   reale   passassimo   in   una  grotta   gigantesca,   sistemata   da   un   gigante   affascinato   dalla   geometria,   dalla   simmetria,  dall’ordine ”     

Fernando   Chueca   Goitia (   architetto   e   saggista   spagnolo   1911  –  2004  )

All’interno   della   casa   di   Dio   l’  osservatore   percepisce   la   spinta,   tipica   delle   cattedrali   spagnole   di   una   spazialità   sempre   maggiore  :   nonostante   l’altezza   delle   volte   (   35, 50  metri   nella   navata   centrale   e   in   quelle   trasversali,   24   metri   nelle   due   doppie   navate   laterali  )   domina   l’ impressione   generale   di   una   vasta   aerea,   apparentemente   sconfinata.      Solamente   il   coro,   posto   al   centro,   può   pregiudicare   in   parte   questa   sensazione.    Coro   terminato   da   Nufro   Sanchez   nel   1478,   splendida   fusione   degli   stili   gotico,   mudéjar   e   plateresco,   opera   sicuramente   tra   le   più   belle   della   Spagna   meridionale.

                          Interno    Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Coro     –    Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Capilla   Mayor      Foto   di   Andrea   Romani

 

                          Tomba    di   Cristoforo   Colombo       Foto   di   Andrea   Romani

Al   centro   del   transetto   meridionale  ecco   la   tomba   di   Colombo   ,   eretta   intorno   al   1900.   Colombo,   che   pare   volesse   essere   sepolto   a   Santo   Domingo,   venne   invece   sepolto   nel   1506   a   Valladolid   nel   monastero   certosino   di   Siviglia.   Su   richiesta   della   moglie   del   nipote,   però,   Carlo   V   decise   di   soddisfare   le   volontà   del   defunto,   anche   se   non   esistono   dati   certi   a   riguardo.Si   dice   che   una   commissione   su   insistenza   dei   principi   ecclesiastici,   giunse   nel   1795   a   Santo   Domingo,   prese   l’urna  e   la   trasportò   a   Cuba,   da   dove   nel   1892   partì   pare   alla   volta   di   Siviglia.   Ma   poiché   la   vera   urna   fu   scoperta   nel   1877   nella   cattedrale   di   Santo   Domingo,   non   sembra   probabile   che   i   quattro   araldi,   rappresentativi   dei   quattro   regni   spagnoli,   stiano   trasportando   i   resti   di   Colombo.   Anche   se   l’iscrizione   suggerisce   il   contrario :

”   Quando   l’isola   di   Cuba   si   divise   dalla   madrepatria   spagnola,   Siviglia   ricevette   i   resti  di   Colombo   e   i   maggiorenti   di   questa   città   fecero   costruire   questo   ricordo  ”

 

Foto   di   Andrea   Romani

 

Cattedrale

che   illuminata   nella   notte

sembra   maestosa    dominar

la   città

Siviglia

 

Isabella   Scotti   agosto   2018

testo :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

Fonte   Arte   ed   architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hitzen  –  Bohlen