La   parola   sinfonia   ha   origine   antichissima,   per   quanto   le   si   desse   in   passato   un   significato   del   tutto   diverso   dall’  attuale.   I   greci,   progenitori   della   musica   dell’ occidente,   intendevano   per   ”  sinfonia  ”   ciò   che   noi   oggi   definiamo   ”  consonanza  ”  :   l’emissione    cioè   contemporanea   di   due   o   più   note   che   formino   tra   loro   un   accordo   gradevole   all’ udito .   Nel   Medioevo   troviamo   la   stessa   parola   in   un   trattato   di   Isidoro   di   Siviglia,   vissuto   tra   il   570   e   il   636   circa.   Isidoro   chiama   ”  sinfonia  ”   la   concordanza   di   diversi   suoni,   acuti   e   gravi,   vocali   e   strumentali ;   chiama   ”  sinfonie  ”   anche   i   brani   di   musica   fondati   su   tali   concordanze.

Visualizza immagine di origine

prolocosarnico.it

Allo   stesso   tempo   il   nome   serve   anche   per   indicare   degli   strumenti   :   nell’   antichità   un   tipo   di   tamburo ;   nel   XII   secolo   il   nome   era   usato   per   indicare   la   ghironda,   un   curioso   strumento   caratteristico   dei   musici   vaganti.   Anche   la   cornamusa   è   chiamata   ”  sinfonia   ”   in   molti   antichi   manoscritti.   Solo   in   tempi   più   recenti   il   vocabolo   acquistò   più   o   meno   il   significato   che   ha  oggi  ,   e    passò  ad   indicare   un   brano   musicale   scritto   per   soli   strumenti.   La   musica   strumentale   fiorì   soltanto   sul   finire   del   Medioevo,   un’ epoca   che   aveva   della   musica   una   concezione  del   tutto   diversa   dalla   nostra.   L’  idea   del   concerto   pubblico   era   del   tutto   ignota,   e   soltanto   le   cerimonie   ecclesiastiche   e   le   feste   popolari   lasciavano   campo   alla   musica.   Ma   per   secoli   gli   strumenti   non   poterono   essere   usati   durante   le   funzioni,   perché   la   Chiesa  –   protettrice   della  musica   come   di   tutte   le   arti  –   attribuiva   loro   un   carattere   peccaminoso.

 

The Blind Hurdy Gurdy Player, 1620 - 1630 - Georges de la Tour

The   Blind   Hurdy   Gurdy  Play     –    La   ghironda   in   un   dipinto   di   Georges   de   La   Tour

 

Solo   a   poco   a   poco   poterono   introdursi   nelle   cerimonie,   dapprima   in   posizione   subordinata,   a   sostegno   delle   voci,   e   talvolta   in   loro   sostituzione  ;   in   un   secondo   tempo   prese   piede   l’  uso   di   suonare   brevi   intermezzi   strumentali   per   permettere   ai   cantori   di   riposarsi.   Un   forte   impulso   ricevette   la   musica   strumentale,   nello   stesso   periodo,   dalla   danza.   In   questo   capo   ebbe   una   parte   di   primissimo   piano  e   poté   imporsi   sovrana,   evitando   la   concorrenza   della   sorella   maggiore,   assai   più   sviluppata,   e   cioè   della   musica   vocale.   Poi,   via   via   che   gli   strumenti   si   perfezionavano   e   i   suonatori   diventavano   più   abili,   nella   musica   profana   la   parte   strumentale   si   andò   rendendo   autonoma   dalla   danza,   così   come   nella   musica   di   chiesa   si   era   separata   dal   canto.   Si   aprì   così   per   la   musica   un   nuovo   campo   dagli   orizzonti   sconfinati.

Grande natura morta con strumenti musicali, tappeti, dolciumi, fiori e una piccola scimmia -olio su tela cm. 314 x 217 – datato “1695” – Cremona, Pinacoteca Civica Ala Ponzone

”  Maestro di palazzo Araldi (attivo a Cremona nel 1695)  ”    Per   chi   volesse   ragguagli   su   questo   Maestro   segnalo   questo   link   :   http://www.academia.edu/19539302/Il_Maestro_di_Palazzo_Araldi_Text

 

Visualizza immagine di origine

gianlucabocchi.com

Nella   ”  musica   d’arte ”   musica   di   chiesa   e   di   corte,    cominciavano   a   prendere   vita   degli   ”   intermezzi  ”   strumentali,   durante   i   quali   alcuni   strumenti  –   pochi,   agli   inizi  –   eseguivano   brevi   pezzi   indipendenti.

Nella   ”   musica   popolare”   si   svilupparono   danze   la   cui   molteplicità   conferì   in   breve   molta  varietà   alla  musica   strumentale,   soprattutto   grazie   alle   esecuzioni   di   danze  che   avevano    luogo   nei   palazzi;   qui   si   avevano   maggiori   esigenze   di   raffinatezza   e   le   musiche   subivano   un   processo   di   stilizzazione.   Ben   presto   i   musici   di  palazzo    ricevettero   l’incarico   di   colmare   le   pause   tra   le  danze   con   la   musica,   e   come   era   logico,   cominciarono   a   suonare   suites   ricavate   dai   ritmi   delle   danze   stesse,   in   modo   che   gli   ospiti   rimanessero   nell’  atmosfera   leggera   e   piacevole   della   festa,   senza   affaticarsi   intellettualmente.

Ogni   pezzo   della   suite   era   breve,   con   un   unico   tema   musicale   che   veniva   ripetuto   varie   volte   senza   varianti.   Un   principio,   questo,   che   è   proprio   l’opposto  di   quello   della   sinfonia.   Per   giungere   a   ciò   che   s’  intende   oggi   come   sinfonia,   c’è   ancora   un   po’   di   strada   da   fare   ma   soprattutto   occorre   che   si   formi   l’  orchestra.   Nel   prossimo   post   parlerò   dei   precursori   della   sinfonia.

 

fonte   –      La   sinfonia   –   Kurt   Pahlen

 

 

 

Annunci