Questo   non   è   un   giro   all’interno   di   città   andaluse.   Ma   un   excursus   letterario.

Chi   non   conosce   la   coppia   grottesca   formata   dal   macilento   Don   Chisciotte   e   dal   grasso  Sancio   Panza,   che   racconta   le   numerosissime   avventure   accadute   nel   corso   di   tre   viaggi,   ambientate   in   un   territorio,   la   Mancia   (   dall’ arabo   senza   acqua   )   fatto   di   distese   pianeggianti   color   ocra ?   Quando,   nel   gennaio   1605,   venne   pubblicata   la   prima   parte   del   Don   Chisciotte  ,   il   libro   ottenne   subito   un   grande   successo.   L’   autore,   Miguel   de   Cervantes   Saavedra  (   1547 – 1616  ),   aveva   all’epoca   57   anni,   e   da   quasi   vent’anni   non   aveva   più   pubblicato   un   libro.   Aveva   condotto   una   vita   molto   avventurosa,   combattuto   come   soldato   contro   i   turchi   ed   era   stato   gravemente   ferito   durante   la   battaglia   di   Lepanto.   aveva   anche   trascorso   5   anni   nelle   prigioni   algerine,   ed   era   poi   divenuto   responsabile   del   vettovagliamento   dell’  Armada   ed   ancora   esattore   delle   imposte.   Si   ritrovò   poi   nelle   prigioni   di   Siviglia,   con   l’accusa   di   non   aver   versato   il   denaro   delle   tasse   secondo   gli   ordini.   Qui   iniziò   la   stesura   del   suo   romanzo,   che   l’avrebbe   tramutato   in   uno   degli   scrittori   più   celebri   di   tutta   la   Spagna  .   ”   L’  ingegnoso   nobile   don   Chisciotte   della   Mancia  ”

 

Visualizza immagine di origine

museoscienza.org

Il   tema  del   romanzo   è   conosciutissimo:   ”In   una  località   della   Mancia,   di   cui   non   mi   ricordo   il   nome…” vive   il   nobile   Alonso   Quijano,   impoveritosi  e   ancora   legato   al   suo   ideale   sognante   di   cavalleria,   alimentato   dalla   lettura   di   romanzi   cavallereschi   dell’epoca.   In   breve   tempo   perde   completamente   la   ragione   credendo   di   doversi   tramutare   in   cavaliere   errante,   in   difensore   dei   poveri,   delle   vedove   e   degli   orfanelli,   per   amore   di   Dio   e   dell’amata.   Armato   di   una   ciotola   da   barbiere   come   elmo   e   di   un   vecchio   ronzino   scheletrico   e   malandato,   Ronzinante,   parte   per   la   sua   prima   avventura,   autobattezzandosi   Don   Chisciotte   e   scegliendo   come   amata   angelicata   una   giovane   contadina,   ribattezzata   Dulcinea   del   Toboso,   eleggendola   dama   del   suo   cuore.   In   un’osteria   che   tramuta   nel   suo   castello,   si   fa   nominare   cavaliere   dall’ oste.   I   giorni   seguenti   compirà   delle   imprese   cavalleresche,   fino   a   quando,   dopo   essere   bastonato   da   un   mulattiere,   viene   ricondotto   a   casa   ferito.   Per   liberarlo   dalla   sua   pazzia,   i   parenti   decidono   di   bruciare   quasi   tutti   i   libri   e   murare   la   sua   biblioteca,   cosa   che   l’eroe,   fedele   alle   fantasie   cavalleresche   dei   suoi   libri,   considera   come   il   gesto   di   un  mago   nemico.   Dopo   14   giorni   se   ne   va   di   nuovo,   accompagnato   dal   contadino   Sancho   Panza,   dopo   averlo   convinto   a   diventare   il   suo   scudiero   illudendolo   con   una   carica   fittizia   di   governatore.   Altre   avventure   seguiranno,   tra   le   quali   la   celebre   battaglia   contro   i   mulini   a   vento,   che   immagina   come   acerrimi   nemici,   e   la   cacciata   di   un   corteo   funebre   notturno,   che   affibbiò   a   Don   Chisciotte,   il   titolo   di   ”  Cavaliere   dalla   figura   triste  ”.   Rinchiuso   in   una   gabbia   sarà   riportato   al   suo   villaggio.   Il   romanzo   di   Cervantes   aveva   come   fine   ultimo   quello   di   ridicolizzare   la   forma   letteraria   più   in   voga   al   suo   tempo,   e   cioè   il   romanzo   cavalleresco.   ”  Non   avevo   altro  desiderio   che   far   detestare   agli   uomini   le   storie   mendaci   e   insensate   del   romanzo   cavalleresco”.

