Visualizza immagine di origine

chessifa.altervista.org

La   mia   valle ,   i   miei   boschi   e   laggiù   S.   Caterina

 

Affacciata   alla  ” piccola ”   finestra   della   ”  grande  ”   mansarda,   tutte   le   mattine   mi   mettevo   a   guardare   se   in   strada,   ci   fosse   già   qualcuno   dei   miei   amici.   Sì,   perché   ogni   volta   dopo   colazione,   ci   si   riuniva   per   decidere   cosa   fare   della   nostra   giornata.   E   allora   aspettavo   che   qualcuno   mi   chiamasse…   E   puntualmente   il   mio   nome   risuonava   :  ” Isabellaaa,   Isabellaaa”.   Ero   in   vacanza,   una   ragazzina   allora,   e   mi   piaceva   tutto   del   luogo :   S.   Caterina   di   Lusiana.   Un   luogo  che   per   noi ,  da   Bassano   del   Grappa,   col   pullmann ,  era   l’ideale   per   soggiornarvi   d’  estate.   Ne   ero   innamorata.   Così   come   di   tutti   i   luoghi   vicini,   compreso,  se   pur   un   poco   più   distante,    l’altopiano   di   Asiago,   le   malghe   e   tutto   ciò che   odorava   di   montagna.    Fin   da   piccolina,   passavo   lì ,  con   i   nonni,   con   mia   madre,  (  mio   padre   restava   a   casa   ancora   a   lavorare,   per   raggiungerci   in   agosto  ),  le   vacanze.   Ho   perfino   iniziato   a   muovere   i   primi   passi   davanti   al   cimitero,   dove   c’era   un   piccolo   praticello.   Chissà  , se   è  da   allora ,  che   mi   porto   dietro   un   interesse   particolare,   per   i   cimiteri   di   ogni   paese   che   visito.     Un   piccolo   paese,   S.   Caterina,   con   una   chiesa   nella   piazza,   dove   il   parroco   non   dava   tregua   ai   miei   amici   maschietti,   ai   quali   sistematicamente   tagliava   il   pallone   che   rotolava   sempre,    guarda   un   pò,   fino   ai   suoi   piedi,   quando   giocavano   su   strada.   Mi   faceva  rabbia   quel  gesto,   per   me   allora,   assolutamente   incomprensibile.   Forse   oggi   sarei   portata   a   dire,   che   lo   faceva   perché   giocare   nei   pressi   di  un   luogo   di   culto   è   poco   rispettoso,   chissà.   Poco   più   in   là   della   chiesa,   c’era   la   sua   casa   dove   la   perpetua,   una   signorina   di   mezza   età,   con   gli   occhiali,   il   mento   un   po’   in   avanti,   coltivava   un   bel   giardino   con   annesso  orticello.   Comunque,   i   miei   amici,   dopo   il   fatto   del   pallone ,   ne   cercavano   un   altro   e   riprendevano,   il   giorno   dopo,   a   tirarselo   sui   piedi,   incuranti   del   fatto   che   il   parroco,   se   colti   sul   fatto,   lo   avrebbe   di    nuovo   fatto   a   pezzi.

La prima citazione di questo luogo sacro, sede della parrocchia del paese, è del 1399 quando fu permesso a un sacerdote di officiarvi , vista l’eccessiva distanza dalla pieve di  Marostica . Fino al 1502  i suoi rettori furono quasi tutti di origine tedesca, segno della predominanza dell’elemento  cimbro  tra la popolazione. Nel  1473 il   vescovo   di   Padova   Jacopo   Zen,  la dichiarò parrocchiale, divenendo luogo di culto di riferimento per tutte le contrade dei dintorni, compresa Conco.

Quando quest’ultima fu dotata di una propria chiesa, le venne trasferito il titolo di parrocchiale, tant’è che nei documenti relativi alla  visita   pastorale del  1617  Santa Caterina viene definita «chiesa campestre, un tempo parrocchiale». Parzialmente autonoma dal 1688  anno in cui le fu concesso un proprio curato, solo nel  1882  tornò ad essere parrocchiale.

