Ogni   volta   che   arrivo   a   Cannes,   e   sono   ben   ventotto   anni   che   la   conosco,    mi  sembra   sempre   che   sia   la   prima   volta.   Chissà   perché   mi   fa   questo   strano   effetto   tornare.   Sarà   forse   il   sole,   il   colore   del   mare,   di   un   blu   intenso,   aprire   le   finestre   di   casa   chiuse   per   troppo   tempo.   Saranno   i   profumi   nell’aria,   saranno   le   palme   tutte   rigorosamente   in   fila   come   soldati   sull’ attenti,   saranno   i   fiori   che   la   ornano   ridenti.   Chissà   se   è   quel   sentore   di   libertà   che   avverto.   Camminare   sul   lungomare,   anche   senza   scendere   in   spiaggia,   guardare   verso   l’ Esterel,   verso   Saint- Tropez,   verso   les   Iles   des   Lérins.    Libera   di   guardare   lontano,   immaginando…

Eppure   Cannes   non   è   soltanto   mare,    situata   com’è   nel   dipartimento   delle   Alpi   marittime.   E   se   vi   sentite   oppressi   dall’umidità,   dal   caldo   asfissiante,   allora   lasciate   tutto   e   rifugiatevi   proprio  lì,   a   circa   cinquanta   chilometri   di    distanza    gia’   in   montagna.   Come   abbiamo   fatto   noi    con   i   nostri   soliti   amici,    quest’ anno ,   giungendo   ad   Amirat,    un   villaggio   di   poche   anime,   forse   al   massimo   una   sessantina,   situato   a   circa   860   metri   d’altitudine,   il   cui   nome    la   dice   tutta    sulla   sua   posizione   geografica .   Già   nel   1043   su   testi   antichi   figura   per   la   prima   volta   il   nome   latino   Amiratum        Nel   XII   secolo   apparteneva   ai   signori   Amirat   che   possedevano   legalmente   le   castellares   de   Thorenc,   antica   fortificazione   comprendente   un   villaggio,   con   castello   (  che    nel   1038  fu   sede   della   famiglia   d’ Andon.   Oggi   questo   è   il   nome   di   un   paese   turistico   situato   a   30   km   da   Castellane,   molto   frequentato   sia   d’estate   che   in   inverno )    e   cappella,   rudere   ancora   oggi   visibile   arroccato   su   di   uno   sperone   roccioso   a   1400   mt   d’altitudine.   Situato   sul   versante   sud   di   una   collina,   dalla   piazzetta   di   Amirat   si   gode   di   una   vista   spettacolare   sulla   vallata,   dove   in   lontananza   i   monti   segnano   il   confine   con   l’orizzonte.      Non   c’è   molto   da   vedere   qui,   tranne   una   chiesa,   dedicata   pare   a   Sant’ Anna   fine   XVI   sec.   ornata   da   una   doppia   ”genoise  ”.    Les”  genoises  ”   sono   decorazioni   fatte   con   tegole   rotonde   sovrapposte   che   formano   come   una   cornice   direttamente     sotto   il   bordo   del   tetto,   sulla   facciata   delle   case   provenzali.   Si   tratta   di   un   elemento   utile   ma   al   tempo   stesso   decorativo,   indicante   il   rango   sociale  e   la   ricchezza   del   proprietario   della   casa.   Se   quest’ultimo   è   uomo   semplice   la   ”  genoise   ”   sarà   una,   se   notabile   ne   avrà   due,   se   ricco   tre.   Lo   spettacolo   del   luogo   risiede   tutto   nella   bellezza   naturale   di   un   territorio   montuoso,   fatto   di   gole,   valli   attraversate   da   torrenti   dove   il   canyoning   è   di   casa.   Sentieri ,   dove   salire   è   pura   soddisfazione    e   pini,   querce.   Ma   noi   non   siamo   solo   partiti   in   cerca   di   refrigerio,   nossignori.   Ci   siamo   andati   con   l’intenzione   di   partecipare   alla   festa   di   Sant’  Anna,   che   un   po’   di   paesani   portavano   in   processione,   e   prenotati (   i   nostri   amici   conoscono   il   vicesindaco  del   paese  )   gustare   l’ aiolì,   piatto   tipico   della   cucina   provenzale.  In   Provenza   questo   è   un   piatto   non   solo   simbolo   gastronomico,   ma   anche   culturale   che   ben   rappresenta   questa   terra   dai   profumi   e   sapori   inconfondibili.   Il   poeta   francese   Frédéric   Mistral   era   un   tale   amatore   di   questa   ricetta,   che   nel   1891   fondò   un   giornale   dandogli   proprio   il   nome   di   Aiolì.

