Allora   miei   cari,   tutti   rientrati   o   qualche   pazzerellone   ha   allungato   le   ferie   fino   a   domenica ?   Le   mie   sono   finite   ormai   da   qualche   giorno   e   come  promesso   vi   racconto   dove   sono   stata.   Prima  in   Francia , (  lo   sapete   ormai   da   tempo   che   ci   vado   da  trent ‘  anni   e   più ),   e   poi   a   Pasqua   ,   dopo   essere   tornati   e   subito   ripartiti,   in   Veneto.   Il   tempo   a   Cannes   non   è   stato   dei   migliori   ma   tutto    sommato   eravamo   attrezzati   anche   con   piumini,   quindi   è   andata   bene  lo   stesso.   Sempre   nuvoloso   e   freddino,   con   poi   sole   nel   pomeriggio, (   non   sempre  ),   ma   mai   pioggia.   I   nostri   giretti   li   abbiamo   comunque  fatti.   Nel   mio   precedente   post   avete   visto   che   una   nostra   tappa   è   stata   visitare   il   borgo   provenzale   di   Ramatuelle,    luogo   tranquillo   e   caratteristico,   che   si   è   sviluppato   come   tutto   chiuso   in   se   stesso,  quasi   in   cerchi,   non   perfetti,   concentrici   immerso   nel   verde   e   posto   sulla   collinetta   di   Paillas   sopra   Saint   Tropez ,   di   cui   vi   lascio   qui   qualche   notizia    storica  ripresa   da   Wikipedia.

Sorta probabilmente come piccola borgata gallica, venne occupata nell’892 dai Saraceni, che si erano stanziati al Frassineto. I nuovi dominatori lasciarono numerosi ricordi del loro passaggio, come le antiche prigioni e la Porta Saracena.

Una via di Ramatuelle.

Nel 972 Guglielmo I di Provenza distrusse la roccaforte araba, Ramatuelle passò così sotto il controllo dei visconti di Marsiglia, che fortificarono e restaurarono il borgo. Durante le Guerre di Religione venne pressoché raso al suolo durante un assedio nel 1592. Solo dopo alcuni decenni si riprese, come sta ad indicare la data di costruzione della chiesa di Notre-Dame, data 1620. Durante la Seconda guerra mondiale fu occupato dagli Italiani e successivamente dai Tedeschi. Nella vicina spiaggia di Pampelonne nel 1944 venne effettuata una parte dello sbarco alleato in Provenza. A partire dagli anni’60, al crescere della fama della vicina Saint-Tropez, anche Ramatuelle è diventato un luogo di vacanza di alto livello, con alberghi di prima classe e ristoranti di lusso a Pampelonne. Sebbene sia molto frequentata, non ha perso quella sua caratteristica impronta di borgo provenzale.

 

Un   luogo   caratteristico,   pieno   di   stretti   vicoli,    portici   e   scalinate   tutte   testimonianze   del   suo   antico   passato.      Una   di   queste   molto   importante   è   il   monumento   nazionale,   unico   in   Francia,   inaugurato   il   3   maggio   1959,   ad   opera   di   Courbier.

 

IL MEMORIALE ASSDN

 È dedicato ai membri dei servizi speciali morti per la Francia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Reca incisi nella pietra i nomi dei membri delle reti del servizio di informazioni e di controspionaggio che operavano dall’autunno 1940 nella clandestinità nella Francia occupata per preparare le operazioni che hanno portato alla liberazione del Paese. Questi eroi catturati dai servizi dell’esercito occupatore sono morti fucilati, decapitati, martirizzati o nei campi di concentramento.   Un   monumento   davvero   imponente,   appena   fuori   il   borgo,   vicino   ad   un   ampio   parcheggio.

 

  Ramatuelle   è   pieno   di   piccoli   ristorantini   con , a   sorpresa,   menù  italiani.   Ma   noi   da   bravi   turisti ,  abbiamo   optato    per   menù   francesi,   mangiando   splendidamente   in   un   localino  tipo   grotta,   dal   soffitto   del   quale   pendevano   per   la   Pasqua   in   arrivo,   tanti   ovetti   colorati  .   Molto   carino.   Comunque   tutte   le   costruzioni ,   i   bar,   i   negozietti   d’ artigianato  dalle   facciate   color   ocra,    le  persiane   dalle   tinte   pastello   e   i   gelsomini,   le   bougainville   sanno   attrarre   i   turisti   che   lontano   dalla   confusione   quasi   ”   festaiola”   di   Saint   Tropez,   qui   ritrovano   la   pace.    Il   verde   circostante   aiuta   molto   in   questo.   Ma   la   cosa   che   qui   attira   di   più   i   turisti   è   senz’altro   chi,   come   detto   nel   mio   precedente   post,   riposa   in   pace:   l ‘ attore   Gèrard   Philipe   molto   ricordato   in   Francia.

