E’   proprio   vero   che   la   danza   è   poesia.   E   quando   a   raccontarcela   è   il   ”   poeta  ”    Roberto   Bolle,   tutto   si   trasforma,   tutto   diventa   magia.

 

Ieri   sera   è   stato   così.   Finalmente   sulla   Rai   un   programma  da   ricordare.

 

Una   serata –  evento   di   cui   l’artista   oltre   ad   essere   protagonista   è   stato   anche   autore   e   direttore   artistico.      Con   l’ aiuto   di   Michael   Cotten ,   per   la   messa   in   scena,   uno   dei   fondatori   della   rock  band    americana   The   Tubes,  e   non   solo,   uomo   dei   grandi   eventi   live   americani,   dal   Super   Bowl   alle   cerimonie   olimpiche,   Bolle   porta   col   suo   ”  Danza   con   me  ”   una   ventata   di   gioiosa   bellezza,  dove   la   danza   è   la   protagonista   in   uno   spettacolo   che   sa   immergerla   in  una   contemporaneità   data   dall’  azione   combinata   con   le   più   moderne   tecnologie   visual ,  tali   da   renderla   viva   come   non   mai.   Tra   duetti   con   ospiti    anche  improbabili,   come   un   Fabio   De   Luigi   ad   esempio,   simpaticissimo   o   un   Cesare   Cremonini,   per   me   sbalorditivo,   che   balla   con   lui    un   medley   tra  ”   Singing   in   The   Rain   ‘‘  ,   ”   Chorus   line  ”,   e   altri   famosi   musical  ,    Bolle    ci   regala   performance   indimenticabili,  come   quella   ad   esempio   con   la   Ferri    in   un   passo   a   due   inedito   dell’  inglese   Christopher   Wheeldon     o   ancor   più    quella   danza   sensuale   meravigliosa   con   l’ irlandese   Melissa   Hamilton    in   ”  Qualia  ”   di   Wayne   McGregor.   Senza   parlare   del   balletto   con   Nicoletta   Manni ,   prima   ballerina   della   Scala,  sulla   canzone   ”  Poetica  ”   di   Cremonini.   E   poi   cento   altri   duetti   con   Accorsi,  i   ” Tre   moschettieri  ”,   Papaleo,   Mastrandrea,   Favino,   Rubini  ,   e   tanti,   tanti   altri.

Chicca   stupenda   :    ”  Opus   100  ”  coreografia   sull’  amicizia   creata   da   John   Neumeier,   amico   del   grande   Maurice   Bejart,   a   lui  regalata   per   il   suo   settantesimo   compleanno.   Danzata   su   musiche   di   Simon  &   Garfunkel   col   Principal   dell’  Amburg   Ballet   Alexander   Riabko .   Uno   spettacolo   nello   spettacolo.

 

Grazie   Roberto,   con   te   ho   sognato,   con   te   ho   volato.

Visualizza immagine di origine

optimaitalia.com

 

-

Rai   Uno  –     Bolle   e   Cremonini   nella   loro   performance

 

La   danza,   un’ altra   dimensione

 

 Danza   ancora.

Vola   pure   leggera

come   una   farfalla.

Non   c’è

più   limite

che   ti   costringa.

Abbandonati,

ondeggia   nell’  aria.

Vibra   il   tuo   corpo

e   la   musica

è   ormai   

essenza   dell’  anima.

Sei   fiore

di   eterea   bellezza

mentre   sorridi,

libera,

senza   più   gravità.

Sembri   avere   ormai

ali   invisibili.

Guarda,

sei   vicina   al  cielo…

ora   nessuno

può    più   raggiungerti.

 

Isabella   Scotti   gennaio   2019

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Dedicata   a   mia   figlia   Chiara

 

 

 

.

Annunci