L’edificio ha subito numerose riedificazioni, in particolare quella avvenuta attorno al  1754   e l’ultima, conclusa negli   anni  1960  Il campanile è stato completato nel  1950

Delle opere qui conservate, spicca la  pala dell’altare maggiore, dipinta nel  1534- 35  da   Jacopo  da   Bassano   raffigurante la Madonna in trono con Gesù Bambino tra santa Caterina d’Alessandria e il vescovo veronese Zeno. Degne di nota anche alcune sculture settecentesche realizzate da maestranze locali, tra cui un angelo reggicandelabro e un Cristo coronato di spine, entrambi in pietra calcarea policroma.

Nella chiesa è conservata una   Sacra   Spina  oggetto di grande venerazione popolare.   (   Wikipedia  )

 

 

Visualizza immagine di origine

panoramio.com

la   parrocchia

Comunque   noi   eravamo   una   bella   squadra ,  decisa   ogni   giorno ,  ad   andare   nei   boschi   circostanti   a   fare   ciclamini.   Era   la  mia   passione.   Lasciavamo   il   paese   alle   nostre   spalle   e   partivamo   per   andare,   arrampicandoci,   dentro   il   bosco   che   limitava   la   strada.   Ognuno   di   noi   si   dileguava   all’interno,   libero   di   vagare   tra   gli   alberi,   mentre   il   sole   inviava   i   suoi   raggi   tra   un   ramo   e   l’altro.    Mi   sentivo  intensamente  partecipe   di   qualcosa,   che   aveva   su   di   me,   un   grande   fascino.   Il   sottobosco   col   suo   silenzio   mi   ammaliava,   mentre   alla   ricerca   di   ciclamini   mi   spostavo   da   una   parte   all’altra.    Quando   il   mazzo   era   bello   grande,   tanto   da   stupire   i   miei   amici,   mi   fermavo   contenta   e   lo   accostavo   al   naso   per   sentirne   il   profumo.   Poi   uscivo  dal   bosco,   e   mi   riunivo   agli   altri,   aspettando   chi   tardava   a   venir   fuori.   Poi   si   tornava   al   paese,   e   ognuno   di   noi   rientrava   a   casa ,  soddisfatto   del   proprio   trofeo.   Nella   piazza,   dietro   il   campanile   c’era   un   albergo,   dove   le   cucine   guardavano   su   di   un   prato.   Spesso   dopo   pranzo,   con   un   libro   in   mano,   mi   piaceva   attraversare   il   ponte   che   portava   su   di   un   campo   di   bocce,   per   arrampicarmi   e   superando   un   muretto,   arrivare   su   quel   prato.    Lì,   sotto   un   grosso   albero,   mi   sedevo   comoda   e   leggevo.    Era   bellissimo,   un   momento   di   totale   relax   e   libertà   assoluta.   A   volte,   continuando   la   strada   che   saliva,   lasciando   alle   spalle   il   campo   di   bocce,   dove   con   mio   nonno,   un   appassionato,   facevo   tante   partite,    con   i   miei   amici ,  seguendo   un   sentiero ,  arrivavamo   sotto   degli   alberi   di  ciliegie.  Qui   si   faceva   a   gara   nel   raccoglierle,   laddove   i   rami   ce   lo   permettevano,   belle   tonde,   rosse   e   succose.   Una   meraviglia.

