Dovrei   essere   contenta   per   l’ arresto   dell’ ennesimo   infame ,  che   dopo   essere   fuggito   dai   domiciliari   ad   Ercolano,   ha   raggiunto   Reggio   Calabria   col   solo   scopo   di   dare   fuoco   all’ ex   moglie.   Dovrei   essere   contenta ,  se   fossi   certa   che   in   Italia   esiste   la   ”giusta”   giustizia.   Purtroppo   non   è   così.   Gli   episodi   di   questi   giorni,   riguardanti   uomini   arrestati   a   cui   vengono   ridotte   le   pene,   grazie   a   giudici   che    interpretano   il   loro   agire   o   come   persona   in   preda   a   ”   tempesta   emotiva  ”   in   un   caso,   o   in   un   secondo   caso   perché   l”assassino   era   fortemente   deluso  e   disperato    tanto   appunto   da   uccidere,   parlano   da   soli.   Se   queste   donne   fossero   state   imparentate   con   questi   giudici,   mi   sarebbe   piaciuto   vedere   come   avrebbero ,   di   fronte   all’omicidio,  reagito.   Io   non   capisco   più   niente   di   come   questo   mondo   stia   andando   avanti.   Una   cosa   sola   so  :    che   nulla   mi   piace ,   e   che   tutto   quello    che   vedo   mi   dà   l’angoscia.   Per   cui   mi   sfogo   con   voi   amici.   Perdonatemi   e   sopportatemi.

Vi   lascio   con   una   poesia   che   dedico   a   tutte   le   donne   vittime   di   una   bestialità   inaccettabile.   A   presto.   La   vostra   Isabella

 

A   TE   MI   RIVOLGO

 

Cosa   vedi

in   me

uomo,

di   così   sbagliato,

tanto

da  

usarmi

violenza?

Cosa   c’è   in   me

che   non   sopporti

tanto   da   colpirmi

ripetutamente,

perché   tutto

questo   odio

nei   miei   confronti?

Non   riesco   a   comprendere.

Forse   perché   

voglio   lasciarti ?

Io   credevo

nel   nostro   stare

insieme.

Credo   sia

  la   cosa   più   bella

amarsi,

volersi   bene, 

accettarsi.

Ma   tu  

ogni   giorno

mi   trattavi

come   un   tuo

oggetto,

da   usare

come   e   quando

volevi.

Che   dovevo   fare?

Rimanere  ?

No.

Ho   deciso   diversamente.

Come

avrei   voluto  che

le   tue   mani

non   mi   strappassero

i   vestiti   di   dosso,

non   mi   schiaffeggiassero,

non   mi   riempissero

la   faccia

di   pugni.

Sono   stanca

dei   tanti   soprusi.

Quanta   ingiusta   violenza.

Vorrei…

o   sì

come   vorrei

essere   trattata   da   te

con   dignità,   con   rispetto.

Io   donna,   tu   uomo,

nessun   padrone,

ciascuno

con   la   propria   individualità,

col   sapere   sopportare,

perdonare   e   amare.

Che   io   e   te

ci   amassimo   davvero.

Ti   prego ,

ora   che   la   tua   mano

s’ è   armata   di   coltello,

fermala,

non   uccidermi,

lasciami   vivere,

non   macchiarti

del   mio   sangue

innocente

 

Isabella   Scotti   marzo   2019

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633

 

 

 

 

 

Annunci