 

 

 

 

LA TOMBA DI GERARD PHILIPE

Gérard    Philipe   era   un  attore   francese (4 dicembre 1922 – 25 novembre 1959),   morto   come   potete   vedere   dalla   data,   prematuramente   per   un   tumore   al   fegato.   La   sua   tomba,  ricoperta   di   edera   e   ombreggiata   da   un alloro, è   assolutamente  in   uno   stile   scarno   e   lineare.   Mai   si   direbbe   di   una   personalità  conosciuta   e   amata   quale   lui   era

L’attore   veniva   a   Ramatuelle   nella   casa   della   sua   bella   famiglia   principalmente   durante   le   vacanze,   con   sua   moglie   Anne   e   i   suoi   due   bambini.

La   presenza   di   questo   attore   nel   comune   ha   prodotto   un   effetto   importante   sul   piano   turistico,   ma   anche   sul   piano   culturale (nel   1985   fu   inaugurato   il   Festival   Gérard   Philipe   sotto   la   direzione   di   Jean-Claude   Brialy,   ribattezzato   dal   1992   Festival   del   Teatro   e   Varietà   di   Ramatuelle.   L’attuale   direttore   artistico è   Michel   Boujenah).    Ed   ora   qualche   foto   per   rallegrare   gli   spiriti.

 

 

i   nostri   amici   e   mio   marito   davanti   al  cimitero    di   Ramatuelle

 

 

Uno   scorcio   ripreso  col   cellulare

 

Questo   un   antico   pozzo

 

E   qui   da   una   piazzetta   del   luogo   un   tocco   di   colore   tra   il   verde

 

Comunque   girare   tra   gli   stretti   vicoli   in   questo   borgo   dai   ritmi   calmi,   e   notare   in   lontananza   lo   splendido   mare   della   spiaggia   di   Pampelonne   è  davvero  emozionante.   A   proposito   di   tale   spiaggia,   qualche   notiziola   non   guasta.

Situata   nel   comune   di   Ramatuelle,   questa   area   di   27   ettari   è   all’origine   del   “mito tropeziano”.   La spiaggia   di   Pampelonne,   frequentata   dal   jet-set,   è   diventata   una   delle   più   famose   del   mondo.

Due   stabilimenti   sono   all’origine   di   questo   mito :   la   “Spiaggia   Tahiti”   attrezzata   nel   1946   utilizzando     l  l’arredamento   in   bambù   abbandonato   dagli   studios   della   Victorine   in   occasione   delle   riprese   nel   1935   del   film   “Chant   des   îles”   di   Georges   Manae,   e   il   “Club   55”   (creato   nel   1955)   che,   da   semplice   mensa   per   il   team   delle   riprese   del   mitico   film   con   Brigitte   Bardot   “E   Dio   creò   la   donna”,   è   diventato   un   ristorante   rinomato.

I   suoi   stabilimenti   balneari   vedono   sfilare   da   mezzo   secolo   tutte   le   celebrità   dello show-  biz:   Errol Flyn       verso   il   1950,   Brigitte   Bardot,   Roger   Vadim,   Jane   Fonda   negli   anni   ’60;   Michèle   Morgan   e   Gilbert   Becaud   intorno   al   1970,   Sylvester   Stallone,   Claudia   Schiffer,   Elton   John   e   Johnny   Hallyday   più   tardi,   e   ancora    tanti   altri… l’elenco è infinito.   Un   paradiso,   non   vi   pare?

Della   nostra   gita   all’orto   botanico   di   Antibes,   Villa Thuret     vi   dirò   due   parole   nel   prossimo   post   dove   racconterò   molto,   attraverso   le   foto   di   mio   figlio, della   nostra   gita   di   Pasqua   in   Veneto.   Per   ora,   un   grande   abbraccio   a   tutti.

La   vostra   Isabella

 

Le   notizie   di   cui   sopra   provengono   dall’  Ufficio   Turistico   di   Ramatuelle