foto   personale   ARQUA’   –    Studio   del   Petrarca   e  sua   sedia   personale.

 

Là,

seduto   stavo ,

a   rimembrar

per   ore

Laura  ,

” colei   che   sola   a   me  
par   donna”.

Là,

assorto

nei   miei   pensier

comparir   io

la   vedea…

Amor   leggiadro

il   cor

m’ inteneriva,

gli   occhi   socchiusi,

a   seguir

di   lei

dolce   rimembranza.

Oh,

tenera   fanciulla

fior   tra   i   fiori,

a   me   sì   cara.

Tenero    Amor   sofferto,

a   lungo   desiato,

solo   a   te

il   mio   pensier

facea   ritorno ,

quando   sempre

più   stanche

si   facean

le   mie   membra .

A   te  ,

dolce   Laura,

leggiadra   fanciulla,

sospiro

de’   verdi   miei   anni.

 

Isabella   Scotti   agosto   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

Ad   Arquà   Petrarca   visse   i   suoi   ultimi   quattro   anni  di   vita   e   qui   è   morto   il   19   luglio   del   1374.

Così   D’  Annunzio  parlava   di   questo   borgo   medievale   nel   suo   romanzo   ”   Il   fuoco”   scritto   nel   1900

” Guardate laggiù i Colli Euganei, Foscarina. Se il vento si leva, andranno vagando per l’aria come veli, ci passeranno sul capo. Non li ho mai veduti così trasparenti…   Un giorno vorrei andare con voi ad Arquà. I villaggi sono rosei laggiù come le conchiglie che si trovano nella terra a miriadi. Quando arriveremo, le prime gocce d’una pioggerella improvvisa toglieranno qualche petalo ai fiori dei peschi. Ci fermeremo sotto un arco del Palladio, per non bagnarci. Poi cercheremo la fontana del Petrarca, senza domandare a nessuno la via. Porteremo con noi le Rime nella piccola stampa del Missirini, quel libretto che tenete presso il capezzale e che ormai non si può più chiudere perché s’è gonfiato d’erbe come un erbario da bambola… Volete che andiamo, un giorno di primavera, ad Arquà? Ella non rispondeva ma gli guardava le lebbra che dicevano quelle gentili cose; e, senza speranza, si piaceva del suono e dell’atto e non d’altro, fuggevolmente. In quelle imagini di primavera e in una sestina del Petrarca era per lei il medesimo incanto lontano. […] E prese per le mani la donna, la scosse un poco, la guardò in fondo agli occhi, tentò di sorridere; poi la trasse verso il sole, su l’erba del prato. “Che tepore! Senti? Com’è buona l’erba!” Egli socchiuse gli occhi per ricevere i raggi sulle palpebre, subitamente ripreso dalla voluttà di vivere. Ella lo imitò, sedotta dal piacere del suo amico; e di tra i cigli guardava la bocca di lui fresca e sensuale. Rimasero così per qualche attimo sotto la carezza del sole, con i piedi nell’erba, con le mani nelle mani, sentendo nel silenzio palpitare le loro vene come ruscelli che si fanno più rapidi quando il gelo si discioglie a primavera. Ella ripensò i Colli Euganei, i villaggi rosei come le conchiglie fossili, le prime gocce della pioggia su le foglie nuove, la fontana del Petrarca, tutte le gentili cose.  ”

da Il fuoco, 1900

E   così   lo   ritrovate   scritto   su   di   una   targa   entrando   nel   borgo.   Un   luogo   vi   assicuro   dove   vi   potrete   immergere   in   un’ atmosfera   del   tutto  inusuale,   immaginando   il   sommo   poeta ,   Francesco   Petrarca,   passeggiarvi   accanto,   e   dove   emozionandovi,   come  è   successo   a   me,   visitare   la   sua   casa,   un   piccolo   gioiello   davvero.  Qui   sotto   vi   faccio   vedere   qualche   foto   della   casa,    con   i   ritratti   del   Petrarca   e   di  Laura,   e   del   suo   giardino  .

 

 

.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lassù   a   destra   il   ritratto   del   grande   Petrarca

Il   borgo   situato  sulle   pendici   del   Monte  Piccolo   e   del   Monte   Ventolone   nei  Colli   Euganei   ha   origini   molto   antiche.   Il   suo   nome  deriva   dal   latino   Arquatum   o  Arquata,   modificata   durante   la   dominazione   veneziana   in   Arquada   e   poi   Arqua   ma   solo   con   l’annessione   del   Veneto   al   Regno   d’Italia   nel   1868   in   Arquà   Petrarca   per   omaggiare   il   sommo   poeta .   Lo   stesso   Petrarca   così   lo   descriveva

”  Vasti boschi di castagni, noci, faggi, frassini, roveri coprivano i pendii di Arquà, ma erano soprattutto la vite, l’olivo e il mandorlo che contribuivano a creare il suggestivo e tipico paesaggio arquatense 

Pare   ch’egli   conobbe   questo   piccolo   borgo   di   cui   s’innamorò, visitandolo    nel   1364   mentre   si   trovava  ad  Abano   Terme,   per   curarsi   dalla   scabbia.   E   nel   1369   vi   si   reco’   dopo   che   Francesco   il   Vecchio,   gli   fece   dono   di   un   appezzamento   di   terra   proprio   ad   Arquà.   Il   poeta,   che   nel   1365   era  divenuto   canonico   presso   la   colleggiata   di   Monselice,   seguirà   nel   1369   di   persona   i   lavori   di   restauro   della   casetta   che   comincerà   ad   abitare   nel   1370,   dando   inizio   così   al   suo   ”   buen   retiro  ”.

Ed   ora   qualche   foto   del   borgo

 

 

 

Quando   morì   il   Petrarca  tra  il   19   ed   il   20   luglio   1374   si   fecero  dei   sontuosi    funerali    e   il   piccolo   borgo   iniziò  a   diventare   meta   ambita   di   ammiratori   e   non   solo,  che    da   tutta   Europa   diedero   il   via,   sulla   scia   della   cosiddetta   ”  moda   petrarchesca”,   ad   una   sorta  di   turismo   letterario  che   portò   a   far   vivere   i   Colli   da    scrittori   e   poeti   di   fama   internazionale,   tra   cui   Shelley,   il   Foscolo,   fino   ad   arrivare    a   D’Annunzio,     Zanzotto   e   molti   altri.

 

 

L’attuale   allestimento   museale   prevede   al   primo   piano   le   seguenti    sezioni:   “La Casa di Francesco Petrarca”,   “Iconografia del Petrarca e di Laura”,   “Arquà e il territorio circostante”,   “La tomba del Petrarca”,   “Il mito della Casa: i registri dei visitatori”,   “Il mito della Casa: le reliquie e le medaglie commemorative”.

Al   piano   terra,   invece,   è   esposta   una   mostra   fotografica   che   illustra   le   tappe   principali   della   vita   del   Petrarca,   gli   itinerari   e   i   soggiorni   trascorsi   nel   Veneto.

Su concessione del Comune di Padova – Assessorato alla Cultura

TUTTE  LE   FOTO   RIPRODOTTE   SONO   DI   ANDREA   ROMANI,   MIO   FIGLIO,   CHE   VEDETE   IN   PRIMO   PIANO   NELLA   PRIMA   FOTO