Carissimi   amici ,  penso   siate   tutti   in   attesa ,  come   me ,  che   nasca   il   Bambinello.   Eppure   la   gioia   per   la   sua   nascita,   non   può   non   essere  accompagnata   da   tanta   tristezza   per   tutte   le   orribili   notizie   degli   ultimi   giorni.

Mi   sento   spaesata,  distrutta   dal   dolore  di   fronte   alla   tanta   violenza   che   dilaga.   Se   penso   all’orribile   fine  delle   due   ragazze   scandinave,   non   posso   non   rabbrividire   pensando   a   quello   che   hanno   dovuto   subire.    Chi   le   ha   uccise   non   può   non   rimanere   impunito,   me   lo   auguro   con   tutto   il   cuore.  Questo   2018   si   chiude   con   scene   che   non   mi   piacciono   vedere.   Strasburgo,   i   gilet   gialli   e   stasera   di   nuovo   in   Catalogna.   Violenza,   solo   il   piacere   di   distruggere,   di   fare   del   male,   di   alzare   le   mani.  Terrorismo,  sopraffazione,   rivendicazioni   che   si   fanno   portavoce   di   un   rancore   che   invece   d’essere   trattenuto   esplode   con   cattiveria,   Non   esiste   dialogo,   non   c’è   comportamento   civile.   Niente,   non   esiste   confronto,   dialettica.   Si   è   raggiunto   il   fondo.  Quanta   brutalità   in   giro.   E   non   vedo   vie   d’uscita,   questo   l’ assurdo.   Perdonate   il   mio   sfogo,   amici,   non   voglio   mica   rattristarvi    con   le   mie   parole.   Del   resto   è   quasi   Natale.   Le   luci   che   si   vedono   ovunque   ce   lo   ricordano,   e   allora   augurandovi,   nonostante   tutto,   di   passare   Buone   feste   e   un   Buon   Natale   vi   abbraccio   tutti   con   tanto   affetto.    Vi   lascio   con   poche   righe  :

 

Il   loro

dolce   volto,

il   loro   sorriso.

Vite

atrocemente

spezzate

quando   ancora

tutto   sembrava   possibile.

Amiche   curiose,

libere,

avventurose.

Cogliere   della   vita

l’aspetto   più   bello.

Un   fiore   profumato,

l’acqua   di   un   ruscello.

Gli   alberi

più   alti,

la   roccia   da   scalare.

E’   una   colpa

sentirsi   dentro

partecipi

della   natura ?

Vivere   il   mondo

cercando   di   scoprirlo?

Di   conoscerlo?

Amare   il   bello ?

Povere   ragazze,

imbattutesi

in   uomini   bestie,

selvaggi   senza   cuore   né   umanità.

Una   fine

la   vostra,

immeritata,   indegna.

Nessuna   pietà

per   chi   vi   ha

tolto

il   bene   più   grande  :

la   vita.

 

Isabella   Scotti   dicembre   2018

testo   :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

A   Louisa   e   Maren

 

E   questo   per   ricordare   il   Natale.   Un   haiku  :

Visualizza immagine di origine

poesiadinatale.com

 

Splende   la   stella

intensamente   brilla

luce   per   bimbo

 

Isabella  Scotti   dicembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

 

 

 

 

 

Annunci