Ragazzi   avete   sentito ? Questa   è   la   canzone   del   ventesimo  secolooooo  più   ascoltata   in   streaming !!!   Dura   sei   minuti   e   l’ho   sempre   trovata   fantastica.

Un   evviva   per   il   grande   Freddie   Mercury   che   adoro.

Sentite   qua.

Il   1975   segna   l’inizio   di   un   grande   amore   tra   i   Qeen   ed   il   Giappone.   Al   suo   arrivo   all’aeroporto   di   Tokyo   in   occasione   della   prima   tournée   nella   terra   del   Sol   Levante   la   band   viene   accolta   da   una   folla   di   più   di   3.000   fans   in   delirio.   Il   ”  Japan   Tour   ”  75  ”   è   contrassegnato   dal   fenomeno   di   una   ”      Queenmania  ”   degna   dei   Beatles.   Freddie   resta   affascinato   dalla   cultura   orientale   e   ad   essa   ispirandosi,   imposta   un   nuovo   look   che   verrà   mantenuto  per   alcuni   anni,   fino   alla   svolta   ”  macho  ”   degli   anni   ”  70.

Nell’   estate   del   1975   il   gruppo   comincia   a   lavorare   ad   un   nuovo   album,   portando   sulle   spalle   il   peso   di   un   tour   molto   impegnativo,   parzialmente   annullato    per   problemi   alla   gola   di   Freddie,   e   di   controversie   per   la   risoluzione   del   contratto   con   la   Trident  .   I   Qeen   firmano   quindi   un   nuovo  contratto   con   la   Emi .   Felici   di   essersi   lasciati   alle   spalle   un   manager   come Jack   Nelson,   cui   dedicano   la   canzone   invettiva   ”   Death   On    Two   Legs  ”  ,   entrano   in   studio   molto   motivati,   convinti   di   avere   le   potenzialità   per   conquistare   il   mondo   del   rock.   Da   queste   premesse   si   sviluppa   e   prende   forma   ”   A   Night   At   The   Opera   ”,   album   complesso   e   tra   i   più   costosi   mai   realizzati   prima.   La   grande   energia   dei   quattro   e   la   voglia   di   Brian   di   sperimentare   nuovi   suoni   e   complesse   orchestrazioni,   danno   vita   a   pezzi   che   combinano   in   modo   equilibrato   ”  grandeur  ”   ed   epicità.

In   brani   come   ”  Good   Company  ”,   Seaside   Rendezvous ”,   e   ”   Lazing   On   A   Sunday  ”   ,   ispirati   anche   nei   testi   ad   atmosfere   anni  ”20   tipiche   dell”  art   rock ”  ,   particolarmente   gradite   a   Freddie,    Brian   May   sperimenta   suoni   particolarissimi ,   riuscendo   a   riprodurre   fiati,   archi   e   ottoni.   Particolare   evidenza   assume   l ‘ uso   sapiente   delle   armonie   vocali   costruite   con   numerose   sovraincisioni,   che   hanno   già   portato   il   gruppo   all’ attenzione   della   critica. ”  The   Prophet   song   ”,   una   canzone   di   Brian   ispirata   da  una   visione   avuta   in   sogno,   è   un   esempio   di   questa   tecnica   inventata  e   sviluppata   dai   Qeen.   Il   massimo   risultato   di   tutto   ciò   è   ”  Bohemian   Rhapsody  ”,   canzone   simbolo   del   progetto   musicale   e   artistico   cghiamato   Qeen.

Un   testo   enigmatico   si   sviluppa   in   una   successione   di   quattro   diversi   momenti   musicali   che   ruotano   intorno   alla   celebre   sezione   operistica   per   la   quale   occorse   una  settimana   di   lavoro.   Roy   Thomas   Baker   testimone   della   genesi   di   un   pezzo    che   è   un   classico   del   rock,   ricorda  :   ”E’   stato   un   lavoro   terribile,   una   settimana   intera   per   mettere   in   atto   le   idee   di   Freddie;   ogni   volta   che   credevo   tutto   fosse   finito   Freddie   esordiva   col   dire   ”Ho   pensato   di   aggiungere   ancora   un   po’   di   ”  Galileo  ”… ”

Il   brano   dura   sei   minuti   e   sembra   troppo   lungo   per   essere   trasmesso   alla   radio.   Un   dj   amico   di   Freddie,   innamorato   della   canzone,   Kenny   Everett,   nonostante   gli   fosse   stato   vietato,   lo   trasmette   per   14   volte  alla   radio   nella   stessa   giornata.   La  EMI   viene   inondata   da   una   tale   massa  di   richieste   da  essere   costretta  a   pubblicarlo.   In   due   settimane   Bohemian   Rhapsody   vende   150.000   copie   segnando   così   una   svolta   epocale   per  tutta   la   musica   rock.   Grazie   a   queste   premesse   ed   anche   alla   realizzazione   di   un   videoclip,     l’album   riscuote   un   successo   clamoroso,   raggiunge   il   primo   posto   nelle   classifiche   di   tutta   Europa   e   conquista   per   i   Qeen   il   primo   disco   di   platino.   Il   boom   di   A   Night   At   The   Opera    fa   anche   tornare   in   classifica   gli   album   precedenti ,   mentre   il   gruppo   parte   per   una   tournée   negli   Stati   Uniti ,  Giappone   e   Australia ,  che   terminerà   il   18   settembre   1976   con   un   concerto   gratuito   all ‘Hyde   Park   di   Londra.

 

Viva   i   Qeen.   

Per   chi   volesse   leggere   anche   un   altro   mio   post   lascio   questo   link

https://isabellascotti.wordpress.com/tag/freddy-mercury//

 

Articolo   ripreso   da   ”   Qeen   ”   a   cura   di   Max   Felsani,   Michele   Primi   e   Mauro   Saita