La   mansarda   dove   mi   trovavo   con   mia   madre   e   mio   fratello,   era   ubicata   in   uno   stabile   di   proprietà   di   una   zia,   la   zia   Marina,   sorella   della   mia   bisnonna.   Era   all’entrata   del   paese ,  dove   si   trova   tutt’ora ,   anche   se   non   più   di   famiglia.   Vicino   c’era   un   convento   di   suore   dove   molto   spesso   andavo   di   pomeriggio,   per   divertirmi   nel  loro   giardino,   dove   c’era   una   specie   d’ impalcatura   in   ferro,    avete   presente   gli   anelli   di   Yuri   Chechi  ?   Bè,   togliete   gli   anelli   e   pensate   a   me  ,   sulla   sbarra,   a   penzoloni,   mentre   dondolandomi   su   e   giù,    a   mò   d’ altalena   senza   sedile,   facevo   prove   di   resistenza :   mi   erano   venuti   certi   calli…   Poi   finite   le   ”  prove  ”,   lasciavo   il   giardino   mentre   le   suore   mi   davano   qualche   dolcetto.   Vicino   al   convento   c’era   la   macelleria   del   simpatico   Willer   dove   andava   sempre   mia   madre.   Con   lui   si   chiacchierava    volentieri   mentre   con   passione   affettava   la   carne,   sempre   col   grembiule   bianco,   talvolta   sporco   di   sangue.  Ogni   tanto   mi   piaceva   seguirlo,   anche   con   mio   fratello,   al   mattatoio.    Per   arrivarci   si   faceva   una   bella   passeggiata ,   e   poi   lì   dentro   assistevo   al   macabro   rito   dell’ uccisione   del   bue,  mentre  la   sua   carcassa    veniva   sull’ uncino   appesa   per   far   gocciolare   il   sangue.   Ero   coraggiosa   e   per   nulla   turbata,   anzi   al   contrario   molto   incuriosita.   Dal   mattatoio,   proseguendo   si   arrivava   alla   famosa   ”  pozza”,     laghetto   misero,   appunto   così   soprannominato.   Di   sera   si   passeggiava,   come   di   giorno   del   resto,   arrivando   anche   fino   a   Lusiana,    (  dove   durante   una   festa   paesana,   ricordo   di   aver   visto   i   fuochi   d’artificio   brillare   sopra   la   mia   testa  ),   in   assoluta   tranquillità,    con   gli   amici,   mentre   le   stelle   ci   facevano   compagnia,   tra   una   risata   e   l’altra.   Erano   giorni   sereni,   una   vita   libera,   senza   cellulari,   soltanto   la   voce   usata   per   chiamarsi ,   cercarsi.   Come   quando   chiamavo   Adriano,   il   figlio   dei   contadini,   che   per   venire   con   noi   a   ciclamini   doveva   avere   il   permesso   dai   suoi   genitori :   anche   lui   lavorava   nei   campi.   Era   bellissimo   stare   lì.   Mai   sentita   meglio   in   vita   mia.   Da   adulta   vi   ho   portato   anche   i   miei   figli,   per   far   vedere   loro   un   paese   che   poco,    quasi   per   nulla,  a   distanza   di   anni   è   cambiato,   dove   la   loro   madre,   ogni   volta   che   ne   tocca   il   suolo,   torna   sempre   adolescente.

 

Visualizza immagine di origine

tripadvisor.it

 

Se  osservo

la   tua   foto,

sempre   uguale

a   te   stesso,

paese

dalle   piccole   case,

sparpagliate

tra   il   verde

dei   boschi,

ti   rivedo

fermo

a   com’eri

tanti   anni   fa.

E   risento

le   nostre   voci

di   fanciulli,

e   mi   rivedo

libera

giocare   a   pallone,

nel   campo   grande,

di   terra,

vicino   alla   scuola.

Io,

strano   portiere,

gioiosa,

ma

sempre   molto   attenta

a   non   fare   entrare

in   rete,

quella   palla.

Mi   tornano

in   mente   spesso

i   nostri   giochi ,

amici   cari ,

le   nostre   passeggiate,

tutto

fermo   al   tempo

in   cui

ogni   cosa   ci   sorrideva.

Chissà   come

siete   cambiati,

come

cambiati   saranno

i   vostri   volti,

così   come   cambiato  

è   in   fondo   anche   il   mio.

Solchi   sparsi,

segni   che   non

riescono   a   cancellare

chi   siamo   stati

e   come   eravamo.

Ma   che   importa

se   di   allora

tutto   ritorna,

se   nulla   nel   cuore

è   mutato.

Vi   porto   con   me,

e   questo   conta,

memoria   indelebile

di   un   pezzo,

importante,

della   mia   storia,

non   ancora   finita.

 

 

Isabella  Scotti   settembre   2018

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941   n°   633