Sono   tornata.   Rilassata   e   felice   anche   per   aver   avuto   accanto,   l’ultima   settimana,   la   mia   piccola   Arianna.   E’   stata   felicissima   di   prendere   per   la   prima   volta   l’ aereo   e   atterrare   alle   23, 30   a   Nizza   col   suo   piccolo   trolley   e   con   i   suoi   genitori.   Si   è   divertita   tantissimo   al   mare   la   mattina   e   in   piscina   il   pomeriggio.   Un ‘  esperienza   che   l’ha   lasciata   allegra   ancor   più   di   quanto   non   lo   sia   già.

 

Rilassata   e   felice   quanto   triste,   molto   triste   per   l’ amara   sorte   toccata   al   vicebrigadiere   Mario   Cerciello   Rega.   Ho   visto   poco   fa   in   tv    i   suoi   funerali   e   non   posso   non   dire   che   ho   pianto   commossa   al   ricordo   di   ciò   che   era   come   carabiniere   e   come   uomo.  E   ancor   di   più   ho   pianto   durante   l’omelia   dell’ arcivescovo   ordinario   militare   per   l’ Italia,   Santo   Marcianò.   Le   sue   parole   sono   state   toccanti   e   profonde,  e   molto   condivisibili,   almeno   dal   mio   punto   di   vista.   Voglio   ritrascrivere   qui ,  quanto   da   lui   detto,   rivolgendosi   ai   giovani  :

“Voi giovani, invece, siete ricchi di tanti doni e potenzialità, come Mario, un giovane meraviglioso che ha scoperto il sapore dell’esistenza non nello “sballo” ma nel dono di sé – ha ricordato l’arcivescovo – nel volontariato di barelliere all’Ordine di Malta, nell’essere uomo dei poveri e ultimi, dei senzatetto con i quali condivideva il suo tempo libero, i suoi averi, il suo sorriso. E il suo sorriso ha occupato in questi giorni le prime pagine dei giornali, testimonianza di una non comune capacità di donare amore, amicizia, gioia. Era la sua vita, perciò ha potuto servire la vita fino alla fine, offrendo una lezione indimenticabile che lascia senza parole e ha fermato l’Italia, con una partecipazione di popolo poche volte registrata”.

Si,   vorrei   che   i   giovani   tutti,   in   tutte   le   parti   del   mondo,   lasciassero   perdere   ciò   che   li   allontana   dalla   vera   vita,   droghe,   alcool ,  sesso   senza   amore.   Non   è   ricercando   lo   sballo   che   si   diventa   uomini.

Prendete   esempio   da   chi   uomo   è   stato   davvero,  dalla   sua   umanità   vera,   dal   suo   essere   carabiniere   fino   in   fondo,   al   servizio   di   tutti   e   soprattutto   dei   più   deboli.   Imparate   da   lui,   dalla   sua   testimonianza   di   vita,   cosa   vuol   dire   amare   gli   altri,   cosa   significa   il   rispetto,   l’ impegno,   l’ onestà,   la   dedizione.

Non   sprecate   la   vostra   vita,   che   una   volta   buttata   è   persa   per   sempre.

E   a   te   Maria   Rosa,   che   hai   letto   quella   preghiera   bellissima,   quel   dialogo   tra   l’angelo   e   Dio   sul   modello   di   donna,   moglie   di   un   carabiniere,   dotata   di   fierezza,   di   forza   come   quella   di   un   leone,   a   te   che   hai   rinnovato   la   tua   promessa   di   matrimonio   fatta   al   tuo   Mario,   va   tutto   il   mio   sincero   affetto   accompagnato   da   un   grande   abbraccio.   Per   te   la   mia   preghiera   e   la   mia   vicinanza.

Che   si   possano   riscoprire   i   veri   valori   per   i   quali   davvero   vale   la   pena   vivere.