 

Visualizza immagine di origine

imgkid.com

 

Ma   cos’erano   i   romanzi   cavallereschi   o   picareschi ?   Essi   sono   un   genere   letterario   a   sé   stante   che   prende   origine   nella   saga   carolingia   e   bretone   diffusasi   nel   medioevo,   rappresentando   una   prosecuzione   dell’epica   eroica   medievale.   Azioni   eroiche,   avventure,   relazioni   amorose   e   incantesimi,   la   presenza   costante   del   mondo   favolistico   e   misterioso   venivano   qui   rese   in   modo   esagerato.   Uno   dei   romanzi   spagnoli   più   famosi,   l’  Amadis   de   Gaula   (  1508  )   ne   aveva   imposto   gli   standard.   Il   romanzo   di   Cervantes,   è   più   che   una   parodia   del   romanzo   cavalleresco,   è   un’ epica   romanzata   ricca   e   coinvolgente.   Introducendo   le   avventure   nello   stile   del   romanzo   cavalleresco,   l’autore   si   contrappone   in   realtà   alla   moda   letteraria   del   periodo.   Così   se   da   un   lato   include   il   tema   dell’ amor   cortese,   uno   degli  argomenti   prediletti   del   romanzo   cavalleresco,   dall’altro   intercala   dibattiti   letterari.   Come   alla   fine   del  primo   libro,   dove   il   vescovo   di   Toledo   tiene   un   discorso   sui   vantaggi   e   svantaggi   dei   libri   cavallereschi,   esponendo   le   proprie   idee   sul   teatro   contemporaneo.   L’elemento   che   comunque   affascina   di   più   nel   ”   Don   Chisciotte   ”   è   il   teatro   dell’azione:   mentre   gli   eroi   delle   epiche   cavalleresche   vivono   le   proprie   avventure   e   storie   d’ amore   sempre   nel   Medioevo,   la   storia   di   Cervantes   descrive   la   Spagna   contemporanea,   del   Seicento,   quando   lo   splendore   della   potenza   mondiale   stava   iniziando   a   declinare.   Inghilterra   e   Francia   stavano   togliendo   alla   Spagna   il   suo   ruolo   di   potenza   egemone,   l’ oro   e   l’ argento   provenienti   dal   Nuovo   Mondo   avevano   provocato   l’aumento   dell’inflazione   e   rovinato   la   compagine   economica.   L’ allontanamento    dei   moriscos  (  musulmani   di   Spagna  ),   significò   anche   gravi   danni   per    l’ agricoltura   e   per   l’ artigianato,   situazione   peggiorata  da   epidemie   e   cattivi   raccolti.   Nel   romanzo   del   nostro   si   incontra   questa   terra   e   gli   uomini  che   la   abitano.   Cervantes   traccia   alla   perfezione   ritratti   di   ragazze   e   contadini,   preti   e   soldati,   cortigiani   e   nobili   con   uno   stile   che   fece   commentare   a   Ortega   y   Gasset     (   filosofo   e   saggista   spagnolo  )”  Ci   compaiono   proprio   davanti  agli   occhi  ”.   

Introduce   scene   analiticamente   osservate,   come   quando   Don   Chisciotte   incontra   attori   girovaghi   e   burattinai,   oppure   quando   partecipa   ad   un   matrimonio   tra   contadini.   Ma   anche   i   problemi   politici   non   vengono   tralasciati.   quando   alla   fine   del   primo   libro   Sancio   Panza   e   il   pastore   sottolineano   di   avere   puro   sangue   cristiano,   Cervantes   allude   al   principio   della   ”  Limpieza   de   sangre ”   e   ai   Conversos  (   convertiti   ebrei   o   musulmani   al   cattolicesimo ).

Inoltre   molti   sono   anche   i   dati   autobiografici,   come   la   storia   dello   schiavo   moro   riscattato,   che   tratta   di   un   nobile   che   viene   rinchiuso   nelle   prigioni,   poi   liberato   da   una   cristiana   influente   e   tornato   finalmente   in   Spagna.   Questo   nobile   era   stato   allievo   ufficiale   ed   aveva   combattuto   nella   battaglia   di   Lepanto,   cercando   di   diventare   capitano,   ma   la   sua   carriera   era   stata   interrotta   dalla   lunga   prigionia   che   anzi   vi   aveva   posto   fine.   La   vicenda   ricorda   senza   ombra   di   dubbio   le   stesse   speranze   di   Cervantes,   finite   nella   battaglia   appunto   di   Lepanto   con   una   grave   ferita   e   una   lunga   permanenza   nelle   prigioni   algerine.   Cervantes   quindi   con   la   sua   opera   volle   così   creare   una   sorta   di   parodia   del   poema   cavalleresco,    segnandone   anche   la   fine    .    Pur   tuttavia   riuscì   a   portare   nell’ epoca   moderna   una   sorta   di   archivio   delle   rappresentazioni   medievali,   dopo   che   i   romanzi   cavallereschi   del   ”   Sigle   de   oro  ”  (   secolo   d’oro  )   erano   stati   in   parte   dimenticati,   e   in   parte   perduti

notizie  da   Arte   e   architettura   –   Andalusia   Brigitte  Hintzen   Bohlen