Si   tratta   di   una   salsa   tipo   maionese   fatta   con   l’aglio   provenzale   dal   gusto   molto   deciso   che   ci   è   stata   servita   a   parte   per   ricoprire   baccalà   lesso,   accompagnato   da   una   grossa  patata   lessa   con   la   buccia,   una   grossa   carota   bollita,   un   uovo   sodo   con   la   buccia   bollente    e   fagiolini   lessi   il   cui   sapore   era   inimitabile.    Ditemi   pure   esagerata,   ma   vi   garantisco   che   il   sapore   era   davvero   unico.   Tutti   prodotti   del   luogo.   E’   stato   un   piacere   trovarsi   al   tavolo   con   francesi   cordiali,   chiacchieroni,   addirittura   uno   di   loro,   ha   pure   recitato   dei   versi   di   Baudelaire   e   una   sua   poesia.   I   miei   amici   volevano   che   anch’io   mi   mettessi   a   declamare.   Immaginatemi   lì   in   mezzo   a   dire   una   mia   poesia.   Meno   male   che   mi   sono  rifiutata.   E   c’erano   anche   dei   simpatici   cantori   che   intonavano   canzoni   famose   e   non.   Divertimento   assicurato.   Dimenticavo,   prima   di   sedersi   ai   lunghi   tavoli   apparecchiati   è   stato   offerto   anche   un   ricco   aperitivo,   con   buonissimi   quadratini   di   pizza,   tra   i   quali    quelli   della   famosa   ”  pissaladière   ”   focaccia   con   un   letto   di   cipolle   e   guarnita   con   acciughe   e   olive   nere,   patatine   e   bevande   vari.   Ma   il   vero   clou   della   giornata   è   stato   poi   l’ essere   invitati   dal   vicesindaco   a   visitare   la   sua   casa   vicino   al   municipio.   Una   casetta   che   sembrava   in   miniatura,   con   le   travi   a   vista,   la   vecchia   cucina   a   legna,   tutto   in   pochi   metri   di   spazio ,  e   un   terrazzino   nascosto   al   riparo   di   un   verde   fogliame.   Al   piano   superiore   le   camere   da   letto   con   una   finestrella   che   dava   direttamente   verso   i   monti.   Ma   erano   gli   oggetti   d’arredo   a   renderla   ancor   più   particolare :   mobili   vecchi,   cassettoni   d’altri   tempi,   macchinine   da   collezione   del   figlio.   Insomma   ai   miei   occhi,   splendida.   E   poi   ultima   visita,   la   casa   dei   suoi   genitori,   chiusa   da   tre   anni,   oramai   disabitata   ma   a   breve   ritoccata   per   ridarle   vita.   Una   vista   stupenda   dalla   terrazza   e   dentro   un   gelo   da   congelatore.   Ma   sempre   quel   sapore   d’altri   tempi,   davvero   molto   particolare.   Poi   i   saluti   a   tutto   il   paese,   al   vicesindaco   e   il   nostro   rientro   a   Cannes.   Ecco,  è   in   questo   vivere   semplice,   in   questo   stare   in   compagnia   offrendo   disponibilità    e   tanta   cordialità   e   sorrisi,   che   risiede   il   segreto   per   un   vivere   sereno,   duraturo.   Ecco   questa   è   stata   davvero,   per   tali   motivi,   una    gita   indimenticabile.

Amirat

lontano   dal   traffico   cittadino

pace   e   silenzio

verde   natura

tranquillità

Isabella   Scotti   agosto   2018

testo  :  copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Buon   ferragosto   a   tutti,   cari   amici

Due   simpatici   cantori  (  durante   prove  ),   ma   il   gruppo  constava   di   altre   tre   voci  Noi  :   Isabella  e  Luciano

Aiolì

Panorama   dalla   piazzetta   di   Amirat